Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

lavori-in-corso

Cari amici lettori,
stiamo provvedendo a predisporre il nuovo sito Stampa Libera che non sarà soltanto un rimaneggiamento di template ma sarà qualcosa di ben più funzionale e professionale.

Nel frattempo abbiamo scelto di riaprire il vecchio sito per permetterne la fruizione.

Vi ringraziamo per la pazienza e l’affetto.

La Redazione

Riuscirà Mangiafuoco con la scusa dell’Ucraina ad aizzare gli stupidi governi burattini d’Europa contro la Russia? Russia che  sostiene economicamente l’Europa stessa alimentandola con il suo gas metano e petrolio?

Per chi lavora Scaroni? Per l’Eni  per lo Stato italiano che possiede una minoranza di quote o per i suoi innominabili investitori e soci di maggioranza?

 

I media di Regime pompano ad oltranza sulla macchietta Renzi, mentre  altri attori provano a smarcarsi per avere maggior visibilità. Entrambe le parti però evitano di affrontare il tema dei temi, ovvero la gerontocratica e assolutamente ingovernabile situazione di asfissiante burocrazia legislativa e giudiziaria. Non sarà che i nostri governanti non eletti stanno creando una burocrazia statale a danno di quella locale per poter manovrare e controllare meglio una popolazione sottomessa? La eliminazione dei soggetti preposti alla gestione dello Stato come le Province, senza ridurre le 350.000 leggi di cui almeno 340.000 inutili (vedere Francia) che compongono la nostra gabbia giuridica è una presa in giro colossale? Obbliga le istituzioni altre ad occuparsi di incombenze ora riservate alle provincie senza averne i mezzi   o che altro  ?

La parola  va ai lettori per commenti e scambio di links

 

Appena se ne parla si scoprono voragini di sofferenza ai danni dei bambini, ingenue cavie per un gioco di denaro e di morte sulla pelle di chi non può difendersi. Il concetto alla base della pratica delle vaccinazioni non sta in piedi, eppure i governi stanno dando il massimo per poter continuare a sostenere la lobby mondiale della chimica mortifera. Perchè, chi è a capo, in quali paesi si può evitare di vaccinare senza rischiare di perdere la patria potestà sui figli?

 

Un’altra primavera di cieli bianchi, mascherati da velature composte da particelle di metalli. Si tratta dei composti contenuti nelle scie persistenti e dilatate  provenienti da aerei cisterna senza segni di riconoscimento; irrorazioni che avvengono in un continuo crescendo fino sd oscurare il sole. Chi, perchè, per quanto, perchè accade anche in Russia?

Spazio aperto per scambio di opinioni e links

Molti di voi cari amici hanno espresso  il desiderio di condividere scoperte e info importanti. Fintanto che SL non riparte postate qui i link di siti in cui vi sono cose meritevoli da leggere e da scambiare e commentare.

Buona ricerca!

 

Omaggio allo scrittore Gian Antonio Cibotto.

A  richiesta di alcuni lettori postiamo il documentario IL VIAGGIO DI TONI

Immagine anteprima YouTube

Cari amici, dopo aver letto i vostri commenti a volte commuoventi, ho capito che SL  (autori e utenti)  qualcosa di buono l’ha fatto.

Con spirito di servizio lascio quindi aperto l’archivio di  Stampa Libera. Inoltre se vi saranno persone di buona volontà che vorranno impegnarsi in futuro,  con piacere passerò il testimone per un  nuovo percorso, affinchè la conoscenza continui. State sintonizzati quindi e state pronti.

Però…  questa svolta deve veramente servire a far comprendere a tutti che dobbiamo impegnarci di persona divulgando articoli e magari contribuendo con qualche euro a sostenere un eventuale soccorritore – sostenitore che dovesse subentrare nella conduzione di SL. Non serve molto, ma serve la certezza per chi lavora di avere un sostentamento dalla collettività per sbarcare il lunario. Donare per una nobile causa  è, oltre che utile ed indispensabile, più gratificante che ricevere. Aiutare, costruire, anzichè disfare o giudicare senza costrutto,  è molto meglio. Quindi vi invito ad esserci ed a fare quel poco che vorrete o potete; sarà sempre molto.

Se un futuro ci sarà per SL, si dovrà procedere  su due binari: consapevolezza e conoscenza  da uno, mentre dall’altro sarà lotta contro la menzogna e la truffa mediatica.; la disinformazione che spiana la strada al deragliamento delle coscenze, della società ed all’attivazione di ogni perversione, depravazione e soppruso.

Leggi il resto di questo articolo »

DUE BELLE SIGNORE! 

Questi che seguono sono 2 commenti  che  pubblico perché  dovuti a 2 belle signore che stimo. Anch’io quando Antonella Randazzo smise di pubblicare soffrii e mi sentii orfano. Fu allora che decisi di aprire Stampa Libera. Curioso eh?  O forse è proprio così che funziona? Quando la necessità si fa più acuta l’ordine delle priorità si auto dispone sul metodo più efficace per raggiungere l’obiettivo di soddisfare la necessità stessa. Quindi se le cose stanno in questo modo, deduco che altre iniziative fioriranno.

Ringrazio tutti di cuore per l’affetto dimostrato, sono commosso.  Mi scuso se non ho citato i nomi dei tanti che mi hanno aiutato, mi sono un p0′ distratto. A loro va tutta la la mia riconoscenza.

RICONOSCETELI
Di Antonella Randazzo
Ho letto con tristezza le parole di Lino Bottaro che annunciavano la
prossima possibile chiusura di Stampa Libera, e non ho potuto frenare
l’esigenza di scrivere anche poche parole a sostegno del lavoro che è stato
fatto su questo sito, e della cordialità che ho sempre trovato da parte di
tutti i collaboratori.
Mi dispiace la scelta annunciata da Lino, però devo anche aggiungere che
la comprendo appieno e per esperienza. Infatti, chi veramente opera contro
il sistema è oggetto di attacchi che prendono diverse forme.
Mi ricordo che quando curavo il mio blog
(http://antonellarandazzo.blogspot.it/) e pubblicavo articoli quasi
settimanalmente, gli attacchi erano di vario genere: si andava dal
personaggio che cercava di attaccarmi sul lato personale, nonostante,

Leggi il resto di questo articolo »

lupo linguaStampa Libera si ferma. C’è un solo ultimo articolo che forse potrò postare e condividere, se ce la farò a scriverlo, dal titolo “La stupidità che uccide” ed un video da me realizzato anni fa in ossequio all’ultimo grande scrittore veneto Gian Antonio Cibotto. Gianantonio ora è vecchio,  vive in una dimensione irreale, essendo “malato o graziato ” dall’Alzeimer. Poi basta. Il sito resterà per qualche tempo aperto per dar modo a chi ne ha bisogno, di ricercare e stampare articoli, poi valuteremo se chiuderlo definitivamente o lasciarlo fermo.  (Se non ci saranno novità sarà più probabile la prima ipotesi).

Il sottoscritto  non sarà più attivo nel blog, non scriverà  nè risponderà a messaggi se non  a coloro ai quali è ” moralmente” dovuto, nè aprirà altri siti, nè seguira attivamente il susseguirsi del teatrino della politica internazionale e nostrana. Quello che potevo dare e fare l’ho dato e fatto pagandone pure un alto prezzo.

Stampa Libera  ha auvuto circa un mese fa un picco record  giornaliero di 28.000 lettori. E’ un numero importante, ed è proprio per questa palese potenzialità che siamo stati sempre attaccati e  lo siamo tuttora.

Leggi il resto di questo articolo »

San Pedro de Vilcabamba

Introduzione

Ecco svelati i segreti della salute, della serenità, della longevità, attraverso le testimonianze di vita degli ultracentenari di Vilcabamba.

E’ un segreto svelato, ma forse ancora non comprensibile a tutti.  Consiglio un piccolo sforzo di umiltà e di consapevolezza per comprendere che culture solo apparentemente meno progredite delle nostre, sono in realtà “rimaste” molto più avanti della nostra civiltà indottrinata, formata da gente plagiata e parassitata dall’ideologia del possesso e del dominio.

Questo  su Vilcabamba è  un articolo  che intendevo postare da anni per i cari lettori e  amici di Stampa Llibera; per spiegare a tutti i motivi per cui una persona vive bene o male, o  vive 120 anni in salute e muore sana e serenamente.

Lo posto ora incompleto, non me ne vogliate.

In questo tempo gli eventi si susseguono tumultuosi e il sentimento comune delle persone consapevoli è d’incertezza e di paura. Sono emozioni negative che fanno soffrire gli individui e li blocca rendendoli incapaci di agire. Non potendo contare su di un futuro certo, le persone si sentono vulnerabili ed hanno paura di perdere quanto possiedono, (anche se sarebbe meglio aver paura di perdere quello che si è).  Molti poi collegano il mancato e sempre più incerto possesso di denaro e la  ridotta disponibilità dello stesso, alla scarsa qualità della vita, cosa questa comprensibile  solo in piccola  parte.

A conferma di questa  asserzione posto questo  articolo inchiesta  che svelerà a chi avrà la costanza di arrivare fino in fondo un sacco di concetti “segreti” talmente importanti da potersi a ragione definire basilari e rivoluzionari, per la nostra vita.

Leggi il resto di questo articolo »

hamerDomenica scorsa, alla seconda lezione del corso di Hamer tenuto dall’amico Adriano Buranello, mi ha fatto sorridere la domanda di un partecipante che ha chiesto:  “Ma allora, in concreto, cosa deve fare uno che scopre la malattia? Dopo che ha saputo queste cose?” Se avesse potuto, avrebbe chiesto quali medicine prendere, quale terapia seguire, insomma: un protocollo. Ma la risposta è un po’ più complicata, o forse molto più semplice, e mi serve prendere la rincorsa lunga, prima di arrivarci.

Nel film “The Shift“(già accennato qui) c’è un interessante dialogo fra il protagonista, Leggi il resto di questo articolo »

Processo contro al BPM, la Banca Popolare di Milano.

Ecco l’iter. Febbraio 2012 parte una mia denuncia; il PM apre le indagini; la guardia di Finanza riconosce il superamento del tasso soglia d’usura normato da legge, e superarlo vuol dire dal 2 ai 10 anni di galera; il PM Raffaele Tito come capita qui a Udine chiede l’archiviazione per la “presunta buona fede degli organi apicali bancari”; il GIP si oppone – mitico – e ordina l’imputazione coatta.

Si va alle indagini preliminari. Il PM chiede di nuovo l’archiviazione: le cifre sono “spiccioli”, ma soprattutto “che interesse avevano i dirigenti bancari a derubare il cliente che neanche conoscevano ?” Gli avvocati delle parti lese (i nostri) osservano che gli spiccioli si riferiscono ad un conto fermo, le migliaia di euro usurarie invece ai conti attivi; riportano un fascicolo scaricato da internet con 52 pagine di premi per i dirigenti bancari; la filiale che sfora il tasso soglia di 20 € al mese per utente aumenta l’utile annuo di € 1.200.000, e di questi il 5% viene diviso fra i dirigenti bancari; crolla l’ipotesi della mancanza di interesse dei dirigenti.

Leggi il resto di questo articolo »

segue Misteri aereo malese: cellulari squillano a vuoto (con aggiornamento)

Gli USA in allerta per un possibile attacco nucleare

 

 

Gordon Duff  PressTV  – Reseau International

 

MIDEAST-ISRAEL-60 YEARS-NAVYGli Stati Uniti sono in allerta e hanno schierato mezzi militari sulla costa atlantica da New York a Charleston, per un attacco con missili da crociera o aerei a bassa quota. Tali misure di sicurezza rafforzate sono iniziate con l’inasprimento delle minacce d’Israele all’Iran, ma sono aumentate dopo la misteriosa scomparsa del Volo 370 delle Malaysia Airlines. Fonti ai vertici delle forze armate e dell’intelligence USA citano la possibilità di un attacco terroristico che vedrebbe anche l’uso di armi nucleari lanciate da un sottomarino. Tuttavia, il piano di cui siamo stati informati dovrebbe riguardare un aereo dirottato da imputare agli iraniani, come Joel Rosenberg ha detto in un’intervista con Greta Van Susteren su Fox News il 18 marzo. Secondo lui, gli iraniani avrebbero dirottato l’aereo per attaccare Israele. Gli Stati Uniti, tuttavia, ritengono che altri che non l’Iran valutino un attacco contro Stati Uniti e non Israele, con l’intenzione di incolpare l’Iran.
Ieri, il reporter investigativo Chris Bollyn ha fatto una scoperta sorprendente: “Secondo i rapporti di osservatori aeronautici, Israele ha un Boeing identico a quello delle Malaysia Airlines. Il Boeing 777-200 è di stanza a Tel Aviv dal novembre 2013. La sola differenza visibile tra l’aereo scomparso e quello di Tel Aviv sarebbe il numero di serie. Cosa pianificano gli israeliani con tale doppione dell’aereo delle Malaysia Airlines? Utilizzando il gemello che hanno in deposito, i cervelli del terrorismo potrebbero aver programmato un piano sinistro in cui l’aereo scomparso riappare per un atroce attacco sotto falsa bandiera. Il fatto che il pubblico sappia dell’esistenza dell’aereo gemello di Tel Aviv potrebbe impedire che tale piano malvagio abbia successo“. Dopo la pubblicazione dell’articolo dettagliato e motivato di Bollyn, Tel Aviv ha lanciato un’offensiva mediatica su larga scala. Tuttavia, fonti statunitensi dicono che tale operazione si sia rivoltata contro gli israeliani, ciò significa che se il loro ruolo nel caso dell’aereo scomparso non era mai stato menzionato prima, ora lo è certamente. Una fonte di alto rango ha detto: “Alla luce degli sforzi israeliani per il rilascio di Jonathan Pollard, compreso un ricatto manifesto, il deterioramento delle relazioni tra Israele e l’amministrazione Obama ha creato una situazione molto pericolosa. Israele potrebbe fare qualsiasi cosa“.

 

L’avvertimento di Obama al vertice sul nucleare
Il 25 marzo 2014 il presidente Obama ha partecipato al Vertice sulla sicurezza nucleare a L’Aia, Paesi Bassi. 53 capi di Stato vi hanno partecipato. Il primo ministro d’Israele Netanyahu non era presente. Era il 3° Summit sulla sicurezza nucleare boicottato da Israele finora. Alla conferenza stampa di chiusura, il primo ministro olandese Mark Rutte aveva appena finito di congratularsi con l’Iran sulla cooperazione, lodando gli Stati Uniti per il loro successo diplomatico. Rutte fece il seguente annuncio accanto al presidente Obama: “...Si fanno progressi. Prendete l’Iran. Ho parlato con il Presidente Ruhani a Davos al World Economic Forum di gennaio. Ora abbiamo accordi provvisori. Potendo parlare con il Presidente Rouhani, sono il primo leader olandese, da oltre 30 anni, a poter discutere con il leader iraniano; è stato possibile solo grazie agli accordi interinali che sembrano reggere. Gli USA hanno la leadership anche qui“. Poi, il presidente Obama ha detto: “Quando si tratta della nostra sicurezza, continuo ad essere molto più preoccupato dalla prospettiva di un’arma nucleare fatta esplodere a Manhattan“. Normalmente, un tale avvertimento sembrerebbe meno inquietante, ma non viviamo in tempi normali.

 

Misure speciali
Il dispiegamento prevede velivoli AWACS (Airborne Warning and Control), sistemi di difesa missilistica navali AEGIS e sistemi per la difesa contro missili da crociera JLENS montati su aerostati. Non è inusuale che le navi AEGIS siano dispiegate al largo. È una procedura standard per usare gli AEGIS a difesa di New York e Washington fin dagli “errori procedurali” del NORAD durante l’11/9. Tuttavia, i sistemi AEGIS che furono assegnati a sostegno dell’”Iron Dome“, il famoso sistema di difesa missilistica di Israele, ora non lo sono più. Questo cambiamento indica una o più modifiche nella politica strategica degli Stati Uniti:
• La minaccia di un attacco preventivo contro Israele da parte dell’Iran è considerata inesistente.
• I ritiro dei sistemi dall’”Iron Dome” offre agli Stati Uniti la leva necessaria per rinnovare i colloqui con i palestinesi.
• Gli Stati Uniti riconoscono le relazioni pericolose esistenti tra le fazioni estremiste in Israele e negli Stati Uniti, capaci di azioni come il terrorismo nucleare contro le due nazioni.

 

Alcune teorie del complotto sulla chiusura delle ambasciate
Nel 2010, lo storico israeliano Martin van Creveld dichiarò che Israele era pronto ad usare armi nucleari contro le capitali del mondo, se “lo Stato ebraico” fosse minacciato. Creveld, che sostiene il ritiro d’Israele nei confini del 1967, è un professore rispettato e pragmatico, e non avrebbe fatti minacce. Avrebbe tentato, a suo modo, d’informare il mondo di una tale possibilità. Quattro giorni fa il ministero degli Esteri israeliano ha chiuso tutte le ambasciate a causa di una controversia salariale con un sindacato. Anche se questo può essere vero, altri “meno fiduciosi” citano la vecchia diceria che vuole Israele aver accumulato armi nucleari in tutte le sue ambasciate. Le armi nucleari tra le altre cose emettono fotoni ad alta energia, il SNM (materiale nucleare speciale) è rilevabile dai sensori satellitari, anche se depositato in un contenitore schermato. Le fonti dicono che “SNM” è stato rilevato in ambasciate e consolati israeliani. Si tratta in realtà di un piano di guerra che include attacchi simultanei ad ambasciate e consolati nel mondo della nazione obiettivo. Anche se nessuna specifica menzione d’Israele viene fatta, l’”opzione Sansone” è l’infame piano israeliano per “trascinare il mondo” in caso di minacce, facendo pensare alle dichiarazioni enigmatiche Creveld. Così, con la misteriosa chiusura degli impianti israeliani in tutto il mondo, i cospirazionisti credono che tali strutture contengano armi nucleari “apocalittiche”.
Altri fattori utilizzati per costruire un mosaico realistico della minaccia:
- La indiscriminate accuse d’Israele sul ruolo dell’Iran nel dirottamento del Volo 370 delle Malaysia Airlines
- Gli Stati Uniti adottano livelli DEFCON che non si vedevano dalla crisi dei missili di Cuba
- L’aumento delle minacce israeliane di attacco preventivo contro l’Iran
- la richiesta di alcuni parlamentari degli Stati Uniti per un attacco nucleare contro l’Iran
- La rimozione di oltre il 70% del personale del comando armamenti nucleari negli Stati Uniti, per “cattiva condotta”.

 

Il silenzio è d’oro
Assediato da tutte le parti, Israele aveva la possibilità di esercitare moderazione intelligente e diplomazia in risposta all’inaudita condanna globale senza. Tuttavia, ha scelto di usare ogni opzione immaginabile per aumentare non solo disprezzo ed isolamento, ma anche per farsi vedere come ostile ed irresponsabile il più possibile. Ci si può chiedere se tale politica sia volta ad unire gli ebrei dietro gli errori di tali suicidi israeliani piuttosto che per supportare lo “Stato ebraico”.

 

jlens-0713-de

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

E adesso ci togliamo il sassolino…

Quelli che hanno letto dall’inizio la storia del dirottamento-attentato su questo sito ed hanno compreso subito quello che abbiamo anticipato e cioè che era un atto organizzato e programmato nei modi esposti, non si stupiranno del seguito degli eventi che stanno emergendo. Quanti invece ci hanno deriso per aver (ora possiamo dirlo con sicurezza) azzeccato la grande valenza di questo atto supremo di pirateria organizzata e di come è stato annunciato, facciano un ulteriore sforzo di ricerca e magari si scusino con i redattori che hanno insolentito. Se poi il fatto che solo noi parliamo di questi argomenti ancora non vi sembra  essere garanzia di autenticità e autorevolezza… mbè  allora che ci state a fare quì? Tornate nei siti dove si mena il can per l’aia; andate a leggere il Fatto Quotidiano!

Adesso ai lettori assidui, con le antenne estroflesse, chiediamo un surplus di attenzione: monitorate le nazionalità dei presunti dirottatori nelle esternazioni delle varie agenzie stampa e giornali, poi mettetele in ordine cronologico e suddivideteli per nazione  di provenienza.

Leggi il resto di questo articolo »

Storia completa del colpo di stato sostenuto dalla Nato in Ucraina

 
ucraina-slide

(nella foto, manifestazione a piazza Maidan)

Il movimento di contestazione (battezzato “Euromaidan”) recentemente vissuto dall’Ucraina, è interessante sotto diversi profili. Mostra come un colpo di Stato civile contro un governo democraticamente eletto possa essere fomentato con successo con appoggi stranieri e senza interventi militari. Rivela la flagrante parzialità e la disonestà dei media mainstream occidentali  che, con argomenti falsi, sostengono acriticamente l’interventismo occidentale e, con una visione dicotomica della situazione, gratificano gli uni di essere i “buoni” e gli altri “cattivi”. Ancor più grave, delinea in contorni, fino a poco fa sfumati, una riesumazione della guerra fredda che credevamo sepolta con la caduta del muro di Berlino. Infine ci offre una anticipazione di ciò che saranno i paesi arabi “primaverizzati”, nella misura in cui l’Ucraina ha conosciuto la sua “primavera” nel 2004, primavera comunemente chiamata “rivoluzione arancione”

Ma per comprendere l’attuale situazione ucraina, è preliminare uno schema delle date importanti, oltre che dei nomi dei protagonisti della politica ucraina nell’era post sovietica.

Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia