Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Bombe in Irak, Norvegia, Russia, Pakistan, India, Sri Lanca, Iran, Afghanistan, Somalia, ed ora in Turchia e altre nazioni. Tutti questi attentati mirano ad incrinare e sovvertire il legittimo potere costituito. Perchè?  In Italia la strategia della tensione è stata opera dei servizi segreti italiani deviati; i terroristi di destra andavano ad allenarsi a Tel Haviv ed erano coadiuvati dalla Cia. Insieme hanno alimentato gli opposti estremismi degli utili idioti. Ancora oggi gli italiani non sanno nulla o non vogliono sapere.

E nel resto del mondo chi ha interesse a destabilizzare i martoriati paesi sopra elencati?
Ai lettori le considerazioni finali.

LB

TURCHIA: ATTENTATO TERRORISTA AD ANKARA, 3 MORTI E 15 FERITI
(ASCA-AFP) – Ankara, 20 set – La violentissima esplosione che ha scosso Ankara ha provocato tre vittime. Lo ha dichiarato alla stampa il ministro dell’interno turco Idris Naim Sahin parlando anche di ”quindici feriti, di cui cinque gravi”.
La deflagrazione, inoltre, e’ stata causata da una bomba, come hanno confermato fonti governative. ”Una vettura ha preso fuoco, secondo informazioni c’era una bomba all’interno”, ha dichiarato il vicepremier turco Bulent Arinc.
Tuttavia il governatore di Ankara, Alaadin Yuksel, si rifiuta di evocare un attentato, sottolineando che gli investigatori stanno battendo tutte le piste. ”Team tecnici sono sul posto e stanno ascoltando i testimoni” ha detto all’agenzia Anatolia. Secondo il governatore, un testimone avrebbe riferito di aver visto gettar fuori da un negozio un tubo del gas che avrebbe causato l’esplosione di un’auto.
La deflagrazione e’ avvenuta davanti alla sede dell’amministrazione locale del distretto di Cankaya, nel quartiere commerciale di Kizilay, frequentato da decine di migliaia di persone al giorno. E’ stata udita a chilometri di distanza, provocando il panico tra la gente. Sei veicoli sono stati danneggiati e i vetri di numerosi edifici sono andati in frantumi. La polizia ha isolato la zona nel timore di una seconda esplosione.

In passato, i ribelli curdi del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan), hanno messo in atto attentati simili nelle metropoli turche. Ed e’ generalmente un gruppo curdo armato, il TAK, legato al PKK, che rivendica gli attentati nelle zone urbane e che secondo le autorita’ turche fa da prestanome al PKK quando tali attacchi possono incorrere nella disapprovazione popolare perche’ fanno vittime civili.
20-09-11
PAKISTAN: ATTACCO A BUS DI PELLEGRINI, SALE A 26 IL NUMERO DEI MORTI
(ASCA-AFP) – Quetta (Pakistan), 20 set – E’ salito a 26 vittime il bilancio dell’attentato avvenuto nel sud del Pakistan, dove un commando armato ha teso un agguato ad un bus carico di pellegrini sciiti diretto in Iran.
L’attacco e’ avvenuto a Mustang, nella provincia di Baluchistan, ha detto il vice commissario della zona Saeed Imrani all’Afp.
”Il bilancio e’ salito a 26 vittime. I feriti sono almeno sei, quattro di loro versano in gravissime condizioni”, ha dichiarato Imrani. Il Baluchistan e’ da sempre teatro di violenze tra la maggiornaza sunnita e la minoranza sciita.
L’ultimo grave episodio di sangue tra i due gruppi si era verificato nel settembre del 2010 a Quetta, quando un kamikaze si era fatto esplodere durante un raduno sciita causando 57 morti.

PAKISTAN: ATTENTATO A KARACHI, AUTOBOMBA PROVOCA 8 MORTI
(ASCA-AFP) – Karachi (Pakistan), 19 set – Almeno otto persone – tra cui sei poliziotti – sono state uccise da un’esplosione a Karachi, citta’ del sud del Pakistan. L’attentato aveva come obiettivo Aslam Khan, capo dell’unita’ anti-terrorismo della polizia di Karachi. Un kamikaze si e’ lanciato con un’autobomba contro la sua abitazione. Khan, rimasto illeso, ha riferito all’Afp di aver subito in precedenza minacce da talebani pakistani legati ad Al Qaeda.
Otto persone, tra cui sei agenti di polizia e un bambino, sono morte e numerose altre sono rimaste ferite in un attentato con autobomba”, ha detto un agente locale, Shukat Hussain. L’attacco e’ stato rivendicato dall’organizzazione Tehreek-e-Taliban, legata ad Al Qaeda.

PAKISTAN: BOMBA IN UN MERCATO A PESHAWAR, TRE MORTI
(ASCA-AFP) – Peshawar, 19 set – Tre morti e ventuno feriti sono il bilancio di una bomba esplosa oggi in un mercato dove si vendono cd a Peshawar, in Pakistan. Lo hanno reso noto fonti della polizia.
Sempre oggi in Pakistan, nella capitale finanziaria di Karachi, un altro attentato condotto da un talebano kamikaze ha causato otto vittime, fra cui sei poliziotti.
Dal 2007, anno nel quale le truppe governative attaccarono una moschera di islamisti radicali a Islamabad, circa 4.700 persone hanno perso la vita in Pakustan a causa di attentati condotti dai ribelli talebani e da gruppi legati ad Al-Qaeda.

2 Commenti a “Bombe, attentati, morti, a chi giova la strategia della tensione?”

  • Fosse una questione tanto difficile da decifrare, capirei. Ma cosa si deve dire, cosa si deve fare, affinchè tutti comprendano a cosa stiamo andando incontro?……Veramente, viene voglia di seguire l’esempio di Paolo Barnard, mandare a fare in culo tutti e lasciare che gli stronzi galleggino…….contenti loro……Basta vedere che ancora si va dietro a Bersani, Vendola, Di Pietro, leccando il culo a massoni, piduisti, sionisti, come Casini, Fini, Rutelli. Il trattato di Lisbona parla chiaro ! chi non ha voglia di leggerlo, si vada a cercare i video di Paolo Barnard dove spiega il tutto in modo così elementare che anche i bambini capirebbero. La Turchia e la sola potenza che potrebbe insieme all’Iran (con la scusa della fratellanza musulmana….vedi i soldi dell’Iran ai ribelli in Libia), che potrebbero minare la stabilita’ dei Sionisti Israeliani. Da tenere conto il ritorno al Nazionalismo dell’Egitto. Ne vedremmo ancora delle belle. E i peones …a mangiare e a bere tutto cio’ che i media filo NAZI-USA-UE-SIONISTI danno in pasto, minuto per minuto. HASTA SIEMPRE !!!

  • osservatore:

    evidmemente il gladio – i rosacroce di oggi è tornato all’azione, si vede che devono creare la tensione, cominciando dalla norvegia ovunque nel mondo…i rosacroce sono l esercito, militari di satana, mentre i massoni colletti bianchi sono la classe intellettuale della stessa bestia…uno opera sul fronte militare, l’altro sul fronte politico economico, ma sotto il cappello della stessa cima di piramide per lo stesso target…

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE