Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Fonte: http://www.articolotre.com/2013/06/istanbul-la-parola-alla-piazza-la-lotta-continua/175690

 

istanbul 1-Redazione- 3 giugno 2013- La resistenza per il parco di Gezi ha infiammato la capacita’ di gente come noi di autorganizzarsi ed agire – e per accenderla e’ bastata una scintilla. Abbiamo visto il corpo della resistenza stendersi verso di noi lungo il pontre del Bosforo, abbiamo visto il suo coraggio mentre combatteva per respingere gli idranti su Istiklal; Abbiamo visto le sue braccia in tutti quelli che, piegati da un’orgia di lacrimogeni, lottavano per mettere i compagni in salvo; abbiamo visto il corpo della resistenza in ogni negoziante che ci ha offerto il cibo, in ogni dottore sceso in strada per soccorrerci, in tutti quelli che hanno aperto la casa ai feriti, nelle nonne rimaste sveglie alla finestra a sbattere pentole tutta la notte contro la repressione.

La polizia ci aveva dichiarato guerra – ma non e’ riuscita a spezzare quel corpo. Ha finito le scorte di lacrimogeni contro di noi, ci ha gassati nei tunnel della metro, e’ venuta di notte a darci fuoco nelle tende, ha usato i proiettili di gomma.

Ma era bastata una scintilla per accendere il corpo della resistenza, e ormai poteva solo continuare. E quel che rimane di tutte queste esperienze, di tutte le nostre storie quel che resta di tutte le nostre, sara’ la linfa per questo corpo, sara’ memoria collettiva. Ci seguira’ in altre resistenze ed altre battaglie, ripetendocelo ancora e ancora: possiamo scegliercelo noi, il nostro destino, agendo collettivamente. Possiamo sceglierci quale vita vivere – e in quale citta’ vogliamo viverla. Leggi il resto di questo articolo »

di Luciano LagoFesta Repubblica Napolitano

La festa del 2 Giugno arriva come tutti gli anni e smuove la solita retorica obbligata delle autorità istituzionali, come  sempre  propense a declamare la “narrazione” mitologica della Repubblica , nata dalla resistenza  e dall’antifascismo  e la “ bellezza” della sua costituzione.

L’ironia della sorte vuole che, a fare i discorsi celebrativi,  questa volta (l’ottava) tocca ancora a Giorgio Napolitano, un presidente rieletto in modo non previsto dalla stessa costituzione,  lo stesso che ha nominato un governo (governo Monti) in forma palesemente anticostituzionale, senza passare dalla sfiducia del governo precedente e rinviare questo alle camere (come prescritto dall’art. 92 e 94 della costituzione).  

Fonte: http://www.blogtecnologiedibenessere.com/salute/124-chlorella-rimuoveri-il-mercurio-dal-tuo-corpo-in-poche-settimaneurio-dal-tuo-corpo-in-poche-settimane.html

clorella

Avete notato che praticamente tutti i giorni i media ci raccontano una nuova storia che riguarda gli effetti nocivi del vivere nel mondo moderno?

Agenti chimici e metalli pesanti sembrano essere nascosti ovunque

I pesticidi ricoprono una gran parte del nostro cibo fresco, le sostanze chimiche vengono immesse quotidianamente nell’aria e nell’acqua e le amalgame di mercurio che riempiono i denti possono rilasciare mercurio ogni volta che mastichiamo del cibo.

Il pesce negli oceani è pieno di metalli pesanti e mercurio e queste sostanze seguono la catena alimentare fino ad arrivare nel nostro piatto.

L’acqua del sottosuolo è inquinata da chimici e pesticidi di scarico delle fabbriche e dagli scarti delle nuove tecnologie.

In pratica, un livello accettabile di veleni viene fatto entrare nella nostra casa attraverso l’acqua che si utilizza per bere e lavarsi, inclusi fluoro, cloro e bassi livelli di metalli pesanti, non ci vuole molta immaginazione per vedere che il nostro corpo è sotto attacco dell’inquinamento ambientale ogni singolo giorno. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: http://accademiadellaliberta.blogspot.it/

Fonte: http://popoff.globalist.it/Detail_News_Display?ID=70922&typeb=0

Si tratta di un’azione rivoluzionaria, contrastata con forza da Usa e banche d’affari. I cosiddetti Brics creeranno una loro Banca per lo Sviluppo e un’agenzia di rating.

 


giovedì 11 aprile 2013 12:56

I cinque leader dei Paesi Brics: da sinistra, la presidente del Brasile Dilma Roussef, il presidente russo Vladimir Putin, il primo nimistro indiano Manmohan Singh, il presidente cinese Hu Jintao, il presidente del Sudafrica Jacob Zuma.

I cinque leader dei Paesi Brics: da sinistra, la presidente del Brasile Dilma Roussef, il presidente russo Vladimir Putin, il primo nimistro indiano Manmohan Singh, il presidente cinese Hu Jintao, il presidente del Sudafrica Jacob Zuma.

di Franco Fracassi

I Paesi emergenti creeranno la loro Banca per lo Sviluppo e la propria agenzia di rating per fermare la dittatura del Fondo monetario internazionale e della Banca Mondiale. È quanto deciso dai Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) in un vertice tenuto a Durban, in Sudafrica. Nel documento finale si parla anche di «emarginare la dittatura di Moody’s, Standard & Poor’s e Morgan Stanley». La Banca per lo Sviluppo Brics conterà su un capitale iniziale di cinquanta miliardi di dollari. Rimangono solo da ultimare i dettagli strutturali. Il suo scopo principale è di sostenere progetti di infrastrutture e sviluppo sostenibile. Gli Stati Uniti tremano. Leggi il resto di questo articolo »

bce

Fonte: http://www.imolaoggi.it/?p=52061
 
 

Germania, Francoforte: i manifestanti assediano la torre dell’Euro

1 giu – Gli attivisti di “Blockupy Frankfurt” rilanciano e per sabato preparano un’imponente manifestazione, nel quindicesimo anniversario della fondazione della Banca Centrale Europea.

(NdR: naturalmente il commento di Euronews sui veri motivi della protesta è COMPLETAMENTE DI PARTE)

I raduni sono cominciati venerdi’, in prossimità della famosa torre che ospita l’istituzione bancaria. Secondo i manifestanti si sono presentate circa 3.000 persone. Bloccati gli accessi degli uffici della Bce e anche quelli della Deutsche Bank.

Nel corso della giornata i gruppi di attivisti si sono poi spostati verso l’aeroporto internazionale, per protestare contro la politica delle espulsioni del governo tedesco e degli altri esecutivi dell’eurozona.

Molti gli slogan e gli striscioni, e non sono mancati neppure tafferugli con la polizia che presidiava lo scalo di Francoforte. “Chiediamo di fermare le espulsioni – dice un manifestante – e di smetterla con le politiche che creano questa crisi. Hanno peggiorato drasticamente la vita della gente. In particolare i migranti sono stati rispediti verso la loro miseria e la loro disoccupazione”.

Dunque sabato, stando ai propositi dichiarati dai manifestanti, si aspettano nuove proteste, con l’arrivo di circa 20.000 persone.

Immagine anteprima YouTubedi Lorenzo Acerra

grazie a Bill Gates il Chad spende 600 milioni di $ per vaccini invece di fare circa 20.000 pozzi

http://www.klagemauer.tv/?a=showportal&keyword=gesundheit&id=567

http://www.seruminstitute.com/content/products/product_menafrivac.htm

Esiste davvero una malattia psicogena di massa che spiega i danni riportati dopo le vaccinazioni ?
In questo episodio avvenuto in Chad, i ricercatori indipendenti interpellati hanno subito scoperto che ciò non aveva niente a che fare con il nuovo vaccino MenAfriVac® (quello nuovo che sopporta il caldo). Era invece da attribuire ad una sindrome di “malattia psicogena di massa”. NON È UNO SCHERZO , VEDIAMO, LA SINDROME È BEN NOTA.

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: http://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/05/29/salvo-mandara-lascio-movimento-5-stelle-e-litalia/234447/

“Ho deciso che la puntata di oggi sarà l’ultima. E ho deciso di lasciare questo paese. Sono un vigliacco, non ho intenzione di continuare a lottare e il risultato elettorale è solo l’ultima goccia”. Così Salvatore detto Salvo Mandarà, l’ingegnere elettronico inventore dell’hang out, una particolare forma di streaming interattivo, dei comizi di Beppe Grillo. Sei mesi fa, si era addirittura preso l’aspettativa dal lavoro per dedicarsi anima e cuore alla campagna elettorale dell’M5S. Oggi annuncia che presto abbandonerà il Paese. “Ma non lascio il Movimento 5 stelle”, assicura

29 maggio 2013

 

Americana del MichiganBriton dies in Syria

di Luciano Lago

La televisione nazionale siriana ha comunicato che sono stati uccisi dall’Esercito Nazionale Siriano 3 persone che operavano assieme ai terroristi: si tratta di un cittadino britannico di 22 anni, Ali Al-Manasfi,  residente a Londra e di una americana del Michigan di 33 anni, Nicole Mansfield ed altro occidentale (non identificato). I tre armati sono stati individuati nella provincia di Idlib (al confine con la Turchia) mentre scattavano foto delle postazioni militari ed immediatamente neutralizzati da una pattuglia militare.

Non è una novità che ci siano cittadini di paesi occidentali nelle fila dei miliziani che combattono in Siria contro le forze regolari del regime di al Assad. Si calcola che dalla sola Gran Bretagna siano affluiti in Siria oltre 350 volontari o mercenari assoldati dai servizi. Anche l’Olanda ha denunciato che circa un centinaio di volontari sono partiti per la Siria. Ultimamente la questione di quanti cittadini europei siano stati arruolati nelle fila dei miliziani è stata discussa anche dall’apposito ufficio della UE che si occupa della lotta al terrorismo. Pur in mancanza di dati ufficiali si calcola che almeno un 10% dei miliziani jadisti  che combattono in Siria siano di nazionalità europea ed il reclutamento si è intensificato negli ultimi mesi fra i cittadini di religione mussulmana residenti in paesi come Inghilterra, Olanda, Belgio e Francia.

Da notare che ,nelle milizie dei ribelli anti Assad infiltrate in Siria attraverso la Turchia ed il Libano e rifornite di armi in abbondanza tramite gli USA, si contano oltre 30 nazionalità diverse , libici, tunisini, egiziani, giordani, afgani, serbi e persino ceceni.

La questione suscita preoccupazione nei responsabili delle cancellerie di questi paesi, visto il pericolo che queste  persone possano ritornare  nei paesi di provenienza addestrati e fanatizzati con  inclinazione a possibili azioni terroristiche.

Un ruolo importante viene svolto dall’Arabia Saudita e dal Qatar che hanno provveduto al finanziamento di tutta l’operazione che ha richiesto, fra l’altro, un ponte aereo per il trasporto delle armi destinate ai ribelli con destinazione una delle basi militari USA in Turchia.

Il tutto avviene mentre i media occidentali ed italiani in particolare (da Repubblica al Corriere della Sera, alla Stampa ed alle reti RAI) continuano a definire quella siriana come una “guerra civile” dovuta ad una “ribellione spontanea”. Che strano!


http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/middleeast/syria/10091611/Syria-identifies-British-man-killed-fighting-with-rebels.html

http://www.presseurop.eu/es/content/news-brief/3757001-500-jovenes-europeos-han-tomado-las-armas-contra-el-regimen

 

 

Anche qui come a Boston,  depistaggi e menzogne della stampa di regime foraggiata ad arte. ndr

Aangirfan, 30 maggio 2013

trovato su http://aurorasito.wordpress.com/

Traduzione di Alessandro Lattanzio

931265_461494040608784_214286923_nTVNews ha rivelato l’identità di due mercenari stranieri uccisi in un agguato dell’esercito siriano nella regione occidentale della città di Idlib in Siria. “Il primo è una donna del Michigan negli Stati Uniti di nome ‘Nicole Lyn Mansfield’ nata nel 1980. Il secondo è un maschio di nazionalità britannica di nome ‘Ali al-Manasifa’ nato a Londra.” Syriaonline

US-Senator-John-McCain-with-FSA-terroristsMcCain e i suoi amici di al-Qaida. Il senatore McCain incontra i ribelli siriani collegati con al-Qaida

In Siria, l’Esercito libero siriano, sostenuto dagli Stati Uniti e dalla NATO, ha attaccato il villaggio cristiano di al-Duwayr, uccidendo un gran numero di donne e bambini cristiani. (Syriaonline)
Assad è il protettore dei cristiani in Siria. Una donna statunitense e un uomo inglese tra i morti …  – LunaticOutPost
Non dobbiamo dimenticare che gli USA e la NATO hanno usato bin Ladin e al-Qaida per distruggere la Jugoslavia e di provocare il caos in Cecenia. E Usama bin Ladin è stato invitato nelle Filippine.

Leggi il resto di questo articolo »

Alfano Letta

di Luciano Lago

 

Il governo “Alfetta “, composto dal duo Letta/Alfano,  che ha sancito le “larghe intese” tra le principali  forze politiche, ha salutato  come un “successo” la chiusura della procedura d’infrazione per eccessivo deficit di bilancio sancita dalla Commissione Europea in questo fine Maggio 2013. Arrivata la notizia da Bruxelles, il presidente Letta ha subito dichiarato trionfante:

“ Siamo orgogliosi di questo risultato, questo è merito di tutti gli italiani e dell’azione dei precedenti governi, in particolare del governo Monti al quale va il mio personale ringraziamento. Ora rispetteremo gli obblighi europei  ed il  programma votato dalle Camere».

Quindi Letta “ringrazia” Monti per il risultato, per la verità lo ringraziano un po’ meno quanti italiani hanno perso il loro posto di lavoro nel corso del 2012 a causa delle politiche di austerità e tasse imposte da questo governo cosi “meritorio” : si stima che siano stati circa 1milione e 238.000 i posti di lavoro persi fino al primo trimestre del 2013, con un numero totale di oltre 5 milioni, record storico dal dopoguerra.

Ringraziamenti che sarà difficile per Monti ottenere anche dai  circa 85.000 imprenditori titolari di altrettante piccole e medie aziende  commerciali ed artigiane che hanno chiuso l’attività  fino al primo trimestre del 2013 (dati forniti dalla CGIA di Mestre) http://www.ilmondo.it/finanza/2013-05-21/crisi-cgia-mestre-ad-oggi-perse-85-000-imprese-artigiane-commerciali_258875.shtml.

Leggi il resto di questo articolo »


Marco Saba al Convegno Degenerazione della Finanza e Tutela del risparmio, 29 maggio 2013 alla Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Milano

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia