Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Dateci Assad, dateci Tsipras, toglieteci Napolitano (e i canarini di guerra)

Articolo di Fulvio Grimaldi * Link

Cari amici, lo so: siamo lunghi, lunghissimi. Cosa non buona, nei tempi dei saettanti  twitter, degli sms criptati in frasette belle magre, quasi anoressiche, delle sveltine pubblicitarie interrotte dalle lungaggini dei programmi, dei face book „Oggi ho annusato la primavera. E tu?“ Capisco che una roba che pretende una curva dell’attenzione meno corta dei sette clic sul telefonino risulti indigesta. Capisco chi si ritira. O, se no, fate finta che sia la serie settimanale dei post di Grillo e suddividete la lettura su 7 giorni. Prometto che prima non ricompaio.

La Siria di allora, come lo è anche adesso, era il nucleo più potente della resistenza araba all’occidente…. Noi (Israele e America, ndr) abbiamo fatto tutto ciò che era possibile contro l’Iran e contro la Siria. Ora è dal maggio 2011 che stiamo cercando di destabilizzare il suo regime…. Dobbiamo continuare a mantenere alte le fiamme che abbiamo acceso e farla bruciare internamente. Noi non possiamo rinunciare ai nostri interessi e dobbiamo continuare e destabilizzare la Siria per ottenere ciò che vogliamo. (Henry Kissinger).
Il resto del testo, ovviamente ispiratore dei miliziani mediatici di cui qui appresso, conviene che vi precipitate a leggerlo in fondo)

Dobbiamo passare all’offensiva. Il nostro obiettivo è schiacciare il LIbano, la Giordania e la Siria. Il punto debole è il Libano, poichè quel regime islamico è facile da destabilizzare. Creeremo lì uno Stato cristiano, dopodichè schiacceremo le armate arabe e la Siria ci cadrà in mano. (David Ben Gurion, premier israeliano).

Il cambio di regime è ovviamente il nostro obiettivo in LIbano e Siria. Ci sono tre modi per raggiungerlo: il dittatore cambia posizione;  viene travolto dal suo popolo infelice; o, se costituisce un ostacolo per l’esterno, l’esterno lo elimina. (JINSA, Istituto Ebraico per gli Affari di Sicurezza Nazionale, Washington)

Diventiamo schiavi nel momento in cui consegniamo le chiavi della definizione della realtà interamente ad altri, che siano gli affari, una teoria economica, un partito politico, la Casa Bianca, o la CNN. (B.W.Powe)


Damasco per Assad, giugno 2012

Siria, trincea dell‘umanità
Dunque, sabato 16 a Piazza del Popolo di Roma, è andata alla grande. Con grave scorno della muta di sciacalli che avevano cercato, col terrorismo della diffamazione e della menzogna, irrimediabilmente fascista, di intimidire organizzatori e relatori e scoraggiare solidali e pubblico. Hanno toppato, non riuscendo nell’intento e, anzi, facendo montare  la mobilitazione e, così, coprendosi del fango che il ventilatore di verità installato a Piazza del Popolo gli ha rimandato addosso.Onore e grazie a Ouday Ramadan, comunista siriano, ideatore e organizzatore principe e irriducibile dell’evento onorato dai migliori degli italiani, per quanto minoranza assediata dalle catapulte di menzogne e calunnie di una conventicola  decerebrata, o collusa con gli sterminatori di popoli e classi. Sotto gli enormi striscioni con la bandiera siriana e il volto di Bashar el Assad, che coloravano di sè tutta la piazza, centinaia di persone (e ci voleva coraggio!) in rappresentanza degli onesti hanno svergognato, nel cuore della colonia imperiale, aggressori, assassini, genocidi, scherani governativi, ignavi, bugiardi e utili idioti. E rappresaglie Digos.
Permettetimi un po‘ di retorica: dall’arida proliferazione di gramigna che ha desertificato l’intelligenza e l’onestà di tanti succubi, è spuntato un bellissimo papavero rosso. La natura ci insegna: nell’erbaccia rinsecchita dal sole, l’astro della luce bacia invece  il suo fiore prediletto e lo fa resistere e proliferare. Fino a far rosseggiare grandiose distese e prepararle al raccolto del grano, la vita. A me è toccata l’apertura e, con un’occhiata al palco in corso di smontaggio, da dove in mattinata avevano emesso cinguettio critico (con occhio strizzato) i fasulloni della triplice sindacale, mi è
 „Che ridere a metterla in culo agli italiani“
parso cruciale osservare come i 200mila sotto quel palco monumentale, e anche quelle migliaia di giovani contro il precariato a Piazza Farnese, intelligenza politica e sociale elementare avrebbero voluto che fossero qui, accanto ai siriani e agli amici dei siriani. Insieme ai ferrovieri dei notturni Sud-Nord aboliti, ai pastori sardi uccisi da Nestlè, alle maestre di Riano Flaminio (seviziate per anni da erinni bigotte, morbosizzate e fanatizzate dalla politica del sospetto e della sorveglianza) agli studenti offesi dai quiz Invalsi, alle donne cui fanno schifo donne come Hillary o Fornero quanto uomini come Obama o La Russa.  Era il loro posto, più che la spianata sotto il palco degli imbonitori, questo angolo della piazza dal tricolore con due stelle, dove si lottava contro lo stesso nemico, gli sfruttatori dell’uomo sull’uomo, la cupola dei geno- e socio-cidi, che là bombardano e praticano il terrore e qui praticano il terrore e depredano. Per capire che, con le loro forze armate e il loro popolo, siriani, libici, iracheni, serbi, afghani, palestinesi, si battono per la stessa sovranità e giustizia che la cosca sindacal-bancaria-mafiosa-clericale sottrae a loro come ai lavoratori, ai giovani, agli anziani, alle donne del nostro paese. Quando gridava „fuori la Nato dall’Italia, fuoril’Italia dalla Nato“, questa gente era conscia di quell’unità, del nemico comune e di una strategia unitaria da opporre alla strategia comune degli antropofagi. Si vinceva, allora, loro, i popoli proletari e, noi, le classi. Chi avrebbe potuto separare Berkley, o l’autunno caldo dal Vietnam? Chi la strage Usa di Mi Lay da Piazza Fontana? Chi il movimento del 68 dai fedayin? E chi oggi, invece, sa vedere la connessione tra la demolizione della Val di Susa e la polverizzazione di Sirte?
Si sentiva con forza di tuono echeggiare lo slogan Allah, Surìa, Bashar ua bas. Alcuni correggevano in Shaab, Surìa, Bashar ua bas, dove Shaab sta per popolo. Era la metafora sonora della Siria laica e pluralista, che per laico e pluralista intende e pratica da mezzo secolo il rispetto e la cura di decine di confessioni ed etnie, salvaguardando e garantendo così una separazione laica dello Stato dalle chiese, un codice epistemologico che ha educato generazioni alla convivenza e all’armonia. E, lo dico a te Marinella (cui mi dedicherò fra poche righe), perplessa per quello slogan che è di tutto un popolo, lasciare che si chiami all’intervento sia dio, sia il popolo, significa proprio questo e non getta la minima ombra sul carattere laico di quello Stato. Essere laici, mica significa necessariamente essere atei. Una cosa era chiara ai partecipanti: solidarietà alla Siria libera, sovrana, non globalizzata, nel segno dell’unità e sovranità araba, dell’antimperialismo, dell’anticapitalismo, dell’uguaglianza tra gli esseri umani, indipendentemente da razza, religione, sesso, inclinazioni, purchè non vendipatria. Allah, o non Allah per lo Stato pari sono. Questa è laicità.
Al di là di qualche frammento di folklore nazionalbolscevico, di qualche infiltrato fascista, subito imboscato perchè schiacciato dall‘ antimperialismo autentico, che non è mero antiamericanismo (Viva gli Occupy Wall Street) in funzione di altre versioni geopolitiche di imperialismo, e di un gruppetto di cerchiobottisti che avallavano l’equiparazione ONU tra chi aggredisce e chi si difende invocando un „cessate il fuoco di tutti“. Al di là di questi ambigui o nefasti fiancheggiatori, Piazza del Popolo ha vissuto un momento dignitoso, combattivo, onesto. Denuncia e svergognamento della lieta disponibilità di sinistre capitaliste, opportuniste, trotzkiste, radicalchic e pacifinte, di farsi bollire nel paiolo dei cannibali con il conforto di un rametto di rosmarino (licenza di sopravvivere con la catena alla caviglia).
Nella mefitica palude Stigia, formata dai nove grandi meandri percorsi dal fiume Stige, la dea Teti immerse il figlio neonato Achille, per renderlo invulnerabile, ma trascurò il tallone e Achille perì. La divinità che ha figliato eserciti di suoi eroi politico-merdiatici (la „r“ non è un errore), ve li immerse, in modo da farli immortali. Ma anch’essa li tenne per il piede e non si avvide del lembo scoperto. Il fiume, dolosamente, non rivelò la defraudazione. Così il colosso scatenato dalla Sublime Porta-Casa Bianca, ritenutosi corazzato dal bagno nella palude della frode grazie al concorso dei nove meandri dell’oligarchia merdiatica occidentale (Reuters, AP, Murdoch, CNN, BBC, Mediaset, RAI, De Benedetti, NYT), non si avvide dello zoccolo scoperto. E lì fu colpito da un nugolo di frecce, proprio mentre si apprestava a mettere a ferro e fuoco la città degli uomini di pace. Per restare nel mito, alcune di quelle frecce letali nel tallone del matamoros merdiatico (lo so, l’accostamento di questi modesti canarini da gabbia all’eroe acheo è improprio assai: magari entrambi protervi e prevaricatori, ma con una differenza di classe e di stile, quella tra ratti e falchi), le ha tirate Marinella Correggia. E le sue, di frecce, sono acuminate.
Di Marinella, lo dico con forza, non condivido le strade battute con altri No War in cerca, si vorrebbe, dell’equidistanza e di un pacifismo che finisce con considerare pacificatrice la distribuzione della responsabilità tra vittima e carnefice. Un suo testo, sconsolatamente ambiguo, elegge a „terza forza“ un gruppo di cristiani di Homs, questi, sì, benedetti dal Vaticano (e c’è già da riflettere), che si dichiarano contro ogni violenza e contro ogni scontro armato. Detto davanti a un groviglio di serpenti che strangola e avvelena il corpo della Siria, finisce con sottrarre forza alla resistenza e, ammantandosi di una ipocrita neutralità, lasatrica di buone intenzioni la via dell’inferno. Noi restiamo accanto al legittimo governo, al presidente Assad, alle forze armate patriottiche che, cari fratelli di Homs, purtroppo non hanno scelta se non impegnare la propria vita per fermare i sicari della criminalità organizzata internazionale. Tutto il resto è nè-nè e tradisce la verità e il popolo siriano.
Tutto ciò non incide sullla nostra solidarietà a Marinella contro i suoi detrattori. Senza nè-nè. Con lei e con noi – per i quali, insieme al lancio di mota, qualcuno ha anche fatto la scelta terroristica del procedimento giudiziario – i merdiatici  hanno dato seguito, nel loro piccolissimo, all’operazione planetaria di soppressione di voci altre, quelle dei „selvaggi“ e „dittatori“, di quelle che badano al vero, anzichè alla voce del (loro) padrone. Ci sono giornalisti che stanno alla committenza come le cortigiane stavano a Luigi XIV, come i picciotti ad Al Capone, come i caporali tedeschi al Feldmaresciallo Kesselring. Per loro, mica per niente, è in ballo il Premio Pulitzer. Ci siamo già occupati in passato del bloggista che spara su giornalisti veri, Cristiano Tinazzi, fermato dalla polizia in un gruppo di naziskin e poi candidato per il Fronte Nazionale di Freda, del savianeo geopolitico Ricucci e del davvero  esagerato Germano Monti, uno capace di inquinare con la sua lotta alla verità perfino l’onesto arcipelago della solidarietà palestinese. Ora nel coro è entrato anche un certo Lorenzo Declich (nomen omen), con una sparata contro Marinella tanto vigliacca quanto ottusa. Nascostosi dietro il dito artritico dell’ONU, di quell’ONU che per la Nato in Serbia, Iraq, Afghanistan, Libia ha fatto da notaio-zerbino, un po‘ come Napolitano ha onorato di firme tutte le scorrerie di Berlusconi, il soggetto si affanna a confutare la preziosissima opera di verifica e smascheramento portata avanti da Marinella sul menzognificio allestito dal monopolio merdiatico per lubrificare la sodomizzazione di Libia e Siria. Qui la perfidia diffamatrice è pari solo all’idiozia degli argomenti.
Lo spensierato copione delle migliori bufale dell’intelligence polverizza come nonsense, e magari complottismo, il principio del cui prodest., inserendo tra i due termini un non campione di logica. Così Assad uccide la sua gente e distrugge il suo apparato di sicurezza per offrire su piatto d’argento un bella causa ai suoi potenziali assassini; gli islamici buttano giù le Torri Gemelle e bucano il Pentagono per dare il destro alla potenza guerresca egemone di papparsi i loro paesi; Piazza Fontana è fatta dagli anarchici e Piazza della Loggia da sindacalisti per alimentare la compressione di diritti e salari che passava sotto il nome di „strategia della tensione“; Gheddafi abbatte un aereo e 81 passeggeri a Ustica in modo che Reagan non abbia scrupoli a bombardarne la casa e cento residenti, Milosevic stermina 45 civili a Racak, in Kosovo, perchè non vede l’ora che gli si bombardi la capitale e si distrugga la Serbia e i palestinesi fanno saltare la stazione di Bologna, e chi c’era c’era, perchè si ponga fine allo squilibrio che vede l’Italia patteggiare un accordo di non aggressione reciproca. Le BR poi….
Questo criterio del cui prodest, da che mondo è mondo chiave di lettura di analisti, investigatori e storici per demistificare le campagne di intossicazione atte a rincretinire e soggiogare l’opinione pubblica, è definito apoditticamente „demenziale“. Punto. In compenso, questo assertore del cui non prodest oblitera perfino le perplessità del capo osservatori, generale Mood, messo in campo dal maggiordomo Ban Ki Moon per svolgere il compito di William Walker quando, in Kosovo, s’inventò quella strage di Racak per suscitare un’indignazione collettiva che avrebbe sostenuto le ali dei bombardieri su Belgrado. Il quale Mood, per quanto manipolato da Reuters e Ansa, due bocche della verità atlantiche, di fronte all’evidenza raccolta anche da media amici, aveva dovuto esprimere dubbi sulla paternità della strage di Hula, alla vista delle decine di teste colpite a bruciapelo e dei bambini con la gola tagliata, effetti non imputabili a bombardamenti di artiglieria. Declich, scandalizzatosi perchè c’è chi ascolta anche altre voci, come quella di un governo in ogni caso infinitamente meno criminale dei regimi totalitari del Fronte di Liberazione Siriano, Israele, Usa, GB, Francia, Qatar, Arabia Saudita, Al Qaida, o quella dei centri di informazione cristiani che testimoniano la loro comunità sterminata dai „rivoluzionari“, alla fin fine si aggrappa a un unico argomento: i bombardamenti di Assad sulle case e famiglie di civili. Siccome del cui prodest  il presidente del paese, azzannato da una marmaglia di lanzichenecchi, se ne fotte, ecco che promuove coesione contro il nemico  e consenso della nazione al suo governo bombardandone i figli.
Deve aver proprio pisciato fuori dal vaso imperiale, non unica nella stampa mainstream che incomincia a rendersi conto dell’insostenibilità della vulgata di Hillary e dell’emiro del Qatar, la Frankfurter Allgemeine Zeitung, standard aureo giornalistico per ogni establishment, quando ha pubblicato dati e testimonianze su Hula che rivelavano come TUTTI gli assassinati appartenessero a famiglie sostenitrici del governo, in quartieri che sgherri armati avevano occupato e dove l’esercito regolare era entrato solo a carneficina compiuta. Granate di carri armati siriani che hanno distrutto le case? A parte il fatto che è diritto di ogni governo intervenire contro aggressori che massacrano la gente, al Nostro sono sfuggite le immagini di ribelli che, sparando razzi RPG, fanno crollare case, quelle delle case che vengono fatte passare per bombardate e invece esplodono dal di dentro, quelle delle nuvole di fumo nero che, sistematicamente, si sprigionano dalle macerie e come tali indicano che si tratta di copertoni incendiati sui tetti. Riunendo in sé due delle proprietà delle tre scimmiette, il vessillifero della „rivoluzione siriana“, non vede, non sente. In compenso parla. Ripete.
Riesce anche imbarazzante per i più avveduti tra coloro di cui si esercita a essere l‘eco. Ci fa le pulci sulle provata presenza in Siria di terroristi importati ma, occhiutissimo, non si è neanche accorto delle bandiere nere al vento di Al Qaida in Libia e Siria, o dei 600 sicari lì trasferiti dal fondatore di Al Qaida in Libia, Abdelhakim Belhadj, o delle ormai sempre più frequenti rivelazioni di stampa e servizi occidentali sulle spedizioni mercenarie guidate da forze speciali Nato. Meglio di qualsiasi nostra obiezione, lo mette al posto suo un referente di quel planeticidio che viene tanto ottusamente sostenuto. Leggetene qui sotto il suo pensiero sulla Siria. Un tantino più cinico. Ma parecchio meno stupido. E poi fatevi due risate a rileggere le inveterate scagliate contro di noi da Ricucci e compagnia.
Quando pensate che Kissinger era ministro di Nixon, consigliere di Bush 1 e 2 e oggi di Obama, alla luce dell’annientamento che programma per una nazione dopo l’altra, a partire dal Cile di Allende, non dovreste stupirvi del fatto che nella Casa Bianca, a capo dell’Occidente dove si verificano i prodromi della dittatura sul mondo, siede, come raccontatovi nel precedente pezzo, un assassino seriale di massa. Notizia (New York Times), quella di Obama che insieme ai suoi 14 capi della sicurezza si riunisce settimanalmente per stilare elenchi di assassinandi perchè „sospetti“ o „vicini a sospetti“, per cui è giudice, giuria e boia in uno. Informazione epocale su uno scherano di Wall Street che si crede Zeus e lancia droni sull’umanità che non marcia in fila, bellamente ignorata dalle armate mediatiche di cui i nostri tre scrivani eroi sono lo stormo di zanzare. Tutt’altra cosa il „manifesto“: silenziatore sul serialkiller e sua esaltazione in ultima pagina,  attorno a fotona di latinos con tocco in testa,  per cantare un peana all’angelo nero che, per nulla interessato al voto degli immigrati, regolarizza con decreto i giovani ispanici cresciuti negli States. Semplicemente grandioso per scelta delle priorità. Il collettivo sionista, in quello e in altri luoghi, avrà provato un leggero imbarazzo a vedere che il tema della Shoah, 127°dal dopoguerra (o giù di lì), è stato scelto dal 4,7% dei maturandi, avverso al 41,2% che ha preferito stare con i piedi sulla terra bruciata di oggi impegnandosi su „I giovani e la crisi“. Imbarazzo tramutatosi in euforia al constatare che ancora una vola la Shoah subita 70 anni fa è stata proposta a dispetto degli olocausti inflitti da 70 anni in qua. A Gaza (9 ammazzati da Israele negli ultimi tre giorni), terrorismo coloniale e militare in Cisgiordania del Bersani palestinese, Abu Mazen, in Libano, Siria e, attraverso dittatori surrogati, in metà dell’America Latina.

Intanto in Siria…
Ratti di Libia e bambini “ribelli” di Siria
Del Generale Robert Mood, capo della missione di Osservatori ONU e fonte cristallina di verità, ai sopranominati delatori è sfuggita la denuncia di un membro giordano della missione di Mood spia della Nato, denuncia uscita su buona parte dei media del Sud del mondo. Uno degli espisodi citati: Mood aveva portato il suo convoglio estemporaneamente a Tartus, dove non era in corso alcun conflitto da registrare, solo per ispezionare quattro installazioni militari siriane, operazione non prevista dal mandato ONU. La stessa azione veniva condottaa Rastan, sempre su strutture dell’esercito. Che Mood intenda ripetere la raccolta di elementi atti a favorire bombardamenti e incursioni mirate, già compiuta da osservatori ONU in Iraq prima dell’attacco, o da giornalisti e osservatori OSCE in Serbia a favore dei bombardieri in partenza da Aviano? A pensar male… con questi ci si è sempre preso.
Altra notiziola scartata dai probi cronisti di cui sopra, è la minaccia fatta dai loro teneri e pacifici rivoluzionari che occupano parti di Homs (unico abitato ancora non liberato dall’esercito), dove tengono in ostaggio e nel terrore di subire il noto „trattamento Sirte“  5000 abitanti, di iniziare ad ammazzare civili se l’esercito siriano non se ne va. Hannibal che, mentre sbrana un po‘ di gente, intima al poliziotto di togliersi dai piedi. Notizia confermata non solo dai bugiardoni del governo, ma da vari giornalisti alla Marinella, ovviamente a libro paga di Assad. E, ancora, l’assalto compiuto da „ribelli“ contro l‘inviato dell’Ansa, loro consanguineo deontologico, in cui sono stati massacrati sei poliziotti che lo proteggevano. Ovviamente un’operazione di Assad. Infine, assolutamente non pubblicabile, la rivelazione che gli eroici volontari di „Medici senza Frontiere“ sono stati scoperti contrabbandare dalla Turchia esplosivo plastico ai terroristi. Imperdonabile che siano stati colpiti dalle forze lealiste mentre fraternizzavano in tal modo con i „giovani rivoluzionari“. Alcuni di questi, catturati, hanno confessato che svuotavano farmacie per fornire medicamenti agli „insorti“.
Altra notizia. A suggellare un’affinità terroristica al di là dell’appartenenza alla medesima confraternita confessionale, ecco che miliziani salafiti sono ospitati a Miami nei campi di addestramento dei bombaroli anticastristi, mentre, uniti nell’unica fede narco-islamista, altri tagliagole da lanciare contro la Siria vengono istruiti in Kosovo dall’UCK, a sua volta impratichitosi nel terrorismo grazie all’intervento, nel 98-99, di Al Qaida e dello stesso Osama bin Laden, in vista di Bondsteel, la più grande narcobase militare Usa d’Europa.

Mamma li curdi!
Sherkoh Abbas, importante dissidente siriano curdo, ha sollecitato Israele a ridurre in pezzi la Siria, come previsto nel 1982 dal Piano Oded Yinon del Ministero degli esteri sionista, frantumandola tra sunniti, sciti, alawiti, cristiani, drusi, curdi…  Dopo i despoti curdi  Barzani e Talabani, che hanno svenduto il Kurdistan iracheno alle compagnie Usa e ai servizi e accaparratori di terre israeliani, ecco arruolarsi il curdo siriano per onorare le istanze di emancipazione Nato del suo popolo. Dove ha sede l’Assemblea Nazionale Curda, capeggiata da questo campione dell’unità della sua nazione attraverso lo spezzettamento di altre? A Wahington, dove se no? E l’altro frammento di curdi filoimperialisti, il „Movimento del Futuro“, dove sta? Ma a  Istanbul, nel sottoscala di quel che rimane, dopo sei scissioni, del Consiglio Nazionale Siriano. Ha invece sede in pieno territorio curdo-siriano, il PYD, organizzazione maggioritaria dei curdi siriani, da sempre ideologicamente legato all’onorevolissimo PKK della Turchia e sostenitore della Siria unita e libera di Assad. Non sarà un caso che il PKK abbia negli ultimi mesi intensificato i suoi confronti con le truppe turche, iniziativa simpatica, atta ad allegerire la pressione del Nato-turco Erdogan sulla Siria.
Con la coalizione progressista e democratica di Usa-UE-Nato-Turchia-Qatar-Arabia Saudita, di cui i nostri tre spadaccini sono i vessilliferi medatici, in assoluto marasma per via della resistenza in armi e di popolo e dell’accentuata fermezza di Putin (pensate al recente lancio dimostrativo di missili intercontinentali russi e alle navi di armi russe in rotta verso la Siria), Obama, in vista delle elezioni (Usa, ma anche messicane e venezuelane), si arrovella su un dubbio. Si chiede: guadagno più voti a contrastare Romney, primatista di demenza reazionaria e genocida, mettendomi la corazza del guerriero senza macchia, paura, indulgenze, o mi fa più gioco fermare l’Air Force, con quella maggioranza di cittadini che, animati da Occupy, sono contrari a ogni nuova e vecchia guerra? Il dubbio frantuma anche la coalizione dei volenterosi che, in confusione sul da farsi, diramano a giorni alterni invocazioni al piano di pace Annan e belluine minacce di sfracelli. Al lacerarsi del tessuto di menzogne e provocazioni perfino nella stampa main stream, cui disperatamente i nostri deontologici polemisti offrono puntelli di ricotta, al disgusto dei Brics, per ora non sanno che contraporre un’esasperazione forsennata degli attentati e delle stragi. Come se la quantità potesse porre rimedio al disfacimento della qualità. Come in Nigeria, ultima espansione del terrorismo confessionale Al Qaida-Nato, mirata a sfasciare, dopo la Libia, la più grande e petrolifera nazione africana, sono i cristiani ad andarci di mezzo. In Nigeria macellano quelli che li macellano, in Siria, colpiti dalla fanteria Nato con sequestri, massacri, tortura, distruzione o furti di case, fuggono e gridano aiuto. Il papa, loro monarca e custode, di questi ultimi non è stato informato.


Grecia: chi coglie il vento e naviga, chi s’accuccia in vista della bufera
Una cosa va detta prima di ogni altra considerazione politico-ideologico-economica. Sulla Grecia non si abbatte solo la furia predatrice degli strozzini internazionali e la collera per il fiorire di un pensiero alternativo di massa. Sulla Grecia infierisce la vendetta dei barbari. Il discorso, non della sola Merkel, di „noi brave formichine laboriose e voi cicale canterine e fannullone“ è il rigurgito moderno di un bimillenario complesso di inferiorità del Nord nei confronti della civiltà classica. Civiltà, cultura, che tutto ha iniziato e tutto ci ha insegnato. Civiltà da loro sempre inseguita, mai conquistata, dunque da obliterare. Psicologismi? Chiediamolo a Gramsci e alla sua intelligenza della „sovrastruttura“.
Syriza, fronte di 12 partiti e movimenti, che in Italia potrebbe essere paragonata a una coalizione tra Ferrero (o piuttosto la sua base), Grillo, Landini e No Tav, si moltiplica per sei e becca il 27%.  Stava al 4% due elezioni fa. Gli altezzosi devoti a piaceri solitari del KKE, scavato un fosso tra sè e le masse, si dimezzano al 4, 5% e suscitano un amarcord  che fa rivivere il lento estinguersi dei sedicenti „comunisti“ in mezzo mondo. Suscitano anche una gran collera al pensiero che, uniti, KKE e Syriza avrebbero vinto e provocato la rottura della faglia europea. Il Pasok-PD è giunto al capolinea  dove un binario morto aspetta il suo equipollente italiano. Rattrista la rinnovata adesione del Partito Comunista-Sinistra Popolare del buon Rizzo a questi custodi del terzinternazionalismo più settario e antipopolare. Sinistra Democratica, con il suo 6,26%, manda 17 deputati a coprire a sinistra l’assalto finale di Pasok-ND-UE ai greci ancora in vita. Vale un SEL. Quanto ad Alba Dorata, il parallelo è con i neonazisti di Forza Nuova e affini. In vista della dittatura mondiale perseguita dalla Cupola, vengono allevati e esibiti nel circo della democrazia trucidi energumeni pelati e in camicia nera, macchiette da Gran Guignol, perchè i boccaloni continuino a credere che la minaccia di totalitarismo siano questi figuranti e non Monti, Obama, Draghi, Merkel, Lagarde, Zoellnick… Qualche mio gentile interlocutore insiste nel dare del democretino a chiunque, da Bersani a Stipras, non si ammassi sullo scoglio in gran tempesta dove sventola il vessillo della rivoluzione, dell’uscita dall’euro (nessuno sa come si fa) e dall’Europa. E dove neppure le zattere approdano più. Posso rispondere con la constatazione che esistono anche, più perniciosi per noi, i socialcretini?
Il risultato di Syriza è grandioso e cambia le carte in tavola. Atene non si smentisce. Nella Grecia aggredita dal’autocrate persiano Ciro è sorto un Leonida, o quel Demostene che seppe sottrarre la libertà della Grecia alle grinfie imperiali dei macedoni. 71 deputati sono arrivati in quel parlamento sull’onda di 17 scioperi generali in due anni e di quella volontà insurrezionale di massa che ha difeso con i corpi e con i mezzi possibili il suo diritto alla piazza. Hanno combattuto e votato le famiglie depredate dai tagli e dalle tasse, i lavoratori dei settori pubblico e privato rimasti al quasi 50% in strada, i comunisti seri, gli anarchici, gli studenti, i giovani. Fate un confronto tra le celebrazioni post-elettorali di Nuova Democrazia e di Syriza. Altro che „una faccia una razza“. Due facce, due razze: quella che fa indistinguibili i manifestanti di Occupy, del Quebec, di Madrid, di Santiago del Cile, da quelli di Syntagma. E l’altra che confonde i fichetti, yuppies, signore laccate di Nuova Democrazia, con il seguito arancione della Timoshenko, con quello verde dei quartieri alti di Tehran, o con la fauna di Cortina, o della Bocconi.
Syriza rifiuta il memorandum sociocida  ed è la priorità e la possibilità. E‘ il prerequisito per il ricupero della sovranità. Ha promesso che lo combatterà in parlamento e, ancora, nelle piazze. I giochi sono aperti: la vecchia oligarchia regnante è totalmente screditata. I greci sanno che ulteriori tagli per 11 miliardi li stroncherebbero definitivamente, che i prestiti ingrosseranno il debito e schizzeranno attraverso l’economia per alloggiarsi presso banchieri oltremare, che il licenziamento di 150mila statali preteso dalla Troika (alla maniera della Cuba di Raul, dove saranno un milione e mezzo a finire dietro a bancarelle), comporta la fame per un milione di famiglie. La fase richiede, mi pare, la transizione da un disastro senza limiti a un’economia equa, dinamica e partecipatoria. In parlamento si dovranno denunciare la corruzione dei cleptocrati e le spese assurde per le burocrazie militari e clientelari. Syriza non richiede oggi l’uscita dalll’euro (quante Piazza Fontana seguirebbero?), checchè sognino i dormienti, perchè vorrei vedere il greco che si ritrova con la dracma e i risparmi e salari dimezzati. Ma tale uscita in prospettiva sarà indispensabile una volta  confiscati  i beni rubati dagli oligarchi e nascosti in Svizzera o nei paradisi fiscali, e che gli interessi d’usura del sistema bancario europeo e internazionale siano stati rinegoziati, magari sotto minaccia di un abbandono della Nato, dando un minimo di fiato all’economia e ai livelli di vita. Con la propria valuta nazionale la Grecia riprenderebbe il controllo sulle sue finanze, tasso di cambio, strumenti di politica monetaria e degli investimenti. Nel frattempo sospenda il pagamento del debito (e ne scopra le componenti illegittime), metta il cappio al collo degli evasori miliardari, faccia un trapianto di organi vitali dai briganti armatori, evasori stramiliardari, al corpo agonizzante del popolo, imponga rigidi controlli sui capitali, congeli depositi bancari per evitarne la fuga, si rifornisca di fondi da fonti alternative: Russia, Iran, Venzuela, China e altri Stati non ligi alla Troika. Affidi al controllo operaio la gestione di industrie fallite, abbandonate, inefficienti, ai giovani l’innovazione e la rinascita di un’agricoltura uccisa dalla voracità di multinazionali e importatori.
E‘ il libro dei sogni? Dipende da che sostegno l’azione parlamentare otterrà dalla mobilitazione ed energia di piazza, non solo in Grecia. Gli eurocrati saranno tanto spaventati quanto spietati. Ma i 300 delle Termopili ce la potranno fare. Abbiamo lasciato che Serbia, Iraq, Libia si sacrificassero da soli, anche per noi. Oggi sono la Siria e la Grecia  a poterci salvare. Tocca a noi darci da fare per salvare loro. I fronti sono tanti, c’è anche quello in fiamme d’Egitto, dove gli Usa, barcamenandosi tra i Fratelli Musulmani e i più affidabili generali, hanno benedetto il colpo di Stato con cui è stato sciolto il parlamento, i generali si sono ripresi il potere legislativo e hanno riabilitato alle elezioni presidenziali il boia di Mubaraq, Ahmed Shafiq. La reazione del popolo di Tahrir ha ribadito che i destini di popoli e classi sono intrecciati, una è la guerra, uno il nemico. Capito questo, abbiamo vinto.

Eroi di Napolitano. Bravi a sparare sui pescatori.

Rimpiangere Cossiga?
Senza dubbio non tutte le conquiste del passato possono essere considerate ancora sostenibili e nemmeno ugualmente valide rispetto a nuove concezioni e misurazioni del benessere e della qualità della vita“. Questo, strappato pari pari dalle labbra della Fornero, ha sentenziato Giorgio Napolitano sporgendosi dal balcone su una sterminata massa di precari senza futuro, pensionati senza cibo, cittadini con casa rubata dalle tasse, operai senza rappresentanza sindacale seria e licenziabili a uzzolo del padrone, referendari rasi al suolo dal fuoco congiunto PD e PDL. Le misurazioni del benessere e della qualità della vita vanno fatte su Briatore, Benetton, Marchionne e su quel 10% di italiani che hanno il culo al caldo del 50% della ricchezza nazionale. Non v’è alcun dubbio che Napolitano, petalo di quel quadrifoglio della fortuna Nato-BCE, composto da lui con D’Alema, Veltroni, Bersani (il gambo si chiama Violante) e per lunghi anni concimato nell’orto del PCI togliattian-berlingueresco, tra tutti i nostri capi di Stato si è dimostrato il più equilibrato, imparziale, sopra le parti, saggio ed equo rappresentante di tutte le componenti della nazione. Con particolare cura per quelle minoritarie. Appunto il nominato 10%. Con la garza della sua „viva e vibrante commozione“ applicata sulle piaghe inflitte al paese da una banda di mafiosi promossi al governo del paese, ha permesso agli italiani di sopravvivere in coma vigile e di risvegliarsi nell’esultanza di un colpo di Stato che, come con Vittorio Emanuele di fronte alle intemperanze di lavoratori e socialisti, ha rimesso tutte le cose nel loro naturale ordine. Quello occupato del 10%.
Non si è concesso nè sosta, nè riposo, l’ultraottuagenario, allevato da manovratori illuminati fin  da quando lo mimetizzavano  da entusiastico celebratore dei carri armati di Budapest. Sulle insostenibili „conquiste del passato“, rappresentate in primis dall’anacronistico scudo della sovranità nazionale, consegnatoci in punto di morte dai martiri del Risorgimento, già ridotto a carta velina dal Patto Atlantico,  in nome delle „nuove concezioni e misurazioni“ ha fatto marciare gli stivaletti di pelle umana degli gnomi di Francoforte e di Bruxelles. Non c’è articolo della Costituzione che lui, massimo custode, non abbia liftato e reso trendy, restaurandolo in pret-à-porter europeo (art. 81: pareggio di bilancio, costi quel che costi al popolino e, art. 41, eliminazione della forzatura sociale sulla libertà d’impresa), o addirittura grantendogli una rivitalizzante metempsicosi (art.1: repubblica fondata non più sull‘arcaico lavoro, ma sull’allegra dissipazione praticata a beneficio universale dalla minoranza del 10%; art.11: repubblica che ripudia la pace).
Infine, soddisfatte tutte le esigenze della modernità, restava da rivedere un altro istituto a lungo ostico al 10% (che poi, a ben vedere, è solo quell‘1% a rischio di estinzione che viene perseguitato da Tsipras, Assad,Tahrir e Occupy), la vecchia storia democratica dei  pesi e contrappesi tra i poteri della Repubblica: legislativo, esecutivo, giudiziario (quello militare sta di riserva). Rivelato in termini impropriamente diffamatori dal „Fatto Quotidiano“, che visti i suoi implacabili attacchi ai commessi viaggiatori della Suprema Banca deve essere certamente pagato da poteri occulti,  l’assalto di Giorgino o‘ padrino alla magistratura fa rosolare d’invida la buonanima di Francesco Cossiga. Dopotutto, il bislacco gladiatore si era limitato a garantire con Gladio-Decima Mas-mafia l’incolumità nazionale, a spedire Falchi fucilatori contro i sediziosi di piazza e a tirare colpetti a salve contro „giudici ragazzini“. C’era il dramma di un ex-ministro degli interni e presidente del Senato ai tempi in cui mafia e Stato, accendendo fuochi purificatori tra Capaci e Via die Georgiofili, tentavano disperatamente di tenere a bada il Mazinga comunista. Quei successori, nella disobbedienza e forse nella nemesi, di Borsellino e Falcone, avevano osato incriminare un illustrissimo e intoccabile rappresentante dello Stato e, addirittura, volevano metterlo a confronto con colleghi e pentiti che straparlavano di trattativa mafia-Stato. Succedeva sotto l’occhio dell’allora ministro di polizia e di quello della Giustizia, il quale  si era attribuito il merito di aver allentato il cappio disumano del 41bis ad alcuni interlocutori della trattativa e delle collegate esecuzioni di massa.
Così Mancino, sentita l’aria nuova che  ha preso a tonificare il 10%, cui lui di dirittto appartiene, ha chiesto al presidente, per interposto braccio destro D’Ambrosio, di raddrizzare le cose e i magistrati di Palermo, soffocando così una volta per tutte le mefitiche esalazioni emesse dal pool di coloro che insistevano a soddisfare il diritto alla verità di una proterva maggioranza del 90%. E cosa ha fatto Napolitano? Ha innovato, perbacco. Si è messo al passo con Obama e si è dato, applicando la sua autorità puramente morale in quanto arbitro istituzionale, il ruolo ben meno anodino di incursore sulle fasce. Il centrattacco, del resto, l’aveva già fatto: dando l’assist al gol della punta Monti, con il quale la Banca Centrale Europea, e chi sopra di essa, avevano chiuso ogni partita del vecchio campionato di classe. Il capo dei procuratori della repubblica, inebriato anch’esso dall’aria nuova, ha ottemperato. Non s’incapponisca quel fanatico palermitano di Ingroia, si faccia coordinare da chi al fedele custode dei  misteri del 92-93 saprà rendere il dovuto.
Osservando da vicino l‘erede di un’illuminata e rimpianta monarchia assoluta, se non addirittura di un re, a un bel tomo di Cagliari, avvocato e pure donna, è venuto in mente di riflettere sul fatto che, per molto meno, Nixon era stato impallinato da impeachment. Ha considerato che imporre, su ordini dall’alto, un premier e un governo non legittimato dal voto popolare, insieme a una serie di altre trasgressioni, non costituiva proprio garanzia della Costituzione.  E così, per Giorgino o‘ Delfino, ha azzardato una balzana prospettiva di messa in stato d’accusa. Attentato contro l’integrità, l’indipendenza e l’unità dello Stato (sovranità monetaria trasferita dal popolo italiano alla BCE, quella politica, eocnomica, militare, passata a privati esterni); associazione sovversiva; attentato contro la Costituzione dello Stato; usurpazione di potere politico; attentato contro gli organi costituzionali; attentato contro i diritti politici del cittadino; cospirazione politica mediante accordo; cospirazione politica mediante associazione. Tutto questo prima che gli venisse offerta l’ulteriore ghiotta occasione dell’intervento presidenziale sull’indipendenza dei magistrati. Colpo di Stato? Secondo ogni dottrina giuridica costituzionale è colpo di Stato. C’è chi ne è pratico. E i golpisti nel governo applaudono.
E‘ matta l’avv. Paola Musu da Cagliari? Forse non s’è avveduta che, storicamente, un potere criminale economico a un certo punto ambisce  a farsi politico. A farsi Stato. Prima la mafia regnava per interposta persona. Successivamente, grazie a quattro bombette, è entrata a gamba tesa nel palazzo. E così difficile comprendere Napolitano quando, fatto fare ogni cosa agli altri per tanti anni, ha ritenuto arrivata l’ora di farsi avanti in prima persona, con tanta „vibrante e commossa soddisfazione“ dei suoi papà e mamma, della famiglia tutta. Legittima aspirazione umana, no? Tutto il resto sono maleinterpretazioni, strumentalizzazioni e manipolazioni, dice Napolitano delle intercettazioni. Come Berlusconi.
**********************************************************************************************************************

H. Kissinger
“Sono davvero sorpreso da come fa Assad a restare ancora al potere. In passato suo padre era l’unico leader arabo che mi ha battuto. Nel’1973, se non era per Anvar Sadat, il padre del giovane Assad avrebbe potuto battere l’occidente sul campo, perché la Siria di allora, come lo è anche adesso, era il nucleo più potente della resistenza araba all’occidente. Sono sicuro che senza l’aiuto di Sadat ci sarebbe stata una guerra contro Israele e gli arabi avrebbero potuto vincere contro Israele. Noi (Israele o America ? ndr) abbiamo fatto tutto ciò che era possibile contro l’Iran e contro la Siria. Personalmente ero al corrente di tutte le offerte che abbiamo fatto a Assad per allontanarsi dall’Iran, ma lui non ha ceduto e confesso che in lui ho visto l’immagine del padre che mi aveva battuto in modo eguale nel’1973. Ora è dal maggio 2011 che stiamo cercando di destabilizzare il suo regime, ma non riusciamo a stanarlo e questo mi ricorda quella formidabile forza che era l’impero mongolo che aveva preso tutto l’Asia Centrale e il Medioriente in un lampo, ma si fermò dietro le mura di Damasco. La cosa che mi sorprende è che la Siria, pur restando un paese senza grandi risorse e quasi povero, dispone di infrastrutture cosi forti e cosi stabili; ha i generi alimentari immagazzinati per oltre 5 anni ed è auto sufficiente per servizio sanitario ed energetico, inoltre, dall’esercito siriano composto da più di 500 mila unità, siamo riusciti ad ottenere solamente 1500 defezioni in tutti questi mesi e non riusciamo a dividerla internamente pur essendo un paese composto da circa 40 etnie diverse. Senza dubbio la grande maggioranza dei siriani sta con Assad e il paese ha l’appoggio dell’Iran, Russia e Cina. Non ci resta che insistere con la strategia di farla scoppiare dall’interno. Dobbiamo continuare a mantenere alte le fiamme che abbiamo acceso e farla bruciare internamente. Noi non possiamo rinunciare ai nostri interessi e dobbiamo continuare e destabilizzare la Siria per ottenere ciò che vogliamo.”

12 Commenti a “SIRIA TRINCEA DELL’UMANITA’”

  • Ryuzakero:

    Mi sa che l’unica speranza è Ron Paul.
    3 giorni fa ha fatto un bellissimo discorso in cui diceva giustamente che i massacri sono compiuti dai “ribelli” (aiutati dagli USA) e non dalle forze di Assad.
    Il discorso è sottotitolato in italiano:
    http://www.youtube.com/watch?v=mJ-s_Qi_Poc

  • archimede:

    Il problema è sempre lo stesso, se non si toglie di mezzo Kissinger con i suoi sanguinari assatanati di carne umana ,non ci sarà pace, solo con la sua eliminazione e dei Rockerfeller si può raggiungere una totale eliminazione dell’Elite, non vedo altra soluzione- anche se rimangono i Rothschild che in fin dei conti sono ormai alla fine del loro secolare cammino segnato da sangue /miseria e morte,giorni fà il fetente ha chiaramente e ufficialmente dichiarato guerra all’Iran.

  • StampaLibera pubblica articoli ottimi come fosse uno strumento al servizio del bene.

  • Vasco:

    E’ caduto un aereo turco nello spazio aereo siriano e questo sarà il casus belli.

    Si tratta di un vecchio catorcio d’aereo, un F 4, cioè l’aereo che LucaM. a proposito di Ustica indicava come autore del misfatto nel 1980 e come appartenente a Israele (cosa inaudita, tecnicamente e logisticamente impossibile). A che scopo rovesciare qui simili panzane con un contorno di presunti fatti e antefatti ?

  • Contro il sistema:

    Capisco prendersela contro la NATO e contro i “ribelli” al suo gioco,ma arrivava ad esaltare Assad e i suoi mercenari mi sembra un pò troppo…ricordiamo che questo messia di una certa “informazione alternativa”(si fa per dire)non è certo un santo come lo descrivono i suoi amici e molti “esperti” della “controinformazione”(sopratutto l’area stalinista,nazicomunista o neonazifascista,dove molti di questi “esperti” lavorano guarda caso per la Russia,la Cina e la stessa Siria)…anzi è un criminale che arma dei mercenari squadristi terroristi(shabila o come cazzo si chiamano)difesi ed elogiati a spada tratta dai guru già citati,esperti nella repressione e nell’omicidio di dissidenti(anche bambini)e il suo regime non scherza…se foste state in Siria,tranquilli che la “stampa libera” ve la potevate sognare…e non dimentichiamo il padre,altro stinco di santo per i nostalgici di Stalin e dello sterminio dei kulaki,e il massacro di più di 3000 persone ad Hama(la famosa lotta al terrorismo che poi Bush e neocon,amici di ASSAD figlio tra l’altro,hanno ripreso ultimamente)…ecc ecc…non è vero che si può scegliere tra un mafioso e la sua cerchia di parassiti burocrati che vivono alle spalle del popolo,ovvero Assad e i suoi amici,o i mafiosi della NATO o i fanatici dell’Islam( fanatici ideologi e religiosi)…si può scegliere di non fare il gioco del Sistema(sia esso della NATO,che quello della Cina,che diventerà fra non molto la nazione più potente e modello del NWO)…ma si può stare dalla parte di chi non è complice con questi criminali nemici dell’umanità e dell’universo,con il popolo siriano in questo caso che lotta contro il tiranno e i suoi servi,e contro l’imperialismo di NATO/Israele/Arabia Saudita ecc e i suoi mercenari…

  • Vasco:

    La nobile nazione di Siria col suo tessuto multietnico e multiculturale è vecchia di millenni. Bashir El Assad è un oftalmologo laureato e praticante a Londra dove conobbe la splendida e affascinante sua moglie che è di famiglia oriunda siriana.
    Un paio d’anni fa ricevette un’alta onorificenza dallo stesso Napolitano ma le nazioni NATO sono state ormai iniziate e addestrate all’assassinio a tradimento (Libia docet).

    Da quasi dieci anni la Siria ospita milioni di iracheni profughi che hanno visto la loro nazione distrutta, il loro ceto dirigente assassinato miratamente da squadroni della morte addestrati al genocidio e il loro petrolio iracheno rapinato.

    L’Italia ormai priva di un esercito di leva cioè giovani da opporre al NWO sionista, invasa da terzomondiali clandestini addestrati da AlQaeda (CIA) in Kosovo e Qatar nonchè la banda Bassotti (NATO traditrice) si trovano già dalla parte dei perdenti con le mani ignominiosamente sporche di sangue e un governo ipotecato da ebrei (Terzi, Fornero, Riccardi, Monti, Di Paola) che ci ha rovinato impoverendoci, instupidendoci e imbastardandoci.

    In Siria è stata tirata una linea sulla sabbia da non oltrepassare e i missili iraniani pioveranno anche su Londra, ancor meglio sull’Italia disseminata di basi americane con 90 ordigni atomici.

    ”Dittatore che massacra il suo popolo” è il ritornello dell’impero del Male genocida da 300 anni col suo infame Manifest Destiny (o da 3000 anni se si fa il parallelo con la Terra Promessa strappata genocidando secondo le direttive di Mosè) valido per le nazioni che non hanno una banca centrale Rothschild.

  • Sarevok:

    io non esalterei molto il presidente siriano
    la siria è comunque una dittatura con in vigore la legge marziale da 50 anni
    parliamone prima di dire che è il bene, la luce nelle tenebre ecc ecc

    questo sito si chiama stampa libera ma a volte esalta paesi dove la libertà di stampa se la sognano

  • Eros:

    Caro Sarevok, stampa libera e’ un sito che da’ la possibilita’ di esprimere il proprio pensiero a chiunque. A proposito, l’aereo schiantatosi sul pentagono e’ piu’ saltato fuori?

  • archimede:

    Mi sà che due mercenari NATO sono entrati per farci capire che Assad sia peggio di qualche dittatore messo dall’Elite, non è che vi hanno aumentato la paga prima di partire a fare qualche altro eccidio in Siria? o volete farci capire che Obama o Netanyahu siano deglii angioletti e la Clinton sarebbe da paragonare a qualche santa?..i Bunker sono a Berlino e quindi sarebbe meglio trasferirsi per fare i De-bunker….buon viaggio.

  • Contro il sistema:

    Archimede,che grande argomentazione!Complimenti,visto che non sai(o non sapete)sa ribattere subito si va alle accuse infantili,come gli stalinisti nei “gloriosi” anni 30.I fanatici della NATO accusano chi dissente dalla loro propaganda come “mercenari” di Assad,i fanatici di Assad accusano chi dissente dalla loro propaganda come “mercenari” della NATO.E cmq,ottima dimostrazione di fede ideologica/politica ,di conformismo e di omologazione senza usare il cervello.La Clinton,Obama e Nethanayu,la NATO sono criminali e terroristi ma detto questo perchè si dovrebbe santificare ASSAD,un’altro criminale amico di Bush,Napolitano sino a ieri oppure Putin o Kim Jong?Ma si sa il conformismo fa male e uccide il pensiero libero,e dunque tanto vale che continuate a credere nel “grande Assad” ,o per i vostri “opposti” ma complementari fratelli fanatici,alla NATO o all’Islam radicale,e continaute a vivere nel paese delle meraviglie!

    • Vasco:

      Sproloqui sgangherati che deprimono il livello di SL perchè costringono le menti nobili a confrontarsi con l’insania, l’ignoranza e la provocazione.

  • archimede:

    Non ho ideologia , guardo e ascolto poi ne traggo le somme, tanto par semplificare …fino a 5 anni fà nessuno manifestava tanto odio per Assad e nemmeno i media li cagavano, lo stesso era con Gheddafi fino a un paio di anni fà, ora sono dittatori sanguinari perchè gli Anglosassoni e i Sionisti hanno deciso di aumentare la pressione sugli stati che si oppongono alle loro perverse maniacali idee di conquista, perchè andare a romperele uova nel paniere alla Siria,,all’Iran come hanno fatto con la Libia e la Serbia? esatto..vi dichiaro Mercenari perchè siete sempre disposti ad uccidere civili se il padrone lo comanda , ci credete a quello che vi dicono nonostante siete consapevoli che non è vero, cambiate faccia e bandiera ad ogni notizia che leggete o che vi fanno sentire , ciò dimostra che voi non sapete nemmeno cosa abbia per significato libertà e democrazia ma li percepite a modo vostro sempre se le si devono esportare in nome del petrolio, Gas e potere , vi voglio vedere a breve quando quelli che vengono considerati nostri nemici entreranno da noi …poi ne riparleremo e vedremo chi è più Dittatore..Assad o Monti /Terzi /Napolitano / Obama / Hollande / Merkel e Sarkozy manina a manina con Cameron e quel pezzente e morto di fame di Netanyahu.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia