Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Clicca sull'immagine per ingrandire

Il 5 febbraio 2012 pubblicavamo questo filmato a seguito di articoli che parlavano di terremoti e fracking.
Siamo dei veggenti? No, abbiamo solamente qualche abbozzo di antenna sulla testa che ci permette di comprendere ancora le cose, nella loro semplicità. Proprio in questi giorni la stampa di regime si é accanita contro Stampa Libera definendoci complottisti seppur  ammettendo alla fine, rimanendo nel vago, cio’ che stiamo sostenendo. La cosa che sconcerta é sempre la stessa: nessuno di questi prova a confutare le nostre informazioni evidenziate con tanto di link su fatti realmente accaduti. Non stiamo parlando di ipotesi. Stiamo parlando di avvenimenti in cui possiamo evidenziare  troppe coincidenze. Se una persona non ha un cervello fossilizzato, quantomeno si deve porre fortemente delle domande. E queste stesse domande le deve porre agli organi politici competenti con insistenza, visto che riguardano la nostra stupida vita, ma anche quella dei nostri figli.

Alcune domande vorremmo porre a questi soloni:

  1. Perché dal 2003 la zona diventa sismica? Guardacaso proprio dalla data di inizio delle perforazioni.
  2. Perché dall’inizio di quest’anno scolastico si é iniziato a fare anche in Pianura Padana le prove di evacuazione per eventi sismici nelle scuole? Quando gli stessi insegnanti parlano di zona esente dal pericolo sismico?
  3. Erano tutti stupidi i progettisti delle centrali nucleari di Caorso e quella che doveva partire ad Ostiglia da pensare di far funzionare delle centrali nucleari in una faglia sismica?
  4. Perché la Protezione Civile ha avvisato la popolazione che ci sarebbero stati dei sismi? Allora si possono prevedere? E sulla base di che cosa? Forse iniettando ad una certa pressione liquidi che aumentano ulteriormente la pressione si può avere una qualche indicazione del momento in cui il giocattolo si rompe?
  5. E’ un caso che qualche giorno prima del sisma il Governo coloniale italiano ha eliminato i risarcimenti contro le calamità naturali? Non vi sembra un giochino come quello di Napolitano che ha fatto senatore a vita Monti per poterlo mettere, subito dopo, a capo del Governo?
  6. Perché l’epicentro del terremoto é molto vicino alle attività di estrazione (vedi cartina)?
  7. Sapete chi é il maggior esecutore di fracking? Chi ha inventato questa tecnica? Di cosa si occupa Halliburton?
  8. Perché i Colli Euganei, in provincia di Padova, che dovrebbero essere un’area sismica essendo di origine vulcanica, non sono stati minimamente interessati dal terremoto? Forse perché sono di natura rocciosa e non sono soggetti alle conseguenze delle estrazioni, o fracking, o quello che volete?
  9. Perchè la Casaleggio di Grillo con i suoi partners americani (BP, AMOCO, MONSANTO, ecc…) non parla di terremoto?

La maggior critica che ci viene posta é relativa all’immagine della fuoriuscita delle sabbie sottili dalla crepa su un campo in cui ci chiedevamo semplicemente se si trattasse di fracking. Sapendo che in Italia non si sa nulla di quel che accade sulle cose che contano alla faccia della trasparenza (vedi le varie stragi del periodo della strategia della tensione fino alla morte di Moro, ecc…) chiediamo ai politici di dirci se hanno controllato le aziende petrolifere e se possono certificare che i terremoti di questi giorni abbiano o meno a che fare con fracking oltre alle estrazioni di idrocarburi e gas!

Pertanto la domanda rimane senza risposta da parte degli organi competenti!

Attendiamo con ansia le risposte dai lettori informati e studiosi e dai giornalisti dei maggiori quotidiani italiani che regolarmente vengono a leggere Stampa Libera (ci chiediamo perché visto che ai loro occhi saremmo complottofili?!). Grazie per la bontà.

PREGHIAMO I LETTORI DI STAMPA LIBERA DI POSTARE OVUNQUE QUESTO ARTICOLO PER VEDERE SE QUESTI PERSONAGGI RIESCONO ANCORA A SOTTRARSI AL CONTRADDITTORIO!

Clicca sulla foto per vedere il video

 

State tranquilli che la cosa non finisce qui… andremo a fondo sull’argomento e sbugiarderemo ogni disinformatore! Di argomenti ne abbiamo a tonnellate. Andate nei siti americani che hanno già vissuto queste esperienze e ci stanno convivendo ancora! E’ un dramma senza fine…

Ringraziamo tutti i lettori di Stampa Libera, che abbiamo scoperto essere svariate decine di migliaia al giorno, per l’affetto, per l’attendibilità che ci riconoscono e la vicinanza nelle nostre battaglie di libera conoscenza e sovranità di popolo!

 

Test e Fracking il permesso di far tremare il mondo

 Link: http://tuttouno.blogspot.it/2012/05/test-e-fracking-il-permesso-di-far.html
Esempi di terremoti indotti accertati

Rilievo Sismico 3D

(dal sito AleAnnaResources.com)
 
sito Bugia

In AleAnna, crediamo che un investimento nella tecnologia opportuna verrà ripagato nel lungo periodo.

Una tecnologia a cui ci affidiamo con convinzione è il rilievo sismico 3D. Il rilievo sismico 3D è un’alternativa economica ed ecologica alle perforazioni addizionali, poiché riduce drasticamente il rischio di trivellare pozzi non produttivi, e minimizza l’impatto sull’ambiente.
Il rilievo sismico 3D usa onde sonore per aiutare i nostri geologi a determinare la posizione dei giacimenti di idrocarburi. Le onde sonore rimbalzano sui diversi strati del sottosuolo e rilevano i cambiamenti geologici tra i pozzi, consentendoci di mappare efficacemente l’area di esplorazione.
sito Ponte del Diavolo

Con un investimento nella tecnologia di rilievo sismico 3D, otteniamo in cambio meno pozzi improduttivi, posizioni dei pozzi ottimali, una guida per le perforazioni orizzontali ed un’accurata comprensione delle prospettive.

Questa presentazione illustra il funzionamento del rilievo sismico 3D.
3D Seismic Imaging

View more presentations from intelliware

Fonte: http://www.aleannaresources.com/it/3d

Luoghi in cui la societa’ AleAnnaResources effettua i test e le estrazioni di gas:

Se in una zona non simismica e’ successo quello che e’ successo, immaginate in queste zone altamente sismiche:
Non so a voi ma a me ricorda un altro aggeggio che veniva utilizzato per la ricerca di giacimenti (anche se utilizzava il calore al posto del suono):

“The quake machine” L’arma sismica-Prima Parte.

Negli anni settanta i Russi avevano costruito un enorme generatore a pulsioni battezzato “Pamir” che poteva essere trasportato su un grosso camion.

Era una variante del generatore di Sakharov (MK1), a compressione di flusso.
Questo generatore chiamato anche Generatore di Pavloski utilizzava dei cannoni elettromagnetici, con un esplosivo chimico che interagiva con un potente solenoide (in regime di numero di Reynolds magnetico elevato).Questo sistema permetteva di far circolare forti correnti elettriche nel terreno.
Il dispositivo fu ufficialmente presentato come un sistema per analizzare la situazione di un terreno misurandone sulle grandi distanze e a grandi profondità la conduttività elettrica del suolo.
“Pamir” l’arma sismica! - tuttouno

Il sistema, usato con moderazione, può testare il terreno, come quando si danno leggeri impulsi su un blocco in equilibrio per vedere se è pronto a scivolare in un burrone.
Ma un tale sistema potrebbe non solo studiare la situazione pre-sismica del territorio, ma eventualmente innescare il terremoto.
Se la faglia non è pronta a cedere, occorrerebbe una notevole energia per innescare il terremoto.
Al giorno d’oggi ormai sappiamo che una variazione di conduttività è il segno di un imminente terremoto.

Con una simile macchina e dei dati geologici esatti, i militari potrebbero, in aree potenzialmente “ostili”, o per ragioni geo-politiche, innescare un devastante terremoto, uno tsunami o un’eruzione vulcanica….
- Qui le pagine originali dell’IVTAN, l’Istituto Russo per le Alte Temperature, che parla di uno di questi generatori Pamir:
http://www.ihed.ras.ru/mg/otdel6.htm
http://www.ihed.ras.ru/mg/Pamir3U.htm
Tutto l’articolo su Pamir qui:

76 Commenti a “STAMPALIBERA, fracking e terremoti”

  • Makoto:

    Oggi due amici *geologi* mi hanno confermato che la causa più probabile del terremoto on Emila è da attribuire al Fracking.

    • MI ha detto mio cuggino che una volta è morto…….

    • mic:

      ma in italia il fracking non è illegale?

    • elena:

      Vorrei una spiegazione, se qualcuno gentilmente può darmela. Abito nel Centese, e da quando è avvenuto il terremoto si avverte il vuoto nel sottosuolo, tutto risuona come se sotto di noi ci fosse…nulla.

      Ad esempio quando passa un auto sulla strada sussultiamo perchè produce un rombo particolarmente più intenso, così pure i pavimenti di casa, persino quando chiudo una porta risuona in modo anomalo.

      Questo fenomeno è avvertito distintamente da molte persone, e si tratta di un fenomeno che prima del 20 maggio non esisteva.

      Ci sono persone convinte che sotto di noi ci sia proprio il vuoto, ora.

      Dipende da quei 15 cm di sollevamento del suolo causati proprio dallo slittamento dell’Appennino, come dicono i geologi?

      Chi può darmi lumi? Grazie

  • b.:

    ciao..
    stamattina a radio 24 .milan ha detto che la teoria del fracking non sta in cielo ne in terra..ma questi la verita la vogliono conoscere si o no?..
    ciao e grazie
    b.

    • mic:

      la metodologia del fracking comporta l’attivazione di movimenti tettonici in aree sismiche ( quindi ovunque in italia tranne che in sardegna). E’ confermato da diversi studi da enti più che riconosciuti. La questione è che in Italia penso che il fracking non sia permesso per legge… e non lo so se è stato fatto lo steso o no, una cosa certa è che la pianura padana è a rischio sismicità da sempre e non dal 2003 come dice l’articolo….

  • Giuseppe:

    Vorrei cercare di capire. Credo, però, che la sostanza non cambi: qualche giorno fa leggevo un articolo di Debora Billi che sosteneva che in Italia non viene attuata la tecnica del “fracking” ma avvengono invece, ( anche nelle zone colpite dal recente sisma ), le più tradizionali “trivellazioni”. Qualcuno è in grado di specificare se quanto ho letto corrisponde a verità; anche perchè sarebbe meglio essere i più precisi e circostanziati possibile con coloro che cercano di sollevare grande polvere per evitare di vederci chiaro…e per non incorrere in troppo facili critiche…
    Poi, ripeto, molto probabilmente la sostanza non cambia…

    • Lino Bottaro:

      Caro Giuseppe giustamente la verità non cambia. Noi ci chiediamo se è il fraKing o prelievi immani di gas ad aver favorito il Terremoto (che noi siamo orientati a percepire di origine subsidente), Debora sa che il fracking in Italia non si fa. Brava mi dica quando è andata a ispezionare. Allora vale di più il nostro dubbio che ha la evidente intenzione di promuovere degli approfondimenti ed una risposta dei politici (che non c’è) o la sua certezza sulla correttezza dell’operato delle aziende petrolifere?
      Grazie

    • Chiedo io a lei Sig. Bottaro di portare le prove che in emilia hanno praticato il Fracking, l’onere della prova sta a lei che sta facendo l’affermazione, non il contrario.

      • Lino Bottaro:

        Caro Massimo noi non siamo ispettori del ministero, siamo un servizio pubblico che si pone le domande che le autorità dovrebbero a loro volta porsi. Non siamo il MaleFatto Quotidiano! In Italia non vi è una disciplina del frakching o meglio non è mai esistita. Nessuno è in grado di sostenere se ed in che misura eventualmente, questa pratica sia stata adottata ed attuata in Italia. I miei precedenti articoli riportavano dei commenti dei nostri uomini politici che non lasciano spazio all’immaginazione. Veda l’articolo Si fracking Lo shale gas potrebbe aprire nuove strade per l’approvvigionamento energetico in un momento particolarmente delicato a livello globale.

        …..L’Italia accoglie con favore l’avvio di approfondimenti a riguardo
        Diventa strategica l’opportunita di produrre
        gas naturale non convenzionale dalle gas shales
        Stefano Saglia e’ il sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico che ogni tanto dice delle cose folli. Secondo me non sa di quel che parla.

        E’ quello che un giorno ha detto che il limite delle 5 miglia della Prestigiacomo sarebbe stato tolto, solo per essere smentito il giorno dopo dalla stessa Prestigiacomo.

        Ora viene fuori con un’altra delle sue: facciamo fracking in Italia! (M. R. D’Orsogna)……

        Che il fracking produca terremoti è assodato, che le emungizioni dal sottosuolo creino terremoti di tipo subsidente è assodato. Ora ci dica lei a quale tipologia dobbiamo riferirci e informare i lettori ialiani.

        Quindi faccia il favore si informi lei che è così perentorio nelle sue dichiarazioni e informazioni e ci dica chi gliele passa che vediamo di capire anche noi. Grazie per il suo contributo

    • Maksimiljan Kodzak:

      No. In questo caso bisogna operare controlli approfonditi e specifici che vadano ad indagare l’operato di companie predisposte alle trivellazioni del territorio. Forse e’ il caso che la magistratura appra un’inchiesta. Ma visto in che mani e’ la magistratura (la vergognosa conlcusione del processo sui circoli pedo-satanisti a Rignano Flaminio n’e’ un esempio), sarebbe meglio diffondere una campagna politica contro queste trivellazioni… fracking o no fracking. Che ci posso fare: quando il governo assicura che e’ tutto a posto, senza particollari controlli, allora e’ il momentoi di dubitare parecchio. Infatti si accaniscono da matti contro tutta i media indipendenti per aver messo il problema in luce. Se il governo non attua controlli nemmeno dopo un dramma simile, allora che ci sta’ a fare li’ (ma lo sappiamo bene che cosa ci sta a fare). Vorreste dare tutta questa fiduca a queste companie, perche’ dichiarano di effettuare fracking? Allora siete ingenui e’ non sapete come operano queste corporazioni: se ne fottono delle regole… se poi’ anche il governo (loro amico) latita…

    • Maksimiljan Kodzak:

      EC: scusate, volevo dire “perche’ dichiarano di NON effettuare fracking?”

  • Antizionism:

    Il video non si vede! …..rimosso !

  • AG:

    Non possono essere effettuate analisi a “sentimento” in questo settore. Nemmeno da parte degli esperti.
    Pensate che Einstein quando vide gli studi del figlio (che pubblicò parecchio in tema di idrogeologia e trasporto solido) mica tanto scherzando disse “per fortuna non mi sono andato ad impelagare in cose così complesse e difficili!”.

    Riguardo alla questione del fatidico 2003 (quando spuntano sulle carte dal nulla aree sismiche) andatevi a studiare la “guerra” tra (ex) ministero dei LL.PP., competenze regionali e la Protezione Civile in forte ascesa di potere proprio in quel periodo.
    Nessuno sa niente sullo “scippo” di competenze?? E sulle norme compari-scompari su parametri di progetto?

    Direi che ragionare con la propria testa è sempre auspicabile ed importante…ma bisogna conoscere bene le cose.
    Purtroppo in questo ambito occorre molto “tecnicismo” di tecnica e normativa. E siccome sono argomenti raramente masticati dalla pubblica opinione è facilissimo prendere delle cantonate poderose. Non è come questioni legislative comuni, sanità o politica di cui bene o male si parla spesso.

    Per attaccare gente che mastica da decenni questi argomenti occorre profonda scienza, altrimenti mettere a sedere qualche avventato “sentito dire” è per questi un gioco da ragazzi.

    Molti esperti sono disponibili a prendere in considerazione informazioni e dati seri. Ma questi devono esistere e poi essere studiati. Fatelo con gente molto esperta e di cui vi fidate. Ma che sia anche pronta a dire “dopo quanto ho analizzato, mi dispiace ma non sono d’accordo”, quando la sua sceinza lo porta a dire ciò. Senza che questa venga classificata come serva del sistema, venduta o schiava delle corporations.

    Qualunque persona (geologo o ingegnere che sia) vi dicesse che sicuramente si tratta di questo o quello senza aver fatto delle analisi, non si comporta come dovrebbe!! Vi compiace o vi avversa sicuramente in malafede. Ovvero vi mente.
    La persona (oltre che il tecnico) corretta sospende il giudizio accetta qualunque ipotesi analizza i dati (e non è un lavoro di pochi giorni!) e secondo propria scienza esprime la propria opinione.

    Se tale giudizio è ricevuto da qualcuno altrettanto competente si possono fare delle adeguate critiche. Se tali competenze non si possiedono, mi dispiace, ma ogni giudizio lascia il tempo che trova. Potrà essere pubblicato su siti (anche ben curati come questo) ma pur sempre non tenuto in considerazione dagli esperti, compresi quelli onesti ed aperti ad ogni possibilità.

    Questa è il pensiero anche di chi è molto specializzato in questo settore e non sopporta possa essere fatto qualcosa di nascosto o per interessi occulti. A qualcuno potrà non piacere, ma questa è la verità.

    (ah, sono un igegnere geotecnico)

    • Lino Bottaro:

      Grazie del contributo

    • AG:

      Olga,

      hai ragione…anzi ragionissimo.
      I collassi, le subsidenze (persino i crolli) del suolo a causa di estrazioni sono noti. In fase preliminare di prassi si studiano le conseguenze sullo stato tensionale a causa di estrazioni ed emungimenti. Esistono modelli che simulano il corportamento del terreno sottoposto a tali pratiche. Esistono persino per gli emungimenti da falda. Ed anche per una serie di pozzi che agiscono in parallelo. Sono equazioni note e stranote, si studiano anche in università. Un qualsiasi studentello ricrea con poche decine di listato in Matlab tali simulazioni.

      Ma dire che mettere le mani nel sottosuolo alteri lo stato tensionale è una cosa…
      Dire invece che questa alterazione lo renda più vulnerabile è un altra.
      Infine dire che tale nuova condizione sia CAUSA del terremoto stesso è altra ancora.

      La prima (alterazione dello stato tens) è ovvia, acclarata e dimostrata…tanto che oramai basta inserire in un software specifico parametri come quelli che si ottengono da prove in sito ed in laboratorio (analisi granulometrica, stratigrafia, contenuto d’acqua, coesione, angolo d’attrito, resistenza al taglio e compressione…in prove drenate e non drenate) e si ottiene una buona simulazione dello stato deformativo in conseguenza di quello tensionale.

      La seconda (alterazione che rende più vunerabile) ovvero variazione delle caratteristiche meccaniche di resistenza del terreno. E’ un altro paio di maniche. Ovviamente è possibile ma bisogna verificarne l’entità! Sicuramente in un intono (sferico) una parte del terreno avrà condizioni meccaniche talmente alterate da non essere più “sicuro”…ma tutto dipende dal diametro di questo intorno. Potrebbe essere anche di pochi cm. Quindi questo secondo aspetto (vulnerabilità in conseguenza a…) va valutato molto bene. Questo è uno di quegli aspetti su cui si possono iniziare ad aprire divergenze di vedute. Ognuna supportata da dati.

      Terzo aspetto (causa del terremoto).
      Suramente molti ci avranno pensato ma vorrei lo stesso ricordare la dimensione delle masse coinvolte nei terremoti. Parliamo di centinaia di Km^2 (se non di migliaia) per km (anche decine) di spessore.
      Se si ipotizza che il motore, ovvero la Causa prima del terremoto sia l’alterazione dello stato tensionale a causa di una sua alterazione…allora le caratteristiche delle onde di vibrazione che si creano hanno un ben specifico aspetto! Si tratta di “spinte passive” con prevalenza della componente inerziale rispetto a quella (quasi assente) da sollecitazione (almeno sicuramente nelle prime fasi…è la firma nei crolli nel sottosulo). Semplificando è come un crollo in profondità.
      Se si ipotizza invece che lo stato tensionale alterato renda più vulnerabile (e quindi le cartteristiche di resistenza) un sottosuolo qualora si presentasse un terremoto è un altro discorso (ricadrebbe nel secondo aspetto detto prima). Vorrebbe dire che la causa prima sarebbe il terremoto e che l’alterazione ha “solo” reso più “fragile” e meno resistente il sottosulo stesso. In ogni caso il sisma ci sarebbe stato lo stesso.
      Con quale effetto? Ecco questo sarebbe molto interessante da studiare. Ma ripeto, non si può procedere a sentimento! Sulla base di sensazioni. Agire così permette di fare molto rumore di pentole all’inizio ma col rischio di abituare, poi annoiare ed infine disturbare le orecchie dell’opinione pubblica. Lavorando indirettamente a favore dei veri “complottisti” (coloro che i complotti li ordiscono!) che così possono attaccare delle versioni traballanti qualunquiste e non scientificamente solide.

      Ho un po’ divagato…
      Certo Olga che alterare il sottosuolo crea scompensi (ovvero alterazione dello stato tensionale). Ma gli effetti non sono sempre gli stessi. Per capirci, visto che parli di strati…c’è grandissima differenza tra le vibrazioni prodotte dal cedimento degli scaffali di una libreria (per troppo peso, perche magari hai tolto dei punti d’appoggio o dei libri stessi che aiutavano a mantenere lo scaffale superiore)…e le vibrazioni che si vengono a creare se la stessa libreria sei tu a scuoterla violentemente (un po’ sbattendola verso l’alto ed un po’ facendola ascillare sui due lati).

      Tornando al sottosuolo…
      Io apprezzo tutto questo interesse per queste discipline (nonostante sia avvenuto a causa di eventi tragici), ma occorre veramente muoversi con ipotesi forti. Se si riesce a produrre dati seri (a cui ovviamente i “potentati” opporranno propri dati) alla fine sarà solo questione di tempo. Gli esperti del campo inizieranno a “virare”, magari lentamente, ma costantemente ed inesorabilmente verso l’incontrovertibilità dei dati.
      “attaccarli” con ragionamenti basati principalmente sulla percezione personale produrrebbe effetti della durata pari a quella con cui si parla del terremoto in tv. Poi subentrerebbe qualche attentato o caso politico.

      Invece un serio tavolo “contro-tecnico” (supportato da ampia diffusione dei dati…internet è potentissima in questo) sarebbe un vero problema per chi cerca di nascondere qualcosa. Si sentirebbe veramente minacciato, diversamente da quello che accade con attacchi del tipo “io non ricordo di aver mai visto cose così” “io ho sentito cosa anomala” “mi hanno detto che…” “ho letto che…”.

      Io non mi ritengo così in grado…ma se serve sono anche pronto con le mie specifiche competenze ad apportare il mio piccolo contributo.
      Ma già da ora posso affermare che come non accetterei di scartare a priori “cause umane” allo stesso modo non sarei disposto ad accettarle a priori! Ed ovviamente non altererei dati per accomadare tesi finali ad ipotesi “amate” a priori.

      Io sono qui…pronto se serve (e se si vuole) ad unirmi ad un gruppo serio.

      Saluti.

    • AG:

      *chiedo scusa per l’errore nell’incolonnamento della risposta…stavo per rispondere a Lino Bottaro, quando ho letto il commento di Olga.

  • Re:

    …come per magia 1,2,3 ed il video non c’è più!!!

  • luca martinelli:

    Premetto che essere accusati di complottismo è un grandissimo onore. Faro’ del mio meglio per esserlo sempre di piu’. Ma scrivo per segnalare che ieri sera , a casa Vespa, un signore terremotato ha accennato allo stoccaggio del gas in Valpadana, sottoterra naturalmente, con aumenti di pressione etc etc. Interessante, non credete? Ho notato che la Tv dei padroni non sempre riesce a censurare certe notizie, forse perche’ non sempre gli addetti alla censura intuiscono l’importanza delle stesse. Ancora una cosa, Lino: i cagnolini dei padroni vengono a leggerci per testare il polso della popolazione, quella evoluta naturalmente, per poter aggiustare il tiro della propaganda. Buona giornata

  • Un sismologo italiano che lavora negli Stati Uniti, intervistato su RAI News proprio ora, menziona il fracking come concausa molto probabile del sisma in Emilia.

    Epicentro e pozzi Aleanna

    http://img441.imageshack.us/img441/248/epicentroepozzi.jpg

    Video delle perforazioni:
    http://www.aleannaresources.com/it/operazioni-di-perforazione

    Guardatelo ed ascoltatelo in inglese (dal minuto 3:40)…
    http://www.aleannaresources.com/drilling-operations

    • Caro Rosariuccio, Aleanna pè una società di perforazioni: SI
      Si fa pubblicità sul suo sito internet:SI
      Applica il Fracking dove permesso: Si
      Perfora ed estrae dove è autorizzata: SI
      Aleanna sta perforando/estraendo in Emilia: NO perchè quelle che mostri in foto sono solo permessi di ricerca e non di estrazione, c’e scritto sia sul loro sito che sul sito del ministero………
      Sei un Pallista sciacallo che gioca con le tragedie.

  • dario:

    Ragazzi il video non c’è più, dov’è possibile reperirlo?!
    Grazie!!

  • Antizionism:

    Il video può essere visto visto qui

    http://www.youtube.com/watch?v=CfQFLTK1e0s

  • AntiRettiliano2012:

    Luci sismiche prima del terremoto anche in Emilia…mmm mi ricorda Fukushima.
    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=GJnefQav9AY

  • Antizionism:

    Ops non credo sia lo stesso video!

  • Ieri Mentana sulla 7 ha fatto parlare la gente del luogo dove è avvenuto il sidma, parlando di stoccaggio di GAS.

    Questi sono i pozzi di perforazione mella zona del sisma:
    http://img513.imageshack.us/img513/9949/labaseditrivellazionene.jpg

    “In arrivo un terremoto distruttivo al Sud Italia? Sarebbe stato previsto anche quello al Nord. E’ il direttore del Centro Enea di Bologna, Alessandro Martelli, a lanciare l’allarme… ”
    http://altocasertano.wordpress.com/2012/05/23/in-arrivo-un-terremoto-distruttivo-al-sud-italia/

    Aleanna descrive come vengano eseguite fracking, ma i disinformatori continuano a mentire.
    “AleAnna partecipa al dolore di coloro che sono stati colpiti dal recente terremoto in Italia.”

    “AleAnna è stata contattata dalla stampa e desidera comunicare al pubblico che la società non sta effettuando alcuna attività di perforazione e non ha mai adottato tecniche di fracking in Italia.” Ma davvero?
    http://www.aleannaresources.com/it/operazioni-di-perforazione

    Questo è un commento rilevato su http://www.tankerenemy.com/ :
    “Un sismologo italiano che lavora negli Stati Uniti, intervistato su RAI News proprio ora, menziona il fracking come concausa molto probabile del sisma in Emilia. ”

    Terremoto e deposito gas: infuriano le polemiche, gli abitanti del posto espongono cartelli NO! GAS: http://www.youreporternews.it/2012/terremoto-e-deposito-gas-infuriano-le-polemiche/

    Questo è l’epicentro dei pozzi:
    http://img441.imageshack.us/img441/248/epicentroepozzi.jpg

    Questo è l’andamento (in aumento) dei terremoti dal 2003 : http://www.meteoweb.eu/wp-content/uploads/2011/12/Grafico-terremoti.png

    “Un gruppo di studio coordinato dal prof. Franco Ortolani, Ordinario di Geologia all’Università di Napoli, ha pubblicato una ricerca per valutare eventuali correlazioni fra i recenti eventi sismici in Emilia Romagna e le attività petrolifere in corso da vari anni in quella zona. Come mostra la cartina pubblicata nella ricerca, diventa molto difficile non vedere una correlazione fra le due cose.” segue … http://www.luogocomune.net/site/modules/news/

    Ps: il virgolettato, naturalmente è copiato e incollato.

    wlady

  • It’s time for bilderberg meeting, let’s take a glance through our future life
    In other words, their “possible & sustainable future” report.
    U can believe in anything but it’s just a little bit strange when U believe that something “against” U…
    It’s done only for your own security

    Cara Admin,
    Sarò sincerò, non ho letto il tutto, ma su di una cosa in assoluto concordo:
    Tali così apostrofati “soloni” fanno parte della ns identica realtà…
    A meno di una loro interiore smentita!
    Per cui nel momento in cui il loro edificio cadrà sopra le loro stesse spalle…
    …rendendoli di fatto inermi (nei loro confronti e soprattutto nei confronti dei loro figli)…mi chiedo…?
    Avranno ancora lo stesso coraggi?
    O meglio quel coraggio che implica, per sua natura o mia naturale congettura, l’ignorante arroganza di affermare che:
    …Tutto ciò è solo frutto di immaginazione da beoti “complottisti !?!
    Quel tipo di atteggiamento che consiste nel praticare in modo acritico (ossia privato di responsabilità personale) la diffusa tecnica della “diffamazione”!
    E’ sinceramente triste se non aberrante, valutare, confrontarsi e/o constatare la pochezza del ns prossimo.
    Tutto intento ad ammettere se stesso ignorando per tale motivo tutto ciò che realmente lo circonda.
    Sia ben chiaro:
    Non per insensibilità!
    Tanto meno o semplicemente per mancato riconoscimento del “bisogno” altrui!
    Un altrui di cui magari materialmente ognuno di noi tende a preoccuparsi…
    Cercando di averne (minimamente) cura !?!
    Fintanto sia, per il “di lui”, abbastanza vicino.
    La vicinanza, è noto, rende Vagamente comprensibile la necessita e/o la possibilità nell’altrui aiuto.
    Ciò, però e di fatto, esclude ogni fattibile coinvolgimento emotivo.
    Quel tipo di coinvolgimento che, nel mio misero intendimento, ritengo realmente universale
    Un coinvolgimento che permetterebbe all’individuo (sempre secondo le mie irrilevanti considerazioni sull’esistenza) di accedere ai reali e sostanziali bisogni altrui.
    L’altrui individuo che chiede al suo prossimo di essere semplicemente accettato non “arbitrariamente” o “complessamente” compreso!
    Bollando ogni contraltare come idiozia…!
    Impossibile, futile e pertanto inesistente…!
    Si tratta il prossimo alla stregua di uno zerbino…
    Su cui strusciare insolentemente, offensivamente e tristemente le suola delle proprie crudeli e volgari calzature!
    Non mi sento personalmente uno zerbino!
    Tantomeno una volgare calzatura.
    Spero soltanto di essere un essere gentile che antepone il proprio benessere per il benessere altrui.
    E’ un assurdità…?
    Si lo ammetto è una mera aaurdità!
    E difficilmente potrebbe essere compresa.
    E’ nella ns indoile bollare il prossimo come un “coglione”………..

    Un saluto,
    Elmoamf

  • illupodeicieli:

    Avevo letto ieri un post su luogocomune e ne avevo discusso il contenuto con il mio vecchio, over 80: che meravigliandosi pensava ,più che altro, ad esplosioni sotterranee e all’inquinamento in generale. Qui da noi, in Sardegna, hanno cercato ,per ora riuscendoci, le trivellazioni che Moratti voleva effettuare nella zona di Arborea: memori di quanto è stato lasciato da chi ha cercato per anni l’oro nella nostra terra lasciandoci arsenico e altre schifezze mortali, e tornandosene in Australia, siamo stati,come popolazione abbastanza attivi. Idem per chi voleva mettere le pale eoliche in mare.

  • jack:

    Da semplice cittadino mi domando: Pssibile che la Magistratuta non ha aperto un indaggine per verificare se quello che è successo è da imputare a madre natura o a delinquenti spregiudicati che protetti da…. fanno quello che vogliono del nostro territorio? E i giornalisti che fanno nicchiano? Raccontare che c’è stata una scossa o piu’ scosse di terremoto sono capaci anche i bambini quello che devono fare è INDAGARE! Troppo comodo starsene belli seduti nella scrivania aspettare che l’ANSA gli passi la notizia No! cari signori giornalisti mantenuti da noi è ora che vi smuovete le chiappe e fate il mestiere da veri giornalisti e non da servi del potere il tempo è scaduto siamo stanchi di ascoltare le vostre ciarle sul nulla. A questo punto siamo noi cittadini che dobbiamo interessarci della cosa verificare cosa realmente sta succedendo in questa Italia. Da una mia osservazione ho notato che da quando si è insediato questo governo non eletto da nessuno le cose di giorno in giorno stanno precipitando l’economia sta saltando, la gente si sta suicidando, il clima è cambiato di brutto, ora abbiamo anche questa situazione qua se andiamo avanti così nel giro di un anno l’Italia sarà ridotta in condizioni disastrose. Qua dobbiamo chiedere a gran voce di tornare al voto ma non certamente con questa legge elettorale e cambiare tutta la classe politica che ci ha sgovernarto fino ad oggi.

    • Gabry:

      Bravo Jack che cominci a prendersi le proprie responsabilità anche chi dovrebbe verificare,capire, informare ..invece di fare solo cronaca dei pianto per vendere le notizie!
      salviamo la gente invece di piangerla quando è già morta!!!

  • Olga:

    Ok la maggior parte di noi non é un esperto e ne sa veramente poco di come avvengono le estrazioni..ma a mio parere fracking o no, non riesco a capire come si possa non pensare , che estraendo gas ( e qsi materia prima) non si crei uno scompenso nel sottosuolo. Il sottosuolo é composto da strati giusto? Se uno di questi viene danneggiato o alterato , non possono non risentirne quelli sopra o sotto…detto proprio terra terra.. :)

  • E’ il gas che risale alla superficie. Fracking.

  • federico:

    “Ringraziamo tutti i lettori di Stampa Libera, che abbiamo scoperto essere svariate decine di migliaia al giorno, per l’affetto e per l’attendibilità che ci riconoscono e la vicinanza nelle nostre battaglie di libera conoscienza e sovranità del popolo!”

    E noi ringraziamo ed appoggiamo Stampa Libera per quello che stà facendo!

  • Paolo:

    Occhio che evacuazione non si scrive con la q!

  • Pino:

    Bello il video, chissà se anche in italia nelle tv nazionali lo trasmettono? io credo di si visto che non sono assoggettate a nessun controllo e danno informazione reale.
    Il sisma in emilia se ancora non l’ho avete capito è stato causato dalla placca africana che si scontra con quella europea! sic! e come dire io mi metto a pecora e qualcuno mi spingerà da dietro! che bravo il geologo e esperto di …!
    A quando il prossimo terremoto? magari anche in fono al mare?
    Il governo dovrebbe rispondere alle domande postate sopra, lo farà?
    Ciao e buona giornata

    • Le placche che si spingono dovrebbero creare sollevamenti (creste) o abbassamenti ed eventualmente slittamenti. Perché invece si sono create enormi crepe nel terreno, come se fosse avvenuto esattamente il contrario? Mi pare che nessuno l’abbia ancora spiegato.
      Nessuno che faccia qualche analisi chimica del materiale che fuoriesce dal terreno (si parla di vulcanetti e geiser) per vedere se magari si tratta di sostanze iniettate per il fracking o altre schifezze pericolose per chi è impegnato a spalare via tutto dalle strade?

  • santluis:

    @ al “sono un ingegnere geotecnico”,tante parole e niente succo. Sembri piu’ un debunker che un geotecnico(Einstein,come preambolo e’(non mi sembra)fuori luogo.Poi, “andatevi a studiare” e’ anche molto presuntuoso, perche’ vedi nella vita non esistono i saccentoni,esistono competenti nel proprio lavoro anche se,nella realta’, e’ difficile trovare l’alunno che ne sa piu’ del maestro(almeno ai miei tempi)oggi sara’ piu’ facile dato che le meritocrazie sono in declino rispetto alle partitocrazie od ai famosi amici degli amici!Io personalmente ho una esperienza di 35 anni nel campo delle perforazioni e non mi permetto di avallare ne criticare il lavoro di Stampa Libera, ne di chi cerca di far luce su certi fenomeni alquanto strani che avvengono in varie parti del mondo.Ognuno ha diritto alla sua opinione ma, le critiche-come lei mette in risalto nel suo scritto-le lasci fare a chi di competenza e non un pseudo ingegnere geotecnico che non e’ la stessa cosa.Distinti saluti.
    Admin: risposta alla domanda 7: la famosa Halliburton( la quale aveva a capo il famoso Dick Cheney) e’ stata la prima nel 1949 a fare il fracking e da quella data ad oggi,in piu’ di 1 milione di pozzi hanno usato il sistema di fracking(fracturing-fratturare).Da 1 a 7 milioni di galloni di fracking fluido(US gallons=3.8 litri- imperial gallons=4.5 litri.) viene pompato sotto la superfice terrestre a varie profondita’(dipende a che profondita’ sta la zone da fratturare)La Halliburton non e’ una compagnia di perforazione ma,possiamo dire che e’ l’ombellico primario.L’Halliburton, in Italia veniva o forse ancora viene usata anche dall’Agip per le sue cementazioni nei pozzi o per fare dei tappi occlusori nei pozzi di gas che vengono perforati e poi utilizzati in un secondo tempo.Mi sembra, se ben ricordo che la sede,forse una sede era a Pescara(Halliburton Italy)La Basilicata e’ un colabrodo di pozzi fatti dall’Agip e cementati per l’appunto dalla famosa Halliburton.
    Nel campo degli Idrocarburi(petrolio e gas) le 2 maggiori societa’che servono la struttura delle perforazioni sono la Halliburton e la Schlumberger poi, ci sono pure le sussidiarie sempre sotto di loro.
    Le perforazioni sono delle strutture costosissime e chi le ha cerca in tutti i modi di farle fruttare al massimo,specie oggi con la concorrenza spietata che esiste.
    Molti anni addietro, nel Medio Oriente, si poteva prendere in affitto una struttura di perforazione al costo di $100.000 al giorno,fine anni ottanta la stessa struttura la potevi avere alla modica somma di $40-50.000 al giorno;struttura nuda e brulla,il resto del corollario-materiali e mano d’opera-erano extra. E qui’ mi fermo,altrimenti mi sembra di ritornare indietro in quel tempo che cerco di dimenticare(anche perche’,lavorare dalle 12 alle 18 ore al giorno,oggi come oggi non sarei piu’ capace.
    Oggi, passo il tempo al PC e con i nipotini. Kwaheri Uhuru.
    Lino&Co. continuate nella vostra linea di spargimento di notizie perche’, se aspettate che la Presstitute faccia luce allora facciamo in tempo a morire e resiscitare almeno 2 volte.

    • AG:

      Ok! Chiedo scusa se sono risultato presuntuoso. Posso risultare un po’ spiccio nei modi (anche per la fretta).
      Non capisco cosa intenda con “pseudo ing. geotecnico”. Ma in ogni caso non è un problema. Non faccio ricerca (anche se appena laureato ho collaborato un pochino con l’univ…come capita a tanti) ed il fracking non è assolutamente il mio ambito.
      Ma col sottosuolo ci lavoro. Visto che seguo da tempo Stampa Libera ed avendo un pochino di competenze ho provato ad intervenire. Ma se si è deciso a priori quale sia la campana giusta e risulta sgradita una posizione un po’ più neutrale (come ho sempre avuto nella vita…su tutto) non ho problemi a non disturbare più. No problem.

      Saluti

    • archimede:

      @ santluis…lo sai quanti ne ho beccati di Debunker in questi giorni? 36 per esattezza, una buona parte sono Universitari che studiano” in USA–Australia e Inghilterra, guarda caso tre nazioni Anglosassone, dato che frequento anche il Sito”Mentereale” e c’è un articolo postato da Mazzucco, si sono scagliate come cavallette , anche sull’articolo riguardante Obama il Robot si sono lanciati in picchiata, ma stanne ben certo che all’0ra e al momento giusto “penderanno” manco il Bunker del Fùhrer li potrà salvare-

      Grùsse nach Deutschland-

  • federico:

    a questo link un’altro articolo molto interessante:

    http://nwo-truthresearch.blogspot.it/

  • andrea:

    Anche Aldo Forbice (Zapping- Radio Rai 1) ha detto che questa storia è una fesseria… ma si sa come ragiona quell’uomo

  • Altre utili informazioni:
    “Il recente terremoto in Emilia, il fracking e … i riscaldatori ionosferici?
    Da cosa è stato causato il terremoto in Emilia di questi giorni di fine maggio 2012? Il sospetto forte cade sulle prospezioni geologiche e trivellazioni con la tecnica del fracking che ha indebolito la struttura geologica di vasta parte del territorio italiano dalla Val Padana alla Basilicata. Le coincidenze sono inquietanti, il terremoto è avvenuto proprio in coincidenza dei siti interessati.” segue … http://scienzamarcia.blogspot.it/2012/05/da-cosa-e-stato-causato-il-terremoto-in.html

    “E qui viene il punto. Qualcuno ipotizza che il terremoto sia stato provocato da introspezioni geologiche effettuate nel sottosuolo proprio dalla ERS nella fase di studio e test del sottosuolo. Rosario Marcianò esperto di scie chimiche in un’intervista a Radio IES che potete ascoltare qui: http://www.youtube.com/watch?v=l-uMCmefKmU&feature=youtu.be afferma che le ricerche potrebbero essere una concausa del terremoto, se non la causa scatenante.” segue … http://nwo-truthresearch.blogspot.it/2012/05/terremoto-in-emilia-cosa-succede.html

  • Grill:

    Finche sarà Rosario Marcianò a portare avanti questa teoria, dubito che avrete mai un minimo di credibilità.

    Perche il problema del cosiddetto complottismo, è sempre lo stesso: a parlare di scie chimiche ci vanno gli impiegati del catasto, a parlare di fracking ci va un professore di disegno che pubblica lauree false sul suo sito e che frega i soldi ai gonzi che gli vanno appresso.

    Mi sorge il dubbio che marcianò in realtà lavori per per quelli che combatte perche basta che mostri la sua faccia per delegittimare qualsiasi teoria…Be Smart

    • Lino Bottaro:

      Caro Grill io lo guardo il cielo con attenzione, io le vedo le scie chimiche e bene. L’ultima irrodazione è avvenuta domenica. Ho visto contemporaneamente cscie chimiche e scia di vapore quest’ultima lunga circa 200m e scomparsa in qualche minuro. Lei dovrebbe dirci invece perchè secondo lei le teorie di Marcianò sono false!
      La ringrazio per la gentilezza.

    • coldemano:

      Senti un pò Grill. Io non ho visto la tua di faccia, però mi immagino perfettamente com’è la faccia di un povero ridicolo depistatore. Chissà che un giorno, uno di questi aerei non abbia un incidente e si schianti davanti a casa tua, dallo scoppio ne fuoriesca un fusto pieno di quelle schifezze, si spacchi ed esali tutti gli effluvi tossici in faccia a tè. Sono certo che da “profano” capirai immediatamente di cosa si tratta. E così dicasi per altre cose vere ed importanti che SL pubblica e, che non stò quì a dirtele se nò la faccio lunga. Un consiglio disinteressato: impara a scrivere in italiano. Be Smart a tua sorella!

  • mauro:

    ha detto un mio amico geologo che ti stanno facendo FRACKING nel cervello TARLO!

  • mariano:

    perchè proprio l’altra sera il sindaci di Medolla e Mirandola hanno categoricamente smentito la questione dicendo che non è stata data nessuna autorizzazione alle “trivellazioni” e nessuna “operazione” è stata fatta….hanno agito tutti senza autorizzazione???cosa è vero e cosa è falso??

  • Il repertorio di Grill (magari è sempre il solito soggetto…) è vecchiotto. Seggerirei di inventarsi argomenti nuovi, poiché questi ricordano i commenti sul forum di Focus, nel 2009 e sono ampiamente superati. Ad ogni modo sono contento di questo… fervore da parte dei negazionisti. Significa che abbiamo messo in luce un altro nervo scoperto.

    “Colpo di Stato: manuale pratico”. L’autore è Edward Luttwak, un esperto militare che è stato anche consigliere di Ronald Reagan, superconservatore e militarista.

    Egli spiega, in questo libro, come il colpo di Stato non debba essere per forza incentrato sull’utilizzo della forza e delle masse, non un colpo di Stato militare, ma uno di tipo silenzioso che si appropri degli apparati dello Stato dall’interno.

    Perchè parlo di questo libro?

    Perchè spiega anche come trattare gli oppositori.

    Nel Capitolo 4 dice che è “essenziale evitare spargimenti di sangue, perchè questo può avere ripercussioni negative”.

    Ancora…

    “Le masse… il loro atteggiamento verso il nuovo regime dopo il golpe sarà, alla lunga, decisivo. Il nostro compito immediato sarà di imporre l’ordine pubblico, ma il nostro obiettivo di lungo termine sarà guadagnare l’accettazione delle masse, sì che L’USO DELLA COERCIZIONE FISICA NON SIA NECESSARIO.”… il nostro STRUMENTO in questa direzione sarà il CONTROLLO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE di massa…”. Ecco spiegato perchè argomenti come le scie chimiche non trovino quasi mai spazio sui media più importanti, salvo solo venirne denigrati quando chiamati in causa.

    “L’azione dei media sarà mirata a convogliare la realtà e la forza del colpo, anzichè giustificarlo”

    Qui secondo me viene la parte migliore:

    “Ogni individuo che si oppone dovrà operare in isolamento. Quindi dobbiamo fare ogni sforzo per sopprimere quel genere di notizie. Se qualche resistenza compare, dobbiamo SOTTOLINEARE CON FORZA CHE ESSA VIENE DA ISOLATI, OSTINATI INDIVIDUI, MAL INFORMATI E DISONESTI, che non sono affiliati a nessun gruppo o partito importante. Il lavoro costante sul tema dell’isolamento faranno APPARIRE LA RESISTENZA INUTILE E PERICOLOSA”.

    “Faremo uso di SELEZIONE adatta di FRASI SGRADEVOLI (per esempio ANTI-AMERICANISMO ANTI-SEMITISMO… oppure, aggiungo io, SCIACHIMISTA… PARANOICO OSSESSIONATO…) anche se il loro significato è stato oscurato dal loro normale uso costante e deliberato, esse restano utili come indicatori del nostro impeccabile nazionalismo”.

    In queste frasi qualcuno si è forse riconosciuto?

    • federico:

      Ottimo spunto Rosario, ad ogni modo quel tipo di attacchi dai soliti ingnoti oltre che essere spregevoli, sfociano quasi sempre nel ridicolo e non sono degni di essere presi in considerazione.

  • Terremoto in Emilia

    Che cosa

    Terremoto in Emilia di magnitudo pari a 5,9 gradi della scala Richter

    Quando e dove

    20 maggio 2012 ore 04:03:52 in Finale Emilia, coordinate 44,89 N, 11,23 E, ad una profondità di 6,3 Km. Successivamente sono state rilevate nuove scosse : di 4,8 (alle 02:06), di 5.1 (alle 02:07), di 4,3 (alle 02:11 e alle 02:12) e di 4,0 (alle 02:35 e alle 02:39). Una nuova forte scossa tellurica di 4,9 è stata avvertita a partire da San Felice sul Panaro alle ore 05:02. Altre scosse di notevole intensità si sono avvertite alle ore 11:13, 15:18 e 15:21 rispettivamente di 4,2, 5,1 e 4,1 a Finale Emilia, Vigarano Mainarda e Bondeno. Alle 19:37 dello stesso giorno si è verificata inoltre una nuova scossa di magnitudo 4,5 con epicentro nei pressi di Bondeno. Un’altra scossa di 4,1 è stata registrata il 22 maggio alle 16:37 con epicentro in Finale Emilia. Il 23 maggio alle 23:41 un’altra forte scossa di magnitudo 4,3. Il 29 maggio alle 09:03, una nuova scossa molto forte di magnitudo 5,8 è avvertita in tutto il Nord Italia: l’epicentro è situato nella zona compresa fra Mirandola, Medolla e San Felice sul Panaro. Coordinate: 44.814°N, 11.079°E – A quella delle 9:03 si sono susseguite altre due scosse rilevanti sempre in data 29 maggio: una alle 12:56 di magnitudo 5.3 e una alle 13:01 magnitudo 5.1 (http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/usb000a1mn.php).

    Terremoto 20 maggio 2012 a Quistello – Lampi
    http://youtu.be/GJnefQav9AY

    Perché

    Si può ipotizzare che i sismi siano le conseguenze di attività umane, quali le seguenti:

    - trivellazioni del sottosuolo per estarrre gas naturale

    - stoccaggio di gas e di biossido di carbonio nelle viscere della terra,

    - frantumazione delle rocce, il cosiddetto fracking, tecnica che consiste nell’iniettare ad alta pressione delle sostanze chimiche negli strati litici per favorire il rilascio di gas. Si scatenano dei microterremoti, spaccando la roccia da cui si sprigiona il gas. Qualche volta la roccia triturata finisce nelle falde idriche, talora le acque di scarto si iniettano di nuovo sotto terra deliberatamente, in alcuni casi il gas risale fin negli impianti domestici, uscendo da rubinetti delle abitazioni, come spiega Josh Fox con il suo documentario “Gasland”. Il fracking o hydraulic fracturing è una tecnica che è stata ideata dalla Halliburton, la società che appartiene allo spaventoso DicK Cheney, ex vicepresidente degli Stati Uniti.

    Gli indizi e le prove

    - L’epicentro dei sommovimenti è prossimo o coincidente con i siti in cui sono ubicati i pozzi per le trivellazioni
    - Aumento esponenziale dei terremoti, a partire dal 2003, anno in cui cominciarono le perforazioni
    - Alcuni giorni prima del disastroso evento, il governo ha emanato un decreto con cui si è sancito che sono i cittadini che devono assicurarsi contro le calamità “naturali”
    - Molti abitanti delle zone colpite hanno visto delle fiammate (gas) poco prima del sommovimento tellurico. Hanno altresì avvertito odore di gas e notato che dal terreno affioravano dei liquidi misti a fango
    - La zona era stata scelta per la costruzione di una centrale nucleare, per la precisione ad Ostiglia, in provincia di Mantova. Non si decide di erigere degli impianti atomici in regioni ad alto rischio sismico.

    Fonti e documenti

    Verso la fine del mese di maggio varie “prestigiose” testate italiche hanno pubblicato avventati e superficiali articoli di disinformazione per tentare di smentire le ipotesi, le conclusioni e le testimonianze relative ad una sequenza di terremoti di natura presumibilmente artificiale. E’ la solita excusatio non petita, culpa manifesta che, se non dimostra la mala fede degli estensori, è per lo meno sospetta. Tra l’altro è significativo che il compito di ridimensionare e contestare sia stato affidato dal sistema non solo ai classici disinformatori che gestino blog negazionisti, ma appunto a scribacchini di quotidiani nazionali. Sono arrivati i rinforzi a dar manforte ai bloggers impegnati per lo più nell’occultamento delle attività di geoingegneria.

  • Tidivic:

    Gente quà ci sono due indizi che per me sono la pistola fumante di queste nostre convinzioni. Il primo riguarda le dichiarazioni dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia che dall’alto del suo sapere ci dice che QUESTI TERREMOTI POTREBBERO NON FINIRE!!! In pratica ripetersi con la stessa intensità o anche maggiore chissà per quanto tempo, alla faccia della scienza esatta e delle panzane che hanno detto in passato. Questa a mio avviso è la chiara dimostrazione che la zona è solo all’inizio dall’essere interessata da queste attività e vogliono pararsi il colpo.
    In secondo luogo ritengo che il mezzuccio di liberarsi da ogni obbligo di risarcimento, approvato in zona Cesarini prima della tragedia, sia veramente una ”coincidenza” che non merita proprio questo nome. Da ultimo si parla di approvare nelle prossime ore un obbligo di assicurazione contro le calamità per tutti i possessori di case con un costo annuo che a loro dire si aggirerebbe tra le 100 e le 200 euro annue ma nelle zone notoriamente più sismiche si stanno già paventando le prime speculazioni delle compagnie assicurative pronte a stipulare polizze con premi salatissimi

  • gibuizza:

    Non ha senso voler avere ragione a qualsiasi costo, l’importante è che se ne parli e se ne discuta. Mi sembra che Stampa Libera abbia raggiunto questo scopo e questo è importantissimo. Poi accettiamo di avere idee diverse ma soprattutto, se viene dimostrato che certe idee sono bufale, non difendiamole ad ogni costo ma … buttiamole.

  • nico:

    Grande Rosario volevo esprimerti tutta la mia commozione dopo aver letto il calvario che ha subito il tuo caro papà…anche se mi sento inerme davanti a questo potere gestito da assassini(perché questo sono),ti posso dire con tutto me stesso che uomini come te anno l’esempio,indicano la retta via,grazie!

  • Gozer:

    Ho letto su Twitter che agli sfollati terremotati lo stato darà 3€ al giorno senza vitto e alloggio e agli immigrati 35€ al giorno più vitto è alloggio. Ma è vero?

  • archimede:

    Caro Rosario Marcianò, ormai penso che ci sei abituato a queste calunnie e diffamazioni da parte di questi Vermi, comunque sappi che non sei solo e non sei il solo,facce nomi cognomi ormai li conosciamo, u “liccasapuni” è silenzioso ed il barbiere è pazienzioso-

  • Erika:

    Da tutti voi c’è sempre da imparare. Grazie!

  • roberto:

    Guardate oggi Yahoo come smentisce le operazioni di Fracking.

    • Domenico Proietti:

      Non sarebbe meglio onde dare una informazione specifica rimettere un indirizzo, nel quale poter constatare quanto detto?

      - Admin -

  • Gozer:

    La campagna del terrore continua

    http://it.notizie.yahoo.com/rischio-sismico-alessandro-martelli-prevede-un-terremoto-al-sud.html?nc

    la scienza ufficiale ci dice che è impossibile prevedere eventi sismici, anche poche ore prima, quindi nn so che valenza possano avere questo tipo di articoli se nn supportati magari dalla tecnologia H.A.A.R.P.

  • Gozer:

    Questo è un articolo che ritengo interessante sulla figura del Presidente del Consiglio Mario Monti.

    Ho sempre sostenuto, e continuo a sostenerlo, che ciò che vediamo e sappiamo è solo una parte della realtà. I motivi per cui Monti e C falsificano i dati oggettivi sono i più diversi. Ma non è questo il punto. Se questo governo e questi politici si comportano così è soprattutto demerito nostro, di tutti gli italiani che, più o meno consapevolmente, lasciamo fare.
    Sta quindi a noi recuperare la nostra dignità, la nostra sovranità, nelle forme più opportune e democratiche, smettendo il ruolo di vittima e di piccoli italiani…
    Bossi, Lusi, Berlusconi, Rutelli, Penati sono tutti frammenti della realtà italiana, specchi che ci rimandano indietro la nostra immagine di popolo opportunista, schiavo del proprio ego, orgoglioso, attento al proprio particulare, religioso sino al fanatismo (che si tratti del dio Po o del papa-re). Aspettare che arrivi qualcuno dall’esterno, che sia l’uomo forte, è ancora una volta fuggire dalle proprio responsabilità.
    Dipende dunque solo da noi, singolarmente, darsi da fare per cambiare il mondo esterno che, essendo a nostra immagine e somiglianza, può cambiare solamente se lavoriamo su noi stessi, sulle nostre convinzioni. E’ un problema di cultura, di informazione, e non può risolversi dall’oggi al domani perché richiede la consapevolezza di massa. Altrimenti, quando la massa si muove lo fa reagendo a stati d’animo, a sopraffazioni, con la ghigliottina e le rivoluzioni, ma senza risolvere il problema della giustizia, se non in apparenza e ora siamo in questa fase… che ritengo di avvertimento di allarme.
    Ora cerchiamo di capire chi è il professor Monti.
    Non dimentichiamoci che molti di noi sono diciamo del mestiere e chi fa e studia finanza sa queste cose poco note.
    “Nel giugno 1981, una commissione di studio, presieduta da Paolo Baffi, direttore generale di Bankitalia, deliberò di seguire lo schema d’un giovanotto, molto stimato dai Rothschild, tale Mario Monti, il quale propose l’emissione di titoli a lungo termine, con aste mensili e quindicinali, in modo…
    che il rendimento cedolare fosse fissato dal mercato, con scadenze tra i 5 e i 7 anni.
    Il che, a detta del professorino, garantiva il potere d’acquisto e, secondo gli esiti delle aste, un piccolo rendimento dell’1-2%.
    Il Tesoro, zufolò Monti, avrebbe avuto da 5 a 7 anni per programmare e finanziare meglio la spesa pubblica. La proposta passò con standing ovation. Il deficit andò su come un proiettile. Le spese aumentarono invece di diminuire. Mentre Mario Monti procurava il credito a tassi impossibili, aumentarono tasse e benzina, le spese sanitarie sfondarono di mille miliardi di lirette il finanziamento statale. ecco qui sotto un pò di link

    “http://www.italiaoggi.it/giornali/dettaglio_giornali.asp?preview=false&accessMode=FA&id=1768757&codiciTestate=1&sez=hgiornali&testo&titolo=Lemme+lemme+la+Germania+si+sta+acquistando+la+Sicilia

    SI RIPRESENTA, COME UNA “ZECCA” APPASSIONATA DALLA PROPRIA INFEZIONE, NEL 1989 COME “CONSULENTE ESPERTO” DEL MINISTRO DEL BILANCIO CIRINO POMICINO:
    “… Eppure,il premier Mario Monti, chiamato a salvare l’Italia dai gorghi del default, tra il 1989 e il 1992, erano i tempi del sesto e settimo governo Andreotti, non riuscì a impedire il peggio. Cioè l’esplosione del rapporto tra debito e pil preludio della grande tempesta finanziaria che al principio degli anni Novanta costrinse Giuliano Amato alla manovra da 103.000 miliardi di vecchie lire. In quei tre anni il peso del debito balzò dal 93,1% del 1989 al 98% del 1991 e al 105,2% del 1992. Un vero boom, insomma, pari al 12,9% in termini relativi e al 44,5% in cifre assolute, da 533,14 miliardi di euro a 799,5 “

    http://www.italiaoggi.it/giornali/dettaglio_giornali.asp?preview=false&accessMode=FA&id=1747516&codiciTestate=1

    “… In termini di Teoria dei Mass Media, sintetizzata, sarebbe questa la fase due dell’attuale governo italiano, quella succeduta al “decreto salva-Italia”???

    Si sono dimenticati di spiegare chi ha salvato chi, come, dove, quando e per quanto) e che il nostro baldo ragionier Mario Monti, a metà gennaio, ebbe la sfrontatezza di definire “la fase della crescita e dello sviluppo”. ve lo ricordate con il grafico dello spread in mano vero?
    Stanno lanciando la moda della “sistematica produzione di falsi”.
    Avendo capito di non essere assolutamente in grado né di gestire l’attuale travaglio del paese, né tantomeno sviluppare delle idee creative per il bene comune della nazione, dando fiato all’economia, rilanciando gli investimenti e allargando l’occupazione aprendo il mercato del lavoro, il governo si dedica ormai sistematicamente alla produzione di falsi. Dimostrati e dimostrabili anche da un bambino.”
    L’Italia ha il Governo peggiore dell’occidente: l’OCSE certifica il Record mondiale di Monti di incremento di Tasse, come si evince l’italia il paese che piu’ di tutti, e pure in modo molto evidente, sta facendo leva su icrementi di tassazioni.
    Mi ricordo quando Mario Monti si è insediato con la sua variopinta squadra di professori seri, compunti, per la massa anonimi, gente che si capiva le lauree se le era conquistate studiando, frequentando l’università e andando a sostenere gli esami, con persone in grado di affrontare e sostenere confronti e dibattiti sull’economia, sulla finanza, sul lavoro, sull’imprenditoria, sulla cultura, sull’ambiente, sulla società civile, abbiamo tutti tirato un sospiro di sollievo. Al primo giorno del suo insediamento, ricordo benissimo di essere stata una dei suoi sostenitori.
    Ci ha fatto sognare. Ci ha fatto credere che il Risveglio era alle porte.
    Ma invece del Risveglio, hanno accelerato la deriva onirica trasformando la favoletta pseudo-narcisistica dell’Italia narcotizzata da Berlusconi in un incubo ipodato high tech.
    Chi conosce la storia potrà riconoscere queste parole e magari le potrà paragonare a quelle dette dal nostro professore “Io vi risolleverò dalla vergogna, dall’umiliazione, perché usciremo tutti insieme dal baratro che si apre dinanzi a noi, da questa immensa voragine del debito pubblico che ci sta mangiando vivi e riconquisteremo la credibilità internazionale diventando orgogliosi di essere un popolo, una nazione, proiettati verso un futuro di progresso sociale e di equità”.
    Così Adolf Hitler parlava al suo comizio elettorale conclusivo nel febbraio del 1932, quando vinse le elezioni, parlando continuamente –un vero e proprio mantra ossessivo- di “baratro” di “mancanza di alternative” di “necessità di rigore” di “regole ferree”.
    Il popolo tedesco venne ipnotizzato dall’idea del nazional-socialismo e l’espressione “progresso sociale ed equità” conquistò i cuori della classe operaia che spostò il 40% dei voti dai partiti di sinistra verso di lui. Adolf Hitler (così come in Italia aveva fatto Benito Mussolini dieci anni prima) conquistò il potere presentandosi come un liberista socialista.
    Il resto è storia nota.
    Non appena preso il potere, occupati i gangli produttivi, iniziò la sistematica produzione di falso e falsificazioni.
    Ma allora non c’era la rete.
    E davvero le alternative nell’accesso alle informazioni erano poche, minime.
    Oggi, le alternative esistono eccome. E’ possibile comprendere, smascherare e denunciare i falsi. Non è facile neppure oggi, perché la truppa mediatica asservita (e ben pagata) partecipa al balletto. Ma si può controllare, verificare, parlarne. Dopodichè non è più possibile lamentarsi. Si prende atto che dicono il falso e si sceglie di sottrarsi.
    Da questo punto di vista, ritengo l’attuale governo peggiore di quello di Berlusconi. Il sultano di Arcore ha scientificamente narcotizzato la nazione addormentandola. Mario Monti la sta gettando in un incubo elettronico con lo stesso identico obiettivo: impedirne il Risveglio per la riscossa nazionale.
    Il governo ha iniziato prima dall’estero. Viaggi dai quali Monti ritornava sostenendo di essere adorato (il che non era vero) di aver ottenuto appoggi incondizionati per la propria politica (il che non era vero) addirittura correndo il rischio di incidenti diplomatici come la settimana scorsa con Obama a Seoul, con gli americani presi in contropiede perché non si erano resi conto che il ragionier Mario Monti è stato còlto da un delirio iper-egoico ed è convinto di essere talmente carismatico e onnipotente da poter dire qualunque cosa e sostenere qualunque affermazione senza tema di smentita.

    Mario Monti, invece, è stato còlto da un altro tipo di delirio, a mio avviso ben peggiore un delirio di onnipotenza.
    Immemore di sé, immune da ogni auto-consapevolezza e umiltà, ha finito (come nella splendida favola di Oscar Wilde) per identificarsi con la propria maschera, provandoci gusto, dimenticandosi di essere soltanto un ragioniere contabile che deve eseguire un còmpito e niente di più. Lui, invece, si è convinto di essere uno statista, e ancora peggio un economista. Non essendo né l’uno né l’altro (ovverossia: se lo è, è davvero un somaro) allora produce falsi.
    Non ha altra scelta.
    Ma i Falsi sono pericolosi, perché aumentando la falsificazione si uccide il Senso.
    Vanno denunciati quotidianamente. In maniera contundente e senza fronzoli.
    Oltre agli esteri, abbiamo il campione delle falsificazioni sui dati dell’economia, del lavoro, dell’industria, della cultura. Falsi. Tutte bugie.
    Conti alla mano, il governo Mario Monti dice solo bugie.
    Vediamone alcune.
    1). Si alza la forbice dello spread e la responsabilità è attribuita alla Spagna. FALSO.
    La verità è che dopo quattro mesi il disavanzo pubblico è aumentato, invece che diminuire, le manovre di Monti hanno prodotto il credit crunch (termine che indica la strozzatura del mercato perché lo stato è costretto a indebitarsi per pagare interessi di debito contratti precedentemente, avendo rinunciato al disavanzo di debito virtuoso per investire in infrastrutture e grandi opere per creare lavoro-mercato-occupazione, e così facendo si avvia al proprio fallimento annunciato) e i grandi istituti finanziari internazionali hanno capito che Monti trascinerà il paese alla rovina e quindi non acquistano più i nostri bpt se non a tassi alti perché stanno scommettendo sulla nostra rovina.
    2). La nostra borsa va giù e la responsabilità è della speculazione. FALSO:
    I fondamentali della nostra economia sono pessimi. I bilanci delle banche sono truccati, per non contare le PORCATE DEGLI AUMENTI DI CAPITALE CHE HANNO INCASTRATO MOLTISSIMI ITALIANI E NON PARLO SOLO DI UNICREDIT d’altro canto la scultura davanti piazza affari è l’emblema di dove va a finire quel dito… cari investitori!!. La Bce ha fatto avere, attraverso Mario Draghi, alle banche italiane la cifra di 325 miliardi di euro negli ultimi sei mesi affinchè si ricapitalizzassero e aprissero i crediti alle imprese. Le banche italiane hanno preso i soldi, hanno chiuso i rubinetti e li investono nella finanza speculativa ad alto rischio per recuperare, da bravi giocatori d’azzardo compulsivi, i soldi che hanno perso e il costo della politica (funzionari, ministri, faccendieri) di cui le banche si fanno carico per poter avere soldi cash senza che nessun governo chieda loro mai conto. Da tutte le piazze finanziarie del mondo arrivano massicci ordini di vendita sui titoli italiani, considerati ormai carta straccia. A novembre dell’anno scorso erano considerati titoli a rischio. Oggi sono stati tutti squalificati.
    3). L’ufficio statistico del Ministero del Tesoro rivela che le prime 500 banche italiane sono proprietarie (attraverso le fondazioni) del 67% del patrimonio immobiliare italiano, corrispondente a un valore di mercato pari a circa 400 miliardi di euro. Monti ha dichiarato in data 20 gennaio 2012 di aver fatto applicare i parametri della BCE (“ce l’ha chiesto l’Europa”) per alzare le aliquote fiscali delle imprese finanziarie. FALSO. BUGIA.
    Con postilla di decreto legge votato in fretta e furia a metà marzo, il governo ha dichiarato PER LEGGE che gli istituti bancari “sono esenti dall’applicazione dell’Imu in quanto enti deputati alla beneficenza sociale”. Il Tesoro, così ha rinunciato ad incassare 40 miliardi di euro.

    4). In data 31 gennaio 2012 il governo ha dichiarato di aver “diminuito sensibilmente l’uso delle auto blu facendo risparmiare complessivamente almeno 200 milioni di euro”. FALSO.
    Le auto blu sono aumentate negli ultimi quattro mesi del 24% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con un aggravio di spesa complessiva (benzina, assicurazione, autisti, parcheggio) per lo Stato di ben 156 milioni di euro.
    5). In data 18 marzo 2012 Mario Monti ha dichiarato “stiamo uscendo dalla crisi; l’eurozona ce l’ha fatta e in Italia ci sono già segni di ripresa industriale”. FALSO.
    L’ufficio statistico del Ministero dell’Industria ha diffuso i dati nella giornata del 12 aprile 2012: l’industria italiana arretra del 6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con una pesante contrazione del mercato che, secondo la maggior parte degli analisti finanziari, situa “il sistema economico Italia” più in là della recessione e più vicina alla depressione. Soltanto la Grecia e il Portogallo hanno fatto peggio. Andando avanti così, entro tre anni l’intera industria manifatturiera italiana verrà spazzata via e nazioni come la Corea, il Brasile, l’Argentina, l’India occuperanno i mercati sostituendosi al made in Italy. Oggi, 13 aprile, la borsa valori di Milano va giù pesantemente proprio sui dati negativi dell’industria nazionale. Solo un pazzo investirebbe in borsa in Italia ed infatti tutti escono dal nostro paese LEGGETE QUI.
    6). “La riforma del mercato del lavoro che abbiamo varato è stata considerata in tutto il mondo davvero rivoluzionaria: aumenterà l’occupazione e rilancerà l’economia liberalizzando l’accesso, in linea con i parametri più avanzati d’Europa”. Così ha detto Mario Monti in data 2 aprile 2012. FALSO.
    L’attuale riforma del lavoro ingessa l’Italia, blocca l’occupazione, impedisce le assunzioni.
    E’ stata attaccata in tutto il mondo, da posizioni di destra “Wall Street Journal”, da posizioni moderate di centro finanziario “Financial Times” da posizioni di sinistra “Washington Post” e “The Guardian”. E’ stata addirittura sbugiardata da Mario Draghi e da Christine Lagarde, il che è tutto dire: entrambi sono allarmati perché l’attuale governo sta peggiorando la situazione.
    7). “Una delle azioni maggiormente propulsive del governo consiste nell’aver chiuso un accordo con l’ABI (ndr. Associazione Bancaria Italiana) per facilitare e imporre la trasparenza e liberalizzare la competitività del sistema bancario in Italia, peraltro solido e al sicuro”. Dichiarazione rilasciata in conferenza stampa in data 25 febbraio. FALSO.
    L’attuale governo ha rinunciato a far applicare la normativa europea che impone la non eleggibilità di membri nei consigli direttivi e amministrativi delle banche concorrenti tra di loro. Nei primi 25 istituti di credito italiani, il 92% dei membri dirigenti detengono cariche in almeno 14 istituti diversi in concorrenza tra di loro, il che macella e maciulla il concetto di competitività, trasforma le banche in un luogo chiuso all’esterno e di fatto trasforma le transazioni azionarie alla borsa valori non in una libera compra-vendita basata su dati di mercato, bensì in un’azione burocratica dovuta a funzionari (tanto per fare un esempio) di Unicredit che acquistano o vendono azioni di Banca Intesa per poi acquistare o vendere azioni di Monte dei paschi di Siena o Banco Popolare, alzando o abbassando il titolo sulla base di fattori puramente speculativi. In tal modo, il controllo rimane nelle mani dei pochi e le spese a carico dell’utenza aumentano. In Italia le banche non competono tra di loro. I costi per i correntisti aumentano ingiustificatamente.
    Per non parlare di tagli sugli stipendi dei parlamentari… tutto rimandato!
    TASSE SU TASSE e noi paghiamo.
    E’ la differenza tra Franklin Delano Roosevelt e Mario Monti, due uomini che si sono trovati al centro di una grave crisi socio-economica, ma che hanno scelto strade completamente diverse.
    C’è chi ama il Buio. C’è chi è attratto dalla Luce.

  • Monti mette l’IMU,e casa sua e’registrata sotto proprieta’ di banche,cosi’ che lui l’IMU non lo paga. Questa si che e’coerenza.

  • ezio:

    orbene , da assoluto ignorante in materia , vecchio scettico dedito al culto del : a pensare male si fa peccato ,ma il piu’ delle volte ci si azzecca e…..dagli integralismi mi tengo lontano , devo ringraziarVi per avermi fatto conoscere un aspetto per me sconosciuto dell’interazione umana ( SEMPRE DELETERIA) su Gaia , ma alcune affermazioni che ( forse per ignoranza ) ,mi sembrano integraliste appunto dell’ “off” o “underground cultural-ecologista” mi fanno sorgere la domanda …….ma i terremoti sulla terra esistono forse solo da quanto l’attivita’ umana e’ diventata cosi’ invasiva ? mi pare di no ( senza andare tanto lontano messina inizio 1900……e milioni di altri esempi su pianire , colline , montagne sparse per il Pianeta)

    • Lino Bottaro:

      Caro Ezio se una persona camminando incespica nelle asperità del suolo cade; se qualcuno gli fa lo sgambetto cade ugualmente. Allora non credo che si possa dire che un fatto semplicemente perchè già accaduto debba essere addebitato sempre alla stessa causa… o no? Nell’area in questione ci sono più di 500 pozzi petroliferi non brustoline! Quanto basta per farci alzare la testa non crede?
      Mi stia bene!

  • maurizio:

    salve….visto che sembra che non dobbiamo più fidarci di nessuno… ci sono molti miei conoscenti che mi riferiscono che la scossa delle ore 13 del 29 maggio sarebbe stata ben superiore al grado 5 …ma ci avrebbero mentito. anch’io propendo per la menzogna…visto che me la sono presa in faccia , mi sono visto il panorama come fosse appoggiato sulle onde del mare , case ,strade , tutto il panorama insomma che ondeggiava di brutto….non l’avevo mai visto…credevo di essere in un film tipo epocalisse…quando la meteora impatta e si crea l’onda …ma invece stava succedendo davvero….terribile e angosciante.

  • Alcune domande che ponete su fracking e terremoto ritengo che abbiano già una risposta oggettiva, per cui mi chiedo se non vogliate talvolta fare fantapolitica,
    Altre domande invece urgono una risposta e spero che i terremotati, e non solo loro, superato il trauma la esigano.

    !.Perché dal 2003 la zona diventa sismica? Guardacaso proprio dalla data di inizio delle perforazioni.
    Risposta: la pianura padana è da sempre sismica, ma i terremoti devastanti sono rari, ogni 500 anni circa. Modena fu colpita da un terremoto non devastante già nel 1996. Piuttosto c’è da chiedersi il perché, in una aria sismica, gli uffici tecnici pubblici non abbiano OBBLIGATO a costruire con criteri antisismici, lasciando invece la discrezionalità ai cittadini. Si sarebbero evitati morti e distruzioni.
    2.Perché dall’inizio di quest’anno scolastico si é iniziato a fare anche in Pianura Padana le prove di evacuazione per eventi sismici nelle scuole? Quando gli stessi insegnanti parlano di zona esente dal pericolo sismico?
    Risposta: E’ da diversi anni (finalmente) che nelle scuole ci si preoccupa dei rischi sismici, e non solo, limitandosi però a d evacuazioni più simboliche che altro. La tragedia è che, in Italia, in un terremoto non devastante, crollò anni fa soltanto la scuola di recente costruzione: per grazia di Dio perirono solo una maestra e la sua classe, il resto era momentaneamente all’esterno. Mica però ci si può affidare sempre alla Divina Provvidenza. In quanto agli insegnanti, chi mai ha parlato di zona esente dal pericolo sismico? Certamente nessuno si aspettava un terremoto devastante
    3. Erano tutti stupidi i progettisti delle centrali nucleari di Caorso e quella che doveva partire ad Ostiglia da pensare di far funzionare delle centrali nucleari in una faglia sismica?
    A mio parere sì, perché l’Italia, come il Giappone è da sempre sismica e pure i tecnici giapponesi hanno dimostrato, nei fatti, se non di essere stupidi, di essere degli incoscienti, rovinando per sempre parte del loro territorio. L’avidità diventa sempre stupidità, anche con i tecnici meglio preparati del mondo.
    4.Perché la Protezione Civile ha avvisato la popolazione che ci sarebbero stati dei sismi? Allora si possono prevedere? E sulla base di che cosa? Forse iniettando ad una certa pressione liquidi che aumentano ulteriormente la pressione si può avere una qualche indicazione del momento in cui il giocattolo si rompe?
    Risposta: A me, che vivo in vicinanza delle rovine emiliane, non risulta affatto che la protezione civile abbia avvisato di tali evenienze.
    5.E’ un caso che qualche giorno prima del sisma il Governo coloniale italiano ha eliminato i risarcimenti contro le calamità naturali? Non vi sembra un giochino come quello di Napolitano che ha fatto senatore a vita Monti per poterlo mettere, subito dopo, a capo del Governo?
    Risposta: E’ certamente un caso, anzi questo terremoto dimostra l’inadeguatezza di questo governo, che va a tagliare i fondi proprio dove non andrebbero tagliati. E’ veramente una vergogna, ed anche una ipocrisia. Per fortuna qualche persona informata ha contestato questo “salvatore della Patria” quando si è recato in visita ai terremotati.
    6.Perché l’epicentro del terremoto é molto vicino alle attività di estrazione (vedi cartina)?
    Sapete chi é il maggior esecutore di fracking? Chi ha inventato questa tecnica? Di cosa si occupa Halliburton?
    A questa domanda dovrebbero rispondere i geologi: certamente è una follia in una zona da sempre sismica, ad alta densità abitativa, andare a stimolare il can che dorme. Le popolazioni che hanno subito i danni hanno bisogno di risposte chiare in merito, altrimenti ci sarebbe davvero da fare una rivoluzione! E se si fosse costellata la zona di centrali nucleare, come volevano fare molti politici?
    7.Perché i Colli Euganei, in provincia di Padova, che dovrebbero essere un’area sismica essendo di origine vulcanica, non sono stati minimamente interessati dal terremoto? Forse perché sono di natura rocciosa e non sono soggetti alle conseguenze delle estrazioni, o fracking, o quello che volete?
    Anche a questa domanda dovrebbero rispondere i geologi
    8.Perchè la Casaleggio di Grillo con i suoi partners americani (BP, AMOCO, MONSANTO, ecc…) non parla di terremoto?
    Chiedetelo a loro e se non rispondono sono in malafede.

    Evitiamo comunque la caccia all’untore, anche per evitare che, ove vi siano effettive responsabilità umane, queste non emergano per la confusione tra cause naturale e concause artificiali.

  • Giuseppina Dalle Prane:

    sono rimasta scioccata a leggere queste cose. Vi invito a portare avanti l’indagine perchè venga fuori la verità. Ma ai nostri figli cosa resterà di buono se tutto viene manipolato in questo modo?

  • Giovanni Lazzaretti:

    Ho letto con interesse, ma devo rettificare un punto.
    “Perché dall’inizio di quest’anno scolastico si é iniziato a fare anche in Pianura Padana le prove di evacuazione per eventi sismici nelle scuole? Quando gli stessi insegnanti parlano di zona esente dal pericolo sismico?”
    Le prove di evacuazione nella pianura padana non sono una novità di quest’anno: ad esempio a Correggio si fanno già dal sisma del 1996 (4,8 magnitudo). Correggio è vicinissima anche alla zona terremotata attuale.

  • Carlo:

    Fracking e sismi: io ho pensato subito a una classica bufala, di cui avevo già avuto notizie. Tuttavia ho letto con attenzione i vari link, mi sono informato sul “fracking” in merito agli ordini di grandezza, ecc. Vediamo punto per punto.
    Credo che nella Pianura padana e nell’Adriatico il fracking sia poco usato, perché i giacimenti di gas sono in sedimenti non completamente litificati, e a permeabilità relativamente alta: quindi la tecnica non sarebbe a rigore necessaria. La subsidenza indotta è relativa a estrazioni in strati superficiali, non più praticata dal 1963 (v. Delta del Po). Le estrazioni più profonde causano subsidenze più teoriche che pratiche, perché interessano strati già fortemente consolidati dal carico dei sedimenti sovrastanti. La gente pensa che l’estrazione lasci dei vuoti nel sottosuolo, delle specie di caverne, il che è ridicolo.
    L’area è sismica non da ieri, ma da secoli: Argenta fu distrutta nel XVI secolo, senza fracking. Statisticamente, sul lungo periodo, non c’è stato un incremento della sismicità: se si fa una correlazione fracking-terremoti si vedrà che non ci sono variazioni nel numero dei sismi. Sul fatto che sia vietata in alcuni paesi (o paesini?) non mi pronuncio: se fatta a bassa profondità, potrebbe causare inquinamenti di falde se si impiegano sostanze inquinanti, ma nessuno utilizza acque provenienti da migliaia di m di profondità, acque che sono già salate a 400-500 m.
    Il “collassamento” del terreno citato da alcuni è solo una banale liquefazione che interviene a pochi m di profondità per effetto dell’incremento progressivo della pressione dell’acqua nei pori dovuta alle scosse, pressione che non può essere dissipata istantaneamente a causa della permeabilità relativamente ridotta del terreno.Si è fatto riferimento al comportamento di una torta fuori dal forno mi sa tanto di “fisica da cucina”, che va bene per spiegare tante cose ma non questa.
    Quanto al gas che “sostiene come un cuscinetto la pianura” questo è talmente ridicolo che non conviene neppure confutarlo. Basterà dirlo ai…bambini, assieme ad una fetta di torta di cui sopra.
    In ogni caso, si decidano i vari eco-terroristi: se la pianura collassa estraendo il gas, rimettiamolo…o si è contrari anche allo stoccaggio, come quello previsto in zona, ora sospeso? Le idee che circolano sono conclusioni del tipo “post hoc propter hoc”, che dopo Copernico, Galileo e Newton, e al tempo della scienza moderna fanno dubitare della razionalità di tipi “informati” come molti che scrivono qui.
    Proviamo a fare due conti, anzi provate voi perché a me viene da ridere: confrontiamo l’energia liberata dallo sciame sismico con quella impiegata in un ipotetico fracking nella stessa area. Dopo ne parliamo. A proposito, nel Friuli, all’Aquila, nell’Irpinia e nel Belice, c’era stato fracking? Vogliamo o no considerare che è in atto la collisione di placche su un fronte di migliaia di km, con velocità misurabili superiori al mm/anno, sia in orizzontale che in verticale, con energie coinvolte di svariati ordini di grandezza superiori o pensiamo davvero che una puntura di spillo abbia scatenato tutto quanto?
    Ultima citazione che mi fa riflettere sul livello del messaggio:
    “Procedura aperta per l’affidamento della concessione di costruzione e gestione rete di teleriscaldamento e indagine geologica esplorativa inerente un pozzo geotermico comprensive dei lavori strutturalmente e direttamente collegati”.
    E’ sottinteso un rischio incontrollabile, legato alle parole oscure “teleriscaldamento”,”indagine geologica esplorativa”, ” pozzo geotermico”: ma vi rendete conto della “cavolata” ? Gli individui che suggeriscono questi sotterranei legami sono socialmente pericolosi
    Io consiglierei all’ecologo d’accatto di:
    1. documentarsi, non solo al bar o in cucina, 2. spegnere luce, gas, 3) andare a piedi sempre, 4. rinfrescarsi d’inverno e riscaldarsi d’estate, 5. bere acqua di fiume o di pozzo con secchio e carrucola, 6. non utilizzare il computer per scrivere cose amene in tempi di seri problemi.

  • Carlo:

    Dalla lettera di Marco Masetti del 4 giugno
    - 6.Perché l’epicentro del terremoto è molto vicino alle attività di estrazione?
    A questa domanda dovrebbero rispondere i geologi…-
    Da geologo rispondo:
    I giacimenti di idrocarburi sono contenuti in “trappole”, come anticlinali (pieghe) o faglie, di origine tettonica, ossia legati a deformazioni della crosta. Anche i sismi sono legati all’attività tettonica. Quindi giacimenti e relative attività estrattive sono vicini agli epicentri.

    “7.Perché i Colli Euganei, in provincia di Padova, che dovrebbero essere un’area sismica essendo di origine vulcanica, non sono stati minimamente interessati dal terremoto? Forse perché sono di natura rocciosa e non sono soggetti alle conseguenze delle estrazioni, o fracking, o quello che volete?
    Anche a questa domanda dovrebbero rispondere i geologi”
    I Colli Euganei sono di origine magmatica, ma di un magmatismo non più attivo. I terremoti sono legati alle “faglie” più che ai vulcani. Infatti all’Aquila, nel Belice, nel Friuli non ci sono vulcani, nè esistono vulcani a Forlì, Bologna, Parma, in Calabria. Ci sono terremoti tettonici (i più forti) e terremoti vulcanici, legati all’attività magmatica.

  • nAncora:

    it.wikipedia.org
    Un film a tema. (1987)

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE