Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Intervista del blog di Beppe Grillo a Domenico De Simone

Immagine anteprima YouTube

Leggi il resto di questo articolo »

Wall Street Czars depopulating the World — By Afsaneh Ostovar

Gli Zar di Wall street stanno spopolando il mondo

Ringraziamo Effedieffe per la traduzione. Non possiamo non dare spazio a questo articolo,  perchè tutti si sappia di quale ferocia sono capaci i Burattinai.

di Afsaneh Ostovar,  tradotto da Massimo Frulla per www.effedieffe.com.

L’articolo è del 25 ottobre 2007, ma se fosse del 25 ottobre 2011 sarebbe altrettanto d’attualità. La storia dell’uranio impoverito e della principessa Diana….

Leuren Moret

Leuren Moret

Leuren Moret, scienziata americana indipendente ed esperta internazionale di radiazioni e di questioni di salute pubblica, ha dedicato la propria vita ad illuminare lopinione pubblica sulle conseguenze distruttive delle munizioni ad uranio impoverito usate dallesercito americano. Si è impegnata senza sosta nel cercare di impedire che gli USA continuino ad inquinare l’ambiente.

Domanda: Gli USA stanno utilizzando armi ad uranio impoverito (sigla DU, Depleted Uranium, ndt), violando i trattati internazionali. Perchè la comunità internazionale non sta obbligando gli USA a mettere fine alla produzione ed all’uso di tali armi?

Risposta: Me lo sono chiesto io stessa infinite volte. Alla luce del totale e completo fallimento degli interventi dei tribunali internazionali – dalla Corte Criminale Internazionale al Tribunale Mondiale – fallimento nel cercare di far applicare il protocollo di Ginevra 1925 sui gas nervini, le convenzioni di Ginevra e dell’Aia, i numerosi altri accordi e trattati internazionali, alla luce della totale inadeguatezza delle armi ad uranio impoverito di soddisfare – in 4 categorie su 4 – gli standard normativi stabiliti da leggi internazionali, alla luce di tutto ciò è chiaro che il sistema giuridico internazionale è moralmente e proceduralmente fallito. In altre parole, le legislazioni internazionali ed i trattati sono privi di senso oppure vengono imposti in modo discrezionale. Esattamente come accadeva nei laboratori nucleari nei quali ho operato, vengono discriminatoriamente imposte delle regole solo quando vogliono creare guai a qualcuno, in altre parole, prendono di mira regolamenti ed   obbligano a seguire delle leggi che sono state scritte, ma che solitamente sono ignorate. Leggi il resto di questo articolo »

Washington e Londra vogliono che l’Italia non abbia più una politica energetica propria e una sovranità nazionale

Articolo di: Filippo Ghira
Fonte: http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=11477

L’imminente uscita di scena di Silvio Berlusconi dalla scena politica può essere interpretata anche come l’ultimo colpo di coda della Prima Repubblica. Ammesso e non concesso che la Seconda sia mai nata. E non perché il Cavaliere debba essere considerato una creatura imprenditoriale e politica nata cresciuta sotto l’ombrello protettivo del compianto (lui sì) Bettino Craxi quanto perché dello statista socialista ereditò, forse inconsapevolmente, la visione europea, euroasiatica e mediterranea.
Berlusconi avrà pure tutti i difetti di questo mondo che negli ultimi anni si sono aggravati anche in conseguenza di una esuberanza incontrollabile e di una età avanzata che lo hanno condizionato non poco e che lo hanno portato a fare le corna ai vertici internazionali e ad invitare a casa tutta una serie di sgallettate e di ragazze allegre, riducendosi ad una macchietta oggetto di scherno e di disprezzo. Ma quali sono i politici che senza ridursi a fare i buffoni in pubblico, in buona sostanza non sono altro che delle marionette dei gruppi economici e finanziari che li hanno messi al potere? Barack Obama non è forse il maggiordomo ubbidiente di quella Wall Street che lo ha portato alla Casa Bianca? Leggi il resto di questo articolo »

I fondatori dei New Trolls Vittorio De Scalzi e Nico Di Palo portano a compimento un ambizioso progetto iniziato nel lontano 1971 con il primo “Concerto Grosso” (opera di Luis Bacalov eseguita dalla band genovese) e proseguito poi con la seconda parte nel 1976, pubblicando, ad oltre trent’anni di distanza “Concerto Grosso: The Seven Seasons”.
Al loro fianco, a curare i testi in inglese c’è Shel Shapiro e Franz di Cioccio (Premiata Forneria Marconi) come produttore esecutivo, oltre ad alcuni altri, valenti musicisti. Leggi il resto di questo articolo »

Autore Gregg Braden * Fonte: scienzaeconoscenza.it * Link

http://www.animacosmica.org/spirito-coscienza/tecnologia-interiore/

Secondo gli antichi, gli esseri umani avrebbero avuto l’opportunità di percorrere due sentieri: il primo è quello della tecnologia esterna, che conosciamo molto bene, per mezzo della quale costruiamo macchine e strumenti esterni al nostro corpo fisico, forse senza renderci conto che ogni volta che ciò avviene non facciamo altro che costruire uno specchio di una qualche funzione del nostro corpo fisico. E il secondo?

Nella tradizione degli antichi popoli indigeni ogni volta che il respiro di un essere umano entra in una forma terrestre si ripete il più sacro fra tutti i riti, il sacro matrimonio fra spirito e materia.

Il valore del corpo di informazioni contenute nel presente studio Camminare fra i mondi e anche uno dei fattori che mi hanno permesso di collegarne i dati, è costituito dall’analisi molto sintetica di alcune antiche tradizioni che ci sono state tramandate ed anche dalla prospettiva che riconosce l’unità di tutta la vita. Credo che noi esseri umani ci muoviamo nello spirito e siamo incapaci di percorrere un sentiero che non sia spirituale. Perciò, a prescindere dalle nostre scelte di vita noi percorriamo comunque il sentiero dello Spirito e quando riconosciamo l’unità della vita che ci circonda, noi incarniamo quello spirito. Leggi il resto di questo articolo »

Ripropongo due articoli dall’archivio del mio blog. Il primo dove riprendo Blondet che nega il complotto internazionale contro Berlusconi, quando il duo Berlusconi/Tremonti era ancora la coppia della legge di rinazionalizzazione di Banca d’Italia, mai attuata, e prima del tradimento di Tremonti, firmatario del trattato del MES, che un governo tecnico ossia una vacanza di reale democrazia e parlamento non avrà alcuna opposizione nel ratificare entro fine dicembre.

Il secondo descrive un Monti tendenzioso che non ha visto la frode e l’insider trading di cui si sono macchiate due agenzie di rating accusate dalla magistratura di Trani, con i giochetti nella notazione dei nostri titoli.

1) MARTEDÌ 19 GIUGNO 2009

LETTERA A BLONDET. di N. Forcheri
Questa è una lettera di risposta di un articolo pubblicato da Maurizio Blondet in cui negava la teoria del complotto e affermava, a giugno, che Berlusconi si rovina da sé (che non riesco a ritrovare).

Gentile Blondet
non concordo con Lei sull’assenza di complotto internazionale nei confronti di Berlusconi. Esso avrebbe piu di un motivo di essere, oltre all’asse energetico Roma Mosca, ci sarebbe anche quello non minore dei derivati. Derivati che Tremonti ha sospeso, almeno i nuovi, per un anno di tempo, il 17 giugno scorso, in attesa di una regolamentazione che non viene. Sivvede che ci sono forti pressioni che remano contro, magari proprio quelle che organizzano i pompinigate. Derivati ai comuni che Berlusconi ha dichiarato prima del G8 a gennaio di volere annullare (quelli in corso), poi non se n’è piu saputo niente. Quando le quattro banche responsabili di frode in materia di derivati agli enti locali sono state messe sotto sequestro, il 28 aprile scorso, è scoppiato guarda caso l’affare noemi e non se ne è piu sentito niente.
Perciò io sono strasicura che il complotto internazionale c’è ed è quello della finanza angloamericanafrancoeuropea nei confronti di un duo Berlusconi Tremonti che in materia di finanza e di banche vuole cercare di salvare l’Italia dal disastro derivati e dal cappio usuraio che il sistema bancario internazionale sta mettendo sull’intero paese per farlo fallire e per magnarselo. Contrariamente a tutti gli altri, da Scajola a Brunetta, da Fini a Frattini, da Prestigiacomo a Bondi, i quali invece adempiono completamente a quel compito. Leggi il resto di questo articolo »

Ricordo che in valore assoluto la Francia ha 200 milioni di euro in meno di debito pubblico.

Fonte: http://it.peacereporter.net/articolo/31368/%27%27Se+l%27Italia+non+fosse+nell%27euro…%27%27

Se l’Italia non fosse nell’euro, 4 novembre 2011

Il giornalista economico britannico Evans-Pritchard: “L’economia italiana è debole solo secondo i parametri di Maastricht. Se avesse ancora una banca centrale sovrana non sarebbe in questa situazione. La Bce? Incompetente e arrogante”

Il giornalista economico britannico Ambrose Evans-Pritchard, responsabile della sezione economica internazionale del Telegraph, ha scritto pochi giorni fa in un suo articolo:
“Lasciatemi aggiungere che l’Italia non è fondamentalmente insolvente. È in questi pasticci perché non ha un prestatore di ultima istanza, una banca centrale sovrana o una moneta sovrana. La struttura dell’euro ha trasformato uno stato solvente in uno insolvente. Ha invertito l’alchimia”.
Affermazioni degne di nota che Peacereporter ha chiesto a Evans-Pritchard di spiegare.

Fondamentalmente la posizione debitoria italiana è solida - ci ha detto il giornalista britannico al telefono - perché non esiste solo il rapporto debito pubblico/Pil stabilito dal Trattato di Maastricht.

Se tra i criteri di sostenibilità di un’economia si considera anche il debito privato, l’Italia risulta uno dei Paesi più stabili d’Europa. L’indebitamento delle famiglie italiane e delle società non finanziarie italiane è il più basso d’Europa (42 per cento del Pil, contro il 103 britannico, l’84 spagnolo, il 63 tedesco e il 51 francese, ndr) e ciò rende il debito aggregato italiano (pubblico più privato) inferiore a quello di Gran Bretagna, Spagna e Francia, e analogo a quello della Germania.

Inoltre lo Stato italiano è uno dei pochi al mondo ad avere un avanzo primario, ovvero a incassare più di quello che spende, al netto degli interessi che paga sul debito pubblico.

Considerate queste condizioni, se il vostro Paese non fosse entrato nell’euro e aveste quindi una banca centrale sovrana in grado di attuare una politica monetaria autonoma espansiva a sostegno dello sviluppo la situazione dell’Italia sarebbe molto migliore. Ovviamente stiamo parlando in linea puramente teorica, perché ormai che siete dentro non potete uscirne: sarebbe una catastrofe per voi e per l’Europa in generale.

Il problema è che la direzione in cui stiamo andando è proprio questa, perché la politica economia della Bce produce risultati nefasti. Leggi il resto di questo articolo »



Fili invisibili

Se nell’episodio precedente gli alieni ginecologi la fanno da padrone, nel terzo atto della saga passano in secondo piano e vengono alla ribalta i padroni occulti del mondo, in carne e ossa. Questi sono molto più temibili dei Grigi, che tutto sommato giocano al dottore con singoli individui, mentre i padroni del mondo manipolano interi popoli inducendoli alla fame, alla miseria e a combattersi gli uni gli altri, in quella guerra fra poveri che vediamo spesso sui telegiornali, con gli abitanti di Rosarno che danno addosso agli emigrati e i manifestanti che attaccano i poliziotti. E viceversa. Già Pasolini lo aveva fatto notare.

L’episodio comincia con la brutta copia dell’assassinio di JFK in versione coloured. Gli afroamericani, che evidentemente fanno fatica a capire che Obama è solo un negro bianco, si arrabbiano e vanno a rubare gli stereo nei negozi di Hi-fi. Il che ci fa capire quanto sia vero che i negri hanno la musica nel sangue e, per loro, sentire musica è come farsi una trasfusione. Non possono vivere senza! Per riscattarsi da tanta miopia, c’è un attivista di quelli giusti, David Jones, che le cose le ha capite fino in fondo, e che sarà salvato dal provvidenziale intervento di Soul dagli sbirri che volevano approfittare delle sommosse per toglierlo di mezzo. Non ci riescono, grazie ai superpoteri della ragazza, che ancora gioca a nascondino con il suo spasimante e svanisce quando lui arriva: l’avevo detto che era una rompiballe!

Leggi il resto di questo articolo »

Immagine anteprima YouTube

“La depressione è la perdita della speranza; un’atmosfera dal sapore necrofilo che come una cupola di ghiaccio, avvolge il nostro spirito, costringendolo a un isolamento totale e a una penosa prigionia”

Testimonianza

Alina, figlia di un arcinoto editore letterario milanese, mi confidò un giorno, di essersi innamorata di un affascinante ingegnere informatico di Lucerna (città della svizzera tedesca) che, spesso, faceva visita al padre per motivi di lavoro. “E’ la sola cosa che desidero al mondo”, mi ripeteva con aria trasognata, mentre io, conoscendola profondamente, dubitavo di quella scelta avventata, non ritenendo, il soggetto in questione, adatto a una personalità così complessa, come lo era quella di Alina; emotivamente fragile e, per molti versi, anticonformista e introversa insieme. Lei non era semplicemente bella ed attraente! La naturalezza del suo stile, la classe e il regale portamento, si traduceva in una tale femminilità da incutere un reverenziale timore.    Ne ero assolutamente ammaliato e avrei giurato che la sua anima, condivideva con la mia, lo stesso identico sentimento. E la sua mente? La sua mente lo sapeva? Io non feci nulla per dissuaderla da quel suo convincimento anche se, in cuor mio, ahimè, non presagivo niente di buono.

Quel giorno si sposò, e tutto appariva perfetto, quasi predestinato, ma in quella sua ilare e, quasi ostentata allegria, io scorsi una pungente vena di dolore. Leggi il resto di questo articolo »

Jeremy Rifkin autore di bestseller, consigliere politico, attivista pacifista e profeta dell’etica indaga l’evoluzione dell’empatia e il modo in cui ha profondamente plasmato il nostro sviluppo e la nostra società.

Fonte: http://stazioneceleste.blogspot.com/2011/11/la-civilta-empatica.html

Bere, mangiare, vestirsi, seminare e coltivare sono stati trasformati in denaro. Giocare, divertirsi, riposarsi, lavorare, costruire, viaggiare, progettare sono stati trasformati in denaro. Relazioni, amori, sessualità, affetti, legami familiari, matrimoni sono stati tutti trasformati in denaro. Anche la salute, la malattia, la cura, la prevenzione, la terapia, la diagnosi sono state trasformate in denaro. Così la musica, l’arte, il genio, le scoperte, le invenzioni, le scuole e l’insegnamento. Religioni, divinità, confessioni religiose, santi, chiese come istituzioni e chiese come edifici, tutto, completamente tutto, è stato trasformato in denaro.

Perché trasformare tutto in denaro? Perché tutto e ogni cosa della vita dell’uomo è stata trasformata in denaro? Gli uomini cercano in tutti i modi di possedere denaro, perché?

I motivi sono due. Il primo risponde a una contingenza della natura umana, il secondo è generato da una provocazione ingannevole di Satana.

L’uomo, l’umanità è in viaggio da molto, molto tempo. Il tempo non è una dimensione connaturale all’uomo, è una dimensione acquisita in questa dimensione terrestre, ma mai completamente metabolizzata dallo spirito dell’uomo che è stato creato senza tempo e fuori dal tempo.

L’uomo è in viaggio da molto, molto tempo, ed è troppo lontano da casa da troppo tempo. L’uomo è stanco di aspettare il giorno senza tempo, il giorno del ritorno.

La sospensione di questa attesa ha trasformato tutta la vita dell’uomo in un’attesa. La vita che l’uomo si è costruito su questa terra è una gigantesca sala d’attesa per qualcosa e qualcuno che questa terra non gli darà mai. Leggi il resto di questo articolo »

di Antonio Pani per Tra Cielo e Terra


Premessa

Questa sintesi di osservazioni e pensieri è rivolta alla comprensione dei nostri tempi e dell’atteggiamento assunto dalle persone, in quella che potrebbe essere definita “la crisi senza fine”.
Non dimenticando l’indubbio peso che rivestono attualmente le questioni economico – monetarie, lo scritto vuole raccontare e mettere in relazione tre aspetti che attengono, essenzialmente, alla natura umana e che paiono assai poco distanti l’uno dall’altro.
Il tentativo è quello di unire i puntini per scoprire il disegno nascosto che, spesso, non lo è più di tanto.

Tre temi e tre domande

Il primo argomento riguarda le capacità e potenzialità del cervello e del corpo umano, le quali sono costantemente in fase di studio, catalogazione e approfondimento scientifico.
La mole di lavoro svolta, le pubblicazioni e la sperimentazione inerenti alle possibilità della nostra mente, è semplicemente sconfinata.
Suscitano particolare attenzione, gli studi e gli esperimenti che si occupano della capacità di precognizione/presentimento, che alcuni scienziati hanno definito essere ”patrimonio comune della razza umana” (Dean Radin, “The conscious universe”, Harper Edge, San Francisco 1977).
Leggi il resto di questo articolo »

Dopo l’articolo di Barnard una nota di NoCensura

Ci sarà il governo Monti oppure no? LE TRATTATIVE SONO IN REALTA’ UNA FARSA…. MONTI è OVVIO CHE SARA’ IL NUOVO PREMIER…. è stato nominato senatore APPOSTA!!!

E dopo l’articolo di NoCensura un piccolo intervento di Felice Capretta con alcuni link ad eventi.

[...]sta succedendo quello che gli affezionatissimi già sanno da un pezzo: sta succedendo che non c’è mai stata nessuna ripresa e la crisi ha ripreso il suo corso naturale.

Articolo di Paolo Barnard * Link

Il colpo di Stato si compone della fase scardinante e del regime successivo. Di norma la prima implica un attacco frontale alla democrazia che spaventa e sconquassa, i blindati nelle strade e le bombe sui palazzi di governo. Nel caso del colpo di Stato finanziario che ha oggi terminato la democrazia italiana post bellica, l’equivalente sono stati l’attacco dei mercati e le bombe in termini di titoli italiani sganciati a tappeto in una vendita furiosa. La seconda fase è quella che segue, il regime vero e proprio. Le cose si calmano in apparenza, ma i golpisti sono nel palazzo e iniziano le razzie e i crimini contro i diritti umani. Nel caso del colpo di Stato finanziario che ha oggi terminato la democrazia italiana post bellica, l’equivalente saranno la demolizione della ricchezza pubblica (residua) da trasferire alle elite, dei diritti del lavoro per il beneficio di chi vuole pagare un italiano come un cinese, e dell’economia stessa, poiché tali politiche possono solo soffocare la Aggregate Demand che è vitale per qualsiasi sistema economico. Saranno 40 anni di sofferenza sociali indescrivibili per milioni di noi, che non inizieranno a mordere giovedì prossimo, ma neppure tanto in là. Mario Monti, golpista criminale al soldo di e contiguo con Goldman Sachs, la Coca Cola Company, il Bilderberg e  le lobby finanziarie europee, è già al timone. Napolitano, che non chiamo Presidente perché è un lurido traditore della patria, ha steso il tappeto rosso. Leggi il resto di questo articolo »

Link * Visto su LoSai

“Monti e’ un’ancora che il Quirinale ha inventato. E’ da quattro mesi che si prepara. Il programma e’ gia’ pronto ma nessuno ha avuto il coraggio di dirlo a Silvio Berlusconi’. Ad affermarlo e’ l’economista Giacomo Vaciago intervenendo al convegno organizzato dall’Associazione Koine.

Allo studio della Germania, rileva Vaciago, “c’e’ l’idea di ridurre l’area dell’euro ai paesi che ci stanno”.

In pratica, sottolinea, la Grecia e il Portogallo sono gia’ fuori dall’area, l’Irlanda e’ gia’ rientrata e ora bisognera’ vedere che cosa faranno Spagna e Italia”. Il professore di Economia dell’Universita’ Cattolica di Milano, si dice convinto che Monti, nel caso in cui fosse nominato premier, ‘ci chiedera’ di restare con la Francia e la Germania’ nella zona euro. E per questo saranno necessarie ‘una serie di condizioni’ e ‘di sforzi’.

 

Goldman Sachs innesca la crisi e poi piazza Mario Monti a risolverla

Fonte: www.byoblu.com * Link

A integrazione del post “Tutto, tranne democrazia!” (qui il link) e del video qui sopra, ecco una notizia di Milano Finanza, noto covo di complottisti. Ci sarebbe Goldman Sachs dietro all’ondata di speculazioni che ha in pochissimo tempo innalzato artificialmente lo spread tra i buoni del tesoro poliennali italiani e suoi cugini tedeschi. Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia