Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

La Bibbia, il resoconto della più grande invasione aliena sulla Terra

L’intervista esclusiva a Mauro Biglino, traduttore di antichi testi ebraici

di Stefania Del Principe * Fonte: http://crepanelmuro.blogspot.it

Ci sono reperti e testimonianze inspiegabili che fanno ancor oggi impazzire i ricercatori di tutto il mondo e stonano totalmente con quello che ci dice la scienza ufficiale.
Chi approfondisce la storia riguardante le civiltà antiche non può non notare che i nostri antenati non erano assolutamente primitivi come noi ce li immaginiamo. Ma, anzi, per certi versi si potrebbero considerare più evoluti di noi, ai giorni nostri. Parliamo non di situazioni occulte, ma di fatti che sono sempre stati davanti agli occhi di tutti, come la Grande Piramide per esempio, costruita seguendo le proporzioni esatte al millimetro della Luna e della Terra, oppure della conoscenza medica avanzatissima presente sia in India che presso i Maya, dove si utilizzavano succhi di radici per curare fratture in pochi giorni. O ancora di uno dei testi più famosi al mondo, del quale nessuno parla: il Vaimānika Śāstra, ossia La scienza dell’aeronautica. Testo in cui osservando gli accuratissimi schemi, c’è da chiedersi come fosse possibile avere una simile conoscenza.
Che dire, invece, delle discipline orientali come l’agopuntura, con la quale si facevano anestesie con il solo utilizzo degli aghi? Come mai queste tecniche solo oggi cominciano a essere, a stento, validate e riconosciute? E’ possibile credere alla teoria dell’Homo sapiens che si è “evoluto” solo guardando le stelle? Ma se non aveva mezzi a disposizione, come faceva a misurarle e a replicarle, attraverso, per esempio, le piramidi?
Come è possibile, c’è da chiedersi, che solo pochi secoli fa moltissima gente sia morta di pellagra cibandosi quasi in maniera esclusiva di farina di mais, quando i Maya e gli Incas da migliaia di anni ovviavano al problema cuocendo il mais in ambiente fortemente basico per rendere disponibile la vitamina PP presente nel cereale? Come mai noi uomini moderni civilizzati questo non lo sapevamo? Quando l’umanità odierna sarà così umile da non pensare di sapere tutto e di poter, invece, attingere anche da fonti antiche? ..
Perché “antico” non significa affatto “primitivo”, e quando si parla dell’essere umano, ancora meno che meno.
C’è un filo comune, in ogni caso, che potrebbe rispondere a queste e altre domande a cui la scienza ufficiale non può rispondere. E, come sempre, la risposta è presente nelle fonti antiche.
Tutti parlano e descrivono qualcuno che loro ritengono molto importante e vicino a loro. Li chiamano gli dèi.
Gli dèi dell’India, della Sumeria, della Cina, dei Maya e di tutte le altre civiltà antiche sono praticamente identici. Sono “gli uomini venuti dalle stelle”, “i nostri progenitori”, “gli uomini venuti dal mare che ci hanno insegnato la matematica, l’astronomia eccetera”, “gli dèi alti dalla pelle e gli occhi chiari”. Questi particolari sono comuni a tutti, a tutti gli dèi, di tutte le popolazioni. Chi erano, dunque, questi dèi? Un’invenzione di tutte le civiltà primitive? Anche questa risposta si trova in molti reperti antichi, per esempio in quelli Sumeri, dove si racconta che si tratta di esseri in cerca dell’oro provenienti dalla stella imperituria, ossia da Nibiru, un pianeta che ha un’orbita gigantesca che dura ben 3.600 anni terrestri. Ma la cosa che fa più sorridere di tutte, è che tutto questo è stato scritto da millenni ed è sempre stato a portata di mano, nel libro tra i più sacri al mondo: la Bibbia.
Purtroppo vi sono errori di traduzione (voluti o meno non sta a noi dirlo), ma per fortuna, tra il genere umano ci sono anche bravissimi ricercatori che hanno ritradotto direttamente da fonti originali per comprendere davvero il significato della Bibbia. Uno di questi è Mauro Biglino che nel suo libro “Il dio alieno della bibbia” (Uno Editori) spiega in modo accuratissimo cosa, secondo lui, infine è davvero questo antico testo sacro: il racconto reale della più grande invasione aliena della storia dell’umanità. Per capire qualcosa di più della Bibbia vista così, ci siamo rivolti direttamente all’autore.
I testi ebraici sembrano emulare perfettamente gli antichi scritti Sumeri, eppure le loro datazioni sono estremamente diverse, a quando risalgono esattamente?
Le datazioni dei vari libri anticotestamentari sono diverse e molto controverse; in sintesi possiamo dire che i papiri più antichi risalgono al 150 circa a.C. La maggior parte dell’Antico Testamento risulta comunque composta dopo l’esilio babilonese. Le Bibbie che abbiamo in casa sono redatte sulla base del Codice di Leningrado, il codice universalmente accettato con la divisione in parole e la vocalizzazione fatta dai masoreti tra il VI e il XI secolo d.C. Lo scritto che si possiede risale al 1008: questo testo costituisce il punto di riferimento per le Bibbie ufficiali.

 

(Immagine a destra: Alcuni Vimana descritti nel Vaimānika Śāstra, risalente, secondo alcune fonti al 13 secolo a.C. La propulsione dei Vimana sembrerebbe resa possibile grazie a un motore a vortice di mercurio)

 

Lo Yahwèh biblico, quale dio era, se rapportato ai racconti Sumeri? E il serpente tentatore, invece? Chi sembra essere a giudicare dai racconti?
Non sono in grado di fare parallelismi documentati; ci sono molte ipotesi e le vicende bibliche fanno pensare a un Elohim abbastanza giovane, o quanto meno poco esperto, cui è stato assegnato un territorio di scarsa importanza. Una ipotesi lo identifica con ISHKUR, figlio dell’Anunnaki ENIL. Un’altra lo identifica con Baal… ma so bene che sono solo ipotesi appunto. Il serpente che ha la tana sotto terra indicherebbe simbolicamente gli studi che vanno in profondità e la sua raffigurazione intrecciata riproduce con tutta evidenza la doppia elica del DNA.

Il serpente tentatore richiamerebbe quindi probabilmente i KASHDEIAN, il gruppo di Anunnaki (i corrispondenti sumeri degli Elohìm biblici) che si occupava delle questioni biomediche, secondo gli studi di un sumerologo del Christ College di Cambridge. Viene da pensare che si tratti dello stesso gruppo che ha prodotto gli Adàm con l’ingegneria genetica e ha reso fertile la coppia (o i due gruppi di maschi femmine) dell’Eden: questa sarebbe infatti la probabile realtà del cosiddetto “peccato originale” che è consistito nell’acquisire la capacità di riprodursi autonomamente e contro il parere contrario dei “capi”. In contrasto con il comandante del GAN-EDEN – espressione ebraica che significa giardino recintato e protetto posto in Eden – il responsabile del gruppo di scienziati Anunnaki/Elohìm avrebbe infatti concesso la fertilità alla coppia (o ai due gruppi) attribuendo loro la possibilità riprodursi. Si tratta di un tema molto complesso cui non a caso ho dedicato un capitolo intero nel libro IL DIO ALIENO DELLA BIBBIA.

Per inciso, preciso che l’ebraico GAN corrisponde al sumero accadico KHARSHAG che significa luogo recintato e protetto posto in alto; la lingua iranica ha ripreso il concetto nel termine PAIRIDAEZA, da cui deriva il greco PARADEISOS, cui fa seguito il PARADISUM latino e infine il nostro Paradiso. Come si vede il significato originale rimanda a un concetto completamente diverso da quello che la tradizione dottrinale gli ha assegnato. In quel luogo, che era con ogni probabilità il centro di comando degli Elohim, si è sviluppato quel contrasto trai vari gruppi in cui fa la comparsa il serpente biblico.
Secondo lei, perché esiste una Bibbia in cui si parla esplicitamente male di Enki (facendolo diventare il serpente tentatore – nacàsh) e bene di Enlil (Facendolo addirittura diventare Dio, Yahwèh)?
Riprendo la risposta precedente per dire che proprio ENKI risulta essere il responsabile delle formazione dell’Adam e dunque anche dell’intervento teso a rendere fertile la coppia, contro il volere del più potente fratello ENLIL. A mio parere Yahwèh non può essere identificato con ENLIL e neppure con ENKI perché la sua figura appare decisamente meno importante di quelle dei due fratelli che si dividevano il comando. Come già accennato, Yahwèh era sicuramente di rango inferiore e il capitolo 32 del Deuteronomio ci dice appunto che egli ebbe in “eredità” un popolo che vagava disperato nel deserto. A fronte di questa assegnazione di scarsissima importanza sappiamo che molti suoi “colleghi” governavano invece su popoli importanti come Egizi, Assiri, Babilonesi, Ittiti eccetera.

Egli dovette in pratica costruirsi un popolo e cercarsi un territorio che fosse minimamente vivibile: questa necessità determinò, e quindi spiega, i suoi comportamenti che risultano essere violenti, crudeli, privi non solo di amore ma anche di semplice equità.
La Bibbia poi presenta le vicende storiche alla luce della visione monoteista introdotta dai masoreti: in questa ottica il sumero ENLIL finisce per essere apparentemente il dio supremo (identificato con Yaywèh) che decide per il bene delle creature le quali invece disobbediscono tentate dalla controparte, il serpente ENKI.
Quello che nella Bibbia ufficiale viene tradotto come “gloria di Dio”, negli antichi testi ebraici, in realtà, si usa il termine kewod, vuole dirci che significato ha esattamente questa parola? E cosa ha a che fare con la gloria di Dio?
Diciamo subito che la “gloria” (di Dio) è un concetto di non facile comprensione: ha diversi significati collegati l’uno all’altro e interdipendenti. Il termine ebraico si legge alternativamente kevòd/kebòd oppure kavòd/kabòd. Il verbo da cui deriva indica i concetti di: “essere pesante, avere peso, essere onorato, essere duro”. Tutta la descrizione degli eventi a esso legati e le conseguenze che comporta la sua vicinanza fanno pensare a una macchina volante: si muove producendo rumore e vento di tempesta; produce fumo e fiamme visibili a distanza; se passa vicino a una persona la uccide; Dio non può prevenire né mitigare questa azione; quando passa può essere vista solo dal retro e non di fronte, salvo subire conseguenze irreparabili; se ci si protegge dietro rocce ci si salva… Queste descrizioni sono troppo precise per essere interpretate come “visioni” o come il ricordo di fenomeni atmosferici naturali (ai quali i nomadi erano sicuramente abituati!); tanto meno possono essere ricondotte a una ingenua volontà di inventare una qualche forma di apparizione in grado di stupire il lettore: ben altro è stato fatto in questo senso nella produzione letteraria religiosa.

Qui siamo di fronte alla presentazione di eventi straordinari cui assisteva l’intero popolo, fenomeni precisi, assolutamente nuovi per l’ordinaria esperienza di quella gente, costituiti da immagini, situazioni e suoni che – se per un attimo ci liberiamo dai pregiudizi e seguiamo liberamente il pensiero e le attuali conoscenze – sono molto facilmente riconducibili alla presenza di un “qualcosa” che si manifestava con grande potenza. Il termine kevòd in effetti identifica proprio questo: ciò che è pesante e forte.

Insomma, il concetto di gloria intesa come caratteristica spirituale e trascendente di Dio rappresentata dalla teologia, risulta decisamente poco compatibile con tutto ciò che la Bibbia racconta in modo molto concreto di questo kevòd.

(immagine a sinistra: Negli antichi reperti Egizi (tempio di Abydos) si vedono delle raffigurazioni che ricordano molto bene i nostri elicotteri )

Sempre nella Bibbia, vengono spesso citati i giganti o i figli di Anak. Sono esistiti davvero esseri giganti? E se sì, secondo lei erano gli Anunnaki/Elhoìm? Oppure una stirpe con qualche “mutazione” genetica?
Per la Bibbia sono esistiti senza dubbio. Degli anakim o figli di Anàk la Bibbia ci precisa che erano così alti che gli ebrei di fronte a loro si vedevano piccoli come locuste. Nei miei libri cito tutti i passi in cui sono descritti e sottolineo che di alcuni di loro il testo mette in risalto un’altra caratteristica anatomica: avevano sei dita per ogni arto. Non pare avessero una grande importanza perché li troviamo ridotti a vivere in soli tre centri abitati (Giaffa, Gat e Ashdod) e a combattere nell’esercito filisteo contro i figli di Israele: Golia di Gat era uno di loro. Secondo l’AT non erano Elohim, in quanto in Genesi 6 si dice che quando i figli degli Elohim si unirono con le femmine degli Adàm “sulla terra c’erano i Nefilim”: questa affermazione ci induce a pensare che appartenessero a un’altra tipologia di individui. Una ulteriore possibile conferma l’abbiamo nel leggere che Yahwèh stesso, che era uno degli Elohìm, combatte contro di loro in più occasioni e li sconfigge. Non vengono mai menzionati in posizioni di comando o in attività che si possano porre in relazione diretta con gli Elohìm. A un certo punto si ricorda la morte in battaglia degli ultimi tre e poi improvvisamente scompaiono e la Bibbia non ne parla più.
Afar più Tzelèm uguale Adàm. Cosa ci può dire in merito a questa “formula aritmetica”?
Nel libro presento una chiave di lettura derivante dai significati delle radici dei termini riportate nei dizionari di etimologia ebraica e sumero-accadica.

Provo a sintetizzare: il Dizionario di ebraico e aramaico biblici “Brown- Driver-Briggs Hebrew and English Lexicon”alla voce [tselèm] riporta la seguente indicazione: “qualcosa di materiale che contiene l’immagine”.
La radice verbale [tsalàm] da cui deriva viene tradotta con “tagliare via”.
Unendo questi due significati originari ci chiediamo: cos’è che contiene l’immagine di qualcuno e che può essere “tagliato via, tagliato fuori, estratto” e usato per produrre un essere vivente a somiglianza del primo? Sappiamo bene che è il DNA.

Per quanto concerne il secondo vocabolo citato nella domanda, [afàr], la tradizione ha sempre voluto rendere il termine con la parola “polvere o argilla” e in effetti ha anche questo significato, ma il valore originale richiama la valenza più ampia di una “sostanza terrena” e indica anche qui una funzione tipica dell’argilla: la capacità di contenere/mantenere la forma. Si tratta cioè di un qualcosa che appartiene alla Terra e che da essa può essere preso per operare nel senso voluto.
In sostanza, lo [tselèm], il DNA degli Anunnaki-Elohìm, viene unito con l’[afàr], cioè il DNA ominide disponibile sulla Terra (Adamàh) e si ottiene così l’Adàm, il terrestre.
Quelli che la bibbia ufficiale ha tradotto come “Angeli”, nei testi originali si chiamano Malachìm. Chi sono in realtà?
Il termine significa “messaggeri”: le descrizioni anticotestamentarie li presentano come dei portaordini, vigilanti, controllori, esecutori, intermediari tra gli Elohim e l’uomo. La tradizione teologica li ha trasformati in creature angeliche ma non vi è alcun dubbio che nella Bibbia sono individui in carne e ossa che mangiano, bevono, dormono, camminano, si sporcano, si devono lavare, possono essere aggrediti e si devono difendere, vivono in accampamenti… Il vocabolo è chiaramente un termine funzionale per cui non so dire con esattezza se appartenessero a una tipologia diversa rispetto agli Elohìm o se costituissero un semplicemente particolare grado all’interno della gerarchia militare di quella razza. Certo è che non erano assolutamente creature spirituali. Va anche detto che incontrarli non era considerato un piacere ma, al contrario, poteva costituire un rischio, compreso anche quello di morire.
I Cherubini (kerubim), invece, sono sempre “angeli” o sono tutta un’altra cosa?
Due sono i capitoli che ho dedicato alla questione sensibilissima dei cherubini: posso dire che mentre i malakìm erano degli individui, tutti i passi biblici ci presentano i cherubini come oggetti meccanici. In sintesi ecco le caratteristiche che emergono dall’Antico Testamento: intanto diciamo subito che a loro non ci si rivolge, non prendono decisioni autonome, non hanno alcun rapporto con gli uomini, non parlano… Non hanno quindi nessuna delle caratteristiche tipiche degli individui dotati di una personalità propria.

Al contrario, sono oggetto di descrizioni che ne rivelano la meccanicità: sono dotati di lame/cerchi fiammeggianti che ruotano rapidamente; sono rappresentati come aventi dimensioni notevoli; quando non si muovono autonomamente possono (devono?) essere trasportati con un carro realizzato appositamente; hanno ruote che possono procedere in tutte le direzioni senza girarsi, rimanendo sempre strutturalmente unite all’insieme dell’oggetto volante (kevòd), e hanno una parte centrale circolare che ruota/turbina rapidamente; quando sono collegati al carro di Yahwèh hanno sotto di loro uno spazio nel quale può passare almeno una persona; sono dotati di strutture che coprono e proteggono quando sono chiuse, mentre quando sono aperte servono per il volo; nel muoversi producono un rumore udibile a distanza; sono un “qualcosa” su cui l’Elohìm si posa, siede, staziona, si pone a cavalcioni e vola; si muovono uniti al [kevòd, ruàch] dell’Elohìm ma anche in modo indipendente. Insomma, pare proprio che non avessero nulla a che vedere con le eteree figure angeliche della tradizione dottrinale.
La Bibbia ci dice che Dio (Elhoìm) muore come tutti gli altri uomini – nonostante abbia una vita molto più lunga della nostra. C’è qualcosa di sbagliato oppure l’Elhoìm non è il Dio spirituale che intendiamo noi?!
Il Salmo 82 è chiaro in questo senso: gli Elohìm muoiono come tutti gli Adam, cioè come ognuno di noi. La dottrina tradizionale non può ovviamente accettare questa affermazione per cui sostiene che nel Salmo 82 il termine Elohìm stranamente non significa più Dio ma ”giudici”. Per quanto concerne la seconda parte della domanda direi che tutto l’Antico Testamento lo è: Dio non è presente in quel libro. E per giungere a questa conclusione non è necessario accedere a traduzioni particolari: è sufficiente leggere molto attentamente la Bibbia che abbiamo in casa. La studiosa ebrea Lia bat Adam scrive chiaramente che la Bibbia non è un libro che si occupa di religione ma un testo di storia che riporta “solo fatti umani” e che Yahwèh non si presenta come il creatore dell’universo ma unicamente come “liberatore, vindice, condottiero e sponsor” di un popolo. Nei codici biblici ci possono essere differenze interpretative dovute alle difficoltà insiste nelle lingue antiche ma il concetto di fondo è a mio parere indubitabile: l’Antico Testamento non parla di Dio e non voleva neppure farlo. Per questo la Bibbia non si fa scrupolo di affermare che gli Elohìm muoiono.
Nel libro di Neil Freer, “The god games” si legge che: I re erano improvvisamente descritti nelle sculture in piedi come nel passato davanti ad una sedia vuota dove usualmente sedeva il maestro-dio. I loro lamenti erano scritti sulle tavolette, “ Cosa farò adesso che il mio maestro-dio non è più qua ad istruirmi…cosa dirò al popolo ? “…osservando il cielo in attesa di un ritorno, il servizio di ristorazione alla tavola del Maestro/dio si tramutò in vuoto rituali di offerta di cibo, gradatamente i vari servizi di routine divennero rituali tipo la cosiddetta cargo-cultura, mentre i loro palazzi si tramutarono in vuoti templi, mentre coloro i quali erano stati istruiti dai vari maestri/dèi, vedendo che le conoscenze di tecnologia, scrittura, scienza, astronomia, metallurgia venivano dimenticate, decisero di preservarle in gruppi ristretti ”.
Perché, secondo lei, improvvisamente, gli dèi ci lasciano? Ci sono racconti dove viene spiegato il motivo di questa loro “fuga improvvisa”?
Nella Bibbia non ci sono indicazioni che consentano di formulare ipotesi dotate di un minimo di fondamento. Prendo allora una indicazione dallo storico giudeo-romano Giuseppe Flavio che nel suo libro Guerra Giudaica scrive così: Libro VI:296 “Non molti giorni dopo la festa, il ventuno del mese di Artemisio, apparve una visione miracolosa cui si stenterebbe a credere”;

Libro VI:297 “E in realtà, io credo che quanto sto per raccontare potrebbe apparire una favola, se non avesse da una parte il sostegno dei testimoni oculari, dall’altra la conferma delle sventure che seguirono”.

Libro VI:298 “Prima che il sole tramontasse, si videro in cielo su tutta la regione carri da guerra e schiere di armati che sbucavano dalle nuvole e circondavano le città. Inoltre, alla festa che si chiama la Pentecoste”;

Libro VI:299 “I sacerdoti che erano entrati di notte nel tempio interno per celebrarvi i soliti riti riferirono di aver prima sentito una scossa e un colpo, e poi un insieme di voci che dicevano: “Da questo luogo noi ce ne andiamo”.

Chissà. Forse se ne sono andati nel 68 d.C.
Trattandosi di normalissimi colonizzatori hanno mantenuto il comportamento che ci si attenderebbe: venuto meno il motivo per il quale erano qui, cessato l’interesse o terminate le operazioni programmate, hanno lasciato il campo.
Nell’AT non ci sono neppure indicazioni su possibili ritorni.
Negli ultimi anni, il fenomeno Crop circles sembra essere sempre associato alla presenza costante di Ufo. In quelli considerati autentici (perché ce ne sono anche tanti falsi), poi, fin dalle prime volte appare la firma degli Ehloim (con il geroglifoco Neteru) oppure, in maniera più esplicita, in tutta risposta alla scritta di un uomo (“talk to us”) che richiamava l’attenzione degli autori dei cerchi nel grano, appare già nel lontano 1991 una scritta in fenicio-ebraico antico in cui vi è il nome di Ea/Ptah. La scorsa estate, a Poirino (TO), riappare la scritta Ea/Enki, in un crop considerato autentico. Pensa che gli Elhoìm stiano ancora cercando di comunicare con noi?
Sinceramente non lo so e non posso rispondere in modo documentato perché non mi sono mai occupato dei Crop né di ufologia contemporanea e mi limito a tradurre e studiare i testi antichi. Da lì traggo le mie informazioni perché ho fatto una scelta metodologica precisa: tradurre il codice biblico che le Chiese hanno dichiarato essere stato ispirato da Dio. Da questo punto di vista devo dire che quando gli Elohìm intendevano parlare con l’uomo lo facevano direttamente: nel libro di Geremia lo stesso Yahwèh ironizza duramente sui presunti profeti che sostenevano di ricevere messaggi attraverso i sogni, quindi non saprei dire se ora i presunti alieni hanno scelto metodi più criptici e generici. Sulla Terra sono ormai molte decine di milioni le persone psicologicamente pronte ad accogliere le loro presenza. Mons. Corradi Balducci disse che gli UFO esistono e la Bibbia li conosceva; Padre Funes, il gesuita che dirige le Specola Vaticana, in una intervista all’Osservatore Romano ha detto che dobbiamo preparaci all’incontro con i nostri fratelli che provengono da altrove, dunque posso formulare la speranza che, se davvero sono ancora o nuovamente qui, prima o poi si decidano a palesarsi apertamente.
E con quest’ultima risposta di Biglino, non possiamo che essere d’accordo con lui. Se sono qui, o tentano di ritornare, possiamo affermare con certezza che parte dell’umanità è pronta ad accoglierli; quindi possono decisamente cominciare a farsi vedere da noi. E magari insegnarci nuovamente un po’ di nozioni che, ahimè, nel tempo sono state perdute.

Il libro

Avere tra le mani il libro di Biglino è senz’altro un’esperienza affascinante. Alla stregua di Erik Von Daniken o Z. Sitchin, sono strati tradotti i testi antichi – in questo caso ebraici – cercando di ricostruire minuziosamente tutti i particolari. In quest’ottica la Bibbia, così come altri resoconti molto simili ritrovati in tutto il mondo, appaiono come veri e propri fatti storici documentati. Nei quali si comprende bene il contatto alieno, di persone più evolute e progredite dell’ominide che trovano su questo pianeta per modificarlo geneticamente in homo sapiens, ma anche della loro personalità, infine, tendenzialmente umana, ricca di debolezze e emozioni che contraddistinguono anche l’essere umano.
La chicca del libro di Biglino è senz’altro il voler riportare i versetti originali con la traduzione sottostante e il relativo riferimento biblico, una caratteristica davvero degna di nota che aiuta, ancor di più, il lettore a comprendere come sono state condotte le traduzioni.E’ un libro essenziale rivolto a chi è curioso della materia, ma anche e soprattutto ai ricercatori che bramano da sempre la conoscenza della verità, senza paure e falsi conformismi.

38 Commenti a “La Bibbia vista con altri occhi”

  • Andy:

    Che dire.cioe’, ci sarebbero un sacco di cose da dire.se per un’attimo cominciamo a pensarci o comincio a pensarci,e’ come se tutto tornasse.sempre che sia questa la strada giusta.ma se veramente dovesse accadere una cosa del genere allora finalmente tutto potrebbe avere la sua logica.tutto torna.cioe’ il fatto di doverci preparare per il cambiamento del nuovo sistema di cose.sintonizzare il nostro cuore e la mente ad un piu’ alto stato frequenzionale (alla frequenza dell’amore incondizionato). Il fatto di liberare la mente da tutto quello che negativamente ci condiziona, facendoci perdere la ragione sulla nostra vera natura.siamo consapevolezza infinita e infinito amore.tutto torna.e forse ( ipotesi personale e forse non solo) anche il SIGILLO DI DIO SULLA FRONTE di cui si parla nella bibbia, (rivelazione) che potrebbe rappresentare il terzo OCCHIO e’ un indizio.proprio il terzo occhio che probabilmente ci consente di farci vedere oltre la realta’ materiale. Ci consente l’intuito.la verita.e quindi questa potrebbe essere la spiegazione a chi e’ riuscito ad avere visioni di vario genere e forse anche dei classici ET. (visto che queste visioni o ET sono su di un’ altra frequenza vibrazionale.la frequenza dell’amore incondizionato.( l’ aura) E forse quando dovesse avvenire un loro ritorno ,cio’ che ci permettera’ di percepire la loro presenza o visione sara’ proprio l’essere riusciti a riacquistare quei sensi (ad es. Il 6o senso ) che gli anni passati credevamo di non avere.ma che in realta’ erano nascosti gia’ nella nostra vera natura.ma che la dura vita in societa’ invece ci avevano nascosto.be! E’ proprio una ipotesi affascinante tutto cio’ non c’e’ che dire.secondo me.e forse i vari david ike, beppe grillo e altri tutto questo tempo non hanno fatto altro che prepararci x questo evento. Ma forse potrei anche sbagliarmi.MA! Chi vivra’ vedra’. Saluti di quore a tutti

  • anonimo:

    Mai letto tante stronzate tutte insieme…Questa è scienza che va bene per Kazzenger… qui siamo in Europa e possiamo ancora definire queste robe con il loro nome: CAZZATE!

    • Jacopo Castellini:

      Sig. Visigalli,
      Biglino è traduttore di ebraico antico e ad oggi nessuno ha contestato le sue ricerche con argomentazioni filologiche. Se lei è in grado di farlo, non si faccia pregare, altrimenti l’unico cazzaro è Lei.

    • Eleonora:

      CAZZATE??Mi sembra che tu non abbia mai letto davvero la Bibbia,come la maggior parte della gente che si proclama”cristiana” e ripete a pappagallo cose che ha soltanto sentito dire e non ha la minima idea di cosa effettivamente ci sia scritto.Basta comprare qualche libro non eccessivamente costoso e reperibile OVUNQUE per leggere che le antiche civiltà Sumera e Assiro-Babilonese sono precedenti a quella Ebraica,che non ha una tradizione religiosa o mitologica che dir si voglia “propria”,ma copiata e riadattata a piacimento appunto dalle stesse.Poi,uno uno è liberissimo di credere o meno a tutto quello che vuole…

  • Rm:

    A chi dice che sono cazzate chiedo di motivarne almeno il perché, o almeno di controbattere con argomentazioni che abbiano dei veri contenuti. Mi vine più semplice pensare che chi cerca di screditare chi tenta di fare vera informarmazione,lo faccia per motivi ben precisi (che tutti ormai sappiamo)….

  • …Signor Jacopo Castellini,
    mi associo al suo commento; dirò di più, il Professore Mauro Biglino, in una sua intervista, ha detto che:

    “Negli ultimi mesi si sono moltiplicati gli incontri di studio sulla vita aliena organizzati dalla Specola Vaticana e questo ha sicuramente un significato perché tanto interesse non può essere casuale.”

    Inoltre ha detto:

    “Io credo che il Vaticano stia celando ma che contemporaneamente si stia preparando al momento in cui il nascondimento non sarà più possibile.”

    “Il Professore Mauro Biglino, da circa 30 anni ha studiato le religioni che l’uomo ha elaborato nel tentativo di dare risposte alle domande fondamentali: cristianesimo, induismo, buddismo, religiosità egizia ecc…”

    “Dopo un curriculum di studi classici si è dedicato allo studio dell’ebraico antico con un insegnante di una comunità ebraica ed ha iniziato a tradurre l’Antico Testamento: il caso ha voluto che le sue traduzioni finissero nella redazione delle Ed. San Paolo; ne è nata una collaborazione che lo ha portato a tradurre 23 libri dell’Antico Testamento direttamente dalla bibbia ebraica redatta sulla base del codice masoretico di Leningrado: fino ad oggi ne sono stati pubblicati 17.”

    Pertanto, trovo giusto una critica costruttiva con cognizione, ma non trovo giusto scrivere due righe senza portare nessuna testimonianza, solo per il gusto? Di denigrare chi ha dedicato una parte della sua vita nella ricerca.

    L’inquisizione spagnola fa parte del passato, ma vedo che anche nel presente non ha mai mollato la sua presa, sempre pronti a bruciare un nuovo Giordano Bruno.

    wlady

  • cat:

    @anonimo
    Ha mai avuto modo di leggere gli “studi” di Mauro Biglino? la risposta, mi permetto di darla, è No. Come faccio a saperlo? Semplicemente perchè, anche il più accanito credente cristiano o cattolico, non può non prendere atto che le traduzioni “alla lettera” fatte da Biglino dimostrano un’artefazione delle traduzioni originali che sono arrivate ai giorni nostri.
    Le prese di posizione di massa (visto che è comodo farsi infarinare da dei pre-posti che divulgano quello che la gente “deve” e “vuole” credere per praticità, il cosiddetto “bisogno di appartenenza”) , la maggioranza che crede, “Senza Approfondire”, non implica avere “ragione”. Se “qualche coraggioso” (e sono sempre più numerosi) finalmente divulga notizie apparentemente fantascientifiche non implica a priori che abbiano torto.
    Attendo un suo commento “dopo” aver letto gli “studi” di Biglino e a quello citato nell’articolo, le consiglio anche “Il libro che cambierà per sempre le nostre idee sulla bibbia” ed. Infinito “studio” stampato un anno prima e per dare una schermata più ampia, le consiglio anche “Oltre la mente di Dio” ed. Infinito.
    Non serve definire stupidate dei concetti Ben Provati che escono dagli schemi mentali comuni, serve approfondire prima di commentare anche se, a primo acchito, può sembrare sciocco/blasfemo/irreale/utopistico.
    Buona continuazione e… mi auguro per lei, buona lettura.

  • Andy:

    (avevo gia’ mandato un sms piu’ approfondito ma non e’ arrivato.boo!)Be!se fosse anche in parte vero allora tutto torna.cioe’ tutto farebbe parte di quella linea di cambiamemto che caratterizzerebbe questo periodo.il fatto di allinearci ad un piu’ alto livello di frequenza vibrazionale.(frequenza dell’amore incondizionato)grazie al ritrovamento di quei sensi percettivi-intuitivi(terzo occhio) (occhio della verita’)che ci potrebbe far prendere visione di queste entita’-aliene. Perche’ sono entita’ posizionate su un altro livello di frequenza(naturalmente chi riacquistera’ quei sensi che la vita contemporanea fino ad ora ci ha voluto negare) be’, sarebbe proprio una idea veramente affascinante.un saluto a tutti.

  • roberto:

    buona sera a tutti, da qualche mese ho deciso di ingoiare la “pillola rossa” e non è facile a 40 anni! Quasi ogni sera leggo con passione questo sito e siti affini. Dalle verità nascoste sul cancro, big pharma ai nwo ai Rothschild! Si potrebbe andare avanti per ore, tante sono le menzogne nelle quali viviamo! Ora però vorrei chiedere il vostro punto di vista, in base alle vostre ricerche, sicuramente più datate delle mie, in merito a questo dio alieno. Ho letto i due libri di Biglino qualche mese fa ed anche il 12 pianeta di Sitchin (più volte citato dallo stesso Biglino). Fin qui tutto ok! In seguito ho visto il video di LEO ZAGAMI “illuminato pentito”. Tra le sue affermazioni, piuttosto notevoli, durante questa video intervista ha asserito che Sitchin ha scritto quello che gli è stato ordinato dalla massoneria alla quale appartiene. Alcune fonti asseriscono che anche Mauro Biglino sia un probabile massone. Mi chiedo quindi perchè proprio ora appare “il dio alieno della Bibbia”? Come dice Zagami è un modo di confondere le masse? Oppure siamo vicini a delle verità e Zagami ha il compito di confonderci? Vi ringrazio per l’attenzione e spero, se in vostro possesso di poter vedere del materiale utile a questa ricerca.

    • Giuseppe:

      Ciao Roberto,
      secondo me:

      innanzitutto l’argomento degli alieni della bibbia e dei sumeri va di moda, per questo ne sente più spesso parlare , oltre che per il fatto che adesso è più interessato e quindi ci fa più caso. Comunque ,di dei alieni, Sitchin ne parla da 50 anni (mica è ieri) e gli gnostici da 2000 anni.

      Nessuno può dire se siano verità o meno . Sono ipotesi , affascinanti ma sempre ipotesi.

      Devo distaccarmi dal pensiero sia del sig. anonimo e sia di Jacopo e dai rispettivi tifosi per i seguenti motivi:
      1.NEssuno può mostrare se siano più valide le interpretazioni di Biglino o quelle del Vaticano. Sono entrambe POSSIBILMENTE vere. Scegliere l’una o l’altra come verità è comunque un atto di FEDE. Reputarle entrambe possibili è un atto di Intelligenza.
      2. Non serve assolutamente a nulla che le traduzioni siano letterali o no. NON ESISTONO gli originali della Bibbia, quindi i documenti tradotti da Biglino o da chissà chi altro sono stati numerosi volte già tradotti da più lingue in più lingue, ricopiati a mano, distorti per volontà o per ignoranza, inventati, riscritti e ancora ritradotti. Tutto questo nel giro di 2000 anni.

      Beh, credere solo ad una traduzione LETTERALE non è razionale, non è ricerca vera e scientifica.

      Poi che Sitchin e Biglino siano stati costretti dalla massoneria è pura fantasia. E’ vero che i Massoni e la Chiesa hanno sempre litigato, quindi è più probabile che i massoni appoggino tutti quelli che vadano o dicano cose contro la Chiesa, magari li finanziano pure, ma questo non riguarda le loro idee od intuizioni. I massoni sono generalmente così ignoranti che mi stupisce come siano diventati così famosi.

      Ciao

  • Giuseppe:

    una pensiero per tutti:
    non è che perché uno che la pensa diversamente da noi e lo manifesti con toni esagerati e anche volgari , sia per forza un disinformatore.

    Ognuno ha le sue idee che esprime con il carrattere che si porta dietro.

    Che chiunque quindi possa esprimere il suo parere nei modi che più gli aggradano e nel modo che preferisce.
    Se ti fai trascinare dalla sua rabbia allora anche tu hai qualcosa di cattivo che la alimenta.

    Concludendo , non credete ad una sola parola di quello che ho detto/scritto. Di contro leggetemi pure con circospezione.

    ah ah

    ciao

  • Fabio:

    Mi piace pensare che si possano leggere sempre più libri come quelli di Biglino e di Sitchin piuttosto che rimanere all’oscuro delle cose. Sta a Noi discernere e preferisco che ci siano commenti come il primo anonimo che anche non condividendo mi danno la sensazione che si abbia centrato il bersaglio, cito:
    ” La Verità attraversa sempre tre fasi. Dapprima viene ridicolizzata. Poi violentemente contrastata. Infine accettata come una cosa ovvia.”..Schopenhauer…
    Meno mi piacciono commenti come gli ultimi di Giuseppe che partendo da una analisi logica che seppur ovvia risulta fine a sè stessa e quindi sterile, fuorviante.
    Consiglierei che tali persone leggessero veramente ciò che criticano o contestano e di farlo a mente e cuore aperto.

    • Giuseppe:

      Scusami Fabio
      ma ho veramente difficoltà a capire il tuo commento.
      Perché la mia analisi sarebbe fine a se stessa e fuorviante?

      Anche a me piace “pensare che si possano leggere sempre più libri come quelli di Biglino e di Sitchin piuttosto che rimanere all’oscuro delle cose. Sta a Noi discernere”
      è proprio il senso di quello ho scritto,ovvero lasciare spazio a tutte le opinioni, comprese quelle dell’anonimo.

      “Consiglierei che tali persone leggessero veramente ciò che criticano o contestano e di farlo a mente e cuore aperto. ”
      Se ti riferisci a me , cosa avrei criticato o contestato che non avrei letto? e cos’è che non avrei detto a cuore e mente aperta?

      Credimi, il tuo giudizio mi è oscuro. Sembra che tu abbia confermato quello che volessi dire, però hai messo sotto torchio i miei commenti.

      in ogni caso, ciao.

  • Andy:

    Io invece vorrei chiudere la mia parentesi con questo:tutto quello che mi morta a credere che dietro a tutto questo si celi un velo e forse anche di piu’, di verita’,e’ L’ISTINTO.ed anche un pizzico di LOGICA. (e poi in fondo lo abbiamo spesso vissuto proprio sulla nostra pelle, (durante la nostra vita fino ad ora) il fatto di aver creduto cose scontate che alla fine,in realta’,si sono rivelate false oppure non come le credevamo.perche’ quindi non credere a qualche cosa di rivoluzionario e che gli indizi scientifici ci portano a pensare.nel silenzio e nel mistero piu’ assoluto).naturalmente ogniuno e’ libero di arrivare alle proprie conclusioni.altrimenti potremmo commettere l’errore di dare limite al nostro piu’ grande potenziale,che e’ quello di pensare e di spazziare con la fantasia. per il resto,credo si sappia gia’.chi vivra’,vedra’.un saluto di cuore a tutti

  • Nico:

    Non mi convince la tesi del prof. Biglino, per quanto possa risultare affascinante. Io non riscontro le numerose contraddizioni tra quanto dice la Bibbia e quanto il professore ha rilevato nei suoi studi aventi ad oggetto testi antichi.
    Premetto che non ho letto il libro, pertanto discorro solo su quanto appreso dal post pubblicato dal sig. Lino Bottaro.
    Innanzitutto, ciò che mi preme precisare subito è che il messaggio che la Parola di Dio intende comunicare e che viene custodita in centinaia di pagine e decine di libri (che compongono la Bibbia) è semplice e sintetizzabile in poche parole, anzi in una. AMORE. Amare gli altri significa amare Dio, significa elevare il proprio spirito oltre la carne e cogliere la potenza di nostro Signore in ogni cosa. Gesù con la Buona Novella non ha fatto altro che dare questa notizia all’uomo: “amare il prossimo” e dopo le parole lo ha dimostrato con i fatti morendo per amore dell’umanità e riscattandola per riconciliarla con Dio.
    Salmi 82, l’unico passo biblico riportato nel post di cui sopra, deve essere interpretato insieme con Apocalisse 13:8 nel quale si dice che il nome di molti uomini non è scritto nel Libro della Vita, cioè molti uomini sono destinati alla perdizione sin dalla nascita e non hanno alcuna possibilità di salvezza e quindi di riconoscere Dio. Infatti, gli “dei” di cui parla il salmo 82 sono “i figli di Dio” (come precisa il medesimo salmo al verso 6). Essi sono resi divini da Dio stesso in quanto in loro è stato posto lo spirito di Dio. Tali “dei” sono gli unici in grado di riconoscere Dio e vanno perciò distinti dai meri uomini, che sono fatti di carne ed ossa, ma non posseggono lo spirito di Dio, non sono dunque divini e definibili quali “dei” e restano incapaci di riconoscere Dio. Questi “meri uomini” nascono per servire solo satana ed ostacolare il cammino e la missione dei figli di Dio, i quali saranno pesantemente provati nella loro vita al fine di elevare il loro spirito rispetto alla carne rivelarsi meritevoli dinanzi a Dio di diventare eredi del Suo Regno. Questi “meri uomini”, non divinizzati, sono demoni incarnati, che si sono uniti alle figlie dell’uomo e che compiono il male per volontà di satana. Non mi meraviglierei se molti di questi fossero diffusi tra i potenti della terra, tra i governanti, tra coloro che complottano, che istigano guerre, che intendono instaurare il Nuovo Ordine Mondiale, imporre il microchip sottocutaneo e tanto altro ancora (Ap.: 13:16-18).
    Non concordo neanche sul concetto che il professore esprime relativamente alla gloria di Dio. Non posso dilungarmi in questa sede, ma molto potrei dire, mi limito a precisare che essa deve essere sì intesa in senso spirituale, ma ricordiamo bene che ciò che è spirito si manifesta sottoforma di energia, pertanto, visibile, tangibile ed udibile così come ogni cosa che ci circonda. Lo spirito di Dio (che è la Sua Gloria) tiene in vita ogni cosa. La materia esiste per mezzo dell’energia divina che consente agli atomi di comporsi e di agglomerarsi. Lo Spirito Santo è sceso sugli apostoli nel giorno di Pentecoste mediante manifestazioni di energia visibili (cc.dd. lingue di fuoco); la Bibbia dice che Dio è Luce anche nel senso energetico del termine. Il cuore umano batte grazie a questa medesima energia vitale che tutto invade. La stessa scienza ammette che l’uomo è fatto di energia, ma poi non sa come giustificare quest’ultima. La ragione di ciò è che l’uomo cerca di spiegare tutto esclusivamente con la sua intelligenza umana, ma così non riuscirà mai a comprendere Dio.
    Contattatemi per ulteriori chiarimenti e grazie per l’opportunità che mi date di poter esprimere il pensiero.

    • per NIco
      sei libero o appartieni ad una organizzazione religiosa?

    • Nico:

      X Angelo.
      sono cristiano, libero di esprimere la mia fede in Cristo.

    • francesco:

      Quantomeno pericoloso, per quanto lecito, il tuo pensiero. Ha fondamenta non poco razziste. Gli uomini non sono tutti uguali. Io fossi in te ci rifletterei, prima parli d’amore e poi?

    • Nico:

      Caro Francesco, nelle mie dichiarazioni non vedo alcunché di razzista. Il nostro compito è quello di amare indiscrminatamente chiunque, perchè non abbiamo le capacità di distinguere chi è figlio di Dio e chi no e non spetta a noi giudicare. Certo è che la Parola di Dio è molto chiara in tal senso e dice che non tutti posseggono dentro lo Spirito di Dio, quindi non tutti sono figli e si possono salvare. E’ evidente che ci sono esseri umani che impersonificano demoni e che fanno di tutto per ostacolare la missione dei figli di Dio al fine di portare a compimento i disegni di satana. Probaiblmente, se vedessimo gli eventi che accadono dalla prospettiva di Dio e non con gli occhi dell’uomo riusciremmo a comprendere meglio questi concetti e la nostra vista spirituale si affinerebbe non poco.

  • Cristina:

    Buongiorno a tutti

    …. e se il progetto Blue Beam si stesse compiendo?

    http://www.stampalibera.com/?p=22765

    e non mi riferisco solo a queste strabilianti scoperte ma anche ai messaggi di canalizzazione della Federazione galattica che si sta annunciando il loro arrivo,
    mi riferisco anche agli articoli sulle misteriose dimissioni in massa e arresti che si stanno svolgendo su tutta la terra,
    e le altrettanto misteriose velature che ricoprono costantemente i nostri cieli
    e questi molteplici segnali che ci spingono verso una spiritualità unificata e incanalata in un’unica sorgente divina…….
    …..ma l’unica costante è che dietro ogni cosa c’è un SALVATORE,
    abbiamo bisogno di un salvatore questo è il guaio
    quando cominceremo a guardare dentro di noi per cercare un salvatore e non fuori forse andrà meglio.
    Quel che è certo che siamo vittime di un’infinità di manipolazioni al punto che non riusciamo più a distinguere la verità,
    se una verità esiste è solo dentro di noi, nella nostra capacità di cambiare gli schemi e passare ad una autentica consapevolezza in grado di cambiare il mondo.
    dei SALVATORI che elargiscono qualcosa non mi son mai fidata ;)

  • sdf117:

    Da che campo la verità ha sempre avuto vita breve o mai di particolare risalto…e se pure è accaduto che qualcuno ne ricevesse giusta fama,ha poco dopo fatto,se non pessima fine,pessima figura. Mai avuta gratis,insomma.
    Forse l apertura da parte del vaticano verso questi “fratelli” del cosmo è solo un modo per non farsi tagliar fuori qualora davvero questi dovessero ripresentarsi…..
    E poi scusate,ma qualcuno legge e si connette solo col web…dite ai vostri neuroni che essere un sottoprodotto di una specie scientificamente avanzata equivale alle ibridazioni canine cui noi tanto tempo,denaro e “amore” dedichiamo.
    A noi qualcuno ha solo fatto la grazie di non castrarci,in pratica,e lo hanno bandito…
    BAU BAU a tutti!

  • L ennesimo modo di rendere la Bibbia inutile Questo signore deve sapere che chi cerca Dio lo cerca per motivi che sono amore per la giustizia e odio contro il male ricerca di verità e di saggezza,conoscenza del futuro .Infatti YAHVE nel suo memoriale la Bibbia soddisfa questi desideri Sfido chiungue se esiste sulla terra qualcosa di meglio della parola di YAHVE
    Il problema sta nel fatto che ci sono persone che affermano delle cose senza avere letto abbastanza la Bibbia Questo libro e abbastanza grande e se qualcuno vuole aquisire conoscenza deve non solo leggerlo in continuazione ma studiarlo in continuazione .Io personalmente sono 30 anni che lo leggo eppure tante cose ancora non mi sono chiare .Certamente non tutti siamo uguali ,forse per alcuni serve meno tempo .Quindi se ci sono persone che solo leggendo qualche pagina ogni tanto crede e afferma certe conoscenze sicuramente e un bugiardo ,non dice la verità Questi ufologi (ne conosco alcuni) affermano che YAHUSHUA,YAHVE,gli Angeli i Cherubini non sono altro che exstratterrestri e che i profeti anno incontri di questo tipo Ma andate a farvi castrare con le vostre bugie ingannatorie che avranno solo effetto su tutti quelli che non hanno chiarezza di mente Questo e l ennesimo trucco satanico che serve per allontanare le gendi da Yahve e dalla salvezza imminende(si percche il sistema iniziato con Nimrod e agli sgoccioli,sta per finire ,ha fallito) .Satana si serve delle religioni ,della politica ,della magia ,della stregoneria ,dallo spiritismo e ora dagli ufoligi per ingannare il genere umano affinchè non trovino la verità .YAHUSHUA disse:continuate a cercare e troverete continuate a chiedere e visarà dato.Quindi disse di continuare e chi continua non deve fermarsi.
    VIENI SIGNORE YAHUSHUA
    VENGA IL TUO REGNO

  • Gozer:

    Dopo le crisi economiche pilotate, i vari scenari di guerre attuali e future ed ultimamente la visione del documentario su Astana, sono sempre più convinto dell’esistenza di questo disegno ultra millenario per un “Ordine Mondiale”. Nn voglio entrare nel merito di massonerie, CIA, Mossad, HAARP, Chemtrails, Rettiliani, Annunaki, Savi di Sion e chi più ne ha ne metta, ma voglio analizzare un dato concreto e reale, cioè quello della “Globalizzazione” gestita da circa 130 multinazionali che operano attraverso una fitta rete su scala mondiale e attraverso i governi corrotti hanno assunto poteri illimitati, come quello di generare denaro dal nulla. Quindi potremmo parlare come di un ritorno degli Dei sulla Terra, perché questo sono diventati. Adesso per raggiungere questo livello attuale di potere, questi signori si sono serviti di infiniti mezzi ed uno di questi sono le varie forme di religione seguite dai LULU, che poi sono tutte riconducibili ad un unica forma di adorazione, cioè quella del Sole e del Firmamento nel quale rientra, ma l’arma più potente nelle loro mani è “LA CONOSCENZA ESOTERICA” che ci è stata celata volutamente e persa nel corso dei millenni. Sapere è potere, e questo LORO lo sanno molto bene e le varie Chiese hanno un ruolo fondamentale in questo processo di iniziazione elitaria e al contempo stesso di distorsione della conoscenza. Sappiamo che molti testi sono scomparsi, ma nn sappiamo se in realtà sono nascosti da qualche parte. Ritengo che il lavoro del Prof. Biglino sia un importante elemento da aggiungere all’ intricata ragnatela che è la storia dei LULU su questa palla di fango che si trova in una parte remota dell’infinito universo. LA MANIPOLAZIONE MENTALE E’ OVUNQUE E IN QUANTO TALE NN E’ FACILE RICONOSCERLA, MA SICURAMENTE RICONOSCO NELLE RELIGIONI UNA DELLE SUE FORME PIU’ VIRULENTE. Diffidate dai falsi profeti, la verità è dentro di noi, che siamo l’uno e l’uno è tutto. Ritengo che l’uno sia il CAOS ed abbia generato tutto, la mia mente nn riesce a concepire un Dio che si è creato da solo. Dopo il caos si sono venute a formare spontaneamente le prime forme di vita che poi si sono evolute e hanno iniziato a viaggiare nello spazio fino a trovare il pianeta Terra, abitato da ominidi primitivi (evidentemente una razza molto più giovane) e li hanno implementati con parte del loro DNA ed hanno ottenuto i LULU che vuol dire “mescolato”. Altrimenti nn si spiegherebbe il famoso anello mancante tra l’ominide e l’homo sapiens. Da qui iniziano a partire le varie linee di sangue delle famiglie che oggi gestiscono questa cerchia ristretta di Multinazionali e Banche, e che in passato facevano parte dell’aristocrazia, che vogliono far credere sia morta, cambiano i nomi e il modus operandi, ma il percorso è ben delineato è lo scopo è solo uno, cioè quello di renderci sempre più schiavi. I LULU furono creati per alleviare le fatiche di questi signori arrivati dalle stelle e forse questi signori stanno per tornare. Adesso ognuno è naturalmente libero di pensare ciò che vuole, ma è innegabile ed oggettivo che viviamo sempre più in un contesto di massificazione generalizzata NASCI-LAVORA-COMPRA-CREPA dove siamo sempre più schiavi del lavoro, dei governi che ci tassano, delle banche che ci truffano, delle multinazionali che ci avvelenano con i loro cibi tossici e privi di sapore, delle società petrolifere che nn tireranno mai fuori la vera energia alternativa, prima che nn sia finito l’oro nero. Tutto questo è innegabile e sotto gli occhi di tutti quelli che realmente hanno la forza di alzare lo sguardo al cielo e notare che le cose stanno cambiando, nn sono più come ce le ricordavamo da piccoli.

    • Gozer, le tue parole sono da incorniciare, non serve aggiungere altro, hai toccato tutti i nervi scoperti, con la piena lucidità di un mondo alla deriva per ignavia, il progetto di sterminio e di riduzione della popolazione mondiale (eugenetica) è già in atto da molto tempo, ma pochi se ne avvedono, crogiolati nel torpore. Hai detto bene del “LULU/AMELU”, lo schiavo e il lavoratore primitivo, creato per servire gli déi irosi e vendicativi.

      wlady

  • repavone:

    Già Giordano Bruno nella “Cabala del Cavallo Pegaseo con l’aggiunta dell’Asino Cillenico” stampato a Parigi presso A. Baio nell’anno 1585, evidenzia fin dalla epistola dedicatoria che è giunto alle conclusioni per esaurimento della materia trattata.
    In questo libro svela la bestia trionfante viva ed i trenta sigilli aperti, la beatitudine perfetta , le ombre chiarite e l’arca governata, alla luce del sole.
    Descrive la specie umana, medesima alla specie della terra, della luna, del sole, medesima delle intelligenze, dei demoni, degli dèi, dei mondi e tutte le dipendenze.
    Evidenzia in modo ineccepibile il luogo dove gli illuminati Cabalisti guardano non solo fino al terzo cielo ma nel profondo abisso del sopramondano universo, contemplano le dieci Sephirotn, penetrano, vedono, concepiscono.
    Queste sono da noi chiamate la prima “Corona”, la seconda “Sapienza”, la terza “Provvidenza”, la quarta “Bontà”, la quinta”Lode”, la sesta “Bellezza”, la settima “Vittoria”, l’ottava ” Lode”, la nona “Stabilimento” la decima “Regno”.
    Rispondono ai dieci ordini d’intelligenze, che noi chiamiamo il primo “Animali santi” o ” Serafini, il secondo “Ruote formanti” o “Cherubini”, il terzo “Angeli robusti” o “Troni”, il quarto “Effigiatori”, il quinto “Potestadi”, il sesto “Virtudi”, il settimo” Principati” o “dèi”, l’ottavo “Arcangeli”, o “figli de dèi”, il nono “Angeli” o “Imbasciatori”, il decimo “Anime separate” o “Eroi”.
    Nel mondo sensibile derivano le dieci sfere: 1. il primo mobile, 2. il cielo stellato o ottava sfera o firmamento, 3. il cielo di Saturno, 4. di Giove, 5. di Marte, 6. del Sole, 7. di Venere, 8. di Mercurio, 9. della Luna, 10. del Caos sublunare diviso in quattro elementi. Alle quali sono assistenti dieci motori, o insite dieci anime: la prima Metattron o principe delle facce, la seconda Raziel, la terza Zaphciel, la quarta Zadkiel, la quinta Camael, la sesta Raphael, la settima Aniel, l’ottava Michael, la nona Gabriel, la decima Samael, sotto il quale son quattro terribili principi: il primo domina il fuoco ed è chiamato da Iob Behemoth, il secondo domina nell’aria ed è chiamato dai Cabalisti e comunemente Beelzebub, il terzo domina nell’acqua ed è chiamato da Iob Leviathan, il quarto è PRESIDENTE nella TERRA , la quale passeggia e circuisce tutta, ed è chiamato da Iob SATHAN.
    Descrive gli Ebrei di natura, ingegno e fortuna saturnini e lunari, gente sempre vile, servile, mercenaria, incomunicabile e inconversabile con l’altre generazioni, le quali bestialmente disprezzano, e dalle quali per ogni ragione sono degnamente disprezzate: questa gente , così a tutte le altre nemica e ritrosa, come Saturno a tutti i pianeti.
    In pochissime pagine è descritto in modo inequivocabile ogni elemento dell’intero firmamento.
    Da leggere integralmente.
    Tornando ai tempi moderni non possiamo non soffermarci sull’inno a Satana di Giosuè Carducci.
    Prendiamo quello pubblicato in Bologna dalla TIPOGRAFIA DEGLI AGROFILI ITALIANI nell’anno 1869.
    Leggiamo la lettera che segue il canto all’amico Filopanti:
    Caro e onorando amico.
    L’ Inno a Satana è lirico almeno in questo, che è ‘espressione subitanea, il getto, direi, di sentimenti tutt’affatto individuali, come mi ruppe dal cuore, proprio dal cuore, in una notte di settembre del 1863.
    Qualche pezzo della lettera:
    Satana per gli ascetici è la bellezza, l’amore, il benessere,la felicità. Quella povera monacella desidera un cesto d’indivia? in quel cesto v’è Satana. (quel frate si compiace d’un uccellino che canta nella sua cella solinga in quel canto v’ è Satana. Ecco, nella caricatura ridicola della leggenda, quel feroce ascetismo che rinnegò la natura, la famiglia, la repubblica, l’arte, la scienza, il genere umano; che soppresse, a profitto della vita futura, la vita presente; che, per amore dell’ anima, flagellò, scorticò, abbrustolò, agghiadò il corpo.
    Per i teocratici poi, mette conto ripeterlo? Satana è il pensiero che vola, Satana è la scienza che esperimenta, Satana il cuore che avvampa, Satana la fronte su cui è scritto: Non mi abbasso.
    Si riporta l’ultima strofa dell’inno.
    Sacri a te salgano
    gl’ incensi e i voti !
    Hai vinto il Geova
    de’ sacerdoti.
    Infine tutti sono d’accordo che Satana/Lucifero ed Enki/Ea sono la stessa persona, principe e signore incontrastato della terra.
    Dettagliate informazioni su sviluppi recenti possono essere acquisite dal sito itajos.com.
    Sta girando la ruota, meno male!
    repavone

    • Gozer:

      Caro repavone, purtroppo viviamo in una realtà duale dove ciò che è bene contiene anche il male e viceversa, se in più aggiungiamo millenni di mistificazioni, ci ritroviamo ad essere i soliti bambini accompagnati e portati per mano fino a dove vogliono LORO, cioè alla paranoia e al delirio estremo, visto che questi signori si nutrono delle nostre sofferenze e paure. Quindi attenzione ad idolatrare queste scuole di pensiero, ingranaggio di un sistema concepito a tavolino per soggiogare le comuni menti a vantaggio di una cerchia ristretta d’Illuminati. Diffido da qualsiasi tipo d’imposizione e presunzione come quelle di una Chiesa Cattolica che predica l’amore e la pace eterna nel nome del Signore sotto cui sono stati perpetrati i più indicibili crimini contro l’umanità, tanto da far pensare che il Papa sia il governatore del male assoluto. Tanto meno diffiderei da una eventuale Chiesa Luciferina, altri maestri dell’inganno, così facendo caschiamo sempre nello stesso gioco del “divide et impera”, frutto di menti realmente diaboliche come quelle dei Savi di Sion. Guardate il logo delle olimpiadi di Londra 2012, nel 2012 si legge Sion. Vi saluto, cari Gentili!!!

  • Gozer:

    Ti ringrazio wlady, purtroppo la nostra casa sta diventando un posto sempre più brutto ed inospitale, grazie al lavoro incessante di queste menti illuminate che hanno portato alla scissione dell’atomo e le manipolazioni genetiche ed attraverso gli OGM, l’alimentazione del futuro, governeranno il mondo, gestendo tutte le risorse alimentari nn avranno più bisogno di null’altro, la religione è solo un passaggio intermedio. Il vero NWO è questo, avere la possibilità di azzerare tutto col nucleare e allo stesso tempo controllare la produzione globale di cibo con i semi TERMINATOR che appunto nn si replicano, sottoposti a copyright della MONSANTO, una delle famose 130 Multinazionali, che sono in mano ai nostri amici Ashkenazi. Purtroppo è difficile da credere, ma la storia è tutta riconducibile ad un unico filo e nulla avviene per caso, la realtà va oltre la fantasia. Ai primordi della coscienza risalgono i simboli e dopo arriva la cabala e la matematica. Ancor prima del Verbo fu il simbolo e quindi le icone, summa di significati ancestrali ed esoterici, talmente complessi da nn poter essere espressi con semplici parole, prima vera forma di globalizzazione, come la Svastica simbolo solare presente in tutto il globo, rovesciata dai Nazisti Ashkenazi, in quanto a rappresentare il maligno, anche la loro scrittura, l’ebraico, si legge alla rovescia come la scrittura diabolica. Lo studio dei simboli che circondano le nostre vite e quello della numerologia di date importanti nella storia dell’umanità che ricoronno con sconcertante costanza, tipo il numero 11, forse può aiutare a comprendere cose che apparentemente potrebbero sembrare irrazionali e sconclusionate. L’undici novembre dell’anno scorso ebbe inizio il governo dei tecnocrati, data palindroma per eccellenza, 11\11\11. Vogliamo realmente credere che sia tutto un caso inaugurare questo governo il giorno 11 di novembre 2011? Quando poi sappiamo che il numero 11, caro a tutte le massonerie del mondo sta ad indicare 10 il giusto e 1 l’inizio, chi sa di cosa?

    • Gozer,
      grazie a Te, per l’impegno del tuo commento, non posso esimermi dal condividere su tutta la tua lucida analisi sui simboli e sui numeri, veri tormentoni cabalistici.

      Unaltra cosa vorrei segnalare, la biogeoingegneria e le irrorazioni igroscopiche, che tutti i giorni piovono sulle nostre teste, fanno parte del malefico tentativo di annientare la maggior parte del genere umano, ora ci stanno provando impedendo che piova, l’Italia è a secco, e tra non molto anche le regioni che non hanno dichiarato lo stato di calamità, saranno costrette a razionare l’acqua, l’agricoltura ormai agonizzante creerà non pochi problemi per l’approvvigionamento delle derrate alimentari, già ora in ginocchio.

      Cordialmente,

      wlady

  • Maksimiljan Kodžak:

    Le tesi di Biglino non sono molto diverse da Sitchin, solo che Sitchin riprende il mito sumero (Enuma Elish) e lo identifica come il vero capostipite delle “leggende” bibbliche, egizie, mesopotamiche e addirittura mesoameriche… forse un po’ snobbando le primordiali civilta’ della valle dell’Indo.
    Sitchin si spinge oltre e’ elabora, a differenza di Biglino, una teoria approfondita’.
    Lessi Sitchin anni fa e ne rimasi scioccato, proprio a causa dell’attendibilita’ della teoria. Quindi le tesi di Biglino non mi dicono nulla di nuovo, ma allargono solo lo spettro delle informazioni e qualche curiosita’.
    A differenza di allora pero non sono piu’ cosi’ materialista convinto e rinnego una parte consistente delle teorie sitchiniane. Per esempio gli Anunnaki non sono solo una razza aliena, ma piu’ razze; il pianeta X (Nibiru) piu’ che un pianeta sembra una stazione spaziale mobile… forse addirittura un pianeta artificiale, chi lo sa; le entita’ aliene non crearono l’uomo per i lavori forzati (forse in parte), ma per esigenze genetiche che garantiscono determinati processi animici (il concetto di anima e’ molto complesso… ma questo e’ un’altra storia, da Malanga in avanti); la bramosia per loro da sempre esistente nella civilta’ e forse sintomo delle caratteristiche particolari dell’oro, che lo fanno un super conduttore di energia eterica, nonche’ di particolari capacita curative e “ringiovanimento” (nell’alchima l’oro e’ il componente perfetto per la trasmutazione materiale in essenza “superiore”… qualcuno pensa adirittura che l’oro sia in grado di aimprigionare le anime); Sitchin rinnega che il dio israelita (lui stesso lo e’) sia di origini aliene, il che mi sembra non poco contradittorio e sospetto.

    Un video sulle ricerche di Malanga, anche se per comprendere a fondo il suo intero studio e’ necessario leggere i suoi libri e articoli a disposizione gratiutamente sul suo sito: http://www.ufomachine.org/

    …a gia’, il video: http://www.youtube.com/watch?v=a_DlvDqMlP0

  • Maksimiljan Kodžak,
    condivido in toto quello che hai scritto. Non ho letto solo un libro dello scomparso professore Zacharia Sitchin, li ho letti tutti compreso il suo ultimo “Quando i Giganti Abitavano la Terra”; certamente Biglino non si elava a sostenitore delle tesi di Sitchin, ma lui traduce i testi così come sono, senza prendere posizioni aliene, ma comunque intriganti per le cose successe in passato.

    L’unica cosa che io ritengo e sostengo è il rispetto di chi la vede in modo differente, le religioni purtroppo hanno creato quell’umus che ha fatto combattere guerre sanguinarie a tutti i popoli della terra, e … questo la dice lunga sulla manipolazione delle menti deboli che si attaccano alla vita nel credere in qualcosa di superiore, io/noi tutti siamo soggetti a questa manipolazione che derivi dalla religione o che derivi dalla politica o in qualcosa in cui credere per continuare a vivere, e chi ci ha manipolato per millenni questo lo sa molto bene.

    Cordialmente,

    wlady

    • Gozer:

      Caro Wlady, vedo che siamo sulla stessa linea d’onda. Ormai i loro sporchi progetti sono a dir poco evidenti. Riguardo alle Chemtrails le vedo spessissimo, ho 34 anni e fino a 10 anni fa nn ho memoria di queste scie di condensa, persistenti nel cielo anche ore, che poi si trasformano in foschia. Qualcosa sta accadendo sopra le nostre teste, progetto HAARP, contrasto effetto serra, proiezioni olografiche per contatto massivo, questo nn lo so. Quello che penso è che in questa operazione in cui sono coinvolti i militari possano rientrare anche motivi riguardanti le coltivazioni OGM. Stanno irrorando il cielo come le analisi più accreditate a livello mondiale accertano con la presenza e l’alta concentrazione di sostanze chimiche quali sali di bario, ossido di alluminio, calcio, potassio, magnesio, torio, quarzo ed altri metalli sicuramente per influenzare il clima e le precipitazioni, come hai giustamente notato, in Italia quest’anno ha piovuto pochissimo. Ad avvalorare questa tesi c’è l’operato di persone Attivissime (sicuramente avrai capito a chi mi sto riferendo), che vivono costantemente attaccate davanti ad un computer, per poter smentire e fare opera di disinformazione riguardo questo annoso problema che coinvolge tutti noi e nn si capisce bene come questa indefessa attività sia finanziata, perché indubbiamente, anche la disinformazione, in questo caso delle scie chimiche, ricopre un ruolo importantissimo, chi paga questi signori che passano le loro giornate a contrastare chi cerca di comprendere questo nuovo fenomeno? Un giorno avevo postato su Twitter delle mie considerazioni sulle scie che vedo in cielo quasi tutti i giorni e dopo solo pochi minuti nn si è fatta attendere la risposta faziosa e melliflua e nn vado oltre per descrivere questo attivissimo e viscido individuo a libro paga dei servizi che gestisce svariati blog di disinformazione.

      Cmq Wlady mi ha fatto molto piacere conversare con te, alla prossima!

  • Georg:

    Ho letto i libri di Biglino e ho visionato/ascoltato le sue conferenze presenti su youtube.
    È una persona per bene, una mente libera, un ricercatore onesto e disinteressato, aperto alle critiche e alle osservazioni; all’inizio di ogni sua conferenza invita gli ascoltatori a interromperlo in qualunque momento se sono necessarie osservazioni e chiarimenti o domande in generale.

    È curioso che gli attacchi più odiosi e pericolosi – fino alle minacce di morte – non siano arrivate da ambienti ebraici né islamici, ma da quelli cristiani cattolici ROMANI.

    Avanti tutta Mauro.

    Immer geradeaus!

  • Gozer:

    @Lino Bottaro,

    quanto viene scritto a pag. 34 de “Il Dio Alieno della Bibbia” riguardo le affermazioni del Prof. Ala Shaheen, capo del Dipartimento di Archeologia dell’Università del Cairo, che avrebbe affermato del ritrovamento di manufatti alieni all’interno delle piramidi di Giza, pare sia una bufala smentita dal Prof. stesso http://noiegliextraterrestri.blogspot.com/2010/12/esclusivo-inesistenti-le-dichiarazioni.html Forse il Prof. Biglino prima di scrivere certe cose avrebbe fatto meglio a contattare il diretto interessato di tali dichiarazioni. Spero che la prossima volta il Prof. Biglino sia più accorto, prima di diffondere informazioni erronee e compromettenti per l’interessante lavoro svolto finora.

  • Katerina:

    Ho letto
    “Il dio alieno della bibbia”
    e sto leggendo
    „ Il libro che cambierà per sempre
    le nostra idee sulla bibbia”.

    Non posso che RINGRAZIARE di CUORE
    il prof. Biglino
    per avere così brillantemente esposto
    ciò che da sempre avremmo dovuto sapre
    e che invece
    ci è stato in parte nascosto
    e in parte deviato.

    Consiglio a tutti i libri di Biglino:
    sono scritti in un linguaggio comprensibilissimo
    e svelano
    ( e ci risistemano in testa )
    le basi
    della nostra storia e della nostra cultura

  • Cinzia Bianchi:

    Invece di fare i tuttologi e di rimanere incantati da qualsiasi teoria o interpretazione, e’ opportuno visionare l’analisi di un’esperto in materia: Il Professore Danilo Valla smentisce Biglino.
    Il Dio della Bibbia (NON) era alieno. Il biblista Valla smonta le tesi di …www.gianlucamarletta.it/wordpress/2012/03/vallabiglino/

  • Cinzia Bianchi:

    Per chi vuole pensare con la propria testa:
    Mauro Biglino nuovo membro della Sitchin & co. – EclisseForum

  • Jordy:

    Viviamo in tempi nei quali,ogni novità viene creduta,e molti,come Biglino conoscono bene questa realtà,e ne fanno profitto,a tutte le persone che credono senza poter verificare quello che sostiene il Prof:darei un consiglio.Esistono veri professori delle lingue antiche come,Ebraico e Greco,Fate una ricerca seria,annotate quello che dice neilibri nelle conferenze e confrontatelo con esperti di lingua Ebraica,non credete a ogni novità,cercate la verità.Buona Fortuna.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE