Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Non per fare i complottisti caprini, ma …con la scusa dei disordini e della crisi economica i politici potrebbero gettare la spugna, e magari qualche istituzione sovranazionale non eletta potrebbe proporre una soluzione straordinaria, magari con lo slogan “misure straordinarie per problemi straordinari”?

Articolo di Felice Capretta * Link

Il braccio economico

Facce nere sui tg di economia. Le borse di tutto il mondo si stanno squagliando dopo essere state congelate 3 anni fa e l’odore di marcio si spande per il mondo, perchè quando congeli una cosa marcia e poi la scongeli è peggio di prima.

Ai tempi scrivemmo ripetutamente che la presunta ripresa era solo una parentesi, e scrivemmo che le misure di quantitative easing sarebbero servite solo a rimandare in la’ di qualche tempo cio’ che era inevitabile.

Cio’ che era inevitabile è ora sotto i nostri occhi.

C’e’ un tentativo di congelamento, che per ora sembra non funzionare. Vedremo come andrà a finire.

Intanto, nel disperato tentativo di gettare acqua sul fuoco, oggi il ministro tremonti ha detto la sua sulle misure da intraprendere, all’indomani della lettera che Trichet e Mario Draghi hanno inviato ieri al governo, il cui contenuto è segreto. In italia di segreti se ne mantengono pochi, a parte la P2, Ustica, gli intrecci mafia-politica e le sporcaccionate del vaticano, e questo segreto non ha tenuto particolarmente.

Il contenuto è un programma di governo: liberalizzazioni e privatizzazioni, alias ulteriore svendita dei gioielli italiani e smantellamento dei diritti sociali, con il consiglio di procedere per decreto per snellire il processo. Non sappiamo se è scritto nella lettera, ma l’introduzione del pareggio di bilancio nella Costituzione potrebbe essere parte della lettera. Taglio anche degli stipendi pubblici, ma su questo il governo dice di non sentirci. Vedremo cosa diranno tra una decina di minuti, quando cambieranno idea di nuovo.

Fatto sta che i banchieri comandano sui governi in modo ormai palese. 

Sono segnali.

Tremonti, in ossequio alla lettera dei banchieri centrali, ha iniziato a proporre di:

  • accorpare le festività non religiose alle domeniche, come se stare in ufficio qualche giorno in più all’anno a guardare il soffitto producesse qualche minimo risultato
  • semplificare i licenziamenti riducendo pero’ i contratti a tempo determinato (perchè altrimenti diventano tutti subprime, e questa è stata forse la cosa più intelligente e vera che abbia detto Tremonti)
  • tassazione delle rendite finanziarie, vedremo

Risultato: Tremonti ha parlato e le borse sono andate a picco.

E comunque non è possibile risolvere la situazione con un governo inabile ed instabile. Perchè qualunque misura impopolare fa perdere al governo le elezioni successive. L’adozione invece di misure non troppo impopolari puo’ salvare il governo ma fa cadere la nazione.

Ehi, guarda, una capretta che si morde la coda.

Il braccio militare

Durante i riot in UK le persone su twitter hanno invocato la legge marziale.

Londra è sicura ma blindata.

Cameron sta discutendo l’eventuale schieramento dei militari ed inoltre sta valutando se oscurare i social network.  Come Mubarak, Ben Ali, Gheddafi, Saleh ed Assad.

Fatto sta che ci sono tentazioni di deriva autoritaria.

Sono segnali.

Segnali di pericolo

Non per fare i complottisti caprini, ma …con la scusa dei disordini e della crisi economica i politici potrebbero gettare la spugna, e magari qualche istituzione sovranazionale non eletta potrebbe proporre una soluzione straordinaria, magari con lo slogan “misure straordinarie per problemi straordinari”?

Dopotutto molte dittature sono nate così.

E tu, cosa farai?

Si, perchè siamo noi gli artefici delle nostre scelte, e siamo noi a decidere in che direzione dobbiamo andare.

Finchè saremo divisi e finche’ ci volteremo dall’altra parte, le cose non faranno altro che andare sempre nello stesso modo.

Forse c’e’ un’altra possibilità, ma devi essere pronto ad assumerti le tue responsabilità, essere protagonista della tua vita, e non fare più l’eterno secondo.

saluti felici

Felice Capretta

6 Commenti a “Il braccio economico e quello militare”

  • Questo articolo mi fa ricordare una cosa che spesso penso: Ma dopo che avranno privatizzato anche le sabbie delle nostre spiagge nonché l’ossigeno, che cosa potranno
    ancora dare in pegno i nostri politici ? Evidentemente l’unica via sarebbe quella di aumentare il prelievo fiscale, ma di quanto ? Impensabile tassare il cittadino del 60,70 o del 80% ! Forse l’unica soluzione sarebbe fallire e rincominciare da capo.

  • andrea:

    Io sono responsabile e concordo con l’articolo e allora cosa faccio??
    Mi pare che siamo comunque polverizzati o no??
    Come ci uniamo a chi possiamo dare fiducia che non ci venga ancora una volta tradita.
    Hanno generato un sistema in cui l’aggregazione è limitata e la maggior parte della gente aspetta
    l’altro che si muova così tutti sono incavolati e fermi.
    Ma penso che una qualunque scintilla rischia di far saltare tutto e questa volta la massa entra in parlamento e da fuoco a tutto.

  • giuseppe64:

    Messaggio per i pochissimi italiani in grado di pensare , se va bene stiamo a 7% della popolazione , credete veramente che ci siano italiani in grado di andare in parlamento a spaccare tutto o peggio ? Bene dimenticate che fra un po inizia il campionato e statene certi sarà l’ unico interesse per le masse , quando inizieranno le vere privatizzazioni e non solo di acqua , ma anche della terra cioè le banche comprano il suolo italico , e gli stessi banchieri demoliranno abitazioni con ( zombi dentro ) il fanatico italiano andrà a dormire nello stadio dove giocano i loro dei specialmente se hanno vinto qualche partita , quindi nessuna rivoluzione garantito .

  • martin:

    al popolo panem et circenses…

  • Marco:

    nessuno leader tutti leader condividere la consapevolezza, agire tutti nel proprio piccolo nell’unica direzione che deriva dalla consepevolezza calma totale sangue freddo e boicottaggio globale, la rete non è solo online è anche nel passaparola persona persona nel mondo fisico che ci circonda…..

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia