Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Archivio di aprile 2009

facebook-harrypotter3Di cose da dire su questo argomento ce ne sono parecchie. Per iniziare da qualche parte, sulla versione italiana di Facebook, le “Condizioni” che vengono accettate in fase di sottoscrizione dell’account, poi sono “tagliate”. Non potete più leggerle in italiano.

Nel famoso “contratto di adesione” quello che tutti devono accettare se vogliono avere uno spazio su facebook, una delle clausole ultime, quelle che, per sfinimento, mediamente nessuno legge, dice:

Submissions

You acknowledge and agree that any questions, comments, suggestions, ideas, feedback or other information about the Site or the Service (”Submissions”), provided by you to Company are non-confidential and shall become the sole property of Company. The Company shall own exclusive rights, including all intellectual property rights, and shall be entitled to the unrestricted use and dissemination of these Submissions for any purpose, commercial or otherwise, without acknowledgment or compensation to you.

Perchè l’ho scritto in inglese? Perchè curiosamente nelle pagine italiane lo scritto è stato troncato!

Leggi il resto di questo articolo »

di Valerio Pignatta

acqua rubinetto
Il Tar della Calabria ha stabilito l’obbligatorietà da parte del Comune di Reggio Calabria di fornire le analisi dell’acqua potabile a chi ne fa richiesta

Una sentenza del 14 gennaio scorso del Tribunale amministrativo regionale della Calabria ha stabilito l’obbligatorietà da parte del Comune di Reggio Calabria di fornire le analisi dell’acqua potabile ai cittadini che ne fanno richiesta. Il Comune ha il dovere di svolgere funzione di controllo sulle acque destinate al consumo umano (sino al punto di consegna, ossia il contatore) e tutte le “informazioni ambientali” che esso deve raccogliere sono a disposizione della collettività. Chiunque ne può fare richiesta, addirittura senza dichiarazione del motivo della stessa. Questa sentenza incoraggia ad avviare analoghe iniziative nel proprio comune di residenza per tutti coloro che sono interessati ad avere informazioni sulla qualità dell’acqua che esce dal proprio rubinetto.

Da tempo, parecchie associazioni ambientaliste e mediche hanno sollevato seri dubbi sulla qualità dell’acqua in bottiglia, specialmente se di plastica. La possibilità di avere informazioni maggiori e possibilmente gratuite sull’acqua di acquedotto, potrebbe spingere ancor più cittadini a fare il passo indietro che tutti ci auspichiamo e che porterebbe al consumo di acqua potabile della rete idrica. Questo implicherebbe l’abbandono dell’uso selvaggio di acqua minerale in bottiglia che sta inquinando come pochi altri settori, senza contare l’impatto sulla salute delle persone, dato che questa pare sia proprio di qualità inferiore rispetto agli standard normalmente forniti dagli acquedotti che devono rispettare controlli più accurati e valori di sostanze inquinanti minori.

Leggi il resto di questo articolo »

Berlusconi tra i terremotati abruzzesiMercoledì scorso, due giorni dopo il terremoto in Abruzzo, le Commissioni Difesa di Senato e Camera hanno espresso parere favorevole (con l’astensione dei commissari del Pd) sul piano governativo per l’acquisto di 131 caccia-bombardieri F-35 e per l’ampliamento della base aerea di Cameri (Novara) dove i velivoli verranno assemblati.
Un piano di riarmo che in diciotto anni ci costerà oltre 17 miliardi di dollari, pari a 13 miliardi di euro.
Una spesa enorme “a cui si farà fronte – si legge nel documento della Commissione camerale – attraverso risorse già individuate nell’ambito delle disponibilità dello stato di previsione del Ministero della Difesa nonché attingendo ad altre fonti di finanziamento”.
Non è previsto nessun esame in aula.
Vi riproponiamo l’articolo che PeaceReporter aveva pubblicato appena appresa l’esistenza di questo piano.

Leggi il resto di questo articolo »

510ja36793l_sl500_1Posto questo interessante articolo di Iacuelli perché raggiunge al cento per cento quello che penso della situazione economica italiana del momento. E avverto che quel che sta avvenendo, lo sta avvenendo per due ragioni fondamentali:
1. perché paghiamo ancora lo scotto dell’aver perso la seconda guerra mondiale con accordi segreti tuttora validi e prorogati sine die, mai ufficialmente rimessi in discussione;
2.  perché in più paghiamo il conto del fallimento dello Stato – non dichiarato per continuare a permettere questi sporchi ricatti nelle quinte che ingrassano i nostri politici che vendono la torta – dovuto al nostro debito pubblico FRAUDOLENTO manipolato da chi ci sta appunto colonizzando.
Ad esempio la Banque de France che, contrariamente a bankitalia, è un organo pubblico, controllato dallo Stato francese e pertanto che condivide gli utili derivanti dalla produzione monetaria con lo stesso Stato francese. Leggi il resto di questo articolo »

Chissà perché in ogni tentativo di bloccare la stampa libera c’è sempre un Levy di turno, un nome ebraic come i proprietari del 99% delle fonti di informazione. Non in conflitto di interessi vero?

Internet: l’ennesimo disegno di legge

indecent_by_dogeatdog5di maurizio carena

Per la classe dirigente, il controllo di internet è ormai un chiodo fisso, una priorità irrinunciabile.

I senatori del PD Vita e Vimercati hanno recentemente depositato in Senato un progetto di legge su “neutralità delle reti, free software e società dell’informazione”.
Tale iniziativa, risalente all’ultima decade di marzo e ripresa ieri da punto-informatico.it, è, nelle parole degli esponenti del partito oggi all’opposizione, “una proposta organica per la modernizzazione digitale del sistema delle imprese e della pubblica amministrazione”.
Questo è ciò che dicono. Vediamo cos’hanno fatto nel recente passato.
Ottobre 2007: il “Centrosinistra” approvava, senza troppo clamore, il Ddl Levi-Prodi (“legge sul riassetto dell’editoria“), provvedimento che, nel solco della “migliore” tradizione fascista, prevedeva per siti e semplici blogger del Belpaese l’obbligo di registrazione al ROC (Registro Operatori Comunicazione), nonché l’estensione su di essi dei “reati a mezzo stampa“.

Ecco cosa si intendeva per “riassetto dell’editoria”: poter minacciare di querela per diffamazione qualsivoglia blogger.

Leggi il resto di questo articolo »

Posto qui un articolo trovato sul blog Informazionescorretta, che riassume correttamente la situazione economica riportando anche dati ripresi dal sito della LEAP/Europe2020!

Inevitabile default degli USA

death_by_debt_by_jessiechristMentre Tremonti e la Marcegaglia affermano che ormai la crisi è passata, sempre fedeli a rilanciare ogni flebile sussurro della troppo-grande-per-fallire Goldman Sachs (vedremo fino a quando), le Borse rispondono con una netta caduta come non se ne vedevano da un po’. Mentre scriviamo, infatti, Milano perde il 4%. Oltreoceano, Citigroup prosegue le montagne russe con una perdita del 15% ed un ritorno a 3 dollari per azione.

Ampio risalto viene anche dato dai media alle dichiarazioni iraniane su Israele stato razzista. Ci sarebbe davvero molto da approfondire a riguardo, ma un post non basterebbe.

Nessuna parola invece sul GEAB Report numero 34, che eppure parla di cose molto interessanti, a partire dal prossimo default degli USA sul loro debito.

Come promesso nel post precedente, eccovi la seconda parte di tre. Se vi siete persi la prima parte, leggetela prima di procedere: racconta quella che sarà la Grande Fuga della Cina dal Dollaro.

Leggi il resto di questo articolo »

Postiamo una lettera interessante di un abruzzese, indirizzata a Beppe Grillo.

di M.B.
abruzzo_terremoto05Gentile Signor Beppe Grillo, chi le scrive lo fa da una parte dell’Abruzzo che, grazie a Dio non ha subito danni, (paura a parte) visto che vive sulla costa.
Non posso darle torto quando sottolinea il fatto che, visto che da mesi l’Aquila era soggetta a forti scosse, si poteva fare di più.
E le segnalo un fatto che lo conferma.
Ho molti parenti e conoscenti che sono appartenenti ai testimoni di Geova. Questa comunità è molto unita pronta a soccorrersi a vicenda e, in occasione del terremoto, le comunità vicine si sono subito mobilitate per soccorrere i confratelli che ne avevano bisogno.
Su richiesta di mio figlio, membro attivo di questa religione, e anche perché desiderosa di rendermi utile, ho reso disponibile la mia casa e mi sono preparata per ospitare una famiglia, (una coppia con due ragazzi) e mi sono preoccupata di quello che poteva servire con urgenza loro, immaginando non avessero più nulla.
Immagini la mia meraviglia nel vederli arrivare con i bagagli al seguito!

Leggi il resto di questo articolo »

In Gran Bretagna è stata lanciata una campagna che vuole spegnere la tv per sette giorni. La ‘Tv Turnoff Week’ è una iniziativa nata in Inghilterra, ma ripresa anche da numerosi altri Paesi che comincia oggi e finirà domenica.

‘Get out of the box’ è lo slogan stampato in migliaia di manifesti appesi nelle strade di Londra e di altre città inglesi. Gli organizzatori hanno invitato la gente a invitare i propri vicini di casa, per chiacchierare, invece che guardare lo schermo televisivo. La settimana della tv spenta è un’iniziativa nata tredici anni fa grazie a un’invenzione di David Burke, un americano di 44 anni residente in Inghilterra da anni. Secondo quanto racconta Burke, ” un giorno mi sono reso conto dell’assurdità di entrare in una stanza in cui nessuno parla perchè tutti sono ipnotizzati da uno schermo luminoso”.

Leggi il resto di questo articolo »

[http://www.tlaxcala.es/detail_artistes.asp?lg=es&reference=315 ]
Un gruppo di legali norvegesi depositerà, il 22 aprile, una denuncia presso il Procuratore generale norvegese perché sia aperta un’azione legali contro casi gravi di crimini.


La denuncia è stata introdotta ai sensi dell’applicazione degli articoli 102-109 del Codice penale norvegese sui crimini di guerra, e altre gravi violazioni dei diritti dell’uomo alla luce delle norme internazionali e riguarda l’attacco israeliano contro la striscia di Gaza nel periodo che va dal 27 dicembre 2008 al 25 gennaio 2009.
I capi d’imputazione comprendono i seguenti crimini:
1- Omicidio di civili e altri atti inumani che hanno causato enormi sofferenze.
2- Distruzione di massa di proprietà pubbliche e private al fine di terrorizzare i civili.
3- Attacchi mirati di ospedali, ambulatori, ambulanze e altri mezzi di trasporto e squadre di soccorso, sotto protezione, e degli addetti di tali istituzioni.

Leggi il resto di questo articolo »

oshoEnzo Biagi intervista Osho intervista a Osho del 12/01/1986

ENZO BIAGI: Come prima cosa vorrei chiederti qual è il tuo insegnamento.

OSHO: Io non ho nessun insegnamento. Non sono un insegnante. Non dò nessuna filosofia della vita, né alcuna disciplina, né programmi da seguire. Ho un approccio alla vita ben preciso, che condivido con i miei amici. E il mio approccio inizia con una deprogrammazione. Per ciò che mi riguarda questa è la parola chiave. Essere iniziati alla mia amicizia significa essere iniziati a un processo di de-programmazione. Ogni essere umano viene programmato dalla nascita a essere cristiano, hindu, ebreo, mussulmano. Il bambino nasce innocente, ma immediatamente viene appesantito da migliaia di concetti, coi quali vive poi tutta la vita. In questo modo si vive una vita fasulla; non è autentica, non è onesta perché non ti appartiene. Non hai scoperto tu le cose che tenti di vivere… ecco perché, come tinua…prima cosa, aiuto la gente a liberarsi da tutti i suoi condizionamenti.

Leggi il resto di questo articolo »

[fonte: http://it.greenplanet.net ]

GERMANIA vieta mais Monsanto
ogm_greenpeaceIl ministro dell’Agricoltura tedesco Ilse Aigner (Csu), riferisce l’agenzia di stampa Dpa, avrebbe bloccato l’autorizzazione alla coltivazione del mais geneticamente modificato Monsanto “Mon810″. La coltivazione a scopo commerciale del mais transgenico “Mon810″ é permessa nei Paesi dell’Unione europea dal 1998. Secondo la Dpa, il ministro avrebbe invece condiviso le perplessità contenute in un recente studio che manifestava perplessità sull’impatto ambientale del prodotto.

Forti pressioni per il divieto erano arrivate dal Land della Baviera da cui, fra l’altro, è originario il ministro.

ITALIA: G8 agricolo. Il momento di Zaia

Leggi il resto di questo articolo »

Massimo Mazzucco

ilribelle.com

Secondo la Costituzione il voto è un “dovere civico”. Ma poteva andare bene nel 1948.
Oggi è il non-voto a essere un dovere. Morale
Oggi di italiani contenti se ne trovano pochi.

Che siano di destra, di sinistra o indecisi, ormai quasi tutti sentono il fiato della crisi economica sul collo, e si lamentano sistematicamente ai quattro venti.“Paese di merda!” “Io me ne vado, qui non si può vivere”. “Siamo governati da una banda di delinquenti”.

Naturalmente lo sappiamo tutti che quella “banda di delinquenti” la votiamo noi, ma se qualcuno prova solo a suggerire di smettere di votarli, si sente rispondere con disdegno che “tanto non cambia nulla”.

Il problema è tutto qui.
Cinismo, pigrizia mentale e pochezza morale concorrono ad una situazione paradossale che si potrebbe sintetizzare in questo modo: mi faccio del male da solo, ma non ho alternative, e quindi continuo a farmelo. Apparentemente, la cosa può sembrare vera: anche se uno non vota lo fanno tutti gli altri, e quindi il problema rimane. Un pò come agli incroci cittadini, che nell’ora di punta tutti occupano disordinatamente, pur di arrivare a casa “prima dell’altro”, invece di rispettare il semaforo. Se lo facessero tutti – dice ciascuno – io sarei il primo a rispettare il semaforo. Se invece lo fai da solo, non solo non serve a niente, ma ti prendi anche del cretino da quello dietro, che ti suona per farti passare a tutti i costi, nonostante il rosso. Dall’alto del suo palazzo il potente osserva soddisfatto i suoi popolani, che si scannano fra di loro invece di organizzarsi per un vantaggio comune.

Leggi il resto di questo articolo »

eleonora_brigliadoriE: Dieci anni fa mi dissero che sarei morta entro sei mesi. Avendo già perso mia madre e mia nonna di tumore, e avendole viste spegnersi tra atroci sofferenze dovute alla chemioterapia, mi convinsi che il percorso ospedaliero era solo un modo per morire nel peggiore dei modi. Quindi non ho fatto alcuna cura e neppure esami invasivi. In una situazione d’emergenza, come era quella che stavo vivendo, ritenevo assurdo dovermi far bucare, tagliare, aprire. Non ho fatto neppure la chemioterapia. Non solo perchè cosi si vanno a creare nuovi problemi fisici, ma vengono anche innescati meccanismi di paura. Dopo tre anni il carcinoma che avevo al fegato è scomparso, è andato via quando il virus dell’epatite l’ha metabolizzato…

I: Il virus dell’epatite?
Al livello del fegato è un “simbionte” che, terminato il conflitto, risolve il carcinoma al fegato.
Leggi il resto di questo articolo »

DI MIKE WHITNEY – counterpunch.org

morganMike Morgan (nella foto) è un consulente di investimento e una persona agguerrita che ama parlare senza mezzi termini. Ultimamente Morgan sta ricevendo pesanti critiche dal gigante di investimenti Goldman Sachs per il suo graffiante sito web “Facts about Goldman Sachs”. Secondo quanto scrive il britannico Telegraph:
“Goldman Sachs sta cercando di chiudere il sito di un blogger dissidente che è estremamente critico verso la banca di investimenti, il suo consiglio di amministrazione e le sue attività. La banca ha incaricato lo studio legale di Wall Street Chadbourne & Park di incalzare il blogger Mike Morgan, avvisandolo con una lettera di ingiunzione che potrebbe incorrere in un’azione legale se non dovesse chiudere il suo sito web.

Secondo la lettera di Chadbourne & Parke, datata 8 Aprile, la banca è infastidita perché il sito “viola diversi diritti di proprietà intellettuale di Goldman Sachs” e inoltre “sottintende una relazione” con la banca stessa.
Anche se non è una sorpresa per un uomo che ha legato il nome della banca al numero della Bestia – anche se lui, scherzosamente, fa notare che il 666 è anche il risultato minimo raggiunto dall’indice S&P500 – Morgan difficilmente si arrenderà senza combattere. Egli sostiene di aver ottemperato a tutti i requisiti legali per avere e gestire il sito web – la cui intestazione specifica chiaramente che i suoi contenuti non sono stati approvati dalla banca.

Leggi il resto di questo articolo »

seeds053006La Rete Semi Rurali (di cui Civiltà Contadina è fondatrice e fa parte) solidarizza, pur non condividendo l’atto di forza in se, con José Bové ed i suoi “falciatori volontari” recentemente condannati per il loro tentativo di parziale distruzione di una rilevante quantità di mais OGM contenuto nel silos di una azienda agricola.
Questa sentenza punisce anche l’agricoltore proprietario per aver esploso colpi di fucile in un tentativo di difesa.

Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE