Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Di Maurizio Blondet Fonte: http://polemos-war.blogspot.it/2013/05/se-la-francia-stampa-euro.html

L’eurocrazia ha concesso alla Francia ( e Spagna e Portogallo) due anni di proroga per il rientro dal deficit entro il 3% del Pil, e ha negato lo stesso sollievo all’Italia. Enrico Letta va da Angela Merkel a Berlino ad implorare il favore (il ministro Schauble aveva detto no ancor pochi giorni fa). Ma Berlino ha fatto a Parigi un favore più grande, alla chetichella: in pratica, ha permesso alla sua Banca Centrale di stampare euro.
Lo ha scritto l’8 aprile scorso addirittura Paul Krugman sul suo blog presso New York Times, con un titolo più che ironico: «La Francia ha di nuovo la sua divisa» (France Has Its Own Currency Again). Scarne le notizie che Krugman dà. Si limita a notare che gli interessi che la Francia paga per indebitarsi sono crollati. Parigi non è più a corto di soldi, i mercati non sono più preoccupati di un suo fallimento… Un giornale economico online francese, Atlantico, poco dopo ha ipotizzato: i tassi bassi a cui la Francia si indebita sarebbero effetto di una politica «generosa e discreta» da parte della Banque de France (la loro Banca Centrale) di acquisto di attivi discutibili dalle banche francesi. E spiega che se l’Europa ha una moneta unica, non ha un’unica Banca Centrale. Sì, c’è la BCE; ma le banche centrali nazionali esistono ancora «e dispongono di una certa autonomia per aiutare le proprie banche». Possono aiutare le loro banche commerciali, appunto decidendo quali «attivi» accettare come garanzia, ossia quali titoli di credito che le banche vantano, e contro le quali sganciare i fondi liquidi. Crediti andati a male, titoli di Stati in difficoltà eccetera, insomma pretesi «attivi» che il mercato non tocca nemmeno con un dito, che la Banque de France accetta come buoni dalle sue amate banche nazionali. La transazione avverrebbe nel cosiddetto sistema Short Term European Paper (acronimo: STEP): che consente a ciascuna Banca Centrale di rifinanziare le sue banche, ma che è usato soprattutto dalla Francia. Parigi, con quasi 500 miliardi, rappresenta da sola più della metà del mercato europeo STEP, ed è il secondo del mondo dopo quello americano. Inoltre, è in forte aumento: da 300 miliardi di metà 2012, era già a 483 a fine 2012. Leggi il resto di questo articolo »

24 Mag 2013    + Fonte: http://it.cubadebate.cu/notizie/2013/05/24/correa-la-rivoluzione-cittadina-ha-dato-stabilita-politica-al-paese/

“Fino a che la povertà non sarà cancellata dalla Patria Grande, per questa seconda indipendenza, lottiamo ed avanziamo”, ha affermato il presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, prendendo oggi possesso del suo secondo mandato.

Il mandatario ha pronunciato un vibrante discorso in un atto solenne, nel quale hanno partecipato più di 90 delegazioni di differenti paesi del mondo, dopo avere prestato giuramento davanti alla presidentessa dell’Assemblea Nazionale, Gabriela Rivadeneira.

Ha sottolineato che il paese sta cambiando profondamente e positivamente in tutti i sensi ed ha segnalato che secondo i dati delle Nazioni Unite del 2012, tra 186 paesi, l’Ecuador è uno dei quattro che ha scalato 10 posizioni nella classificazione dell’Indice di Sviluppo Umano. Leggi il resto di questo articolo »

colosseo-Roma

Fonte: http://www.signoraggio.it/il-comune-di-roma-potrebbe-recuperare-dalle-banche-miliardi-di-euro-passaparola/

PROPRIO COSI: IL COMUNE DI ROMA CON UN’AZIONE GIUDIZIARIA POTREBBE RECUPERARE OLTRE 10.000.000.000€ (DIECI MILIARDI DI EURO) DALLE BANCHE: SOLDI CORRISPOSTI A TITOLO DI INTERESSE NEL CORSO DEGLI ANNI DALLE AMMINISTRAZIONI CHE SI SONO SUSSEGUITE. LE BANCHE PRATICANO ABITUALMENTE E SISTEMATICAMENTE NUMEROSE ILLICEITA’ (anatocismo, accredito tardivo etc.) SIA NEI CONFRONTI DEI PRIVATI CHE DEGLI ENTI LOCALI.

CHIUNQUE HA AVUTO UN “FIDO” (o “affidamento”) PUO’ FARE CAUSA ALLA BANCA E RECUPERARE I SOLDI PAGATI INGIUSTAMENTE; MOLTI IMPRENDITORI HANNO FATTO E STANNO FACENDO RIVALSA SULLE BANCHE, MENTRE I COMUNI ITALIANI, CHE HANNO DEBITI IMMENSI, NON LO FANNO PERCHE’ I POLITICI, DI TUTTI GLI ORIENTAMENTI, SONO COLLUSI. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: http://seigneuriage.blogspot.it/2013/05/euro-roba-da-neuro.html

Scritto da Angela Iannone | Yahoo! Finanza – gio 23 mag 2013

http://it.finance.yahoo.com/notizie/entrare-o-uscire-dall-euro-paesi-della-ue-143622114.html

Fuori dall’euro. Con il suo recente voto, l’Islanda ha deciso le sue sorti. La vittoria del centrodestra, dopo 4 anni di governo di centrosinistra, si è basata soprattutto sulla proposta di abbandonare le misure di austerità e la moneta unica, dopo anni di rigore necessari per sanare i conti in rosso dell’isola.
E oggi la nuova coalizione ha deciso di sospendere a tempo indeterminato i negoziati di adesione con l’Unione Europeaper i prossimi 4 anni, provando ad uscire dalle difficoltà economiche del Paese attraverso misure differenti.

La decisione, annunciata dal nuovo primo ministro islandese,Sigmundur David Gunnlaugsson, sarà mantenuta fino a quando non sarà messa a referendum la scelta di portare avanti i negoziati con la UE: “Non è stato fissato alcun termine per il referendum – ha dichiarato un portavoce del premier – se non che si svolgerà entro i prossimi quattro anni”.
Nel frattempo, sono stati presentati nuovi accordi incentrati sulle modalità da affrontare per alleviare il debito delle famiglie e per sostenere la crescita economica di un Paese che è stato dal 2008 una delle più grandi vittime della crisi finanziaria globale. Accordi fatti dagli stessi partiti che nel 2008 portarono l’Islanda nelle condizioni di crisi.
Europa in stand by, dunque. Lo ha ribadito anche Bjarni Benediktsson, il nuovo ministro delle finanze, evidenziando il forte sentimento nazionalista emerso negli ultimi anni. Probabile dunque il ritorno alla Corona, la moneta locale, scelta in netta contrapposizione con i socialdemocratici, precedentemente al governo, che vedevano nell’adesione con la UE un modo per controllare i capitali del Paese. Un punto di forza invece per il centrodestra, che ha vede nell’abolizione dei controlli – che limitano i flussi della Corona dentro e fuori dal Paese – la principale priorità del governo. Leggi il resto di questo articolo »

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”http://www.youtube.com/embed/VkAwX23t3CU” frameborder=”0″ allowfullscreen></iframe>

Cosa c’è di sbagliato nell’assumere derivati del latte? A cura del Physicians Commitee for Responsible Medicine – http://www.pcrm.org/

Molti Americani, alcuni vegetariani inclusi, continuano ad assumere grandi quantità di derivati del latte. Di seguito elenchiamo otto importanti motivi per eliminare i latticini dalla propria dieta.

1-Osteoporosi

L’assunzione del latte è reclamizzata per la prevenzione dell’osteoporosi, sebbene la ricerca clinica pervenga a conclusioni differenti. L’Harvard Nurses’ Health Study [1], che ha seguito clinicamente oltre 75.000 donne per dodici anni, ha mostrato che l’aumentato consumo di latte non avrebbe alcun effetto protettivo sul rischio di fratture. Infatti, l’aumentata introduzione di Calcio attraverso latticini era associato con un rischio di fratture più elevato. Uno Studio Australiano [2] è pervenuto al medesimo risultato. Inoltre altri Studi [3, 4] non hanno evidenziato alcun effetto protettivo sull’osso da parte del Calcio proveniente dai derivati del latte. Per ridurre il rischio di osteoporosi, va ridotta l’assunzione con la dieta di Sodio e di Proteine animali [5,6], aumentato il consumo di frutta e verdura [8], l’attività fisica [9], e va assicurato un adeguato introito di Calcio da fonti vegetali, come ad esempio la verdura a foglia verde ed i fagioli, come pure prodotti addizionati di Calcio tipo i cereali per la colazione ed i succhi.

2-Malattie Cardiovascolari

I latticini -ivi inclusi formaggio, gelati, latte, burro e yogurt- contribuiscono significativamente ad elevare il contenuto di colesterolo e grassi nella dieta [10]. Le diete ad elevato contenuto di grassi, soprattutto grassi saturi, possono aumentare il rischio di parecchie malattie croniche, comprese le malattie cardiovascolari. Una dieta a base di prodotti vegetali, povera di grassi e che elimini i derivati del latte, in combinazione con attività fisica, abolizione del fumo e controllo dello stress, può non solamente prevenire le malattie cardiache, ma addirittura renderne reversibile il decorso [11]. I derivati dalla frazione non grassa del latte possono essere utilizzati, seppure siano responsabili di altri rischi per la salute, come descritto oltre.

Leggi il resto di questo articolo »

Alterazioni climatiche, apri il link e clicca sui globi per avere le info

http://earthobservatory.nasa.gov/GlobalMaps/

Postiamo un articolo del 2011 per meglio comprendere la materia in questione.

Geoingegneria: giocare ad essere Dio

Fonte: http://www.tlaxcala-int.org

Originale: Geoingeniería: Jugar a ser Dios
Mariló Hidalgo Tradotto da  Alba Canelli Editato da  Aurora SantiniCurzio Bettio

Piogge anticipate, controllo degli uragani, neve per mitigare la siccità, riduzione della dimensione della grandine, tutto questo è tecnicamente possibile, grazie alla geoingegneria. Intervento tecnologico e scientifico su scala globale per cercare di contrastare gli effetti del cambiamento climatico. Un gioco pericoloso con conseguenze imprevedibili.

Primavera tutto l’anno

In un primo momento un gruppo di scienziati autorevoli, sostenuti dagli Stati Uniti, nega categoricamente gli effetti del cambiamento climatico. In seguito non solo lo accetta, ma propone misure tecnologiche per salvare il pianeta dalla crisi climatica. Lo stesso percorso seguono la maggior parte degli stati del nord del pianeta, responsabili della maggior parte delle emissioni di CO2. Il settore privato, in cui rientrano le multinazionali chimiche, silvicole, petrolifere e agro-alimentari, lo stesso che aveva contribuito e beneficiato di questo caos, dà il benvenuto a questa specie di piano B provvidenziale che pretende di   ignorare il cambiamento climatico.
Che cosa provoca questo cambio di opinione? Ammettere fin dall’inizio i fatti avrebbe significato riconoscere il fallimento del modello economico attuale, cosa che non interessa in alcun modo, perché continua a produrre benefici. D’altra parte, parlare di un cambiamento di paradigma sarebbe una misura molto impopolare tra la popolazione. Soluzione? Lasciare le cose come stanno e cercare altre “vie d’uscita” per mitigare gli effetti di questo ormai inarrestabile cambiamento climatico. Qualcosa che consenta di proseguire con le emissioni di CO2, il livello attuale di produzione e ovviamente di consumo e che garantisca la continuità del sistema attuale.

L’evoluta Padania, è uno fra i territori più inquinati e caotici del pianeta dove il consumo, di farmaci, psicofarmaci, antidepressivi e di cocaina, sono a livelli impensabili e allarmanti. Lo dice il “Rapporto Osservasalute 2010″ dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Un dato, che misura nel merito, il grado felicità (oramai sotto lo zero) di questo popolo e il suo livello di frustrazione e repressione. Una condizione patologica grave, dal potere destabilizzante che, per reazione relativa a un singolare spirito autoconservazione dai connotati psichiatrici, finisce per innescare pulsioni secessioniste, odio razziale, manie di persecuzione.
L’assenza poi di una cultura fortificante, solidale e socializzante, tradisce ogni forma di consapevolezza, annullando così ogni gratificante e rigenerante impulso di autostima. Per tanto, parlare di evoluzione del popolo padano, è a dir poco sconcertante.

Vorrei inoltre ricordare ai signori della Padania che, in soli cinquant’anni, hanno trasformato il loro territorio in un deserto. Pesticidi, diserbanti, antiparassitari e intrugli chimici di ogni genere, hanno per sempre resa sterile la terra, un tempo, più fertile e produttiva del nostro paese. L’uso e l’abuso, poi, di tonnellate di fertilizzanti, di concimi chimici, e alimenti dopati per uso animale, fanno dei prodotti di questa terra, quanto di più inquietante potremmo trovare sulle nostre tavole.
Nell’acqua usata per irrigare campi e prati, sono disperse percentuali inimmaginabili di diossina, metalli pesanti, arsenico, pcb, clorurati, e un’infinita varietà di veleni industriali che una moltitudine di fabbriche fumanti riversano nei fiumi, trasformandoli in cloache a cielo aperto. La loro flatulenza e miasmi, si mescola con l’aria circostante già pregna di CO2 e fumi tossici di ogni natura. Leggi il resto di questo articolo »

Negro assassino

 

Fonte:http://voxnews.info/2013/05/22/europa-sotto-attacco-rivolta-islamica-a-stoccolma-mannaie-a-londra-e-picconi-a-milano/

Sono gli ennesimi bagliori di quello che sarà il grande incendio multietnico che ingoierà l’Europa da qui a qualche anno.

http://voxnews.info/2013/05/22/choc-a-londra-militare-fatto-a-pezzi-da-due-neri-si-teme-attacco-terrorista/

http://voxnews.info/2013/05/22/stoccolma-proseguono-scontri-etnici-gravi-disordini-caserma-assaltata-da-nuovi-svedesi/

Oggi è Stoccolma, ma ieri era Londra e prima ancora Parigi e le altre città francesi. Ormai interi quartieri sono enclaves etniche all’interno degli Stati. Leggendo dei disordini di Stoccolma sembra quasi un reportage da Gaza.

Presto ci troveremo – solo per nostra idiozia – nella stessa situazione israeliana. Saremo in costante stato di guerra. Si formeranno microstati de facto che si autogoverneranno e dove la legge nazionale non avrà alcun valore. A questo c’ha condotto la miopia di una classe politica europea intellettualmente nulla.

Siamo ormai a islamici con la mannaia che aggrediscono soldati loro “connazionali secondo la Kyenge”, sgozzandoli. Se avessimo dei politici con un minimo di cervello, questi guarderebbero alla tragica situazione inglese, svedese e francese dove vigono leggi permissive sulla cittadinanza, dove i ministeri dell’integrazioneesistono da decenni e dove la popolazione di  (segue)

Fonte: http://www.signoraggio.it/al-giudice-mario-rosario-ciancio-circa-1-i-motivi-delluso-sessuale-dei-minori-nei-riti-massonicosatanici-2-il-perche-vi-sono-coinvolti-cosi-tanti-esponenti-della-magistratura-dellesercito/

Marra al giudice Mario Rosario Ciancio circa: -1) i motivi dell’uso sessuale dei minori nei riti massonico\satanici; -2) il perché vi sono coinvolti così tanti esponenti della magistratura, dell’esercito, delle polizie e delle Istituzioni; -3) l’essere emerso che o tutta o buona parte della Procura di Roma sa dal 2006 di quei crimini alla Cecchignola per aver denunziato i quali Paolo Ferraro è stato oggetto dell’attacco mirante a farlo apparire pazzo.

Ti sarei grato, caro presidente Ciancio, se ti sforzassi di ascoltarle un po’ per bene queste registrazioni messe in rete da Paolo Ferraro, anche perché c’è un punto in cui gli sembra forse esserci l’audio dell’uccisione di un bambino Zingaro: dei lamenti infantili, un rumore come di un colpo inferto che li interrompe, e una sollecita voce di invito a prendere degli stracci..

Suoni difficili da decifrare (ma che Paolo ha trascritto), che io ho ascoltato solo per due o tre minuti perché mi fanno orrore, ma che credo tu debba approfondire, perché mente chi dice di non sentirvi nulla di rilevante. Ma cominciamo daccapoSi è verificato in sostanza, caro Ciancio, che il 19.5.2013 mi ha telefonato Paolo Ferraro singhiozzando di rabbia contro coloro che indica come artefici della strategia per distruggerlo.

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: https://www.facebook.com/groups/CDDComitatodiCoordinamentoDifendiamolaDemocrazia/permalink/583693024994251/

Bisogna creare intorno a Paolo Ferraro un circuito di sicurezza fatto non solo di psichiatri e psicologi onesti, ma giornalisti, uomini politici, professionisti a vario titolo e tanta, tanta bella gente. Non mi meraviglia ma mi preoccupa la minaccia del ben “noto” professionista Luigi Cancrini fatta a suo tempo al magistrato Paolo Ferraro , di elettroshock, “se parli” … espressa a viva voce … nell’autunno del 2010 . E’ chiaro che Cancrini Luigi non si preoccupa assolutamente di dimostrare di appartenere a quella cordata di psichiatri deviati internazionale che ha sposato il progetto sul controllo mentale nato al Tavistock Clinic di Londra negli anni 20 del secolo scorso. Nel sito del Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale creato dalla stesso Cancrini Luigi, http://www.cstfr.org/storia.html, potrete vedere che il centro ha avuto fin dall’inizio regolari rapporti di scambio culturale e di ricerca con tutti i più importanti Istituti di Terapia Sistemica americani ed europei; e tra questi provate a indovinare quale c’è? Bravi………. c’è proprio il Tavistock Clinic di Londra. Per chi non avesse letto l’articolo sul Tavistock Institute scritto da me medesimo il 15 maggio su facebook lo ripropongo perché tutti voi capiate di che cosa sto parlando.
E’ evidente che il Magistrato Paolo Ferraro è un personaggio scomodo a causa delle registrazioni e trascrizioni audio rese pubbliche in tutta la rete internet. Ciò che succedeva e probabilmente succede ancora oggi nella Caserma della Cecchignola a Roma e in qualche altra caserma italiana o americana nella nostra bella Italia ha la sua origine nel lontano 1920 a Londra con l’apertura del Tavistock Institute of Human Relations con l’obiettivo di studiare le psicosi traumatiche da bombardamento nei reduci della Prima Guerra Mondiale. I file audio del magistrato Paolo Ferraro, unica prova esistente delle attività di controllo mentale negli apparati militari italiani chiamato MK – ULTRA acronimo di Manufacturing Killers Utilizing Lethal Tradecraft Requiring Assassination cioé la creazione di assassini con l’utilizzo di omicidi necessitanti destrezza letale, sono veri e propri progetti che hanno l’obbiettivo di creare automi umani in grado di compiere qualsiasi istruzione a comando, programmati addirittura a tempo. Tali procedure consistono nell’utilizzo sinergico di droghe psicotrope, nell’infliggere traumi psicologici profondi quali abusi e violenze sessuali. Da tutto questo è possibile generare pseudo-personalità multiple dissociate difficilmente rilevabili; sottopersonalità in grado di essere attivate attraverso ordini inconsci come numeri, colori, immagini, suoni.

Leggi il resto di questo articolo »

di Marco Della Luna – www.marcodellaluna.info

Il regime in questi giorni alza l’allarme sulla disoccupazione che si impenna, sulla produzione che si affossa, sulle piccole aziende che muoiono in massa. Il Quirinale grida alla crisi angosciante. Evidentemente, il regime sta creando panico sociale per far passare qualche brutto giro di vite fiscale, giustificato con l’esigenza di salvare posti di lavoro, e che invece produrrà effetti contrari, perché recessivi – come tutti i precedenti. Farà una nuova tassa patrimoniale, o una nuova razzia sui conti correnti, magari convertendo i depositi in azioni della banca depositaria, per risanarla a spese dei clienti, e consentirle così di creare nuove bolle, nuove voragini e nuove emergenze coi giochi speculativi in cui le banche oggi impiegano prevalentemente i propri fondi?

In ogni caso, sarà un altro, importante passo avanti nella ristrutturazione sociale in senso oligarchico, tecnocratico e autoritario in atto in Italia e vigorosamente portata avanti, negli ultimi tempi, da esecutori quali Mario Monti, con l’appoggio di quasi tutti i partiti e del Colle; mentre i grossi capitali e i grossi redditi si sono rifugiati off-shore, fuori dal raggio d’azione del fisco, il quale perciò si può rivolgere solo ai patrimoni e ai redditi medi e medio-piccoli, che non si sono delocalizzati. Berlusconi darà il suo endorsement a ulteriori manovre di quel tipo, e così forse guadagnerà un’assoluzione e il mantenimento della eleggibilità, quindi della libertà? Leggi il resto di questo articolo »

 di Gianni Lannes

Questa volta faranno le cose in grande per mietere quante più vittime possibili. Garantito. «Dobbiamo aspettarci un nuovo forte sisma, come quello dell’Irpinia: non sappiamo come, dove e quando avverrà… Ma sappiamo che arriverà nuovamente il giorno in cui ci troveremo a fronteggiare un’emergenza internazionale…».

 

 

Ecco cosa ha dichiarato un mese fa in occasione del festival del volontariato il prefetto Franco Gabrielli, ex capo dei
servizi segreti civili (Sisde, poi Aisi), attuale numero uno della Protezione Civile per nomina diretta del Governo Berlusconi al posto del famigerato Guido Bertolaso.  

L’allarmismo ingiustificato o infondato è un reato penale anche se viene alimentato dai vertici dello Stato? E se avesse ragione il numero uno del carrozzone statale? Ma se i terremoti per la scienza civile sono imprevedibili, allora il dottor Gabrielli è un chiaroveggente, oppure è stato informato da chi provoca i sismi artificiali, come nel caso delle forze armate degli Stati Uniti d’America che occupano illegalmente lo Stivale? A rigor di logica: delle due, l’una. A voi la scelta.

Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE