Cerca 

FreePC

 

Trovaci su Facebook

 

PAOLO MALEDDU

 

Enneagramma Biologico

 

SCIE CHIMICHE

 

Gianni Lannes

 

Gaza: un'altra guerra di Sykes-Picot o la svolta di pace
Lino Bottaro | 09-01-2009 Categoria: Politica Stampa

6 gennaio 2008 (MoviSol) - Non ci si illuda: la decisione israeliana di lanciare l'attacco e l'invasione della Striscia di Gaza, così creando una crisi in Medio Oriente, non è stata presa a Gerusalemme, ma negli ambienti dell'Impero Britannico che vogliono mettere alla prova o destabilizzare l'amministrazione entrante del Presidente Obama.

Denunciando l'invasione di Gaza il 3 gennaio, Lyndon LaRouche ha puntato direttamente alla mano dei britannici e dei loro alleati in Arabia Saudita: "Nessun israeliano o arabo sano di mente seguirebbe questa pazzia – tranne che subendo un'intensa manipolazione da parte dei britannici e dei loro partner sauditi".



LaRouche ha proseguito descrivendo l'attacco israeliano "un altro fallimento alla Truman", in riferimento a quando il presidente USA Harry Truman appoggiò la spartizione della Palestina contro le forti obiezioni del gen. George Marshall, che metteva in guardia dalle conseguenze del rifiuto di creare uno stato ebraico-palestinese, binazionale.

Il 30 dicembre, LaRouche aveva affermato che l'Impero Britannico, tramite le sue pedine in Israele e altrove, sta mettendo alla prova l'amministrazione Obama ancor prima che si insedi. "Chiunque abbia un poco di cervello sa che questo non è assolutamente il momento di cominciare le ostilità nella regione. Chiunque sia a favore delle ostilità, in Israele e altrove, dovrebbe essere identificato e messo alla berlina".

Il conflitto viene riaperto nel momento del crollo dell'intero sistema finanziario mondiale e nel periodo cruciale che precede l'inaugurazione di Obama il 20 gennaio. "I britannici stanno reagendo come previsto e quando era previsto, cioè quando ritengono di poter tenere in mano i fili della situazione. E il pericolo di assassinio di Obama è a livelli alti proprio per questo motivo", aveva dichiarato LaRouche.

Quanto alle spiegazioni secondo cui Israele mirerebbe a distruggere la minaccia di guerra asimmetrica contro la propria popolazione rappresentata da Hamas come pedina dell'Iran, "l'unica 'minaccia' è quella dello scoppio della pace", ha detto polemicamente LaRouche. "Non c'è una minaccia militare credibile contro Israele. C'è una malattia, che si chiama mentalità di Sykes-Picot, nella leadership israeliana. Questa si è abituata talmente a svolgere il ruolo di pedine dei giochi imperiali britannici del divide et impera, che ha perso l'abilità di pensare in termini dei propri interessi".

Infatti, con la prossima amministrazione a Washington, dopo otto anni di Bush-Cheney, c'è una genuina opportunità di ottenere un accordo di pace tra Israele e Siria, che sarebbe immediatamente seguito da un accordo con il Libano. Ciò cambierebbe drammaticamente la dinamica dell'intera regione e creerebbe le condizioni per una soluzione giusta e praticabile della questione palestinese.

Lo scoppio della pace "porrebbe una minaccia esistenziale a coloro che, nella regione, rimangono prigionieri della logica di Sykes-Picot", ha continuato LaRouche. Il trattato di Sykes-Picot del 1916, tra Gran Bretagna e Francia, divise il territorio dell'ex Impero Ottomano tra le due potenze coloniali europee, e innescò un conflitto perpetuo lungo linee religiose, etniche e tribali che si è trascinato fino ai giorni nostri. Sia i grandi movimenti sionisti, in particolare i seguaci di Jabotinsky, che la Fratellanza Musulmana nacquero come conseguenza degli accordi Sykes-Picot.

Pur riservando parole dure contro il governo israeliano, LaRouche ha anche notato che alcuni leader della Fratellanza Musulmana e dirigenti di Hamas sono proni alla stessa tendenza autodistruttiva, che alimenta il clima di conflitto perpetuo.

Non sarebbe ora di porre fine a tale follia? Si è chiesto LaRouche. Abbiamo un'opportunità unica di ottenere un accordo di pace tra Israele, Siria e Libano. Tale accordo porterebbe rapidamente ad una soluzione giusta alla crisi palestinese e ciò porrebbe fine alla tirannia di Sykes-Picot che ha martoriato la regione nel secolo scorso. Il fatto che alcuni in Israele e a Londra si sentono gravemente minacciati da un tale scoppio della pace non può essere una scusa per la mancanza di azione.

Per inserire un commento è necessario creare un account Registrati


Commenti (2)

Scritto da Caneliberonline
15-05-2010 02:05

ci illudiamo delle svolte di pace ,dopo che obama regala dollari per l'aquisto di missili ad israele

Scritto da nforcheri
09-01-2009 19:01

Non credo nel rischio di assassinio di Obama. Obama non è quella persona che tutti credono ed è semplicemete un'altra pedina corporasionista forse peggio delle altre perché travestita da colomba. Tutti hanno visto che non può né vuole fre alcunché per la situazione in Palestina e che la sua politica sarà del tutto supina ai sionisti, e al Grande Israele per coloro che hanno il sangue ebraico come lo ha dichiarato il giorno dopo la sua elezione all'AIPAC la potente lobby americanasionista (spero di non sbagliarmi nella sigla)

Area Utente

 

COOKIE

 

ULTIMI COMMENTI

 

Brainup

 

ENZO RAFFAELE

 

Pubblicità

 

 

ARTICOLI NICOLETTA FORCHERI