Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Titolo da http://pas-fermiamolebanche.blogspot.it/ – Articolo tratto da: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/12/troika-ad-atene-“evacuate-isole-con-meno-di-centocinquanta-abitanti”/380473/

La troika ad Atene: “Evacuate le isole con meno di centocinquanta abitanti”
Vicino l’accordo con il governo per tagli da 13 miliardi. Intanto continua, con Coca-Cola Hellenic, l’emorragia delle multinazionali dalla Grecia. E Bloomberg conferma le aspettative sulla produzione aurifera del Paese

di Francesco De Palo

“Evacuate le isole con meno di centocinquanta abitanti”, firmato troika. Nel sessantottesimo anniversario della liberazione di Atene dai nazifascisti (era il 12 ottobre del 1944) i rappresentanti di Bce, Ue e Fmi, impegnati in vertici no stop in queste ore nella capitale ellenica per concedere l’ulteriore tranche di aiuti che eviti la bancarotta della Grecia, accanto a misure draconiane come tagli di dipendenti pubblici e fondi per la sanità, hanno tirato fuori dal cilindro anche questa singolare richiesta, sulla quale in tarda serata c’è stata la smentita da parte del commissario europeo Olli Rehn. Come se quel provvedimento dal sapore amarissimo per chi su un’isola vi è nato e vi lavora possa da solo influire sul mare di debiti che affliggono la Grecia. C’è anche questa dose di assurdità all’interno del pacchetto di misure che sta provocando una rivolta sociale in un paese stremato dal memorandum, con la disoccupazione che sfonda la soglia del 25% e con i dati Unicef che gridano tutto il loro dolore: 400 mila bambini sottonutriti. E che, come confermano fonti ministeriale, potrebbe vedere la luce entro domenica, in virtù di un accordo quasi raggiunto tra governo di Atene e troika.

Il pacchetto comprende tagli alle pensioni per circa 4,9 miliardi di euro nel 2013, oltre a tagli su salari, indennità e prestazioni sanitarie per un ammontare complessivo di 13,5 miliardi di euro in due anni. Al momento il dibattito sarebbe ancora “aperto” sui 300 milioni di euro di tagli alle prestazioni di invalidità. Ma in linea di massima le ottantanove riforme fiscali strutturali proposte dalla troika dovrebbero vedere la luce in parlamento prima dell’eurovertice del prossimo 18 ottobre. Anche se è sulla recessione che si giocherà molto di questa partita: in quanto la troika ha già fatto filtrare la sua posizione in merito. Si aspetta il 5% del Pil nel 2013, mentre la parte greca è ferma al 3,8% del PIL. All’interno del pacchetto finale da 13,9 miliardi dal ministero confermano che vi sarà una clausola di condizionalità, ovvero il fabbisogno di finanziamento che se effettivamente approvato, potrebbe essere propedeutico alla famosa proroga di un biennio (come ha lasciato intendere ieri anche il direttore dell’Fmi Christine Lagarde), e per complessivi 12 miliardi di euro. Su cui ancora pesa ancora il veto di Berlino. Il ministro delle finanze Schaeuble per ben due volte da Tokyo ha infatti ribadito che “non c’è alcuna alternativa alla riduzione del debito degli Stati della zona euro”. Leggi il resto di questo articolo »

Immagine anteprima YouTube

 

 

Fate copincolla del linkhttp://www.youtube.com/watch?v=jt-W2Cv7sH8

http://dadietroilsipario.blogspot.it/

Lisbona

Ue: prove di sollevazione?

Aggiornamento: anche a Parigi (ma non c’era il magico Hollande tutto diritti e niente austerità?) pare che ci sia molto fermento. La gente chiamata a raccolta dal fronte di sinistra manifesta contro l’austerità. In Italia, l’autoeletta parte “sana” del paese, quello stesso fronte di sinistra sta preparando il No Monti day. Sarà il Profumo delle elezioni che ha fatto risvegliare questa “parte sana”, ben lieta di non aver disturbato il manovratore fino ad oggi? Mentre viene oscurata dai media mainstream la manifestazione apparentemente trasversale ed apartitica della Catena Umana già circolano articoli che trasudano soddisfazione per il supposto flop dell’iniziativa. Il primo è del Fatto Quotidiano, finta testata alternativa (basti pensare alla propaganda pro vaccini), il secondo su giornalettismoche sfotte chi tenta in buona fede di cambiare lo status quo. Forse, proprio questo disturba chi non gradisce

iniziative e manifestazioni che non siano state prima “validate” dai magna magna partitici.

Barbara

Portogallo: protesta anti-austerità a Lisbona

(AGI) – Lisbona, 29 set. – Migliaia di portoghesi hanno manifestato a Lisbona contro l’austerita’, mentre il governo dovra’ presentare a meta’ ottobre una nuova, dura finanziaria.
La protesta pacifica e’ stata organizzata dal sindacato della CGTP e arriva dopo che il premier, Pedro Passos Coelho ha promesso di ascoltare la voce del popolo, rivedendo in parte i rincari delle tasse e contributivi precedentemente annunciati.
Resta il fatto che nella finanziaria per il 2013 l’esecutivo dovra’ comunque varare nuovi sacrifici per evitare che il deficit sfori il tetto concordato. Oggi i manifestanti a Lisbona hanno scandito slogan contro il governo di centrodestra. “Un anno fa – ha detto dal palco il leader sindacale, Armenio

Carlos – il premier ci aveva assicurato di aver concordato con la troika le soluzioni per risolvere i problemi del Paese. Ma e’ un film che abbiamo gia’ visto in Grecia, stiamo andando verso una strada senza uscita, che ci sta spingendo nel precipizio” . AGI

Come per Tangentopoli, si ripete oggi il colpo di mano di un potere giudiziario che ha sempre tollerato  il malcostume e la corruzione e che adesso inchioda anche i politici locali. E’ in atto di fatto, con questa nuova ondata di inquisizioni,  un azzeramento della politica a tutti i livelli. In un colpo solo saranno smembrati, spazzati via tutti i partiti a partire dalla base, quella locale, la meno compromessa. Il piano di dominio si fa sempre più palese.

Dal canto suo il servizievole Monti ed il suo governo di “tecnici”,  ha esautorato le Regioni  delle loro sudate e sofferte conquiste di autonomia,  azzerandone di fatto l’operatività extra ragioneristica e con questo intendo la possibilità di decisione e programmazione  dello sviluppo della loro terra. L’opera di devastazione globalista corre velocemente su due binari paralleli quello tecnocratico e quello giudiziario.

Nelle lande lasciate scoperte dalla politica, pur con i suoi gran difetti e costi per la società, scorazzeranno solo i servitori delle banche internazionali; banche alle quali con servile sussiego saranno dati in premio i beni del Bel Paese.

Se qualcuno ha ancora gli attributi,  si faccia avanti, questo è il momento di passare sopra ad ogni divisione ideologica ed approntare una linea di difesa comune. Se ci lascieremo bollire la condanna sarà nelle ipotesi migliori una feroce  schiavitù.

Noi di Stampalibera  siamo quì, stiamo combattendo in prima persona, per il bene comune, ci abbiamo messo il cuore e l’anima.

Abbiamo delle idee ed aspettiamo impegno,

Leggi il resto di questo articolo »

Dopo il Nobel “preventivo” a Obama nel 2009, oggi viene premiata l’Ue. Una decisione che lascia allibiti: incapace di arginare la crisi, Bruxelles non fa altro che complicarci la vita

Articolo di Andrea Indini * Link

Qui non si tratta di essere filo o anti europeisti. Tuttavia, il premo Nobel per la Pace all’Unione europea nel migliore dei casi ingenera una certa incredulità. Nei peggiori un marcato sdegno. Vuoi perché i tecnici, gli economisti e i vari ministri dell’Ecofin si sono rivelati del tutto incapaci e impreparati a superare il primo vero problema che gli si è parato dinnanzi dalla formazione dell’Ue: la crisi economica. Vuoi perché le norme, i trattati e le leggi partorite dagli euroburocrati non hanno fatto altro che complicarci la vita anziché semplificarla. Vuoi perché ogni anno gli italiani pagano ancora di tasca propria la scelta più nefasta presa dai tecnocrati europei: l’unione monetaria. Leggi il resto di questo articolo »

11 ottobre 2012 * www.greenreport.it

Qualche ora prima della manifestazione nazionale contro l’installazione del terminale terrestre del Muos, il nuovo sistema satellitare delle forze armate Usa, su richiesta della Procura della Repubblica di Caltagirone, a conclusione di indagini avviate nel luglio del 2011, sono stati sequestrata perviolazione delle leggi sull’ambiente l’area e gli impianti del sistema di comunicazioni “Mobile user objective sistem” (Muos) della stazione “Naval radio transmitter facility” (Nrtf) delle Forze Armate Usa in Sicilia. (E’ HAARP decentrato sul Mediterraneo)

La stazione radio statunitense sorge in di contrada Ulmo ed è stata costruita  all’interno della riserva naturale della Sughereta di Niscemi (Caltanissetta), area a inedificabilità assoluta e sito di interesse comunitario.

Il Wwf è soddisfatto e in un comunicato sottolinea di essere «Più volte intervenuto nei mesi scorsi sulla vicenda insieme al comitato No Muos, segnalando non solo il grave danno ambientale che l’impianto ha sul delicato equilibrio della riserva naturale, ma anche i gravissimi rischi per la   salute  dei circa 500.000 cittadini che abitano in prossimità della stazione radio. Già adesso infatti questa consta di 42 antenne impiantate   dalla Marina statunitense   che ha emissioni radio superiori ai limiti consentiti dalla normativa vigente. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: peopleinpraise.org * Link

Il regno di Satana, per stare in piedi, come dice Gesù, non conosce divisione, defezioni, tradimenti, diserzione, distrazioni, infedeltà, negligenza, impreparazione. I demoni agli ordini di Satana odiano Dio e persino Satana, odiano l’uomo e la vita, ma sono sempre perfettamente obbedienti e sottomessi, perché questo permette loro di avere potere e di esercitare il potere. Il regno di Satana si regge su di un’allucinante, perversa, orribile, assurda, agghiacciante, delirante forma di unità. Nel regno di Satana tutti i demoni si odiano nel modo più violento ed efferato, non sono d’accordo su nulla, non vogliono condividere nulla, ma al tempo stesso nessuno va contro l’altro e tutti rispettano, assolutamente sottomessi, le gerarchie, senza alcuna discussione o ripensamento. Il regno di Satana è la più avanzata e riuscita forma di globalizzazione mai realizzata, e Satana usa questa forma di totale controllo, dominio e supremazia per creare la stessa forma di globalizzazione sulla terra, che i potenti del mondo chiamano “nuovo ordine mondiale”. Satana ha fatto un tentativo di globalizzazione anche ai tempi della torre di Babele e il Signore è stato costretto a intervenire per scongiurare l’autodistruzione dell’umanità (Genesi 11). Leggi il resto di questo articolo »

Articolo di Stefano Davidson per Stampa Libera

Lo scopo di questo breve articolo è di dare a grandi linee la dimensione del mondo che abbiamo intorno, anzi della galassia intera. Abbandoniamo quindi momentaneamente lo squallido pianeta i cui tre abitanti Monti, Draghi e Napolitano la stanno facendo da padroni. Escludiamo per un attimo anche i coinvolgimenti politici internazionali che fanno girare questo pianetino come se fosse una trottola ed entriamo nella complessa nebulosa dei possibili, anzi probabili, probabilmente certi, “complotti di ordine economico finanziario” che ruotano intorno a tutto. Sì, a tutto, non solo al nostro pianetino con i tre burattini che fanno i fenomeni, ma anche intorno a quelli che si sentono forti e ben governati, per capire che c’è chi con un soffio può modificare radicalmente “il tutto”.
Or dunque nell’autunno del 2011, alcuni scienziati svizzeri (che per luogo comune si pretendono quantomeno precisi) ha presentato uno studio a dir poco allucinante soprattutto nelle sue conclusioni finali. Tale studio rivelava come soltanto un piccolo numero di banche abbia il pieno controllo di una porzione esagerata dell’economia globale. Leggi il resto di questo articolo »

 

Sul sito dell’U.N.A.C. (Unione Nazionale Arma Carabinieri) leggiamo una breaking news inquietante: ”L’Arma verso lo scioglimento. L’Unione Europea impone la smilitarizzazione della quarta Forza Armata e l’accorpamento dei carabinieri alla Polizia di Stato … L’Arma dei carabinieri in un futuro più o meno prossimo, ma certamente non remoto, è destinata ad un inevitabile scioglimento“. Poco meno di due anni fa la Camera dei Deputati ratificava ad unanumità l’accordo europeo per la costituzione di una forza armata speciale, chiamata EGF.
La Forza di gendarmeria europea (Eurogendfor o EGF) è il primo Corpo militare dell’Unione Europea a carattere sovranazionale. La EGF è composta da forze di polizia ad ordinamento militare dell’UE in grado di intervenire in aree di crisi, sotto egida NATO, ONU, UE o di coalizioni costituite “ad hoc” fra diversi Paesi.
Eurogendfor può contare su una forza di 800 “gendarmi”mobilitabile in 30 giorni, più una riserva di altri 1.500; il tutto gestito da due organi centrali, uno politico e uno tecnico. Il primo è il comitato interdipartimentale di alto livello, chiamato CIMIN, acronimo di Comité InterMInistériel de haut Niveau, composto dai rappresentanti dei ministeri degli Esteri e della Difesa aderenti al trattato. L’altro è il Quartier generale permanente (PHQ), composto da 16 ufficiali e 14 sottufficiali (di cui rispettivamente 6 e 5 italiani). I sei incarichi principali (comandante, vicecomandante, capo di stato maggiore e sottocapi per operazioni, pianificazione e logistica) sono ripartiti a rotazione biennale tra le varie nazionalità, secondo gli usuali criteri per la composizione delle forze multinazionali.
Non si tratta quindi di un vero corpo armato europeo, un inizio di esercito unico europeo, nel qual caso si collocherebbe alle dipendenze di Commissione e Parlamento Europeo, ma di un semplice corpo armato sovra-nazionale che, in quanto tale, gode di piena autonomiaInfatti, la EGF non è sottoposta al controllo dei Parlamenti nazionali o del Parlamento europeo, ma risponde direttamente ai Governi, attraverso il citato interministeriale (CIMIN)
  • L’articolo 21 del trattato di Velsen, con cui viene istituito questo corpo d’armata sovranazionale, prevede l’inviolabilità dei locali, degli edifici e degli archivi di Eurogendfor.
  • L’articolo 22 immunizza le proprietà ed i capitali di Eurogendfor da provvedimenti esecutivi dell’autorità giudiziaria dei singoli stati nazionali.
  • L’articolo 23 prevede che tutte le comunicazioni degli ufficiali di Eurogendfor non possano essere intercettate.
  • L’articolo 28 prevede che i Paesi firmatari rinuncino a chiedere un indennizzo per danni procurati alle proprietà nel corso della preparazione o esecuzione delle operazioni.
  • L’articolo 29 prevede infine che gli appartenenti ad Eurogendfor non potranno subire procedimenti a loro carico a seguito di una sentenza emanata contro di loro, sia nello Stato ospitante che nel ricevente, in tutti quei casi collegati all’adempimento del loro servizio. Leggi il resto di questo articolo »
Una gentile lettrice che si firma Bianca Maria Braghetto, posta questo interessante commento.
Coloro che faticano a comprendere quanto sotto declamato, dovrebbero approciarsi alla fisica quantistica. Una volta compresa questa meccanica, si potrà anche comprendere il testo o almeno le parti apparentemente meno razionali.
Bruce Lypton, scienziato e biologo cellulare,  ha più volte rivelato con le sue scoperte  che è la diversità delle condizioni di crescita della cellula come di un ammasso di cellule a creare organismi diversi, sbugiardando così tutte le cretinate sulla genetica e sullo studio del genoma. Ha anche scoperto che i bambini che ricevono amore crescono di più e meglio.
La capacità quindi dell’amore di condizionare al meglio la crescita delle cellule è qualcosa di divino, evolutivo, elevativo.  Quindi ogni cosa vada contro all’amore, che ovviamente implica, si fonda, sul perdono (di se e degli altri), è destinata a non aver successo. E’ la legge incontrastata della vita. E’ l’argine insuperabile dalle miserie umane e anche dal satanismo incombente. Quindi cari lettori, proviamo a leggere anche questi passi come i tanti articoli in cui parliamo di spiritualità, con implementa la scienza,  forse solo così anche noi razionali possiamo rassegnarci ad iniziare a capire.
LB

Leggi il resto di questo articolo »

SHOCK A PADOVA. BIMBO PORTATO VIA CON LA FORZA DAI POLIZIOTTI – VIDEO
Il tribunale aveva deciso che la patrià potestà doveva andare solo al padre del piccolo

Fonte: italian.irib.ir * Link

Otto vaccini in 28 giorni: probabile causa di morte tra i militari. Il Ministero della Difesa tace ormai da anni. L’accusa: “ci sono liste segrete che non vogliono mostrarci”.

Il quotidiano La Repubblica sta seguendo il caso in discussione in questi giorni nella Commissione uranio impoverito. La storia è quella di migliaia di militari che si sono ammalati e sono morti in seguito a qualche pratica militare. Non si sa se la causa principale sia l’esposizione all’uranio impoverito, ma è certo che in molti riconoscono un fattore essenziale “nella lunga serie di vaccinazioni” fatte in soli 28 giorni. Leggi il resto di questo articolo »

In seguito alla nostra ultima chiamata dal centro della Fondazione Keshe in Belgio per i negoziati di pace tra il governo iraniano e il governo di Israele, rinnoviamo il nostro appello a entrambe le nazioni prima della mossa finale e della guerra totale tra di loro.

L’equilibrio del gioco si è completamente spostato negli ultimi giorni a favore dell’Iran e l’Iran vincerà la guerra, se sarà fatta una mossa contro di loro da una qualche nazione, sia essa Israele o il governo degli Stati Uniti.

Nostri cugini e fratelli in tutte e tre le nazioni, vi prego di accettare il nostro invito per la pace, non vediamo una via d’uscita a parte il cambiamento totale della mappa dello stato di Israele, se una mossa militare sarà fatto da entrambi i paesi.

Leggi il resto di questo articolo »

Di Bruno Waterfield  -  The Telegraph

Tradotto per l’ARS da Anna Moffa di I Lupi Di Einstein

I politici ‘con due facce‘ hanno aperto la porta ad un superstato dell’UE rinunciando alla democrazia”, ha detto il veterano statista ceco Václav Klaus, a Bruno Waterfield.

La nuova spinta verso una federazione dell’Unione europea, completa di un proprio capo di Stato e dell’esercito, è la “fase finale” della distruzione della democrazia e dello Stato-nazione, ha messo in guardia il presidente della Repubblica Ceca.

In un’intervista con il Sunday Telegraph, Václav Klaus avverte che i politici “con due facce”, compresi i Conservatori, hanno aperto la porta ad un superstato UE cedendo democrazia, in quella che è una fuga dalla credibilità e dalla responsabilità verso i loro elettori.

  • “Dobbiamo pensare a come ripristinare la nostra indipendenza e la nostra sovranità. Questo è impossibile all’interno di una federazione. L’UE dovrebbe muoversi in una direzione opposta”, ha detto.
La settimana scorsa, la Germania, la Francia e altri nove dei più grandi paesi d’Europa hanno chiesto di mettere fine ai veti delle nazioni in materia di politica di difesa mentre Guido Westerwelle, ministro degli Esteri tedesco, ha sollecitato la creazione di un presidente europeo eletto direttamente “che nomina personalmente i membri del suo governo europeo”.

Il signor Westerwelle, facendo riferimento all’opposizione britannica, ha chiesto che gli Stati nazionali siano privati del diritto di veto in materia di difesa per “impedire che un singolo Stato membro possa essere in grado di ostacolare le iniziative”, che “potrebbero eventualmente coinvolgere un esercito europeo”. Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE