Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Ad undici anni di distanza, chi sono i veri complottisti?

Immagine anteprima YouTube

Articolo di Marco Cedolin * Link

La schizofrenia é ormai l’unico elemento saliente che caratterizza questa Europa dei poveri, di portafoglio e di spirito, gestita da una congrega ,di banchieri che lavora alacremente pe renderli sempre più poveri e portare a compimento lo smantellamento degli stati nazione e la creazione di un calderone globalista, dove non esistano più identità, ma solo persone senza volto, omogeneizzate, appiattite e alla bisogna perfettamente intercambiabili fra loro.
Le borse, i mercati e tutto il corollario d’identità astratte che assurgono a ruoli di onnipotenza (organismi che ad un cittadino normodotato dovrebbeo apparire estranei come i mestieranti di una fiction TV) dopo avere allegramente brindato quando poco più di un mese fa Mario Draghi annunciò che noi (non lui) saremmo stati pronti a tutto per l’euro, oggi festeggiano una seconda volta ed in maniera ben più rumorosa, dopo che il presidente della BCE, sconfiggendo la perfida Merkel, ha sdoganato il libero acquisto dei titoli di stato per combattere lo spread…..

Leggi il resto di questo articolo »

Riceviamo via e-mail e pubblichiamo
1. Lo spread che scende – cosi’ per volonta’ divina o meglio inconcepibilmente – ADESSO: come mai? Quindi lo spread e’ correlato alle parole che pronuncia il Signor Mario Monti (che pronuncia… magari gliele scrive qualcun altro su dei PIZZINI…?); non ai “mercati” dunque? O a cio’ che “vuole l’Europa”?

2. E la “CRISI” dov’e’ finita scusate? Mi sono persa qualcosa?

3. Si riparte, dice il Signor Monti? Come mai ADESSO? Ahh gia’! Hanno tolto l’art. 18 POCHI GIORNI FA… e DETASSATO le SETTE (grandi banche d’investimento). Le tasse aumentano per gli altri non per questi, inversamente proporzionale alle loro che diminuiscono. Adesso quadra, scusate!

4. Poi hanno appena appioppato ai POPOLI il patto di stabilita’ (quello che fara’ confluire tutti I VOSTRI averi nelle “LORO” tasche) e il pacchetto anti-spread alias manipolazione dei mercati a SOLO vantaggio di UNA ELITE/SETTA che; guarda il CASO; e’ quella che si e’ AUTOpiazzata alla BCE! Mi risulta che questi non siano ancora stati approvati (se non erro) dalla Germania. Ma…….. come sappiamo…… la Germania e’ brutta e cattiva! Quindi tutti contro la Germania, hurrah!

Leggi il resto di questo articolo »

Articolo di Paolo Franceschetti * Link

 

Premessa.
Ho deciso di scrivere questo articolo per parlare l’ennesima volta del blackout previsto per fine anno, per rispondere alle innumerevoli domande che mi giungono ogni giorno via facebook o per posta, sempre del seguente tenore: ma secondo te in quale data si farà? Ma alla fine il blackout ci sarà o no?


Le fonti della notizia e il problema di fondo.
Iniziamo col dire che l’idea di un blackout prossimo venturo non è un’idea mia o una teoria, ma una notizia ormai ufficiale che può essere tratta da diverse fonti.
Anzitutto la notizia parte dalla Nasa, che ha annunciato ormai da qualche anno il pericolo di una tempesta solare, che potrebbe bruciare tutti i generatori di corrente elettrica alternata. Una tempesta solare già ci fu nel 1859; le linee elettriche si interruppero per ore, e alle due di notte i testimoni dell’epoca raccontano che ci fu un chiarore come se fosse mezzogiorno; a quell’epoca però l’umanità non dipendeva come oggi dall’elettricità e quindi i danni furono quasi nulli. Attualmente invece un’ipotesi del genere significa una vera catastrofe; impossibilità di rifornirsi di benzina, impossibilità di scambiare merci con denaro per via del blocco di carte di credito, bancomat e altro, impossibilità di accedere ai conti correnti anche recandosi nella sede della banca, dato che oggi è tutto elettronico e automatizzato, impossibilità di reperire cibo nelle grandi città, blocco del traffico e delle telecomunicazioni. Leggi il resto di questo articolo »

Immagine anteprima YouTube

Qualche giorno fa vi ho raccontato che in Cassazione sono state appena presentate due proposte di legge popolare: una per uscire dall’Europa (e rientrarvi negoziando condizioni migliori) e l’altra per seperare le banche d’affari da quelle commerciali. A depositarle è stato il neonato Movimento Libera Italia, guidato da Bruno Poggi. L’ho intervistato per voi: guardate il video.

FUORI DALL’EUROPA
Intervista a Bruno Poggi, segretario del Movimento Libera Italia
MESSORA: Bruno Poggi, sondaggista, analista politico e segretario del neonato Movimento Libera Italia, movimento con delle finalità politiche che ci illustrerai. Benvenuto Bruno.

POGGI: grazie. Buongiorno.

MESSORA: Allora, io ti ho invitato perché tu, lunedì scorso, se non mi sbaglio, hai portato in Cassazione una proposta di legge che io ho titolato sul mio blog “Come uscire dall’Europa in quattro mosse”, ma che in realtà si chiama “Delega al governo di negoziazione sulla rescissione unilaterale dell’Italia dall’Unione Europea”. Ce la spieghi? Leggi il resto di questo articolo »

Gentili LETTORI/LETTRICI di SL,

dopo una necessaria parentesi vacanziera come AUTORE di SL; riprendo a dialogare con Voi con questo utile POST tratto da quella miniera di informazioni che è il sito di DIONI da dove abbiamo imparato TUTTI assieme a farci a casa in modo naturale un DENTIFRICIO, ora impareremo a produrre “artigianalmente” anche un rinfrescante & salutare COLLUTORIO un vero toccasana per la nostra bocca !!!

NAMASTE’-ALOHA-HASTA SIEMPRE
SDEI

Articolo di DioniLink

 

Dopo aver letto l’articolo Cosa contiene il collutorio di uso comune, chi vuole continuare ad usare un questo prodotto per rinfrescare la bocca e l’alito probabilmente non andrà più ad acquistarlo al supermercato, ma in erboristeria con un’occhiata agli ingredienti.  Chi invece volesse divertirsi a farlo da sé di seguito sono riportate diverse ricette per sbizzarrirsi con la natura a seconda dei propri gusti in modo efficace e soprattutto salutare.

Leggi il resto di questo articolo »

Dal blog di Giovanni Lollo * Link

Ormai è un fatto incontestabile: coloro che hanno basato la loro carriera sulla scommessa dell’euro sono letteralmente alla disperazione.

banconote_varieFanno di tutto per infondere sicurezza nei mercati, quando anche il minimo “battito di ali” di una farfalla, fa saltare equilibri che sembravano acquisiti, ogni solenne dichiarazione viene puntualmente smentita nel giro di massimo 24 ore e il frenetico ritmo di incontri che il nostro dipendente a capo del governo sta organizzando è utile soltanto a riempire i titoli dei giornali, dato che parlare delle reali condizioni economiche del paese, sarebbe troppo deprimente. L’ultima trovata è stata quella di incontrare anche il papa, nella speranza che almeno lui lo ascolti…

Nel frattempo, chi ha la sensazione chiara di come sta andando realmente l’economia, si prepara all’inevitabile crollo dell’euro, studiando la possibilità di introdurre forme di moneta complementare (clicca qui) indispensabili a risollevare le aziende dalla crisi e propedeutica al passaggio epocale di cambio monetario che seguirà il disastro dell’euro. Leggi il resto di questo articolo »

Quando lo conobbi la prima volta tre anni fa e lo sentii parlare, ci misi meno di un minuto a catalogarlo tra i “picchiatelli”. Avvenne quando mi disse che sotto il monte Piancavallo ci sono enormi caverne dove Rettiliani e Americani lavorano in combutta per danneggiare l’umanità.

Tutte le volte che ai mercatini, dove ho la bancarella, lo incontro, riesce a stupirmi con novità inverosimili. Per esempio quando mi ha detto che le fate se ne sono andate dal pianeta Terra a causa dell’inquinamento. O quando mi ha detto che attorno al nostro pianeta c’è una griglia che impedisce alle anime di uscire. L’ultima in ordine di tempo è di pochi giorni fa, quando mi ha detto che HAARP è stato neutralizzato dagli abitanti della Terra Cava.

Oggi siamo amici, continuiamo a vederci ai mercatini (mi porta anche merce da vendere) e lo considero degno di attenzione non meno che di rispetto, anche se non posso non rilevare l’influenza negativa che – secondo me – certi guru cibernetici hanno esercitato su di lui. Nel mare magnum dei siti internet c’è anche molta spezzatura “annebbiacervello” che deve essere presa cum grano salis e che richiede grande capacità di discernimento da parte degli utenti.

Le cose in cui crede fornirebbero molto materiale di dileggio agli scettici che ho intervistato recentemente, ma la differenza è che costoro espongono le loro argomentazioni con una spocchia fastidiosa, mentre il mio amico si rende conto che, con quanto afferma, corre il rischio di essere preso per pazzo.

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: mentereale.com

Ragazzi lo sapete che in tutta l’UE (tranne Italia e Grecia) è riconosciuto un reddito minimo di cittadinanza (almeno 350€ + spese affituali) a ogni maggiorenne con meno di 12mila euro di reddito annuo?

Altri dati welfare (ma sono solo alcuni, di esempi ce ne sono molti altri):

1) Indennità disoccupazione:

- Per avere l’indennità di disoccupazione in Italia occorrono almeno due anni di contributi, oppure 52 contributi settimanali negli ultimi due anni. In Francia per aver diritto all’indennità è necessario aver lavorato almeno 6 degli ultimi 22 mesi. L’ammontare dell’indennità viene stabilito con una media della retribuzione degli ultimi 12 mesi, secondo un sistema che salvaguarda i redditi più bassi. La durata dell’indennità varia da un minimo di 7 mesi ad un massimo di 60. A ciò si aggiungono circa 10 euro fissi al giorno, in determinate circostanze. Leggi il resto di questo articolo »

Articolo di Daniele Di Luciano * Link

Genitori e figli: pronti per l’incesto?

Quando per caso mi è capitato di vedere una puntata di “Mammoni“, l’ennesimo reality di Italia1, sono rimasto allibito ma, nella mia ingenuità, non ho pensato all’ennesima subdola propaganda. Forse – mi son detto – è solo un programma che guardano milioni di italiani, niente di più.

Naturalmente scherzo: ho pensato subito alla subdola propaganda. Ormai dovrebbe essere chiaro ai lettori del nostro sito: nulla di ciò che ci fanno vedere è casuale. Le pubblicità pagano milioni di europer entrare trenta secondi nelle case di milioni di italiani; solo uno sciocco potrebbe pensare che un programma di due ore non venga studiato scena per scena prima i andare in onda.

Soprattutto un programma come “Mammoni” in cui il protagonista assoluto è il montaggio.

Per chi, fortunatemente, non lo conoscesse, ecco la trama, semplice e agghiacciante: alcuni “ragazzi” single, dai 25 ai 40 anni, decidono che è arrivato il momento di incontrare l’amore della loro vita e quindi, giustamente, chiedono aiuto alla redazione di Mediaset.

In questo modo ognuno di loro incontrerà una decina di ragazze, sempre in luoghi romantici, sempre con il cameramen e il fonico che li seguono e li spiano. Ah, che bello l’amore! Le ragazze, ovviamente, sono tutte disposte a passare la vita con i mammoni che la redazione ha scelto per loro… Per la precisione: non solo ragazze ma anche ragazzi. Infatti tra i mammoni c’è un ragazzo gay che dovrà scegliere tra ragazzi gay. Tutto in prima serata, tutto sotto gli occhi dei bambini per cui diventa tutto normale. Mica qualche omofobo avrà dei problemi?

Fin qui niente di diverso da “Uomini e donne“, eccezion fatta per il titolo che dovrebbe variare in “Uomini e donne o uomini e uomini o donne e donne“. Già, perché anche le ragazze in attesa di “maritarsi” non disdegnano lo stesso sesso…

Leggi il resto di questo articolo »

http://www.nexusedizioni.it

Romney

Se c’è ancora qualcuno che pensa che in democrazia le elezioni siano davvero libere e che tutti i candidati abbiano pari possibilità di essere eletti, forse riformulerà le proprie convinzioni leggendo l’articolo che segue. Forse, infatti, è passata di sfuggita una notizia non poco importante in merito alla convention repubblicana di Tampa che, nei giorni scorsi, ha ufficializzato la nomina di Mitt Romney a competitor di Obama. Infatti, come si legge su un quotidiano , “fanno notizia i voti che Ron Paul è riuscito a ottenere. Voti di protesta, che dimostrano le divisioni interne al partito repubblicano. I fan del deputato del Texas hanno rumorosamente sostenuto il loro candidato, accogliendo con urla entusiastiche l’appoggio di Iowa, Nevada e Minnesota. “Let him speak”, fatelo parlare, ha urlato qualcuno, facendo riferimento al fatto che Paul non è stato incluso nella lista degli speaker”. Già, perché Paul, unico ad aver fronteggiato Romney fino alla fine, non ha parlato alla convention, a differenza degli altri candidati ‘sconfitti’? Perché tanto attrito contro l’elezione di Romney da parte dei suoi sostenitori? In passato, avevamo già parlato di Ron Paul e del suo programma ‘anticonformista’ in quest’articolo , ma con le righe che seguono avrete modo di capire cosa sia veramente il modello di ‘democrazia’ che si vuole espandere nel mondo attraverso le bombe, la propaganda e le ‘rivoluzioni colorate’. Leggi il resto di questo articolo »

Immagine anteprima YouTube

 

Moisés Naim, uomo della Banca Mondiale e della National Endowment for Democracy

Un bankster all’attacco dei Non Allineati

Alcuni vendono falsi contrassegni dell’assicurazione dell’automobile, altri vendono a cinque euro delle banconote da venti stampate in cantina, altri ancora vendono la stessa casa a dieci diversi acquirenti o la fontana di Trevi ai turisti americani. Tutti costoro non hanno quasi mai destini radiosi: sono relegati all’emarginazione sociale, alla vita di espedienti, alle cronache nere o grottesche.
Non hanno certo la fortuna di chiamarsi Moisés Naìm cui – pur loro omologo col vizio della falsificazione – addirittura viene concessa la prima pagina dei quotidiani della stampa più “autorevole”. Ci siamo già occupati di questo personaggio, già ministro dell’industria e del commercio del governo finanziario del Venezuela pre-chavista e in seguito uomo forte della Banca Mondiale e della National Endowment for Democracy. In linea con le direttive emanate dagli istituti di cui è stato esponente, questi si è sempre fatto alfiere della destabilizzazione, attraverso campagne di disinformazione mirata, degli Stati che si trovavano in intollerabile disallineamento nei confronti delle imposizioni americano-sioniste e – attraverso di queste – della grande finanza apolide.
Questa volta ha affidato alle colonne de La Repubblica la sua opera di disinformacija. Dal titolo dell’articolo si avrebbe potuto pensare che l’Autore fosse stato illuminato da chissà quale lampo di onestà autobiografica: Quella finanza criminale che il mondo non vede. Ma già dopo poche righe questo pio pensiero si tramuta in altro. Il Naìm analizza infatti le connessioni e addirittura la coincidenza tra le organizzazioni criminali e i governi di alcuni Paesi del mondo; e quali mai saranno queste “nazioni-canaglia”? Bene, insieme alle immancabili Myanmar, Guinea-Bissau, Corea del nord e Afghanistan (ma come? non era questo un Paese “liberato”?) trovano posto soprattutto il Venezuela (evidente il risentimento dell’Autore nei confronti del suo popolo, “reo” di averlo messo su un aereo e rispedito a Washington), che viene esplicitamente accusato di narcotraffico, e la Russia, tacciata di connivenza con le organizzazioni mafiose nel lucroso commercio del gas e degli idrocarburi. Leggi il resto di questo articolo »

Alitalia abbandona l’aeroporto di Tessera. A casa i cento dipendenti veneti

fonte: Rinascita.eu
di: Alessandro Cavallini
In questo momento di grave crisi economica, c’è anche chi ha deciso di adottare delle decisioni quanto meno bizzarre. Stiamo parlando di Alitalia, che a breve trasferirà, a spese loro, i circa 100 dipendenti veneti che si trovano all’aeroporto Marco Polo di Tessera (Ve), sostituendoli con sei equipaggi provenienti dalla Città Eterna.
I consiglieri regionali del Pd, venuti a conoscenza di tale progetto, hanno immediatamente presentato alla Giunta un’interrogazione. L’abbandono dello scalo veneziano da parte di Alitalia, perché questo sarebbe nella realtà il risultato finale dei trasferimenti stabiliti, rappresenterebbe “un errore politico-strategico imperdonabile per il presidente Luca Zaia e dannoso per tutto il Nordest”.
Nell’interrogazione dei consiglieri, proposta da Bruno Pigozzo e controfirmata dalla presidente del gruppo Laura Puppato, dal vicepresidente Lucio Tiozzo e da Graziano Azzalin, Giuseppe Berlato Sella, Franco Bonfante, Roberto Fasoli, Stefano Fracasso, Sergio Reolon, Piero Ruzzante e Claudio Sinigaglia, si chiede se la Giunta “allo scopo di salvaguardare i posti di lavoro dei dipendenti veneti di Cai Alitalia, nonché tutelare gli investimenti pubblici erogati alla compagnia e l’economia del territorio, intenda intervenire urgentemente con il ministero delle Infrastrutture per fare luce sulle reali motivazioni che spingono la compagnia ad adottare, nei confronti dello scalo veneziano, politiche apparentemente insensate ed antieconomiche per la compagnia di bandiera”. Secondo i rappresentanti del Pd, la questione non riguarda solamente i cento dipendenti veneti costretti a trasferirsi a Roma, ma anche lo sviluppo futuro dello scalo veneziano, il terzo a livello intercontinentale, ma solo grazie alle compagnie estere.

Leggi il resto di questo articolo »

Carla Reschia – “La Stampa

Una candid camera che gira in rete pone il problema della provenienza del nostro cibo. Meglio vegetariani o carnivori consapevoli?

Vorrei condividere un video che gira su Youtube e che è molto ripreso su Facebook.
Una sorta di candid camera brasiliana, divertente volendo, ma molto seria.

Il tema è mangiare o meno la carne. Certo, prevengo l’obiezione, c’è chi non ha questo problema perché non ha, semplicemente, da mangiare. Ma io sto parlando di noi che, per quanto poveri o impoveriti, la fettina, o la salsiccia, non ce la facciamo mancare. Senza un senso di colpa al mondo e senza per questo perdere la nostra tenerezza verso i cuccioli, le mucche con i grandi occhi dolci, Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia