Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Globalizzazione

Frédéric Lordon 09 Gennaio 2012

di Frédéric Lordon
traduzione di Maurizio Blondet trovato su www.effedieffe.com

Così parla Frédéric Lordon, famoso economista francese, direttore delle ricerche del CNRS, in una lunga intervista alla Revue des Livres. A proposito delle forze che stanno per scatenarsi, ecco cosa prevede:

«Se, come si poteva prevedere dal 2010 col lancio dei piani di austerità coordinati, lo scacco annunciato conduce ad un’ondata di default sovrani, seguirà immediatemente il collasso del sistema bancario (o li precederà, per semplice effetto d’anticipazione degli investitori); e questo, contrariamente a quello del 2008, sarà irrecuperabile, perchè gli Stati (che hanno salvato le banche nel 2008, ndr) sono finanziariamente a terra. Allora non resterà altra alternativa che l’emissione monetaria massiccia, oppure l’esplosione della zona euro se la Banca Centrale Europea (e la Germania) rifiutano questa prima soluzione. Leggi il resto di questo articolo »

gennaio 5, 2012 di byebyeunclesam

Da un’intervista a Sandro Donati, già consulente del Ministero della Solidarietà Sociale, direttore scientifico del progetto Narcoleaks, che raccoglie un gruppo di ricercatori volontari italiani impegnati nel monitoraggio dei dati relativi alla produzione e al commercio di droga a livello globale.
La recente diffusione di un documento redatto dal gruppo, eloquentemente intitolato Le bugie di Obama sul traffico internazionale di cocaina, ha suscitato una certa apprensione presso la Casa Bianca

“La questione afghana è una cartina di tornasole, un qualcosa che consente di comprendere tutto ed è sconcertante come osservatori ed esperti di narcotraffico facciano finta di non vedere. Ci sono infatti una serie di elementi eclatanti che parlano con estrema chiarezza Leggi il resto di questo articolo »

fonte: www.movisol.org

Sul sabotaggio britannico della delegazione della Lega Araba in Siria

29 dicembre 2011 (MoviSol) – All’arrivo, ieri, di sessanta delegati della Lega Araba ad Homs, in Siria, un oleodotto di fornitura cittadina è stato fatto saltare in aria da “un gruppo di terroristi armati”, stando a quanto riferisce l’agenzia stampa ufficiale Sana citando un portavoce del governo. Si tratta dello stesso oleodotto preso di mira il 12 dicembre scorso. Questo è il quinto attacco ad infrastrutture energetiche del paese nell’ultimo periodo.

Leggi il resto di questo articolo »

Cassazione anti-Bankenstein (sentenza n. 46669)

Dr. Giovanni Battista Frescura
Consulente Tecnico *

Principi di diritto stabiliti dalla sentenza della Cassazione 19 dicembre 2011 n. 46669

1) l’innalzamento della soglia dell’usura vale solo dal maggio 2011, non è retroattivo, nemmeno ai fini penali;
La portata dell’intervento innovativo sulla determinazione dei criteri di individuazione del tasso

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: http://economycamente.altervista.org * Articolo di Madison Ruppert

Il primo ministro inglese David Cameron ha dichiarato che la Somalia è un cosiddetto “stato fallito”, e quindi una minaccia per gli interessi britannici, segnalando quello che potrebbe essere il prossimo bersaglio nella crociata imperialista globale compiuta sotto forma di umanitarismo.
Da quando il governo britannico ha dichiarato la missione Nato in Libia un successo, è da allora alla ricerca del prossimo obiettivo.

Leggi il resto di questo articolo »

Riceviamo e pubblichiamo

Mentre continuano ad arrivare senza alcuno ostacolo (col beneplacito di mafia-massoneria-casta politica e vaticana) barconi pieni di povera gente da sfamare e le città divengono sempre più ricche di ghetti, di sporcizia, insicurezza e invivibilità:http://www.comeunafonte.it/Index_file/page0041.htm

I politici se ne fregano degli italiani, danno la pensione gratis agli stranieri:

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/pensioni-gratis-agli-stranieri-e-boom/2026432

…e la casa gratis ai rom:

Manovra lacrime e sangue per gli italiani: ai Rom la casa gratis

http://www.corriereinformazione.it/2011121816120/politica/manovra-lacrime-e-sangue-per-gli-italiani-ai-rom-la-casa-gratis.html

Ottenuta la fiducia alla Camera e dato il via libera alla manovra “salva-Italia” intanto il governo, attraverso il ministro per la Cooperazione internazionale e l’integrazione Andrea Riccardi, propone di concedere ai Rom case gratis.

Leggi il resto di questo articolo »

 dicembre 2011

di fonte Conflitti e Strategie

Dopo l’efferato carnaio estivo che ha scosso la Norvegia, anche il palcoscenico belga ed italiano si è tinto di sangue in seguito ai due attentati di Liegi e Firenze.
Naturalmente, le autorità pubbliche di entrambi i paesi hanno escluso a priori qualsiasi connessione tra i due eventi, che malgrado siano avvenuti quasi in contemporanea e affondino entrambi le radici nel degradato tessuto sociale europeo, andrebbero tuttavia iscritti nel novero delle azioni dettate dalla paranoia individuale che affliggeva i loro diretti responsabili.
La teoria del pazzo che scatena la carneficina per assecondare i demoni che si annidano nel proprio subconscio rappresenta infatti una risorsa di cui la politica si avvale regolarmente allo scopo di difendere l’ordine costituito ed evitare che la base sociale colga l’occasione per sollevare problemi che non trovino la loro spiegazione nell’oscuro ed inestricabile ambito della follia, ma siano invece riconducibili al più logico campo della razionalità.

Fonte: www.movisol.org

21 dicembre 2011 (MoviSol) – I media occidentali promuovono l’appello dell’ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov a ripetere le elezioni russe del 4 dicembre per via dei “brogli elettorali”. Ma chi è questo campione della libertà a cui viene data così tanta pubblicità nell’occidente? Negli anni Ottanta LaRouche definì Gorbaciov “il primo segretario generale del Partito Comunista ad essere apprezzato dalla regina d’Inghilterra”. In effetti quando, nel marzo 1985, Gorbaciov visitò Londra pochi mesi prima di diventare capo del Partito Comunista Margaret Thatcher, allora Premier britannico, esclamò: “Mi piace, posso fare affari con lui”.

Leggi il resto di questo articolo »

Ecco il loro scopo: distruggere tutto cio’ che di bello e di buono nel mondo viene realizzato!

Connessioni: una faccia, una razza

Fonte: fulviogrimaldi.blogspot.com

Siria, Grecia, Libia, Italia – Chi colpisce, una faccia una razza; chi resiste: una faccia una razza.
Bombe a Equitalia, bombe nei mercati pachistani, bombe su Yemen e Somalia: una faccia una razza.

Che la borghesia vinca o soccomba nella lotta, essa è condannata a perire dalle contraddizioni interne, che diventano mortali nel corso dello sviluppo. Il problema è solo se perirà di mano propria o per mano del proletariato. La permanenza o la fine di un’evoluzione millenaria dipendono dalla risposta a questa domanda. La storia ignora la cattiva infinità dei gladiatori eternamente in lotta. Il vero politico ragiona a base di scadenze. Se la liquidazione della borghesia non si compie entro un termine quasi esattamente calcolabile dell’evoluzione economica e tecnica [..] tutto è perduto. Prima che la scintilla arrivi alla dinamite bisogna tagliare il filo che brucia [Walter Benjamin, Einbahnstrasse, 1928]

FONTE: justiceinconflict.org (sito dove si trova il riconoscimento ONU alla Libia come primo paese africano per Indice di Sviluppo Umano e difesa dei diritti umani) Leggi il resto di questo articolo »

Un esempio da seguire. ndr

La città di Saint Etienne

17 dicembre 2011 (MoviSol) – Il 24 novembre la Corte di Prima Istanza di Parigi (TGI) ha negato alla Royal Bank of Scotland l’ordinanza restrittiva che aveva chiesto per costringere il Comune di Saint-Etienne a riprendere il pagamento dei debiti che aveva sospeso. Anche se la Corte avrà bisogno di più tempo prima di deliberare nella causa intentata dal Comune di Saint-Etienne contro la Royal Bank of Scotland (RBS), ha già deliberato che la sospensione dei pagamenti era legittima, perché l’interesse sui prestiti era basato su “strumenti speculativi ad alto rischio”.

Il 70% del debito di Saint-Etienne era tossico, ed il Comune ha sporto denuncia anche contro la Dexia Bank e la Deutsche Bank, oltre alla RBS. Leggi il resto di questo articolo »

Ce la vogliamo ancora raccontare? Vogliamo ancora girarci intorno? Vogliamo ancora fare i buoni ed i pacati? Vogliamo ancora prenderci in giro (guardando in uno specchio)? Si ha da agire a tutti i livelli, si ha da fare FRONTE COMUNE
“Loro non scherzano” Questi quattro gatti criminali, i cucuzzari, sono solo qualche centinaio, migliaio forse. Stanno tenendo in scacco l’umanità! E’ non scherzano. Vogliono decimarci ad uno/due miliardi, e vestiti di cenci.
LA SVOLTA E’ EPICA E C’E’ DA ACCELLERARE, non per scherzo o per gioco, sul serio!
VINCERE O MORIRE NEL TENTATVO, niente di meno
Paura? Si, tanta, ma…:
SE SI VOLESSE rivoluzionare lo stato attuale delle cose, una qualsiasi mente pensante non potrebbe che arrivare alle seguenti conclusioni; se qualcuno volesse davvero cambiare le cose non avrebbe che da fare fino in fondo quanto segue e senza MEZZE MISURE. Leggi il resto di questo articolo »

luglio 22, 2011 di byebyeunclesam

E’ un duello maleodorante fra mostri

È Obama il vero nemico di Murdoch.
Solo mettendo a tacere la tv statunitense Fox può sperare di vincere le prossime elezioni.
Intercettazioni-pretesto per una battaglia transatlantica

di Piero Laporta per ItaliaOggi

Sean Hoare, il reporter di News of the World che svelò le intercettazioni illegali del tabloid di Rupert Murdoch, è morto in circostanze sospette. Hoare accusò Andy Coulson, ex direttore di News of the World, di avere ordinato le intercettazioni. In una vicenda densa di singolarità, è rilevante che Coulson sia divenuto direttore della comunicazione del primo ministro britannico David Cameron.

Leggi il resto di questo articolo »

… ma per l’islanda, che ha RIFIUTATO, il “salvataggio dell’FMI e della UE, prevede un aumento del 2,4% del PIL ed una riduzione consistente della disoccupazione (vedi notizia)

Che strano che i mass media parlino delle previsioni OCSE solo quando sono negative e tacciano quando sono positive, soprattutto per quei paesi che NON hanno accettato il pensiero comune che “il debito va pagato a qualunque costo“.

In Islanda hanno verificato quale fossero le vere cause dello scoppio della bolla finanziaria, hanno scoperto che c’erano dei colpevoli, li hanno perseguiti, incarcerando di manager delle principali banche islandesi ed emettendo mandati di cattura internazionali per i colpevoli ed oggi la stessa OCSE riconosce la bontà delle scelte Islandesi. Chissà perchè nessun mass media ne da notizia… Leggi il resto di questo articolo »

Ci hanno provato con Halloween e ci sono riusciti! La Chiesa regolarmente protesta dicendo che è una festa pagana che non fa parte delle nostre tradizioni cristiane, ma la filosofia predominante, anglosassone, del “In God we trust”, sembra essere prevalente. Del resto, i nostri padroni a stelle e strisce sono in prevalenza protestanti e da un po’ di tempo in qua il potere del Vaticano viene messo sempre più in crisi. Una batosta via l’altra, per il Santo Padre!

Se si tratta di vendere zucche traforate, maschere horror e ciarpame simile, non ci sono santi e il motto “business is business” è sempre valido, anche con pagliacciate carnevalesche d’importazione. D’altra parte, noi, agli americani, abbiamo dato la mafia e loro ci danno feste paganeggianti prive di radici storiche nel territorio. I nostri commercianti ringraziano e, obiettivamente, tra la mafia e Halloween, non so chi dei due ha avuto in dono la peggiore.

Ora ci stanno provando con il rodeo:

http://www.corriere.it/gallery/esteri/12-2011/rodeo/1/rodeo-che-passione_69fceb48-23e1-11e1-9648-0971f64f00f8.shtml#1

Un’ esibizione macho che in Italia ha solo qualche vago riferimento con i butteri della Maremma toscana, almeno per quanto riguarda il marchio a fuoco del bestiame. Non a caso, l’ultima esibizione di questo genere si è tenuta a Pordenone che, come tutti sanno, nel caso in cui l’Italia dichiarasse guerra agli Stati Uniti, combatterebbe contro di noi. Naturalmente, questa era una diceria degli anni della guerra fredda, di quando ancora esisteva l’Unione Sovietica e l’Italia era il paese europeo con il più grande partito comunista. Oggi, tutto questo è preistoria, ma la base di Aviano è sempre lì, a una decina di Km a nord di Pordenone e non sembra che vogliano smantellarla, né portarsi via le 90 testate nucleari gelosamente conservate nel sottosuolo.

Leggi il resto di questo articolo »

Monti, atroce autopsia dell’Italia: ma il killer è l’euro     http://www.libreidee.org

Senza più moneta sovrana, l’Italia è condannata: non può più onorare qualsiasi deficit semplicemente «facendosi staccare un assegno dalla propria banca centrale», per usare un’espressione di Wynne Godley, che Paolo Barnard cita per chiarire la situazione. Siamo nel tunnel del suicidio economico a orologeria: Monti spreme gli italiani per avvicinarsi al pareggio di bilancio e vincerà il primo round. Ma poi perderà il match: una volta dissanguati, gli italiani si consegneranno al baratro della recessione. «E che farà a quel punto Mario? Ve lo metto per iscritto: farà quello che hanno sempre fatto tutti i robotizzati umanoidi della scuola economica Neoclassica e Neoliberista, cioè prescriverà ancor più dosi del veleno che ci starà ammazzando. Come fa Obama in Usa, come fa il Fmi in Estonia e in Irlanda, in Grecia, in Africa».

Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE