Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!
Guerra occulta contro la Russia?
Postiamo qui un rivelatorio articolo del 2010 sui rapporti di forza e alleanze fra Europa e Russia. Oggi con la dichiarazione di guerra (economica per ora, ma pur sempre atto di guerra ) alla Russia, da parte di UE e USA,  l’Eurasia sta rischiando un conflitto nucleare all’interno dei suoi stessi confini mentre Gran Bretagna e USA se la cavano elegantemente.
L’Ucraina è il granaio d’Europa ed il punto di passaggio obbligato dei metanodotti, quindi la regione più strategica in assoluto nell’Eurasia. Impedire, come da imposizione da parte di Usa all’ UE,  di importare il gas russo ed il grano ucraino equivale ad azzannare al collo l’Europa e coinvolgerla in una guerra fratricida con la Russia. I governanti non eletti, burattini delle banche occidentali minacciosi e utili idioti, pagati dal potere mondialista  e della chimica mortifera   sono già a capo dei governi dell’Europa senza più sovranità alcuna e stanno minacciando  la Russia. Il loro compito  meschino è di portare i loro paesi in una drammatica guerra suicida come nella prima e seconda guerra mondiale. Niente di nuovo sotto il sole.
Intanto in Italia, Renzi intrattiene gli astanti mentre Casaleggio espelle parlamentari e sta di fatto sciogliendo il partito di Sasson. Con ciò si crea ad arte una nuvola di polvere che distrae e oscura i pericoli di una guerra drammatica guerra mondiale di cui l’Italia senza sovranità nè esercito di leva potrebbe ricoprire soltanto un ruolo come carne da cannone. GFH

Guerra occulta contro la Russia?

Russia :::: Alessandro Lattanzio :::: 1 ottobre, 2010 ::::

Il 13 settembre 2010, tre dipendenti russi della Sukhoj Design Bureau sono morti inaspettatamente, nella base aerea indonesiana Sultan Hasanuddin della città di Macassar nella Provincia di Sud Sulawesi. Stavano lavorando in Indonesia al trasferimento dei caccia acquistati in Russia. L’ambasciata russa ritiene che la morte dei tre ingegneri russi sia un incidente. Il Capo del Dipartimento Consolare presso l’Ambasciata russa in Indonesia, Vladimir Pronin, ha osservato che la teoria dell’avvelenamento premeditato sia priva di fondamento. “Consideriamo la morte di tre cittadini russi come un incidente. La teoria dell’avvelenamento premeditato avanzata da alcuni media russi è priva di fondamento“, ha detto il diplomatico, in diretta sul canale televisivo dei notiziari Rossija 24. “L’ambasciata non ha ricevuto alcuna relazione forense ufficiale dai medici indonesiani sulle cause della morte dei tre specialisti russi. Nel frattempo, abbiamo prestato attenzione a una dichiarazione che aveva fatto il capo del servizio medico alla stampa locale, che considera l’avvelenamento da metanolo causa della morte dei cittadini russi“. L’ambasciata russa “né smentisce questa affermazione e nè può sostenerla“, perché tale documentazione forense non è stata presa in considerazione dagli specialisti russi, ha osservato Pronin.

Leggi il resto di questo articolo »

albert-einstein-300x293Albert Einstein è oggigiorno riverito quale «Padre della Scienza Moderna». La sua faccia rugosa e la sua capigliatura selvaggia sono diventate simbolo di genio scientifico e la ‘sua’ famosa equazione E=mc^2 è utilizzata ripetutamente quale simbolo per qualsiasi cosa di scientifico ed intellettuale. Eppure da anni esiste un numero crescente di prove che questo «Padre della Scienza Moderna» non sia altro che un imbroglione ed un mentitore circa le proprie idee e risultati ed un ladro dei lavori e delle ricerche altrui.

La prova più eclatante a sfavore di Einstein è relativa alla ‘sua’ equazione più celebre. Fa notare un sito web:

«L’equazione E=mc^2, che è da sempre collegata ad Einstein ed alla ‘sua’ teoria delle Relatività, non fu pubblicata in origine da Einstein. Secondo Umberto Bartocci – professore dell’Università di Perugia e storico della matematica -questa famosa equazione fu pubblicata per la prima volta dal vicentino Olindo De Pretto… due anni prima della pubblicazione da parte di Einstein.

Olindo De Pretto

Nel 1903 De Pretto pubblicò la sua equazione sulla rivista scientifica «Atte» e nel 1904 fu ripubblicata dall’Istituto Reale di Scienze del Veneto.

 

Free Image HostingLa ricerca di Einstein non fu pubblicata fino al 1905… Einstein era ben ferrato in italiano e per un breve periodo aveva fin vissuto nel nord Italia».

Non si è mai sentito che venga ignorato l’inventore originale di una equazione per attribuirla ad un’altra persona e pubblicargliela, benchè quest’ultimo dichiari di averla ricavata DA TALE equazione. L’ equazione «E=mc^2″ dovrebbe essere denominata l’«equazione di De Pretto» e non l’«equazione di Einstein».

Tutto ciò fa nascere la domanda: Che razza di individuo era Einstein? Ci sono prove che fosse dedito a comportamenti non etici?

Leggi il resto di questo articolo »

Aperto ufficialmente il fronte di guerra orientale?

marzo 11, 2014

 Aangirfan 11 marzo 2014
Etihad 777 flightPattaya, in Thailandia, è un’importante base della CIA ed alleati. Un agente turistico di Pattaya ha detto che, il 1° marzo 2014, un uomo d’affari iraniano, il ‘signor Ali’, chiese di prenotare i biglietti per due uomini, di cui si scoprì avere passaporti rubati. Inizialmente li prenotò per altre compagnie aeree, ma tali prenotazioni scaderono. Quindi, il 6 marzo, li prenotò di nuovo per il volo Malaysian Airlines MH370. Nel 1955, si ritiene che un uomo delle pulizie dell’Hong Kong International Airport sia riuscito a piazzare una bomba su un volo Air India per Giacarta che si credeva avesse a bordo il premier cinese Zhou Enlai. Ma Zhou non viaggiava, ma il velivolo fu distrutto. Il 7 marzo 2008 (quasi sei anni prima del giorno della scomparsa dell’MH370), una 19enne di nome Guzalinur Turdi avrebbe tentato di distruggere un volo della China Southern in viaggio da Urumqi, nella provincia dello Xinjiang, a Pechino.

 

azharuddin-abdul-rahman-ahmad-jauhari-yahyainIl capo dell’aviazione civile Malesia Azharuddin Abdul Rahman ha detto che i due uomini che si erano imbarcati non avevano un ‘aspetto asiatico’. Un giornalista gli chiese chi sembrassero ‘grosso modo’. Azharuddin Abdul Rahman rispose: ‘Conosce un calciatore di nome (Mario) Balotelli? È un italiano. Sapete che aspetto ha?’ Un giornalista rispose, ‘E’ nero?’ Azharuddin Abdul Rahman rispose: ‘Sì’.

  Leggi il resto di questo articolo »

 

Con 78 voti a favore su 81, il Parlamento della Crimea ha dichiarato l’indipendenza dall’Ucraina.

Le autorità della russofona Crimea intendono nazionalizzare le navi della flotta ucraina dislocata a Sebastopoli. “La flotta ucraina a Sebastopoli sarà interamente nazionalizzata. Non intendiamo lasciar uscire le navi ucraine da Sebastopoli”, ha annunciato il premier locale Serghiei Aksionov, non riconosciuto e ricercato da Kiev. “Abbiamo precluso l’uscita – ha aggiunto – anche alla flotta civile Cernomor Neftegas”, che comprende navi cisterna e per l’esplorazione marittima dei giacimenti di gas e petrolio nel Mar Nero. Lo riferisce Itar-Tass.

Russia, prima lettura legge annessione il 21 marzo  – Quando il 16 marzo prossimo si terrà il referendum sull’adesione della Crimea a Mosca, in Russia non sarà ancora pronta la legge semplificata per l’annessione: oggi infatti la Duma, il ramo basso del parlamento, ha fissato per il 21 marzo la prima lettura del disegno di legge, che consente di inglobare territori stranieri sulla base di un semplice referendum, abolendo la necessità di firmare accordi internazionali.

Leggi il resto di questo articolo »

Ma senti un po’ che storia!!

(AdnKronos)

Malesia, due iraniani con passaporti rubati Interpol: “Non erano terroristi”

ultimo aggiornamento: 11 marzo, ore 13:21
Kuala Lumpur – (Adnkronos) – Il dipartimento malese dell’Aviazione Civile: le autorità considerano ogni possibilità, compreso il dirottamento. Voli di ricognizione su colline e montagne dello Stato malese di Kelantan. Il volo MH370 diretto a Pechino, con a bordo 239 persone, è sparito sul Mar della Cina. L’angoscia dei parenti in aeroporto (FOTO)

Kuala Lumpur, 11 mar. (Adnkronos/Dpa) – Ancora nessuna traccia dell’aereo della Malaysian Airlines scomparso all’alba di sabato mentre era in volo fra Kuala Lumpur e Pechino con 239 persone a bordo. La zona delle ricerche è stata ampliata anche alla terraferma: aerei da ricognizione hanno sorvolato senza risultato colline e montagne dello Stato settentrionale malese di Kelantan.

 

 

 

INTERPOL – Intanto l’Interpol ha diffuso i nomi dei due iraniani saliti a bordo con passaporti rubati, aggiungendo che “probabilmente non erano terroristi”. In conferenza stampa a Lione, il segretario generale dell’Interpol Ronald Noble ha identificato i due come Pouri Nourmohammadi, 18 anni, e Delavar Seyedmohammaderza, 29. Avevano usato i loro passaporti iraniani per viaggiare da Doha a Kuala Lumpur: qui sono saliti a bordo del volo MH370 della Malaysian Airlines diretto a Pechino usando passaporti rubati a un italiano e a un austriaco. Ma, a quanto sembra, i due iraniani volevano soltanto emigrare in Europa.

Leggi il resto di questo articolo »

  di Gianni Lannes

Sulla mera carta dagli anni ‘70: comunità, cooperativa, fondazione. In realtà, un inferno in terra per i bambini – consegnati a questa struttura per decenni senza controlli dal Tribunale per i minorenni di Firenze – sistematicamente violentati. Un laboratorio sperimentale di maltrattamenti protetto dalla casta politica, da certa magistratura, con la tacita connivenza di medici e assistenti sociali. Un cancro del sistema di potere, non un caso di più singoli. L’attuale primo ministro ha negato l’evidenza. Un’amnesia?

«I ragazzi del comune non venivano e non vengono naturalmente affidati al Forteto, per noi la vicenda è meno di zero dal punto di vista amministrativo» ha detto testualmente Matteo Renzi  all’intervistatore Trincia della trasmissione tv Le Iene, andata in onda il 5 maggio 2013.  

Lezione di storia e molto altro nel dialogo fra due amici. Imperdibile e con qualche ilarità! 

L’ Italia la storia, la guerra, il fascismo, il vero potere… Il Telegiornale è il vuoto del ragionamento creato ad arte…

 http://accademiadellaliberta.blogspot.it/2014/03/the-best-of-george-great-magnificient.html

 

La Crimea e le sirene di indipendenza europea

La Crimea e le sirene di indipendenza europea

In nessun altro luogo dell’Europa sono seguiti con tanta attenzione gli avvenimenti in Crimea come in Scozia e nella Catalogna spagnola, dove il 18 settembre (in Scozia) e il 9 novembre (in Catalogna) sono fissati i referendum sull’indipendenza.

Il 16 marzo nella Repubblica Autonoma di Crimea gli abitanti locali dovranno decidere il futuro status della penisola dopo la rivolta che ha avuto luogo a Kiev. La stragrande maggioranza degli abitanti della Crimea considera illegittimo l’attuale potere instauratosi a Kiev. La Rada Suprema dell’Ucraina in cui si sono insediati fervidi nazionalisti per prima cosa ha vietato l’uso della lingua russa come mezzo di comunicazione regionale nel Paese.

Secondo ai risultati delle ultime inchieste dell’opinione pubblica in Scozia, il campo “a favore della separazione” può raccogliere in settembre fino a 37 % dei voti. Il Primo ministro della Gran Bretagna David Cameron, sicuramente, è contro la separazione della Scozia anche se si è visto costretto ad accettare il referendum.

 

Vogliamo realmente costruire i rapporti paritari con la Gran Bretagna ed io non riesco a capire i motivi per cui non si vuole permetterci di farlo?,- dice Alex Salmond, leader del Partito Nazionale Scozzese.

Cerchiamo di essere massimamente razionali nella soluzione del problema. Vogliamo mantenere l’alleanza monarchica, mantenere la Regina come Capo dello Stato, vogliamo mantenere l’unione sociale, l’unione monetaria.

La Catalogna in cui l’aspirazione all’autonomia è più forte, è un caso particolare. La Costituzione spagnola è strutturata in modo tale che l’indipendenza di qualsiasi tipo deve essere approvata dal Parlamento nazionale nonché nell’ambito di un referendum nazionale. È problematico che gli spagnoli vorranno accettare la separazione della regione storica economicamente più ricca del Paese.

Il Presidente della Comunità Autonoma Catalogna Artur Mas dice che gli spagnoli stanno travisando completamente il vero quadro giuridico, che l’autonomia ha tutti i diritti legittimi per il “divorzio” con Madrid. Ad onor del vero in tutte le sue dichiarazioni ufficiali egli definisce il referendum sull’indipendenza come consultazioni con la popolazione:

Non c’è nulla di illegittimo! Che ciò sia illegittimo lo dice solo il governo spagnolo, ma ciò un falso! Abbiamo già definito cinque disposizioni legislative, in conformità alle quali la Catalogna ha la facoltà di tenere consultazioni.

In ogni caso per la “navigazione in solitaria” in Catalogna si pronuncia dal 60 al 70 % degli abitanti. I catalani hanno già fatto più volte simili esercizi definendoli “referendum consultivi”.

I problemi dell’autonomia interessano anche il Belgio dove circa il 60 % della popolazione sono fiamminghi e il 31 % – valloni francofoni. Per il momento qui non i è arrivati ai referendum ma i leader della comunica olandofona avvertono che intendono orientarsi ai risultati dei referendum in Scozia e in Catalogna. E, forse, anche in Crimea.

Tutti gli esperti locali e gli organi di potere centrali a Londra, Madrid e Bruxelles riconoscono che nelle loro mani esploderebbe una vera bomba se si fossero comportati come il Governo del Maidan di Kiev. Sicuramente, è difficile immaginare che Londra possa abolire il gallese della Scozia come la seconda lingua ufficiale del Paese, Madrid – metta al bando la lingua catalana e Bruxelles tabuizzasse le lingue fiamminga e tedesca.

terzani

L’amico Adriano Bianchi (autore di alcuni bellissimi video, fra cui questo e questo, commissionato per l’uscita del libro Risvegliàti con Monia Benini) mi aveva regalato “La fine è il mio inizio” di Tiziano Terzani. Non avevo letto nulla di questo prolifico autore, per moltissimi anni inviato in estremo oriente per Der Spiegel, e in questa sua autobiografia-testamento spirituale è piacevole ripercorrere un pezzo di storia recente, condito dalla continua ricerca spirituale e interiore di quest’uomo, spirituale ma senza Fede, e quindi forse, in parte sempre insoddisfatta.

Mi ha fatto piacere vedere il video che allego sotto, dove il figlio Folco (al quale l’autore si rivolge nei suoi racconti), intervistato dalla Bignardi, dà un esempio di scomposta ma affascinante spiritualità, dove critica Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: La voce della Russia
New York, proteste contro la leva degli ebrei ultra-ortodossi

A New York il 9 marzo si è tenuta la manifestazione contro il servizio di leva nell’esercito israeliano degli ebrei ultra-ortodossi. Alle proteste hanno partecipato oltre 50 mila persone.

L’iniziativa è stata organizzata in forma di preghiera, perciò uomini e donne protestavano separatamente.

A marzo il Parlamento israeliano esaminerà il disegno di legge, secondo il quale gli ebrei ultra-ortodossi di Israele dovranno fare il sevizio di leva nell’esercito come tutti gli altri. Nel caso di approvazione la legge entrerà in vigore nel 2017.

Domenica scorsa le proteste di massa si sono tenute a Gerusalemme.

Ve l’avevamo detto

di Fulvio Stella  http://www.effervescienza.com/salute/ve-lavevamo-detto/#more-396

Le multinazionali del farmaco truccano le carte, l’ha capito anche l’Antitrust con una sentenza storica: 180 milioni di multa a Novartis e La Roche. «Facevano cartello per spartirsi il mercato»

Toh, Big Pharma trucca le carte. E chi l’avrebbe mai detto? Neanche il tempo di scrivere (l’abbiamo fatto nell’articolo sul boom degli psicofarmaci) che «le major farmaceutiche sono direttamente responsabili nello spingere le vendite in tutti modi possibili, leciti o meno», ed ecco fresca fresca di oggi la notizia di una supermulta per due di loro, la Novartis, cioè addirittura la numero due tra le multinazionali del farmaco con oltre 50 miliardi di dollari l’anno di fatturato, e la Roche. O meglio, non “una” multa: l’ennesima supermulta. Solo che stavolta, e qui sta la sentenza storica, a rifilargliela è stato l’Antitrust: più di 180 milioni di euro per “aver fatto cartello”, ossia, come spiega la nota dell’autority nazionale, per essersi «accordati illecitamente per ostacolare la diffusione dell’uso di un farmaco molto economico, l’Avastin (La Roche), nella cura della più diffusa patologia della vista tra gli anziani e di altre gravi malattie oculistiche, a vantaggio di un prodotto molto più costoso, il Lucentis (Novartis), differenziando artificiosamente i due prodotti».

Leggi il resto di questo articolo »

di Andrea Cavalleri

Premetto che se in tanti siamo qui a parlare del Movimento 5 stelle è perché esso rappresenta un’opportunità significativa, se non per rinnovare completamente la politica italiana, almeno per rompere il duopolio partitico, dietro a cui si nasconde il monopolio della finanza mondialista.

In questi giorni tiene banco l’espulsione dei senatori “dissidenti”, fatto che ha fornito l’occasione per riflettere sulla fragilità dei movimenti popolari e sull’opportunità di tutelarne la compattezza con accordi preventivi.

Tuttavia mi permetto di osservare che l’unico partito che difficilmente può imporre un vincolo di mandato è proprio il M5S.

Il problema sta nel programma troppo vago e troppo relativista: su troppi argomenti ricorrono le tesi a base di “si fa quel che decide la maggioranza”, “faremo un referendum” e cose simili. Per essere fedeli a un mandato, il mandato deve essere chiaro. A meno che il mandato non sia “si vota come vuole il capo”, ma anche in questo caso il M5S dovrebbe chiarire meglio chi è il capo e cosa vuole.

Si potrebbe pensare che il programma dei grillini sia stato inizialmente vago per non attirare i fulmini dei poteri forti. Bene, ma adesso ormai molti dei giochi sono scoperti e i fulmini stanno cominciando ad arrivare comunque. Pertanto adesso è proprio il momento di parlare chiaramente, di indicare delle strade e degli obiettivi e non limitarsi alla buona amministrazione di piccolo cabotaggio. Il M5S adesso ha i numeri per portare certi processi allo stadio dell’irreversibilità e se incomincia da quelli più vicini agli interessi dei cittadini le possibilità di successo sono elevate.

Leggi il resto di questo articolo »

Ci permettiamo, a insaputa dell’autrice di postare come articolo un suo commento nella consapevolezza dell’importanza dell’argomento.

Paola Botta Beltramo

Ringrazio i commentatori e mi permetto, a chiusura dei miei commenti, di copiare la mia breve relazione presentata al congresso nazionale teosofico del 2005 (anno della scienza):
“Alcuni anni fa un ragazzo mi raccontò che aveva consultato un libro, scritto con la psicotematica, per essere aiutato circa la scelta dei suoi studi e lavoro futuri. Lo consultò come l’autore gli aveva suggerito: aprendolo spontaneamente. La pagina scelta riproduceva un disegno ricco di simboli e recava in calce la scritta: “Non distoglierti mai dall’onestà”
Tutti sappiano che onestà significa rettitudine, lealtà, giustizia, amore di verità.
Un anonimo filosofo recita: “Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero” Naturalmente l’argomento è foriero di molteplici interpretazioni e riflessioni perché la verità, e quindi l’onestà, sono relative alla coscienza e consapevolezza e perciò anche alle informazioni. Poiché la psiche umana è soggettiva, ciò che può essere considerato vero ed onesto per gli uni può non esserlo per gli altri, a prescindere da pensieri ed azioni da tutti considerati riprovevoli. Lo studente lesse anche alcune frasi del libro “La Dimensione Umana” di Bernardino del Boca, edito nel 1975.

Leggi il resto di questo articolo »

Ucraina, l’oro vola negli USA e l’opposizione patriottica avanza

 

Alessandro Lattanzio, 10/3/2014

 

12175Secondo Iskra-news.info, la notte dell’8 marzo le riserve d’oro dell’Ucraina (40 contenitori) sono state caricate su un aereo non identificato nell’aeroporto Borispol di Kiev, da cui l’aereo è decollato immediatamente. Una fonte del governo ucraino affermava che il trasferimento dell’oro dalle riserve ucraine agli Stati Uniti è stato ordinato dal primo ministro scientologo Arsenij Jatsenjuk. Nel frattempo, la Banca centrale della Russia ha ritirato dalle banche statunitensi miliardi di dollari. Secondo un esperto finanziario, la Banca Centrale della Russia ha ritirato dal 6 marzo una parte significativa delle sue riserve depositate nelle banche statunitensi; decine di miliardi di dollari.

Leggi il resto di questo articolo »

 

Alta Miopía

A cura di Giovanni Gatti per www.disinformazione.it

 

Alcuni coraggiosi socii della Associazione Vista Perfetta hanno intrapreso da alcuni mesi o anni il proprio auto-trattamento per curare il gravissimo problema della “alta miopía”, per il quale le famigerate operazioni con il laser non possono essere di aiuto e né meno le lenti a contatto offrono sicure garanzìe di buon funzionamento come altrettanto è per gli occhiali correttivi, che si rivelano sin da súbito dei fondi di bottiglia insopportabili. Ci riferiamo qui a prescrizioni superiori alle 15 diottríe concave, una condizione che è paragonabile quasi alla cecità e che è di solito accompagnata, secondo i medici e i professionisti della visione, da una vera e propria sentenza di condanna a una vita di miseria e di sofferenza senza nessuna possibile via di uscita.  Dopo alcune decadi di lenti portate quasi anche durante il sonno, gli occhi di questi individui finiscono per ammalarsi – oltre che del già gravissimo errore rifrattivo – di una qualche forma organica addirittura piú grave, che può andare dalla maculopatía alla retinite ma sovente può pure includere la cataratta se non la malattia oculare piú pericolosa di tutte, il glaucoma, con relativo distaccamento della rètina e la perdita totale della visione. Cosí è stato e sempre sarà per chi segue le opinioni scientifiche correnti, che risalgono, in origine, ad almeno duecento anni fa e non si sono da lì scostate molto, visto che non ci sono cure possibili neanche con la tecnologìa digitale piú avanzata del XXI secolo.

Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE