Cerca 

FreePC

 

Trovaci su Facebook

 

PAOLO MALEDDU

 

Enneagramma Biologico

 

SCIE CHIMICHE

 

Gianni Lannes

 

Il led è pericoloso?
Lino Bottaro | 15-02-2011 Categoria: Cultura Stampa

Associazione “AMBIENTE ITALIA” ONLUS
Riprendendo l’articolo uscito sul Messaggero Veneto di Udine, del 26 gennaio 2011, si constata che il Sindaco Furio Honsell, in maniera lungimirante, ma soprattutto coraggiosa, sta cercando di mettere un freno al proliferarsi delle spese inutili riguardo la gestione dell’Illuminazione pubblica.
Qualcuno del centro destra ha immediatamente proferito la parola LED, ben sapendo perfettamente che questi ultimi sono: dannosi per la Salute Pubblica e per l’Ambiente, ed energivori per le tasche dei contribuenti; di tutto questo abbiamo informato reiteratamente, sia la Regione FVG che il Ministro Fazio.
A quest’ultimo abbiamo sottoposto una interrogazione parlamentare, attraverso la Sen. Poretti e, del quale, attendiamo risposta; segno che per lui la Salute Pubblica e? un optional. Questo la dice lunga e risulta evidente come il nostro Paese si possa considerare a pieno titolo il “Paese di Pulcinella”, oppure il “Paese dei Furbi”.
Solo che in questo caso per furbi non ci si riferisce agli evasori fiscali, bensi? agli evasori delle regole, furbi che non rispettano le leggi alle quali loro per primi devono osservanza. Mi riferisco a coloro che si stracciano le vesti per i mancati trasferimenti dello Stato che i tempi di ristrettezza economica impongono. Se oggi ce la fanno a quadrare i bilanci con i tagli apportati, e? lecito chiedersi come venivano amministrate le finanze prima, quando le vacche erano grasse, visto che nonostante cio? sprechi se ne continuano a produrre ostinatamente.
Adesso come una certa parte politica va predicando, si dovrebbe passare al Led, ma pochi sanno che uno Studio, (per il quale abbiamo inviato un elaborato) eseguito dall’Istituto Superiore di Sanita? Francese, afferma, senza tema di smentita, che i Led sono pericolosi per la Salute Pubblica e per l’Ambiente.
Da questo Studio emergono quali principali fattori di rischio l’elevata presenza di componente blu nello spettro delle lampade a LED usate per illuminazione e l’elevata luminanza che puo? produrre abbagliamento.
Rischio luce blue a Led:
Il rischio di effetto fotochimico e? associato a luce blu e il suo livello dipende dalla dose cumulativa di luce blu a cui e? esposta la persona. Esso risulta di solito da ripetute esposizioni a bassa intensita? su lunghi periodi. Il livello di evidenza associata a questo rischio e? importante. Gruppi particolarmente sensibili al rischio o particolarmente vulnerabili alla luce blu sono stati identificati, come i bambini, le persone con malattie degli occhi o determinate popolazioni di alcuni professionisti del settore oggetto di illuminazione ad alta intensita?.
Utilizzo di LED come sorgente luminosa dei luoghi di lavoro e? anche in aumento. I rischi individuati sono molto preoccupanti, come la gravita? dei pericoli che la probabilita? di eventi nel contesto di un diffuso utilizzo dei LED, sono legati ad effetti fotochimici di luce blu e abbagliamento. Ecco il risultato: LED, squilibrio spettrale (alta percentuale di luce blu nel bianco LED); luminanza molto forte dei LED (densita? di superficie ad alta intensita? luminosa emessa da queste fonti di dimensioni molto piccole).
Attualmente ci sono numerosi studi indipendenti e veritieri sull'esposizione umana alla luce, Il gruppo di lavoro e? stato in grado di presentare una valutazione quantitativa del rischio in caso di esposizione alla luce blu, secondo i principi elaborati dalla NF EN 62471. Questo standard per la sicurezza fotobiologica offre una classificazione in gruppi di rischio associato alla durata massima ammissibile di esposizione dell'occhio alla luce.
Le misure adottate dimostrano che alcuni LED disponibile per l'acquisto al pubblico e, potenzialmente, utilizzati per l'illuminazione domestica per le applicazioni di segnaletica e di markup, fanno parte di gruppi di rischio piu? elevato
C.F. 91033420315 - Reg. al n. 1100 serie 3 il 02.12.2009 U.T.Ent. di Gorizia - Reg. onlus Dir. Reg. Ent. Di TS Prot. N. 2010/7099 – Sede prov.ria Via del Torrione, 39 34170 Gorizia – tel. 3332832888 – 3492235150 – 3346274558 – 3314003328 - Marchio registrato–BICUNCRITB1UP2–IBAN IT66W0200812403000100882187–www.ambienteitalia.name– ambiente@ambienteitalia.name

Per inserire un commento è necessario creare un account Registrati


Commenti (8)

Scritto da eleonora
10-01-2013 17:01

articoli del genere sono al limite dell'ignoranza, non esiste cosa peggiore della cattiva informazione... per fortuna che ora nel 2013 il futuro è Led, il vero pericolo solo le lampade alogene ? aamterranuova.it

Scritto da Ettore Ribaudo
28-05-2012 15:05

Non sono str....ate ma cose serie, tanto che l'ex Ministro alla Salute Fazio, ha risposto ad una mia interrogazione parlamentare per il tramite di un senatore, affermando che la tipologia dei Led a luce fredda sono dannosi per la Salute Unama; chi volesse sono disposto a fornire la risposta scritta! Mi risulta che alcune Regioni stanno modificando le Leggi Reg.li contro l'inquinamento Luminoso, permettendo solamente (per i Led) l'istallazione di massimo 3200-3500K. Leonardo, questo è anche il mio lavoro per la Provincia di Gorizia.

Scritto da Leonardo
16-05-2012 14:05

quante st****ate tutte in una volta sola! l'illuminazione a led non è più pericolosa di una qualsiasi lampadina alogena. Se proprio si vuole far qualcosa si esca a prendere il sole. E' l'unica fonte di luce sana (anche se la quantità di raggi UV prodotti dal sole è maggiore di quella delle lampadine a LED). Quella dei LED energivori poi è segno dell'ignoranza più totale. Basta dirvi che la resa dei LED è superiore al 100% in quanto la luce percepita è maggiore di quella richiesta (le lampadine ad incandescenza si fermano al 10%) e che attualmente le luci a LED bianche hanno raggiunto un valore di 100 lumens/watt... cose che le altre lampade si sognano! inutile parlare della durata, che si attesta fino alle 70000 ore in alcune... fonti? è il mio lavoro

Scritto da maurino
09-02-2012 11:02

Nel frattempo continuiamo a tenere in tasca i nostri cellulari che magari utilizzaimo anche molti minuti al giorno. Poi viviamo in città altamente inquinate dai gas di scarico delle vetture e aziende, cappe di sostanze inquinanti che portano a gravi problemi respiratori e malattie come i tumori e i cancri. Non seguiamo le istruzioni dei venditori di notebook che invitano a non guradare/utilizzare i monitor per molti minuti. Milioni di persone continuano a fumare sigarette consapevoli che causano malattie mortali. Fa male anche prendere il sole al mare, sdraiati sulla sdraio con tanto di crema protettiva Per tutto quanto sopra, ben consapevoli che FANNO MALE noi continuiamo a vivere tranquillamente come se niente fosse (hai vogli a rinunciare al telefonino, o alle auto). crediamo ai francesi che ci vendono l'energia atomica? Eh come sentirsi dire dai petrolieri che l'auto elettrica non è il futuro perchè pericolosa. Giusto valutare se i led facciano male, ma non SENTENZIARE GENERALIZZANDO CHE TUTTI FANNO MALE punto e basta. Secondo una mia idea (ci tengo a sottolineare che non sono un esperto, solo un consumatore finale, quindi chi sta cercando la verità mediante laboratorio continui nelle sue ricerche sulla salute o meno di questi apparecchi) i led a luce indiretta o comunque a luce bianca fino ai 5000 °K non sono pericolosi. Ovvio che se poi mi metto a fissare la luce diretta del led (sia a luce bianca sia a luce calda, sia quelli a luce blu) per qualche minuto facciano sicuramente male alla retina dell'occhio. (MA questo penso che valga anche per le lampade a basso consumo seppur in minore pericolosità). Ripeto sono mie considerazioni buttate qui, da un non esperto, ma sembra strano che le mie lampade a led da 5000°K (rispecchiano quella che è la luce solare) con 100 lume/watt a luce indiretta facciano male alla mia salute.

Scritto da Jacopo Castellini
16-02-2011 14:02

L'unica luce veramente salutare e benefica è quella del sole, ma il LED mi sembra un'alternativa di successo alle lampadine a basso consumo, che oltre ad essere + inquinanti di quelle ad incandescenza, producono un campo elettromagentico che le rende cancerogene ed altera il funzionamento dell'RNA per mantenerci ancorati a questa matrice vibrazionale. In assenza di riscontri diversi, ritengo l'iniziativa di Honsell coraggiosa ed encomiabile!

Scritto da sauro
15-02-2011 21:02

ma come si pou sotenere che i LED siano energivori, allora i normani lampioni cosa sarebbero? che sia dannoso omeno va poi analizzato, come la provenienza di questo studio francese, su concessione di chi... cerchiamo di essere seri

Scritto da Luisa
15-02-2011 12:02

Come mai non pubblicate nulla sugli studi che hanno fatto sulla dannosità delle lampade al neon? Il gas neon è altamente inquinante (per il suo smaltimento) e per innescare la reazione chimica servono trasformatori che elevano la tensione e che provocano scariche di 3.000 volt in continuazione... La luce più somigliante a quella del sole è proprio quella a LED che sfrutta il principio dell'arco di plasma, senza filamento. In pratica la luce a LED è una replica abbastanza simile della luce solare. Ultimo punto è il fatto che, stranamente, nell'articolo si parla di componente "blu", ma le lampade a LED esistono in molte gradazioni, dalla blu, appunto alla luce lattea, comprese le varie colorazioni specifiche usare per motivi particolari.

Scritto da Ishiki Takai
15-02-2011 01:02

Non mi è del tutto chiaro che effetti possa avere la luce led, nemmeno la luce delle lampadine normali è innocuo a quanto ne sò secondo determinati studi, la luce led oltre a portare meno inquinamento luminoso porta anche un enorme risparmio energetico... vantaggi non trascurabili, oltre a questo ritengo la luce più bianca/blu dei led più piacevole di quella gialla delle normali lampadine. Stà tutto comunque nel capire che effetti questa luce possa avere, nell'articolo non è specificato o forse sono mezzo addormentato io? O__o

Area Utente

 

COOKIE

 

ULTIMI COMMENTI

 

Brainup

 

ENZO RAFFAELE

 

Pubblicità

 

 

ARTICOLI NICOLETTA FORCHERI