Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

MISURE EMERGENZIALI PER NON SOCCOMBERE ALL’INCAPACITA’ E AL TRADIMENTO, allo spread, alla recessione, alla disoccupazione, al golpe bancario, all’imperialismo intracomunitario di Berlino.

 Articolo di Marco Della Luna * Link

Si va a grandi passi verso rotture e cambiamenti nell’Eurosistema. Salva una resipiscenza dell’ultimo momento, qualcuno, in estrema ipotesi i militari, per forza di cose, prenderà misure radicali non previste dalla costituzione e dalle leggi. La situazione italiana sta precipitando e il paese è in avvitamento fiscale – recessivo; tutti i rimedi esperiti sono falliti; non vi è solidarietà europea, ma al contrario approfittamento ed imperialismo. Ormai è palese che Monti è impotente o ha fatto altri interessi, e che la Merkel e i suoi giudici costituzionali stanno prendendo tutti per i fondelli. L’Eurosistema non funziona, è strutturalmente sbagliato, accresce le divergenze, non si può fare affidamento su di esso.

Queste sono le misure urgentissime per evitare il disastro, mantenendo un apparato produttivo vitale e un livello di civiltà anche giuridica accettabile. :

1) Mettere Monti col suo governo in villeggiatura coatta a Campo Imperatore, disponendo intorno al Gran Sasso batterie antiaeree per impedire ai paracadutisti della Luftwaffe di interrompere la villeggiatura e riportarlo al suo sobrio lavoro.

2) Previo accumulo di scorte di combustibili e carburanti per l’invernata, uscire dall’Eurosistema, tornare alla Lira, dotandosi di una banca centrale a capitale pubblico e controllata dal Tesoro, che assicuri l’acquisto dei titoli del debito pubblico sul mercato primario e li tolga dai mercati speculativi come avviene negli USA, in Giappone, in Gran Bretagna etc.; la banca centrale sarà oggetto di pubblica revisione dei conti; i suoi utili, dedotte le riserve, saranno girati annualmente al Tesoro.

3) Imporre alle banche di commerciali vincoli di portafoglio come fino agli anni ’80, e imporre al Tesoro vincoli di destinazione produttiva per le nuove emissioni di debito pubblico.

4) Concedere solo licenze bancarie per la raccolta del risparmio e l’erogazione del credito, escluse attività di trading; fondare banche pubbliche per il credito alle pmi, alla ricerca, all’illustrazione. Munire di garanzia statale i depositi bancari.

5) Uscire dal Mercato Comune Europeo e istituire controlli sui flussi di capitali, onde prevenire che i capitali esteri approfittino della prevedibile svalutazione della Lira per comperare l’Italia a prezzi di saldo.

6) Ridenominare in Lire i debiti pubblici e privati al cambio in essere di 1.936,27.

7) Finanziare con emissione di Lire programmi di investimenti infrastrutturali, di autosufficienza alimentare e di messa in sicurezza idrogeologica del paese.

8) Introdurre federalismo fiscale e costi standard orientati alle best practices nella spesa della pubblica amministrazione, responsabilizzando totalmente ogni regione entro 5 anni.

9) Porre un tetto a  £ 120.000.000 annui netti a tutte le pensioni pubbliche, e di £ 180.000.000 a tutti gli stipendi pubblici; sostituire tutti i consigli di amministrazione delle società a partecipazione pubbliche con amministratori unici.

10) Abolire l’Irap, ridurre l’Iva al 18%, abbattere il cuneo contributivo; abbattere le imposte sugli immobili; abbattere le imposte sui redditi e renderle progressive; dimezzare le accise sui carburanti, fissare la pensione minima a £ 1.200.000 e il salario minimo a £ 2.000.000 mensili, modulabile per gabbie salariali; aumentare gli stipendi pubblici e privati, salvi i limiti suddetti; ripristinare la scala mobile adeguando il paniere Istat; separare gli enti previdenziali da quelli assistenziali.

25.07.12 Marco Della Luna

14 Commenti a “MISURE EMERGENZIALI PER NON SOCCOMBERE”

  • rocco:

    Illusione, dolce chimera sei tu …..

  • luca:

    Mi domando,per quanto tempo questa gente crede che posso andare avanti un sistema già fallito in partenza? O forse hanno in progetto davvero qualcos’altro che non abbiamo davvero idea,aldilià della dittatura perenne dello spread ecc..

  • antonio:

    Mi sembra utopistico, ma se questo fosse un programma politico da presentare alle forze attuali questi riderebbero a più non posso. Devo dire che i provvedimenti di cui sopra sono interessantissimi, e solo il M5 potrebbe interessare un programma di così importanza per il futuro delle nostre generazioni portate a vivere nella schiavitù in cui questi politici ci hanno condotto per sempre.

    • Leandro:

      Non c’è solo il movimento cinque stelle, che poi è un movimento di protesta e non di proposta, e dovremmo svegliarci fortemente su questa cosa una volta per tutte-
      PROTESTARE SGNIFICA DARE FORZA AL SISTEMA E NON INDEBOLIRLO O NEUTRALIZZARLO bisogna proporre, AGIRE non reagire, esistono anche altri partiti molto più maturi anche se non ancora adulti, e questo è un parere personale, visto che abbiamo fatto già pubblicità al M5S, io propongo di dare un occhiata al PIN ( partito italia nuova), non ndiaciamo che non c’è alternativa, beh quella vera non la troviamo sui mass media.

  • Non è così tanto irreale: il punto 10 somiglia molto alla manovra economica che fu elaborata alla fine del 1998 in Malaysia, durante la crisi economica che colpì il Sud-Est asiatico in quel periodo. L’IVA, del 5% (cinque: non è un errore di battitura), venne abolita per quasi tutti i prodotti di produzione nazionale, incluse le automobili Proton, i pacchetti tusristici ecc. Il prezzo degli alimentari di base (riso e olio di palma) fu fissato per legge. Nei supermercati già allora i prodotti nazionali e quelli di provenienza straniera (o di multinazionali straniere) venivano esposti in aree separate e ben segnalate.
    Lo scopo era quello di far girare più soldi possibile, perché un’eventuale recessione avrebbe avuto effetti disastrosi sull’economia e sullo stato sociale.
    La Malaysia è uscita dalla crisi in pochi mesi, ma non era certamente governata da un branco di parassiti e criminali come l’Europa.

  • the crusader:

    Marco Della Luna se ti candidi alle elezioni del 2013 ti voto!

  • barbaranotav:

    cominciamo a riproporre anche il referendum sui trattati internazionali, così poi evitiamo che quando ci vengono imposti trattati come quello di Maachstricht sull’UE ci vengano descritti come grossi passi avanti verso benessere e prosperità salvo poi lagnarsi dell’austerity conseguente dagli stessi e rifarsela con capri espiatori come la Germania. L’Italia, o meglio, i suoi delinquenti tecnici e non fu BEN FELICE di firmare il rapporto deficit pil del 60%

  • andrea:

    Marco ti voto anch’io.

  • Mgrazia:

    Anch’io mi associo a the crusader e voto Marco Della Luna.
    Inoltre mi chiedo, oramai da molto tempo, se davvero abbiamo un’unica possibilità, cioè guardare quello che fanno e basta.
    Non sono un’economista e tanto meno una politologa ma, sono certa che una soluzione per tutti noi cittadini italiani, spagnoli e greci c’è.
    Siamo in tanti contro pochi.
    Premetto che sono contraria a qualsiasi tipo di violenza, compresa quella verbale.
    Fermiamoli, andiamo a prenderli a casa loro, fisicamente a casa loro e davvero li mandiamo al mare, in vacanza per sempre. Quanti sono? Pochissimi.
    A volte, e questo mi è capitato tante volte e di vederlo anche fare ad altri, ci ostiniamo a volere entrare/uscire tutti dalla porta principale, la quale è chiusa con lucchetti sofisticati (Monti/Draghi ect) e non siamo in possesso delle chiavi e ostinati vogliamo uscire proprio da li e continuiamo come degli arieti, incuranti del dolore che ci procuriamo, magari e, sottolineo magari, possiamo uscire da un’altra parte, non dico senza dolore e difficoltà ma, Usciamo.
    Perso per perso, tolto per tolto, cosa abbiamo da perdere o da rischiare più di quanto ci stanno facendo perdere e togliere “quelli li”.
    Uniamo le idee per trovare una via d’uscita. Tante saranno strampalate magari cominciando proprio dalla mia e non saranno valide ma, unendoci, sono certa che la troveremo. Grazie ad ogni modo.

  • ws:

    bel progetto .. chi lo fa ? Qualcuno ha visto un ” Degaulle” in giro ? :-)

    Ma anche se ci fosse , con questi “italiani ” sarebbe inutile. Come diceva un famoso ” male assoluto ” :”governare gli italiani non e’ difficile , e’ inutile ” :roll:

    Quindi diciamocela tutta , riceveremo quello che ci siamo meritato ( escluso i presenti , ovviamente :-))

  • luca barbieri:

    Ho poco da dire sui meccanismi finanziari, o nuove proposte tutto molto interessante,la verita’ e’ che manca la verità’ l’onesta ‘ intellettuale di chi opera, fare gli interessi di tutti sentirsi parte di obbiettivi comuni, la verita’ e’ che ognuno pensa ai fatti suoi, in questa societa’ e’ morta la solidarietà la spiritualita’ il rispetto per la natura, e la crescita sostenibile.Passiamo troppo tempo ogni giorno a risolvere inutili problemi, legati al sistema, mentre basterebbe cambiare il sistema per risolvere i problemi.Sembra tutto demagogico, ma e’ tutto molto reale.

  • Antonio:

    Bisogna uscire dalla logica del debito pubblico e dell’usura (Ezra Pound). Comunque è utopico e non del tutto condivisibile.

  • Bruno:

    Ancora troppi fronzoli,Marco! Lo sai benissimo che il debito si dissolve mettendo in galera per truffa e alto tradimento draghi monti e napoletano.E poi a che cosa serve una banca centrale? I cittadini sono i legittimi titolari della moneta ,e i rappresentanti del popolo sovrano la stampano e la firmano, come è sempre stato e come continua ad essere nei paesi civili.

  • NEO:

    E’ caduto un phon nella vasca da bagno dove ci siamo noi dentro.
    Anzicchè staccare la spina elettrica, noi stiamo cercando di togliere tutta l’acqua, con un cucchiaino, sperando di farcela a salvarci in tempo….
    Siamo gli esemplari di essere più stupido mai circolato su questo non nostro pianeta.
    L’unica ragione perchè gli italiani non fanno e non faranno nessuna rivoluzione è: che la maggior parte di “noi” ha la casa di proprietà, a differenza di Spagnoli e Greci.
    E finchè avranno qualcosa da perdere, non rischieranno mai il culo x gli altri.
    L’unico e ripeto L’UNICO modo x sconfiggere questo sistema, e non alimentarlo più, e lasciare che si distrugga da solo.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE