Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!
di Deanna Spingola * 16 Settembre 2010

Traduzione: http://nwo-truthresearch.blogspot.com

Lenin (Vladimir Ilyich Ulyanov) disse:”l’istituzione di una banca centrale rende comunista una nazione al 90%”.[1] Il controllo di tutto il mondo, ovviamente, richiede un’organizzazione straordinaria, armi superiori e alta tecnologia (come HAARP), potere politico e controllo monopolistico di tutte le risorse. Il 17 febbraio del 1950, James Warburg dichiarò al Senato degli Stati Uniti:”Avremo un governo mondiale, che vi piaccia o no. L’unica domanda è se il Governo Mondiale sarà raggiunto con la conquista o con il consenso.”[2] In Russia, in Cina e in altri paesi, le élite usano dei criminali per la loro conquista violenta dei capi esistenti. Le popolazioni non darebbero volontariamente il consenso alla propria fine. Ma i cittadini distratti, ingenui e ignoranti, con il loro consenso rinunciano alla propria libertà, ponendo la loro fiducia negli altri: (1) politici ipocriti che raccontano bugie, hanno rinunciato alla costituzione e venduto le loro anime; (2) media suadenti guidati dal profitto di un’élite. Le sorridenti e brillanti teste parlanti, le avvocatesse in abiti scollati dalla parlantina veloce, legittimano l’indecenza mentre spacciano l’infoainment travestendolo da notizie. Esse giocano agli equivoci riguardo all’obiettivo della prossima guerra dei neocon, che a loro parere è necessaria per tenere al sicuro l’America.

Mentre vendono le loro illusioni e fabbricano le nostre percezioni, su cosa indossare, cosa mangiare, bere, pensare e di chi aver paura, esse nascondono, cancellano o coprono storie che riguardano in realtà le nostre vite. Jacob H. Schiff, Paul Warburg e altri banchieri influenzarono il Congresso ad approvare il Federal Reserve Act (23 dicembre 1913). L’Anti-Defamation League (ADL) fu creata nel 1913 per ridurre al minimo le prevedibili critiche. I banchieri hanno fabbricato panico, ritirata del credito e nel processo hanno confiscato le risorse dei cittadini e i beni personali attraverso falsi salvataggi, ratificati da politici compromessi. Queste azioni, in ultima analisi, sono calcolate e progettate per decimare l’economia. Gli stessi banchieri che promossero la Federal Reserve, finanziarono Lenin, Trotsky, Stalin, Zinoviev, Kamenev, Molotov e Kirov (pseudonimo), nella loro atea e violenta presa in consegna della Russia. I banchieri cominciarono a fare grandi profitti quando Bernard Baruch, Louis Brandeis e altri manipolarono il loro burattino Woodrow Wilson ad entrare nella Prima Guerra Mondiale con il denaro preso in prestito dopo il provocato attacco al Lusitania. Winston Churchill, un seguace Rothschild, trattò come “esche vive” gli americani che viaggiavano sulla sfortunata Lusitania, una tattica per coinvolgere gli Stati Uniti nella Prima Guerra Mondiale, che diede inizio al flusso di denaro dalle tasche dei cittadini americani verso le cantine dei Rothschild e dei loro colleghi banchieri. La tattica delle “esche vive” era stata utilizzata con successo con la morte dei marinai americani a bordo della USS Maine. I banchieri dietro i magnati aziendali sfruttarono la situazione. I loro burattini politici ordinarono poi ai militari di invadere le ricche di risorse Filippine. Nel frattempo, i media insultarono e disumanizzarono gli innocenti filippini in modo che gli invasori potessero razionalizzare la loro uccisione. I magnati favoriti erano al seguito per la raccolta di manodopera a basso costo al fine di estrarre le risorse e il governo sequestrava il terreno per costruire basi militari per la gestione della popolazione e per proteggere le risorse. Per legittimare la propaganda in favore della Prima Guerra Mondiale, Walter Lippmann convinse il Presidente Wilson a creare la Commissione Ufficiale sulla Pubblica Informazione (CPI) il 13 aprile 1917. Wilson designò come presidente l’editore di giornali George Creel. Creel commissionò agli artisti della nazione la produzione di dipinti, manifesti e cartoni animati al fine di promuovere la guerra. Con l’aiuto competente di Edward Bernays “il padre delle pubbliche relazioni” e nipote di Sigmund Freud, il CPI produsse la più atroce propaganda di odio contro i tedeschi. Bernays manipolava la pubblica opinione attraverso la psicologia di massa, la sua specialità. Creel aveva un organico di fabbricatori di parole – giornalisti, scrittori, intellettuali e diversi pubblicitari – che più tardi ammise che erano disposti a mentire, usare il richiamo emotivo e la demonizzazione del nemico per generare odio e paura al fine di sollecitare il sostegno alla guerra.[3] In attesa di entrare in un’altra guerra, l’11 luglio 1941, il Presidente Roosevelt creò l’ufficio del Coordinatore delle Informazioni (COI), e nominò William J. Donovan, un avvocato di Wall Street, come suo capo.[4] Gli apologeti del Comunismo Eleanor Roosevelt, Wendell Willkie, George Field, Dorothy Thompson, Herbert Bayard Swope e importanti giornalisti, docenti universitari, sindacalisti, teologi e funzionari pubblici fondarono la Freedom House nell’ottobre del 1941, un’organizzazione di facciata del CFR. La Freedom House incoraggiava l’occulta attività di propaganda di gruppo perché sperava di convincere i cittadini statunitensi ad accettare l’ingresso nella Seconda Guerra Mondiale. Freedom House è stata strumentale nel facilitare e sostenere le politiche post guerra, come il piano Marshall, la NATO e le Nazioni Unite.[5] Il Piano Marshall trasferì i dollari delle tasse statunitensi nelle mani dell’élite, camuffandolo come sforzo umanitario. I contribuenti americani ricostruirono i paesi stranieri bombardati con la clausola che i soldi dovevano essere spesi con le società statunitensi con dietro i banchieri, le quali alzarono i loro prezzi per quei clienti stranieri. Gli USA fecero un embargo al Giappone, il quale dipendeva dalle importazioni, al fine di provocare una risposta militare. Churchill e Roosevelt, i cui governi avevano decifrato i codici di comunicazione giapponesi, seguirono poi i progressi della spedizione militare giapponese a Pearl Harbur, dove furono uccise 2402 persone, le “esche vive”, il 7 dicembre del 1941. Dopo l’attacco di ritorsione del Giappone i media li vilipesero e li disumanizzarono. Il governo degli Stati Uniti, esortato dagli agricoltori californiani, trasferì e internò, anche con la forza, 110.000 giapponesi americani, per lo più contadini della costa ovest, che solitamente vendevano i loro prodotti in modo più competitivo rispetto ai caucasici. Il governo mise i giapponesi nei campi di detenzione e congelò tutti i loro beni. Almeno 80.000 di questi individui erano nati in America. Il 13 giugno 1942, dopo che gli Stati Uniti entrarono in guerra, il reparto di propaganda del COI si unì al nuovo Ufficio di Informazioni di Guerra (Office of War Information – OWI), e fu ribattezzato Ufficio dei Servizi Strategici (Office of Strategic Services – OSS) ancora sotto la direzione di Donovan. [6] L’OSS sviluppò abilità clandestine in tutto il mondo e impiegò quasi 13.000 uomini e donne.[7] Esso condusse la guerra psicologica, spesso usata dai governi per condurre le truppe in guerra. Questa includeva ripetizioni costanti di storie di atrocità inventate al fine di dimostrare che il nemico era il male e doveva essere eliminato.[8] Nel 1942, il Dipartimento di Stato e i membri del CFR collaborarono per creare una nuova “organizzazione sovranazionale” per rimpiazzare la Lega delle Nazioni, basata sulle idee internazionaliste di Wlson.[9] Il Segretario di Stato Corder Hull (CFR) chiese al comunista Alger Hiss di assemblare un gruppo di altri 14 membri del CFR per redigere la Carta delle Nazioni Unite (ONU).[10] La Carta delle Nazioni Unite sostituì la Costituzione degli Stati Uniti con scarsa risposta da parte degli elettori, i quali che erano stati traumatizzati dall’attacco giapponese a Pearl Harbour. I Senatori degli USA accettarono la carta senza nemmeno vederne una copia. Essi non avevano l’autorizzazione a vincolare i cittadini americani, senza il loro consenso, alle condizioni della Carta delle Nazioni Unite.[11] Stalin si sarebbe unito agli alleati solo se gli Stati Uniti non avessero accettato l’ONU. Il 12 aprile 1952 il Segretario Dulles avrebbe rivendicato che “Le leggi del trattato possono sovrascrivere la Costituzione. I Trattati possono portare il potere lontano dal Congresso e consegnarlo al Presidente.”[12] Truman sospese le operazioni dell’OSS l’1 ottobre 1945. I suoi dirigenti, il personale addestrato e il patrimonio, furono infine trasferiti nella nuova Central Intelligence Agency (CIA), attraverso il National Security Act del 26 luglio 1947. Tra i trasferiti alla CIA c’erano 4 futuri direttori della CIA, Allen Dulles, Richard Helms, William Colby, e William Casey. La CIA, creata e gestita da un’elite, è un’organizzazione mondiale col fine di perpetrare attività terroristiche segrete. Ha collegamenti con l’MI6 Britannico e il Mossad israeliano. Truman lottò per la regolarizzazione della guerra psicologica della CIA, uno dei più grandi trionfi di propaganda dell’agenzia.[13] Le attività della CIA, secondo la direttiva ufficiale del governo, includevano: propaganda, guerra economica, azioni dirette preventive, tra cui sabotaggio industriale, demolizioni e misure di evacuazione, sovversioni contro gli stati ostili, compresa l’assistenza ai movimenti di resistenza clandestina, ai guerriglieri e ai gruppi di liberazione dei rifugiati, e supporto agli indigeni anticomunisti o, adesso, agli elementi antinazionalisti nei paesi di tutto il mondo. Queste operazioni non dovevano includere conflitti armati riconoscibili con forze militari, spionaggio e controspionaggio, ma copertura e inganno per le operazioni militari.”[14] I Presidenti Truman e Eisenhower introdussero e mobilitarono la propaganda in tempo di pace come una pratica ufficiale. I dittatori armati di pistola suscitano un’opposizione, mentre invece le democrazie usano la propaganda per convincere i cittadini ad accettare le idee, i punti di vista o le posizioni politiche per fare in modo che la comunicazione sia fatta fondamentalmente o immediatamente propria.[15] Truman istituì lo Psychological Strategy Board, come parte della CIA, il 4 aprile 1951, con Gordon Gray (CFR) come primo direttore. Henry Kissinger, un professore di Harvard, fu consulente di Gray.[16] La CIA pubblicò e disseminò centinaia di libri per promuovere la linea ufficiale di partito della Guerra Fredda. Dietro il sostegno della CIA le reti dei mezzi di comunicazione fornivano copertura per i loro agenti e permettevano la distribuzione di disinformazione, che, negli Stati Uniti, si sviluppava prevedibilmente tramite le agenzie di stampa, che impiegavano anche agenti della CIA, i quali impedivano che un fatto scomodo guadagnasse l’esposizione pubblica.[17] Frank Wisner, insieme con Allen Dulles, Richard Helms e Phillip Graham (editore del Washington Post e marito della CFR/Trilateralista Katharine Graham) istituì l’operazione Mockingbird, il programma della CIA per controllare i media statunitensi.[18] Per decenni le “notizie” statunitensi furono fabbricate. Nel 1981, il direttore della CIA William Casey disse:”Noi sapremo che il nostro programma di disinformazione sarà completato quando ogni cosa che il pubblico americano crederà sarà falsa.” Nel 1948, secondo John F. Kennedy, molti dei sostenitori di Truman lo abbandonarono perché sostenne il piano Morgenthau e altre dubbie questioni. Nella sua campagna whistle-stop in treno durante la corsa presidenziale, un avido sionista statunitense gli consegnò una valigia contenente 2 milioni di dollari in contanti che gli diede la spinta finanziaria di cui aveva bisogno per vincere in quello che fu considerato il più grande stravolgimento elettorale nella storia degli Stati Uniti.[19] Truman credeva che, come risultato della Shoah, gli ebrei erano stati oppressi e meritavano una patria. Gli inglesi rinunciarono al problema di uno stato diviso arabo-ebraico in favore delle Nazioni Unite il 2 aprile 1947, a causa del terrorismo ebraico in Palestina. Il Presidente Truman incaricò un riluttante Dipartimento di Stato ad approvare il 29 novembre 1947 il piano di partizione delle Nazioni Unite. A mezzanotte del 14 maggio del 1948, il governo provvisorio di Israele annunciò il nuovo stato di Israele. In quello stesso giorno, al pari del riconoscimento del governo sovietico da parte di Roosevelt, Truman riconobbe ufficialmente il governo sionista in Palestina contro il parere di molte persone. Truman non si diede il disturbo di informare i principali funzionari del Dipartimento di Stato, i quali si arrabbiarono quando sentirono la notizia. Il 15 maggio 1948, gli stati arabi risposero invadendo Israele, dando inizio alla prima guerra arabo-israeliana.[20] I sionisti detenevano solo il 7% della terra quando proclamarono il loro stato. Dopo il riconoscimento di Truman, gli esperti di pubbliche relazioni iniziarono a promuovere l’espressione “Giudeo-Cristiano” per contribuire alla creazione del “rapporto speciale” dell’America con Israele. Dwight D. Eisenhower era presidente della Columbia University (1948-1953) appena prima che fosse insediato come presidente degli Stati Uniti. Bernard Baruch si incontrò per la prima volta con l’affine Eisenhower nel 1928. Gli agenti di Morgan e Rockefeller e numerosi membri del CFR sistennero Eisenhower, un mascalzone donnaiolo, nelle presidenziali del 1952. Dopo la sua nomina egli disse al presidente delle Sinangoghe Unite d’America:”Il popolo ebraico non poteva avere un amico migliore di me…Sono cresciuto credendo che gli ebrei fossero il popolo eletto e che ci avessero dato gli alti principi etici e morali della nostra civiltà.”[21] Egli favorì l’OSS nel suo assassinio coperto del generale George S. Patton [22], che si opponeva al piano Morgenthau e ai campi di sterminio di Eisenhower e stava per rivelare una stretta collaborazione di Eisenhower con i sovietici. Eisenhower fermò le truppe statunitensi al fine di consentire ai sovietici di “liberare” Berlino. Ilya Ehrenburg, capo della propaganda sovietica, diresse le truppe sovietiche a saccheggiare e violentare le donne tedesche. Almeno 50.000 e forse fino a 100.000 donne di ogni età furono selvaggiamente violentate e molte di loro furono torturate e uccise.[23] Nel 1953 la CIA aveva 7200 persone che lavoravano ad azioni segrete, attività che rappresentvano il 74% del bilancio annuo della CIA.[24] La CIA reclutò sempre i propri leader dalle classi d’elite – uomini d’affari, giornalisti credibili, studiosi di Ivy League e avvocati e banchieri di Wall Street. Irving Kristol, Paul Weyrich, William Simon, Richard Mellon Scaife, Frank Shakespeare, e William F. Buckley Jr., erano collegati alla CIA. George Washington, nel suo discorso di commiato, consigliò agli americani di evitare una “innaturale connessione con qualsiasi potenza straniera” e di “avere con queste il minimo legame politico possibile.”[25] A quanto pare, i leader futuri ignorarono questo consiglio. Fino al giugno del 1953, il governo degli Stati Uniti diede a Israele 293.000.000 dollari, con un supplemento di 200.000.000 di dollari come prestiti bancari Import-Export. Il New York Herald Tribune del 12 marzo del 1953 riportò che, nei primi cinque anni di esistenza di Israele, comprese le donazioni, il totale ammontava a 1.000 milioni di dollari. Questo fu in aggiunta ai soldi che essi estrassero dalla Germania.[26] A partire dal 1953, Irving Kristol (CFR), “il padrino del neoconservatorismo”, e un ex trotzkista (contrario alla focalizzazione di Stalin sulla Russia e in favore di un sistema mondiale), co-redigeva la rivista Encounter, pubblicata a Londra e finanziata dalla CIA. Essa fu la voce del Congress for Cultural Freedom fondato dalla CIA e promosse regolarmente il Socialismo Fabiano e il Partito Laburista. Kristol fu anche il direttore di Commentary (1947-1952) e il direttore di The Reporter (1959-1960). Kristol spostò di nuovo la sua famiglia negli Stati Uniti dal 1960. Daniel Bell (CFR) e Kristol fondarono The Public Interest (1965-2002), una pubblicazione della Freedom House, sotto la direzione di George Field, il suo direttore esecutivo. Field fu inoltre presidente della Scuola di Scienze Sociali della RAND, che era di proprietà della American Socialist Society ed era finanziata dal Garland Fund. Sia Bell che Kristol furono sovvenzionati dalla CIA, attraverso il Congress for Cultural Freedom, la stessa organizzazione che finanziò alcune attività di ingegneria sociale di Gloria Steinem. Bell lavorò per Henry Luce (S&B, CFR) e sostenne la dissoluzione di tutte le frontiere e dei governi locali. Irving Kristol fondò e promulgò il The National Interest (1985-2002). Fu membro dell’Accademia Americana delle Arti e delle Scienze, membro dell’American Enterprise Institute e un Socio Illustre di John M. Olin (1988-1999). Contribuì ad una colonna mensile per il Wall Street Journal (1972-1997). Fece parte del Council of the National Endowment for the Humanities (1972-1977). Dagli anni ’50 in avanti regnò il caos in vari luoghi strategici, perpetrati soprattutto dalla CIA in congiunzione con le agenzie di intelligence straniere. Nel 1954, il segretario di stato John Foster Dulles ordinò alla Saigon Military Mission (SMM) della CIA di impegnarsi in operazioni di guerriglia in Vietnam. Dulles disse a questi “agenti provocatori” di “scatenare l’inferno.”[27] Alle agitazioni veniva poi data la responsabilità ai cittadini locali, ai quali ci si riferiva come insurrezionalisti. Il direttore della CIA Allen Dulles assegnò a Edward Lansdale e al suo legionario alla CIA Lucien Conein, l’incarico di impegnarsi in una guerra non convenzionale in Vietnam, dove crearono il Vietnam Military Assistance Advisory Group (MAAG).[28] Nel giugno 1954, il SMM istituì una campagna di guerra psicologica e militare sotto copertura. Avevano a disposizione dollari illimitati dei contribuenti ed erano impegnati in attività politiche, psicologiche e terroristiche contro la popolazione nativa nelle regioni settentrionali, specialmente ad Hanoi e nella zona circostante al Tonchino. Essi contaminarono le forniture di petrolio, sabotarono le ferrovie, nel nord cercarono di distruggere il più grande business della stampa, bombardarono gli uffici postali, distribuirono milioni di volantini di propaganda per provocare paura e crearono vaste somme di denaro contraffatto che creò una calcolata inflazione.[29] Quando gli abitanti dei villaggi Tonchinasi, per lo più cattolici, furono abbastanza spaventati e intimoriti, la CIA offriva di trasportare loro dal nord al sud. La CIA manipolò la gerarchia cattolica, che esortò poi all’evacuazione migliaia di cattolici.[30] A quelli che erano resistenti alla rilocazione veniva poi detto che gli Stati Uniti avrebbero usato la bomba atomica su di loro se fosse scoppiata una guerra civile tra il nord e il sud.[31] Armi e agenti furono lasciati al nord con un’abbondanza di forniture CIA di moneta falsa al fine di continuare la destabilizzazione economica.[32] Decine di migliaia di cittadini terrorizzati fuggirono a piedi. La CIA trasportò i rimanenti tramite la loro Civil Air Transport Airlines (CAT) e navi della marina militare statunitense ad un costo di circa 100 milioni di dollari. I cattolici furono spostati all’interno di una popolazione prevalentemente buddista, il che creò intenzionalmente conflitti religiosi, civili ed economici.[33] La CIA e il Mossad sono esperti nel trasferimento della popolazione allo scopo di provocare conflitti civili e religiosi. La deliberata decimazione del peso messicano nella metà degli anni ’90 (e l’Unione Nord Americana de facto di Bush) creò un afflusso di disperati messicani negli Stati Uniti, in congiunzione con le operazioni del cartello della droga. I sionisti nel 1948 espulsero 750.000 palestinesi dalle loro terre; costrinsero alla fuga da Gaza altri 350.000 nel 1967 e costrinsero altri 147.000 siriani ad abbandonare le Alture del Golan senza alcun risarcimento, al fine di ripopolare le aree. Naturalmente, i media sopprimono queste attività terroristiche. Inoltre, la guerra degli Stati Uniti in medio oriente ha causato la fuga altrove di migliaia di musulmani espropriati. Questo continuo scontro di culture, l’incursione straniera nell’economia Americana in decrescita e la deindustrializzazione (con l’outsourcing aziendale in cerca di manodopera a basso costo) creano tensioni. I media incitano all’oltraggio economico e religioso mentre celano le cause e le effettive attività dei veri colpevoli che approfittano di noi tutti. Nel 1954, gli agenti israeliani che lavoravano sotto copertura, sistemarono bombe in diversi edifici egiziani, tra cui un’infrastruttura negli Stati Uniti. Gli israeliani stavano cercando di capovolgere il sostegno statunitense dell’Egitto in favore di Israele. Così sistemarono prove dell’implicazione degli arabi. Tuttavia, una delle bombe esplose prematuramente. Gli egiziani catturarono uno dei colpevoli, che rivelò l’identità degli altri membri del gruppo di spionaggio israeliano, alcuni dei quali provenivano da Israele e altri erano ebrei locali. Spesso gli israeliani si trasferiscono in altri paesi, mantengono la doppia cittadinanza, e si impegnano in dubbie attività mentre lavorano in posizioni di governo e altre posizioni influenti, in opposizione ai migliori interessi del paese ospitante. I media israeliani negarono immediatamente ogni colpa e sostennero che si trattava di una truffa perpetrata dagli “antisemiti”, un espediente che è stato spesso usato per mettere a tacere le critiche. Tuttavia, in un successivo processo, i singoli individui produssero una netta evidenza che dimostrò il coinvolgimento di Israele nel bombardamento. I capi israeliani accusarono il Ministro della Difesa Pinhas Lavon, che rassegnò le dimissioni. L’operazione è conosciuta come Lavon Affair o Operazione Susannah. Per quanto riguarda l’antisemitismo, Norman Finkelstein ha scritto:”Il nuovo antisemitismo incorpora effettivamente tre principali componenti: (1) montatura e falsificazione, (2) etichettatura erronea alle legittime critiche della politica israeliana, e (3) il non giustificato ma prevedibile eccesso di critiche a Israele degli ebrei in generale.”[34]
In data 11 dicembre 1955, i siriani catturarono cinque soldati israeliani che erano intenti a installare un apparato di intercettazioni sulla rete di telefonia siriana. La versione israeliana dell’evento fu che i cinque uomini erano stati rapiti in Israele, portati in Siria e torturati. L’opinione pubblica in Israele e in Occidente fu distorta. Da allora Israele aveva deviato il flusso del fiume Giordano a scapito degli altri abitanti dell’area. L’1 ottobre 1955, il governo degli Stati Uniti, attraverso la CIA, diede a Israele il “via libera” per attaccare l’Egitto.[35] Sono stata in Israele nel 1999, quando il nostro gruppo ha ricevuto un permesso speciale per visitare un sito specifico lungo il fiume Giordano, che era poco più di un flusso sottile di acqua putrida. Esso era custodito a quel tempo da diversi soldati israeliani armati di pistola. Il nostro gruppo in viaggio fu ripetutamente messo in guardia di non discutere di cristianesimo con qualsiasi cittadino israeliano perché essi disprezzavano i cristiani. Secondo il Talmud (tradizioni degli Anziani), Gesù condusse Israele fuori strada, mentre sua madre Maria era un’adultera e una prostituta e Gesù è all’inferno, in ribollenti escrementi. Il Talmud afferma che i cristiani andranno all’inferno per l’eternità in “ribollenti escrementi” se si oppongono al “Giudaismo”. I saggi ebrei incoraggiano i loro seguaci a recitare ogni giorno il seguente testo:”Beato te che non hai fatto di me un goy”[36] Goy è un termine negativo che sta per “gentile”; alcuni dicono che significa bestiame. Nel mese di Ottobre 1960, poco prima delle elezioni presidenziali, John F. Kennedy lo visitò con il suo amico Charles Bartlett, un giornalista. La sera precedente Kennedy era stato ospite a cena a New York a casa di Abraham Feinberg, presidente della American Bank and Trust Company, insieme a un gruppo di ebrei di elite, ricchi e influenti. Il loro portavoce disse a Kennedy che essi riconoscevano che la sua campagna era in difficoltà finanziarie. Il gruppo offrì poi un significativo aiuto finanziario se Kennedy, come presidente “avresse consentito loro di impostare il corso della politica per il Medio Oriente per i prossimi quattro anni”.[37]
Bartlett ha ricordato:”Egli disse che se sarebbe diventato presidente avrebbe premuto per una legge che avrebbe dovuto far sovvenzionare le campagne presidenziali dal Tesoro degli Stati Uniti. Aggiunse che qualunque fosse il costo di questi sussidi, essi avrebbero isolato i futuri candidati presidenziali da questo tipo di pressioni e a lungo termine avrebbero risparmiato al paese un sacco di dispiaceri.” L’uomo del Congresso Paul Findley (1961-1982) indagò ulteriormente e scoprì che Adlai E. Stevenson aveva avuto un’esperienza simile nel 1956.[38]
Findley scrisse:”La pressione del gruppo etnico è una parte sempre presente della faziosa politica statunitense, e siccome il Presidente degli Stati Uniti è l’esecutore di tutta la politica estera e formula la maggior parte di essa, le pressioni naturalmente si concentrano sulle persone che detengono o ricercano la presidenza. Quando la pressione viene dagli amici di Israele, i presidenti e i candidati presidenti spesso si arrendono.”[39] Questo è successo dalla presidenza Truman (1945-1953). Condoleza Rice disse:”Abbiamo una politica estera Israele-centrica.” Riguardo all’Iraq, Findley ha detto:”Le nostre forze hanno invaso perché Israele voleva rovesciare Saddam. Due comunità religiose controllano le politiche Statunitensi sul Medio Oriente – una consistente di una combinazione di Ebrei secolari e ultra-Ortodossi, e l’altra di fondamentalisti cristiani fuorviati.”[40]
Nel 1977 il giornalista del Washington Post Carl Bernstein disse che 400 giornalisti, illustri reporter e corrispondenti esteri, erano dipendenti della CIA. Una fonte di alto livello disse a Bernstein:”Un giornalista vale come venti agenti.” Il vincitore del Premio Pulitzer Arthur Schlesinger, era un ex agente OSS trasferito alla CIA.[41] La CIA, prima del 1990, pagò i professori universitari per scrivere almeno 1.200 libri propagandistici e anti-comunisti, su luoghi come l’Unione Sovietica, il Vietnam, la Cina, Cuba e il Congo.[42] La Columbia University, insieme ad altre scuole, è un terreno di reclutamento della CIA. I Comunisti reclutarono Whittaker Chambers quando lui era li. Prima del 1967 il fondamentalismo islamico fu un movimento relativamente piccolo. Osama bin Laden, con il sostegno della CIA, dirigeva il network di Al Qaeda. Al Qaeda, indicato come un database, era parte di un’operazione della CIA dopo che l’Unione Sovietica invase l’Afghanistan il 24 dicembre del 1979, come parte del piano di destabilizzazione dell’Unione Sovietica del professore della Columbia Zbigniew Brzezinski. Brzezinski, il direttore fondatore della Commissione Trilaterale e seguace di Rockefeller con legami con la CIA fin dall’inizio del 1959, fu il Consigliere della Sicurezza Nazionale del Presidente Carter (1977-1981). Nel 1984, la CIA fornì dei libri di testo agli studenti afgani attraverso l’USAID, un gruppo di facciata della CIA. I libri furono scritti sotto la direzione di del Dr. Thomas Gouttierre, capo degli Studi Afgani presso l’Università del Nebraska, dove furono pubblicati i libri. Il Dr. Gouttierre diventò amico di Zalmay Khalilzad (CFR), ambasciatore degli Stati Uniti in Afghanistan e in Iraq (2003). Khalilzad, un Musulmano nato in Afghanistan, fu un ex consigliere della Unlocal e fu un assistente professore di Scienze Politiche alla Columbia University (1979-1986) dove lavorò a stretto contatto con Brzezinski. I libri di teso furono progettati per fabbricare una popolazione militarista al fine di suscitare la resistenza ai Sovietici e ai futuri nemici. Le illustrazioni dei libri includevano carri armati, mine e missili e promuovevano odio.[43] Gli Stati Uniti fornirono questi libri di testo incendiari (1984-1994) sotto la presidenza Reagan e George HW Bush (S&B). Bush è stato il vice presidente sotto Reagan (1981-1989). Tutti gli archivi della CIA riguardanti Bush e la sua compagnia Zapata che coprivano il periodo dal 1960 al 1966, furono distrutti quando egli divenne vice presidente nel 1981. Bush è stato direttore della CIA (1976-1977). Nel 1982 il Presidente Reagan creò il National Endowment for Democracy (NED), al fine di gestire in modo accettabile le attività della CIA. Freedom House, il gruppo creato nel 1941, entrò a far parte di questa rete. Il NED contribui al finanziamento di Freedom House. Paul Wolfowitz, nei primi anni ’80, insieme con i suoi alleati neoconservatori, collaborò con numerosi trotzkisti. Con i finanziamenti occulti e sotto la copertura dei think tank conservatori, il governo degli Stati Uniti poteva influenzare l’opinione pubblica e nascondere i suoi interventi in politica estera. Almeno sei milioni di persone morirono fino al 1987 come risultato delle operazioni segrete della CIA. Non solo la CIA non è una agenzia di intelligence, ma essa distorce le informazioni e propaga disinformazione e informazioni sbagliate al fine di giustificare i propri obiettivi. Questo inganno di vasta portata ha prodotto un terrorismo organizzato in tutto il mondo. Utilizzando la CIA, il nostro governo respinge o ignora le leggi nazionali e internazionali sotto la guisa della “sicurezza nazionale”.[44] Stranamente, l’allarme per il fondamentalismo islamico si è effettivamente verificato circa nello stesso momento che Reagan chiese lo smantellamento del Muro di Berlino, concluso formalmente il 3 Ottobre 1990, seguito dal crollo dell’Unione Sovietica il 25 dicembre 1991. Con la scomparsa del Comunismo Sovietico e l’abbattimento del Muro di Berlino, il Dipartimento di Stato sarebbe stato costretto a creare un altro nemico o avrebbe visto la diminuzione del proprio budget per la difesa a circa la metà di quello che era, e ciò avrebbe effettivamente tagliato i profitti dell’elite. Poco dopo fu ideata la prima Guerra del Golfo per proteggere presumibilmnte le risorse petrolifere del Medio Oriente contro i cosiddetti “stati canaglia e potenze nucleari fuorilegge.”[45] Il fondamentalismo islamico, il nostro ultimo nemico, sostituì il comunismo. L’Imam Feisal Abdul Rauf (CFR), l’uomo dietro la proposta di un centro per la comunità musulmana a due isolati dal Ground Zero, arrivò negli Stati Uniti con la sua famiglia nel 1965. Nel 1997 fondò l’American Society for Muslim Advancement (ASMS), una fondazione esente da tasse. La sua missione afferma:”Noi collaboriamo con altre organizzazioni religiose per costruire rapporti di fiducia attraverso il dialogo e l’educazione, per onorare le diversità delle fedi, la condivisione delle comunanze e la celebrazione delle differenze.”[46] E’ interessante notare che l’ASMS è finanziato da: Rockefeller Brothers, Carnegie Corporation of New York, Rockefeller Philanthropy, Rockefeller Brothers Fund, Global Fund for Women, The Russell Family Foundation, Danny Kaye & Sylvia Fine Foundation, Graham Charitable Foundation, Henry Luce Foundation, Hunt Alternatives, The Ms. Foundation e altre fondazioni di elite esentasse.[47] Le  persone che firmano gli assegni determinano la politica. Tutte queste persone sono nella stessa squadra, si stanno prendendo gioco del pubblico e stanno provocando un conflitto controllato?
Nel 1972 Gloria Steinem (un agente straordinario della CIA), Patricia Carbine, Letty Cotting Pogrebin e Marlo Thomas fondarono la Ms. Foundation.[48] L’attività di ingegneria sociale della Steinem portò alla Roe v. Wade. Pogrebin fu l’autrice di In Defense of the Law of Return in The Nation il 22 dicembre 2003, una legge approvata in Israele il 5 luglio 1950 che concede ad ogni ebreo la cittadinanza automatica.[49] La Pogrebin, una finanziatrice di Obama dal 2004,[50] è membro dell’Americans for Peace Now (APN) la più importante organizzazione ebraica sionista americana che lavora per raggiungere un accordo politico integrale per il conflitto arabo-israeliano.[51]
L’ex professore di Harvard, William “Bill” Kristol, figlio di Irving Kristol, è stato Capo di Stato Maggiore del vice presidente Dan Quayle, sotto il primo regime di Bush. Bill Kristol fondò il Progetto per il Nuovo Secolo Americano (PNAC), una fondazione esentasse, nella primavera del 1997, lo stesso anno che Rauf fondò l’ASMS. Il PNAC, con stretti legami con l’Enterprise Institute, è stato finanziato dalla Fondazione Sarah Scaife, dalla Fondazione John M. Olin e dalla Fondazione Bradley. I suoi obiettivi sono la supremaziona globale degli Stati Uniti e la “Grande Israele”. Hanno firmato la sua missione venticinque persone, diciassette dei quali appartengono al CFR, il cui obiettivo è il governo unico mondiale. I membri fondatori comprendono:  Elliott Abrams (CFR), Gary Bauer, William J. Bennett (protetto di Irving Kristol), Jeb Bush, Richard B. Cheney (CFR), Eliot A. Cohen (CFR), Midge Decter (CFR), Paula Dobriansky ( CFR), Steve Forbes, Aaron Friedberg (CFR), Francis Fukuyama (CFR), Frank Gaffney, Fred C. Ikle (CFR), Donald Kagan (CFR), Zalmay Khalilzad (CFR), I. Lewis Libby (CFR), Norman B. Podhoretz (CFR), Dan Quayle, Peter W. Rodman (CFR), Stephen P. Rosen (CFR), Henry S. Rowen (CFR), Donald Rumsfeld, Vin Weber (CFR), George Weigel (CFR), e Paul Wolfowitz (CFR). Nel 1992 Libby e Wolfowitz scrissero il Defense Planning Guidance per il Segretario della Difesa Dick Cheney.
Bill Kristol è un sostenitore del neoconservatorismo, la versione americana del bolscevismo di Trotsky. Kristol, un Bilderberg e un fiduciario del Manhattan Institute, è anche l’editore e il co-fondatore, insieme a John Podhoretz, del Weekley Standard Magazine, fondato il 17 settembre del 1995, e finanziato, in perdita, da Ropert Murdoch (CFR), un sionista. Questa cosiddetta rivista neoconservatrice, coredatta da Fred Barnes, promuove la mentalità da falco da guerra, lo stesso messaggio ascoltato in numerosi talk show “conservatori” e nella Fox Network di Murdoch. I finanziatori di Weekley Standard includono Joseph Epstein, Charles Krauthammer (CFR), Brit Hume, uno studioso di Fulbright,[52] Tucker Carlson, Robert W. Kagan (CFR), analista di politica estera e figlio di Donald Kagan (CFR), il Professore di Yale John Podhoretz (figlio di Norman Podhoretz) e altri. Nel 1995 Kristol confessò al New Yorker:”I media liberali non sono mai stati potenti, e il tutto è stato spesso usato come un scusa dai conservatori per gli errori dei conservatori.”[53] Guardate un video sul PNAC qui (attenzione alla lingua). Norman B. Podhoretz (CFR), un trotzkista, nei suoi libri ammise che la ragione per la guerra fredda era armare Israele per combattere le nazioni arabe. Egli appartiene all’influente capitolo di New York dell’American Jewish Committee, una delle principali organizzazioni sioniste operanti all’interno degli Stati Uniti; essa pubblica la rivista “liberare tramutata in conservatrice” Commentary.[54] Kagan è un’editorialista del Washington Post, ed è stato associato all’Operazione Mockingbird della CIA. Egli è un senior associate della Carnegie Endowment for International Peace e scrisse Of Paradise and Power: America and Europe in the New World Order.
Ora, ricordiamo che la CIA controlla probabilmente molto di più di quello che sentiamo dai media di proprietà dell’elite; secondo Pew, il 30% degli americani ottiene le notizie dalla radio e dalla televisione via cavo – molti non hanno mai letto un libro. Una grande percentuale ottiene le “notizie” dal network Fox, i cui dipendenti ricevono il memorandum del mattino, una direttiva su come far girare le “notizie” del giorno. Roger Ailes, l’ex mago delle campagne repubblicane, è il presidente  di Fox News Channel e presidente di Fox Television Stations Group, che ha una schiera di “giornalisti” e ospiti che spingono la propaganda di destra travestita da notiziario.[55] Secondo una decisione della Corte d’Appello della Florida del 14 febbraio 2003, nella causa legale Jane Akre, la Corte fu d’accordo con Fox News che non è contrario alla legge distorcere o falsificare le notizie negli Stati Uniti.[56] Nel 1997 Israel Shahak scrisse:”Dalla primavera del 1992, l’opinione pubblica in Israele è stata preparata alla prospettiva di una guerra con l’Iran, da combattere per ottenere la sua totale sconfitta militare e politica. In una sua versione Israele avrebbe attaccato l’Iran da solo; in un’altra avrebbe dovuto “persuadere” l’Occidente a fare questo lavoro.”[57] Il 26 gennaio 1998, i falchi della guerra del PNAC, in una lettera al presidente Clinton, lo invitarono a invadere l’Iraq per deporre Saddam Hussein. Zelikow nel Catastrophic Terrorism Study Group, nell’ottobre 1998 completò uno studio delle “tecnologie e difese” contro i terroristi durato nove mesi. Il gruppo di studio fu una collaborazione tra la facoltà di Harward, il MIT, la Stanford University e l’Università della Virginia. Esso fu finanziato dalla Carnegie Corporation di New York New York, la John D. e Catherine T. MacArthur Foundation e l’Herbert S. Winokur Public Policy Fund presso l’Università di Harvard. Il gruppo produsse una relazione dal titolo: Terrorismo Catastrofico: elementi di una politica nazionale.[58]

Philip D. Zelikow

Un articolo basato sulla relazione accademica dello Study Group apparse sul giornale del CFR Foreign Affairs nel numero di Novembre-Dicembre del 1998, lo stesso anno che il PNAC scrisse al Presidente Clinton suggerendogli la rimozione di Hussein. Il direttore del progetto fu Philip D. Zelikov, più tardi il il direttore esecutivo gatekeeper della Commissione 9/11. Egli era già stato il coautore di un libro insieme a Condolezza Rice (entrambi membri del National Security Council della 41esima presidenza USA Bush) dal titolo La Germania Unificata e L’Europa Trasformata: Uno Studio dell’Arte di Governo. Zelikov è anche autore di The National Security Strategy of the United States, che divenne la nuova dottrina della guerra preventiva dell’amministrazione Bush scritta per l’allora Consigliere della Sicurezza Nazionale Condolezza Rice, che aveva lavorato nel team di transizione di Bush. Egli aveva un’agenda nascosta, collegata ad Al Qaeda e all’Iraq.[59]
Le missioni del PNAC furono elaborate in Rebuilding America’s Defense, Strategy, Forces and Resources for a New Century, pubblicato nel settembre 2000. Leggiamo:”Inoltre, il processo di trasformazione, anche se porterà ad un cambiamento rivoluzionario, sarà probabilmente molto lungo in assenza di un qualche evento catalizzatore – come una nuova Pearl Harbor.”[60] Sembra che il 9/11 sia stato la nuova Pearl Harbor. Come indica Shahak, Israele stava convincendo l’Occidente a fare la guerra. Come potevano esattamente i leader politici israeliani “persuadere” gli Stati Uniti ad invadere il loro nemico, un paese che non aveva aggredito militarmente gli Stati Uniti? L’élite, per oltre 100 anni, ha utilizzato assalti sotto falsa bandiera e una propaganda mediatica molto pervasiva al fine di conquistare il pubblico nel supporto alle proprie guerre. La CIA e la sua controparte straniera di intelligence, il Mossad, hanno una lunga esperienza in tattiche di false flag, la vera ragione della loro esistenza. Alemo due episodi precedenti, e probabilmente di più, coinvolsero Israele.

USS Liberty

L’8 giugno 1967 ci fu un tentativo fallito di usare il dispositivo “esche vive”, con la preconoscenza da parte del governo, con la USS Liberty. I media USA posseduti dai sionisti tacquero sull’attacco israeliano a bordo della nave. In seguito la tattica delle “esche vive” fu utilizzata nella USS Cole, dove furono uccisi 17 marinai americani, e 39 furono feriti. Una piccola imbarcazione di spostò a babordo del cacciatorpediniere quando tutti i marinai erano raccolti in cucina per il pranzo. Si verificò un’esplosione che creò un buco di 40×40 piedi nella nave. Al Qaeda, guidata da Osama bin Laden, un uomo della CIA, rivendicò l’attacco. Eppure, i campioni degli esplosivi recuperati dallo scafo della nave mostrarono che i materiali utilizzati erano disponibili solo negli Stati Uniti e in Israele. Poi la tattica delle “esche vive” è stata utilizzata il 9/11 per condurre gli Stati Uniti a rimuovere Hussein e bombardare l’Iraq per farlo tornare all’età della pietra. Entro le 24 ore dal 9/11 i media, miracolosamente, rivelarono storie, foto e dettagli sui terroristi islamici che avrebbero perpetrato l’attacco, come se tutte le informazioni fossero state preparate in anticipo. Bin Laden, che morì nel dicembre del 2001, tornò anche dall’aldilà per rivendicare la sua responsabilità.[61] Fox News annunciò la sua morte il 26 dicembre 2001.[62] Nonostante la sorprendente abilità del terroristi di sovvertire l’apparato militare di risposta della nazione più potente del mondo, essi non sono riusciti ad occultare le loro tracce e hanno lasciato una notevole quantità di evidenze a prova di fuoco facili da trovare. Il loro assalto senza ostacoli ad una specifica sezione del Dipartimento della Difesa arrestò una verifica che avrebbe dovuto svelare milioni di dollari di soldi rubati che erano stati incanalati verso amici speciali. Le Autorità Portuali, dopo aver perso l’1 maggio 2001 una causa legale sull’amianto durata dieci anni, si trovarono bloccati con una palla al piede in perdita che non potevano far demolire. Il 24 luglio 2001 Eisemberg dell’Autorità Portuale affittò le Torri al suo amico Larry Silverstein. Quasi profeticamente Silverstein si assicurò rapidamente contro un attacco terroristico alle torri.[63]
Il 20 settembre 2001 i membri del PNAC inviarono una lettera al presidente Bush in cui lo invitarono a condurre la nazione nella “prima guerra del XXI secolo” includendo la cattura di Osama bin Laden e la cattura e il processo di tutti gli autori del 9/11. Essi incoraggiarono Bush a perseguire qualsiasi altro gruppo che aveva i mezzi per farci del male. Essi sostennero la fine del governo Hussein e il sostegno finanziario e militare ad ogni opposizione irachena. Incoraggiarono inoltre a perseguire gli Hezbollah e i paesi che li sostenevano, Iran e Siria. Se l’Iran e la Siria non avrebbero obbedito e cooperato gli Stati Uniti avrebbero dovuto prendere provvedimenti contro quei paesi. Essi inoltre raccomandarono che gli Stati Uniti ritirassero il sostegno ai palestinesi in favore del sostegno a Israele.[64]
La lettera affermava:”…Ma anche se le prove non collegano direttamente l’Iraq all’attacco, qualunque strategia che miri a sradicare il terrorismo e i suoi sponsor deve includere un deciso sforzo per rimuovere Saddam Hussein dal potere in Iraq.”[65] Richard Pearle disse:”Questa è una guerra globale. Stiamo combattendo una grande varietà di nemici. Ce ne sono molti la fuori. Tutto questo parlare a proposito di cosa ci accingiamo a fare in Afghanistan e quello che poi faremo in Iraq, allora diamo uno sguardo in giro e guardiamo come stanno le cose. Questo è il modo sbagliato di rivolgersi ad esso…Se vogliamo permettere che la nostra visione del mondo vada avanti, e abbracciarla interamente, non cercheremo di mettere insieme la diplomazia intelligente, ma dobbiamo immediatamente intraprendere una guerra globale…i nostri bambini canteranno grandi canzoni su di noi tra un po di anni.”[66] Paul Wolfowitz disse che la campagna anti-terrorismo doveva essere ampia e continua:”Non smetteremo finché non ci prenderemo cura di alcuni criminali”[67] L’Iran, un altro concorrente al livello industriale, è il prossimo obiettivo di guerra che riporta al tema di Feisal Abdul Rauf, la persona che sta dietro al progetto della moschea di Manhattan. Rauf è un membro del Consiglio dei 100 del World Economic Forum, un’organizzazione composta da leader nel campo degli affari, della politica, delle religioni, dei media e delle opinioni che sostengono l’apertura e la comprensione tra Occidente e mondo musulmano.[68] Rauf è anche un membro del Religious Advisory Committee del CFR e insieme a Jim Wallis pubblica Sojourners. E’ stato un imam a New York City per 27 anni. Il progetto da costruire, la Cordoba House, un progetto di un edificio di 13 piani da 100 milioni di dollari, è pianificato come un centro di comunità completo di piscina, scuola di cucina, studi d’arte ed altre caratteristiche. Esso deve essere costruito in una proprietà privata opportunamente suddivisa in zone a due isolati da Ground Zero. La Landmarks Preservation Commission della città ha approvato la sua costruzione. Tuttavia, l’American Center for Law and Justice, fondata dal reverendo Pat Robertson, ha intentato una causa in un tribunale statale per contestare la decisione della Commissione. Essi avrebbero potuto costruire l’impianto, come ogni altro gruppo privato, su una proprietà privata, senza bisogno di controllo pubblico. I media hanno cavalcato questa questione e incitato alla rabbia. Ricordiamo che Freedom House fu organizzata nel 1941 per promuovere la seconda guerra mondiale. Essa stà ancora facendo propaganda. William Howard Taft IV (S&B, PNAC [69]) è il suo attuale presidente. Si tratta di un’organizzazione internazionale non governativa che sostiene un governo unico mondiale e si oppone a tutti i governi nazionalisti. Ha uffici in Algeria, Ungheria, Giordania, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Messico, Uzbekistan, Polonia, Romania, Serbia e Ucraina. Taft supporta il diritto marino che pone tutti gli oceani sotto la giurisdizione delle Nazioni Unite. Dal 1941 il gruppo ha sviluppato legami con la CIA, il Brookings Institution, l’Institute of Peace statunitense e altre istituzioni e agenzie governative. Freedom House, un veicolo di propaganda, è anche un gruppo di facciata del CFR, l’omologo britannico del Royal Institute of International Affairs. Nel 2005 la Freedom House ha ricevuto dei fondi dal governo statunitense “per attività clandestine all’interno dell’Iran.”
L’organizzazione riceve circa il 66% del proprio budget dal governo degli Stati Uniti.[70] Si veda qui l’elenco dei suoi membri del consiglio. Altri finanziamenti provengono dalla Scaife Family Foundation, che finanzia molti gruppi e individui, specialmente quelli associati con il CFR, tra cui il GOPAC di Newt Gingrich (CFR), la Federalist Society, il Media Research Center e la Joseph Farah’s World Net Daily – che dispensa “opinioni conservatrici” in modo selettivo. Freedom House è anche finanziata dal National Endowment for Democracy, un sostenitore del governo mondiale.[71]

James Woolsey

R. James Woolsey (CFR, PNAC), ex direttore della CIA (1993-1995) fu uno dei firmatari della lettera del 1998 al presidente Clinton che chiedeva la rimozione di Hussein. L’11 settembre 2001 Woolsey affermò che l’Iraq era coinvolto nell’attentato. Un anno dopo egli dichiarò che l’Iraq era stato anche responsabile nell’attacco al World Trade Center del 1993 e nel bombardamento del 1995 del Murrah Federal Building a Oklahoma City. Woolsey, ex presidente del consiglio della Freedom House (2003-2005) è stato uno studioso Rhodes e vice presidente di Booz Allen (2002-2008).[72] Ha fatto parte del segreto North American Forum tenuto in Canada il 12-14 settembre del 2006.[73] Nel luglio del 2006 Woolsey suggerì che gli Stati Uniti dovevano bombardare la Siria. Sua moglie, Suzanne H. Woolsey (CFR), è stata un direttore di Fluor Corp., una società di ingegneria appaltatrice di contratti dal 3 febbraio 2004. Nell’Agosto del 2004 la Fluor ottenne un contratto di 1,6 miliardi di dollari per la ricostruzione irachena. Fluor ricavò circa 1,3 miliardi di dollari per la ricostruzione dopo l’uragano Katrina (23-29 Agosto 2005) [74], una tempesta (HAARP?) che sfollò 1,5 milioni di persone e causò circa 81,2 miliardi di dollari di danni. Il 26 settembre 2005, il senatore Mel Martinez ospitò il vertice “Katrina Reconstrution Summit” sponsorizzato da Halliburton per la necessità di ricorrere ai contractors anche per le non vittime di Katrina.[75] Il Centro per la Libertà Religiosa della Freedom House è ora elencato sul sito web dell’Istituto Hudson. Il 15 Novembre 2005 Nina Shea (CFR), il Direttore del Centro per la Libertà Religiosa alla Freedom House presentò un report di 19 pagine alla Commissione per le Relazioni Internazionali della Camera dei Rappresentanti Americana, Sottocommissione per l’Africa, Diritti Umani Globali e Internazionali. Questo rapporto descrive i seguaci dell’ideologia wahhabita dell’Arabia Saudita e si dilunga sui milioni di musulmani che si sono trasferiti negli Stati Uniti. Shea ha detto:”All’inizio di quest’anno il Centro per la Libertà Religiosa di Freedom House ha diffuso un rapporto basato su uno studio della durata di un anno dell’ideologia intollerante radicale wahhabita contenuta all’interno di documenti diffusi, pubblicati o altrimenti prodotti dal governo dell’Arabia Saudita e trovati negli Stati Uniti. L’estremismo Wahhbita è la religione di Stato dell’Arabia Saudita. E’ anche l’obiettivo del governo saudita quello di propagare esso e rimpiazzare la tradizionale e moderata interpretazione dell’Islam in tutto il mondo, anche all’interno degli Stati Uniti.”[76] Un altro rapporto, Saudi Arabia’s Curriculum of Intolerance, uscito il 23 maggio 2006 dal Centro per la Libertà Religiosa della Freedom House analizza i libri di testo usati dal Ministero dell’Educazione Saudita per i propri studenti delle elementari e delle scuole secondarie. I libri di testo, secondo la Freedom House, incitano all’odio per tutti quelli che, incluso i musulmani, rifiutano il dogma wahhabita. Il rapporto del 2006 fu creato dal Centro per la Libertà Religiosa della Freedom House in collaborazione con l’Istituto per gli Affari del Golfo con sede a Washington. Il loro studio copriva i libri di testo usati in Arabia Saudita e nelle scuole saudite al di fuori del paese. L’Istituto per gli Affari del Golfo raccolse i libri da utilizzare nello studio dalle famiglie, dagli insegnanti, dagli amministratori e dagli associati delle scuole saudite. Freedom House quindi li tradusse.[77] L’USAID ha niente a che fare con questi libri di testo?
Nina Shea ha affermato:”Ciò che viene insegnato oggi nei libri di testo della scuola pubblica saudita a proposito sul come i musulmani dovrebbero relazionarsi verso le altre comunità religiose sarà un veleno per le menti della nuova generazione di sauditi. Qualunque cambiamento sia stato apportato al sistema educativo saudita, deve essere chiaramente fatto di più.” Il governo saudita ha revisionato tutti i propri materiali educativi per eliminare tutti i materiali intolleranti. Ma, secondo Freedom House, i libri di testo “condannano e denigrano la maggioranza dei musulmani sunniti” che rifiutano il marchio wahhabita dell’Islam. Il rapporto sostiene inoltre che i libri di testo incoraggiano i musulmani a “odiare” i cristiani, gli ebrei e gli altri “infedeli”. Il sistema della scuola pubblica saudita ha 25.000 scuole con circa cinque milioni di studenti. Essi hanno anche scuole private in 19 capitali del mondo. Una di queste si trova appena fuori Washington in Alexandria, Virginia. Esse utilizzano tutte gli stessi libri di testo religiosi. L’Arabia Saudita distribuisce anche i suoi libri di testo a molte scuole islamiche in tutto il mondo.[78]
Barak Obama, come ho già scritto, era un uomo della CIA e frequentò la Columbia University, dove insegnava l’apologeta marxista Zbignew Brzezinski. Obama nacque nel 1961, è stato nominato, educato e gonfiato nei media e finanziato alla Casa Bianca da Soros, Rockefeller e dagli altri banchieri. Secondo Wayne Madsen erano anche della CIA la madre di Obama, i nonni e altri complici. L’ex organizzatore di comunità Barack Hussein Obama, sia che egli sia Musulmano, Cristiano o un seguace di Israele, sta promuovendo la distruzione dell’economia degli Stati Uniti come da accordi presi con i banchieri quando essi lo finanziarono per la presidenza. I cittadini daranno la colpa al musulmano alla Casa Bianca e si vendicheranno con i musulmani degli Stati Uniti affinché continui la destabilizzazione. Obama, nel 2008, impegnò i suoi sforzi al servizio dell’agenda dell’AIPAC. Egli ha connessioni con la Chiesa Cristiana di Wright di Chicago (teologia della liberazione) e ha fatto intendere pubblicamente che egli è un musulmano. E’ solo un camaleonte della CIA che altera la sua retorica in funzione del suo pubblico? Oppure si tratta di una Psy Ops di distrazione progettata per confondere e dividere i cittadini statunitensi mentre l’élite se la ride privatamente. Egli è ancora un organizzatore di comunità, ma su scala molto più grande.
Parte dell’operazione è della repubblicana Orly Taitz (nato nel 1960), un’avvocatessa e dentista ebrea, e forse membro del Mossad, insieme a Philip J. Berg, un ebreo democratico che sta pubblicizzando l’origine keniana di Obama, un dettaglio che è stato annunciato apertamente nel 2004, quando era in corsa per un seggio al Senato dell’Illinois.[79] La Taitz emigrò dall’Unione Sovietica a Israele nel 1981, dove frequentò l’Università Ebraica. Nel 1987 incontrò e sposò in fretta un ingegnere del software di nome Yosef Taitz, che era in visita dalla California e presto ella fu negli Stati Uniti. Lei crede che Israele dovrebbe “sterminare” gli arabi. Ella è socia dell’AIPAC e crede che le politiche di Obama “sono un pericolo chiaro e presente per Israele”[80] Ironicamente, per quanto riguarda la questione della nascita, la Taitz ha detto:”Quando si permette di far diventare presidente qualcuno che è fedele ad altre nazioni, questo è estremamente pericoloso.”[81] Il Buon Dio ci salvi dall’elite sfacciata e arrogante e dai loro utili idioti.

Menorah

Questo è vero per qualsiasi carica politica. Trecento membri (69%) della Camera dei Rappresentanti firmarono una lettera indirizzata al Segretario di Stato Clinton affermando “il legame inscindibile” che esiste tra gli Stati Uniti e lo stato di Israele. In considerazione di questo fatto, io credo difficilmente che le imposizioni delle leggi della Sharia sia una minaccia vitale.[82] Finché il “National Menorah” sarà esposta in maniera visibile alla Casa Bianca [83] al posto di uno scenario cristiano durante le festività, io penso che i cittadini americani possano stare sicuri che la Sharia non sarà una minaccia.
Gli scienziati capiscono che i modelli monotoni producono uno stordimento che rende le persone vulnerabili all’ipnosi. Nella radio e nella televisione, i normali veicoli per l’ipnosi di massa, esistono alcune frequenze a basso livello o onde sotto la soglia di percezione. E’ il principale metodo per il controllo di enormi popolazioni.[84] Il 9/11 arrestò ogni cosa, eccetto i nostri apparecchi televisivi; noi eravamo straordinariamente attenti e traumatizzati, il più efficace di qualsiasi processo di indottrinamento. Molti ancora credono che i siano stati i musulmani a perpetrare il 9/11.
Personaggi politici, giornalisti e personalità dei media stanno ripetutamente esprimendo indignazione per l’eventuale costruzione del centro della comunità musulmana a due isolati da Ground Zero. Questa attenzione serve a riaccendere le emozioni che tutti abbiamo sentito quel giorno, convenientemente vicino all’anniversario. Questo serve a ristabilire il collegamento tra il 9/11 e i musulmani. Si tratta di una delle operazioni psicologiche meglio organizzate. Il governo ha avuto a sua disposizione quasi un decennio per reiterare la sua versione ingannevole dell’evento. Molte persone ingenue, che non vogliono complicarsi la vita con l’orribile realtà, credono alla versione principale governativa/mediatica – è più facile del fatto di riconoscere di essere stati così facilmente ingannati.

Gingrich

L’ex presidente della Camera, l’internazionalista Newt Gingrich (CFR, sostenitore NAFTA), un destinatario di milioni di dollari da Sheldon Adelson, sostiene:”Uno dei nostri più grandi errori all’indomani del 9/11 fu quello di nominare ‘guerra al terrore’ la nostra risposta agli attacchi, invece di identificare accuratamente gli islamici radicali (e l’ideologia di fondo dell’islamismo radicale) come il bersaglio della nostra campagna. L’islamismo radicale è più di una semplice fede religiosa. Esso è un movimento globale politico, economico e religioso che cerca di imporre la legge islamica in tutti gli aspetti della società globale.”[85]
Madeleine Albright (CFR), quando era Segretario di Stato, disse:”Se dobbiamo usare la forza è perchè siamo l’America. Siamo la nazione indispensabile”[86] Più di 170 milioni di persone sono state macellate dai loro governi nel corso del XX secolo. Dieci milioni morirono nella Prima Guerra Mondiale e Cinquanta Milioni morirono nella Seconda Guerra Mondiale. Tra coloro che furono uccisi nel corso della Seconda Guerra Mondiale, quasi il 70% erano civili. Questi cosiddetti danni collaterali furono la conseguenza del bombardamento indiscriminato da parte della Gran Bretagna e dell’America.[87] Poi c’è stata la Corea, il Vietnam, la Guerra del Golfo, le guerre in Iraq e Afghanistan, una potenziale guerra in Iran e le guerre della CIA non pubblicizzate. Eppure, molti cittadini, invece di concentrarsi sulla brutalità degli Stati Uniti, sostengono che sia l’Islam ad essere violento. I musulmani non sono il nemico. Non estorcono l’usura attraverso la Federal Reserve, essi non stanno fabbricano vaccini o semi OGM per la riduzione della popolazione; non hanno concepito le nostre leggi sull’aborto (circa cinquanta milioni di morti); essi non hanno salvato le banche, non hanno creato il Dipartimento di Sicurezza Nazionale e non hanno imposto il Patriot Act; non stanno intercettando le nostre conversazioni private ne ci scansionano all’aeroporto; non hanno imposto il Comunismo ateo a parecchi paesi e causato la morte di milioni di persone innocenti; non hanno istituito le draconiane leggi sanitarie, non hanno orchestrato il crash economico della nazione, non hanno deindustrializzato la nazione ed esternalizzato i posti di lavoro; non hanno cancellato la classe media attraverso l’approvazione di leggi per il commercio come il NAFTA,[88] e non hanno precluso le case a migliaia di persone; essi non sono la ragione per cui migliaia di persone vivono nelle tendopoli; essi non hanno sviluppato armi all’uranio impoverito. Invece di preoccuparvi di una moschea, prendete in considerazione ciò che succede dietro le porte chiuse presso la Federal Reserve, il Pentagono, il Senato e la Camera, il CFR, il Dipartimento di Stato, le Nazioni Unite e decine di altri posti. I musulmani non hanno istigato gli attacchi alla nave USS Liberty o alla USS Cole e non hanno orchestrato l’attacco altamente organizzato di Manhattan il 9/11.
La gente dovrebbe bruciare il Rapporto della Commissione sul 9/11 o se si insiste nel voler bruciare un libro religioso, si bruci la Bibbia o il Talmud, invece del Corano. La maggior parte delle persone che insistono sul fatto che il Corano è pieno di odio non hanno mai nemmeno visto il libro.

[1] The Synagogue of Satan, the Secret History of Jewish World Domination by Andrew Carrington Hitchcock, River Crest Publishing, Austin, Texas, 2007, p. 102

[2] Liberty Tree, http://quotes.liberty-tree.ca/quotes_about/debt

[3] Wartime Propaganda, World War I, “The War To End All Wars, http://www.100megspop3.com/bark/Propaganda.html

[4] Two Faces of Freemasonry by John Daniel, Day Publishing, Longview, Texas, 2007, pp. 99-100

[5] Freedom House Statement on the Passing of George Field, Washington, DC, June 1, 2006, http://www.freedomhouse.org/template.cfm?page=70&release=384

[6] OSS, the Secret History of America’s First Central Intelligence Agency by Richard Harris Smith, The Lyons Press, Guilford, Connecticut, 2005, pp. 1-2

[7] What Was OSS Many OSS Records have recently been declassified: Report to the IWG on Previously Classified OSS Records, June, 2000, https://www.cia.gov/cia/publications/oss/art03.htm, http://www.archives.gov/iwg/reports/june-2000.html

[8] The Mind of Adolf Hitler, the Secret Wartime Report by Walter C. Langer, Basic Books. 1972, p. 4

[9] Bush’s New World Order: The Meaning Behind The Words by Major Bart R. Kessler, March 1997, pp. 7-9

[10] American Statesmen: Secretaries of State from John Jay to Colin Powell edited by Edward S. Mihalkanin, Greenwood Press, Westport, Connecticut, 2004, p. 263

[11] The Liberty Committee, American Sovereignty Restoration Act, H.R. 1146, Analysis by Herbert W. Titus, Senior Legal Advisor, http://www.thelibertycommittee.org/hr1146analysis.htm

[12] The Supremacy Clause: a Reference Guide to the United States Constitution by Christopher R. Drahozal, Greenwood Publishing Group, Westport, Connecticut, 2004, p. 163

[13] Safe For Democracy, The Secret Wars of the CIA by John Prados, 2006, Chapter 5, The Covert Legions

[14] Note on U.S. Covert Actions, U.S. State Department

[15] Age of Propaganda, the Everyday Use and Abuse of Persuasion by Anthony Pratkanis and Elliot Aronson, University of California, Henry Holt and Co., New York, 1992, pp. 9-10

[16] Harry S. Truman Papers Staff Member and Office Files: Psychological Strategy Board Files, Dates: 1951-53, http://www.trumanlibrary.org/hstpaper/physc.htm

[17] The CIA’s Greatest Hits by Mark Zepezauer, Odonian Press, Tucson, Arizona, 2002, pp. 52-53

[18] The CIA and Nazi War Criminals, National Security Archive Posts Secret CIA History Released Under Nazi War Crimes Disclosure Act National Security Archive Electronic Briefing Book No. 146, Edited by Tamara Feinstein, February 4, 2005, http://www.gwu.edu/~nsarchiv/NSAEBB/NSAEBB146/index.htm

[19] Jewish History, Jewish Religion, the Weight of Three Thousand Years by Israel Shahak, Pluto Press, London, England and Boulder, Colorado, 1994, p. vii

[20] Harry S. Truman Library, the Recognition of Israel, http://www.trumanlibrary.org/whistlestop/study_collections/israel/large/index.php

[21] The Controversy of Zion by Douglas Reed, Dolphin Press, Durban, South Africa, 1978, pp. 332-333

[22] Target Patton: The Plot to Assassinate General George S. Patton By Robert K. Wilcox, Regnery Publishing, Inc., Washington, 2008, pp. 169-170, 193-194

[23] After the Reich: the brutal history of the Allied occupation by Giles MacDonogh, Basic Books, New York, 2007, p. 26

[24] The Origins of the Overclass by Steve Kangas, http://www.huppi.com/kangaroo/L-overclass.html

[25] Washington’s Farewell Address 1796, http://avalon.law.yale.edu/18th_century/washing.asp

[26] The Controversy of Zion by Douglas Reed, Dolphin Press, Durban, South Africa, 1978, p. 343

[27] JFK, the CIA, Vietnam, and the Plot to Assassinate John F. Kennedy by L. Fletcher Prouty, Carol Publishing Group, 1992, pp. 70-71

[28] The Secret History of the CIA by Joseph J. Trent, Carroll & Graf Publishers, New York, 2001, pp. 327-329

[29] JFK, the CIA, Vietnam, and the Plot to Assassinate John F. Kennedy by L. Fletcher Prouty, Carol Publishing Group, 1992, pp. 70-73

[30] Ibid, pp. 72-76

[31] The Secret History of the CIA by Joseph J. Trent, Carroll & Graf Publishers, New York, 2001, pp. 327-329

[32] Ibid, pp. 327-329

[33] JFK, the CIA, Vietnam and the Plot to Assassinate John F. Kennedy by L. Fletcher Prouty, Carol Publishing Group, New York, 1992, pp. 72-76

[34] Beyond Chutzpah, on the Misuse of Anti-Semitism and the Abuse of History by Norman G. Finkelstein, University of California Press, Berkeley, California, 2005, p. 66

[35] Israel’s Sacred Terrorism by Livia Rokach, Association of Arab-American University Graduates, 1985, this book is composed of excerpts from Moshe Sharett’s diary. He was Israel’s Prime Minister (1954-55) and Foreign Minister (1948-56), http://chss.montclair.edu/english/furr/essays/rokach.html

[36] The Jewish Religion: Its Influence Today by Elizabeth Dilling, The Noontide Press, Costa Mesa, California 1983, pp. 38-39

[37] They Dare to Speak Out, People and Institutions Confront Israel’s Lobby by Paul Findley, Lawrence Hill Books, Chicago, Illinois, 1989, pp. 114-116 Findley lost his bid for reelection when pro-Israel supporters financed his opponent, Dick Durbin

[38] Ibid, pp. 114-116

[39] Ibid, pp. 114-116

[40] Our Israel-centric Foreign Policy by Paul Findley, The Huffington Post, June 9, 2005, http://www.huffingtonpost.com/paul-findley/our-israelcentric-foreign_b_2378.html

[41] The CIA and the Media by Carl Bernstein, Rolling Stone, October 20, 1977

[42] The Praetorian Guard, the U.S. Role in the New World Order by John Stockwell, South End Press, Boston, Massachusetts, 1991, p. 34

[43] Profile: Taliban, History Commons, http://www.historycommons.org/entity.jsp?entity=taliban

[44] How 6 million People Were killed in CIA secret wars against third world countries, http://www.informationclearinghouse.info/article4068.htm

[45] The War on Islam by Enver Masud, Madrasah Books, Arlington, Virginia, 2003, pp. 19-20

[46] ASMA Society, Mission Statement, http://www.asmasociety.org/home/

[47] Our Supporters: U.S. Foundations, http://www.asmasociety.org/home/p_support.html

[48] The Ms. Foundation for Women, History, http://ms.foundation.org/about_us/our-history

[49] In Defense of the Law of Return by Letty Cottin Pogrebin, The Nation, December 22, 2003,

[50] Campaign Contribution Search – Letty Cottin Pogrebin http://www.newsmeat.com/fec/bystate_detail.php?st=NY&last=Pogrebin&first=Letty

[51] Americans for Peace Now, http://fedupusa.wordpress.com/americans-for-peace-now/

[52] Fulbright Scholarship Program Information, http://exchanges.state.gov/education/fulbright/ffsb/

[53] Big Lies, the Right-Wing Propaganda Machine and How it Distorts the Truth by Joe Conason, Thomas Dunne Books, New York, 2003, p. 34

[54] The High Priests of War, The Secret History of How America’s “Neo-Conservative” Trotskyites Came to Power and Orchestrated the War Against Iraq as the First Step in their Drive for Global Empire by Michael Collins Piper, American Free Press, Washington, DC, 2005, pp. 38, 45

[55] Blinded by the Right, the Conscience of an Ex-Conservative by David Brock, Three Rivers Press, New York, 2002, p. 52

[56] The Media Can Legally Lie, Project Censored by Liane Casten, Spring 2003, http://www.projectcensored.org/top-stories/articles/11-the-media-can-legally-lie/

[57] Open Secrets: Israeli Foreign and Nuclear Policies by Israël Shahak, Pluto Press, London, Chicago, Illinois, 1997, p. 54

[58] Catastrophic Terrorism: Elements of a National Policy By Ashton B. Carter, John M. Deutch and Philip D. Zelikow, 1998,  http://www.ksg.harvard.edu/visions/publication/terrorism.htm

[59] 9/11 Unveiled by Enver Masud, The Wisdom Fund, Arlington, Virginia, www.twf.org, 2008, pp. 9-10

[60] Rebuilding America’s Defenses, Strategy, Forces and Resources for a New American Century, the Project for a New American Century, September 2000, p. 51

[61] Osama bin Laden: Dead or Alive by David Ray Griffin, Olive Branch Press, Northampton, Massachusetts, 2009, p. 14

[62] Ibid, pp. 2, 10

[63] Port loses claim for asbestos removal, Port Authority of New York and New Jersey by Douglas Mcleod, Business Insurance, May 14, 2001

[64] PNAC letter to George W. Bush, http://www.newamericancentury.org/Bushletter.htm

[65] Ibid

[66] A New Pearl Harbor, http://www.ifamericansknew.org/us_ints/nc-pilger.html

[67] How Wide a War?, PBS, September 26, 2001, http://www.pbs.org/newshour/bb/terrorism/july-dec01/wide_war.html

[68] West-Islamic World Dialogue, http://www2.weforum.org/en/initiatives/c100/index.html

[69] Partial list of people associated with the Project for the New American Century, People identified as being connected to the PNAC because either they are listed on the organization’s web site, or their names appear as authors/contributors on official PNAC documents. Information current to Dec. 2004, http://www.reasoned.org/e_PNAC2.htm

[70] Freedom House Financial Statement, 2007, http://www.freedomhouse.org/uploads/special_report/72.pdf

[71] Ibid

[72] R. James Woolsey – Booz Allen VP, http://findarticles.com/p/news-articles/analyst-wire/mi_8077/is_20100603/james-woolsey-vice-president-booz/ai_n53882161/

[73] Secret Rumsfeld Meeting To Implement North American Union, http://angelsfortruth.com/North%20American%20Union.html

[74] Rebuilding: At What Cost and in who’s Image by Rita J. King, Special to CorpWatch, August 16th, 2006

[75] Curbing Government Contractor Abuse, San Diego Union-Tribune By Charlie Cray, September 30, 2005, http://www.fpif.org/fpifoped/1283

[76] Testimony Of Nina Shea, Director Center for Religious Freedom, Freedom House Before The Committee on International Relations U.S. House of Representatives Subcommittee on Africa, Global Human Rights and

International Operations “In Defense of Human Dignity: The 2005 International Religious Freedom Report”

November 15, 2005, p. 16

[77] Freedom House Press Release, Revised Saudi Government Textbooks Still Demonize Christians, Jews, Non-Wahhabi Muslims and Other, Washington, DC, May 23, 2006, http://www.freedomhouse.org/template.cfm?page=70&release=379

[78] Ibid

[79] Kenyan-born Obama all set for US Senate, http://web.archive.org/web/20040627142700/eastandard.net/headlines/news26060403.htm

[80] Orly Taitz: Obama policies are ‘clear and present danger to Israel’, The driving force behind the ‘birther’ movement has found her star is rising in Israel by Benjamin L. Hartman, Ha’aretz, http://www.haaretz.com/news/orly-taitz-obama-policies-are-clear-and-present-danger-to-israel-1.282161

[81] In Doubt’s Shadow, Soviet Jewish Émigré Orly Taitz is the ‘Queen Bee’ of the ‘Birther’ Movement, http://www.tabletmag.com/news-and-politics/11908/in-doubt’s-shadow/

[82] Nearly 300 Congress members declare commitment to ‘unbreakable’ U.S.-Israel bond, Letter to Clinton underscores Biden remarks that there is ‘no space’ when it comes to Israel’s security by Natasha Mozgovaya, http://www.haaretz.com/news/nearly-300-congress-members-declare-commitment-to-unbreakable-u-s-israel-bond-1.266652

[83] Rahm Emanuel Lights National Menorah At White House, AP/ The Huffington Post, 12-13-09, http://www.huffingtonpost.com/2009/12/13/rahm-emanuel-lights-natio_n_390552.html

[84] Operation Mind Control by Walter Bowart, Dell Publishing Co., Inc., New York, 1978,

[85] Newt Direct, No Mosque at Ground Zero, July 28, 2010, http://www.newt.org/newt-direct/no-mosque-ground-zero

[86] Derailing Democracy, the America the Media Don’t Want You to See by David McGowan, Common Courage Press, Monroe, Maine, 2000, p. 167

[87] A Century of War: Lincoln, Wilson, and Roosevelt by John V. Denson, Ludwig von Mises Institute, Auburn, Alabama, 2006, p. 17

[88] Bill Clinton and his NAFTA Baby Co-Conspirators, http://www.nolanchart.com/article368.html

link articolo originale: http://www.spingola.com/By_Way_of_Deception.html

2 Commenti a “Attraverso l’inganno, faremo la guerra”

  • SILVIO:

    La prima lettura (quella veloce) non mi ha lasciato un retrogusto sgradevole
    E’un breve saggio ma dettagliato e complesso per cui abbisogna di una seconda (= controlli incrociati) e terza lettura (= riflessione e conclusioni).
    In ogni caso, costituisce un ottimo spunto per la mente.

  • “La guerra è di vitale importanza per lo Stato, è il dominio di vita o di morte, verso la sopravvivenza o la perdita di un Impero: essa dev’essere gestita bene”.

    …Non è una frase del frustrato aspirante a Cesare del secolo XXI, George W. Bush, ma lo sembra. Fu scritta circa 2500 anni fa, dal cinese classico Sun Tzu, in L’arte della guerra. In cui il grande autore militare ha parlato anche dell’ inganno come elemento chiave in un conflitto bellico.

    ;(

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia