Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

“Basta con i riferimenti imposti dal mercato che per decenni, non solo hanno condizionato i nostri atteggiamenti e destabilizzato i rapporti con gli altri, ma totalmente spersonalizzato la nostra reale identità”

Il moderno concetto di moda, è quanto di più effimero ed imbecille, la civiltà delle illusioni, abbia estratto dal cilindro magico del consumismo. Essere di moda, alla moda o dentro moda, è uno dei primi ed ignobili trucchi del Sistema canaglia, al fine di spingere la totale maggioranza degli allocchi, a comportamenti irrazionali e dispendiosi, costringendoli ad adeguarsi ad uno stile di vita, molto spesso oltre le proprie possibilità economiche, e ritmi naturali. Non essere alla moda o fuori moda, significa essere messo all’indice dalla società tutta.

“Quello che appare di te è ciò che tu sei” – Questo dogma, è stato per decenni la spada di Damocle sul collo degli allocchi; un ricatto che non concedeva vie di scampo, e che gettava nella totale frustrazione, intere società progredite, cattoliche e democratiche, nella frenetica corsa, al fine di ottemperare ad un tale comandamento. Oggi, la tribù dei modaioli, come cicale imbruttite da infelici canti dissonanti e perduranti, sfinite e rassegnate, si accorgono che nella loro dispensa non sono rimaste che le briciole, e che l’inverno alle porte, potrebbe essere l’ultimo.
“Quello che mangi è ciò che tu sei”, recita il nuovo dogma, “e se non mangi crepi”
Oggi, essere alla moda, è fuori moda e, il Sistema, che acclamavamo a Salvatore, in verità non è altro che il nostro carnefice.

A breve l’industria manifatturiera della moda chiuderà i battenti soppiantata dai fondi di magazzino invenduti e riesumati a poche lire, e dalla più economica, accessibile e meglio prodotta roba cinese, indiana e di altri paesi in via di sviluppo.

Tutti i nodi vengono al pettine e, in giro, di limoni da spremere, non se ne vede più l’ombra.
Il mito del made in Italy e delle prestigiose griffe che un tempo spadroneggiavano sul mercato italiano e di tutto il mondo, sta rovinosamente perdendo quota.

Il concetto di moda, come paradigma di orpello, può avere un suo coerente e interposto significato se sostenuto dall’opportunità dell’acquisto e non come oggetto di mera speculazione e segno distintivo di classe sociale e di discriminazione.
Oggi la moda cede il passo al risparmio e a un louck fai da te, che sotto il profilo socio-culturale e della consapevolezza di se, è un autentico passo avanti.

Basta con i riferimenti imposti dal mercato che per decenni, non solo hanno condizionato i nostri atteggiamenti e destabilizzato i rapporti con gli altri, ma totalmente spersonalizzato la nostra reale identità.
Oggi essere fuori moda è un atteggiamento etico e per questo rivoluzionario.

E’ a dir poco singolare notare come, in molti casi, la contraffazione dei prodotti abbia, per qualità, robustezza e rifiniture, superato l’originale mentre il loro valore commerciale si è ridotto vertiginosamente, con grande giubilo dei consumatori.

Se sapessimo recuperare la nostra capacità di giudizio e quindi di scelta, saremo in grado di controllare il mercato e le sue degenerazioni, e nelle nostre tasche resterebbe tutto quel denaro che per mezzo secolo è stato fagocitato dagli stomaci senza fondo di imprenditori senza scrupoli e da un consumismo becero responsabile del disastro ambientale e del declino morale e culturale.

 

 

 

 

 

 

5 Commenti a “GRANDI FIRME DELLA MODA – IL MERCATO AL CAPOLINEA”

  • Mariano:

    I “SIGNORI” CAPITALISTI DELL’INDUSTRIA MANIFATTURIERA NEGLI ANNI 90 SONO STATI FRA I PRIMI A CORRERE VERSO LA DELOCALIZZAZIONE PER SFRUTTARE LA VITA E IL LAVORO DI MILIONI DI CINESI, INDIANI ECC.
    POVERI STOLTI EVIDENTEMENTE NON SAPEVANO NEMMENO QUELLO CHE FACEVANO!
    PURTROPPO NEMMENO I POPOLI SI DOMANDANO QUELLO CHE FACCIAMO.
    ERO A SCUOLA QUANDO VENIVA FIRMATO MAASTRICHT ( 1992) ED ERA SCRITTO NERO SU BAINCO CHE CI AVREBBEERO STROZZATI COL DEBITO PUBBLICO SULLA MONETA PRIVATA.

  • NIKOLAUS:

    Beh sinceramente non vorrei un paio di jeans made in china manco se li regalassero,bisogna sapere anche con cosa li colorano(sostanze)e il tessuto è a contatto con la pelle,durante una risonanza magnetica il medico ha fatto togliere una maglietta bianca della salute al cinese disteso sul lettino…presenza di metalli! La RSM continuava a segnalare presenza di metalli!No non prenderei mai iphon(il loro)che esplodono,giocattoli fatti con materiali cancerogeni ecc ecc… mi permetto di segnalare “Oggi la moda cede il passo al risparmio e a un louck (si scrive LOOK)fai da te…W la cina italiana

    • NxT:

      Ma che cavolaccio dici!!!???

      non prendi vestiti fatti in asia o da altre parti?? Ma lo sai dove vengono intessuti, tinteggiati e persino scoloriti con la sabbia i tuoi italianissimi jeans??
      non prendi ipod, iphone, ipad o pc cinesi o asiatici in generale perchè esplodono??? Bene mettiti al riparo! perchè lo sai da dove arriva il 100% dei pezzi dei tuoi pc, telefonini e tutti gli altri??? TUTTI I PEZZI!!!

      Fai meno il demagogo….e anche il saputello!
      Se come giustamente dici si scrive look invece di louck…allora ti informo che si scrive iPhone e non come hai fatto tu “iphon”altrimenti uno potrebbe pensare ad un asciugacapelli della apple.

      saluti

  • francesco:

    la moda, i marchi, gli status simbol ecc ecc ecc
    ma quanto siamo cretini ?! davvero troppo.
    francesco

  • gianni tirelli:

    @ NxT – ma cosa é questo commento?? La scoperta dell’acqua calda!! ” ..uno potrebbe pensare ad un asciugacapelli della apple”, ma chi se ne frega!! pensi a quello che vuole!..é finita – la giostra non gira più!!
    non vedi che il saputello delle cause perse sei tu mentre io diversamente da te, so!

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE