Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Archive del 20 aprile 2010

che servono solo a mantenere lo status quo del predominio atlantico/sistema dollaro sul paese Italia. NdF

DI KURT NIMMO
infowars.com

Il Business Week ha riportato ieri [13 Aprile 2010, ndt] che Andrzej Olechowski (nella foto) parteciperà alla prossime elezioni presidenziali in Polonia per sostituire Lech Kaczynski.

Il Partito popolare polacco, giovane partner della coalizione governativa, probabilmente nominerà come proprio leader, il Ministro per l’Economia Waldemar Pawlak, mentre Andrzej Olechowski, un ex Ministro degli Esteri e dell’Economia, si candiderà come indipendente, così si legge su Business Week.

Andrzej Olechowski è il favorito. È uno dei membri del Council on Foreign Relations e della Commissione Trilaterale. È stato anche un economista della Banca Mondiale. Leggi il resto di questo articolo »

E’ singolare che dopo il black out dei voli, Alitalia risulti prossima al fallimento mentre Air France, più sana che mai, pronta a magnarsela. Ma perché, dico io, Air France non ha subito lo stesso black out, se non peggio? Certamente, ma Air France – per ca il 35%  pubblica – ha molto più cash -da signoraggio – in tasca – oltre a un maggior numero di rotte – con cui potere effettuare concorrenza sleale e shopping nel belpaese, che manco a farlo apposta si trova al centro del Mediterraneo, quel Mediterraneo di cui la Francia vuole avere il predominio con la presidenza dell’Union pour la Méditerranée che si prefigge d’imporre la lex esagonale nel controllo di acqua, energia solare, bonifica ambientale e autostrade del mare di tutto il mediterraneo. Predominio a vantaggio delle multinazionali francesi ma con i nostri soldi  (metà dei fondi provengono dalla Cassa Depositi e Prestiti). Leggi il resto di questo articolo »

La Prima guerra mondiale delle parole

di Miguel Martinez

Lo scorso 24 settembre, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu ha tenuto un discorso alle Nazioni Unite. Un buon oratore cerca di manipolare i luoghi comuni profondi del suo pubblico e quindi un discorso, più è retorico, più ci dice sugli ascoltatori.

Lasciamo perdere i soliti elementi di hasbara adoperati da Netanyahu e che ormai tutti conosciamo a memoria, e passiamo alla maniera con cui Netanyahu tratta il tempo. Leggi il resto di questo articolo »

Il sito Luogocomune, dell’amico Massimo Mazzucco, è stato citato in giudizio! Possiamo aiutarlo andando nel sito e donando un piccolo contributo.

LISTA VERSAMENTI AGGIORNATA – QUI (http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3516&com_id=160845&com_rootid=160835&#comment160845 ) SUPERATI 2000 EURO.
In qualità di responsabile di luogocomune sono stato citato in giudizio da Intersos per la nota vicenda del video del Guardian sul loro ospedale in Afghanistan.
Mi sono stati richiesti 800.000 di Euro di indennizzo per “diffamazione via internet”. A parte la classica “sparata”, tanto vistosa quanto ingiustificata, dovrò comunque comparire presto in tribunale. Non avendo i mezzi per pagarmi un avvocato chiedo gentilmente aiuto a tutti quelli che saranno disposti a darmelo.
Trovandomi obbligato a combattere questa squallida battaglia, spero almeno di riuscire a trasformarla in una battaglia per la difesa al diritto di informazione.

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: Eurasia-rivista.org

Considerazioni sullo scenario attuale

Ai fini di una veloce disamina dell’attuale scenario mondiale e per meglio comprendere le dinamiche in essere che lo configurano, proponiamo una classificazione degli attori in gioco, considerandoli sia per la funzione che svolgono nel proprio spazio geopolitico o sfera d’influenza, sia come entità suscettibili di profonde evoluzioni in base a specifiche variabili.

Il presente quadro internazionale ci mostra almeno tre classi principali di attori. Gli attori egemoni, gli attori emergenti e infine il gruppo degli inseguitori e dei subordinati. A queste tre categorie occorre, per ragioni analitiche, aggiungerne una quarta, costituita da quelle nazioni che, escluse, per motivi diversi, dal gioco della politica mondiale, sono in cerca di un ruolo. Leggi il resto di questo articolo »

di Francesco Lamendola – 20/04/2010

Fonte: edicolaweb
Ufficialmente l’arcipelago delle Azzorre, posto nel medio Atlantico sulla rotta fra l’America e l’Europa (e geograficamente ancora appartenente a quest’ultima), é stato scoperto nel 1427 da uno degli ammiragli al servizio di Enrico il Navigatore, probabilmente Gonzalo Velho; mentre la sovranità portoghese venne resa ufficiale cinque anni dopo, ossia nel 1432.
In realtà, una carta medicea del 1351 documenta l’esistenza di un arcipelago formato da sette isole a occidente della Penisola Iberica; e, come se ciò non bastasse, una carta catalana della fine del XIV secolo mostra  chiaramente tre isole situate in quella stessa posizione, chiamate rispettivamente Corvo, Flores e Sao Jorge.
Leggi il resto di questo articolo »

di Gianni Petrosillo – 20/04/2010

Fonte: Conflitti e strategie

E questo è un gioco da banditi, amici miei, che si chiama democrazia!
Da il nuovo Spoon River
E.L. Master

Diceva Balzac che in politica, come nel giornalismo, così come nell’attività economica aggiungiamo noi, esistono una quantità di casi nei quali i capi non debbono mai essere tirati in ballo. E questo è necessario per non mettere a rischio l’intero sistema ed agire ugualmente con disinvoltura e le mani libere dagli infingimenti formali della democrazia e della legalità, al fine di raggiungere quegli obiettivi ritenuti indispensabili a proiettare “in avanti” un governo, una redazione o un’impresa. Questa breve premessa, scevra da qualsiasi moralismo da anime belle e lontana dal gioco rifrangente del discorso ideologico ed apologetico ci è indispensabile per leggere alcune faccende nelle quali sono state coinvolte imprese big, quelle poche che esistono in Italia, come la Telecom. Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE