Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Domani mattina, nel corso della trasmissione Il coraggio delle idee, in onda tutti i venerdì dalle 8.00 alle 10.00 su Radio Gamma 5, intervisteremo il Prof. Nicolò Giuseppe Bellia. Imprenditore, ingegnere, matematico, economo e antroposofo, il Prof Bellia ci aiuterà ad esaminare le vie di uscita dall’attuale crisi economica e sociale, con particolare attenzione al Progetto Antropocratico, di cui è ideatore. Potrete ascoltarci sintonizzandovi sui 94 Megahertz oppure in streaming a questo indirizzo.

PS nel video qui sotto, stralcio da una ampia intervista di cinque anni fa, le sue parole profetiche, quando ancora la “crisi” era una fantasia dei “pessimisti”.

Immagine anteprima YouTube Leggi il resto di questo articolo »

Settembre 12, 2012 di byebyeunclesam

A trent’anni di distanza, si inizia a fare chiarezza sui retroscena degli assassinii di Pio La Torre e del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.
E sul fatto che la possibilità di schierare i missili a Comiso fu garantita dal controllo della mafia sul territorio…

“I giganteschi lavori cominciarono, per adattare ai missili lo sgangherato e vecchio aeroporto Magliocco di Comiso. Negli anni tra finanziamenti nazionali e statunitensi furono migliaia di miliardi, il cui ammontare definitivo non è calcolabile. Gli appalti per la base furono conferiti direttamente dalle autorità statunitensi col benestare della loro intelligence. Il consenso del Pci fu negoziato direttamente cogli Usa? Il dibattito sugli Euromissili – acceso dal cancelliere tedesco Helmut Schmidt – cominciò a primavera del 1977. Giorgio Napolitano guidò la delegazione del Pci a Washington per garantire l’affidabilità atlantica del Pci, meno d’un anno dopo. Il tentativo della Democrazia Cristiana di far negare il visto da Washington alla delegazione del Pci fu un clamoroso fallimento. L’ambasciata statunitense a Roma, d’intesa col dipartimento di Stato, garantì il visto. Individuò evidentemente un preciso tornaconto.

Leggi il resto di questo articolo »

http://autismovaccini.com * Pubblicato da Milani Gabriele

Un nuovo studio pubblicato da Journal of Trace Elements in Medicine and Biology avanza una possibilità inquietante: l’idrossido di alluminio, adiuvante comunemente utilizzato nei vaccini dell’infanzia [soprattutto nell'esavalente e nell'anti-pneumoccica], è causa di sovraccarico d’alluminio nel sito dell’iniezione e contribuisce alla patogenesi di malattie come la sindrome da stanchezza cronica, miofascite macrofagica e pseudolinfoma sottocutaneo.

Ciò che crea stupore è la valutazione del caso di una donna di 45 anni che, molti anni dopo aver ricevuto le vaccinazioni, ha manifestato una forma di pseudolinfoma sottocutaneo indotto proprio dai vaccini inoculati in quella precisa zona del corpo, ovvero una forma di lesione cutanea caratterizzata dalla raccolta di linfociti, macrofagi e cellule dendritiche della cute. I ricercatori hanno eseguito una biopsia cutanea nel sito di iniezione dei vaccini e hanno trovato la presenza di Alluminio nei macrofagi. Quando il campione di pelle è stato esaminato si è rilevata la presenza di 768,1 microgrammi per grammo, in peso a secco, contro 5,61 e 9,13 microgrammi di altri due pazienti inseriti nel caso controllo: ben 153 volte superiore alla norma!

Leggi il resto di questo articolo »

Questo articolo non intende prendere una posizione  sull’omosessualità nè tanto meno biasimarla. Intendiamo solamente provocare delle riflessioni su di un’eventuale pericolo per i bambini rappresentato da persone senza scrupoli che potrebbero avvantaggiarsi da una legislazione eccessivamente permissiva. In questo ravvisiamo una costante comportamentale da parte dei poteri forti che hanno a cuore la disgregazione della società e della famiglia come istituzioni di tutela dell’individuo.

Il Mattino di Padova (gruppo De Benedetti) pubblica in prima pagina oggi come primo articolo la notiziona dell’altro ieri del via libera alle adozioni di bambini da parte di coppie omo in Francia. (L’omosessualità vera, è bene ricordarlo, è solo maschile, mentre quella femminile è più una pratica o una moda reversibile)

Tutti sanno  che la richiesta di adozione di un bambino da parte di una coppia è sempre una autentica passione. E’ un iter stressante che si protrae per anni. Il motivo è la carenza di bambini. I paesi dell’est Romania e Bulgaria in testa erano un tempo dei buoni fornitori di bambini, ma ora le cose si stanno complicando ed il bambino è diventato merce rara e costosa. Proprio per questo motivo la pratica del furto di bambini si è sviluppata e diffusa nei paesi poveri d’Europa come l’Ucraina, Russia, nei paesi nordici, Francia ed anche in Italia; per non parlare di Usa e Messico, dove vi è una autentica industria di rapimenti di persone, in gran parte bambini e traffico di organi.

La legge  che permetterà l’adozione di bambini da parte di omosessuali, promossa dal governo francese e promessa da Hollande nella sua campagna elettorale,  fa nascere atroci dubbi circa l’l'opportunità ed il pericolo di sottoporre a dei genitori innaturali delle creature indifese. Vi è il rischio di farli diventare da grandi anche loro omosessuali e nei casi più gravi, di sottoporre i minori alle attenzioni sessuali dei genitori adottivi. Insomma vi è il rischio concreto di pedofilia e  incesto.  (Qui non si demonizzano ovviamente gli omosessuali, ma si considera l’esigenza di una crescita equilibrata di un bimbo che deve poter  contare su due figure distinte: quella maschile e quella femminile.)

Leggi il resto di questo articolo »

Immagine anteprima YouTube

Da http://dorsogna.blogspot.it/2012/09/leni-e-i-diritti-umani-violati-in.html

The oil workers have faced serious violations of their rights by both their employers and the government of Kazakhstan. It’s shocking that workers should have to endure mass firings and being thrown in prison in retaliation for participating in a peaceful strike. 


 Fra questi benevolenti employers, l’ENI di Paolo Scaroni.

Secondo il New York Times tre ditte petrolifere, fra cui una di co-proprieta’ dell’ENI, sono accusate di avere violato i diritti umani dei lavoratori nei campi petroliferi del Kazakhstan.

Le accuse sono di abuso e di repressione.

Gli eventi sono centrati sulla citta’ di Zhanaozen, nella zona occidentale del paese, dove il 16 dicembre del 2011, 12 persone sono morte quando la polizia ha aperto fuoco sui manifestanti. Altre tre sono morte a causa delle ferite riportate, ed altri due in seguito a tafferugli vari.

Fanno 17 morti.

I manifestanti protestavano per chiedere migliori condizioni di lavoro e migliori paghe ed il diritto di creare un movimento politico.

Secondo Human Rights Watch, un gruppo non governativo con sede a New York, la Ersai Caspian Contractors di proprieta’ mista ENI e kazaka e’ stata coinvolta in metodi repressivi per disperdere in maniera violenta una protesta di lavoratori del tutto leggittima.

Le ditte incriminate sono:

Ersai Caspian Contractor

OzenMunaiGas

KarazhanbasMunai
JSC

Di queste tre, la prima e’ di proprieta’ dell’ENI-Saipem, la seconda e’ una joint venture di vari enti kazaki, l’ultima e’ una collaborazione kazako-cinese.

Il rapporto ha per titolo “Striking Oil, Striking Workers” che e’ un gioco di parole per dire “Trovi petrolio, maltratti i tuoi lavoratori”. Sono 153 pagine di denuncia scritte da Mihra Rittmann.

Human Rights Watch ha ascoltato ed intervistato decine di residenti e i lavoratori, ed anche i petrolieri ed evidenzia che tutte e tre le ditte citate sopra non hanno rispettato i diritti umani, rendendo impossibili manifestazioni pacifiche, con violenza, licenziamenti di massa, ricatti e minacce. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte al Link (Video) 

Lo scorso lunedì ben due video amatoriali pubblicati su YouTube hanno mostrato quelle che sembrano essere le immagini di 20 soldati siriani, bendati, ammanettati e uccisi. Secondo le prime informazioni sarebbero stati giustiziati dai combattenti ribelli nella città settentrionale di Aleppo.

Uno dei video mostra degli uomini vestiti con uniformi militari, stesi lungo una strada con la testa insanguinata distesi su un marciapiede. Gli uomini che nel video sembrano essere combattenti ribelli sono in possesso di fucili d’assalto e chiamano i soldati morti “cani di Assad”. Non è stato possibile verificare l’autenticità del video. Un uomo fuori campo, riprendendo da una macchina con il nome della brigata scritta sul cofano, ha dichiarato: ”La brigata  Suleiman al-Farisi ha ucciso diversi membri della sicurezza (di stato)”. La brigata Suleiman al-Farisi è una delle numerose unità proveniente dalle vicine province di Aleppo, che hanno preso le armi contro il regime di Assad e spinto nella stessa città. Rami Abdulrahman,capo dell’opposizione con sede a Londra, l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (Syrian Observatory for Human Rights), ha riferito a Reuters che quattro persone in Aleppo gli avevano raccontato dell’episodio, che si ritiene sia avvenuto venerdì o sabato. ”I soldati erano del distretto di Aleppo Sekenat Hanano ma sono stati uccisi nel distretto di Sabaa Baharat“, ha detto al telefono a Reuters. Si ritiene che più di 27.300 persone siano morte nella rivolta per rovesciare il presidente Bashar al-Assad, che dura da più di 17 mesi. Leggi il resto di questo articolo »

Staff nocensura.com * Link all’articolo

 

Il prossimo premier? MOLTO PROBABILMENTE SARA’ RENZI… vediamo perché.

RENZI vincerà le primarie: questo perché oltre ad essere votato dai sostenitori del PD, sarà votato anche da molti del PDL: persino CONSIGLIERI COMUNALI PDL si sono apertamente schierati a spada tratta a favore di Renzi (vedi http://www.nocensura.com/2012/09/renzi-diventera-leader-del-pd-grazie-ai.html)

NON DIMENTICHIAMOCI il dossier che circolava qualche mese fa in ambienti berlusconiani, divulgato da l’Espresso, secondo il quale BERLUSCONI avrebbe sostenuto la candidatura di Renzi a premier, ovviamente sottobanco (vedi http://www.nocensura.com/2012/06/altro-che-jerry-scotti-premier.html). Leggi il resto di questo articolo »

Articolo di Paolo Barnard * Link

 

Monti ci impone le Austerità, domani dovremo chiedere il salvataggio IMF, Commissione Europea, BCE, lo dicono tutti i quotidiani finanziari stranieri e tutti gli analisti. Questo ci aspetta, i dati qui sotto. Sono i dati dell’economia reale senza i trucchi di Mario Draghi, che ha artificiosamente corretto alcuni di essi con escamotage monetari che non dureranno (anche questo lo dicono tutti gli analisti).

Sbatteteli in faccia ai criminali e agli ignoranti “che Monti ci salva”. Salviamoci a Rimini e a Cagliari. Leggi il resto di questo articolo »

Immagine anteprima YouTube

E’ notorio che Hollywood funga da altoparlante degli Illuminati.  Quando vogliono farci sapere cosa ci aspetta fanno uscire l’ennesimo film catastrofista. Tanto per metterci di buon umore. Negli anni Settanta probabilmente registi e produttori ricevettero nuove direttive: i pellerossa non dovevano più essere presentati come cattivi, alla maniera di John Wayne, ma come vittime dei cattivi Yankee. Uscirono così nelle sale “Soldato Blu”, “Un uomo chiamato cavallo”, “Piccolo grande uomo” e tanti altri. Anche Rin Tin Tin, in tivù, ci mise del suo!

Oggi incontro spesso persone innamorate della cultura pellerossa, che vanno confrontando il nostro stile di vita occidentale con quello degli indiani d’America e lo fanno con una specie di rassegnata nostalgia. Quando per esempio dico che gli occidentali sfruttano gli animali in modo industriale, mi citano i cacciatori pellerossa che chiedevano scusa alla preda prima di ucciderla, e lo dicono come se questo fosse segno di grande rispetto. Di armonia con la natura.

Anche Mano sulla Terra, domenica scorsa, ha commentato con indulgenza il fatto che i cani venissero mangiati, che le persone anziane venissero lasciate morire di fame e di freddo durante gli inverni rigidi e che le donne si amputassero le falangi delle dita in segno di lutto quando moriva un loro congiunto.

Leggi il resto di questo articolo »

Il brano è composto e intonato sulle frequenze di rotazione dei pianeti intorno al sole.
Informazioni e dettagli su pianopianoforte.com/albamundi.
L’intonazione è a 432 Hz: con questo accordatura, la rotazione terrestre equivale ad un DO# perfettamente accordato, nell’ottava -29.

Leggi il resto di questo articolo »

30/08/2012, 12:17 da Il tempo.it

di Maurizio Gallo Intervista a Bobo Craxi: “Gli Stati Uniti volevano cambiare regime in Italia”.

Bartolomew e signora

L’attacco vero era all’autonomia dell’Europa e ai suoi alfieri. Nel Belpaese tra loro c’erano Bettino Craxi e Giulio Andreotti. E, «se le rivelazioni dell’ex ambasciatore americano Reginald Bartholomew fossero state pubblicate prima, si sarebbe reso un gran servizio alla democrazia e sarebbe stato possibile per l’Italia diventare un Paese normale». Bobo Craxi, che fu sottosegretario nel governo D’Alema, commenta così lo scoop del corrispondente Usa de «La Stampa» Maurizio Molinari sull’inchiesta Mani Pulite.

Che succede, onorevole?

«Succede che, dopo vent’anni, emergono i fatti nella loro interezza. E si tratta di rivelazioni impressionanti e, direi, scandalose. Ci fu un’evidente influenza straniera sull’azione dei giudici contro i partiti di governo dell’epoca. Noi lo dicevamo e oggi lo conferma un importante diplomatico, che si accorse dello strano intreccio fra il console Usa a Milano e i pm». Leggi il resto di questo articolo »

Thierry Meyssan, Réseau Voltaire Damasco (Siria), 2 giugno 2012

Gli occidentali non sbagliano mai, è improbabile che riconosceranno di essersi sbagliati sul massacro di Houla. Ma la cosa importante non è se o meno rettificare la falsa immagine della Siria che la loro propaganda fabbrica. La cosa importante è il mutato equilibrio di forze tra la NATO e la SCO. Il caso di Houla mostra che gli occidentali non sono in grado di sapere ciò che accade sul campo, mentre l’intelligence militare russa è ben consapevole della situazione sul terreno.

108 corpi sono stati mostrati dall’esercito libero “siriano” [1] in una moschea di Houla. Secondo i ribelli, questi erano i resti dei civili uccisi il 25 maggio 2012 dalla milizia filo-governativa, conosciuta con il termine “Shabbihas”.
Il governo siriano è apparso completamente scioccato dalla notizia. Ha immediatamente condannato le uccisioni ad esso attribuiti dall’opposizione armata.
Mentre l’agenzia di stampa nazionale, SANA, non ha potuto fornire dettagli con certezza, l’agenzia di stampa cattolica siriana, Vox clamantis, ha rilasciato una testimonianza immediata su una parte degli eventi, accusando formalmente l’opposizione [2]. Cinque giorni dopo, il notiziario russo Rossiya 24 (ex Vesti) ha trasmesso un servizio molto dettagliato di 45 minuti che resta, ad oggi, l’indagine pubblica più dettagliata [3]. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: hearthaware.wordpress.com

È recentissima la notizia che in alcune scuole americane è partito un progetto pilota per far abituare i bambini ad indossare un microchip RFID durante la permanenza negli ambienti scolastici, attraverso alcuni gadget come la tessera identificativa scolastica “microchippata”, la divisa scolastica con trasmettitore incorporato e addirittura un collare (!) da indossare proprio come gli animali domestici… Il governo americano vorrebbe garantire “la sicurezza” degli studenti, tracciandone tutti gli spostamenti per ridurre la percentuale di coloro che “marinano” la scuola.

Sono questi i primi passi che il NWO sta muovendo a livello sperimentale per rendere familiare alle nuove inesperte generazioni l’intimo contatto con un microchip capace di monitorare le loro vite. Ebbene forse hanno sbagliato tempistica o valutato male i loro “polli”, perchè negli ultimi giorni questi progetti non hanno fatto altro che scatenare malumori popolari e proteste pubbliche contro l’uso di questa tecnologia.

Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE