Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Monti, atroce autopsia dell’Italia: ma il killer è l’euro     http://www.libreidee.org

Senza più moneta sovrana, l’Italia è condannata: non può più onorare qualsiasi deficit semplicemente «facendosi staccare un assegno dalla propria banca centrale», per usare un’espressione di Wynne Godley, che Paolo Barnard cita per chiarire la situazione. Siamo nel tunnel del suicidio economico a orologeria: Monti spreme gli italiani per avvicinarsi al pareggio di bilancio e vincerà il primo round. Ma poi perderà il match: una volta dissanguati, gli italiani si consegneranno al baratro della recessione. «E che farà a quel punto Mario? Ve lo metto per iscritto: farà quello che hanno sempre fatto tutti i robotizzati umanoidi della scuola economica Neoclassica e Neoliberista, cioè prescriverà ancor più dosi del veleno che ci starà ammazzando. Come fa Obama in Usa, come fa il Fmi in Estonia e in Irlanda, in Grecia, in Africa».

Il problema? Sempre lo stesso: l’euro. Governato da una banca centrale, la Bce, che per statuto non può essere “prestatore di ultima istanza” e quindi usare il denaro per politiche espansive a sostegno dell’economia sociale. L’Italia di oggi? E’ uno Stato «membro dell’Eurozona, che usa una moneta straniera che si chiama Euro, che le viene fornita interamente da prestatori privati, senza alcun appoggio della Banca d’Italia». Ridotta così, per sopravvivere, questa Italia è costretta davvero a pareggiare i bilanci, come minimo. «Ma non solo», aggiunge Barnard: «Deve arrivare al surplus di bilancio». Cioè: «Lo Stato dovrà tassarci molto di più di quello che ci dà come ricchezza finanziaria», e questo significa che «dovremo tutti diventare più poveri, e soffrirne le orrende conseguenze sociali».

Non si scappa, insiste Barnard nel suo blog: Monti e Draghi «in questo hanno ragione», e la loro ricetta «non fa una grinza: tecnicamente parlando, è un obbligo ineludibile». Anzi, è persino «troppo tenera». Perché in economia esiste una regola aurea che stabilisce che un Paese con moneta non sovrana, per poter onorare gli interessi sui suoi titoli di Stato emessi (Bot, Btp) deve pagare un tasso d’interesse sui quei titoli non di molto superiore al tasso della sua crescita economica. «Esempio: se quel Paese cresce al 2%, non può pagare tassi al 5, al 6, al 7,5 %». Altrimenti, «prima o poi fallisce». E l’Italia? Lo sappiamo: sta crescendo quasi zero, e paga tassi d’interesse dal 6 al 7%. «Semplificando, è come se uno guadagnasse 1 soldo ma dovesse pagare un affitto di 6 soldi. Come fa?».

L’Italia dell’euro, continua Barnard, deve dunque trovare la differenza (soldi) in qualche modo, se no fallisce. E dove li può trovare? Monti lo sa bene: deve incassare tasse al netto, tagliare la spesa pubblica o generare un forte aumento dell’export. In altre parole: lo Stato deve prenderci con le tasse più di quanto ci dà in termini di servizi, e inoltre attrezzarsi per aumentare le esportazioni. Non disponendo più di una moneta sovrana da poter svalutare, l’unico modo per rendere “competitivo” il made in Italy è il taglio del costo del lavoro. Tradotto: salari sempre più miseri. E poi, naturalmente, c’è l’austerity: impoverimento generale, in modo che gli italiani «desiderino meno prodotti esteri (Iphone, Audi, Chanel, Sony, benzina)», sperando così che l’Italia riesca ad esportare più di quanto importa. Come convincerci? «Siamo troppo viziati, l’unica è impoverirci, punto. Monti lo sa, è un esperto, e questo fa».

Riassumendo: l’Italia dell’euro deve davvero trovare i soldi per pagare i tassi sul suo debito. Tanti soldi, perché la differenza fra la sua crescita economica (vicina allo zero) e i tassi che paga (7-8%) è enorme: «Quel denaro lo possiamo solo trovare tassandoci, tagliando la spesa pubblica e impoverendo ancor di più gli stessi italiani, così da ridurre le importazioni e pagare di meno gli operai», con la speranza di poter esportare più di quanto importiamo, e incassare la differenza. «Non se ne esce», insiste Barnard. Anzi, la pura matematica rivela che Monti è stato per ora sin troppo

leggero: «Lui sa benissimo che dovrà essere molto più pesante nei sacrifici che ci imporrà in futuro». Tutto questo, grazie all’euro: che il centrosinistra impose all’Italia, senza che i sindacati – oggi sulle barricate contro Monti – battessero ciglio.

Ma il peggio deve ancora arrivare, continua Barnard: lo stesso Monti sa benissimo che, incassata a nostre spese la prima rata di ossigeno, il “rigore” non produrrà certo la “crescita” auspicata, ma soltanto depressione, recessione e nuova povertà. Meno denaro, meno redditi, meno consumi. Quindi, alla fine, meno gettito fiscale: e saremo daccapo. Che farà, a quel punto, il professor Monti? Barnard non ha dubbi: farà esattamente quello che la sua scuola economica gli suggerisce, ovvero: ancora più rigore, «fino a che saremo morti». Dal fallimento non si salverà neppure lui, è vero, ma prima «si sarà fatto un passaggio da Nomura o alla JP Morgan per incassare una pensione multimilionaria con 3 o 4 anni di contributi (non 300 come chiede a te), tanto quanto sarà stato necessario per annientare l’Italia».
Articoli collegati

In mano alla euro-pirlocrazia

Maurizio Blondet
La dottrina dominante ritiene che gli Stati nazionali debbano mettere prima a posto i loro conti, a forza di austerità, conducendoci alla recessione, da qui alla depressione, e poi alla deflazione. Si potrebbe risolvere immediatamente la crisi d’insolvenza di Italia e Spagna aumentando la liqudità. Ma i mega-pirlocrati non lo faranno. L’Italia cadrà in default come la Grecia trascinando con sé l’intero complesso bancario collegato, ossia anche inglesi, svizzeri e scandinavi. Ben gli starà, ai pirlocrati. Loro moriranno solo «dopo» di noi. Dopo averci succhiato l’ultima goccia di sangue nelle loro austerità e rigori; inutilmente perchè il default è inevitabile.

La grande dittatura globale

Maurizio Blondet
Con una legge anticostituzionale che verrà approvata a breve, i poteri oligarchici avvertono il popolo americano, considerato potenziale minaccia «low-level terrorism», che il campo di battaglia comincia dalla soglia di casa, e che le strade americane diventeranno teatro di guerra. Il presidente USA potrà ordinare all’US Army di catturare e detenere indefinitamente, senza accusa formale nè processo, ogni civile in qualunque parte del mondo. Una deriva che dal fallimento della politica conduce alla dittatura della finanza
Monetizzazione USA, un buco nero
Maurizio Blondet
L’incredibile stampa di dollari della FED – tra i 16 e i 17 trilioni andati a riempire di liquidità banche europee – non fa che degradare la moneta, fino a fare temere non la svalutazione, ma la sua vaporizzazione. Le banche gonfiate di miliardi non tornano in salute, nonostante la forniture di liquidità illimitata a tasso zero; tutti gli sforzi di Helycopter Ben non hanno portato alla auspicata ripresa, sia pur gonfiata.

Grazie Monti! Perché Monti vuol dire fiducia!!!

I partiti servono a tenere inalterato lo stato di imbecillità della popolazione, cosi come la democrazia, questa democrazia è la più grande garanzia dello strapotere dell’imperocrazia finanziaria e bancaria.

Le democrazie infatti non fanno paura al potere della finanza tanto è vero che dove c’è una democrazia, più o meno evoluta, loro operano cn grande meraviglia e disinvoltura, dove hanno serie difficoltà proprio nelle (da loro indicate) dittature. IRAK; LIBIA, VENZUELA ecc, li infatti siccome sono “dittatori” non accettano l’invasione del sistema debito (FMI, FED, BM, ecc). Il presidente del Burkina Faso, Sankara lo disse chiaramente cosa era il sistema debito, e per questo forse fu ucciso.

Infatti in africa dove c’è il dollaro come moneta parallela e ricchezze locali, c’è guerra, fame, disperazione e stragi, se invece c’è una moneta sovrana e si sta bene (Libia) allora in quel caso arrivano i caccia della Francia (con la loro libertè fraternitè egalitè petroliè) giusto perche tutta l’africa sia “uguale” nelle condizioni di debito fraterno verso l’imperocrazia finanziaria

C’è questo strano potere mondiale che decide di governare il modo a suo modo, non chiedendo certo consigli e pareri , in cui se vogliamo vivere dobbiamo pagare una tassa di esistenza. Il debito pari a circa trentamila euro a testa per gli italiani è un debito illegale, se un debito è illegale e qualcuno lo pretende con la forza (ma democraticamente) , si dovrebbe chiamare “estorsione”, quando qualcuno vuole sottrarre valore dalla tua vita e dal tuo lavoro con la forza si chiamo PIZZO. Pero il meccanismo psicologico della programmazione mentale ha fatto si che si è cambiato il significato infatti il “pizzo” che prevede una paura indotta dal prepotente, in questo caso è “pizzo fiduciario” si chiama “fiducia” nei mercati. L’Italia ma tutte le vittime dell’euro o si prostrano a cedere parte della ricchezza che generano (ma la crescita è pari a zero) oppure devono vendersi quello che hanno per pagare questo pizzo fiduciario. Cosa succede se non si paga la nuova Ici? Ci hanno tolto la dignità, ci hanno tolto il tempo, ci stanno togliendo anche la possibilità di vivere.

Il cittadino non può evolversi, perché la sua evoluzione è impedita dal fatto che sempre più tempo gli e sottratto per produrre PIL (sostanzialmente immondizia), ed il tempo rimanente non deve servire ad evolvere il suo spirito e la sua cultura ma a divertirsi (a pagamento) nei centri commerciali comprando film e abbonamenti televisivi che lo continuano a programmare che deve produrre e consumare. Be se un dio logico ci avesse veramente creato avrebbe fallito su molti fronti, ma siccome dio è amore (altra tesi) allora possiamo sempre ed ancora discutere della sua esistenza. Ma torniamo allo stato di coglionaggine a cui ci hanno ridotto, nel 2007 scrissi un documento che nelle mie immodeste intenzioni doveva diventare un libro che si intitolava “IPOTECA SULLA VITA” e con il sottotitolo “IO SONO LA TUA BANCA, NON AVRAI ALTRO DEBITO SE NON SOLO CON ME”, contattai circa trenta editori, solo due mi risposero ed uno lo avrebbe pure pubblicato ma dovevo cambiare il titolo ed io non accettai. Naturalmente nel libro in sintesi c’era scritto tutto quello che è già successo ma soprattutto l’analisi sociale e giuridica della proprietà del valore. Nel mondo c’è chi costruisce, c’è chi non fa niente e poi c’è chi vive sulle spalle degli altri per professione, “parassiti”. Questi parassiti sono dei professionisti del “pizzo fiduciario” che avendo capito il monetarismo (valore dell’uomo e di proprietà dell’uomo, ma che per essere divisibile e trasportabile nel tempo si deve trasferire su oggetto esterno all’uomo qual è la moneta) di fatto assumo il comando e la proprietà di ogni forma di gestione monetaria. Chiunque gestisce l’emissione monetaria ed il suo interesse e se n assume la proprietà di fatto sottomette gli altri. Si ricordi il popolo italiano che stanno regalando l’Italia ai potentati finanziari per la loro stupidità, e si ricordino pure di tutti quei vigliacchi di ogni colore politico tutti uniti e tutti proni (camerieri) all’unico padrone. Mi chiedo cosa altro dovrà succedere!!?? qualcuno già pensa alle armi, in Grecia già ci sono vicini con la tassa sulla bolletta elettrica (altro che dignità umana). C’è qualcuno che riesce a pensare oltre? Oppure abbiamo i soliti “NO euro”, “no debito”, ecc.. qui dobbiamo costituire un tribunale internazionale e popolare per crimini contro l’umanità se ancora non si è capito. Ricapitolando ! Gli estorsori locali li arrestiamo (quando ci si riesce) degli estorsori internazionali invece dobbiamo avere fiducia. albamediterranea Giuseppe Turrisi
– Distinti Saluti
Giuseppe Turrisi Salvatore
giuseppeturrisi@yahoo.it

Hai ricevuto questo messaggio in quanto sei iscritto al gruppo
Gruppo “albamediterranea” di Google Gruppi.
Per mandare un messaggio a questo gruppo, invia una email a
albamediterranea@googlegroups.com
Per annullare l’iscrizione a questo gruppo, invia un’email a
albamediterranea+unsubscribe@googlegroups.com
Per maggiori opzioni, visita questo gruppo all’indirizzo

http://groups.google.com/group/albamediterranea?hl=it?hl=it

SOVRANITA’ UMANA-POPOLARE-MONETARIA

http://www.youtube.com/user/ALBAMED

http://www.albamediterranea.org/

monti vuol dire fiducia.doc
23K Visualizza Scarica

Oggetto:Bertone : all’Inferno chi contesta Monti

Il cardinal Bertone , novello Dante nel “cammin di nostra vita” , ha tuonato contro quanti giudicano “iniqui” i provvedimenti del governo Monti ! Definiti un’ancora di salvezza per il popolo italiano e pure limitati e circoscritti . D’accordo , nell’esprimere il concetto , con il cardinale Scola , con l’Avvenire e con l’Osservatore Romano . Ovvero , con Benedetto XVI e , si presume , pure con…l’Altissimo !
Che il Vaticano e la Chiesa abbiano da tempo perso il contatto con il popolo reale , specie dal lato politico e sociale , non lo sottolineo certamente solo io od i biechi reazionari dello “integralismo cattolico” . Basta sentire , leggere o guardare i “loro” amici alla Crozza , Floris Guzzardi , Santoro e soci , tutti rigorosamente antifascisti e difensori della classe operaia , per prendere nota degli insulti riversati sulla Chiesa e sui suoi esponenti . Rei di essere servi e complici di quei poteri forti contro cui gli esponenti della sinistra “combattono” (a colpi di milioni di ingaggi e stipendi) . Quindi , qualcosa di vero ci sarà . Magari Bertone giudicherà inique le (blande) proteste dei milioni di pensionati colpiti nei già miseri assegni di sopravvivenza . Lui non ha certo di questi problemi . Come non li hanno sicuramente Scola ed i giornalisti di Avvenire e dello Osservatore Romano . Come fanno , poveretti , a comprendere la stortura del “dio mercato” quando colpisce gli altri ? E , difatti , la Chiesa non viene colpita da alcuna tassa sui propri beni e sulle proprie attività . Tutte “benefiche” , come ha insegnato in tantissime occasioni lo Ior (la banca vaticana) . Certo , riflettiamo , non è la Chiesa , quindi pure Bertone , che ha dato il via libera per tempo a Monti ? Pretendiamo che affossi un suo uomo ed un suo “banchiere di fiducia” ? Quindi , ne consegue , che iniqui siamo noi poveri “popolani” e che , se osiamo protestare , finiremo dritti all’Inferno . Non si capisce bene se su questa terra , nell’aldilà od in entrambi i posti .
Vincenzo Mannello

http://www.vincenzomannello.it/

6 Commenti a “Monti, atroce autopsia dell’Italia: ma il killer è l’euro”

  • assurdo, ma come si fa a scrivere un mare, anzi un oceano di cazzate così. Come si fa a descrivere in maniera così semplicistica gli avvenimenti odierni.
    L’america è sull’orlo della iperinflazione stampando moneta tanto decantata in questo articolo. Si sta cercando di attacare la valuta più forte del mondo, l’euro, per un mero problema di debiti quando chi attacca ha il triplo di debiti dell’eurozona, America , Gran Bretagna e Giappone. Il Giappone da 20 anni in recessione come che la recessione fosse un male ha , per ora la valuta più forte del mondo strozzando tutte le proprie aziende ma ha anche il debito più alto del mondo. Quando la pochezza di certi economisti sposterà la lente su questi atri e non su un euro risanato da una vera statista come la Merkel allora cosa scriverà Barnard ahahhaah.
    Non manca molto, un paio d’anni duri, perchè l’europa sta andando veloce..ora..senza i Berlush leghisti a frenare la terza economia europea. Ora dopo la cura da cavallo vedremo se diranno che l’euro è la causa, invece di certificare che la causa è il debito fatto crescere da politiche clientelari soprattutto quella italiana. Votate molto spesso da quelli che ora si sentono colpiti.

    • icecube:

      @pigrecosan non so se può interressarti, ma da quel che scrivi e come ti agiti, sono riuscito a ricavare il perimetro del tuo cervello che puoi misurare benissimo con la mano di un bimbo di un anno, giungendo la punta del pollice con quella dell’indice; inoltre il suo peso specifico, che ovviamente non può andare oltre lo zero periodico.

      Nonostante tutto voglio rigraziarti, in quanto avevo dei dubbi di vita, che involontariamente e fortunatamente per me, mi hai tolti.

    • azzero:

      Sei vittima della propaganda del sistema. Non umiliare così la tua psiche.

  • Julio:

    Eccolo il Pigrecosan delle baggianate………

    Ci hai illuminato anche oggi con le tue teorie campate in Aria.

    Adesso torna da bravo nel tuo allevamento. Nutriti delle notizie che ti danno in pasto i media main stream controllati dai banchieri. Dai suvvia mangia Pigrecosun mangia……….

  • woland:

    Pigrecosan=debunker pagato dalle banche khazare.
    Se gli guardi in testa si vede ancora la cicatrice della circoncisione.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia