Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Scritto da Gianluca Freda Mercoledì 14 Settembre 2011 16:22

wtc

 

di John Kleeves (Stefano Anelli)

articolo del 28/12/2001

Pubblico questo articolo di John Kleeves risalente al dicembre 2001, dal quale si evince come, a pochi mesi di distanza dagli attentati di cui ricorre il decennale, il noto scrittore – morto l’anno scorso in uno stranissimo caso di omicidio-suicidio – avesse già immaginato molte cose, poi rivelatesi esatte negli anni successivi. Alcune considerazioni di Kleeves sembrano ormai superate dagli eventi (le possibili responsabilità dei russi) o dalle ricerche successive (il crollo del WTC7 dovuto ad un missile, quando pare ormai appurato che sia stato demolito con cariche piazzate all’interno, esattamente come le altre due torri). Ma è davvero stupefacente constatare come già allora Kleeves avesse impostato il proprio discorso secondo una linea teorica in grado di inserire gli attentati in una strategia geopolitica poi puntualmente concretizzatasi nelle azioni militari statunitensi. Particolarmente interessante nel testo è “l’ipotesi della Grande Turchia”, che consentirebbe di spiegare le “rivoluzioni colorate” in Africa Settentrionale di quest’anno, anch’esse profetizzate da Kleeves come parte del ripristino di una potenza “terza” in funzione anti-europea e anti-russa; e che spiegherebbe anche le posizioni sempre più audaci assunte negli ultimi tempi dalla Turchia, tanto nei confronti di Israele quanto sullo scenario internazionale nel suo complesso.

(GF)


Ancora non sappiamo chi

I quattro mesi passati non hanno molto diradato i dubbi connessi con gli attentati dell’11 settembre 2001 contro gli USA e con la successiva reazione di questi ultimi contro Bin Laden – mullah Omar -Afghanistan. Per quanto riguarda la matrice degli attentati ancora non possiamo dire come siano andate davvero le cose, se ci fosse qualcuno dietro il gruppetto di attentatori e nel caso chi fosse, se davvero Bin Laden oppure la Russia o qualche altro Stato o anche lo stesso governo USA o un suo settore deviato. L’Ipotesi Russia non mi sembra da scartare a priori perché:

1) bisogna ricordare che Putin è un KappaGiBista;

2) negli attentati sono state dispiegate abilità e cognizioni sorprendenti, normalmente a portata solo di uno Stato (ad esempio la capacità di inserirsi nei più segreti canali di trasmissione militari americani, usati per una strana rivendicazione post attentato, quasi una firma);

3) ci deve essere stata per forza una relazione fra l’attacco dell’11 settembre e l’assassinio del comandante Massud, capo carismatico filo russo dell’opposizione contro i Talebani, avvenuto solo due giorni prima, relazione che può anche essere stata di reazione;

4) può darsi che il Kursk sia stato affondato da un sottomarino americano e non inglese come si credeva, e bisognava fare pari;

5) in ogni caso fra USA e Russia c’è la guerra, sotterranea al di là dei sorrisi di facciata e all’ultimo sangue.

Ancora non sappiamo come

I misteri sugli attentati, anzi, si sono infittiti nel frattempo perché:

1) viene messo in dubbio che sul Pentagono si sia schiantato veramente un aereo (quindi potrebbe essere stato un missile);

2) dell’aereo caduto o abbattuto in Pennsylvania che io sappia non sono mai stati mostrati resti;

3) sembra che mentre le due Torri (1WTC e 2WTC) bruciavano, in un grattacielo vicino (il 7WTC, completamente distrutto) si sia verificata una esplosione molto grande (che potrebbe essere stata provocata ancora da un missile);

4) non si è più accennato al fatto che in diretta si davano per dirottati sette o otto aerei contro i quattro di cui si è sempre parlato dopo (due sulle Torri, uno al Pentagono, uno in Pennsylvania);

5) io potrei aggiungere che in verità non ci sono prove che i dirottatori fossero i 19 arabi indicati, e addirittura che non ci sono prove che gli aerei, almeno i due delle Torri che tutti abbiamo visto, siano stati dirottati da uomini a bordo: i comandi potrebbero essere stati “catturati” elettronicamente da aerei spia, escludendo i piloti e ogni possibilità di comunicazione dall’aereo (la famosa conversazione eroica al telefonino dall’aereo della Pennsylvania è quasi sicuramente un falso), e quindi diretti sugli obiettivi (ciò fra l’altro risolverebbe il problema delle traiettorie troppo perfette per dei dilettanti). In questo caso tutta l’operazione potrebbe anche essere stata eseguita – oltre che naturalmente da un apparato USA, deviato o meno – da una Potenza straniera con uno o più velivoli “invisibili” e che avrebbero anche lanciato dei missili da crociera. Potenza che visto il fenomenale livello non potrebbe che essere la Russia. Il fatto che i due aerei delle Torri fossero entrambi dei Boeing 767 può significare una facilità di cattura elettronica dei comandi per quel modello, mentre il black out sui resti dell’aereo caduto in Pennsylvania potrebbe significare che non si trattava del velivolo civile che si diceva, quello della Olsen.

Tanti misteri dunque, e quello che possiamo ragionevolmente dire dopo questi quattro mesi è solo che il governo americano, visto che a quanto pare non ha fatto ricerche al di fuori di Bin Laden e sempre che non vi fosse lui governo dietro l’attentato, sembra credere che si trattasse di una iniziativa personale degli attentatori, di cui poi lui ha pensato di approfittare incolpando Bin Laden, oppure sembra credere davvero che dietro vi fosse Bin Laden

Le ipotesi del petrolio e dell’oppio

Qualunque sia la vera ipotesi sulla matrice degli attentati dell’11 settembre, gli interrogativi sul perché gli USA abbiano poi attaccato l’Afghanistan rimangono. Questo anche nel caso gli USA credessero alla responsabilità di Bin Laden, perché avrebbero avuto altri sistemi più efficaci per punirlo. Alcuni osservatori, persone capaci e non di regime, hanno avanzato due ipotesi interessanti:

1) L’ipotesi del petrolio. Attorno al Mar Caspio, in Turkmenistan si dice, ci sarebbero grandi giacimenti di petrolio, che una compagnia americana (quasi tutti gli alti papaveri del governo USA provengono dal settore petrolifero, a cominciare da Bush) vorrebbe spillare con un oleodotto da far arrivare in Pakistan attraverso un Afghanistan “sicuro” evitando Russia e Iran, due nemici; prima quindi l’Afghanistan andava sicurizzato, ripulito da elementi come i Talebani, i quali, creati dalla CIA in funzione antirussa prima nello stesso Afghanistan e poi in Cecenia, chiedevano ora forse troppo per l’oleodotto. Sarebbe un bello e chiaro motivo.

2) L’ipotesi dell’oppio. Perché la guerriglia del 1979-1989 contro i russi si potesse autofinanziare, si dice, la CIA ha incoraggiato la coltivazione del papavero da oppio in Afghanistan, coltivazione che nel 1995 è passata sotto il controllo dei Talebani che l’hanno potenziata sino a far diventare l’Afghanistan il maggior produttore di oppio del mondo; ebbene gli USA avrebbero attaccato l’Afghanistan per riprendere il controllo su questa produzione, perché i Talebani avevano cominciato a operare sul mercato per loro conto e per i loro interessi, rompendo il monopolio USA. E’ una ipotesi seria, perché è vero che il governo USA mantiene il controllo del traffico mondiale di droga, che è prodotta sempre in “sue” zone (la cocaina in America Latina e l’eroina nel Triangolo d’Oro) e che è smerciata a monte da organizzazioni criminose di sua fiducia (la mafia di Cosa Nostra, la mafia israeliana, la mafia turca, molte altre). Il governo USA ci tiene a mantenere questo controllo, una posizione che ha voluto raggiungere a tutti i costi a partire dal 1949, perché il traffico di droga gli serve per la sua politica neocoloniale, per ribaltare governi onesti e per mantenere governi corrotti che permettono alle Multinazionali di sfruttare i loro propri Paesi.

Può darsi benissimo che una di queste due ipotesi sia quella giusta, o che lo siano entrambe, ma tutto si basa su dei dati la cui attendibilità non è certa. Per il discorso del petrolio bisogna che il gioco valga la candela, e cioè bisogna che sia vero, come effettivamente si dice, che le riserve note di petrolio del mondo stiano per finire, entro il 2020 o anche prima. In questo caso riserve come quelle del Turkmenistan, capaci si dice di coprire l’intero fabbisogno USA per 30 anni, varrebbero la pena di rischi grandi come quelli che gli USA corrono adesso in Afghanistan ma il fatto è, secondo me, che noi comuni mortali in realtà non conosciamo la situazione delle riserve petrolifere del mondo. E’ ingenuo credere di saperle. Si tratta di informazioni importantissime, strategiche, che vengono raccolte, anziché con trivellazioni, soprattutto da satelliti militari di grandi Potenze (specie la Mir con i suoi 14 anni di permanenza dovrebbe aver mappato bene la situazione) e che non vengono rese di dominio pubblico; ai media, alle università, all’ONU eccetera, dovrebbero essere forniti dati incompleti o falsati ed è anche dubbio che tutte le grandi società petrolifere americane conoscano la vera situazione, forse qualcuna sì ma non tutte.

Lo stesso per l’oppio. Si dice che l’Afghanistan nel 1999 ha prodotto 4.500 tonnellate di oppio, e nel 2000 3.500 tonnellate, ma ciò non si accorda con i dati che circolavano prima. Nel 1992 si diceva che i maggiori produttori erano : Triangolo d’Oro con 2.534 t, Afghanistan con 640 t, Iran con 300 t, Pakistan con 175 t (Morel Rychen, Il mercato delle droghe, Editori Riuniti, 1995, pag. 23). Allora, supponendo che il Triangolo d’Oro non abbia chiuso bottega, come effettivamente non c’è mai stato sentore, a questa produzione si sarebbero aggiunte di netto diciamo 4000 – 640 = 3360 t di oppio: dal 1992 al 2000 il consumo di eroina nel mondo sarebbe raddoppiato! Non è possibile, perché ciò avrebbe comportato il raddoppiamento degli eroinomani, con conseguenze sociali che sarebbero state segnalate. C’è qualcosa che non va e anche questa ipotesi rimane in sospeso perché non siamo certi dei dati, di quei dati che ci buttano dall’alto come badilate di sterco su funghi coltivati al buio.

3 Commenti a “DUE TORRI PIENE DI DUBBI”

  • osservatore:

    http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cronaca/2010/09/22/388339-doppia_vita_stefano_anelli.shtml
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7470
    http://poteriocculti.mastertopforum.biz/3-vt2293.html?start=30
    hanno trovato il dna della nipote sulla pelle di anelli, lo aveva graffiato disperatamente in tentativo di difendersi, probabilmente sapeva qualcosa di scomodo e lo zio da vera spia alennata doveva sacrificare la nipote pur di salvare il segreto, inoltre essendo la vittima di mind control in tali casi scatta a fase omega – ultima – che lo schiavo si uccide per lasciare il mistero irrisolto…
    anelli era un agente dichiarato di KGB (doppio agente, ha servito anche cia per riportare in realtà sulla seconda fronte alla russia le info rubate dalla cia)…oltre essere agente anelli era anche semplicemente un devoto fanatico dell’ideologia razzista ariana- russa, le sue “idee” erano un pò simili a quelle di fallaci con differenza che lui lavorava tenaciamente per ripristinare il “grande impero russo”, la sua devozione russa non si sa da dove arrivi, nella storia ci sono stati diversi italiani finiti “casualmente” in russia in qualche prigione o detenzione per poi tornare cambiati in modo impressionante da far pensare che abbiano subito il lavaggio di cervello e quindi reclutamento da parte di servizi segreti russi. Per esempio prendiamo la storia del padre di Sonia Gandhi – anche lui inizialmente devoto fascista e dunque anti slavo/russo, finisce in una galera russa se NON ERRO dopo la seconda guerra mondiale, al suo ritorno il padre di Sonia era un altra persona – un devoto schiavo dell’ideologia russa, cambiato esattamente come viene descritto nel libro di Orwell.
    http://newsgroups.derkeiler.com/Archive/Soc/soc.culture.indian/2005-11/msg00112.html
    http://it.wikipedia.org/wiki/1984_%28romanzo%29
    Non so se avete letto quel libro, sopratutto la parte dove si parla di torture per cambiare la mente della persona – la prima descrizione della pratica di mind control che prima di essere rubata dagli agenti CIA in realtà era inventata e sperimentata in Russia, poi in Germania nazista anche…con questo metodo il dominatore invece di uccidere fisicamente il suo nemico, lo uccide mentalmente e moralmente trasformandolo in suo devoto schiavo per sempre (salvo qualche intoppo che poi potrebbe in futuro sputtanare la programmazione dello schiavo e quindi portare alla sua inattesa liberazione/ribellione). Di tale tecnica aveva parlato già lo scrittore kazako defunto Cenghiz Aitmatov in un suo libro chiamato “mangurt” che significa “zombie”, colui che non ha più anima ne memoria. Il libro era vietato ovunque, sdoganato solo dopo il crollo dell urss (l impero russo mascherato sotto il nome URSS). In quel libro Aitmatov parla con metafora come il sistema russo per secoli ha castrato la memoria dei popoli sottomessi (quindi un metodo applicato al livello di massa tramite le respressioni, uccisioni, sparizioni forzate e deportazioni di massa di interi popoli, genocidio, lavaggio di cervello propagandistica contro il senso di appartenenza etnica, contro le religioni non ortodosse slave, contro la libertà di pensiero ecc.), attraverso le tecniche di mind control che consiste nel torturare sistematicamente, umiliare, arrivare alla soglia di morte, ma non lasciare mai morire fisicamente, ottenendo cosi la morte morale, spirituale per poi “resuscitare” lo schiavo con la nuova mente e personalità. Gli americani hanno dato il nome “farfalla” agli schiavi, poichè lo schiavo di mind control attraversa 3 fasi prima di trasformarsi e diventare qualcosa di nuovo esattamente come la farfalla…la russia per tutto il tempo di suo dominio ha fatto diversi esperimenti assai più bestiali su interi popoli sottomessi, peccato che nessuno ne parla, tutti i siti cosiddetti “svegli” chissa perchè dirottano tutta la attenzione sugli soliti usa, israele, europa ecc…è vero, questi sono mostri, ma perchè non si parla di altri 2 mostri – cina e russia dove accadono delle cose infernali ai danni di dignità e vita umana ogni santo giorno nelle cantine segrete o per starda o nei laboratori segreti?…bella domanda, io so perchè, ma spero che la gente arrivi da solo, perchè ormai è troppo palese… In ogni caso tutti e 2 sia fallaci che anelli facevano gran casino di disinformazione e propaganda di odio contro i musulmani…anelli per questo odiava la turchia in quanto un paese musulmano, lui era una persona decisamente sballata, se non erro in uno dei suoi articoli diceva che bisogna sterminare certi popoli balcanici ( anche albanesi, rom, ungheresi ecc) in quanto secondo lui sono solo fonti di disgrazia – insomma solite idee malate da nazisti o satanisti, chiamateli come volete…Quindi non so come si può prendere per buono l’opinione di un personaggio come questo. La russia è uno stato molto meschino e falso – ha dato al pasto di sciacalli la libia in cambio di tenersi la libertà di incasinare la situazione in siria, ora fa finta di indignarsi ogni tanto con certe dichiarazioni inutili, falsi e ridicoli. Se ancora non avete capito – siria è appoggiata dall’iran che a suo turno è appoggiato dalla russia, in siria in realtà c’è la guerra tra la turchia e russia/iran. L’iran ha paura di etnia turca azera che consiste nel 50% di popolazione dell’iran, qusta etnia è stata sottomessa nel 19 secolo dopo la guerra in caucaso che ha fatto perdere la sovranità agli stati caucasici successivamente divorati tra l’iran e russia. Con l’infame patto di Goulistan che divideva lo stato azero in 2 col fiume – laparte nordica del caucaso è passata sotto il dominio della russia mentre sud sotto l’iran. Attualmente ci sono circa 27 milioni azeri di etnia turca in iran, se un giorno si ribellassero per riprendere la loro libertà, dall’iran rimarrebbe un misero pezzo di terra povero di risorse naturali…la cosa non conviene ne all’iran, ne alla russia. L’Iran è israele della russia, ogni stato forte ha un suo stato “finto forte” creato e gonfiato nel corso di secoli per servire da appoggio negli intrighi diplomatici, politici…per esempio il “fintoforte” dell’inghilterra è gli USA creato dagli inglesi sulla pelle di nativi americani…il “finto forte” degli usa è israele creato sulla pelle dei palestinesi e serve da appoggio agli usa/inghilterra in mediterraneo. Il “finto forte” della russia è l’iran creato sulla pelle degli azeri e kurdi gente nativa della zona caucasica e mesopotomia…l Iran è un punto di appoggio della russia molto importante creato dalla russia stessa e gonfiato nel corso di secoli per tenere sotto controllo tutto il medio oriente e caucaso, fino a 2 secoli fa non esisteva uno stato di nome iran tanto meno un popolo con questo nome, c erano i persiani dispersi nelle terre briciole rimaste dalla vecchia persia che includeva il kurdistan ed alcune terre confinanti (i persiani sono discendenti di zingari indiani che si erano trasferiti sotto caucaso alcuni millenni fa) Appena gli usa riusciranno eliminare l ‘iran la russia perderà la sua potenza in quella zona, quindi dovrà vedere come tenersi altri popoli piccoli come ceceni, uighuri, baskiri ecc. attualmente sotto dominio della russia facenti parte di tale federazione come repubbliche semi autonome…questi popoli etnie minorazne tutte parlano la lingua turca (bingo! ;-p)…ora abbiamo capito perchè l iran odia la turchia – per questione di azeri. Ora vediamo perchè la russia odia la turchia? come ho detto prima la maggiorparte di repubbliche semi autonome della russia attuale sono delle etnie di origine turca che parlano in turco e partecipano ogni anno alle assemblee universali dei popoli turchi, quindi questa è una delle ragioni di timore dalla parte della russia – perdere queste terre semmai un giorno certi popoli di origine turca si ribellassero con l appoggio della turchia – la matrice del fenomeno turco.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Kuriltai
    l odio dei russi contro i turchi probabilmente risale ai tempi un pò più antichi, ma attualmente si sa che almeno per certo è diventata una cosa quasi ossessiva dall’ultima guerra tra gli ottomani e l’impero russo tra il 19 e 20 secolo. Al tramonto dell’impero romano la russia ed inghilterra fecero un patto segreto per organizzare le ribellioni degli armeni e kurdi per spezzare la turchia per poi dividerla tra di loro, in quell’epoca durante l ‘attacco delle forze armate russe gli armeni passano dalla parte dei russi, accade che vengono uccisi dei turchi civili di massa e la cosa scatena un conflitto etnico tra gli armeni e turchi, in quel periodo succede il famigerato “genocidio” in realtà non soltanto nei confronti di armeni, ma anche degli stessi turchi, kurdi, greci ecc. che abitavano nella zona Van…si trattava di morti dai conflitti etnici e da massacri di guerrefondai, ma la cosa ancora oggi è sfruttata dalla russia per far pressione sulla turchia come “genocidio”.
    http://www.armeniangenocidedebate.com/archives
    Mi domando perchè nessuno chiede conti per genocidio dei nativi americani o di algerini massacrati dai francesi…mah…vai a capire sti giochi politici…Una delle ragioni dell’odio è che secondo gli estremisti russi gli unni – i bisnonni dei turchi moderni sarebbero gli invasori che hanno tenuto sotto terrore e schiavitù i bisnonni dei russi per un bel pò di tempo, infatti si può “ammirare” molti film russi estremisti o anche quelli apparentemente neutrali dove in ogni occasione al popolo russo viene ricordato dei massacri fatti dagli unni e “mongoli” (i russi nel modo dispregiativo chiamano cosi i popoli turchi) …quindi occhio per occhio – secondo questi estremisti che ahime stanno anche al potere – bisogna prima o poi occupare la turchia e ripagarli con stupri, schiavitù ecc. L altra ragione – forse quella principale è che in turchia c’è il punto misterioso il monte agru – da dove comincia la civiltà attuale dopo l ultimo diluvio…non si sa cosa è custodito li, ci hanno raccontato le favole sulla arco di noe che per carità è una robetta interessante, ma pare che sotto ci sia qualcosa di molto più potente, interessante per quale tanti tiranni sbavano per occupare quella zona…ecco, dunque oggi l iran e la russia stanno facndo l offensiva contro la turchia tramite il territorio di siria, hanno promesso a Assad che gli salveranno pelle e trono in cambio di fare operazioni militari ai danni della turchia sulle terre siriane, li ci sono cellule terroristiche di PKK creata dai russi ai tempi di soviet (pkk ha cominciato parlando con gli solgan comunisti di lavoratori copiati dalla russia, poi è passato al nazionalismo). L intento è organizzre ribellione di massa dei kurdi, accendere un fuoco di guerra contro la turchia per poi coinvolgere la turchia in questo casino, indebolirla e ricattarla…i mercenari persiani e russi sono in siria a fare le operazione identiche a quelli che facevanio i falsi ribelli della libia – lo stesso modus operandi, la stessa dinamica…la cosa bizzarra è che invece di ribellarsi e voler unirsi con i kurdi del confine turco, quindi proclamare l indipendente stato kurdo, i kurdi della siria sono scapati in turchia per chiedere il rifugio, infatti le terre di confine in turchia attualmente sono piene di kurdi scappati dalla siria…Roba bizzarra:-)…qualcosa non gli è andato bene alla coppietta russia -iran, ma sicuramente ci stanno lavorando su per risolvere la cosa…immagino che la cosa non è che faccia comodo alla turchia, perchè sono costi enormi per mantenerli oltre avere il pericolo di trovarsi con terroristi infiltrati in casa, in più caos e tensione politica… La turchia sicuramente ha i suoi interessi e sicuramente sta combinando qualcosa anche se la politica astuta di Erdogan è un mistero per molti esperti che non riescono capire a cosa stia giocando…ma parlando nei termini reali penso che stai facendo quel che avrebbe fatto qualsiasi stato per sopravvivee in mezzo ai tiranni che divorano chiunque oscilla…Attualmente nel mondo ci sono 2 tiranni stati nel mondo,ovvero i più potenti che tirano i fili del mondo – russia e gli usa. Probabilmente si tratta di loro massonerie, subsette della grande setta globale massonica che si fanno anche loro i contri all’interno, il modello mafioso una rame creata dalla stessa massoneria per aumentare la tensione sociale e quindi avere più controllo – in realtà rispecchia in molti aspetti quel che accade nella stessa massoneria. La massoneria ha i suoi clan interni che non vanno daccordo tra di loro, sono in costante guerra in nome di potere, potere e potere – una malattia vera…si fanno freagture a vicenda, si coltellano alle spalle di continuo anche se i loro falsi slogan di fraternità lo vieterebbe, ma uno che va ad affiliarsi in certe sette per ottenere favori, potere come può essere leale? già nella radice di certi movimenti stanno gli intenti sporchi, quindi x logica non possono essere limpidi, leali ecc. Questi 2 clan/tiranni – russia e gli USA giocano sulla mappa del mondo come se fossero gli scacchi. Fregandosene della sovranità altrui, delle vite umane, fanno tutto ciò che gli pare – litigano, scendono ai patti furbi, si fregano a vicnda, scambiano tra di loro le “figurine” di qualche politico (gli usa hanno chiuso un occhio al fatto che la russia ha sterminato l intero governo polacco a casa sua…uno scambio di figurine, anche polonia è il mirino dell’odio russo da parecchi secoli), di paesi sottomessi (non riescono per ora avere un accordo su georgia per esempio, il casino in osezia era il resoconto tra la russia e gli usa), fanno gli esperimenti di massa ecc. Stanno facendo la gara per ottenere il dominio mondiale, vincerà quello che sarà più bastardo, più furbo e forte…le cose stanno cosi, non esistono i governi buoni che fanno del “bene” senza lucro. Qualsiasi governo purtroppo molto probabilmente dominato ormai dalla massoneria globale serve certi interessi predatori e fa di tutto di più per sopravvivere…mentre a risentire, soffrire di tutto questo sono sempre civili innocenti ed ignari, le masse che subiscono le bombe, torture, esperimenti ecc. Il mio voto per l articolo di anelli è lo zero…lo reputo inutile in quanto depista e disinforma…

  • Sharman*:

    Segnalo che l’articolo non è stato riportato nella sua interezza.

  • osservatore:

    P.S. per la cronaca anche Ataturk era massone (il suo esercito di “giovani turki” erano in realtà rosacrociani mascherati di finto nazionalismo)…il suo “laicismo”, militarizzazione dell’ educazione, della politica (gli stessi schemi erano applicati anche in russia, germania, italia – se ci fate caso nel XX secolo questi stati massonizzati avevano tutti lo stesso schema del sistema), i monumenti, edifici con riferimenti e simboli massoni, tutto faceva parte del piano massonico…quindi ovunque giri si finisce sempre sullo stesso punto – si tratta sempre di loro…sin dal 1700 in poi…i massoni – fratelli babilonesi esistono da tanto tempo – dal crollo di atlantide (distrutto da cospirazione di fratelli babilonesi in nome di potere), operando nel modo vigliacco, sotterraneo e crudele, ma questi sono usciti allo scoperto sempre con più insistenza dal 1700 realizzando le diverse fasi del loro avanzamento nel mondo. Sono di solito o luciferiani o satanisti, credono di essere liberi di spirito negando Dio, ma in realtà sono schiavi del male, detto con metafora servono un re oscuro alternativo … il loro avanzamento nel sottomettere i vari popoli attraverso la corruzione dei leader è cominciato sopratutto con le banche. La banca – l invenzione diabolica dei rosacroce ha indebitato diversi re per poi ricattarli, molti di questi re corrotti in pratica hanno scommesso per l’avidità le terre del proprio popolo, il proprio trono, gli averi del popolo tipo risorse si denaro d’oro, metalli preziosi ecc. un pò come in gioco di azzardo. E tutti hanno fatto brutta fine pagando per la loro avidità, ahime facendo pagare sopratutto i popoli ignari traditi da questi leader “molli”. Vedere la storia del re inglese, del re della francia, di re ottomano, di re della russia ecc. Tutti finiti allo stesso modo, derubati, privati di loro averi, potere, decapitati, impiccati, sterminati con loro stirpe…gli ultimi re diciamo prima dell’avvento di potere massonico nella politica mondiale attraverso la conquista di paesi in questo modo – golpi palesi o masherati, silenziosi o rivoluzionari…ma sempre combinati dagli stessi…

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia