Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!
Immagine anteprima YouTube
Washington accusa Teheran di aver pianificato l’omicidio dell’ambasciatore saudita negli Stati Uniti

”Sembra la sceneggiatura di un film di Hollywood”. Ha ragione Robert Mueller, direttore del Federal Bureau of Investigation (Fbi) statunitense, nel commentare così la notizia che lui e Eric Holder, Attorney General degli Usa, il ministro della Giustizia di Washington, hanno diffuso ieri in una conferenza stampa.

Mentre incontravano la stampa, davanti a una Corte Federale di New York City, compariva per la convalida dell’arresto Mansoor Arbassiar. Secondo la ricostruzione delle autorità statunitensi, al termine di un’indagine iniziata a maggio 2011, il 56enne irano-statunitense Arbassiar avrebbe tentato di ingaggiare un killer per assassinare Adel al-Jubeir, ambasciatore dell’Arabia Saudita negli Stati Uniti.

La ricostruzione di Mueller e Holder si basa sulle dichiarazioni di un infiltrato che lavora con la Drug Information Association (DIA), l’agenzia governativa Usa che si occupa di lotta al traffico internazionale di droga. Si tratta di un agente sotto copertura, in Messico, avvicinato a maggio, da Arbassiar e da un certo Gholam Shakuri. All’informatore, legato alla banda messicana dei narcos chiamata Los Zetas, sarebbero stati offerti 1 milione e mezzo di dollari per uccidere al-Jubeir, nel ristorante dove è solito mangiare a Washington.

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte http://fulviogrimaldi.blogspot.com/

UOMINI E TOPI ( e due canzoni d’attualità e un contributo strategico sull’Europa di polizia)

di Fulvio Grimaldi

Ricordate il bambino palestinese Handala? Alla faccia delle organizzazioni palestinesi che hanno assalito Gheddafi

Ogni propaganda deve essere così avvincente e a un livello intellettuale tale che perfino il più stupido di coloro a cui è diretta la comprende. Attraverso astuta e costante applicazione della propaganda si può portare la gente a prendere l’inferno per il paradiso, e viceversa, a credere che la peggiore vita sia la migliore. (Adolf Hitler, “Mein Kampf”)

Piazza pulita? Occupiamola!
Ieri a “Piazza Pulita” (La 7, Corrado Formigli), quando una compagna di quello strepitoso gruppo di incazzati che occupano il Teatro Valle, contro lo smantellamento a opera di speculatori edilizi, e l’ex-cinema Palazzo, che per questo Stato biscazziere dovrebbe diventare una bisca, ha accennato al diritto a resistere a forsennati picchiatori in divisa, c’è stato un sussulto di terrore. Tutti raccapricciati ad anatemizzare la “violenza”, con il soggettone squadrista Gasparri a latrare contro i violenti di piazza e solo l’alieno De Magistris, rara flor, a ricordare Genova 2001, Diaz e Bolzaneto, gli aguzzini condannati ma promossi, compreso il falsario che ora fa il capo dei servizi, per suggerire che un po’ di violenza sta anche dall’altra parte. Poteva anche dipanare il filo nero, rosso di sangue, che, collega, a forza di mazzate e gas venefici, arresti e pestaggi, ogni singola espressione del pensiero che si svolga all’aperto, sul territorio del padrone, cioè su tutto il territorio: terremotati, pensionati, donne, operai, studenti, immigrati, difensori del territorio, morituri delle discariche mafiogovernative, eutaniasiaci, manifestanti anti-guerra….Alt, manifestanti anti-guerra no, non c’era nessuno da picchiare.
Leggi il resto di questo articolo »

 

Arrestati gli ex dirigenti dell’Agenzia Regionale per l’Ambiente di Basilicata.

http://dorsogna.blogspot.com/

Caro Vincenzo Sigillito, ex direttore dell’Arpab – Potenza
Caro Bruno Bove, coordinatore del dipartimento provinciale dell’Arpab – Potenza
spero che l’arresto di questa mattina – arresti domiciliari, ma pur sempre arresti – per disastro ambientale e omissione di atti d’ufficio vi faccia vergognare profondamente e vi marchi nell’animo, nella reputazione, e per la vita.

Quello che avete fatto e’ abominevole: avete nascosto i dati dell’inquinamento da inceneritore al vostro popolo per dieci anni.
Li avete ingannati nella fiducia. Gli avete mentito.
Avete intascato lo stipendio pagato dalla stessa gente a cui avete nascosto la verita’.
L’inceneritore ha inquinato le falde acquifere dal 2002. Monnezza nel territorio per dieci anni – nickel, manganese, arsenico – roba cancerogena.
Chi ha bevuto quell’acqua? Ve lo siete mai chiesti? Vi siete mai preoccupati della salute dei lucani? Vi siete mai sentiti un po’ responsabili delle impennate di tumori in Basilicata di questi anni?
E quando nascondevate i dati, chi volevate proteggere? Ci pensavate mai che la vostra prima responsabilta’ e’ verso il cittadino e non verso chiunque ci sia dietro La Fenice?
Leggi il resto di questo articolo »

La SOSTANZA di quello che dice e commenta in merito alle Banche Centrali e alla moneta, non è diversa da quella del nostrano Giulietto. Buona visione!
PS. Vediamo ora che si inventeranno i soliti “depistatori”…

Fonte: http://15ottobre2011.wordpress.com/

 MOBILITAZIONE A SOSTEGNO DELLA RESISTENZA DELLA GIAMAHIRIA E DELLA REPUBBLICA ARABA DI SIRIA CONTRO L’IMPERIALISMO DELLA NATO

Dopo oltre sei mesi dal suo inizio, sembra non avere fine la guerra della NATO contro la Giamahiria di Muammar Gheddafi:  migliaia di morti causati dai bombardamenti dal cielo contro la popolazione  e le infrastrutture civili, uso di elicotteri Apache e droni, mercenari e truppe speciali, rifornimenti di armi micidiali e di ultima generazione ai terroristi qaedisti di Bengasi, tutti insieme non sono stati sufficienti per avere la meglio sull’eroica resistenza del popolo libico guidato da Muammar Gheddafi. I grandi media della NATO continuano a fare propaganda proclamando la vittoria da settimane, se non da mesi; eppure dovrebbe essere ormai chiaro a tutti che si tratta di disinformazione strategica a scopi militari. La realtà è che nei sobborghi di Tripoli, a Sirte come a Bani Walid, la resistenza  continua, rifiutando la resa e il tradimento!L’Italia, a cui è stato ordinato di partecipare al conflitto – anche contro i suoi interessi -   dal suo padrone d’oltreoceano, per mezzo dei suoi politici servi e traditori continua a giustificare la partecipazione militare alla guerra in Libia con la disgustosa retorica dell’”azione umanitaria a difesa dei civili”.“La Libia è invece vittima di un’ennesima aggressione della Nato, politicamente per nulla diversa da quella contro la Serbia nel 1999 e da quella contro l’Iraq nel 2003, per scopi totalmente geopolitici (approvvigionamento petrolifero e insediamento di un governo non ostile a Washington) e geo-strategici (espansione della sfera d’influenza della Nato, attraverso il comando Africom), volti al contenimento di potenze rivali nei fondamentali scenari del Vicino Oriente e del Mediterraneo”. (testo ripreso da qui) Leggi il resto di questo articolo »

“I ladri sono quì”, con l’accento sulla i, appariva scritto sul muro della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia nel 1977. Avvenne nel periodo in cui noi baldi giovani desiderosi di cambiare il mondo ci trovavamo presso il Collettivo Casa Rossa, in via Verdi, a Codroipo. Io ci andavo più che altro per socializzare e fumare spinelli a gratis, ma c’erano anche i compagni duri e puri che si riunivano in un’altra stanza. A quell’epoca non capivo molto di politica e di economia (Oddio, non è che adesso ci capisca molto di più!), ma una cosa la capivo: alla Sinistra non piacevano le banche, perché evidentemente connesse con il capitalismo. Gl’incontri presso la Casa Rossa e le trasmissioni dell’annessa Radio Talpa durarono fino al 1981, quando uno dei nostri fu catturato all’interno dell’appartamento dov’era prigioniero il generale Dozier, a Padova. Cesare, di cui avevamo perso le tracce da qualche mese, era uno dei carcerieri. Con il suo arresto (è tuttora in carcere perché riconosciuto colpevole anche dell’omicidio Taliercio), gl’incontri presso la Casa Rossa finirono, insieme alle trasmissioni di Radio Talpa.

Leggi il resto di questo articolo »

fonte: http://civiumlibertas.blogspot.com * Homepage di A.B.M.

Vogliamo la catastrofe!

Articolo di: Alberto B. Mariantoni

Per l’attuale Segretario al Tesoro degli United States of America, Timoty Geithner, “l’Europa deve fare di più”. Altrimenti – ha tenuto a sottolineare – “si va incontro ad una possibile catastrofe” (sic!).

In modo un po’ più esplicito, diciamo che il suddetto autorevole e sfrontato Ministro del governo dei “padroni del mondo” – nel corso dell’ultimo meeting annuale del Fondo monetario internazionale di Washington (23-25 Settembre 2011) – ci ha fatto ufficialmente sapere che, per permettere agli all’incirca 308.745.538 abitanti di Yankees-Land di continuare a vivere e ad operare al di sopra dei loro mezzi, noi boveri colonizzati italiani ed europei dobbiamo assolutamente fare altri sforzi, stringere maggiormente la nostra cintura e compiere ulteriori e supplementari sacrifici. Se necessario, fino allo spasimo ed, eventualmente, fino all’agonia o al trapasso.

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte:

AgResearch, gestita dal governo della Nuova Zelanda, sta usando l’ingegneria genetica al fine di garantire all’umanità un futuro androgino (cioè senza più distinzione maschio/femmina.)

Sono riusciti a creare delle capre androgine chimandole “goys”, che è presumibilmente una fusione tra i termini inglesi di ragazzi e ragazze (boys and girls). Avrebbero però potuto tranquillamente usare il termine “MEMS”. Goy è il termine ebraico per i “Gentili” (la popolazione non ebrea, inferiore), frequentemente utilizzato nei progetti per l’umanità dei banchieri cabalisti (Illuminati) contenuti nei Protocolli dei Savi di Sion. Di solito viene usato il plurale della parola che diventa quindi goyim.

Questo obiettivo occulto (l’androginia) è dietro l’assalto psicologico portato avanti dalle femministe e dagli enti per “i diritti degli omosessuali”.

INGEGNERIA GENETICA IN NUOVA ZELANDA
Le capre androgine sono state segnalate dai membri della “GE-Free NZ” e dal Soil & Health Association of NZ dopo un tour nella struttura di sperimentazione animale di Ruakura.

Articolo di Serge Kahili King * tradotto in italiano da M. Teresa Catani

La caratteristica dello spirito di Aloha è meglio conosciuta come l’amichevole accettazione per le quali sono tanto famose le isole di Hawaii. Ma riguarda anche una potente forma per risolvere qualsiasi problema, per raggiungere qualsiasi obbiettivo e anche per ottenere qualsiasi stato della mente o del corpo si desideri.

Nel linguaggio Hawaiiano, aloha vuol dire molto di più di un semplice “ciao” o “arrivederci” o “amore”. Il suo significato più profondo implica “l’allegria (aho) di condividere (alo) energia vitale (ha) nel presente (alo)

Più si condivide quest’energia più ci si sintonizza con il Potere Divino, quello che gli Hawaiiani chiamano mana. Usare, con amore, questo potere incredibile è il segreto che ci porta alla realizzazione della vera salute, felicità, prosperità e successo.

Il modo per avere questo Potere e per sintonizzarsi con esso, è così semplice, che qualcuno potrebbe essere tentato di scartarlo perché lo ritiene troppo facile per essere vero. Per favore non vi lasciate ingannare dalle apparenze.

Questa è la tecnica più potente del mondo e, anche se estremamente semplice, forse non risulta facile perché bisogna ricordarsi di praticarla, molto spesso. Leggi il resto di questo articolo »

Claudia Santini * 13 ottobre 2011

I manifestanti potrebbero aver beneficiato della generosità di un uomo ricchissimo

Mentre ad Occupy Wall Street si grida che i ricchi diventano sempre più ricchi mentre la classe media soffre, qualcuno instilla il seme del dubbio: i manifestanti potrebbero essere stati foraggiati indirettamente da uno degli uomini più ricchi del mondo.

LA CURIOSITA’ - Si specula sull’identità dell’uomo che finanzia la protesta, giunta ormai in diverse città dell’America con una diffusione veloce e capillare. Un nome che torna continuamente in auge è George Soros, che a Settembre ha debuttato nella top 10 dei più ricchi d’America. I critici conservatori sostengono che il movimento non sia altro che “un cavallo di Troia” che nasconde un programma segreto pensato da Soros. Quest’ultimo e i manifestanti negano qualsiasi possibile connessione, ma Reuters ha trovato una connessione finanziaria indiretta tra Soros e Adbusters, un gruppo anti-capitalista canadese che ha dato il via alle manifestazioni con una campagna di marketing virale, citando la Primavera Araba. Soros e i manifestanti, inoltre, condividono un background ideologico. Il miliardario commenta dicendo “posso capire i loro sentimenti“, riferendosi a chi ha preso parte ad Occupy Wall Street. Rush Limbaugh, conservatore, insiste sui presunti finanziamenti. Leggi il resto di questo articolo »

Autore: Fulvio Grimaldi * http://fulviogrimaldi.blogspot.com/

Occorreva urgentemente un diversivo.
L’attacco quasi in contemporanea a Libia e Siria avrebbe dovuto nel giro di un paio di settimane, come dicevano gli Stati Maggiori, completare la normalizzazione della colonia “Grande Medio Oriente” dall’Atlantico al Golfo Persico, consentendo poi di ripulire, ricorrendo al pretesto dei soliti reparti coperti Al Qaida, gli uranici e petroliferi Algeria e Sahel, Corno e Controcorno strategici tra Somalia e Yemen, e di stroncare definitivamente una “primavera araba”, che si conta già sterilizzata altrove. Una primavera araba, peraltro, che aveva radici profonde nelle rivoluzioni laiche, antimperialiste, socialiste, di Libia e Siria, sopravvissute e vittoriose fin da lontani decenni del secolo scorso. Leggi il resto di questo articolo »
Immagine anteprima YouTube

Italia: come e quanto l’opposizione ha salvato la maggioranza

Fonte peacereporter.net
L’opposizione una volta su tre ha votato a favore del Governo,evitando che la maggioranza andasse sotto. I dati della ricerca di Openpolis mostrano che parlamentari troppo spesso dimenticano da chi sono stati eletti

Il Governo Berlusconi annaspa e in Parlamento sono sempre più frequenti i casi in cui la maggioranza va sotto nelle votazioni per approvare i propri disegni di legge: cento volte dall’inizio della legislatura. In realtà, però, potevano essere ben 5.098. È questo il dato che emerge da uno studio condotto dal sito Openparlamento.org, gruppo di studio legato a Openpolis, secondo cui i voti o le assenze dell’opposizioni hanno salvato la compagine di governo in media più una volta ogni tre votazioni. (SCARICA IL DOCUMENTO QUI)

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: Raggio Indaco Blog * Link

Segnate questa data sul vostro calendario mentre il movimento per liberare il pianeta dall’elitarismo globale avanza. La gente del pianeta ha consentito di venire usata come pedine nella centralizzazione del potere e della ricchezza. Ma si sta verificando una svolta (Steve Beckow)

15 OTTOBRE – UNITI PER UN CAMBIAMENTO GLOBALE

http://15october.net/

Immagine anteprima YouTube

Il 15 ottobre la gente di tutto il mondo scenderà nelle strade e nelle piazze. Dall’America all’Asia, dall’Africa all’Europa la gente si ribella, reclamando i propri diritti e richiedendo una vera democrazia.

Ora è il momento per tutti noi di unirci in una protesta globale non-violenta. Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE