Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

 

L’olio di semi di Canapa è un alimento dalle straordinarie proprietà nutrizionali, nonchè un eccellente supplemento dietetico nella pratica medica.
La sua composizione rispecchia in tutto e per tutto le qualità stupefacenti che abbiamo illustrato nell’articolo dedicato ai semi di canapa.
Per le sue caratteristiche l’olio di Canapa è utilizzabile alla stregua di un vaccino nutrizionale, ideale per la prevenzione grazie ai benefici portati al sistema immunitario nonchè come valido rimedio antinfiammatorio per la cura di molte affezioni ad andamento cronico-degenerativo.

La proporzione perfetta: Omega6 - Omega3

La qualità più importante di quest’olio è senza dubbio la presenza di acidi grassi essenziali polinsaturi Omega 6 -Omega 3 nella proporzione migliore per l’essere umano: nessun altro alimento in natura è infatti in grado di garantire una proporzione 3:1, rapporto raccomandato dalle ricerche mediche e dalle più avanzate teorie in ambito di nutrizione.
I regimi dietetici occidentali sono sbilanciati anche per quanto riguarda gli acidi grassi insaturi, con rapporto Omega 6 – Omega 3 mediamente superiore a 10:1.
Questo sbilancio ha impatto sulla salute cardiovascolare, sulle funzioni mentali, su patologie respiratorie e cronico-degenerative e sui processi infiammatori alla base di buona parte delle malattie.
Un bilanciamento di tale rapporto, che può essere ottenuto attraverso un’alimentazione naturale e consapevole, costituisce un’eccellente base di prevenzione ed è in grado di sostenere un miglioramento di tutte queste patologie.

Perchè l’olio di canapa è migliore rispetto agli altri integratori di acidi grassi

La principale differenza tra l’olio di semi di canapa e gli altri olii utilizzati per l’integrazione dietetica di acidi grassi polinsaturi sta ancora una volta nell’eccezionale e unico rapporto tra Omega 6 e Omega 3, poco sopra descritta.

Tabella comparativa acidi grassi in olii vegetali

 

Passando in rassegna altri olii molto ‘quotati’ troviamo infatti che l’olio di borragine non contiene Omega 3 (ma contiene tracce di tossine naturali che col tempo possono danneggiare l’organismo).
Gli integratori di Omega 3 a base di olio di pesce sono ottenuti mediante processi di estrazione chimici e possono soffrire dell’inquinamento tipico del pesce (mercurio, diossina, metalli pesanti) che alla lunga sono molto pericolosi per la salute.
L’olio di lino, fin troppo ‘osannato’, presenta rispetto all’olio di canapa un rapporto invertito e quindi sfavorevole tra Omega6 – Omega 3 e può contenere linamarina, potenzialmente tossica.
Naturalmente antiossidante e immunomodulante

Nell’olio di canapa sono presenti quantità significative di Vitamina E, antiossidante naturale; fitosteroli e cannabinoidi (specialmente CBD, Cannabidiolo) che secondo le più recenti acquisizioni medico-scientifiche hanno un’importante funzione di modulazione per quanto riguarda il sistema immunitario e le funzioni cognitive.
L’olio di canapa è anche ricco di fibre, sali minerali, oligoelementi preziosi (calcio, potassio e magnesio) e carboidrati, tutti elementi che lo rendono ancor più un integratore completo e dal notevole profilo energetico.

Indicazioni e principali effetti benefici sul metabolismo: l’esperienza del dott- Jonas

Nel corso della sua attività il dott. Jonas Elia, medico chirurgo specializzato in pediatria e neuropsichiatria infantile, dichiara di aver ottenuto risultati eccellenti grazie all’intetgrazione alimentare di olio di canapa in caso di:

- artrosi e artriti;
- patologie autoimmuni e sclerosi multipla;
- tendenza a sviluppare cisti e polipi;
- ipercolesterolemia e problemi nella funzionalità epatica;
- dermatiti atopiche e affezioni cutanee in genere (psoriasi, herpes, eritemi, ecc..) ;
- patologie a carico del tratto gastro-intestinale;
- ipertensione arteriosa e altre vasculopatie;
- patologie tipicamente femminili quali cisti ovariche, disturbi del ciclo, fibrocisti mammarie;
- tumori;
- disturbi del linguaggio e caratteriali, autismo, nevrosi, depressione;
- dolori muscolari e articolari;
- cardiopatie e aterosclerosi;
- convalescenza a seguito di ictus o infarto.

Il dott. Jonas suggerisce un apporto quotidiano di olio di semi di canapa nella misura di:

- un cucchiaino da tè al giorno in funzione preventiva (da sospendere solo nei mesi più caldi);
- da uno a 3 cucchiai da tavola da distribuire nella giornata per terapie d’attacco per una risposta ottimale nel caso in cui si vada a curare (o coadiuvare una cura per) una patologia già presente.

La raccomandazione è valida ed efficace sui bambini, sugli adulti e sui centenari che hanno preservato con una sana contotta di vita la propria salute psicoemofisica.

L’olio di semi di canapa a tavola

Il suo sapore ricorda la nocciola, è molto gradevole e va utilizzato a crudo per preservarne intatte le straordinarie qualità nutritive e virtù terapeutiche; può quindi accompagnare insalate, cereali, zuppe, pasta ecc.. al posto o a fianco dell’olio extravergine di oliva. L’olio di canapa è rigorosamente spremuto a freddo e viene venduto prevalentemente nei negozi di alimentazione biologica, va tenuto lontano da fonti di calore e luminose e una volta aperto si conserva in frigorifero.

Olio di semi di canapa e THC

Vale lo stesso discorso fatto sui semi di canapa ma in casi simili è sempre utile ripetersi.
L’olio di semi di canapa contiene una percentuale infinitesimale di THC (meno di una parte su un milione), il principio responsabile dell’effetto psicoattivo della marjiuana.
Il che significa che per avere un effetto tossico da questo alimento (analogo a quello che si ottiene con un solo spinello), occorrerebbe berne una quantità intorno ai dieci litri al giorno…

Rimandiamo al nostro articolo sui semi di canapa per ulteriori approfondimenti e ringraziamo il sito Modin per la ricchezza di informazioni in materia e la ricca bibliografia.

11 Commenti a “Olio di semi di Canapa, naturalmente eccezionale!”

  • loto:

    Per fortuna alcuni prodotti della canapa, in ambito alimentare e terapeutico, cominciano ad avere un mercato; speriamo che la canapa venga impiegata diffusamente anche nel campo dell’abbigliamento, come avveniva una volta, e che soppianti gli odiati capi sintetici.

  • Cereal Killer:

    Vi consiglio un libro/bibbia in tema:
    “Marijuana e altre storie” di Cesco Ciapanna editore (e se ricordo bene anche autore).
    Quasi quasi vado in soffitta a cercarlo….

  • Maurizio Peretto:

    Per Nicoletta, il sito di Assocanapa ha anche un piccolo shop on-line di abbigliamento, olio ed altri prodotti ricavati dalla coltivazione della canapa.

  • Chicca:

    Signori miei, visto che la canapa e’ questa meraviglia allora iniziamo nuovamente a coltivarla.
    Basta deciderlo in tanti e creare un gruppo unito attraverso tutta l’Italia e nessuno potra’ opporsi, denunciarci o creare ostacoli.

    Non c’e’ piu’ tempo, dobbiamo salvarci da noi, al cinema, al grido arrivano i nostri tutto andava a posto ma se non ci svegliamo e non la finiamo di aspettare i NOSTRI che ci liberino faremo una brutta fine.

    Certo dovremo reimparare la collaborazione e la solidarieta’ ma mi pare che i tempi di svelare le menzogne e gli inganni sia arrivato.

    Che legge e’ una legge che vieta qualcosa di utile all’umanita’ per colpa di una utilizzazione dissennata della stessa?
    Trovereste normale non poter tagliare il cibo perche’ il coltello qualcuno lo ha usato per uccidere?

  • dl31:

    ACQUA DI GRAMIGNA E CANAPUCCIA !!!!!
    mia madre mi raccontava spesso di come gli antichi erbaioli di citta curavano tantissimi mali con questo miscuglio….
    addirittura una volta una amica sua andata dal dottore per un infiammazione alle ovaie che stava peggiorando i dottori le dissero che dovevano operarla……
    ……mia madre subito la porto dall’erbaiolo di fiducia che la curo con acqua di gramigna e canapuccia !!!!!
    i medici erano scioccati e non capivano come si sia curata !!!!!
    io andai a cercare di capire allora cosa fosse la canapuccia…
    ….altro non sono che i semi di canapa che si danno anche ai canarini !!!!!
    sono rimasto scioccato da quel giorno ….quando capii il vero potere di questa pianta magica veramente !!!!!

  • SDEI:

    @CHICCA & Co.,
    tra le tante mie attività e interessi come tecnico agricolo una è proprio relativa alla conoscenza sull’ utilizzo e sulla coltivazione della CANAPA; ti posso garantire che a diversi livelli anche di sperimentazione e ricerca universitaria c’è un rinnovato interesse verso questa pianta di cui si utilizza ogni sua parte tanto che IO l’ho definita in un convegno il “MAIALE VERDE”, se vi può interessare vi invio l’ indirizzo dell’ attivissimo Presidente di ASSOCANAPA che abita a CARMAGNOLA in PIEMONTE !!!

    Sig. Felice GIRAUDO: cell. 348/8015605………….e-mail: assocanapa@cometacom.it

    HASTA SIEMPRE LA VIDA

    SDEI

  • Giorgio:

    Io lo compro direttamente online su http://www.bottegadellacanapa.it, è il più economico che ho trovato ed è ottimo!La bottiglia è da mezzo litro, ho approfittato dell’offerta 3 bottiglie di olio + un pacco di pasta di farina di canapa in omaggio (buonissima!) e nel pacco consegnato mi hanno persino messo un piccolo regalo, un sapone di canapa e olio di oliva, che gentili!
    Consiglio a tutti, l’olio di canapa nell’insalata e sui crostini è delizioso!
    Giorgio

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE