Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

*La sovranità monetaria è un “credito” del Popolo che il Popolo delega allo Stato che lo regala al Banchiere che lo presta allo Stato che “indebita” il Popolo che… speriamo si sia rotto il cazzo!

*Il falsario comune è molto più onesto del falsario banchiere: il primo spaccia solo il valore di facciata della moneta e rischia di “suo” mentre il secondo, oltre al valore di facciata, si fa pagare pure spese ed interessi e rischia di “nostro”.

*Usu(ra)capione – L’usuraio “semplice” ti presta soldi con gli interessi che, a prescindere, sono reali e sono suoi. L’usuraio “banchiere” ti presta soldi con gli interessi che, sempre a prescindere, sono creati dal nulla ed “erano” tuoi.

*Nasciamo con un debito verso il Banchiere ed un altro verso Dio, viviamo cercando di estinguerli, moriamo sperando che ci siano rimessi… E non ci accorgiamo di non averli mai contratti!

*La Chiesa e la Banca hanno la stessa “visione” dell’uomo: entrambe lo vedono bene sulla croce!

*Se dovessimo “rifare” Dio lo faremo Banchiere, così almeno risponderemmo delle nostre azioni allo stesso Ente sia da vivi che da morti.

*Discese libere – Duemila anni fa Gesù ci ha portato in dote una “croce”, oggi cosa ci porterebbe, un “mutuo” a tasso variabile?!

*Balzelli – Non date né a Cesare né a Dio. Non vi restituiranno mai un cazzo di quello che per giunta era pure vostro.

*Ormai sportelli bancari e Chiese si equivalgono e puoi tranquillamente pagare il mutuo in Chiesa ed ipotecare l’anima in Banca.

*”Il banchiere ti presta l’ombrello quando c’è il sole e lo rivuole appena comincia a piovere” (M.Twain)… E, oltre a “prevedere” lui il bello e cattivo tempo, l’ ombrello non è nemmeno suo!

*Non ci potrà mai essere cibo e benessere per tutti se i politici da “camerieri dei banchieri” non diventeranno “chef del popolo”.

*Resa dei conti – Ogni neonato ha un conto aperto “a debito” con la Chiesa (Peccato Originale) ed un altro con lo Stato (Debito Pubblico). Per il loro futuro, dobbiamo chiuderli entrambi ed aprire loro, a credito, il “conto di cittadinanza”.

*Antropocrazia – Una Repubblica fondata sul lavoro è schiava del bisogno, una moderna democrazia deve necessariamente fondarsi sull’uomo libero dalla schiavitù del lavoro, mica tanto paradossalmente fondata sul “tempo libero”.

*Un Popolo pecora e formica non potrà mai essere sovrano.
*(In)Debiti Sovrani – Se tu, stupido Popolo Sovrano, avessi urgente bisogno di denaro e nel seminterrato avessi a disposizione la Zecca per stampare legalmente, addirittura con l’autorizzazione della Costituzione, tutto il denaro che ti serve, lo andresti a chiedere in prestito ai peggiori strozzini, le Banche? Tu, stupido Popolo Sovrano, no, di certo! Ma il tuo geniale Stato Sovrano, da te eletto a rappresentarti, invece si, certo! Ed è così che il tuo Stato Sovrano un cazzo regala ai banchieri tutto il “tuo” Credito Sovrano ed a te, stupido Popolo Sovrano un cazzo, il “suo” Debito Pubblico.
Aforismi di Enzo Raffaele

Un Commento a “Aforismi Sovrani”

  • francomuzzi fox:

    A-fox-risma:

    E’ difficile non dare ragione all’oppressore, se l’oppresso è arrivato al punto di accettare l’oppressione come se fosse il male minore.

    Un grammo di consapevolezza vera per ogni pecora di questo mondo, creerebbe un peso insostenibile e capace di schiacciare tutti i predatori del pianeta in una botta sola.

    Mettendo tutti i bankers del pianeta in un immenso silos e convogliandone le esalazioni dentro le pale di una turbina, produrremmo 10 volte più energia di quanta ne serve al pianeta!

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE