Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!
Fonte: http://www.meteoservice.it

Tepco è la società che gestisce la centrale di Fukushima e ne sta curando la messa in sicurezza. Ha annunciato che a fine aprile inizierà la rimozione dei detriti dalla sommità del reattore 4. Si tratta, come è facile immaginare di un’operazione di grande difficoltà e pericolosissima. Soprattutto per gli operatori umani. Questi useranno due scavatrici, una alla base ed una alla sommità del reattore. I detriti coprono attualmente le piscine del combustibile esaurito, pericolosissimo perchè necessitante di un raffreddamento continuo ed esposto ora praticamente all’aria aperta. In un futuro purtroppo ancora abbastanza lontano si dovrà trovare un modo per rimuoverlo. L’eliminazione dei detriti è la prima fase di questo delicato processo.

Questo è il PDF divulgativo diffuso dalla TEPCO tramite Twitter per illustrare l’importante operazione di messa in sicurezza.

http://www.tepco.co.jp/en

E’ importante notare che TEPCO, dopo una primissima fase un po’ discutibile, ha in effetti svolto un lavoro incredibile per limitare gli effetti del disastro. Esaminando a mente fredda non si può che restare stupiti. Praticamente hanno ricostruito un circuito di raffreddamento nuovo nei ruderi di quattro reattori nucleari esplosi, fusi e completamente fuori controllo.

Anche a livello comunicativo ha fatto il possibile, dato il contesto.

 

Un video (recentissimo) mostra impietoso lo stato attuale della centrale. Le immagini sono sconvolgenti. Gli edifici dei reattori divelti dalle esplosioni sono ancora un ammasso di rovine. Su di essi si aggirano tecnici completamente avvolti in tute protettive.

Tutto intorno centinaia e centinaia di enormi contenitori nei quali vengono accumulati milioni di litri di acqua mortalmente contaminata. E’ quella che raffredda ciò che resta delle barre di carburante che continueranno a bruciare ancora per secoli. E per lunghissimi anni quest’acqua avvelenata dovrà restare in questi depositi o in altri che i nostri pronipoti saranno costretti a gestire.

Questo è il video.

http://www.youtube.com/watch

La centrale nucleare di Fukushima è ancora un pericolo immenso per l’umanità.

La situazione attualmente è come congelata. Certamente ancora si è lontani dall’aver risolto il problema della messa in sicurezza delle barre di combustibile (in parte fuse nei noccioli, in parte pericolosamente danneggiate sopra e accanto ai reattori.

Ed il pericolo per il pianeta, in realtà aumenta ogni giorno che passa.

Se la realtà di fukushima fosse frutto di fantasia, sarebbe frutto di una fantasia malata di catastrofismo. Ma essendo appunto realtà, è una realtà talmente spaventosa da venire rimossa il più possibile dalla coscienza collettiva.

Eppure una realtà con cui siamo costretti a fare i conti.

Quello che segue è un resoconto di notizie trovate sul web. E’ evidente un aumento generale della preoccupazione nei confronti della centrale danneggiata. Questo al di là delle informazioni in se che vanno considerate sempre con la dovuta prudenza.

In questi giorni, ad un anno dalla catastrofe, in Giappone superato lo shock subentra la fobia.

I giapponesi si stanno rendendo conto, forse solo ora a livello di massa, di dover convivere con quattro meltdown a pochi passi da casa loro.

Anche grazie ad un libro di recente pubblicazione e di enorme successo nel sol levante. Un’inchiesta che spiega nei dettagli e con grande autorevolezza cosa è accaduto e cosa sta avvenendo nella centrale. (http://www.amazon.co.jp)

Ormai sono migliaia le persone che iniziano a pensare di emigrare da quella che è la seconda o la terza economia mondiale.

Questo desiderio di fuga, generato dal senso di pericolo imminente e continuo, rischia di trasformarsi in realtà forse anche ingiustificata razionalmente.

Tuttavia sono gli stessi politici giapponesi a porsi seriamente il problema dell’evacuazione di massa dall’arcipelago.

Ecco alcune notizie recenti:

Il 22 marzo, l’ex ambasciatore Giapponese della Svizzera Mitsuhei Murata avrebbe rilasciato un’inquietante dichiarazione;

avrebbe detto che, se l’edificio dell’ unità danneggiata del reattore 4 – con 1.535 barre di combustibile nella piscina del combustibile esaurito a 30 metri dal suolo – crolla, non solo provocare un arresto di tutti e sei i reattori, ma colpirà anche il pool comune del combustibile esaurito contenente 6375 barre di combustibile,che è situato a circa 50 metri dal reattore 4 . In entrambi i casi le aste radioattive non sono protette da una nave di contenimento; pericolosamente, sono all’aria aperta. Ciò causerebbe certamente una catastrofe globale come non abbiamo mai sperimentato prima. Avrebbe poi sottolineato che la responsabilità del Giappone verso il resto del mondo è incommensurabile. Una tale catastrofe avrebbe riguardano tutti noi per secoli. L’ex ambasciatore Murata avrebbe inoltre informato che il numero totale delle barre di combustibile esaurito sul sito Fukushima Daiichi escludendo le aste nel recipiente a pressione (il nocciolo fuso vero e proprio) sono 11.421.

http://www.youtube.com/

http://akiomatsumura.com/

Un alto caso molto emblematico sull’aria che si respira in questi giorni a proposito del disastro nucleare è la seguente:

Nei mesi scorsi si sono svolti importanti incontri bilaterali tra Russia e Giappone, nei quali si è discusso del destino di alcune isole sottratte dalla Russia al Giappone nelle fasi finali della seconda guerra mondiale. Si tratta delle isole Curili, disputate da sessant’anni.

Circola la voce che i russi siano rimasti letteralmente sbigottiti nel sentirsi dire dalla diplomazia giapponese che stavolta la faccenda delle isole aveva un’importanza molto più alta per il Giappone. Poichè 40 milioni di giapponesi (residenti di Tokyo compresi) sono in estremo pericolo di vita e che in qualunque momento potrebbe rendersi necessaria un’urgente evacuazione se la situazione di Fukushima peggiorasse. E che l’unico luogo disponibile per ospitare così tante persone sarebbero appunto queste isole.

http://www.eutimes.net/

Gli stessi diplomatici avrebbero anche fatto presente di stare prendendo in seria considerazione un’offerta della Cina per ospitare sul proprio territorio milioni di sfollati giapponesi. A tale scopo potrebbero essere utilizzate alcune città completamente disabitate costruite in Cina per errore (basandosi su piani di sviluppo regionali errati, speculazioni edilizie ecc).

http://www.dailymail.co.uk/news/arti

In effetti pochi giorni dopo lo tsunami, per la prima volta nella storia, una squadra di soccorso dell’esercito cinese, aveva visitato la zona del disastro. Si trattava della prima delegazione straniera estera sul luogo dell’incidente (era il 13 marzo, due giorni dopo il maremoto). In questo modo il Giappone aveva rassicurato la Cina sulla trasparenza totale nelle informazioni sul disastro nei confronti del vicino asiatico. Sia per rassicurarlo, sia per chiedergli aiuto. La squadriglia cinese ha collaborato eroicamente al soccorso delle vittime del sisma.

http://it.sohu.com/

Ci sono scenari strategici che ipotizzano una fusione di fatto tra Cina e Giappone a causa della catastrofe nucleare. E’ un’ipotesi poco credibile e probabile ma che viene presa comunque in qualche considerazione in ambiente internazionale.

Al di la dell’attendibilità o meno di queste notizie, esse segnalano un clima non rassicurante.

Molto più documentato è il discorso del senatore americano Ron Wyden, membro della commissione energia. Sottolinea la pericolosità della situazione nipponica e sollecita l’America ad intervenire prima che accada qualcosa di irreparabile (http://blogs.wsj.com/)

Mentre il Pentagono lancia un concorso per la creazione di un robot androide, che sia in grado di operare all’interno di un ambiente analogo a quello di Fukushima. Attualmente non esiste la tecnologia adeguata, come si è visto. DARPA chiede una macchina innovativa, che sembra dovrà avere sembianze vagamente umanoidi per poter svolgere tutte quelle funzioni che oggi può svolgere soltanto una persona. (http://fukushima-diary.com )

In America intanto crescono le voci (tutt’altro che confermate) circa l’arrivo, sulle coste orientali, di scorie e liquami tossici che dal Giappone finiscono nel pacifico. Qui è tuttavia utile precisare che, a differenza che in Giappone, gli Stati Uniti sono e saranno si contaminati da Fukushima. Ma grazie alla distanza in modo molto minore. Se ci saranno danni alla salute saranno rilevabili solo tra molti anni a livello statistico.

22 Commenti a “FUKUSHIMA: COSA STA ACCADENDO IN GIAPPONE? EVACUAZIONE DI MASSA DI 40 MILIONI DI PERSONE?”

  • archimede:

    Comunque ,corrono voci che il governo Svizzero e quello Tedesco hanno concordato di afr affluire nei loro stati un imprecisato numero di persone provenienti dal Giappone , di sicuro saranno Politici, uomini della Scienza, e persone che possono dare un contributo di alto rilievo ad ambedue paesi, si parla di 500.000 persone, riguardo i Robot per svolgere i lavori necessari nelle centrali Nucleari, l’America ha di già gli “Umanoidi” ma non vuole metterli a disposizione, servono per condurre altre guerre. sotto un filmato mentre si intervista un Umanoide:

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=UIWWLg4wLEY

    • Ceci:

      Ciao Archimede,
      saresti cosí gentile da mettere un link riguardo la notizia dei governi svizzero e tedesco?
      non riesco a trovare niente che sia attuale, cioé di quest´anno, tutto quello che trovo su una possibile evacuazione si rifá al 2011.
      Tutto quello che trovo ha a che fare con blogs e forum, che continuano a riportare sempre le stesse frasi.
      Personalmente, 2 giorni fa, ho incontrato un amico che vive in Giappone da 25 anni e quello che mi ha detto é che il governo giapponese continua a fare orecchie da mercante e a raccontare che nelle zone appestate la vita é possibile. Nessun aiuto ai civili, cmq nessun aiuto degno di venire definito tale, se non fosse che é tragico sarebbe grottesco!
      il governo continua a non voler visitare bambini, a non voler fare test sulle persone, si rifiuta semplicemente. Il motivo é chiaro, non hanno bisogno di test che provino quello che loro giá sanno da tempo.

  • Andrea:

    Purtroppo tutti i link sono corrotti, potete ripristinarli?

    • Domenico Proietti:

      Sono riuscito solo a ripristinare il primo link che rimette all’articolo di origine, purtroppo anche li i link non sono funzionali, quelli sulla piattaforma You Tube con watch di intermezzo sono solitamente video censurati e sono disattivati in entrata, è possibile tuttavia visionarli sostituendo “watch” con “v” solo che manca l’ID del video a seguire. Mi dispiace di più non posso fare.

      - moderatore -

  • archimede:

    In che senso corrotti? cliccando sopra il link funziona alla perfezione, controlla se hai qualche problema con la connessione, o manca qualche programma per aprire i filmati Youtube, -

    saluti

  • archimede:

    http://alles-schallundrauch.blogspot.com/2012/04/mussen-wir-bald-fluchtlinge-aus-japan.html

    Salve Ceci, sopra ho messo un Link dalla Svizzera dove si accenna a quello che ho scritto sopra, ieri parlavo con un redattore di una trasmissione radiofonica Tedesca nella quale mi confermava anche quello sopra citato, per motivi di Privacy non posso fare il nome della persona e nemmeno della Radio, l’accordo sarebbe di 350,000 in germania e 150,000 in svizzera ,un solo Cantone è contrario, l’Austria ha dei problemi interni con i Partiti che fanno capolino a Brussel e quelli che sono contrari, i soliti Verdi prima hanno fatto bella faccia per accaparrarsi voti e adesso hanno voltato faccia.
    Comunque penso che nelle prossime settimane si potranno avere notizie più concrete in riguardo, c’è da segnalare che da un mese nel Mare del Nord esce Gas a bizzeffa da una piattaforma della BP che stà inquinando tutta ‘europa , ma i media come al solito hanno ricevuto l’ordine di non riportare alcuna notizia:

    http://www.rf-news.de/2012/kw17/regionale-umweltkatastrophen-oft-totgeschwiegen

    Spero che abbiate qualcuno per la Traduzione, caso mai suonate il campanello-

    • Ceci:

      Ti ringrazio per i links, alles Schall und Rauch lo conosco e proprio ieri ci ho guardato dentro ma, ripeto, avevo trovato solo vecchie cose, il secondo link non lo conoscevo,
      quindi oggi mi faró un giro con calma, la lingua non é un problema, il tedesco lo conosco bene :)

      ciao

  • Gozer:

    E’ inquietante il comportamento del governo giapponese. La mentalità mafiosa è ben radicata anche presso il Sol Levante, infatti i primi soccorsi alla popolazione furono offerti dalla Yakuza, risultando ben più organizzata e pronta delle istituzioni, magari rientra nel programma d’indebolimento delle stesse a vantaggio di un declino della società per un NWO. A Roma noto sempre più comitive di giapponesi, sarà un caso.

    P.S. mi piaceva tanto il tè verde, adesso nn lo bevo più!

    • Ceci:

      La Yakuza ha sempre collaborato col governo, o forse, dovrei dire il contrario?!

      Il Giappone ha una storia tremendamente triste, ma non sono obbiettiva, amo quel paese terribilmente tanto nonostante tutti i difetti (che cmq ogni paese e cultura ha)
      per chi ha un minimo di luciditá mentale é chiaro che l´nwo in Giappone é ufficiale almeno dal 1945.

      The verde?
      2 giorni dopo l´incidente ho comprato tutto quello che potevo, dal the agli spaghetti di riso, sapevo che sarebbe stato l´ultimo shopping di alimentari giapponesi. Sorry.

  • archimede:

    Hallo Ceci, per poter essere informata constantemente su Schall Und Rauch ti consiglio di usare Google Crome, sembra strano ..ma è cosi-

    @ -Gozer, il Tè verde non ha nulla da spartire con il governo Japanese, male che và pitturalo di bianco-

  • Ceci:

    Sto cercando intensamente da almeno 1 ora, e deve essere veramente una notizia superscottante se non si riesce a trovare niente di niente di niente.
    Qua http://enenews.com/japan-radiation-professor-fukushima-city-be-evacuated
    si cerca di convincere il governo a fare evacuare Fukushima, figuriamoci Tokyo!
    Tra l´altro mi é stato detto che le persone che “emanano” un minimo di radiazioni sono viste col fumo negli occhi in Giappone,
    se ci sará un´evacuazione in direzione Svizzera e Germania (figuriamoci: proprio la Svizzera e la krukkonia!!) … beh … sará solo per personaggi eccellenti, su questo ci si puó mettere la mano sul fuoco.
    Se Tokyo verrá evacuata il Giappone sará perso, finito e questo é forse proprio quello che alcuni vogliono, esattamente come con l´incidente della TEPCO!
    p.s.
    Archimede? conosci Kopp Nachrichten?

  • archimede:

    Certo Ceci, è una fonte di informazioni eccellente, ma a volte anche lui nasconde alcune cose che si dovrebbero sapere , comunque ti inoltro anche altri Link da cui puoi trarne notizie vere :
    http://www.sackstark.info/ dalla Svizzera

    http://hinter-der-fichte.blogspot.it/

    http://www.fschuster.de

    Lascia stare i soliti Media come ..Die Welt / Der Spiegel / Bild Zeitung / Faz / Frankfurter Allgemein Zeitung etc..etc..sono controllati dai soliti che controllano anche i nostri giornali, si e no solo la data corrisponde-

  • S. Effrena:

    Ma che razza di idiozie? Sono in contatto con giapponesi e non esiste nulla di tutte queste cose. Tra l’altro lì hanno spento tutte le centrali atomiche e si preparano ad una vera rivoluzione energetica. Questo articolo è puro catastrofismo fatto di “se”, “forse” e così via.

  • archimede:

    Effrena..datti na frenata, se sei in contatto con giapponesi attento che non vai in corto circuito, se hai delle prove contrarie a quello che si scrive, sei pregato di metterle Online-

    Grazie

  • archimede:

    Poco fà arrivata la Notizia che gli USA stanno togliendo 9.000 soldati dal Giappone in fretta e furia, non è stato specificato il motivo, ma presumo che a breve ci sarà qualcosa di catastrofico.

  • Sono Nicola Rossi, webmaster ed admin del portale meteorologico, ma non solo, Nazionale: http://WWW.METEOSERVICE.IT

    Mi inserisco solamente per ringraziare questa testata che, mio difetto, scopro esistere solo oggi dopo aver notato degli ingressi diretti all’articolo che avete trovato.

    Ringrazio Fabio Fornara, “scopritore” di questo come di molte notizie “scomode” nella rete, notizie che potete trovare spesso proprio nelle nostre pagine al link: http://www.meteoservice.it/forum – abbiamo delle rubriche che parlano anche di scie chimiche, del progetto “HAARP” di ufologia e fenomeni di percezione extra sensoriale, ovvero di tutte quelle eventualità e situazioni che la scienza non spiega non potendolo fare.. o, peggio, quando la stessa voglia “negare” qualcosa che è in essere e magari sotto gli occhi di tutti.

    Non ci si esprime a priori, la coscienza di ognuno di noi saprà ragionevolmente dare la corretta interpretazione secondo i propri crismi.

    Vi aspettiamo numerosi a voler visitare le nostre pagine ed a volervi registrare al link

    http://www.meteoservice.it/forum/register.php

    Vi ringrazio molto per l’attenzione ed auguro a tutti voi BUONA LETTURA.

    Con stima

    Nicola Rossi

  • Stef:

    per quanto se ne sa questo ritiro era pianificato da tempo.
    in piu okinawa e’ molto a sud di tokio ed a maggior ragione di fukushima
    inoltre si tratta solo della meta’ dei marines di stanza a okinawa, gli altri rimarranno li.
    non credo che questo abbia nulla a che fare con catastrofi.
    http://www.guardian.co.uk/world/video/2012/apr/27/japan-us-marines-okinawa-video?newsfeed=true

  • archimede:

    Caro Stef, non credi che sia ora di andare a nanna e non prima di aver detto tre Ave Maria e tre Padre Nostro in direzione la Svizzera ? se cerchi di screditare le persone con i tuoi passaggi a bassa quota, ti consiglio di prendere subito quota e di sparire tra le nuvole, -

  • Alessandro:

    Stef ma pensi che in questo sito si usino rigore, serietà e controllo delle fonti? Qua si crede a qualunque cosa, basta che sia sconcertante… ora non accadrà nessuna catastrofe (non intendo dire che ciò che è successo a Fukushima non sia stato catastrofico, intendo solo dire che non succederà nulla di nuovo) ma si dirà che la catastrofe c’è stata e che i media mainstream non ne parlano… insomma se le cantano e se le suonano da soli…

    • Domenico Proietti:

      Sig. Alessandro permetta un appunto. Lei quante persone conosce nella vita reale sincere al 100%? Purtroppo si constata, che neanche i propri genitori possano dire certificandolo al 100%, quanto viene nei discorsi familiari detto ai figli.

      Quindi, noi come Lei, dobbiamo solo che affidarci a quanto troviamo nel virtuale, confidando poi, che tra tanta informazione si raccolga assomandola, quanta più verità possibile. Di più non possiamo fare.

      A rileggerla, possibilmente con meno malignità.

      - moderatore -

  • archimede:

    Alessandro ..togliti lo scafandro e vedrai che ci vedi meglio, se la cantiamo la cantiamo per tutti e non solo per noi(cù sà canta sà sona?) e no , sappi bene che il 99,9 %di quello che abbiamo scritto sono cosa realmente accadute , tu sei l’1 % e quindi sei virtuale e non reale ,tra un paio di mesi quando cominceranno i pruriti sulla pelle ed il respiro ti si farà pesante potrai chiedere in questo sito come fare per superare questi problemi, stanne certo che troverai la risposta giusta-
    PS: ti dice nulla Siracusanews,il giornale cittadino che censura alla grande e che scambia ******* per lampioni?, a mè personalmente sembra che tu sia un loro collaboratore o forse mi sbaglio?-

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE