Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Segue il capitolo su Tullio Simoncini estratto dal film di Massimo Mazzucco “Cancro le cure proibite”. Questo capitolo racconta la controversa vicenda di Tullio Simoncini, e descrive la sua teoria sul cancro che sta alla base della terapia con il bicarbonato di sodio. Sul sito curenaturalicancro.org trovate le informazioni complete su Tullio Simoncini, oltre alle testimonianze integrali dei pazienti che hanno deciso di ricorrere alla sua terapia. In molti casi si tratta di persone abbandonate al proprio destino dall’oncologia ufficiale, …

 

44 Commenti a “Carcinoma al seno guarito col bicarbonato, metodo Simoncini”

  • Laqualunque:

    allora ho letto e visto non so quante testimonianze di guarigione al bicarbonato metodo Simoncini,perfino gente che non ha mai avuto a che fare con Simoncini sono guarite solamente legendo e seguendo le instruzioni del suo libro,fino qui tutto bene e io ci credo
    ma porca la miseria trovero un giorno uno che mi sapia rispondere su una domanda che ho fatto centinaia di volte!
    la domanda e questa ma perche tutte queste testimonianze di guarigione sono di gente anonima questi ultimi 10 anni sono morti di cancro decine e decine di personaggi famosissimi,faccio solo 2 nomi per non allungarmi”Pavarotti,Steve Jobs”
    ma dico io non ce ne uno che abia sentito parlare di Simoncini!
    neanche nel loro entourage nessuno a consigliarli,
    ma se io so di avere il cancro vado in cerca del Dott.Simoncini dall’altra parte del mondo
    in piu non costa quasi niente il bicarbonato confronto la chemoterapia che non ha mai guarito niente e nessuno,
    adesso aspetto con ansia che qualcuno mi dia questa risposta

    • Jung:

      Ciao, guarda l’ unica cosa che ti posso dire è che ho sentito anch ‘io che il bicarbonato fa bene, preso nelle giuste quantità, io ne metto un cucchiaino da caffè su 1 litro e mezzo d’ acqua.
      Il bicarbonato distrugge i radicali liberi e inoltre elimina le scorie radioattive di cui il pianeta è saturo..specialmente dopo i fatti del Giappone..ciao questo è tutto quello che so

    • francomuzzi fox:

      La cosa più sorprendente non è la tua domanda, ma il modo PRECONCETTO con cui la poni. Si evince che tu conosca già la risposta… ma credimi non differisci da nessun terrestre che Orwell non abbia sapientemente metaforizzato ne La Fattoria degli animali… o in 1984. Esiste una cosa che se ne parli con le persone che come te conoscono già tutta la verità, passi per malato di anticomplottismo. Allora diventa difficile parlare con chi vuole solo giocare a ping pong. Ti rispondo con un’altra domanda. Tu sai quali sono le erbe più medicinali del pianeta? no? informati! Sappi che certe “erbe” sono proibite persino dal farne menzione! Eppure alcuni ministeri della sanità di altri stati permettono la produzione (controllata) di alcuni farmaci che pare siano in grado di far alzare dalla sedie a rotelle gente che c’era da anni! Da noi e negli states (nostri mentori e sovrani) NO!!! In olanda e belgio sì!
      Ma vorrai mica dire che c’è una lobbie di BASTARDI che sta decidendo per noi che… il motore ad idrogeno è roba da museo? Che la marijuana è una droga assassina? che gli stati sovrani NON devono stampar moneta ma devono prenderla in prestito dalle LORO banche? che non si possono trovare cure semplici per il cancro?…. OMMIODDDDIOOO!???? MA ALLORA IL MONDO E’ IN MANO AI BANKIERI E ALLE MULTINAZIONALI!??? I QUALI SE VOGLIONO FAR PASSARE SAN FRANCESCO PER UN BUFFONE MANDANO JIMMY MERDONE DI STRISCIA LA MERDIZIA (la trasmissione di Antony 666 Ricchi) AD INTERVISTARLO CHIEDENDOGLI: “E’ VERO CHE LEI CREDE DI POTER PARLARE CON GLI ANIMALI?”… e tutti i telerincoglioniti che guardano striscia, ridacchiano tra una lobotomia e l’altra!… CHIARAMENTE SE SAN FRANCESCO FOSSE UNO CON LA STESSA CATTIVERIA DEL MERDONE MICROFONATO, GLI RISPONDEREBBE: “SI! E’ VERO! ED E’ PROPRIO QUELLO CHE STO FACENDO IN QUESTO MOMENTO!”…
      carissimo laqualunque… si informi su Chip RFID,… e capirà che il mondo è un po’ più sotto controllo di quello che lei crede (lei crede quello che LORO vogliono farle credere!).

    • daniela:

      allora rispondo a tutti voi io ho avuto un carcinoma duttale infiltrante nel mese di agosto uguale una mia collega io ho fatto simoncini e lei la ufficialerisultato ? io nn ho niente e lei ha gia’ metastasi al fegato

    • stefania:

      Secondo me ci sono ancora poche persone che conoscono il metodo Simoncini, e tanti non si fidano quando sentono dire che uno è morto a causa di quel medico così si spaventano e non provano nemmeno e così anche le persone famose. Io sono propensa a provarci , ho un tumore al seno che secondo me rischia di diventare maligno. Sono già stata operata di urgenza nello stesso punto dove si trova questo nuovo nodulo perchè stava diventando maligno… Ogni tanto prendo un po’ di bicarbonato sciolto in acqua a digiuno… Quando sarò (spero) guarita darò la mia testimonianza

  • SDEI:

    @LAQUALUNQUE,

    se una persona “qualunque” è un gioco di parole visto il tuo soprannome mediatico; scopre di avere un “cancro” la normale reazione dopo il terribile trauma iniziale provocato dalla notizia è quello di rivolgersi alla “tradizionale” classe medica con la speranza di guarire, in percentuale pochissimi malati di cancro si rivolgono convinti da SUBITO alla MEDICINA ALTERNATIVA(=HAMER, SIMONCINI, DI BELLA etc.) tra l’ altro fortemente boicottata in buona ma anche in cattiva fede da chi lucra su queste devastanti “disgrazie” e allora ti racconto un fatto personale !!!

    Quando circa 30 anni fa mio padre si ammalò e poi “trapassò” di cancro al colon mi misi in contatto con medici “naturopati”, che mi consigliarono di provare a curarlo con il siero BONIFACIO di cui penso avrai sentito parlare; per averlo dal mio lontano FRIULI V.G. ho dovuto recarmi fino a ROMA dove in una delle CHIESE dello stato del VATICANO riuscii assieme ad altre centinaia di ESSERI disperati ad ottenere alcuni flaconi gratis, quando ne parlai con il primario di medicina ospedaliera dove era stato ricoverato ebbi un netto rifiuto ad usarlo in quanto farmaco NON registrato anche se per assurdo la MEDICINA UFFICIALE era ormai impotente a curare il mio adorato padre lo stesso succede OGGI !!!

    HASTA SIEMPRE LA VIDA
    SDEI

  • Laqualunque:

    vabe!!!
    vi ringrazio comunque ma la mia domanda e rimasta senza una vera risposta eppure era samplice,perche mai un personaggio famoso affeto di cancro non si e mai rivolto a un dottor Simoncini?

    vi ho fatto questa domanda perche questa domanda e stata fatta pure a me,
    9 mesi fa ho perso un cognato a cui avevano dato 4 mesi di vita,mi sono rivolto hai suoi figli
    ma perche non provate di tutto ce anche il Dott.Simoncini che guarisce con il bicarbonato,
    come risposta mi hanno detto….zio quando ci andra Pavarotti da Simoncini ci andremmo pure noi!

    • gotama:

      laqualunque, ti risulta che pavarotti e jobs con le più evolute terapie ufficiali e con milioni di dollari a disposizione siano guariti dal cancro? dunque è abbastanza agevole l’assioma “radio-chemio=fallimento”?

    • CortoMaltese:

      Il problema di queste cure è che vanno a sopprimere il sintomo, il cancro in tal caso, mentre la causa è da cercare altrove, in questo senso non c’è alcuna differenza con la chemio. Il bicarbonato è pur sempre un veleno per il nostro organismo, una sostanza inorganica, morta che esso non riconosce. Se si pensa di sconfiggere definitivamente il cancro con questo metodo o con altri non si è proprio capito nulla sulla salute e su come supportarla. Non sono d’accordo sul fatto di insistere con queste ‘cure’ alternative, che hanno il solo merito di fare meno danni della medicina ufficiale, ma che sono pur sempre veleni. Bisognerebbe parlare di corretti stili di vita, di alimentazione naturale e non di questi rimedi ‘dopanti’, possiamo andare avanti per i prossimi 200 anni a cercare cure così, con il bicarbonato, con le code di rospo, con i fiorellini montani, ma il cancro non lo sconfiggeremo mai.

    • gotama:

      cortomaltese sono daccordo con te. però penso anche che se capisco che la medicina ufficiale mi ha tradito, inizio a documentarmi e a capire tante altre cose concatenate. la ricerca di rimedi alternativi da parte della gente è un primo passo verso la consapevolezza e verso la verità, in ogni ambito.

  • Laqualunque:

    gotama!!!
    ma cosa sto dicedo io??
    so che il mio italiano e pessimo sono straniero pero mi sembra che mi sono ben spiegato,
    la “radio-chemio = fallimento” se segui il discorso appunto questi personaggi pieni di soldi
    non vanno da Simoncini e perche il bicarbonato costa nulla e preferiscono morrire che andare da un pidocchioso Simoncini che non ti fa spendere milioni di euro per rimanere in vita,ma dove siamo? ma almeno crepo con il conto in banca pieno

    • rocco:

      Caro unoqualunque,in italia ci sono più di diecimila persone che fanno uso della terapia di bella,un milione utilizza l’omeopatia, praticamente più del trenta per cento della popolazione si affida alla medicina alternativa.Ti faccio notare inoltre che pavarotti è venuto a conoscenza della nuovamedicina del dottor hamer(non ha voluto seguire il percorso)la stessa eleonora brigliadori come potrai verificare in uno dei post più commentati di stampa libera,si è affidata alle teorie di hamer con successo, anche marco columbro conosce hamer avendolo visto in una trasmissione rai con il testamento del dottor hamer tra le mani.Per non parlare delle numerose persone non famose che ho conosciuto durante i corsi di nuovamedicina con diagniosi di leucemia cancro s.multipla che erano li in perfetto stato di salute.Il problema è che tutto ciò che contrasta con le teorie ufficiali vengono occultate.Per Corto Maltese:il cancro non è da sconfiggere essendo già di per se una guarigione(hamer).

  • luca:

    Il metodo simoncini è una delle più grandi bufale della medicina,uno che afferma che il cancro è un fungo!!si studi la NMG poi ne parliamo..Lino perchè hai postato un articolo del genere tu che conosci come stanno le cose??ti prego,non allinearti ai tanti altri siti da 4 soldi!!!!

    • Lino Bottaro:

      Caro Luca ti ringrazio per la precisazione e infatti ero indeciso se postarlo questo articolo. L’ho tuttavia pubblicato proprio per produrre una discussione alla quale spero possano dare un contributo anche gli amici medici che conoscono la NMG. Per quanto ne capisco io c’è da fare una distinzione. Hamer e la NMG sono oramai una certezza inossidabile. Tuttavia il decorso del cancro, la scomposizione, la degradazione delle cellule tumorali potrebbero essere favorite dalla cura Simoncini, dalla cura Di Bella? Il dottor Hamer mi pare non si serva di granchè come medicinali salvo in qualche occasione in cui usa il cortisone per tenere a bada delle infiammazioni eccessive…. Attendiamo risposte da quanti conoscono meglio di me le cure sopra descritte.
      A presto.

  • CortoMaltese:

    Hamer per quanto onesto e coraggioso e quindi meritevole di rispetto e ammirazione tralascia un aspetto fondamentale come l’alimentazione (e non solo) e questo è inconcepibile, il concetto di pulizia interna è fondamentale. Il pensiero Hameriano basa tutto o quasi tutto sui traumi emotivi e tralascia tutto il resto. Parte dal presupposto errato che la malattia a monte sia sempre e solo il fattore traumatico/psichico.

    • Lino Bottaro:

      Caro Corto, Hamer è vegetariano. Mangiar bene è vivere bene. Tuttavia si può mangiare molto meno e peggio di quanto non si faccia in occidente senza subirne conseguenze. Queste intervengono qualora vi sia la percezione di cibarsi di schifezza, solo allora anche il nostro stomaco condizionato dalla nostrra psiche si rifiuterà di metabolizzare. Così nascono i problemi.

  • Laqualunque:

    sicuramente condivido con te CortoMaltese l’alimentazione e molto importante,e se non mi sbaglio uno dei primi ad ocuparsene e stato Max Gerson con un notevole sucesso apunto proprio contro il cancro,ma e finita come sempre soffocato dalle grosse case farmaceutiche
    tratato come un bandito criminale allora che aveva semplicemente salvato centinaia di pazienti

  • luca:

    Lino ti ringrazio della risposta.Il punto purtroppo non è cosa può aiutare una persona in vagotonia,ma il concetto che abbiamo del cancro e tutto quello che gira attorno ai pseudo alternativi alla Simoncini e altri.Quando si afferma che il cancro è un fungo,o che invece è il cibo,e questo o quell’altro ricadono tutti nel medesimo errore che dai alimento a tutto quel mondo alternativo che non fa che dare man forte all’altro fronte di disinformatori,ovvero quelli della medicina ufficiale!!!

    • Lino Bottaro:

      Concordo con te Luca, il fungo, la candida, altro non è che l’effetto della decomposizione del tumore. Il motivo per cui ho postato l’articolo è proprio di sollecitare un ragionamento in più sull’argomento, visto che si parla e sparla di metodi e medicinali anti tumore. Probabilmente la “cura Simoncini” altro non consiste che nel favorire un decorso non invasivo dello stato di riparazione detto impropriamente malattia, già in atto nel paziente..
      A presto

  • FRANCESCO:

    Se posso esprimere la mia opinione secondo me qualcuno, tipo FRANCOMUZZI.fox (non c’e l’ho con lui, assolutamente), usa toni troppo esagerati, perchè qui nessuno è depositario della verità altrimenti ci dicano dove ci si puo curare e da chi, ma non penso possano dare risposte concrete ma solo tarantelle e discorsi misti di parole fumose.
    Non conoscevo il metodo SImoncini e dopo aver letto il post di SL mi sono andato a documentare ed ho scoperto che qualche anno fà STRISCIA LA NOTIZIA lo ha preso di punta e, diciamo smascherato. Io non voglio dare ragione a striscia e torto al Dott Simoncini, pechè non sono nessuno (a differenza di altri…) per giudicare, però mi chiedo il perchè durante l’intervista di Striscia lo stesso balbettava e su alcuni argomenti diceva prima una cosa e poi un’altra? mentendo ad esempio sul metodo di pagamento.
    Cioè se uno è convinto dei propri mezzi perchè deve fingere e non deve dire la verità cosi com’è.

  • Avax:

    Il dott. Tullio Simoncini è stato condannato per pubblicita’ ingannevole al pagamento della somma di euro 50.000 con provvedimento n.22300 dell’AGCM del 13/04/2011
    L’autorita’ ha inoltre vietato la pubblicita’ in generale tramite internet del suo metodo

    Quello che e’ pero’ importante sottolineare dal documento di cui sopra e per voce dello stesso Simoincini è questo:
    “Con riferimento alla richiesta di provare l’esattezza materiale degli studi effettuati,
    delle sperimentazioni e prove relative alla propria teoria, fornendo copia delle cartelle cliniche delle persone trattate con il bicarbonato di sodio descritte nella sezione – Alcuni dei casi trattati- pubblicata sul suo sito, il professionista ha precisato di non disporre di alcuna cartelle clinica”

    Non dimentichiamoci inoltre che quella che è stata spacciata come cura ostacolata dalla medicina ufficiale perchè non redditizia (il bicarbonato costa pochi centesimi al supermercato) rende al “professionista” di turno dai 20.000 ai 30.000 euro a paziente.
    Basta cercare le testimonianze.
    A conti fatti l’economico bicarbonato costa di piu’ della chemioterapia.

    @crumblingland:
    L’articolo di Robey che hai postato è la classica zappa sui piedi che ha voluto darsi Simoncini e che si danno tutti coloro che lo citano senza averlo letto: nell’articolo infatti gli autori dimostrano sperimentalmente e chiaramente come il bicarbonato di sodio abbia solo rallentato l’attecchimento delle metastasi ma NON abbia avuto nessun effetto sulla crescita tumorale.
    In sintesi le metastasi ci sono state, si sono formate solo con qualche settimana di ritardo e i topi sono comunque tutti morti a causa del tumore originario che nel frattempo era cresciuto.

  • luca martinelli:

    Interessanti i commenti ma, senza offesa per nessuno, spesso imprecisi. Il bicarbonato non è affatto tossico per il corpo umano, anzi è fondamentale come tampone per il sistema acido-base. Il nostro corpo lo produce continuamente. Ma non voglio annoiare nessuno con lezioni di biochimica. Tengo solo a dire che nel corso di anni ho visto morire persone malate di cancro che si curavano nei modi piu’ svariati, dalla nutrizione al siero Bonifacio, dalla chemio a nessuna terapia. Quindi mi piacerebbe che con onesta’ i vari Simoncini e Di Bella junior pubblicassero i loro dati e ovviamente anche la mortalita’. Voglio essere ancora piu’ preciso: spessissimo capita che una persona si faccia operare e chemioterapizzare nell’ospedale X e vada a morire nell’ospedale Y piuttosto che a casa propria. Ebbene per l’ospedale X il paziente sara’ considerato o guarito o comunque vivo. Per una statistica corretta bisogna ogni anno rintracciare le persone e d informarsi sulla loro condizione. Solo allora, dopo i dati precisi, potremo discutere.( Il sottoscritto crede nella NMG.) Buona giornata a tutti.

  • Avax:

    @luca martinelli:
    Tutto corretto fino all’esempio della migrazione tra ospedali: se un paziente migra dall’ospdale X a quello Y e’ perche’ ancora ha bisogno di cure e dunque puo’ essere considerato vivo per le statistiche dell’ospedale X ma non certamente guarito come sostieni. Esiste poi quella che si chiama ‘cartella clinica’, ogni paziente ne ha una e se la porta dietro, cosi’ che le statistiche dell’ospedale Y possano essere fatte correttamente tenendo conto dello stato attuale dei pazienti al loro ingresso: prima diagnosi o paziente gia’ malato da tempo sottoposto ad altre terapie presso l’ospedale di provenienza.

    Per quanto riguarda Simoncini e simili…e’ evidente che statistiche di sopravvivenza degne di tal nome non le produca chi avrebbe a facili parole tutto l’interesse di produrle: sai quanto vino in meno venderebbe l’oste qualora dichiarasse la verita’ tutta la verita’ e nient’altro che la verita sul proprio vino ?

    Certo che anche tu predichi bene e razzoli male: dove sono le statistiche della NMG ?

  • the crusader:

    Caro LaQualunque la tua domanda è giusta, ma la risposta è scontata.
    Pensi che Pavarotti o Job siano degli dei, solo perchè ricchi e famosi? E perchè non parlare dell’avvocato Agnelli allora?
    La verità è che sono vittime al pari nostro, le loro vite valgono quanto le nostre.
    Se il cancro è un mezzo per ridurre la popolazione e chi decide è fermo nel suo proposito, perchè mettere a rischio tutto il piano per salvare la vita a qualcuno?
    Solo chi sta ai vertici della piramide sa tutto. Pavarotti e Job erano molto più sotto. Hanno affrontato la loro malattia, secondo quanto sapevano e potevano.
    Per il resto, non ritengo scientificamente corretto ritenere qualcosa una bufala, basandosi solo sulle nostre congetture.
    Queste terapie vanno testate scientificamente da equipes serie e interessate solo al bene dell’Umanità. Se questo non accade, è perchè non conviene fare una simile cosa. Questo vale per Di Bella, Simoncini o chiunque altro. Le venefiche cure anticancro servono a rimpinguare le tasche di qualcuno che non sarà facilmente disposto a rinunciare ai propri profitti.

  • crumblingland:

    @Avax
    Premetto che cerco di capire…e non devo quindi sponsorizzare o santificare nessuno…

    “Il dott. Tullio Simoncini è stato condannato per pubblicita’ ingannevole…ecc ecc.”
    Penso che quando viene deciso che uno è fuori dal sistema è fuori. Ed essere fuori rende – chi osserva l’estraneo di turno, ‘cieco’ e ‘sordo’- (molti medici dicono ai pazienti che inaspettatamente migliorano , “non mi dica cosa sta facendo, ma continui a farlo…” – Cazzo che scienza & progresso…

    Quello che e’ pero’ importante sottolineare dal documento di cui sopra e per voce dello stesso Simoincini è questo:
    “Con riferimento alla richiesta di provare l’esattezza materiale degli studi effettuati,
    delle sperimentazioni e prove relative alla propria teoria, fornendo copia delle cartelle cliniche delle persone trattate con il bicarbonato di sodio descritte nella sezione – Alcuni dei casi trattati- pubblicata sul suo sito, il professionista ha precisato di non disporre di alcuna cartelle clinica”

    Ma cosa vuol dire? potrebbe non averle realmente, non volerle pubblicare. Anche se solo un caso fosse diverso dagli altri andrebbe studiato…

    “Non dimentichiamoci inoltre che quella che è stata spacciata come cura ostacolata dalla medicina ufficiale perchè non redditizia (il bicarbonato costa pochi centesimi al supermercato) rende al “professionista” di turno dai 20.000 ai 30.000 euro a paziente.
    Basta cercare le testimonianze.
    A conti fatti l’economico bicarbonato costa di piu’ della chemioterapia.”

    Perché il professionista di turno è probabilmente – ed è quì semmai l’inganno – un avido simile ai vari Veronesi ecc… se basta il bicarbonato, un catetere ed un infermiere…perché nessun medico ci prova?

    ” nell’articolo infatti gli autori dimostrano sperimentalmente e chiaramente come il bicarbonato di sodio abbia solo rallentato l’attecchimento delle metastasi ma NON abbia avuto nessun effetto sulla crescita tumorale.
    In sintesi le metastasi ci sono state, si sono formate solo con qualche settimana di ritardo e i topi sono comunque tutti morti a causa del tumore originario che nel frattempo era cresciuto.”

    E questo vi pare poco? Sono 50 anni che è ufficiale 1 – dico 1 – solo sistema (radio e chemio)

    Come al solito “il buon senso resta nascosto per paura del senso comune…”

  • Avax:

    @crumblingland:
    cosa vuol dire non avere le cartelle cliniche ? Che c’e’ del marcio in Danimarca:
    con la mano sinistra pubblica le cartelle cliniche – rigorosamente taroccate – sul suo sito e con la mano destra dice di non averne alcuna, per poi lamentarsi d’essere considerato nel contempo agnello sacrificale sull’altare della medicina ufficiale e ciarlatano.

    Le stesse cartelle cliniche che poi qualcuno, tacciato d’essere il solito debunker, mostra che quelle stesse prese dal suo sito mostrano spesso che si trattava o di guarigioni ottenute con metodi tradizionali, o di nessuna guarigione come vantato o non si trattava di tumori. Eppure nessun, neppure lo stesso Simoncini e’ mai interventuo per dire “amico mio, le tue analisi sono sbagliate per questo questo e quest’altro”.
    Certo se poi uno dice di non averle quelle cartelle cliniche un motivo ci sara’.

    Centinaia di casi sono quelli che asserisce d’aver guarito e di nessuno puo’ o addirittura vuole portare le prove ? Sara’ cosi’ ma pare allora ancora piu’ incredibile che, neppure a posteriori, dopo la prima condanna per omicidio colposo e truffa, abbia avuto il buon senso di conservare qualche cartella clinica non dico per dimostrare al mondo che il bicarbonato funziona ma almeno per salvarsi dalla nomea di ciarlatano.

    Perche’ nessun medico ci prova ? Perche’ non c’e’ prova che funziona e al contrario ci sono forti sospetti che non solo non funzioni ma possa addirittura agire in senso contrario.

    Hai linkato un articolo in cui si dimostra che il bicarbonato non funziona come dice Simoncini, ti do un altro indizio: il bicarbonato e’ un fattore essenziale e necessario alla sintesi dei costituenti del DNA di tutte le cellule, comprese quelle tumorali, ma poiche’ queste crescono piu’ rapidamente di quelle normali il loro fabbisogno di bicarbonato e’ di anche maggiore.
    Bicarbonato chiedono le cellule tumorali e Simoncini glielo da, lo somministra nei pressi del tumore per non sbagliare.

    In ultimo… pare poco che il bicarbonato abbia ritardato di qualche settimana l’attecchimento delle metastasi in un gruppo di topi e che non abbia avuto effetto sugli stessi sul tumore come dice Simoncini per sostenere che il bicarbonato ha un effetto miracoloso su tutti i tumori ?
    Si a me decisamente pare poco, molto poco.

  • crumblingland:

    Ripeto…(please) voglio solo capire e non appoggiare niente e nessuno.

    Le cartelle: quando ho detto che poteva non averle non volevo assolutamente (non cadiamo nel gioco io contro te, divide et impera, ecc…) giustificare Simoncini. io non sto parlando di questo. Non ho detto che il sito non può essere taroccato ecc..

    “Perche’ nessun medico ci prova ? Perche’ non c’e’ prova che funziona e al contrario ci sono forti sospetti che non solo non funzioni ma possa addirittura agire in senso contrario.”

    Perché li farebbero passare subito per fessi ( i più intelligenti/ intransigenti)!! Gli altri si accontentano di quello che studiano all’università . Dato di fatto ‘ufficiale’: 50 anni ed 1 sola cura: metalli pesanti e radiazioni…(l’ultimo della lista dei miei conoscenti e parenti è il padre di un mio caro amico. 75 anni (dovrebbe prendersela comoda il cancro ma…). in SEI mesi è morto per un tumore al polmone. il male e’ triplicato in soli tre… (‘strano’ ha detto il suo oncologo…era la nuova chemio – ossia sempre i nuovi ‘metalli pesanti’ e veleni vari)
    Peggio di così è realmente possibile?

    Ho linkato solo per riflettere su una cosa: nonostante tutto, anche studi più vicini all’ufficialità provano timidamente ad ‘esporsi’. Perché lo facciano, beh, non lo so.

    “In ultimo… pare poco, molto poco”

    Se è tutto vero quello che gli studiosi ufficiali dicono – ripeto- tutto vero (il che è da dimostrare, perché adesso abbiamo solo metalli&veleni che distruggono tutto, anche il sistema immunitario)…

    …MOLTO POCO è sempre meglio di NIENTE!!

  • rocco:

    Un collaboratore di simoncini ha rivelato che tutte le persone da lui trattate affette di cancro avevano subito uno shock biologico come enunziato da hamer,ma che non si sa se tutte le persone che subiscono uno shock hanno poi tutte una patologia.Egli ha nuovamente affermato che il cancro è un fungo e che il bicarbonato di sodio è effettivamente sorprendentemente efficiente.Sia simoncini che pantellini accettano il concetto che a monte del tumore ci sia uno shock emotivo,che crea un ambiente favorevole all’insediamento del tumore(squilibrio enzimatico per pantellini,proliferazione di candida per simoncini).In base agli insegnamenti di hamer c’è da dire che il bicarbonato sia efficiente per i tumori dipendenti dal cervello antico,cioè per tutti gli adenocarcinomi.Non è accettata l’affermazione che il cancro è un fungo ma l’affermazione che alcune forme di cancro si manifestano con un fungo!infatti ,hamer lo dice:in fase di soluzione,gli adenocarcinomi si sciolgono grazie all’azione di funghi e micobatteri che come dice hamer non vanno combattuti.Pierre Pellizzari terapeuta di hamer,tratto dal libro guarire è facile,basta volerlo?

  • Avax:

    @crumbingland: “Non ho detto che il sito non può essere taroccato ecc..”

    M io ho detto che le cartelle cliniche sono state taroccate. Senza voler scadere come dici tu nel io contro di te etc. fa una certa grande differenza: se uno palesemente imbroglia sta nascondendo qualcosa.

    “Perché li farebbero passare subito per fessi – Gli altri si accontentano di quello che studiano all’università”

    Mica vero, se cosi’ fosse non si troverebbe nessuno studio -UFFICIALE- sull’utilita’ del bicarbonato in oncologia. Quello che fa la differenza e’ che questi studi, indipendenti e non sponsorizzati da BigPharma, mostrano che Simoncini ha tutto l’interesse, anche economico, a taroccare le cartelle cliniche perche’ sperimentalmente e l’ho gia’ scritto il bicarbonato non solo non influenza la crescita tumorale ma potrebbe addirittura accelerarla.

    “Dato di fatto ‘ufficiale’: 50 anni ed 1 sola cura: metalli pesanti e radiazioni…”

    Non sei abbastanza informato. D’altro canto anche gli aerei esistono dal 1903, ma oggi il Flyer dei fratelli Wright non lo usa piu’ nessuno.

    “Ho linkato solo per riflettere su una cosa: nonostante tutto, anche studi più vicini all’ufficialità provano timidamente ad ‘esporsi’. Perché lo facciano, beh, non lo so.”

    Non e’ difficile: perche’ la faccenda dell’acidita’ non e’ roba originale di Simoncini, sono fatti noti sin dagli anni ’50, il primo articolo comparve su Science nel 1956 (Warburg) e da allora di studi ne sono stati fatti a iosa, solo che non e’ noto al grande pubblico perche’ anche se pubblica si tratta di letteratura scientifica specializzata.
    Ad oggi una ricerca su PubMed con le parole chiave ‘cancer’ e ‘bicarbonate’ mostra che esistono circa 960 pubblicazioni scientifiche sull’argomento, circa 1 o 2 nuove ricerche al mese a partire dagli anni ’50.

    “MOLTO POCO è sempre meglio di NIENTE!”

    E’ una tua opinione ed’ e’ il deterrente disonesto sui fanno leva molti ciarlatani, ma la mia opinione e’ differente : 20,000 euro per qualche flebo di bicarbonato non servono a curare un tumore ma a far si che il ciarlatano di turno possa passare le vacanze in un paese al caldo al posto mio nei miei ultimi giorni.

    @rocco:
    “Egli ha nuovamente affermato che il cancro è un fungo”

    Ma lascia perdere va.

    • Alessia:

      scusa se mi intrometto ma sono due giorni che mio padre ha iniziato la cura simoncini x un calcinoma non a piccole cellule al polmone ,dopo che gli oncologi gli hanno dato 18 mesi di vita poi 12 e infine 3(questo in 2 mesi)io spero che funzioni perche se funziona non mi limiterò solo a confermarlo.e x informarvi non ha un costo elevato….visita e prescrizione 150 euro\un flacone di sodio bicarbonato 11 euro …distinti saluti

  • daniela:

    avax ma statt zitt vai a vedere enza su fk carcinosi peritoneale piu’ l’infoma nn hodkin 6 anni 6 anni 6 anni che e guarita ci volete parlare cosi stai un pochettino zitto

  • SALVO:

    X DANIELA,
    potresti fornire i tuoi dati???
    almeno avremmo un caso di guarigione, ma scommetto che non lo farai
    la mi a email è salvofondapa@msn.com

  • crumblingland:

    http://www.laleva.org/it/2012/05/bicarbonato_di_sodio_e_il_cancro_-_al_via_la_sperimentazione_in_arizona.html

    Avax, non è vero quello che stai leggendo, ma spero che ‘tu non debba mai SCEGLIERE’…

    “Ma lascia perdere va.”

  • Nikosga:

    Da quello che so io anche i tibetani antichi pensavano che il cancro è un fungo. Inoltre il mio Dottore della mutua, il Dottore di casa, quando abbiamo parlato di Simoncini mi ha detto che aldilà di credere o no alle sue teorie di sicuro lui è certo che ai molti pazienti morti di cancro a cui è stata fatta l’autopsia è stato rilevato sempre una forte quantità di candida. Questo è quello che posso dirvi.

  • Tony:

    Daniela riconfermo la domanda di SAlvo hai documenti dove sei libera da malattia da metodo simoncini …..sono ricercatore scientifico . Mail TOnym_84@libero.it

  • Ho collaborato col dott. Simoncini a Tirana nell’ospedale piü bello d’europa.
    (Quello dove fu curato Luca Olivotto morto per insufficienza respiratoria durante un attacco di Epilessia curato come da protocollo dal medico di guardia con la somministrazione di Valium unica sostanza riscontrata nel sangue al momento dell’autopsia) I genitori dovrebbero vergognarsi per tutte le bugie che hanno raccontato sull’ospedale e sull’autombulanza descitta come un furgoncino (ne avessimo in Italia ambulanze del genere!!!!)
    Ho visto persone guarire operate da chirurghi albanesi che avevano adottato il Protocollo Simoncini. Persone che in Italia avevano date per spacciate. Normali operazioni chirurgiche, qualcuna anche difficile dal punto di vista del rischio operatorio (ad esempio asportazione della massa tumorale tra vena cava e aorta), con l’asportazione della massa tumorale e irrorazione in zona di soluzione di bicarbonato al 5% per evitare il propagarsi delle metastasi e delle recidive. Successiva cura di tre mesi di infiltrazioni di soluzione di bicarbonato attraverso un catatere lasciato nell’area operata. Persone guarite che precedentemente erano state curate con le normali terapie e successivamente colpiti da recidive anche tre volte.
    Perchè invece di criticare non formate un comitato che permetta e obblighi il ministero della salute a valutare una sperimentazione. Ma con i protocolli Simoncini e non con protocolli modificati dai baroni come era stato fatto per la cura Di Bella.

  • Teddy:

    Io non sono un negazionista della terapia Simoncini o altre terapie, tra l’altro ho mandato al dott. simoncini uno studio pubblicato di recente su Cancer Research, sulla terapia anticancro con il bicarbonato di sodio ingerito oralmente, ma questa intervista non mi piace. Primo non viene specificato se la signora ha subito un intervento asportativo al seno dei linfonodi, la sig. dichiara solo di non aver effettuato chemio o radio, secondo le recidive o metastasi, praticamente invisibili a qualsiasi controllo radiologico possono “scatenarsi” anche dopo anni dalla cura e qui il tempo trascorso è troppo breve per poterle escludere. Quindi mi dispiace, ma questo caso non ha i presupposti etico scientifici per essere preso in seria considerazione.

  • Rita:

    Ciao Alessia,
    a distanza di tanti mesi, com’è andata a tua papà?

    Rita

  • Silvia:

    La mia esperienza : circa 10 anni fa mio nonno, appena ricevuta diagnosi di cancro alla vescica terzo stadio, si rivolse a Simoncini…risultato ? Una somma ingente pagata di nascosto perchè si stava facendo una terapia non riconosciuta, sofferenze su sofferenze che è meglio non ricordare, e infine, visto che la situazione peggiorava invece di migliorare, è stato complet abbandonato a se stesso,abbiamo dovuto pagare un infermiere che venuto a casa a togliere i cateteri usati da simoncini per iniettare il bicarbonato (che stavano facendo infezione), è morto 7 anni fa con metastasi ovunque. Forse sarebbe finita allo stesso modo anche con le terapie convenzionali in ogni caso non fatevi ingannare da false promesse di persone che pur di spillare soldi sono disposte a fare qlsiasi cosa. Questa “cura” non è supportata da nessuno studio scientifico SERIO e SOPRATTUTTO non è supportata da un numero congruo di guarigioni DOCUMENTATE.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE