Cerca 

FreePC

 

Trovaci su Facebook

 

PAOLO MALEDDU

 

Enneagramma Biologico

 

SCIE CHIMICHE

 

Gianni Lannes

 

Il discorso di John Swinton sui media
Luca Martinelli | 18-01-2012 Categoria: Cultura Stampa

Ricordate questo discorso ogni volta che guardate la TV ed ogni volta che sfogliate un quotidiano!


Quello che segue è il discorso che John Swinton, l'allora redattore-capo del New York Times, pronunciò in occasione di un banchetto con i suoi colleghi presso l'American Press Association:
"In America, in questo periodo della storia del mondo, una stampa indipendente non esiste. Lo sapete voi e lo so pure io.
Non c'è nessuno di voi che oserebbe scrivere le proprie vere opinioni, e già sapete anticipatamente che se lo facesse esse non verrebbero mai pubblicate. Io sono pagato un tanto alla settimana per tenere le mie opinioni oneste fuori dal giornale col quale ho rapporti. Altri di voi sono pagati in modo simile per cose simili, e chi di voi fosse così pazzo da scrivere opinioni oneste, si ritroverebbe subito per strada a cercarsi un altro lavoro. Se io permettessi alle mie vere opinioni di apparire su un numero del mio giornale, prima di ventiquattr'ore la mia occupazione sarebbe liquidata.
Il lavoro del giornalista è quello di distruggere la verità, di mentire spudoratamente, di corrompere, di diffamare, di scodinzolare ai piedi della ricchezza, e di vendere il proprio paese e la sua gente per il suo pane quotidiano.



Lo sapete voi e lo so pure io. E allora, che pazzia è mai questa di brindare a una stampa indipendente?
Noi siamo gli arnesi e i vassalli di uomini ricchi che stanno dietro le quinte. Noi siamo dei burattini, loro tirano i fili e noi balliamo. I nostri talenti, le nostre possibilità, le nostre vite, sono tutto proprietà di altri. Noi siamo delle prostitute intellettuali."

[Fonte: Richard O. Boyer e Herbert M. Morais, Labor's Untold Story, United Electrical, Radio & Machine Workers of America, NY, 1955/1979]

John Swinton pronunciò queste parole nel 1880 e la speranza che nell'ultimo secolo la situazione possa essere migliorata può derivare solo dall'affinamento delle tecniche di propaganda che, attraverso i giornali e l'ancora più potente televisione, fanno credere al popolo che esista libertà di stampa, di espressione e di informazione.

Vi preghiamo di ricordare questo discorso ogni volta che accendete il televisore ed ogni volta che sfogliate un quotidiano e vi preghiamo anche di farlo leggere a quante più persone possibili perché solo la consapevolezza ci può aiutare a migliorare la situazione.

Per inserire un commento è necessario creare un account Registrati


Commenti (18)

Scritto da Prostitute intellettuali « Cribb10's Blog
29-10-2012 20:10

[...] [Fonte: Richard O. Boyer e Herbert M. Morais, Labor's Untold Story, United Electrical, Radio & Machine Workers of America, NY, 1955/1979] Like this:Mi piaceBe the first to like this. [...]

Scritto da Andrea Giromella
26-01-2012 16:01

Cancellate i commenti a vostro svantaggio così da sembrare più onesti????

Scritto da Andrea Giromella
25-01-2012 15:01

Cari direttori di STAMPA LIBERA io sono il titolare del blog da cui avete preso senza chiedere nulla il secondo articolo che avete pubblicato sopra... " schiavi della televisione" sono il titolare del blog geroges blog... vorrei chiarimenti sulla vostra libera scelta di prendere un mio articolo ! ...

Scritto da rick
19-01-2012 19:01

le piazze virtuali sono sempre più affollate mentre quelle fisiche sempre più deserte e transennate.

Scritto da Gianfranco
19-01-2012 11:01

Non posseggo tv da più di cinque anni. All'inizio mi sentivo snob, anticonvenzionale, e me ne compiacevo. Ora mi rendo conto che ho eliminato dalla mia vita una fonte di vere e proprie TOSSINE mentali, vera spazzatura concettuale. Le mie idee, quelle mie personali, sono sempre più presenti e forti e ragiono molto di più con la MIA testa. Mai troppo tardi per liberarsi di quell'aggeggio. Gianfranco - Torino

Scritto da S.L.
18-01-2012 22:01

Il plagio esercitato dal mezzo radiotelevisivo è ancora più subdolo poichè per esistere deve attingere alle vite di persone estranee alla macchina produttiva e che gli stessi "addetti ai lavori" pungolano, controllano in maniera invasiva; restringono illegalmente la libertà degli "osservati" scomodi con direttive occulte e appoggi di vario genere in superficie invisibili. Si è visto che chi cerca di mettere in pratica una cultura profondamente diversa dalla prassi all'interno della stessa comunicazione di massa viene pure estromesso o relegato a ruoli marginali. E' la fine della separazione dei poteri, che è un principio costituzionale di qualsiasi forma di governo evoluta e non dedita alla soppressione di chi non sia prono o soggiogato al "sistema", termine sempre più in voga. (S.L.) 22:00 18.01.12

Scritto da Franco
18-01-2012 21:01

La consapevolezza e la presa di coscienza è un percorso individuale,e nessuno può farlo per qualcun'altro,o al suo posto. Chi sa può solamente cercare di creare un varco e fare partecipe chi è meno consapevole,(impegno non indiffrente). Bisogna anche dire che l'ignoranza ( nel senso di ignorare) è una colpa della singolo individuo, perchè i mezzi di informazione non mancano, internet è un mezzo potente se usato correttamente. La pigrizzia mentale di cui soffre la maggioranza della gente è il vero problema a mio modo di vedere. Se noi fossimo permanentemente in contatto con la nostra anima la scienza, la religione, l’arte e la politica non potrebbero più esistere come istituzioni dogmatiche, perché dovrebbero confrontarsi ogni giorno con l’intelligenza di iniziati che posseggono già in se stessi la reale conoscenza, e non più con scolari obbedienti che attendono la verità dalla bocca degli "esperti". In futuro solo chi avrà qualcosa da dire eserciterà una reale influenza su un pubblico sempre meno manipolabile.

Scritto da Davide
18-01-2012 21:01

... " Usata con avvedutezza, la televisione potrebbe diventare un eccellente mezzo educativo per i giovani" ... ... ANCHE O SOPRATTUTTO PER I NON PIU' GIOVANI... !!!

Scritto da raffaele
18-01-2012 17:01

Grazie Puskin, concordo in pieno che in ogni paese del mondo il livello di disinformazione è come e se non peggiore che da noi, e pure il livello culturale di paesi considerati all'avanguardia come Stati Uniti e gran Bretagna. Non lo dico a caso ma per esperienza diretta, avendoci vissuto e studiato ed essendo un viaggiatore attento. Altrimenti non si spiegherebbe perchè le cose vadano in questo modo. Comunque avanti sempre, non demordere.

Scritto da NEO
18-01-2012 16:01

Io ripeto sempre che è più colpa nostra che di chi ci ha ridotto così. Nessun governo ci avrebbe fatto questo se noi non fossimo cosi stupidi da averglielo lasciato fare. Per quanto riguarda il continuare a parlare con la gente che non ne vuole sapere, sinceramente ci ho rinunciato, non ne vale la pena... ognuno ha i suoi tempi e modi di svegliarsi. E poi avvolte penso e dico: cosa sarebbe diverso da oggi con il NWO? Oggi siamo schiavi dei potenti, per cui lavoriamo e moriamo, è sempre stato così sin dall'antichità: schiavo lavora, padrone vive. Oggi l'unica differenza e che oggi lo chiamiamo governo democratico ed è scelto da """noi""", una volta si chiamava Monarchia,dittatura.... Appunto oggi siamo molto più stupidi di prima, oggi lottiamo x avere un posto da schiavo, prima ci dovevano torturare ed obbligare. Prima vitto ed alloggio, erano almeno gratis e tu lavoravi, oggi paghiamo anche x quello, e c'è addirittura chi si suicida se non ha un lavoro x poter pagare il mutuo di quella casa di merda che la banca e la società ti "obbligano" subdolamente di comprare. Se il futuro deve essere questo o peggio, spero di cuore in un bel asteroide.... P.S. piuttosto che accettare una vita da microchippato, preferisco morire...

Scritto da Ezio
18-01-2012 16:01

Il responsabile della propaganda nazista aveva affermato (cito a senso) : Dite pure tante baggianate , saranno sempre in molti a crederci . Il tempo è passato da allora ma niente è cambiato in meglio, anzi in peggio. Ricordo ancora che tanti anni fa, quando nacque la TV di Berlusconi, all'inizio seguivo i suoi programmi in quanto erano molto migliori dei quelli della RAI ma nel giro di un anno anche lui si allineò con la RAI e da allora sono peggiorati tutti insieme in modo schifoso, solo che la RAI mi fa pagare il canone oltre a riempire i programmi di pubblicità cretina e l'altro no quindi fra i due è ancora il male minore, lo stesso parallelo si trova tra il governo monti e il governo berlusconi ma tanti stupidotti ma non hanno ancora capito la verità.

Scritto da giorgio
18-01-2012 14:01

Il tempo dei media mainstream sta per scadere. C'è troppa melma che hanno nascosto e che sta venendo a galla e sempre più persone si stanno accorgendo di quante stronzate raccontano. Ho sentito persone insospettabili parlare di argomenti che mai mi sarei sognato di sentire dalle loro bocche. Fino a 3/4 anni fà se parlavi di Bilderberg, Bohemian Club o manipolazione climatica ti prendevano per paranoico complottista, ora la situazione è cambiata. Argomenti come società segrete e massoneria sono sulla bocca di molti, e non per riderne. Internet sta soppiantando i media mainstream e sta diventando il mezzo di comunicazione più importante e autorevole. Ovviamente più la situazione peggiora, maggiore è la disponibilità delle persone ad ascoltare e prendere seriamente in considerazione certi argomenti. A mio avviso tra breve dovremmo vedere la censura di internet e la manifestazione violenta del governo nazifascista occidentale o magari quest'ultima senza passare per la censura. Gli strumenti dei tiranni sono le menzogne e la violenza, quando non si può più far uso delle prime, non rimane che la violenza.

Scritto da raffaele
18-01-2012 11:01

Puskin concordo in pieno e le faccio i complimenti per la sintesi del concetto. Purtroppo siamo una parte infinitesimale noi che certe cose se le sono andate a cercare per provare a capire come funzionano realmente le cose e come funzioni il vero potere, tutto il resto della gente (sheeple) resta ancorata alla propria presunzione di conoscenza formata dal mainstream che sappiamo bene come funzioni e quale livello di quasi perfezione abbia raggiunto nel formare opinioni anzichè informare. Lo dico forse con un po di presunzione ma creda ci provo in tutti i modi ma i risultati sono al limite dello scoraggiante... COMUNQUE NON DEMORDO CERTO....

Scritto da andrea'65
18-01-2012 10:01

Lettori di SL o di altri siti d'informazione non allineata, una domanda : avete mai provato a suggerire/indicare/consigliare tali siti ad amici/conoscenti con un quoziente intellettuale superiore a Forrest Gump, cioè a persone che hanno studiato e che hanno una vita professionale non fantozziana? Che avete ottenuto? Personalmente solo uno ha iniziato a porsi dei dubbi e a rigirarli ad altri interlocutori, ottenendo l'etichetta di komunista anti-americano e anti-semita; gli altri hanno irriso le informazioni non allineate ( dopo 3 anni qualcuno si è accorto che Cassandra aveva ragione,ma guai a tocacre il 9/11). Quindi che continuino a seguire le news di Murdoch e soci, il giorno che un nuovo virus pandemico esploderà nei Media e si metteranno in coda per il vaccino, che Dio li accontenti.

Scritto da Puskin
18-01-2012 10:01

I giornalisti venduti, il cui compito è disinformare i cittadini per evitare che si rivoltino contro il potere, sono le colonne portanti del liberismo. Senza di loro i banchieri internazionali sarebbero caduti da tempo. I direttori dei quotidiani italiani ricevono dalla casta politica, se ricordo bene, qualcosa come un mliardo di euro a testa. Basta questo per capire che il potere dei banchieri si basa essenzialmente sulla corruzione e la menzogna. Nel mio piccolo mi sforzo di fare, come fa alla grande Stampa Libera, quello che posso per aprire gli occhi degli italiani che vivono nel pantano immondo in cui ci hanno portato, ma credoo di vivere nella libertà e nella democrazia. Il mio è un compito arduo. Chiedo a tutti, pertanto, di aprire un blog dove riportare le notizie di cui veniamo a conoscenza e di impegnarci nell'unica battaglia che ci può dare la vittoria. Per approfondire l'argomento, cliccate su Puskin.

Scritto da antioppressione88
18-01-2012 09:01

eppure ci sono tanti credenti dei tg... lo fanno talmente bene questo dannato controllo mediatico che per la gente la voce della tv è legge... Indigo childrens per favore salvateci tutti...

Scritto da Gerog
18-01-2012 07:01

Complimenti per la pubblicazione di questo importante contributo, che conosco e custodisco da anni nel mio archivio.

Scritto da jurgen
18-01-2012 07:01

Ecco perché io leggo la Stampa Libera. ^__^

Area Utente

 

COOKIE

 

ULTIMI COMMENTI

 

Brainup

 

ENZO RAFFAELE

 

Pubblicità

 

 

ARTICOLI NICOLETTA FORCHERI