Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Venezia Palazzo Ducale

Pochi Veneti sanno che… come civiltà la loro è  più antica di quella romana (Combatterono a fianco dei Troiani contro i Greci – descritti  nell’Iliade – “Roma” e gli “Etruschi” all’epoca non esistevano) .

Pochi Veneti sanno che… il famoso  Villaggio della Bretagna che i Romani non riuscivano a conquistare, era un villaggio Veneto (Giulio  Cesare – De bello gallico libro II).

Pochi Veneti sanno che… a scrivere la storia di Roma fu un  Veneto, Tito Livio.

Pochi Veneti sanno che… la vittoria dei Romani contro Annibale fu per merito  dei soldati Veneti.

Pochi Veneti sanno che… i Veneti hanno salvato Roma per ben tre volte – due  volte contro i Galli e la terza nella loro guerra civile

Pochi Veneti sanno che… che la prima nave  con i cannoni ai lati (Galeazza) fu una loro invenzione.

Pochi Veneti sanno che… che il simbolo “@”  fu inventato da loro nel XI° secolo per questioni commerciali.

Pochi Veneti sanno che… che a Treviso si trova il testo più antico al mondo di algebra, “l’Abaco”. Leggi il resto di questo articolo »

Gerusalemme News – 11/6/2012

Al-Quds (Gerusalemme) – InfoPal. Israele continua ad applicare la Legge sulle Proprietà degli Assenti* nei confronti dei palestinesi che durante il censimento del 1967 non si trovavano nelle loro case. Da quel momento le autorità d’occupazione israeliane presero a confiscare i loro beni mobili e immobili trasferendoli a un’autorità presposta alla gestione, alla vendita e all’affitto.

Con questo strumento Israele ha creato 15 colonie nel cuore di Gerusalemme Est, facendovi trasferire 210mila coloni israeliani.

L’ultimo rapporto della Coalizione civile per i diritti dei gerosolimitani indica che il 35% delle proprietà palestinesi a Gerusalemme sono state confiscate ricorrendo alla legge in questione e adottando sempre il pretesto dell’ordine pubblico.

Leggi il resto di questo articolo »

o meglio, obbliga l’Italia a pagarsi il proprio bail-out.

 

Propaganda. Della manipolazione dell’opinione pubblica in democrazia 

Questo é il titolo di uno dei tanti  libri scritti da Bernays e data 1928!

Si parla spesso della vera utilitá della  televisione, di cosa sono i  messaggi subliminali, di persuasione occulta, di vita basata sul  consumismo e di altre problematiche collegate con i mass media, forse, se si   cominciasse  dall´inizio questi concetti potrebbero diventare piú chiari ma,  non é mai troppo tardi per capire qual´é il vero significato della parola “manipolazione“!

Se tutti credono in qualcosa, allora, quel qualcosa é probabilmente falso!

Questo è ciò che si chiama:  luogo comune.

Tim O’Shea, Propaganda: come credere a tutto

Edward L. Bernays usó e applicó la scienza di suo zio, S. Freud, per creare illusioni ingannevoli. Vendette la sua arte ai migliori offerenti, rivoluzionó  tragicamente il mondo dell´epoca e contribuí generosamente a farlo diventare quello che é oggi, sedette al tavolo con i piú grandi (delinquenti) della storia.

Grazie a lui le donne cominciarono a fumare, il bacon fu introdotto nella colazione mattutina e la gente cominció a essere manipolata a propria insaputa!

In questi film, quello inserito é il primo di 6 video,  si puó vedere come é nata la persuasione di massa: incantare, convincere, rimbambire e … controllare!

p.s.

nel caso che qualcuno abbia  problemi a trovare gli altri 5 video basterá che lo scriviate e io li inseriró tutti.

Vi auguro buona visione

Immagine anteprima YouTube

Solo le logiche perverse delle democrazie occidentali, prevedono che in tempo di crisi si debbano finanziare i ladri e fare morire i derubati!

E’ questo il modo in cui intendono “dare fiato ai consumi e ossigeno all’economia?” Questa equazione non riesce ad entrarmi in testa! Le banche, che rappresentano quel soggetto che più di ogni altro ha concorso al dissesto socio/economico (la “crisi”) dei paesi dell’eurozona, oltre a non essere mai state sanzionate e denunciate all’autorità competente per crimini finanziari, vengono spudoratamente e inspiegabilmente premiate.
La gente non ha lavoro, non produce, non consuma – le fabbriche chiudono, il debito aumenta, il pil sprofonda, la borsa crolla, e la soluzione ad un tale problema, consiste nel dare soldi alle banche!! Quale è la logica? Io non sarò un genio, ma mi associo alle parole di Einstein quando afferma “che non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna”.  Mia nonna, donna intelligente, ha cercato in tutti i modi di capirci qualcosa di questo meccanismo, ma dopo alcune settimane ha gettato la spugna!!

Leggi il resto di questo articolo »

vimen fonte: www.movisol.org

L’ossessione di Obama per i droni assassini

11 giugno 2012 (MoviSol) – Il New York Times del 29 maggio ha pubblicato un profilo devastante del Presidente Obama e della “lista segreta degli eliminandi” che egli approva personalmente. L’articolo si basa su interviste con 36 ex e attuali collaboratori. Gli autori, Jo Becker e Scott Shane, ricordano che Obama è il docente di diritto progressista “che fece la campagna contro la guerra in Iraq e contro la tortura”, il quale si è trasformato in una persona con l’ossessione di uccidere i sospetti terroristi, studiando i casi individuali uno per uno e arrogandosi il potere di decidere chi verrà prescelto.

Leggi il resto di questo articolo »

di Eleonora Bianchini

Su Milano2.0 abbiamo già parlato di scie chimiche e di complottisti, ipotizzando possibili scenari per un fenomeno molto misterioso. Oggi vi proponiamo un video. Per approfondire visitate questo link e leggete qui sotto:

Il Tempo della Fine è Qui
www.the-end.com/italianoNel 2008 l’ultimo avvertim. di Dio Nel 2012 crollo econom. e 3a guerra

Il nome “scie chimiche” è la traduzione del termine chemtrails, coniato per la prima volta nel 1996, anno in cui, in Canada, si ebbero i primi avvistamenti delle medesime. Le scie chimiche vengono definite tali per il semplice motivo che non sono scie di condensazione (contrails), ma sono generate artificialmente, a quote e condizioni di temperatura ed umidità non idonee alla formazione delle scie di condensa tipiche. Le scie di condensa, infatti, si formano a quote superiori ai 9.000 metri, valori di umidità superiori al 72% e temperature inferiori a -41° Celsius.

Leggi il resto di questo articolo »

Stop ai bancomat di tutta Europa e persino controlli speciali alle frontiere, se la Grecia dovesse “ripudiare” il debito e uscire dall’euro: le autorità centrali di Bruxelles pensano a una procedura d’emergenza di fronte a un possibile “worst case scenario”. «Non succede, ma se succede sono pronti», scrive “La Stampa”. In realtà, l’Unione Europea è convinta che esista una via d’uscita – e cioè l’ammorbidimento della stretta creditizia su Atene – ma intanto non può fare a meno di ragionare sull’ipotesi dell’uscita traumatica della Grecia da un’Eurozona sempre più traballante: cento miliardi per tamponare l’emorragia delle banche spagnole e «tre mesi di tempo» per interventi risolutivi salva-euro, come ha confermato alla “Cnn” la direttrice del Fmi, Christine Lagarde, facendo eco al super-finanziere George Soros.

Leggi il resto di questo articolo »

PRESSO IL TRIBUNALE DI ROVIGO N.482/2001 NR RG
RICHIESTA DI SEQUESTRO PREVENTIVO
-artt. 321 cpp , 104 D. Lv. 271/89-

Al Sig Gup – sede
Il Pubblico Ministero, Dott.ssa Manuela Fasolato,
visti gli atti del procedimento penale sopra indicato nei confronti dei soggetti e per i reati di cui alla richiesta di rinvio a giudizio, che si intende integralmente richiamata;
richiamate integralmente le motivazioni esposte nell’avviso ex art.415 bis cpp di conclusione delle indagini preliminari, in atti, le quali ripercorrono le tappe salienti dell’indagine e che appaiono di supporto alla presente richiesta di sequestro preventivo relativa ad altri giacimenti, sussistendo le medesime argomentazioni in ordine ai pericoli per gli abitanti e per i territori conseguenti alla subsidenza, nonché in ordine ai danni già verificatisi all’ambiente già esposte con riferimento alla precedente richiesta di sequestro preventivo relativa ai giacimenti Naomi Pandora e Irma Carola; Leggi il resto di questo articolo »

Global War e guerra di tutti contro tutti: dove stiamo andando? .…Steiner ha previsto…

Articolo di Piero Cammerinesi

“La guerra non è fatta per essere vinta, ma per essere continua. Allorché la guerra diventa letteralmente ininterrotta, cessa nel contempo di essere pericolosa”.

(George Orwell, 1984)

Quello che le élite stanno cercando di trasmettere alle popolazioni mondiali attraverso la falsificazione del linguaggio – la guerra umanitaria, la missione di pace, l’esportazione della democrazia, lo scontro di civiltà etc. – è il concetto che “la guerra è qualcosa di assolutamente normale”.

L’effetto del rifiuto della guerra come metodo per risolvere i problemi tra i popoli – prodotto per lungo tempo sugli uomini dalle carneficine dei due conflitti mondiali – dopo quasi settant’anni si è affievolito e oggi si torna a propagandare la guerra, anche se ‘travestita’ di pacifismo o di ristabilimento della giustizia sociale.

In realtà quanto sta avvenendo oggi è una globalizzazione della guerra, studiata a tavolino e promossa proprio da quegli stati che sono – a parole – i più attivi difensori delle leggi internazionali e dei diritti democratici. Leggi il resto di questo articolo »

http://aurorasito.wordpress.com/
Thierry Meyssan Réseau Voltaire Damasco (Siria) 10 giugno 2012

Gli Stati membri della NATO e del GCC stanno preparando un colpo di stato e un genocidio settario in Siria. Se volete opporvi a questi crimini, agite subito: mettete questo articolo in rete e segnalatelo ai vostri eletti.

Tra pochi giorni, forse già venerdì 15 giugno, a mezzogiorno, i siriani che vorranno guardare i canali nazionali li vedranno sostituiti sui loro schermi dalle televisivi create dalla CIA. Immagini realizzate in studio mostreranno massacri attribuiti al governo, manifestazioni pubbliche, ministri e generali che danno le loro dimissioni, il presidente al-Assad che fugge, i ribelli che si radunano nel cuore delle principali città, e un nuovo governo  che s’installa nel palazzo presidenziale.
Questa operazione, direttamente guidata da Washington da Ben Rhodes, viceconsigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, è destinata a demoralizzare i siriani e a consentire un colpo di stato. La NATO, che si scontra con  il doppio veto di Russia e Cina, giungerà a conquistare la Siria senza doverla attaccare illegalmente. Qualunque sia il giudizio sugli eventi attuali in Siria, un colpo di stato metterebbe fine ad ogni speranza di democratizzazione.

Leggi il resto di questo articolo »

Articolo di Gianpaolo Marcucci * Link

L’economia, ovvero la gestione razionale delle risorse, esiste, è un fatto, un qualcosa di reale. Ma, quando oggi parliamo di economia, cosa intendiamo? Quando vediamo i media parlare di spread,  di bot, di mercati finanziari; quando sentiamo esperti, professori e giornalisti riempirsi la bocca di formule matematiche incomprensibili a sostegno di fantomatici modelli di crescita, siamo proprio sicuri che stiamo parlando di qualcosa che riguarda la gestione razionale delle risorse del pianeta?

L’articolo 25 della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo recita così: “Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari, ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità vedovanza, vecchiaia o in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà.” Tuttavia oggi è universalmente risaputo che se un uomo non possiede sufficiente denaro non può assolutamente nutrirsi ne avere una casa o curarsi in maniera adeguata. L’unica legge che governa il mondo oggi e che permette di decidere chi può morire di fame e chi di obesità è solo la legge del profitto. Non solo tale legge non è equa, ma sta letteralmente causando il folle disfacimento delle risorse ecologiche ed umane del nostro pianeta; si, umane, perché l’uomo è una risorsa, una parte dell’organismo mondo che dovrebbe vivere in sintonia con l’ambiente che lo ospita.

Ma allora che razza di modello economico è questo? Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia