Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Dopo la tassa sugli sms dalla riforma della protezione civile arriva una nuova sorpresa, niente più risarcimenti per terremoti e alluvioni ma ogni cittadino dovrà stipulare privatamente un’assicurazione.

Dopo la famigerata tassa sugli sms, dalla riforma della protezione civile arrivano altre sorprese. Il Governo infatti non ha più intenzione di risarcire i cittadini colpiti da alluvioni, terremoti e altri disastri naturali nel futuro, è quello che si legge nel decreto di riforma della protezione civile varato dall’Esecutivo Monti. Con il deficit di bilancio, al Tesoro hanno fatto i conti ritenendo non più fattibile il risarcimento dei danni agli italiani colpiti dalle calamità naturali che nel nostro Paese sono abbastanza frequenti seppur circoscritte geograficamente. Tutto sarà delegato alle assicurazioni private che ogni singolo cittadino proprietario potrà stipulare per proprio conto sull’abitazione e su cui si decideranno successivamente sgravi e incentivi da parte del Governo.

Ricostruzioni e ristrutturazioni delegate ai singoli cittadini – Se il decreto dovesse essere confermato in fase di conversione in legge risulterebbe un’autentica rivoluzione per il sistema italiano, dove i cittadini sono da sempre abituati a ricevere il sostegno pubblico in caso di danni provenienti da calamità naturali. Insomma sia in caso di crolli che danni a provvedere alla ricostruzione o ristrutturazione dovrà essere il proprietario con i suoi fondi o quelli dell’assicurazione, nel caso sia stato previdente e abbia potuto permettersela nel corso degli anni. Tutto questo nostante il Governo abbia approvato la possibilità di aumentare la benzina per far fronte alle emergenze.

La normativa prevede un periodo di transizione – La normativa prevista dal decreto legge sulla riforma della Protezione Civile non andrà in vigore immediatamente, ma data la delicatezza del tema si prevede un periodo di transizione durante il quale si dovrà stabilire un regolamento preciso per avviare la fase assicurativa. Per il momento si prevede solo la possibilità di stipulare assicurazione per ogni tipo di fabbricato privato a scelta del cittadino, anche se la strada ormai sembra intrapresa. Nello stesso progetto di riforma, infatti, è stata ridotta drasticamente anche la durata dello stato di emergenza che non potrà durare più di 60 giorni con un prolungamento massimo di altri 40.

Una scelta che rischia di creare disuguaglianze - Una scelta questa che farà discutere a lungo visto che per evidenti motivi chi si trova ad abitare in zone a rischio dovrà sborsare molto di più alle assicurazioni provocando un’evidente discriminazione. Una soluzione avanzata da molti è quella di rendere obbligatoria l’assicurazione per tutti a costi concordati con le società assicuratrici che, però, risulterebbe in sostanza una nuova tassa preventiva sulle future catastrofi.

Fonte: fanpage.it

 

[n.d.a.]In tempi non sospetti e non certo nefasti come quello odierno, che vede l’Emilia-Romagna colpita da terremoto con crolli, morti e feriti, in Rete appena saputa la notizia dell’ennesimo attacco fatto ai cittadini dal Governo Monti, la rete risponde con una petizione, petizione che purtroppo ad oggi conta solo 645 firme sulle 100.000 previste.

Un piccolo e non trascurabile appunto. In casa quando si assume una Governante, lo si fa per tutelare la casa e la famiglia. Al momento che, chi governa la Nazione rifiuta di provvedere al territorio e ai cittadini, vi domando – ha ancora un senso avere un Governo, considerando che siamo governati come Popolo da evidenti cialtroni? Fate voi.

Per chi volesse mantenersi informato sulle scosse, la magnitudo e l’ora, può seguire gli aggiornamenti sul sito dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

29 Commenti a “Niente più risarcimenti per le calamità naturali, ci vorrà l’assicurazione”

  • Spartaco:

    Ecco questa è la centesima prova che ormai lò stato italiano voluto dagli italiani per auto tutelarsi e vivere in un paese costruito per loro stessi come loro lo volevano, costato centinaia di migliaia di morti, sacrifici e via dicendo, è solo al servizio della cupola finanziaria italiana e mondiale.
    Con questa legge fatta a posta per far lavorare i banchieri dovremmo tutti insorgere, ma invece ci interessa solo chi cazzo a vinto lo scudetto.
    In poche parole lò stato italiano è una cosa che serve a raccimolare risorse di ogni genere e ad essere fedele servo dei soliti potenti criminali americani, inglesi, sionisti, eccc……. e gli italiani relegati ad esseri viventi che vegetano su questo territorio, ormai prossimo alla miseria, senza nessuna tutela.
    Auguri gente, auguri, si salvi chi può.
    Buona Domenica.
    Preghiamo Dio.

  • A questo punto suggerisco di investire nei camper,e /o strutture come case in legno al 100% tipo baite,sono antisismiche entrambe le soluzioni,e non acquistare piu abitazioni in cemento da palazzinari vari.

  • beppe47:

    Ma che cosa c’è da commentare? C’è solo da piangere. Per progettare tutto questo ben di Dio non serviva un “bocconiano”. Bastava Dracula il vampiro. Lui almeno un ‘po di sangue ce lo avrebbe lasciato. Concetti come “NAZIONE,SOLIDARIETA’ ” non hanno più alcun senso.
    Siamo solo 60mln di condomini di un condominio sgarruppato e fatiscente, dove te la cavi se sei riuscito a farti una ricca assicurazione perchè sai che comunque non ti aiuterà nessuno. Un possibile scenario potrebbe essere questo: “Mi dispiace sig. Pinco Pallo, la sua assicurazione non copre tutta la ricostruzione: possiamo pagarle solo la tinteggiatura”. Oppure: “Mi spiace che non abbia letto la postilla: paghiamo solo scosse di terremoto superiori al coseno della tangente dell’eventuale orbita lunare decurtata della massa degli stronzi che hanno firmato un assicurazione moltiplicato la radice cubica dello stipendio del “bocconiano”.

  • Moreno:

    Niente risarcimenti,niente tasse….

    • Nunzio:

      Concordo!!! Anche perchè o si mangia o si pagano le tasse…tasse…tasse…ma quali tasse? Le tasse si dovrebbe eventualmente pagarle in uno Stato civile che tutela e rispetta i suoi cittadini…Da noi che viviamo in uno stato di merda governato da putridi avanzi di feci si chiamano semplicemente: pizzo, camorra o altro che dir si voglia!!

  • Luca:

    Una domanda, dopo il terremoto dell’Aquila, qualcuno può dire con certezza di aver ricevuto dei rimborsi per danni dal governo? Quanta gente vive ancora in una tendopoli, nei container, in alloggi in affitto dal comune, in hotel requisiti? Insomma, prima di questa ennesima infamia, lo stato pagava?. O prometteva solo?

    • cristiano70:

      Mi permetto di rispondere io alla tua domanda :
      a) Prima, con la Lira, lo Stato stampava la valuta necessaria alla ricostruzione che, purtroppo, per il 70% spariva nelle tasche dei politici democristiani ma, almeno, qualche casa, non tutte, la ricostruivano ;
      b) A l’ Aquila sono state ripristinate solo le case classificate “B”, cioè, leggermente lesionate mentre tutto il resto è rimasto al 6 aprile 2009 ;
      c) Qualche soldo è arrivato e se li sono mangiati subito i Massoni e buona parte del Clero ;
      d) I vincoli imposti dalla sovraintendenza alle belle arti per i monumenti e le case del centro storico hanno soffocato sul nascere qualsiasi iniziativa di ricostruzione con fondi dei privati cittadini che si ritrovano (cornuti e mazziati) con i loro immobili distrutti e senza il potere di ricostruirli in proprio.
      Il Mercato si è impadronito dello Stato e non arriveranno mai i fondi per la ricostruzione senza un “Project Financing” che presuppone un indebitamento delle Imprese private verso le Banche, le quali, ci devono far soldi su queste disgrazie.

  • sanzo:

    Dunque a che serve pagare le tasse se le istituzioni non mi danno niente di ritorno?
    Non mi curano e mi devo pagare le cure per conto mio!
    Usano la forza pubblica per difendere gli interessi privati!
    C’è una calamità naturale e nessuno mi aiuta!

    Tutti con il camper come i rom che a quanto pare avevano già capito tutto come funziona il mondo!

  • Flyingdutchman:

    Negli USA, in particolare nella sismica California, e’ sempre successo che i possessori di assicurazione per la casa o contro i terremotti conservavano la polizza in casa. Quando poi il terremotto (oppure semplicemente un incendio) distruggeva completamente la casa il padrone di casa si ritrovava senza la polizza e nonostante tutte le assicurazioni avessero una copia della polizza nei loro uffici, negavano spudoratamente di averla con povero cittadino che non solo aveva pagato per tanti anni l’assicurazione ma che poi non poteva neanche riscuottere il premio in caso di calamita’. E il tutto con la complicita’ del governo della California (o di altri Stati) e di quello federale. Percio’ se leggi simili verranno applicate anche in Italia, consiglio a tutti di conservare la polizza in una cassetta di sicurezza in banca o da qualche altra parte. Piano piano (in Olanda lo stanno gia attuando con il servizio sanitario che si sta sempre piu’ privatizzando) il pessimo modello americano sta prendendo piede anche in Europa, dove a differenza dell’America, specialmente in Italia, le tasse sono molto piu’ alte.

  • Tao Crocus:

    HAARP è sempre più business…

    • mamma:

      ho pensato anche io al purtroppo poco conosciuto HAARP-PERCHE’ LA BASSA PROFONDITA’ FAREBBE PENSARE ;FAREBBE PENSARE CHI CONOSCE QUESTA STRANA TECNOLOGIA-MANCAVA GIUSTO LA LABORIOSA EMILIA-MA CREDO CHE AVREBBE POTUTO ANDARRE ANCHE PEGGIO ,QUINDI A RIMBOCCARCI LE MANICHE ,A TESTA ALTA E CI DETRARRANNO LA ASSICURAZIONE ,FORSE !

  • Vasco:

    Attenzione alle assicurazioni private ! In America la Sanità è nelle mani di un cartello di cinque Compagnie assicurative.

    Quasi sempre la polizza prevede un plafond oltre il quale la Compagnia assicurativa non rimborsa e la gente fa spesso fallimento (ammesso negli USA anche per i privati come avverrà presto anche in Italia) a causa di spese per malattia.

    La gente che lavora qui in Italia non ha tempo per informarsi e comunque la gente è un gregge. Ebbene, negli USA se la Compagnia assicurativa riesce a dimostrare che la malattia (il diabete come esempio classico) dell’assicurato preesisteva alla stipula del contratto essa non è tenuta a far fronte agli oneri. Per gli ultrasettantacinquenni è praticamente impossibile vedersi rinnovare la polizza a tariffa normale.

  • eric:

    Che tempismo il governo dei banchieri! ha varato questo decreto legge 3 giorni prima del terremoto che ha colpito questa notte l’Emilia Romagna.

  • Gozer:

    Quindi per i danni causati dalle calamità naturali niente rimborsi, se mai ci sono stati in passato, mentre il servizio pubblico agli stadi lo devono pagare i contribuenti, che se lo pagassero i vari club e le tifoserie.

  • tiziana:

    Dunque cancelliamo la protezione civile. A che serve? ad organizzare i viaggi papali e a foraggiare una quantità di pseudo associazioni di volontariato (dove i volontari lavorano gratis e gli organizzatori intascano i contributi). Gabrielli e co possono andare all’ufficio di collocamento. Licenziati!

  • Jack Star:

    Per quanto mi riguarda non riconosco piu questo Stato come potrei riconoscere uno Stato che invece di assisterre i suoi cittadini li massacra con le tasse e a chi non ce la fa a pagare li pignora la casa e tutto quello che possiede, gli toglie i servizi o se glieli da sono servizi da terzo mondo o anche da quarto. I cittadini pagano le tasse per non avere piu’ nulla in cambio? Togliere i risarcimenti per le calamità mi sembra una grande presa per il culo! Per me queste persone che ci stanno governando dovrebbero essere rimosse immediatamente non hanno nessuna legittimazione per governare un popolo di quasi 60 milioni di persone per quanto riguarda i politicanti che siedono in Parlamento dico solo che mi fanno orrore solo a vedere la faccia di bronzo che si ritrovano ma a loro del nostro giudizio non gli interessa nulla perchè altrimenti non si sarebbero mai comportati in questa maniera se avessero avuto un minimo di dignità, moralità e serietà. Mi auguro per il bene nostro e dell’Italia che presto questa notte gelida lasci il posto ad una alba chiara.

  • Nunzio:

    Ho appena firmato la petizione…con poca, pochissima convinzione…a cosa servirà, a cosa sono mai servite le petizioni? Mi riesce solo di immaginare, invece, 100.000, 1.000.000, 10.000.000 di persone che marciano tutte insieme verso Roma a cacciare a calci in culo tutti i magnaccia di montecitorio, Vaticano incluso!!!

  • Gozer:

    Se vi andate a vedere il gioco delle carte degli illuminati è previsto tutto, dal 9\11-pentagono, ai terremoti artificiali e le scie chimiche alla pressione fiscale che porta ai suicidi, vedere per credere. Il gioco è dei primi anni novanta.

  • peppino:

    Si…… assicurazione obbligatoria sulle case quindi un’ennesima tassa in favore delle cricche a cui monti fa riferimento banche ed assicurazioni.

  • Bostongeorge72:

    Suggerisco ai poveri cittadini terremotati di non pagare più le tasse allo stato italiano. E non stupitevi se qualcuno fischia l’inno nazionale..p.s. Signor monti, ma non si vergogna neanche un po’?

  • peppino:

    @ Nunzio concordo sul vaticano………covo di pederasti.

  • archimede:

    Bostongeorge72, quello non conosce neanche sua moglie e nemmeno sua madre se mai l’abbia conosciuta, si stà strofinando le mani per la somma di denaro che i suoi padroni gli hanno messo a disposizione per tutto il danno che stà facendo agli italiani, se credevate che era solo la Grecia a dover subire lo smantellamento sociale /culturale vi sbagliate di grosso, Monti ha solo una cultura : l’assassinio collettivo dei popoli, è un Khazaro della peggior stirpe , i suoi collaboratori sono dei Magnaccia e Maitresse falliti/e ,solo con l’appoggio dell’elite stanno coronando il loro sogno-

  • Georg:

    Il conto è da presentare a mariomorti, ai poteri che rappresenta, a napolitano e ai partiti che sostengono il governo in parlamento: pd, pdl e centristi.

    Fra la gente non vedo il minimo segno di ribellione. E questo è l’aspetto peggiore della vicenda.

  • alessandro buttazzoni:

    Io non mi meraviglio più. Nemmeno negli Stati Uniti , patria del self made man e del minimo intervento dello stato , si era arrivati a tanto. La prossima volta che qualcuno elogerà il nostro Presidente della Repubblica , che ha permesso la nomina di una siffatta compagine di banchieri, imparerà la lezione.

  • Al.b.:

    E poi sento ancora gente che dice… “sì, è vero, mi accorgo che è tutto uno schifo, ma andrò a votare il mio stesso partito di sempre (che avrà magari cambiato nome, nel frattempo), perchè piuttosto che vinca il partito contrapposto”. Ma se X,Y.Z ecc. sono tutti amici del governo, cosa importa chi vince? I cittadini ne soffriranno comunque!

    Eppure ancora molti non capiscono, credono che i singoli partiti abbiano delle proposte valide e davvero differenti gli uni dagli altri. Pensano che i loro partiti del cuore non riescano a realizzarle solo per sfortunate circostanze…

    Una piccola rivoluzione si potrebbe fare con pochissimo sforzo e in maniera assolutamente pacifica, ma richiederebbe grandissimo coraggio e volontà di uscire dagli schemi: per le prossime elezioni stiamo tutti a casa e facciamo “saltare il quorum”…

    • Spartaco:

      Concordo pienamente……ormai sono tutti lobotomizzati e terrorizzati dalle bance….che gli chiedono i rientri.

  • Raffaele:

    quel che mi meraviglia ,che i partiti tutti abbiano taciuto.ma che sono diventati tutti matti?
    il timore di perdere il posto,ha prevalso e il prof.Monti ,anzi senatore a vita,ha giocato sul ricatto;o così o tutti a casa!
    I nostri deputati ,che per protestare sui rimborsi elettorali hanno fatto fiamme e fuoco,per questo decreto non si sono fatti neppur sentire:
    il loro silenzio è chiaramente la contropartita a far passare il decreto ,come dicono al sud:A UMMA UMMA!E il nostro garante della costituzione che dice?o si sta interessando come assicurare la casa a Capri o giù di lì?
    Andiamo in piazza;ma facciamo sentire le nostre proteste senza tante richieste di apertua di tavoli o tavolini!
    Signori,la cosa è seria:Questi stanno vendendo le nostre ossa agli assicuratori,banchieri,e amici degli amici.Altro che mafia!
    Tra l’altro sembra proprio che il colpoldi genio del nostro prof:abbia portato Jella e che jella,domandatelo ai romagnoli ,emiliani e altri terremotati.Sig. Presidente ma come le è venuta in testa una scelta cosi maleaugurante.Se non sbaglio Lei è napoletano :faccia le corna per turtti noi:

    • Raffaele:

      non ho letto la prima parte del mio commento.evidentemente per ragioni di spazio avete pubblicato solo la fine.penso che sia più che chiara.
      Spero proprio che il nostro Presidente ci faccia sù un pensierino!non credo proprio che voglia essere ricordato solo per questa BOIATA!

      • Domenico Proietti:

        Ho controllato tutti i commenti a ritroso, ma oltre ai tre visibili a suo nome non ne ho trovati altri.

        - Admin -

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia