Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Esercito siriano qusair

di Dmitrj Minin

Fonte:Strategic Culture Foundation.

La situazione che riguarda la Siria è come un pendolo, prima volge nella direzione di una grande guerra, poi improvvisamente scivola verso una risoluzione pacifica. Gli osservatori hanno a malapena la possibilità di valutare la nuova tendenza prima che il pendolo cominci nuovamente ad oscillare nella direzione opposta. L’ampiezza del suo oscillare è così grande che attraversa il centro quasi senza pause. In questi ultimi giorni sul campo di battaglia, l’oscillazione chiaramente pende a favore delle forze governative. Gli strateghi occidentali si trovano di fronte a una scelta: o ammettere che il tentativo di stabilire un regime fantoccio in Siria non è riuscito, o mettere da parte tutti i loro espedienti da ‘soft power’ e passare all’intervento militare aperto e costoso.
I problemi nell’indire la conferenza per risolvere la questione siriana, come previsto, sono sorti immediatamente dopo che Lavrov e Kerry hanno raggiunto un accordo a Mosca. Appena due giorni dopo, a Roma, in una riunione con i ministri giordani e israeliani, il segretario di Stato USA ha sconfessato le sue stesse parole, dichiarando che Bashar al-Assad e i suoi seguaci non possono far parte di un governo di transizione. Su istruzione di Kerry, l’ambasciatore statunitense in Siria, Robert Ford, che aveva lasciato Damasco qualche tempo prima, si recava segretamente ad Aleppo dalla Turchia, dove per diverse ore ha avuto un incontro con i leader dell’opposizione dicendogli di non preoccuparsi e assicurandogli pieno sostegno fino alla vittoria finale. Così le prospettive di una risoluzione pacifica ‘appassivano sul nascere’. (1) Per gli statunitensi, un accordo è ‘soddisfacente per tutti’ quando tutti soddisfanno ciò che gli USA vogliono. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: http://www.signoraggio.it/

Più mettiamo a nudo i crimini delle banche, del bilderberg e della massoneria deviata, il cui tessuto connettivo di fondo è ora risultato essere addirittura nelle pratiche satanico\pedofile, più la gente li sostiene e li vota.

Come mai? Semplice: perché la vera divisione della società non è tra destra o sinistra, ma tra impiegati, pubblici e privati, e disoccupati – ai quali si è fatto credere che possono vivere solo con le tasse dei ‘ricchi’ (che peraltro sono in via di estinzione) – e titolari di partita IVA, che le tasse non le vogliono pagare; e siccome gli impiegati sono di più, vince la sinistra.

Una situazione in cui i titolari di partita IVA, nonostante non vogliano pagare le tasse, evitano anche loro di attaccare le banche, perché sono comunque sotto il loro ricatto economico. Senza contare che un bel po’ massoni, bilderberghini e filo bancari lo sono poi pure loro. Leggi il resto di questo articolo »

Tutto ciò che, in realtà, noi acquistiamo e consumiamo meccanicamente al mercato del Grande Malfattore, non è che la contraffazione sistematica di qualcosa che assomiglia vagamente alla sua forma originaria, ma che, nella sostanza, è un concentrato di estrogeni, ormoni, fertilizzanti, antiparassitari, antibiotici, “migliorativi”, pesticidi, aromi sintetici, coloranti, conservanti e tossine concentrate.

Così un pollo non è un vero pollo, ma una mina vagante pronta a fare saltare il nostro sistema nervoso e destabilizzare quello immunitario, perché incapaci di decifrare e codificare la reale natura dei nuovi intrusi e di reagire di conseguenza. Un tale pollo, non ha vissuto felice razzolando nell’aia fra oche, anatre, cani, conigli e gatti, ma dietro le sbarre fredde e angoscianti di un loculo metallico, beccando pattume industriale alla luce accecante di una lampada alogena. Come pensiamo di potere essere belli, forti, in forma e felici, ingurgitando tali diavolerie? Ma l’esempio del pollo, è estendibile a qualsiasi bene e prodotto, che sia animale, vegetale o tecnologico. Tutti noi, in verità, siamo quel pollo! Tristi e apatici, indolenti e flaccidi, frustrati e repressi, costretti dentro un limbo gelatinoso, brulicante di paranoie, ansie e ipocondrie. Una vita apparente scandita ad ogni ora del giorno da acciacchi e malesseri di ogni tipo e genere e dagli effetti psicosomatici dell’ansia.
Per tanto, tutta questa montagna di merda marcia, che, con inaudita crudeltà, il Sistema Bestia (in sfregio ad ogni principio etico e deontologico), spaccia per buone, e fatte con “l’amore della nonna”, finiscono per accanirsi sulla nostra esistenza e quotidianità, acuendo il nostro disagio fisico, morale e psicologico.

E’ a questo punto che il Sistema, estrae il suo ennesimo coniglio, dal cilindro delle illusioni, indicandoci il nuovo miracoloso farmaco a cui ricorrere, peggiorando ulteriormente, la nostra condizione patologica e inducendoci alla assuefazione. Nel frattempo le farmaceutiche ingrassano le loro sporche viscere e la nostra vita si consuma nel bel mezzo di un freddo oceano, fatto di ansie, angosce, e fobie delle più disparate. I medici di turno incassano la loro miserabile tangente in attesa di un nuovo, inutile, nocivo farmaco da sponsorizzare.

Articolo di Francesca Mancuso * Fonte: greenme.it

sonno tablet bluEsporsi alla luce blu di tablet e TV altera il ritmo del sonno, portandoci a dormire male. Lo ha scoperto uno studio condotto dal Prof. Charles Czeisler, della Divisione di Medicina del Sonno dell’Università di Harvard.

Gli schermi dei gadget elettronici e della TV, con la loro luce bluastra, sconvolgono letteralmente il nostro ritmo circadiano, quello che regola il sonno e la veglia, provocandone un’alterazione. Chi di noi non si sofferma a letto a guardare la TV o a navigare col tablet? Niente di più deleterio per il nostro sonno. Secondo lo scienziato questa cattiva abitudine sarebbe addirittura più potente delle droghe nell’influenzare i nostri ritmi circadiani.

Nel corso dello studio condotto in America e pubblicato su Nature, è emerso che il 30 per cento degli adulti e il 44 per cento dei lavoratori notturni hanno riferito di dormire in media sei ore a notte. Cinquanta anni fa, meno del 3 per cento della popolazione adulta degli Stati Uniti dormiva così poco. Leggi il resto di questo articolo »

Never doubt that a small group of thoughtful, committed,
citizens can
change the world. Indeed, it is the only thing that ever has.
Margaret Mead

Qui il testo da dove fare copia ed incolla se si vuole postare su Twitter.

Gli email da usare sono qui:

gabinetto@beniculturali.it

ministro.segreteria@beniculturali.it

mbac-udcm@mailcert.beniculturali.it

puntoascolto@minambiente.it

SegretarioGenerale@minambiente.it

segreteria.capogabinetto@sviluppoeconomico.gov.it

Se gli si vuole scrivere su Twitter ecco:

@massimobray

@AndreaOrlandosp

@minambienteIT

@flaviozanonato

@MinSviluppo

@SimonaVicari

Non so se esiste l’hashtag #noombrina, ma magari lo possiamo inventare.

Ovviamente ognuno puo’ scrivere quello che vuole, il mio e’ solo un template.

Grazie a tutti – non sappiamo come va a finire, ma il non fare niente, di sicuro non portera’ da nessuna parte.

Dopo la manifestazione del 13 Aprile occorre continuare a fare, a protestare a spingere.

Ombrina e’ – e sempre sara’ – la lotta di un popolo intero, in cui  occorre essere attivi, rompere le scatole, continuare a far sentire la nostra voce giorno dopo giorno.Ci siamo riusciti nel 2010, ci riusciremo anche questa volta. Leggi il resto di questo articolo »

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/05/italia-chemtrails-military-testing-di.html

Italia: chemtrails military testing

di Gianni Lannes

Non ho nulla contro il popolo nordamericano. Attualmente il problema per il genere umano è rappresentato dalle sperimentazioni più o meno segrete realizzate illegalmente, in gran parte del mondo dalle Forze armate U.S.A., per conto del Governo statunitense, a sua volta eterodiretto da terroristi del calibro di David Rockefeller (alla voce: Bilderberg Group, Cfr, Trilateral Commission, eccetera). Nella repubblichetta degli omissis, dei parassiti privilegiati e delle banane: Aspen Istitute, Letta, Napolitano e Kissinger. Tutto torna sulla nostra pelle.

E’ in atto da tempo una guerra non convenzionale che utilizza le energie della natura per annientare gran parte dell’umanità.

Le prove ufficiali, tecniche, e per così dire scientifiche abbondano oltre misura. Ecco di seguito una concreta attestazione per chi avrà la pazienza di leggere con estrema attenzione.

Pongo in rilevo un documento datato 2 maggio 1975, fino a qualche tempo fa sottoposto a segreto. 

 

 Napolitano a rapporto da Kissinger

Di chi si tratta? Ma del criminale Henry Kissinger in persona, ricevuto con tutti gli onori dal presidente Napolitano come se niente fosse. Ecco cosa si può leggere a proposito di modificazioni ambientali indotte, ovvero artificiali. Leggi il resto di questo articolo »

Mi dicono che non sono le iene…

Fonte: http://blog.ilmanifesto.it/quintostato/2013/03/02/il-reddito-di-cittadinanza-che-pd-sel-e-grillo-non-vedono/

Avere costretto il Pd a inserire al punto otto del miniprogramma «per un governo di emergenza» gli «interventi urgenti per l’occupazione» è un altro segno delle possibilità che la crisi, economica e istituzionale, stanno regalando al nostro paese. La dizione è vaga, ma quello della chiarezza programmatica non è mai stato un dono degli ultimi eredi del Pci. Basta leggere l’intervista rilasciata ieri a Repubblica da Pierluigi Bersani che farfuglia qualcosa a proposito di «sistemi universalistici negli ammortizzatori sociali». Tanto per essere chiari: il reddito di cittadinanza non è un ammortizzatore sociale. È una misura di tutela universalistica delle persone, e non solo dei lavoratori con contratto da dipendente o da precario. Una differenza sconosciuta al segretario Pd, e ai suoi solidi convincimenti lavoristici, ma forse non agli alleati sellini di Nichi Vendola.
Sebbene sia stata la prima a indicare un accordo di governo con Beppe Grillo a partire dal reddito di cittadinanza, Sel non ha mai citato la raccolta firme per la legge di iniziativa popolare per l’istituzione di un «reddito minimo» in Italia, unico paese dell’Eurozona insieme alla Grecia e all’Ungheria a non avere adottato questa misura. Peraltro il partito di Vendola è stato tra i promotori della proposta di legge, insieme al Basic Income network-Italia (Bin) e altre 170 associazioni. Lo stato confusionale in cui vive il centrosinistra deve avere impedito di mettere sul tavolo questa proposta che potrebbe essere votata dal movimento 5 stelle. Una proposta firmata da oltre 50 mila persone che fanno parte del «popolo», anche se non è quello a cui fa riferimento Grillo. Leggi il resto di questo articolo »

Report sul traffico di esseri umani e loro sfruttamento.

segue: 6 multinazionali coinvolte nello schiavismo e nello sfruttamento del lavoro minorile

 

 

IL MODERNO SCHIAVISMO D’ISRAELE: È SOLO POLITICA[1]
Op-Ed: l’insufficiente applicazione della legge anti-traffico permette agli uomini di sfruttare una delle fasce di popolazione più vulnerabili del nostro paese.
Rebecca Hughes, 20.08.12 -(Testimonianza da Israele)
Qualche giorno fa, mi sono svegliata al suono del telefono che squillava in continuazione. C’era in linea un uomo molto irritato: “Chiamo dalla Knesset”, ha detto. “Ci avete mandato delle lettere”. Il tono era accusatorio, ma io ero colpevole come da accusa.
Per sostenere il “Progetto 119” di ATZUM, 127 volontari – me inclusa – avevano inviato numerose email ai membri della Knesset. Negli ultimi cinque mesi, abbiamo inviato 1.904 email esortando i deputati ad approvare la proposta di legge del deputato Orit Zuaretz per criminalizzare l’acquisto di servizi sessuali.
Per quanto fosse chiaro che non gradiva di parlare con me, io ero compiaciuta di parlare con lui.
Chiaramente, pensavo, questo è uno che ha capito che combattere il traffico di esseri umani e la prostituzione fa parte delle priorità del nostro governo, dopo aver visto che in Israele ci sono migliaia di individui che si prostituiscono, molti dei quali bambini. Sebbene il lenocinio sia illegale in Israele, il 90% di queste donne e bambini sono proprietà altrui e subiscono violenze per mano dei loro papponi o dei loro clienti.

Di Marco Saba

Email a www.normattiva.it del 22 marzo 2012:
Da: Marco Saba A: redazione@normattiva.it
Oggetto: DPR e DM relativi a emissione 500 lire cartacee: scomparsi ? Data: 22/03/12 10:50

Egregia redazione,

perché nel vostro sito non compaiono i testi
dei DR e DM relativi all’emissione dei biglietti di stato da 500 lire cartacei emessi durante i governi MORO ?

Mi riferisco a:

1) DPR 20-06-1966, DPR 20-10-1967 del presidente Giuseppe Saragat
per le 500 lire cartacee biglietto di stato serie Aretusa,
e Legge 31-05-1966

2) DPR 14-02-1974, del Presidente Giovanni Leone
per le 500 lire cartacee biglietto di stato serie Mercurio,
e DM 2 aprile 1979

Questi dispositivi legislativi erano riportati su una faccia
dei biglietti di stato da 500 lire.

Grazie per una risposta.

Marco Saba

Riferimenti

http://fr.scribd.com/doc/95446589/Moro-e-Kennedy-due-destini-paralleli

Ida Magli n conference

 

Intervista a  Ida Magli *

Fonte: rendita monetaria e democrazia http://seigneuriage.blogspot.it/2013/05/i-governanti-ci-vogliono-uccidere.html

Minimalista, depressa, costantemente sull’orlo del baratro. E’ questa l’Italia che vuole l’Europa?O è la conseguenza di errori politici? Ne discutiamo con Ida Magli, antropologa e saggista italiana. Nel suo lavoro ha applicato il metodo antropologico alla cultura occidentale, pubblicando i risultati delle ricerche in numerosi saggi dedicati al cristianesimo, alla condizione delle donne, agli strumenti della comunicazione di massa. Ida Magli, nel 1997, con il suo saggio “Contro l’Europa”, ha previsto ciò che oggi sta accadendo in Europa, in Italia.
Dal 1997 lei afferma che l’Europa, questa Europa, è dannosa per l’Italia. Come spiega l’europeismo italiano a tutti i costi?
Sono i governanti, i politici, i sindacalisti, più qualcuno dei grandi industriali per ovvi motivi di allargamento del mercato, ad aver imposto l’europeismo italiano a tutti i costi. Lei fa bene a sottolineare che è ‘italiano’: in tutti gli altri paesi, sebbene i governanti spingano verso l’unificazione europea, non c’è l’assolutezza che c’è in Italia, naturalmente anche a causa dell’obbedienza dei mezzi d’informazione nel tenere il più possibile all’oscuro i cittadini sugli scopi dell’Europa e sui suoi aspetti negativi, un’obbedienza quasi incredibile. Faccio un solo esempio: tanto Mario Monti quanto Emma Bonino sono stati compartecipi del più grosso scandalo avvenuto in seno al governo europeo (La Commissione Santer: Commissione Europea in carica dal 1995 al 1999, quando è stata costretta alle dimissioni perché travolta da uno scandalo di corruzione – ndr) e costretti alle dimissioni con due anni di anticipo dalla scadenza del mandato per motivazioni ignobili quali nepotismo, contratti illeciti, enorme buco di bilancio, come recitala Gazzettaufficiale dell’UE. Ma nessun giornalista lo dice mai e nessuno l’ha mai sottolineato, neanche quando Mario Monti è stato capo del governo e oggi in cui Emma Bonino è ministro degli esteri nel governo Letta.”   (segue)

http://aurorasito.files.wordpress.com/2013/05/adebolajo.jpgLa Rai esordisce con: ” E’ un cristiano  che ha aderito all’islamismo il terrorista che col macete ha tagliato ecc. ecc. “  Ovviamente non poteva essere che un triplo colpevole: cristiano, mussulmano ed assassino e  negro per giunta.

I risultati non si fanno attendere David Cameron il primo ministro inglese, fan israeliano, parte col dire che il terrorismo sarà colpito duramente, gli ribatte Simon Peres da Israele che gli offre una utilissima solidarietà.

Peccato che la storia puzzi di falso lontano un miglio. Anzi i presunti assassini non potranno parlare visto che sono stati preventivamente crivellati da colpi di mitra.

Ma è di poche ore fa la dichiarazione di un amico degli accusati. Questi rivela che i servizi segreti inglesi volevano reclutare … Vedi ultimo pezzo  del sole24ore.

Aangirfan 23 maggio 2013

Lee Rigby, presumibilmente ucciso nell’incidente di Woolwich a Londra, aveva la ragazza che ha prestato servizio in Afghanistan. Lee Rigby ha un figlio di due anni, Jack, ma Lee si era separato dalla madre, Rebecca. The Sun.
Il 22 maggio 2013, Lee Rigby sarebbe stato ucciso a Woolwich, Londra. Il 22 maggio 2013, il battaglione di Lee Rigby era in addestramento a Cipro.
Woolwich: Lee Rigby Named As Soldier Victim – Sky News

Michael Adebolajo, 28 anni, è l’uomo ripreso in video e visto dai testimoni con le mani colorate di rosso. “Praticamente tutti gli amici sulla sua pagina Facebook hanno nomi inglesi tradizionali come Louise, Kelly, Robert, Craig, Gemma, Lauren e Paul, per citarne alcuni. Tra di loro c’è Matthew Selt, ora giocatore di biliardo professionista.” “Era un cristiano. Un bel ragazzo normale. Tutti i suoi amici erano bianchi e andavano sempre nelle rispettive case”, ha detto l’ex amico. Sei anni fa Adebolajo fu arrestato dopo essere rimasto coinvolto nelle proteste al tribunale conosciuto come The Old Bailey. Daily Mail.
Forse i servizi di sicurezza sottoposero Michael Adebolajo al controllo mentale, mentre era in prigione.

Leggi il resto di questo articolo »

SYRIA-CONFLICT

di Luciano Lago

La guerra in Siria ed il coinvolgimento provato in questa dei servizi occidentali stanno provocando effetti negativi anche in Francia tra l’opinione pubblica . Infatti il quotidiano Le Monde rivela come notizia preoccupante il fatto che risultino circa 200 i miliziani jaddisti francesi, di origine nordafricana, arruolati come “volontari” tra i ribelli in Siria.

Il giornale pubblica un commento nel quale ci si chiede se queste persone, tornando in Francia, potrebbero essere penalmente imputate di appoggio al terrorismo e se potrebbero rappresentare un pericolo per la sicurezza, visto il grado di fanatismo integralista che denotano queste milizie.

Nello stesso momento arriva la notizia di una aggressione con tentato sgozzamento ad un militare francese attuata da un nordafricano, poi dileguatosi, avvenimento molto simile a quanto accaduto a Londra ove due fanatici integralisti neri hanno quasi tagliato la testa ad un militare britannico.

La guerra in Siria alimentata anche da Francia ed Inghilterra con supporto, fornitura d’armi ed equipaggiamento ai terroristi (perchè di terroristi si tratta) che in questo momento volge al peggio per i ribelli, inizia a dare preoccupazioni a tutti i paesi che hanno “lanciato il sasso” ed ora nascondono la mano.(seg

 

Rafael Correadi Luciano Lago

Il presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, parlando in una conferenza stampa dopo la sua rielezione, ha definito la Corte Interamericana dei Diritti Umani (CDH) come uno strumento della politica estera degli stati Uniti, in particolare come sistema di condizionamento usato  contro i governi socialisti nazionali dell’America latina.

Il presidente Correa ha criticato energicamente la politica degli USA ed ha dichiarato che si rifiuta di firmare la convenzione interamericana dei diritti umani nonostante che questo organismo abbia la sua sede proprio in Ecuador  e  sia di fatto uno strumento di controllo verso le nazioni latinoamericane.

Queste organizzazioni, secondo Correa, trattano molto peggio i governi democratici attuali che non le dittature, come quelle  che sono state devastanti per l’America Latina.

“Risulta irrazionale”, ha affermato Correa,  “che venga perseguitato un giornalista per una opinione espressa e che altri violino sfacciatamente la carta dei diritti umani attuando il blocco economico ingiustificato contro Cuba.”

“Non permetteremo che la burocrazia di questi organismi possa sovrapporsi al nostro Stato e tanto meno siamo disponibili ad essere colonia di nessuno e mai permetteremo nella nostra regione una missione politica con la doppia morale. Da sempre la nostra nazione e le altre nazioni dell’America Latina sono nazioni  libere e sovrane e non permetteremo, ha aggiunto Correa, che diventino il “cortile di casa” di qualcuno.” (segue

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE