Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Fonte: neovitruvian.wordpress.com

Il Pantheon è un antico tempio romano che fu successivamente trasformato nella Chiesa di Santa Maria dei Martiri. Risalente al 125 dC, questo è l’edificio più completo giuntoci dall’antica Roma. Il Pantheon fu dedicato al pan theos, che significa “tutti gli dèi.” Quando divenne una chiesa,  venne dedicato alla Vergine Maria e a tutti i martiri. Il Pantheon è il luogo di sepoltura di molti italiani importanti e rimane una Chiesa attiva.

Le statue degli “dei” dal Pantheon si trovano ora nel Museo Vaticano, con l’eccezione della grande statua di Giove, che venne modificata, ri-nominata, e seduta su un trono della Basilica di San Pietro a Roma a rappresentanza di San . Pietro. Migliaia di pellegrini baciano il piede di Giove, pensando di baciare quello di Pietro. Avete notato la ruota solare sopra la sua testa? Si noti inoltre che il disegno sul muro dietro la statua utilizza il simbolo di Baal.

Dopo la conquista della Mesopotamia da parte dei Persiani, il sacerdozio babilonese fuggì a Pergamo nell’Asia Minore. Qui eresse i templi dell’Acropoli di Pergamo in onore del Pantheon greco, ma continuarono ad adorare il dio misterico babilonese sotto il nome di Saturnus.
Molti dei misteri babilonesi vennero conservati nel tempio di Zeus a Pergamo e vennero poi trasferiti a Roma nel 133 aC quando Attalo III morì senza eredi e lasciò in eredità il suo regno a Roma.La penetrazione della religione babilonese, divenne così generale che Roma venne chiamata la “Nuova Babilonia”.
L’origine del numero 666. Nel 133 aC il culto solare babilonese fu lasciato a Roma da Attalo III. I Suoi simboli e forme vennero poi incorporate nel culto di Cesare e più tardi nel cattolicesimo romano. Si noti che se si sommano i numeri di ogni colonna, riga, e persino diagonale, a 111 e infine si fa la moltiplicazione 6 x 111  il risultato è 666 per entrambe le tabelle. Notare l’esagono nel medaglione in basso, forma che sembra molto cara agli illuminati!
Lo spirito del serpente alato, a significare l’anima del defunto (Egitto). E’ molto interessante il fatto che nella mitologia antica, il serpente era universalmente il simbolo del sole. Il culto del sole e il culto del serpente cominciarono fianco a fianco. Il sole veniva visto come la fonte di tutta la vita carnale mentre il serpente veniva considerato l’origine di ogni vita spirituale.
Serpenti alati Guardiani, il trono di Re Tut, Il Cairo, Egitto. La religione del serpente si è tramandata da un sacerdozio occulto ad un altro fin da quando l’uomo cominciò a diffondersi sulla Terra dal tempo della Torre di Babele. Ricordate che l’adorazione del sole e del serpente cominciarono assieme.
Il serpente dio del sole Maya che esce dalla bocca di un drago venne associato a ‘Quetzalcoatl’ il dio del sole Maya, costruito nel 1000 d.c. sull’isola di Cozumel, che cosa rappresentano? Apocalisse 12:9 “E il gran dragone, il serpente antico, che è chiamato diavolo e Satana, il seduttore di tutto il mondo: fu gettato sulla terra …”
I romani adottarono il culto del serpente come simbolo di potere che trasportava l’anima al cielo. Nel Museo Archeologico di Roma, un sarcofago ha inciso due serpenti mentre trasportano in paradiso delle persone. Roma adottò il simbolo del serpente anche come forza guaritrice
Bagno romano, a Bath, in Inghilterra. Si noti il serpente come simbolo di guarigione.  Anche gli Stati Uniti hanno adottato il serpente chiamato Esculapio in campo medico.
La maniglia a forma di serpente della porta della Cattedrale della St. Mary’s Cathedral di San Francisco, in California. Il serpente, come abbiamo già visto è diventato il simbolo della guarigione in molti paesi. E ‘difficile immaginare un simbolo che rappresenta Satana sulla porta di una cattedrale.

Il dio del sole persiano Mitra, venne ampiamente accettato nel mondo romano ben prima del cristianesimo. La domenica venne dedicata a Mitra (come al dio cristiano), ricevendo il Mitraismo ebbe sette sacramenti gli stessi della Chiesa cattolica. Le ostie eucaristiche segnate con una croce, un antico simbolo fallico che ebbe origine in Egitto e la croce egiziana (l’ankh) mostra ancora la forma originale che comprendeva il simbolo femminile.

 

Il Papa seduto sul trono sotto un baldacchino con diverse figure dello zodiaco, si trova nei Musei Vaticani. Il segno del Leone si trova direttamente sopra la testa del papa. Durante il Medioevo, il più grande astrologo di tutti i tempi, Nostradamus doveva essere molto cauto prima di potersi esporre a causa dell’inquisizione. Eppure, la Chiesa possedeva e utilizzava conoscenze astronomiche e astrologiche.
Bambino d’oro nella tesoreria Vaticana, come tante altre immagini del bambino nelle Chiese cattoliche, ricorda l’antico culto di Tammuz anch’esso raffigurato sotto forma di bambino. Nato il 25 dicembre, rappresentò la rinascita del sole. Come dio bambino pagano, fu chiamato “Baal-Berith”. I pagani anglosassoni hanno chiamato il 25 dicembre “Yule” Day, che è una parola babilonese per bambino. Gli Egiziani e i Persiani festeggiavano il compleanno del loro dio il 25 dic. Altri nomi di divinità solari sotto forma di bambino sono Mitra, Horus, Isvara, Deoius, Giove, Plutus, Ninus, Osiride, Dioniso, Bacco, Iacco, Adone, Attis ecc Tutti questi miti di culti di bambini provengono dall’antica Babilonia attraverso Semiramide e Nimrod.
Il culto della madre o di Maria, è il fenomeno più potente ed emozionale nella Chiesa cattolica romana. Questo culto mistico è supportato e “validato” dalle moltitudini di apparizioni fenomeni con statue e guarigioni.Dal momento che il culto di Maria non si trova da nessuna parte negli scritti dei primi cristiani, è evidente che la sua origine si trova nella universale adorazione della dea madre, durante tutto il paganesimo prima del tempo di Cristo. Essa è stata adottata nella nascente Chiesa romana all’inizio della sua storia – alcuni suggeriscono dopo il 4 ° secolo dC
Bastoni pastorali a forma di serpente venivano comunemente usati da vescovi e alti funzionari della Chiesa cattolica nel Medioevo. Essi sostengono che il pastorale rappresenti il bastone del pastore, ma la sua datazione può essere fatta slittare indietro nel tempo fino a ritrovarla in uso presso “il personale di buon auspicio” o di “divinazione” del Pontefice Massimo dell’antica Roma, che ereditarono dai sacerdoti di Babilonia. Non è realistico supporre che pastori nomadi usasssero bacchette di legno con un manico come quello mostrato o similia. Il senso comune suggerisce di pensare a qualcosa di dritto e che non intralci in modo da combattere gli animali selvatici.
Il simbolo pagano che rappresenta l’unione tra maschio e femmina. Le linee ondulate ritraggono la femmina e vennero associate al serpente, mentre la linea retta è maschile e rappresenta il fallo. Troviamo gli stessi principi di uomo-donna nel paganesimo, che è molto più di una religione  che adora la natura e di cui il sole e la luna sono le divinità predominanti. Il sole è di solito il maschio e la luna la femmina (come Horus e Iside d’Egitto, che ebbero origine da Semiramide e  da Nimrod il marito / figlio.
Adad, Enlil, Baal, Nettuno, Poseidone e di altri “dei” della tempesta e del mare venivano raffigurati con in mano un tridente. Un simbolo del fulmine.Qui Poseidone o Nettuno, disse di essere il dominatore del mare o del mondo sotterraneo, tiene il tridente, è riconducibile al dio solare babilonese dalle corna e dagli zoccoli che portava con se un tridente e un forcone. Il tridente è anche una rappresentazione del simbolo maschile-femminile.
Una croce sull’altare della cattedrale di San Paolo a Londra con quattro tridenti in stile induista della fertilità.Alcuni contestano che i leader della Chiesa cattolica romana incorporarono le pratiche religiose babilonesi pagane all’interno della stessa, ma anche gli storici cattolici lo ammettono. Il cardinale Newman, nel suo “Development of Christian Doctrine” pagine, 372, 373 disse che la Chiesa incorporò molte pratiche religiose pagane. Sostenne inoltre che santificandoli li protesse all’interno della Chiesa stessa prolungandone il culto.
Un tridente che sporge dal capo di Gesù Bambino in un immagine romano cattolica della Madonna col bambino. L’opera in origine rappresentava Semiramide e Nimrod marito / figlio. Notate anche la mano come viene visualizzata con due dita e il pollice in bella vista, un altro modo di simboleggiare il tridente, un simbolo in riferimento a satana, simbolo dei poteri occulti, utilizzato anche da alti funzionari della Chiesa e dei sacerdoti in varie benedizioni invocando il segno della croce con un cenno della mano destra con due dita e il pollice casualmente estesi.
L’antica statua di Giove mentre benedice con il simbolo occulto citato prima è diventata San Pietro in Vaticano. Come già detto, le statue degli dei del Pantheon romano si trovano ora nel Museo Vaticano, con l’eccezione della grande statua di Giove, che venne modificata, ri-nominata, e sedute su un trono nella Basilica di San Pietro a Roma come San Pietro. Migliaia di pellegrini baciano il piede di Giove, pensando che sia quello di Pietro. Avete notato la ruota solare sopra la sua testa? Si può anche notare iil pattern sul muro rappresenta il simbolo di Baal.
Sacerdoti pagani metà pesce spargono acqua santa sul tempio assiro di Pergamo, l’opera è custodita al Museo di Berlino. Uno dei nomi di questo dio in Babilonia e a Phylistia fu Dagon. I modi più comuni di rappresentare Dagon sono descritti dall’ archeologo Layard, “Il capo dei pesci forma la mitra sopra quella di un uomo, mentre le sue parti squamose, come la coda cadono all’indietro  come un mantello, lasciando le membra umane e i piedi esposti “. Layard’s Babylon & Nineveh, p.343
Dagon dio solare/pesce, raffigurato ancora una volta con abiti a forma di pesce e la mitra. Si notino anche le sculture e i bassorilievi dei sacerdoti di Dagon con il cappello a forma di pesce in testa, oltre che al papa che indossa un cappello simile tenendo in mano una sorta di croce di mitra. L’intaglio a sinistra mostra i sacerdoti di Dagon mentre spargono acqua santa (è stato preso dall’immagine sopra).
Questo bastone con la punta a forma di pigna è conservata al Museo Egizio di Torino in Italia, è un simbolo del dio solare Osiride ed ebbe orginie in Egitto dove quest’ultimo fu il loro messia che è morto per il suo popolo e la cui madre, Iside, veniva adorata come la Vergine Madre. Osiride era la contraffazione egiziana di Gesù Cristo. La pigna sull’albero della vita, fa maturare lentamente i semi femminili delle conifere, e nelle fasi successive il cono si apre per liberare i suoi semi maturi. Questo processo rappresenta l’effetto della semina e dell’espansione della CONOscenza nelle persone.
Dio assiro alato con pigna, rappresentante il potere della rigenerazione, riconducibile a Tammuz di Babilonia. La maggior parte del paganesimo nella storia è riconducibile a Tammuz di Babilonia. Sua madre Semiramide, è stata la Vergine Madre anticipando la nascita di Gesù Cristo di oltre 1000 anni. La pratica cattolica di fare il segno della croce ha origine in Babilonia dove, in questo modo le persone rendevano omaggio al proprio messia, Tammuz, che “morì per il bene del suo popolo.” il riconoscimento di questo amore per Tammuz veniva dimostrato, facendo il segno della “T” Satana trasferì questo segno in onore di Tammuz nella Chiesa cattolica, facendo credere ai cristiani che stanno facendo il segno della croce.. Tammuz era la contraffazione babilonese di Gesù Cristo.
Qui il dio greco Dioniso porta la bacchetta con la pigna come simbolo di fertilità. Il bastone con la pigna e la pigna sono molto comuni nelle statue pagane e nei simboli dell’arte della fertilità e della rigenerazione. I bambini vengono sempre considerati come il prolungamento della specie umana. Pertanto, è prevedibile che la Pigna dovrebbe essere collegata alla concezione e alla nuova vita creata.
La pigna più grande del mondo si trova presso la Corte della Pigna in Vaticano, Roma. I pagani hanno sempre desiderato la vita eterna ricercando il culto e la venerazione di molti oggetti che si trovano in natura.

La Chiesa Cattolica Romana utilizza la pigna come ogni buona religione pagana farebbe. Questa è un’ulteriore prova che il cattolicesimo è più pagano che cristiano. In realtà potremmo dire che il cattolicesimo romano rappresenta il cristianesimo contraffatto avente come cuore pulsante il paganesimo. Le pigne sono molto comuni nell’architettura romano cattolica e nelle decorazioni sacre. Si noti come il cono in Vaticano è immaturo e quindi non ancora aperto, proprio come loro lo vogliono!

 

 

Il Papa monta una pigna sul suo bastone,  un famoso simbolo pagano.

Dal momento che il fine ultimo della religione è la garanzia della vita eterna, non dovrebbe sorprendere che il Papa porti con se uno dei più importanti simboli del paganesimo riferiti all’immortalità.

 

Una delle prove più evidenti che l’adorazione del sole continuò sotto il nome di cristianesimo. Qui sopra il Papa sfoggia il simbolo di “Baal” (adorazione del sole) nella parte frontale della sua mitra, a simboleggiare il dio Dagon. Il simbolo di Dagon è nella forma del cappello o mitra. Si noti la bocca aperta del pesce nella parte superiore del mitra papale. I templi più famosi di Dagon erano a Gaza (Giudici 16:21-30) e Ashdod (1 Samuele 5:3-7; 1Cronache 10:10). Dagon venne rappresentato con il volto e le mani di un uomo e nella parte inferiore del corpo come la coda di un pesce (1 Samuele 5:3-4).

 

Cristiani valdesi si riuniscono in una grotta pur essendo attaccati dai soldati cattolici. “I papisti durante le persecuzioni si impegnarono a distruggere gran parte della letteratura valdese”. “Breve storia dei Valdesi in Italia”, p.56 “Gli inquisitori dichiararono che il segno dei valdesi fosse punibile con la morte in quanto il loro fondatore ricercò la fede in dio e seguì i 10 comandamenti “. H.C. Lea, History of the Inquisition of the Middle Ages, Vol.1

 

Statua nel santuario della chiesa dei Gesuiti di Roma, raffigurante l’autorità della Chiesa sui re e la distruzione di ciò che considerava un’eresia protestante. Il 15 agosto 1534, Ignazio di Loyola stabilì un nuovo ordine di sacerdoti e fratelli La Compagnia di Gesù, meglio conosciuta oggi come i Gesuiti. Così malvagi che vennero addirittura vitetati in certi paesi.

 

Veduta di piazza Vaticano, nota anche come piazza San Pietro. Il palazzo papale è sul bordo destro.La ruota solare con otto raggi simbolo di Ishtar è immediatamente visibile. Guardare con più attenzione al centro della ruota. Quello che si vede è un obelisco, un obelisco egiziano originale spedito da Eliopoli a Roma dall’imperatore romano Caligola. L’obelisco è ovviamente un simbolo fallico, ma viene anche utilizzato nell’adorazione del sole. La parola obelisco significa letteralmente albero di Baal o organo riproduttivo di Baal. Fonte: Masonic and Occult Symbols Illustrated, by Dr. Cathy Burns, pg. 341.

 

Notare attorno all’obelisco la grande ruota solare a otto raggi e, più internamente, quella piccola a 4 raggi, lo stesso simbolo trovato sull’altare nel tempio di Baal ad Hatzor. Levitico 26:30 CJB “Distruggerò i vostri luoghi alti, abbatterò i vostri pilastri del culto solare, getterò le vostre carcasse tra le carcasse degli idoli e vi disprezzerò.” Ezechiele 06:04 AMP “I vostri altari andranno in rovina e i vostri pilastri solari verranno fatti a pezzi. “

 

L’obelisco egizio che si erge nella piazza di San Giovanni in Laterano (qui sopra) è il più grande esistente. Originariamente scolpito durante il regno del faraone Thutmoses III, si trovava nel tempio di Amon a Tebe (Karnak), ma venne rimosso da lì per Roma dall’imperatore Costanzo (317-361 dC) e collocato nel Circo Massimo. Nel 1587 il Papa Sisto V riportò alla luce l’obelisco ormai da lungo tempo dimenticato e in disuso riparandolo e mettendolo in piazza S. Giovanni in Laterano. E ‘possibile che Mosè vide ripetutamente questo obelisco quand’era in Egitto. Ai giorni nostri, questo obelisco viene utilizzato per onorare il culto del dio sole trovandosi accanto a ciò che i cristiani definiscono la “Madre di tutte le Chiese”, la cattedrale ufficiale del vescovo di Roma, il Papa, che ricorda la Chiesa Madre apostata, Babilonia misterica la madre delle prostitute .

Una tavoletta del 9 ° secolo aC raffigurante il dio solare babilonese Shamash seduto sulla destra, mentre tiene in mano dei simboli della sua autorità, un bastone e un anello e il re con due accompagnatori a sinistra. Al centro dell’altare vi è un’immagine solare con 4 raggi + altri raggi più piccoli.
Adesso osservate attentamente l’arazzo sotto Giovanni Paolo II durante la sua prima apparizionepubblica come Papa nel 1978.Sull’arazzo appeso al balcone, c’è in evidenza il simbolo di Baal / Shamash. Confrontalo con l’immagine sopra. In ebraico, la parola “sole” ha il corrispondente numerico di: 8121. Semes, sheh’-mesh significa essere brillanti, il sole, l’est;

Guardare da vicino al petto e al collo di questo neo-assiro, in una stele risalente a circa l’824-811 aC, che raffigura il re Shamshi-Adad V.Nota in particolare la collana che il re indossa. Su di essa vi è quella che viene chiamata una Croce Araldica. E’ da circa 2800 anni che questa croce è simbolica del culto del dio sole pagano.

Ora guardate da vicino il Papa, che indossa al collo un simbolo simile sopra il Pallio. Il Papa conferisce anche a vescovi scelti questa insigna, viene anche indossata dagli arcivescovi e dai patriarchi come simbolo della loro autorità, derivata dalla loro unità con il papa.Si noti inoltre, che al di sotto del Pallio di Giovanni Paolo II vi è una croce diagonale parzialmente oscurata, che imita le bande diagonali sotto la Croce Araldica indossate dal re pagano. Il Papa ha con se anche l’anello e la staffa, molto somigliante al dio del sole Shamash.

Guardando in alto nella cupola di San Pietro si è noterà molto facilmente una ruota solare a 16 raggi. Infatti la luce del sole entra nel fulcro centrale della cupola creando un genuino effetto di illuminazione al centro della ruota. La Bibbia dice che questi simboli vennero associati con l’adorazione del sole, che è fortemente condannata nelle Scrittura. Allora perché sono così diffusi nella Chiesa cattolica romana se sono associati con il paganesimo e l’apostasia, inoltre cosa ne è stato del culto del sole?
I simboli presenti sono l’eredità di un culto tramandato dal tempo di Babilonia. Attraverso l’assimilamento delle divinità pagane con un procedimento di santificazione e modifica del nome esse rivivono eternamente in ogni epoca.

18 Commenti a “Roma occulta”

  • Cinzia Bianchi:

    Il serpente ( Kundalini), e’ il simbolo dell’energia (dormiente) alla base della colonna vertebrale che sale attraverso le 33 vertebre (gli anni della vita di Gesu’) fino alla sommita’ del cervello (ghiandola pineale), che ha, appunto, la forma di una pigna. La pineale e’ la “regina” delle ghiandole endocrine; una volta aperta, mette in funzione tutte le altre ghiandole endocrine, riversando nell’organismo una moltitudine di sostanze atte alla rigenerazione ed evoluzione dell’essere umano. Si puo’ effettuare con la via Vedantica (del monaco) o Tantrica (di coppia).
    La croce puo’ essere anche il simbolo dell’ incrocio delle due energie Yin e Yang ( che devono “incrociarsi”) o della morte dell’Ego, requisito essenziale per salvare l’energia che successivamente va’ trasmutata (fatta salire).
    Di fronte la grande pigna in Vaticano (non si vede nella foto, ma c’e'), una bara aperta, a significare il nesso tra pineale e morte (o meglio, resurrezione).

    • adriano:

      ….mi inchino davanti a tanta conoscenza…nel mio piccolo ho sempre pensato…che siamo piccoli dei….piccoli perchè ancora non consapevoli…grazie per le sue parole di luce

    • Jimmy:

      bravissima mi hai tolto una fatica, la pigna è la ghiandola pineale il centro energetico del nostro essere e i due serpenti la Kundalini..

      • Patrizia:

        La ghiandola pineale e’ piu’ un centro equilibratore, promuove uno stato di spazio interiore; la soglia del silenzio. Quando ritroviamo l’equilibrio acquistiamo energia che poi dovremo usare; per cui bisogna essere abbastanza creativi e fortunati di aver fatto la cosa giusta a far salire il serpente o i serpenti. L’ energia e’ piu’ libera ed interagisce non solo con noi ma incontra ostacoli che creano attrito quasi come una richiesta a doverci superare continuamente.
        E’ un dono?
        E’ questione di volonta’ o vive gia’ in altri mondi paralleli e tutto e’ bene?
        Mah! la pace del cuore e’ quella che conta piu’ di qualsiasi cosa.

  • flavio:

    E’ PROPRIO VERO ,SONO ILLUMINATI DI MENZOGNE , E NOI DORMIAMO DA MILLENNI SULLA VERITA’!!!!!!!!!!TUTTO QUELLO CHE Eì VERO E’ FALSO ,ED IL CONTRARIO….RIUSCIRA ‘ LA RAZZA UMANA A CAPIRE CHI E’ VERAMENTE????? LA STRADA LA VEDO LUNGA……

  • Jacopo Castellini:

    Come al solito, i post più illuminati e intelligenti sono i meno commentati.
    Se fossi cattolico mi sentirei quanto meno a disagio di fronte al palese paganesimo della Chiesa. Delle due l’una: o le religioni misteriche sono veritiere, quindi il cattolicesimo è una menzogna; oppure le religioni misteriche sono “sataniche”, ma allora la Chiesa stessa è la principale dimora di Satana.

    In ogni caso, Roma caput mundi! ;)
    http://www.cospirazione.net/index.php?option=com_content&task=view&id=203&Itemid=67

    • Jacopo Castellini:

      Ma aggiungo: è un caso che proprio a Roma (e non in un’altra metropoli) si sia impedito che dalla manifestazione del 15 ottobre potesse nascere una forma-pensiero collettiva in direzione del Risveglio Globale?

  • Raff:

    Ovviamente, per fare una nuova religione per tutto l’Impero Romano, era necessario adottare dei simboli già noti in modo che la religione venga meglio assimilata.

  • Cinzia Bianchi:

    Questi simboli fanno parte di una conoscenza occultata ai piu’ per millenni. Niente a che vedere con satanismo o religione.
    Potete leggere:
    “Il matrimonio perfetto” di Samael Aun Weor
    “Implosione” di Dan Winter
    “Kundalini-The Mother-Power” di Sri Chinmoy
    I libri di Mantak Chia

    e farvene un’idea…

  • nulla di nuovo dsotto il sole,io mi chiamo matteo la cara erede del fù papa CARA FA.o paolo 4,,che fece inquisizione e formò la prima camorra per avere la decima di ex templari,,ovvio che la setta degli illuminati e il VATICANO E OVVIO IL RITO ROSACROCE E IN VATICANO COME LOGGIA MASSONICA SVIZZERA ALPINA,O OPUS DEI LOGGIA DI TEMPLARI,ECONOMICI BANKARIA E FINANZIARIA ITALO VATICANA ETC MA IL VERO SEGRETO E IL CORPO DI gesù che era in croce e cadendo la goccia di sangue ai piedi ne uscì una rosa ecco i rosacroci ,,illuminati,,il corpo di gesù cristo fu imbarcato in una nave romana e portato a roma ovvio ciò ma una tempesta marina fece naufragare il vascello nei pressi di messina,e poitutti a cercare il corpo che pare trovato verso cefalù portato in palermo e li crearono la mafia. o maria ,magia,,malia, LA MAFIA ERA POI DIVENTATA SETTA DEI SANTI PIETRO E PAOLO O BEATI PAOLI,,,,i massoni la chiamarono maffia cioè con 2 ff,… dei societate jesus s.j.mafiez in francese e temere ed era al tempo dei vespri molto in voga dire maiez le cicilienne,,ora il compito era un corpo milites stile templari crudeli rozzi per salvaguardare il segreto dei segreti detto poi santo graal,,il corpo di cristo,e vari apostoli vennero a cercallo e qualcuno andò a santiago in spagna altri in francia inghilterra gli brei ortodiossi massoni oltrazisti lo sanno,come la chiese e il papa che ha fatto costruire un bunker a monreale,,antiatomico per rimanere in caso vicino a cristo,ok,il consigliori di sicilia e capo ultimo setta dei beati paoli,,palermo..non nobis.+.+.+.et erede conte cagliostro rito egizio non a caso ,ok,,33,66,,99..

  • jacopo:

    Buon giorno sono un giovane della chiesa protestante e vorrei ringraziarla per questo articolo, che manifesta l’inganno e l’empietà, la contraffazione e la frode. Inoltre segnalo a tutti un bel libro che si intitola “un prete fra la bibbia e le dottrine del vaticano” questo testo oltre ad essere una storia vera, spiega molto bene come il culto di Semiramide e Nimrod si sia espanso da babele a tutte le culture e lingue attraverso l’iconografia della madre con il figlio-marito, con i nomi di madre di Dio e regina del cielo, il profeta Geremia condanna la pratica di adorazione della regina del cielo in Geremia capitolo 44. comunque grazie ancora all’autore

  • Riccardo:

    Cari commentatori e lettori, volendo anche amaramente ammettere come la cristianizzazione del paganesimo sia stata una forma di sopraffazione appunto del cristianesimo sulle tradizioni pagane, tra le culture inesorabilmente v e’ stato mescolamento. Al netto di ciò rimane fermo il fatto che per il cristiano vale la parola di Cristo; perché cristiano significa ” imitatore di Cristo”. A Voi rivolgo il mio invito a leggere e meditare il Vangelo. ” Contrafactum non valet argumentum” , l interpretazione, come le arti, e’ mimesi, cioè imitazione, perciò e’ bene primario e necessario risalire alla fonte e poi, eventualmente, valutare ed esprimere giudizi sui derivati che surrogano, ma non sostituiscono la Verità. Cordiali saluti.

  • Feles:

    Il riferimento simbolico della pastorale dei vescovi, non viene da Babilonia, ma dall’Etruria: lo strumento si chiamava Litus e serviva agli Aruspici per trarre auspici, in seguito fu adottato anche dagli Auguri.

  • Cinzia Bianchi:

    Un sito interessante: http://www.fosfeni.com/accueil.htm

  • Jerome:

    nell’articolo non è citato, l’elemento forse piu esoterico di tutta Roma, la porta alchemica
    http://www.daltramontoallalba.it/luoghi/portamagica.htm saluti

  • fantolo:

    non importa quale simbolismo quando si tratta di uscire da una caverna oscura alla luce del sole

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia