Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Vita dura per i cristiani  di Londra. Un segno dei tempi. I mondialisti hanno fretta!

Asia News

Nella libera Inghilterra è vietato indossare una croce, anche sotto il vestito, sul posto di lavoro

Il Patriarcato di Mosca ha bollato come una “manifestazione di totalitarismo” il divieto stabilito in Gran  Bretagna dai tribunali di indossare simboli religiosi sul luogo di lavoro.

“Questi liberali occidentali, che attualmente impongono gli standard di un regime totalitario sulle persone libere, stanno facendo un grande errore”, ha dichiarato il metropolita Hilarion, capo del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, all’emittente Rossiya 24. Questa gente, ha continuato, “non sa cosa si prova, quando la tua croce ti è strappata dal collo”. Il metropolita ha poi ricordato di aver vissuto in Inghilterra, dove ha avuto modo di vedere “come il modello liberale e anarchico si stia diffondendo velocemente nello spazio pubblico”.

Secondo quanto stabilito da tribunali britannici, i datori di lavoro hanno il diritto di licenziare i dipendenti, se questi indossano crocifissi sopra i vestiti. Per Londra i cristiani non devono indossare simboli religiosi al lavoro e ha intenzione di difendere questa posizione presso la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, che esaminerà quattro casi di cittadini britannici. Tra questi, quello di Nadia Eweida (v. foto), la hostess della British Airways sospesa per aver indossato una croce sull’aereo, contravvenendo ai regolamenti della compagnia. La Eweida ha deciso di portare la questione a Strasburgo, col governo di David Cameron, schierato a favore della compagnia di bandiera, perché – sostiene – indossare un crocifisso non è un obbligo prescritto dalla fede cristiana.

“L’introduzione e persino la discussione di tali standard è il sintomo di qualche follia o di un’estrema decadenza morale”, ha dichiarato Hilarion, secondo il quale i fedeli non si arrenderanno mai e combatteranno”.

Come riporta l’agenzia Interfax, l’arciprete Mikahil Dudko, sacrestano della cattedrale russa dell’Assunzione a Londra, ha raccontato che una delle sue parrocchiane ha perso il lavoro perché indossava una croce, anche se questa era nascosta sotto il vestito.

6 Commenti a “Chiesa russo-ortodossa a Londra: E’ “totalitarismo” vietare di indossare la croce nei luoghi di lavoro”

  • Non ce proprio da stupirsi se succedono cose come queste .Gli egoisti modelli capitalista e social comunisti
    hanno edificato nel cuore e nella mente dell uomo fin dall infanzia l idea che DIO non ce oppure DIO è morto .Cominciano a martellare il chiodo già dall infanzia e proseguono nei successivi anni scolastiche bombardando la mente umana con insegnamenti Darwiniane escludendo Dio dalla vita .Alla scuola anno aggiunto una distruttiva guerra psicologica per mezzo del cinema con film dove appare normale divorziare ,tradire,uccidere e cosi via .Inoltre i divi della musica e dello spettacolo,gli uomini famosi dei nostri giorni hanno corrotto con i loro modelli di vita la gioventu .Si sono come dei sostituiti agli dei dell antichità .Quei dei formati di materia morta,pericolosi per l uomo non tanto per la loro forma morta ma in quando per i riti che li accompagnavano,per esempio sacrificando i primogeniti umani Questi dei divi moderni per mezzo dei modelli che propongono, sacrificano i nostri giovani all iddio di questo mondo satana .Le ragazze e i ragazzi ormai crescono escludento sempre piu il matrimonio dalla loro vita,preferendo condurre una egoistica vita libera di accoppiarsi liberamente con chiungue senza impegno, l amore che li unisce e solo carnale quello del piacere ,niente amore vero ,dove ci si sopporta in ogni cosa dove si condivide pgni gioia e dolore.Risultato,niente famiglia.SEnza famiglia c è solo disordine
    L uomo occidendale oramai con il loro modo di vivere esclude Dio dalla vita.
    Dio è in noi vivo quando rispettiamo le leggi dell amore e i consigli che per mezzo della bibbia e di YAHUSHUA ci da. YAHVHE DIO è vivo in noi quando siamo disponibili ad amare per mezzo delle nostre azioni il nostro prossimo,amare vuol dire avere rispetto , non tradendo mai il proprio amico ,ll proprio partner o chiungue .Se YAHVHE DIO ,l autore è la sorgente della vita è morto come continueremo a vivere noi?
    IL risultato di questa generazione dimostra quando sia poco saggio escludere DIO dalla vita. Il rispetto per i genitori e sparito ,il genitore ha solo il dovere di dare ai figli denaro e assistenza fisiologica per il resto ci pensa la satanica scuola con il distruttivo insegnamento.Quando un genitore vuole disciplinare il proprio figlio arriva la polizia
    Signori e ora di svegliarsi, di separarsi dai satanici distruttivi insegnamenti satanici di questo mondo ,e di abbracciare con tutto il cuore il modello di vita che YAHVHE per mezzo di suo figlio YAHUSHUA ci ha dato altrimenti saremo travolti dalle distruttive conseguenze delle errate scelte che questo satanico mondo per mezzo di uomini corrotti ci propone
    VIENI SIGNORE YAHUSHUA
    VENGA IL TUO REGNO
    ALLELUYAH

    • walter:

      Libertà=l’uomo è libero da ogni legame con Dio
      Uguaglianza=la società è modellata come una massa di uomini-bestia senz’anima.
      Fratellanza=che i cittadini del mondo sono fraternamente legati alle forze oscure del mondo luciferiano.

    • ERRANTE:

      Si sa il COSA, ma non si sa il COME.
      Basta con le astrazioni, i bilanci sempre uguali, le solite risposte campate in aria: tutto va male perche’ siamo cattivi. Bene, allora diventiamo buoni, e’ la bonta’, e’ l’amore che ci possono salvare.
      Ma com’e’ che non ci si riesce? Perche’ la mattina poltrisco a letto? Perche’ mangio troppo e affamo qualcun altro?
      Perche’ cerco di badare solo al mio orticello?
      Sentiamo, ci ripetiamo questa solfa, da secoli e seculorum. Ma nessuno riesce ad ubbidire allla guida della sua coscienza.
      Quindi l’inghippo non e’ tanto nella conoscenza, che comunque e’ importantissima sì, quanto nel riuscire a mettere in pratica quello che sappiamo giusto.

  • Stef:

    “una delle sue parrocchiane ha perso il lavoro perché indossava una croce, anche se questa era nascosta sotto il vestito.”
    Mi puzza di scusa. Come hanno fatto a vedere la croce se era sotto il vestito? Le hanno strappato il vestito?, l’hanno passata ai raggi X?
    Non e’ che l’hanno licenziata per qualche valido motivo e la tipa si e’ inventata la scusa del crocefisso nascosto?

  • gibuizza:

    Ma se andiamo avanti di questo passo se mi faccio il segno dalla croce mi metteranno in prigione? Se faccio la genuflessione passando davanti ad una chiesa o ad un cimitero? Se esprimo ad alta voce l’invocazione “Gesù mio aiutami”? Sono curioso di vedere cosa faranno con i musulmani che pregano per strada! O con chi alza il pugno chiuso in un corteo (o vale solo per la religione e non per l’ideologia?). Stanno diventando pazzi.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE