Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

In questi giorni, noi popolazione belante, e in alcuni casi recalcitrante, siamo preoccupati per ciò che sta accadendo. Ma mentre le pecore belanti sono preoccupate per quello per cui viene detto loro di preoccuparsi, le pecore recalcitranti, conosciute con il nome di complottologi, sono preoccupate per tutt’altri motivi.

E questo perché i complottologi hanno la pretesa di conoscere i meccanismi reconditi della Storia e di saper interpretare con maggiore chiarezza la realtà. C’è un po’ di snobismo, in questo, ma temo che, nei fatti, non si vada molto lontano dalla verità.

Se le masse si bevono la storiella del lupo cattivo, con solo qualche accenno alla strategia della tensione messa in opera dagli apparati statali, senza che ciò susciti un adeguato sdegno, la minoranza dei complottologi teme l’avvento del NWO, implementato da precisi passaggi successivi.

Le tecniche sono conosciute, ma solo da pochi intenditori, avendo tali metodologie, come una specie d’incantesimo, l’antivirus per non appalesarsi alla gran massa dei cittadini, che suddivideranno gli eventi sulla base di rigidi schemi manicheistici.

Ecco, senza ulteriori indugi, l’articolo di TNEPD. Un articolo che, in base alle ferree leggi del contrappasso, tocca a me, che li scrivo lunghi, introdurre. Un articolo, dal mio punto di vista, vertiginosamente corto. Ma denso.

 

IL PERCHÉ DELLA STRATEGIA DELLA TENSIONE, DELLE BOMBE E DEGLI ATTENTATI (PASSATI E PROSSIMI VENTURI)

 

 

Sarò breve:

vogliono introdurre la pena di morte.

E’ in programma da tempo e a breve lo faranno, senza chiedere il permesso a nessuno.

 

Tutto il resto (Falcone, mafia, giovani, rivendicazioni, ricorrenze, etc.) serve solo a distrarre i servi sciocchi.

Non dite che non ve l’avevo detto.

 

Un aiutino sul tema pena di morte (da leggere in rapida successione):

http://www.tnepd.com/2012/la-giustizia-usa

http://nonleggerlo.blogspot.com/2012/05/il-nostro-ex-ministro-dellinterno.html

http://www.tnepd.com/2012/profezie-politiche

 

23 Commenti a “Il grande fratellastro”

  • Luca:

    D’accordo sulla prima parte, dubbioso sulla conclusione

  • nata.libera:

    io non ci capisco niente di politica e altro

    l´unica cosa che vedo qui e mi fa stare male e la foto di sto soldato che sta per sparare a un essere umano
    spero sempre non sia vero
    :-(

  • ha ragione… tirano fuori la mafia generalmente quando devono distrarre le persone da problemi ben piu’ seri.

  • E come darti torto? Nel momento in cui ci sarà la possibilità di affrancarsi dal rincoglionismo generale dettato e dirottato da chi muove sapientemente i fili delle vite umane incoscienti di quello che pochi – seppure maledettissimi oligarchi – hanno impostato da secoli e perfezionato al meglio negli ultimi due o tre, ecco quello sarà il momento in cui la vertigine generale farà sbandare il mondo. Profezie astrologiche o meno, sostanzialmente sono convinto che la pseudo-libertà di cui ancora riusciamo a godere cadrà molto presto; anzi, per me in Italia è già caduta: noi – DE FACTO – stiamo vivendo una dittatura, ma nessuno ci fa caso! La pena di morte? E Caro Roberto, noi ce l’abbiamo da tempo in mezzo alle strade…ora l’occasione è buona per militarizzare la nazione, e lo faranno se i polli li conosciamo bene! Unlucano, nel suo piccolissimo mondo, cerca di strappare un ictus alla regione più devastata d’Italia, insieme alla OLA e a pochi altri..forza Uagliuni&Uagliune scetammc e jettamm na bestemmia pe sta libertà!!

  • E’ da tempo che mi sforzo su S L per divulgare un messaggio, le recenti crisi, con l’ausilio del nuovo governo tecnico, con l’introduzione di leggi, fastidiose,provocatorie e vessatorie, non sono altro che il tentativo subdolo, affinche’ la gente esasperate cominci a camminare per strada inveendo contro le istituzioni, avendo per certo inquadrato il famoso trio attentatorio, e cioe’ PROBLEMA-REAZIONE-SOLUZIONE, il piano di una militarizzazione su scala europea e’ gia’ in atto, introducendo anche il recente attentato alla scuola di Brindisi, che va a braccetto con quello in Francia sempre in una scuola, che scopiazza in tutto le strategie messe in atto dagli americani, inglesi, francesi quando pur di ottenere un obiettivo organizzano loro falsi attentati. Ritornando alla questione tema del servizio, esiste da tempo questo progetto, e il popolo ci caschera’ come un pollo, la vera reazione logica da compiere, come gia’ altre volte accennato, sta’ nella rivoluzione passiva, e cioe’ acquistare beni di sopravvivvenza per tre mesi, non uscire piu’ di casa, lasciare l’auto in garage, non pagare piu’ tasse,debiti, bollette, lasciare vuote le scuole, gli uffici pubblici, insomma una totale eclissi della gente, a questo punto le autorita’ in ginocchio, non potranno militarizzare nulla, la rivolta silenziosa si impadronirebbe dell’opinione pubblica mondiale che visionandi l’accaduto sara’ portata a riflettere, in sostanza questi mostri non sarebbero nelle condizioni di fare nulla, certo non potra’ venire un soldato a dirmi di uscire di casa a comprare benzina, o mi imporra’ di pagare tasse e bollette con il fucile in mano, riflettete su questo, l’unico rimedio intelligente per contrastare i piani diabolici di questi criminali. Grazie Oracolo

    • NEO:

      Oh caro Oracolo, non sai da quanto tempo vado ripetendo questo mantra, sono anni che ripeto che la lotta più efficiente sarebbe quella che hai appena citato.
      Il problema più grande x la gente belante, è proprio questo: mangiare x mesi scatolame, non uscire al weekend, non poter vedere gli amici all’aperitivo, non ANDARE ALLO STADIO, e tutte le altre stronzate che ci riempono la “”vita”".
      Non gli frega un ****** di quello che sta x succedere (non se ne rendono nemmeno conto), sento ancora dire che quando la crisi presto passerà, ritornarà tutto come prima.
      C’è ancora “gente” che spera di avere un mutuo, di essere assunto a tempo indeterminato, di avere la pensione…..
      Ma di cosa stiamo parlando, come facciamo a far ragionare gente che parla ancora in questo modo???
      La mia più grande certezza è : che al momento che salta tutto, ci dovremo proteggere da i “nostri simili” che non vogliono che cambi niente, più che dai poliziotti armati.
      Intanto visto che prevenire è meglio che curare, io comincio ad oliare il ferro, che circa 3 anni fà mi sono comprato (regolarmente), e poi si vedrà…..

    • Sandra:

      @ NEO
      siamo sempre daccordo io e te…. anch’io temo di più le masse ipnotizzate che i cattivoni al potere. Siamo daccordo anche sul ferro, odio le armi, ma in caso di carestia non mangeranno i miei animali! ;-)

  • Woland:

    Chiedo scusa ai commentatori, che sembra non leggano neppure stampa libera, oppure hanno la memoria corta.
    LA PENA DI MORTE C’E’ GIA’ è contemplata nel trattato di Lisbona. La MILITARIZZAZIONE C’E’ GIA’ ,
    altrimenti non saprei come chiamare il trattato di Velsen e ciò che ha partorito, cioè la superpolizia Eurogendfor.
    Semmai occorre introdurne l’applicazione in modo da assuefare l’opinione pubblica.
    Morale:
    “Libertà significa fare ciò che è permesso dalla legge” (dai Protocolli dei savi di Sion”)

    • Ceci:

      Bravo Woland! :)

      ufficialmente sulla Carta Europea c’è scritto che la pena di morte è abolita. Questo lo riportano nel testo del trattato; però c’è una nota a pie’ pagina che dice “eccetto che in casi di guerra, di disordini, di insurrezioni, ecc.”

      disordini?? insurrezioni??!! che si intende con disordini e insurrezioni?!
      mah!
      come disse Andreotti? ah giá!!
      “A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina”

  • La pena di morte è lavorare 9-10 ore al giorno per portare a casa 1000 euro al mese,la più lenta e la più feroce. Produci,Consuma e Muori, e dopo che hai finito di produrre e consumare, muori il più velocemente possibile, questa è la VERA pena di morte, esiste da sempre,ma pochi ne sono consapevoli.
    La rivoluzione Vera è interiore,potremmo cambiare il sistema domani se solo lo volessimo.
    Tutti dicono di volere la libertà,ma la libertà esige delle scelte ben precise, e certe prese di posizione.

    Sono d’accordo con tutto quanto esposto da Oracolo.

  • anna:

    Bravo Oracolo, credevo di essere l’unica a pensarla cosi,sono felice di non essere una mosca bianca, vedo che molti la pensano come me.Ma, non è in questo modo che Ghandi sconfisse i colonizzatori britannici liberando l’india senza alcun atto di violenza, con una guerra passiva?

  • Dobbiamo essere tutti COMPLOTTISTI.
    Fino a quando la parola COMPLOTTISTA comincera’ ad assumere una valenza POSITIVA.
    In quel momento le cose saranno MUTATE.
    Stiamo tornando agli anni 70. Strategia della tensione-Opposti estremismi- Stragi di stato-Governi di SOLIDARIETA’NAZIONALE finalizzati alla lotta al TERRORISMO.
    Entro breve tempo cominceranno a sparare a qualche giornalista (futuri Casalegno-Montanelli) a qualche giudice (futuri Coco..) a qualche sindacalista con l’aggravante che sono diventati PIU’ FURBI grazie alle esperienze del passato.
    Penso che la strategia suggerita da Oracolo possa essere una delle migliori. Sara’ comunque facile ad avverarsi perche’ la POVERTA’ sta aumentando a vista d’occhio, per cui non ci sara’ bisogno di propaganda per non PAGARE LE BOLLETTE.
    Semplicemente non verranno pagate a partire dal Canone TV. (sono un ex leghista della prima ora, deluso profondamente. Almeno avessero abolito il Canone, ora non avrebbero subito una tale BATOSTA)
    Il presidente Napolitano dice che VIVIAMO AL DI SOPRA DELLE NOSTRE POSSIBILITA’.
    BRAVO. Allora tassiamo tutti gli SPOT PUBBLICITARI che ci spingono a vivere al di SOPRA DELLE NOSTRE POSSIBILITA’.
    1.000 Euro di tassa per ogni spot, per ogni televisione. Ne fanno 10 ogniquarto d’ora.
    Sostituiamo l’IMU con la tassa sugli SPOT.
    (quando c’era stato il REFERENDUM sugli spot in TV, i favorevoli, Berlusconi in testa sostenevano che gli SPOT NON FANNO AUMENTARE I PREZZI DELLE MERCI, perche’ il loro costo viene suddiviso su MILIONI DI PEZZI PRODOTTI…)
    Purtroppo per noi, questi signori che ci dirigono, sono riusciti ad ALLEVARCI come tanti pesci nell’Acquario.
    Noi pensiamo che non esista la vita fuori dall’acquario, perche’ non abbiamo mai saputo che esiste il MARE, l’OCEANO.
    Ci hanno RINCOGLIONITO a suon di SPOT PUBBLICITARI…
    Ma e’ mai possibile che tutti i giorni le televisioni dicano:
    ” I MERCATI HANNO DETTO…”
    e mai una volta che dicano:
    ” LA GENTE, I CITTADINI DICONO…”
    a quei signori non interessa minimamente quel che la GENTE PENSA.
    E’ ORA CHE CI FACCIAMO SENTIRE, magari con una bella RIVOLUZIONE SILENZIOSA come suggerisce Oracolo.
    saluti Giovanni.

    • Ceci:

      Caro Giovanni, ne hai scritto di cose e, se mi é permesso esprimere un parere personale, non concordo con la maggior parte delle parole che hai buttato giú

      intanto direi che noi non siamo complottisti, dal momento che i complottisti sono coloro che organizzano i complotti, e non siamo noi, “qualcuno” ha pensato bene di cambiare il significato della parola “complottista”
      tu dici che stiamo tornando agli anni 70: magari! :lol:
      per quanto devo ammettere che per alcune cose negli anni 70 ci siamo ancora, vedi le leggi repressive nate allora e oggi piú attive che mai.
      Se si sparerá di nuovo a giornalisti e simili sará solo per poter aggiungere ancora piú repressione di quella che giá esistente, non é la soluzione del problema, gambizzare non risolve un bel niente, complica solo ancora di piú. Oppure pensi veramente che chi sparó a giornalisti & Co negli anni 70 erano i “rivoluzionari”? ops!!

      Non penso che siano gli spot pubblicitari a spingere la gente a comprare quello di cui pensa di aver bisogno, anche se é vero Bernays ha fatto un ottimo lavoro a suo tempo, nessuno é obbligato a comprare stupidaggini, nessuno é obbligato a vivere al di sopra delle proprie possibilitá, basta usare la propria testa e attivare il discernimento.
      È vero che la rivoluzione silenziosa é la via per eccellenza come é vero che LORO ci stanno portando alla rivoluzione silenziosa impoverendoci ogni giorno di piú, ma deve essere chiaro che quella strada, per i piú, é dura e in salita e molti non ce la faranno e LORO lo sanno bene, sí, proprio cosí!

      Per quanto riguarda la pubblicitá, essa rappresenta le gambe sulle quali si regge il consumismo, non si puó tassare perché ció diminuirebbe i loro introiti e aumenterebbe il benessere della popolazione, scusa la vena ironica ma sono realista fino al midollo :lol:
      Non c´é bisogno di tassare gli spots basta non guardare la tv, e il gioco é fatto, chissenefrega di quanti spots danno ogni quarto d´ora, se non si accende quella scatola deficente il problema si risolve da sé.

      Vedi Giovanni, la rivoluzione silenziosa é cominciata da un pezzo e sempre piú persone, per diversi motivi, si stanno aggiungendo al numero dei “rivoluzionari” attivi.
      È una rivoluzione basata sul rifiuto, sull´introspezione, sui valori personali, sul rispetto del prossimo e della propria Terra, é silenziosa e nessuno la sentirá ma non per questo non sará effettiva, al contrario!

      @Anna
      non sei una mosca bianca, sei in buona e nutrita compagnia ma ho paura di deluderti dicendo che Gandhi non sconfisse i colonizzatori britannici, quelli erano cmq sulla via del ritorno verso casa, credimi, gli inglesi non sono e non erano tipi che si facevano sbattere fuori cosí facilmente. Mi spiace ma é come credere che la rivoluzione francese é stata organizzata e vinta dal popolino. Sorry!

    • Gozer:

      A chi sparano? A Travaglio? Oppure a quell’altro, che quando lo vedo mi gratto i ********, sto parlando di Saviano, tutti amici di Sion. Nn ne vedo di giornalisti che denunciano questo stato di fatto, tanto da farsi gambizzare, piuttosto fanno fuori i ricercatori complottologi, la lista è lunga. Sui sindacalisti stendiamo un velo pietoso, sono diventati tutti politici di carriera, curano unicamente i loro interessi.

  • Ceci
    oggigiorno chi sta al potere definisce “complottista” gen^te come Roberto Duria che “PARLA”, si permette di PARLARE di certe COSE.
    Io voglio essere “complottista in quel senso”
    Comunque se c’e’ da LOTTARE in qualche modo, fai pure conto su di me.
    saluti Giovanni

    • Da qualche giorno ho deciso di sostituire la parola complottista con complottologo.
      E non ho neanche bisogno di metterlo tra virgolette.
      Spero che la nuova parola prenda piede.
      Ciao.

  • Ceci:

    @Gozer cit.:
    Nn ne vedo di giornalisti che denunciano questo stato di fatto, tanto da farsi gambizzare, piuttosto fanno fuori i ricercatori complottologi, la lista è lunga. Sui sindacalisti stendiamo un velo pietoso, sono diventati tutti politici di carriera, curano unicamente i loro interessi.
    …..
    beh, non vorrei dire ma, un paio di giornalisti ci sono eccome ;)
    ma non é quello il punto, il punto é che sparare a qualcuno NON é la soluzione di nessun problema.
    I complottologi vengono bloccati con i gatekeepers e sui sindacalisti … mi risulta che quelli hanno sempre e solo curato i loro interessi!
    Per come la vedo io, la pena di morte c´é sempre stata, le persone scomode sono sempre state fatte fuori, come e quando volevano solo che ora sará legale, questa é l´unica differenza e non é poco.

  • A Sandra.
    E’ lo stesso pensiero molesto che ho a volte anch’io: dover fronteggiare qualche affamato disperato, con o senza gli occhi a mandorla, che voglia papparsi la mia Pupetta.
    Solo che io non ho nessun ferro con cui fermarlo.

  • SDEI:

    @ROBERTO,

    la tua proposta di cambiare il termine COMPLOTTISTA(=ORGANIZZA COMPLOTTI) con COMPLOTTO-LOGO(=STUDIOSO/RICERCATORE di COMPLOTTI) la trovo molto sensata pertanto la faccio anche mia; le PAROLE hanno SEMPRE un alto valore “simbolico” ma anche “energetico”, ecco il PERCHE’ esiste il detto “Ferisce più la PAROLA che la SPADA” oppure anche un’ altro “PAROLE pesanti come MACIGNI” !!!

    HASTA SIEMPRE LA VIDA

  • SDEI:

    @CECI & Co.,

    su molte delle cose che scrivi SONO concorde in altre no; ad esempio dissento in veste sia di CITTADINO ora PENSIONATO che di SINDACALISTA locale dei pensionati sulla tua affermazione categorica “sui sindacalisti stendiamo…..”, bisogna distinguere tra i vertici
    romani sindacali(=QUASI TUTTI ARRIVISTI) da quelli periferici in grandissima parte come me VOLONTARI a servizio gratuito della SOCIETA’ e dei soggetti più deboli !!!

    Ti faccio una domanda IO che SONO un convinto COPLOTTOLOGO ANTICASTA, secondo te i LAVORATORI prima “attivi” poi “pensionati” sarebbero stati meglio o peggio senza il SINDACATO(!?); come donna forse ignori da quale tragico dramma succeduto negli USA è nata la cosidetta “FESTA della DONNA”, e ti sembra che le cose stiano meglio dove il SINDACAto è DEBOLE o addirittura ASSENTE evita per quanto possibile di confondere il degrado partitico & sindacale con lo scopo intrinseco originario di TUTELA degli stessi !!!

    E’ LA PARTE “OSCURA” DELLA NATURA UMANA CHE ALTERA I VALORI “SPIRITUALI & ETICI” DI UN’ IDEA, RICORDATELO SEMPRE MIA CARA SORELLA COSMICA CECI !!!

    NAMASTE’-ALOHA-HASTA SIEMPRE
    SDEI

    • Ceci:

      Caro SDEi hai ragione, non avrei dovuto generalizzare e di questo mi scuso sinceramente.
      Correggo quindi la mia affermazione dicendo che, a parte alcune persone che hanno VERAMENTE creduto ai sindacati e al lavoro che questi dovevano e dovrebbero svolgere, gli altri, i caporioni, si sono fatti gli affari loro.
      C´ero anch´io, Sergio, e nel mio piccolo so cosa ho visto e vissuto, siamo stati spesso venduti al miglior offerente, le lotte (dei LAVORATORI che perdevano soldi nello scioperare e rischiavano nel lottare in prima persona ) vinte lo erano principalmente ufficialmente, é stato concesso quello che si voleva concedere e, di norma, i motivi erano puramente di mercato.

      In tutte le associazioni che hanno a che fare , in un modo o nell´altro, con potenti esistono affiliati, volontari e altri che veramente credono in quello che fanno, ció non toglie che coloro che si trovano al vertice hanno sempre mangiato alla stessa tavola con gli aguzzini ben vestiti.

      No, non conosco il “tragico dramma succeduto negli USA da cui è nata la cosidetta “FESTA della DONNA”,”, se non andiamo troppo OT leggerei volentieri un paio di righe a riguardo.

      buona giornata :)

  • sdf117:

    …sono diventato COMPLOTTOFOBO!
    Se prima mi vantavo,non avendo collegato la mia tv all antenna,di non aver visto neppure una puntata del Grande Fratello,ora sono più felice se riesco ad evitare la faccia di Monti negli spot dei tg nazionali.E non è poco.
    TG – sta per Ti Giri…se non lo fai nel modo giusto però…

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE