Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Archivio Autore

Riuscirà Mangiafuoco con la scusa dell’Ucraina ad aizzare gli stupidi governi burattini d’Europa contro la Russia? Russia che  sostiene economicamente l’Europa stessa alimentandola con il suo gas metano e petrolio?

Per chi lavora Scaroni? Per l’Eni  per lo Stato italiano che possiede una minoranza di quote o per i suoi innominabili investitori e soci di maggioranza?

 

I media di Regime pompano ad oltranza sulla macchietta Renzi, mentre  altri attori provano a smarcarsi per avere maggior visibilità. Entrambe le parti però evitano di affrontare il tema dei temi, ovvero la gerontocratica e assolutamente ingovernabile situazione di asfissiante burocrazia legislativa e giudiziaria. Non sarà che i nostri governanti non eletti stanno creando una burocrazia statale a danno di quella locale per poter manovrare e controllare meglio una popolazione sottomessa? La eliminazione dei soggetti preposti alla gestione dello Stato come le Province, senza ridurre le 350.000 leggi di cui almeno 340.000 inutili (vedere Francia) che compongono la nostra gabbia giuridica è una presa in giro colossale? Obbliga le istituzioni altre ad occuparsi di incombenze ora riservate alle provincie senza averne i mezzi   o che altro  ?

La parola  va ai lettori per commenti e scambio di links

 

Appena se ne parla si scoprono voragini di sofferenza ai danni dei bambini, ingenue cavie per un gioco di denaro e di morte sulla pelle di chi non può difendersi. Il concetto alla base della pratica delle vaccinazioni non sta in piedi, eppure i governi stanno dando il massimo per poter continuare a sostenere la lobby mondiale della chimica mortifera. Perchè, chi è a capo, in quali paesi si può evitare di vaccinare senza rischiare di perdere la patria potestà sui figli?

 

Un’altra primavera di cieli bianchi, mascherati da velature composte da particelle di metalli. Si tratta dei composti contenuti nelle scie persistenti e dilatate  provenienti da aerei cisterna senza segni di riconoscimento; irrorazioni che avvengono in un continuo crescendo fino sd oscurare il sole. Chi, perchè, per quanto, perchè accade anche in Russia?

Spazio aperto per scambio di opinioni e links

Molti di voi cari amici hanno espresso  il desiderio di condividere scoperte e info importanti. Fintanto che SL non riparte postate qui i link di siti in cui vi sono cose meritevoli da leggere e da scambiare e commentare.

Buona ricerca!

 

DUE BELLE SIGNORE! 

Questi che seguono sono 2 commenti  che  pubblico perché  dovuti a 2 belle signore che stimo. Anch’io quando Antonella Randazzo smise di pubblicare soffrii e mi sentii orfano. Fu allora che decisi di aprire Stampa Libera. Curioso eh?  O forse è proprio così che funziona? Quando la necessità si fa più acuta l’ordine delle priorità si auto dispone sul metodo più efficace per raggiungere l’obiettivo di soddisfare la necessità stessa. Quindi se le cose stanno in questo modo, deduco che altre iniziative fioriranno.

Ringrazio tutti di cuore per l’affetto dimostrato, sono commosso.  Mi scuso se non ho citato i nomi dei tanti che mi hanno aiutato, mi sono un p0′ distratto. A loro va tutta la la mia riconoscenza.

RICONOSCETELI
Di Antonella Randazzo
Ho letto con tristezza le parole di Lino Bottaro che annunciavano la
prossima possibile chiusura di Stampa Libera, e non ho potuto frenare
l’esigenza di scrivere anche poche parole a sostegno del lavoro che è stato
fatto su questo sito, e della cordialità che ho sempre trovato da parte di
tutti i collaboratori.
Mi dispiace la scelta annunciata da Lino, però devo anche aggiungere che
la comprendo appieno e per esperienza. Infatti, chi veramente opera contro
il sistema è oggetto di attacchi che prendono diverse forme.
Mi ricordo che quando curavo il mio blog
(http://antonellarandazzo.blogspot.it/) e pubblicavo articoli quasi
settimanalmente, gli attacchi erano di vario genere: si andava dal
personaggio che cercava di attaccarmi sul lato personale, nonostante,

Leggi il resto di questo articolo »

segue Misteri aereo malese: cellulari squillano a vuoto (con aggiornamento)

Gli USA in allerta per un possibile attacco nucleare

 

 

Gordon Duff  PressTV  – Reseau International

 

MIDEAST-ISRAEL-60 YEARS-NAVYGli Stati Uniti sono in allerta e hanno schierato mezzi militari sulla costa atlantica da New York a Charleston, per un attacco con missili da crociera o aerei a bassa quota. Tali misure di sicurezza rafforzate sono iniziate con l’inasprimento delle minacce d’Israele all’Iran, ma sono aumentate dopo la misteriosa scomparsa del Volo 370 delle Malaysia Airlines. Fonti ai vertici delle forze armate e dell’intelligence USA citano la possibilità di un attacco terroristico che vedrebbe anche l’uso di armi nucleari lanciate da un sottomarino. Tuttavia, il piano di cui siamo stati informati dovrebbe riguardare un aereo dirottato da imputare agli iraniani, come Joel Rosenberg ha detto in un’intervista con Greta Van Susteren su Fox News il 18 marzo. Secondo lui, gli iraniani avrebbero dirottato l’aereo per attaccare Israele. Gli Stati Uniti, tuttavia, ritengono che altri che non l’Iran valutino un attacco contro Stati Uniti e non Israele, con l’intenzione di incolpare l’Iran.
Ieri, il reporter investigativo Chris Bollyn ha fatto una scoperta sorprendente: “Secondo i rapporti di osservatori aeronautici, Israele ha un Boeing identico a quello delle Malaysia Airlines. Il Boeing 777-200 è di stanza a Tel Aviv dal novembre 2013. La sola differenza visibile tra l’aereo scomparso e quello di Tel Aviv sarebbe il numero di serie. Cosa pianificano gli israeliani con tale doppione dell’aereo delle Malaysia Airlines? Utilizzando il gemello che hanno in deposito, i cervelli del terrorismo potrebbero aver programmato un piano sinistro in cui l’aereo scomparso riappare per un atroce attacco sotto falsa bandiera. Il fatto che il pubblico sappia dell’esistenza dell’aereo gemello di Tel Aviv potrebbe impedire che tale piano malvagio abbia successo“. Dopo la pubblicazione dell’articolo dettagliato e motivato di Bollyn, Tel Aviv ha lanciato un’offensiva mediatica su larga scala. Tuttavia, fonti statunitensi dicono che tale operazione si sia rivoltata contro gli israeliani, ciò significa che se il loro ruolo nel caso dell’aereo scomparso non era mai stato menzionato prima, ora lo è certamente. Una fonte di alto rango ha detto: “Alla luce degli sforzi israeliani per il rilascio di Jonathan Pollard, compreso un ricatto manifesto, il deterioramento delle relazioni tra Israele e l’amministrazione Obama ha creato una situazione molto pericolosa. Israele potrebbe fare qualsiasi cosa“.

 

L’avvertimento di Obama al vertice sul nucleare
Il 25 marzo 2014 il presidente Obama ha partecipato al Vertice sulla sicurezza nucleare a L’Aia, Paesi Bassi. 53 capi di Stato vi hanno partecipato. Il primo ministro d’Israele Netanyahu non era presente. Era il 3° Summit sulla sicurezza nucleare boicottato da Israele finora. Alla conferenza stampa di chiusura, il primo ministro olandese Mark Rutte aveva appena finito di congratularsi con l’Iran sulla cooperazione, lodando gli Stati Uniti per il loro successo diplomatico. Rutte fece il seguente annuncio accanto al presidente Obama: “...Si fanno progressi. Prendete l’Iran. Ho parlato con il Presidente Ruhani a Davos al World Economic Forum di gennaio. Ora abbiamo accordi provvisori. Potendo parlare con il Presidente Rouhani, sono il primo leader olandese, da oltre 30 anni, a poter discutere con il leader iraniano; è stato possibile solo grazie agli accordi interinali che sembrano reggere. Gli USA hanno la leadership anche qui“. Poi, il presidente Obama ha detto: “Quando si tratta della nostra sicurezza, continuo ad essere molto più preoccupato dalla prospettiva di un’arma nucleare fatta esplodere a Manhattan“. Normalmente, un tale avvertimento sembrerebbe meno inquietante, ma non viviamo in tempi normali.

 

Misure speciali
Il dispiegamento prevede velivoli AWACS (Airborne Warning and Control), sistemi di difesa missilistica navali AEGIS e sistemi per la difesa contro missili da crociera JLENS montati su aerostati. Non è inusuale che le navi AEGIS siano dispiegate al largo. È una procedura standard per usare gli AEGIS a difesa di New York e Washington fin dagli “errori procedurali” del NORAD durante l’11/9. Tuttavia, i sistemi AEGIS che furono assegnati a sostegno dell’”Iron Dome“, il famoso sistema di difesa missilistica di Israele, ora non lo sono più. Questo cambiamento indica una o più modifiche nella politica strategica degli Stati Uniti:
• La minaccia di un attacco preventivo contro Israele da parte dell’Iran è considerata inesistente.
• I ritiro dei sistemi dall’”Iron Dome” offre agli Stati Uniti la leva necessaria per rinnovare i colloqui con i palestinesi.
• Gli Stati Uniti riconoscono le relazioni pericolose esistenti tra le fazioni estremiste in Israele e negli Stati Uniti, capaci di azioni come il terrorismo nucleare contro le due nazioni.

 

Alcune teorie del complotto sulla chiusura delle ambasciate
Nel 2010, lo storico israeliano Martin van Creveld dichiarò che Israele era pronto ad usare armi nucleari contro le capitali del mondo, se “lo Stato ebraico” fosse minacciato. Creveld, che sostiene il ritiro d’Israele nei confini del 1967, è un professore rispettato e pragmatico, e non avrebbe fatti minacce. Avrebbe tentato, a suo modo, d’informare il mondo di una tale possibilità. Quattro giorni fa il ministero degli Esteri israeliano ha chiuso tutte le ambasciate a causa di una controversia salariale con un sindacato. Anche se questo può essere vero, altri “meno fiduciosi” citano la vecchia diceria che vuole Israele aver accumulato armi nucleari in tutte le sue ambasciate. Le armi nucleari tra le altre cose emettono fotoni ad alta energia, il SNM (materiale nucleare speciale) è rilevabile dai sensori satellitari, anche se depositato in un contenitore schermato. Le fonti dicono che “SNM” è stato rilevato in ambasciate e consolati israeliani. Si tratta in realtà di un piano di guerra che include attacchi simultanei ad ambasciate e consolati nel mondo della nazione obiettivo. Anche se nessuna specifica menzione d’Israele viene fatta, l’”opzione Sansone” è l’infame piano israeliano per “trascinare il mondo” in caso di minacce, facendo pensare alle dichiarazioni enigmatiche Creveld. Così, con la misteriosa chiusura degli impianti israeliani in tutto il mondo, i cospirazionisti credono che tali strutture contengano armi nucleari “apocalittiche”.
Altri fattori utilizzati per costruire un mosaico realistico della minaccia:
- La indiscriminate accuse d’Israele sul ruolo dell’Iran nel dirottamento del Volo 370 delle Malaysia Airlines
- Gli Stati Uniti adottano livelli DEFCON che non si vedevano dalla crisi dei missili di Cuba
- L’aumento delle minacce israeliane di attacco preventivo contro l’Iran
- la richiesta di alcuni parlamentari degli Stati Uniti per un attacco nucleare contro l’Iran
- La rimozione di oltre il 70% del personale del comando armamenti nucleari negli Stati Uniti, per “cattiva condotta”.

 

Il silenzio è d’oro
Assediato da tutte le parti, Israele aveva la possibilità di esercitare moderazione intelligente e diplomazia in risposta all’inaudita condanna globale senza. Tuttavia, ha scelto di usare ogni opzione immaginabile per aumentare non solo disprezzo ed isolamento, ma anche per farsi vedere come ostile ed irresponsabile il più possibile. Ci si può chiedere se tale politica sia volta ad unire gli ebrei dietro gli errori di tali suicidi israeliani piuttosto che per supportare lo “Stato ebraico”.

 

jlens-0713-de

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

E adesso ci togliamo il sassolino…

Quelli che hanno letto dall’inizio la storia del dirottamento-attentato su questo sito ed hanno compreso subito quello che abbiamo anticipato e cioè che era un atto organizzato e programmato nei modi esposti, non si stupiranno del seguito degli eventi che stanno emergendo. Quanti invece ci hanno deriso per aver (ora possiamo dirlo con sicurezza) azzeccato la grande valenza di questo atto supremo di pirateria organizzata e di come è stato annunciato, facciano un ulteriore sforzo di ricerca e magari si scusino con i redattori che hanno insolentito. Se poi il fatto che solo noi parliamo di questi argomenti ancora non vi sembra  essere garanzia di autenticità e autorevolezza… mbè  allora che ci state a fare quì? Tornate nei siti dove si mena il can per l’aia; andate a leggere il Fatto Quotidiano!

Adesso ai lettori assidui, con le antenne estroflesse, chiediamo un surplus di attenzione: monitorate le nazionalità dei presunti dirottatori nelle esternazioni delle varie agenzie stampa e giornali, poi mettetele in ordine cronologico e suddivideteli per nazione  di provenienza.

Leggi il resto di questo articolo »

Storia completa del colpo di stato sostenuto dalla Nato in Ucraina

 
ucraina-slide

(nella foto, manifestazione a piazza Maidan)

Il movimento di contestazione (battezzato “Euromaidan”) recentemente vissuto dall’Ucraina, è interessante sotto diversi profili. Mostra come un colpo di Stato civile contro un governo democraticamente eletto possa essere fomentato con successo con appoggi stranieri e senza interventi militari. Rivela la flagrante parzialità e la disonestà dei media mainstream occidentali  che, con argomenti falsi, sostengono acriticamente l’interventismo occidentale e, con una visione dicotomica della situazione, gratificano gli uni di essere i “buoni” e gli altri “cattivi”. Ancor più grave, delinea in contorni, fino a poco fa sfumati, una riesumazione della guerra fredda che credevamo sepolta con la caduta del muro di Berlino. Infine ci offre una anticipazione di ciò che saranno i paesi arabi “primaverizzati”, nella misura in cui l’Ucraina ha conosciuto la sua “primavera” nel 2004, primavera comunemente chiamata “rivoluzione arancione”

Ma per comprendere l’attuale situazione ucraina, è preliminare uno schema delle date importanti, oltre che dei nomi dei protagonisti della politica ucraina nell’era post sovietica.

Leggi il resto di questo articolo »

Guerra occulta contro la Russia?
Postiamo qui un rivelatorio articolo del 2010 sui rapporti di forza e alleanze fra Europa e Russia. Oggi con la dichiarazione di guerra (economica per ora, ma pur sempre atto di guerra ) alla Russia, da parte di UE e USA,  l’Eurasia sta rischiando un conflitto nucleare all’interno dei suoi stessi confini mentre Gran Bretagna e USA se la cavano elegantemente.
L’Ucraina è il granaio d’Europa ed il punto di passaggio obbligato dei metanodotti, quindi la regione più strategica in assoluto nell’Eurasia. Impedire, come da imposizione da parte di Usa all’ UE,  di importare il gas russo ed il grano ucraino equivale ad azzannare al collo l’Europa e coinvolgerla in una guerra fratricida con la Russia. I governanti non eletti, burattini delle banche occidentali minacciosi e utili idioti, pagati dal potere mondialista  e della chimica mortifera   sono già a capo dei governi dell’Europa senza più sovranità alcuna e stanno minacciando  la Russia. Il loro compito  meschino è di portare i loro paesi in una drammatica guerra suicida come nella prima e seconda guerra mondiale. Niente di nuovo sotto il sole.
Intanto in Italia, Renzi intrattiene gli astanti mentre Casaleggio espelle parlamentari e sta di fatto sciogliendo il partito di Sasson. Con ciò si crea ad arte una nuvola di polvere che distrae e oscura i pericoli di una guerra drammatica guerra mondiale di cui l’Italia senza sovranità nè esercito di leva potrebbe ricoprire soltanto un ruolo come carne da cannone. GFH

Guerra occulta contro la Russia?

Russia :::: Alessandro Lattanzio :::: 1 ottobre, 2010 ::::

Il 13 settembre 2010, tre dipendenti russi della Sukhoj Design Bureau sono morti inaspettatamente, nella base aerea indonesiana Sultan Hasanuddin della città di Macassar nella Provincia di Sud Sulawesi. Stavano lavorando in Indonesia al trasferimento dei caccia acquistati in Russia. L’ambasciata russa ritiene che la morte dei tre ingegneri russi sia un incidente. Il Capo del Dipartimento Consolare presso l’Ambasciata russa in Indonesia, Vladimir Pronin, ha osservato che la teoria dell’avvelenamento premeditato sia priva di fondamento. “Consideriamo la morte di tre cittadini russi come un incidente. La teoria dell’avvelenamento premeditato avanzata da alcuni media russi è priva di fondamento“, ha detto il diplomatico, in diretta sul canale televisivo dei notiziari Rossija 24. “L’ambasciata non ha ricevuto alcuna relazione forense ufficiale dai medici indonesiani sulle cause della morte dei tre specialisti russi. Nel frattempo, abbiamo prestato attenzione a una dichiarazione che aveva fatto il capo del servizio medico alla stampa locale, che considera l’avvelenamento da metanolo causa della morte dei cittadini russi“. L’ambasciata russa “né smentisce questa affermazione e nè può sostenerla“, perché tale documentazione forense non è stata presa in considerazione dagli specialisti russi, ha osservato Pronin.

Leggi il resto di questo articolo »

albert-einstein-300x293Albert Einstein è oggigiorno riverito quale «Padre della Scienza Moderna». La sua faccia rugosa e la sua capigliatura selvaggia sono diventate simbolo di genio scientifico e la ‘sua’ famosa equazione E=mc^2 è utilizzata ripetutamente quale simbolo per qualsiasi cosa di scientifico ed intellettuale. Eppure da anni esiste un numero crescente di prove che questo «Padre della Scienza Moderna» non sia altro che un imbroglione ed un mentitore circa le proprie idee e risultati ed un ladro dei lavori e delle ricerche altrui.

La prova più eclatante a sfavore di Einstein è relativa alla ‘sua’ equazione più celebre. Fa notare un sito web:

«L’equazione E=mc^2, che è da sempre collegata ad Einstein ed alla ‘sua’ teoria delle Relatività, non fu pubblicata in origine da Einstein. Secondo Umberto Bartocci – professore dell’Università di Perugia e storico della matematica -questa famosa equazione fu pubblicata per la prima volta dal vicentino Olindo De Pretto… due anni prima della pubblicazione da parte di Einstein.

Olindo De Pretto

Nel 1903 De Pretto pubblicò la sua equazione sulla rivista scientifica «Atte» e nel 1904 fu ripubblicata dall’Istituto Reale di Scienze del Veneto.

 

Free Image HostingLa ricerca di Einstein non fu pubblicata fino al 1905… Einstein era ben ferrato in italiano e per un breve periodo aveva fin vissuto nel nord Italia».

Non si è mai sentito che venga ignorato l’inventore originale di una equazione per attribuirla ad un’altra persona e pubblicargliela, benchè quest’ultimo dichiari di averla ricavata DA TALE equazione. L’ equazione «E=mc^2″ dovrebbe essere denominata l’«equazione di De Pretto» e non l’«equazione di Einstein».

Tutto ciò fa nascere la domanda: Che razza di individuo era Einstein? Ci sono prove che fosse dedito a comportamenti non etici?

Leggi il resto di questo articolo »

Aperto ufficialmente il fronte di guerra orientale?

marzo 11, 2014

 Aangirfan 11 marzo 2014
Etihad 777 flightPattaya, in Thailandia, è un’importante base della CIA ed alleati. Un agente turistico di Pattaya ha detto che, il 1° marzo 2014, un uomo d’affari iraniano, il ‘signor Ali’, chiese di prenotare i biglietti per due uomini, di cui si scoprì avere passaporti rubati. Inizialmente li prenotò per altre compagnie aeree, ma tali prenotazioni scaderono. Quindi, il 6 marzo, li prenotò di nuovo per il volo Malaysian Airlines MH370. Nel 1955, si ritiene che un uomo delle pulizie dell’Hong Kong International Airport sia riuscito a piazzare una bomba su un volo Air India per Giacarta che si credeva avesse a bordo il premier cinese Zhou Enlai. Ma Zhou non viaggiava, ma il velivolo fu distrutto. Il 7 marzo 2008 (quasi sei anni prima del giorno della scomparsa dell’MH370), una 19enne di nome Guzalinur Turdi avrebbe tentato di distruggere un volo della China Southern in viaggio da Urumqi, nella provincia dello Xinjiang, a Pechino.

 

azharuddin-abdul-rahman-ahmad-jauhari-yahyainIl capo dell’aviazione civile Malesia Azharuddin Abdul Rahman ha detto che i due uomini che si erano imbarcati non avevano un ‘aspetto asiatico’. Un giornalista gli chiese chi sembrassero ‘grosso modo’. Azharuddin Abdul Rahman rispose: ‘Conosce un calciatore di nome (Mario) Balotelli? È un italiano. Sapete che aspetto ha?’ Un giornalista rispose, ‘E’ nero?’ Azharuddin Abdul Rahman rispose: ‘Sì’.

  Leggi il resto di questo articolo »

 

Con 78 voti a favore su 81, il Parlamento della Crimea ha dichiarato l’indipendenza dall’Ucraina.

Le autorità della russofona Crimea intendono nazionalizzare le navi della flotta ucraina dislocata a Sebastopoli. “La flotta ucraina a Sebastopoli sarà interamente nazionalizzata. Non intendiamo lasciar uscire le navi ucraine da Sebastopoli”, ha annunciato il premier locale Serghiei Aksionov, non riconosciuto e ricercato da Kiev. “Abbiamo precluso l’uscita – ha aggiunto – anche alla flotta civile Cernomor Neftegas”, che comprende navi cisterna e per l’esplorazione marittima dei giacimenti di gas e petrolio nel Mar Nero. Lo riferisce Itar-Tass.

Russia, prima lettura legge annessione il 21 marzo  – Quando il 16 marzo prossimo si terrà il referendum sull’adesione della Crimea a Mosca, in Russia non sarà ancora pronta la legge semplificata per l’annessione: oggi infatti la Duma, il ramo basso del parlamento, ha fissato per il 21 marzo la prima lettura del disegno di legge, che consente di inglobare territori stranieri sulla base di un semplice referendum, abolendo la necessità di firmare accordi internazionali.

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: La voce della Russia
New York, proteste contro la leva degli ebrei ultra-ortodossi

A New York il 9 marzo si è tenuta la manifestazione contro il servizio di leva nell’esercito israeliano degli ebrei ultra-ortodossi. Alle proteste hanno partecipato oltre 50 mila persone.

L’iniziativa è stata organizzata in forma di preghiera, perciò uomini e donne protestavano separatamente.

A marzo il Parlamento israeliano esaminerà il disegno di legge, secondo il quale gli ebrei ultra-ortodossi di Israele dovranno fare il sevizio di leva nell’esercito come tutti gli altri. Nel caso di approvazione la legge entrerà in vigore nel 2017.

Domenica scorsa le proteste di massa si sono tenute a Gerusalemme.

Ve l’avevamo detto

di Fulvio Stella  http://www.effervescienza.com/salute/ve-lavevamo-detto/#more-396

Le multinazionali del farmaco truccano le carte, l’ha capito anche l’Antitrust con una sentenza storica: 180 milioni di multa a Novartis e La Roche. «Facevano cartello per spartirsi il mercato»

Toh, Big Pharma trucca le carte. E chi l’avrebbe mai detto? Neanche il tempo di scrivere (l’abbiamo fatto nell’articolo sul boom degli psicofarmaci) che «le major farmaceutiche sono direttamente responsabili nello spingere le vendite in tutti modi possibili, leciti o meno», ed ecco fresca fresca di oggi la notizia di una supermulta per due di loro, la Novartis, cioè addirittura la numero due tra le multinazionali del farmaco con oltre 50 miliardi di dollari l’anno di fatturato, e la Roche. O meglio, non “una” multa: l’ennesima supermulta. Solo che stavolta, e qui sta la sentenza storica, a rifilargliela è stato l’Antitrust: più di 180 milioni di euro per “aver fatto cartello”, ossia, come spiega la nota dell’autority nazionale, per essersi «accordati illecitamente per ostacolare la diffusione dell’uso di un farmaco molto economico, l’Avastin (La Roche), nella cura della più diffusa patologia della vista tra gli anziani e di altre gravi malattie oculistiche, a vantaggio di un prodotto molto più costoso, il Lucentis (Novartis), differenziando artificiosamente i due prodotti».

Leggi il resto di questo articolo »

Ci permettiamo, a insaputa dell’autrice di postare come articolo un suo commento nella consapevolezza dell’importanza dell’argomento.

Paola Botta Beltramo

Ringrazio i commentatori e mi permetto, a chiusura dei miei commenti, di copiare la mia breve relazione presentata al congresso nazionale teosofico del 2005 (anno della scienza):
“Alcuni anni fa un ragazzo mi raccontò che aveva consultato un libro, scritto con la psicotematica, per essere aiutato circa la scelta dei suoi studi e lavoro futuri. Lo consultò come l’autore gli aveva suggerito: aprendolo spontaneamente. La pagina scelta riproduceva un disegno ricco di simboli e recava in calce la scritta: “Non distoglierti mai dall’onestà”
Tutti sappiano che onestà significa rettitudine, lealtà, giustizia, amore di verità.
Un anonimo filosofo recita: “Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero” Naturalmente l’argomento è foriero di molteplici interpretazioni e riflessioni perché la verità, e quindi l’onestà, sono relative alla coscienza e consapevolezza e perciò anche alle informazioni. Poiché la psiche umana è soggettiva, ciò che può essere considerato vero ed onesto per gli uni può non esserlo per gli altri, a prescindere da pensieri ed azioni da tutti considerati riprovevoli. Lo studente lesse anche alcune frasi del libro “La Dimensione Umana” di Bernardino del Boca, edito nel 1975.

Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE