Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Hanno mostrato solo arroganza, non sincerità.”   Ambasciatore cinese Li Baodong, 19 luglio 2012, al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Dopo la prima Guerra del Golfo Persico, nel 1990-1991, autorizzata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con l’adozione della risoluzione 678, permettendo che “tutti i mezzi necessari” fossero utilizzati contro l’Iraq, le Nazioni Unite venivano sempre più spesso, e in senso peggiorativo, indicate come “una filiale del Pentagono degli Stati Uniti“. Dopo la serie di attacchi terroristici contro strutture delle Nazioni Unite negli anni successivi, Lakhdar Brahimi, inviato speciale delle Nazioni Unite ed ex ministro degli esteri di Algeria ha spiegato questa violenta ostilità contro le Nazioni Unite in una conferenza stampa, affermando che le Nazioni Unite non sono più considerate imparziali, ma sono ora percepite, in molte aree globali di conflitto, parte del conflitto.
Il 19 luglio 2012, per la prima volta nella storia delle Nazioni Unite, un terzo doppio veto è stato rilasciato da Russia e Cina, impedendo alle Nazioni Unite di diventare una delle parti del conflitto in Siria, e ripristinando la legittimità alle Nazioni Unite quale organizzazione internazionale indipendente e imparziale, non più usata come strumento e dominata da uno Stato membro. Ancora più significativo, il terzo veto russo-cinese priva le forze USA-NATO della possibilità di chiedere che le loro azioni siano sostenute dalla comunità internazionale, e ha negato qualsiasi autorità morale per la successiva azione militare USA-NATO in Siria, e oltre, smascherando tale azione militare come una pura aggressione.

 


Il 19 luglio, l’ambasciatore cinese Li Baodong ha affermato, in una dichiarazione di voto:
Abbiamo sostenuto con forza il consenso tra i membri del Consiglio di Sicurezza tramite consultazioni. Tuttavia, il progetto di risoluzione S/2012/538 presentato da Regno Unito, Stati Uniti e Francia è in assoluta contraddizione con tali scopi … In primo luogo, il progetto di risoluzione è seriamente danneggiato, e il suo contenuto squilibrato cerca di mettere pressione su una sola parte.    L’esperienza ha dimostrato che tale pratica non aiuterebbe a risolvere il problema siriano, ma solo a far deragliare la questione dal percorso politico. Non solo farebbe aggravare ulteriormente la crisi, ma ne causerebbe anche la diffusione in altri paesi della regione … Durante le consultazioni sulla bozza di risoluzione di oggi, i paesi sponsor non hanno dimostrato alcuna volontà politica o cooperazione, adottando un approccio rigido e arrogante alle ragionevoli preoccupazioni fondamentali degli altri paesi interessati, e rifiutandosi di effettuare le revisioni …. la Cina è impegnata a raggiungere un consenso, ha lavorato duro per una estensione uniforme del mandato dell’UNSMIS e sostenuto gli sforzi di Kofi Annan per la mediazione. Al contrario, alcuni paesi sono ansiosi di interferire negli affari esteri di altri paesi, per alimentare le fiamme e seminare discordia in completo disprezzo delle possibili conseguenze. Questa volta hanno ripetuto il loro vecchio trucco di fissare precondizioni come ostacoli alla proroga del mandato UNSMIS, e l’hanno accompagnato con l’invocazione del capitolo VII della Carta e la minaccia di sanzioni, nel tentativo di cambiare o addirittura rinnegare il difficile consenso raggiunto dal gruppo di azione, nel corso della riunione di Ginevra. Hanno mostrato solo arroganza, non sincerità durante le consultazioni.”
L’ambasciatore russo Vitalij Churkin ha dichiarato:
I membri occidentali del Consiglio di Sicurezza hanno rifiutato di escludere un intervento militare.   I loro calcoli, nell’utilizzare il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per promuovere i loro piani per imporre i propri disegni agli Stati sovrani, non prevarranno. Stanno spingendo le proprie intenzioni geopolitiche, che non hanno nulla in comune con gli interessi legittimi del popolo siriano.  Questo ha portato ad una escalation del conflitto, che ha raggiunto proporzioni tragiche …. Il loro approccio è particolarmente ambiguo, dato quello che si è svolto ieri a Damasco. Mi riferisco al grave attentato terroristico“.
Il 18 luglio, i terroristi hanno tentato un colpo di stato contro il governo del presidente siriano Assad, massacrando il suo ministro della Difesa, il generale Daoud Rajha, il suo vice e cognato, Assef Shawkat, e il generale Hassan Turkmani, ex Ministro della Difesa. Diversi altri ministri del governo sono stati gravemente feriti, in quanto hanno partecipato alla riunione di alto livello a Damasco. Anche se un gruppo islamico siriano, Liwa al-Islam, ha rivendicato l’attacco alla “sala di controllo delle crisi nella capitale Damasco“, con la guardia del corpo del presidente Assad che ha fatto detonare l’esplosivo, un ricercatore presso la Columbia University, Younes Abouyoub ha dichiarato:  “Questa può essere una grande operazione di intelligence che coinvolge servizi segreti stranieri. Prima di tutto la tempistica di questa azione, il fatto che ha preso di mira tre figure di spicco  del governo siriano, questo dimostra che sono professionisti, non dilettanti … non è l’operato di una o due persone, questo è stato molto attentamente pianificato, ben organizzato e realizzata operazione.” Il corrispondente di guerra Eric Margolis ha aggiunto che: “L’operazione era troppo ben disposta per essere stata effettuata da un dilettante, perché tale vertice tra i funzionari di alto profilo, normalmente la sicurezza più dura, rendendo impossibile a un singolo attentatore suicida d’infiltrarsi … ci può essere stata dell’esplosivo nascostovi prima dell’incontro …. il danno riportato ha superato di gran lunga i danni che possono essere causati da un uomo con un giubbotto da suicida.”
In modo grossolanamente irrazionale e in violazione di ogni logica,  Regno Unito, Stati Uniti e Francia hanno sostenuto che gli omicidi premeditati dei migliori  ministri della sicurezza del presidente siriano Assad, giustificavano l’adozione della risoluzione 2043, ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite, che avrebbe imposto sanzioni contro il governo Assad, e aperto la strada a un’azione militare contro il governo siriano. Le contorsioni necessarie per arrivare a questa distorsione della realtà orwelliana, spiegano anche il vergognoso fallimento del Consiglio di Sicurezza nel condannare questi omicidi terroristici. Anche se l’opposizione siriana è innegabilmente intrisa di terroristi armati, identificati nientedimeno che dall’autorità del capo dell’intelligence degli Stati Uniti, James Clapper, come operativi di al-Qaida, questo non ha impedito alle potenze occidentali, Gran Bretagna, Stati Uniti e Francia di abbracciarli, ed opporsi a qualsiasi dichiarazione del Consiglio di sicurezza di condanna delle loro attività terroristiche. Se la Russia aveva già avanzato l’argomento specioso che il suo governo non è “sposato” al governo di Assad, ciò non ha avuto alcun effetto, dato che anche se ci fosse stato un tale “matrimonio”, la possibilità di divorzio è a disposizione di chi ha abbastanza onore e principio sufficiente per terminare un superficiale, putrefatto “matrimonio” che minaccia di coinvolgere gli altri quali “danni collaterali“. Tuttavia, il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov, per motivi incontestabili, ha denunciato il rifiuto del Consiglio di Sicurezza nel condannare gli attentati terroristici del 18 luglio a Damasco, e il fallimento dell’Occidente nel  ripudiare il suo matrimonio con il terrorismo, (che ha avuto inizio durante l’amministrazione Carter, con l’armamento e il finanziamento dei terroristi islamici in Afghanistan). Lavrov ha dichiarato: “Questo è il sostegno diretto del terrorismo. Si tratta di una posizione sinistra. Non riesco a trovare parole per esprimere il nostro atteggiamento verso ciò”.
Secondo il New York Times del 24 luglio 2012, “A febbraio, il direttore della National Intelligence degli Stati Uniti, James Clapper, ha detto in una audizione del Congresso che c’erano “tutte le caratteristiche di un attacco stile al-Qaida” in una serie di attentati contro obiettivi di sicurezza e di intelligence a Damasco. Lui e altri testimoni della comunità di intelligence l’attribuiscono alla diffusione in Siria del ramo iracheno di al-Qaida …. Daniel Byman, un esperto di antiterrorismo, professore alla Georgetown University e borsista presso la Brookings Institution, ha detto che è chiaro che al-Qaida sta cercando di diventare più attiva in Siria. Come ha già fatto in Somalia e Mali, e prima ancora in Cecenia e Yemen, il gruppo sta cercando di trasformare un conflitto locale a proprio vantaggio. ‘Non c’è alcun dubbio che al-Qaida voglia fare questo, e in realtà sono abbastanza bravi in questo genere di cose’, ha detto. ‘Hanno fatto bene a prendere un conflitto locale e renderlo globale’“.
Nonostante l’avvertimento a febbraio di James Clapper, secondo cui “la serie di attentati contro obiettivi della sicurezza e dell’intelligence del governo a Damasco, portava tutte le caratteristiche di un attacco di al-Qaida” il 21 giugno 2012, la prima pagina del New York Times dichiarava, con un articolo di Eric Schmitt:  “La CIA ha detto di aiutare a inviare armi ai ribelli siriani … Un piccolo numero di ufficiali della CIA sta operando segretamente nel sud della Turchia, aiutando gli alleati a decidere quali combattenti dell’opposizione siriana riceveranno armi attraverso il confine, per combattere il governo siriano, secondo degli ufficiali delle intelligence statunitense e arabe. Le armi, tra cui fucili automatici, granate, munizioni e alcune armi anticarro, sono state inviate per lo più attraverso il confine turco, per mezzo di un’oscura rete di intermediari tra la fratellanza musulmana in Siria, e pagate da Turchia, Arabia Saudita e Qatar, dicono i funzionari.”
Il servizio di intelligence tedesco, il BND ha rivelato che “circa 90 attacchi terroristici, che possono essere attribuiti alle organizzazioni che sono vicine ad al-Qaida o a gruppi jihadisti, sono stati effettuati in Siria tra la fine di dicembre e l’inizio di luglio”. “Almeno tre grandi quotidiani tedeschi – Die Welt, Die Frankfurter Allgemeine Zeitung e Bild hanno pubblicato articoli che attribuiscono la responsabilità del massacro del 25 maggio nella città siriana di Houla, alle forze dei ribelli antigovernativi… scrive sul Bild il corrispondente di guerra tedesco Jurgen Todenhofer, accusando i ribelli di ‘uccidere deliberatamente civili e poi presentarli come vittime del governo.’ Ha descritto questa ‘strategia del marketing della strage’ come  tra le cose più disgustose che abbia mai sperimentato in un conflitto armato’“.
Dopo il veto russo del 19 luglio, l’ambasciatore russo Vitalij Churkin ha dichiarato esplicitamente che uno degli obiettivi geopolitici dei tentativi implacabili occidentali per distruggere il governo siriano di Assad, è indebolire il suo alleato, l’Iran. L’Ambasciatore Churkin ha subito chiarito che ciò implica l’integrità della Russia, che a sua volta, è obiettivo di ciò che il ministro degli esteri russo Sergeij Lavrov, il 12 marzo, al Consiglio di Sicurezza, ha descritto come “ingegneria geopolitica“.  E questa ingegneria geopolitica è già molto avanzata. Anche in Russia.
Anche se il tenore di vita del popolo russo è notevolmente migliorato durante il primo termini di Putin da presidente, al momento della sua rielezione di quest’anno, l’opposizione guidata da Aleksej Navalny e Boris Nemtsov si è formata, effettuando molteplici manifestazioni contro il partito di Putin, Russia Unita, che contro Putin stesso, rieletto presidente, sia prima che dopo la sua elezione.  E, naturalmente, i piani abortiti per assassinare lo stesso Putin, organizzato da operativi ucraini, è al vertice della lista delle azioni terroristiche contro la Russia.
All’inizio del 2011, Navalny era stato invitato a visitare New York, e ha parlato in occasione di eventi ampiamente pubblicizzati presso la New York Public Library, e in altri luoghi pubblici. Le recenti manifestazioni di Mosca, guidate da Navalny e Nemtsov, avevano il potenziale di destabilizzare il governo di Putin. Quando il nuovo ambasciatore statunitense McFaul è giunto a Mosca, tra le sue prime attività vi furono gli incontri con i leader dell’opposizione in Russia. Come furono destati i sospetti, lo stesso Putin ha accusato il Segretario di Stato Hillary Clinton di essere la forza responsabile di aver fomentato i disordini civili. Numerosi intellettuali russi sospettavano le agenzie degli Stati Uniti, come il NED ed altre, di istigare questi disturbi che minacciavano disordini civili, o peggio la Russia stessa. Nel tentativo di smascherare e controllare gli sforzi stranieri per destabilizzare il governo russo, entrambe le camere del Parlamento russo, tra cui la Duma di Stato e del Consiglio della Federazione, hanno approvato una legge, firmata dal presidente Putin, che chiede alle ONG finanziate da enti esteri, impegnate in attività politiche in Russia, di registrarsi come agenti stranieri. Questo disegno di legge è stato ispirato, e modellato, su una legge quasi identica degli Stati Uniti, le organizzazioni che richiedono di operare negli Stati Uniti, ma sono finanziate dall’estero, devono iscriversi come agenti stranieri del paese finanziatore delle loro attività.
Le provocazioni delle agitazioni sociali e politiche nella Federazione russa, sono state esacerbate dal sito Kavkaz Center, ospitato e finanziato da Finlandia e Svezia, e istigato da Doku Umarov, indicato quale terrorista internazionale dal Comitato sulle sanzioni contro i taliban e al-Qaida del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (ai sensi della risoluzione 1267) per aver organizzato numerose attività terroristiche, tra cui la presa di ostaggi e il massacro di centinaia di bambini della scuola di Beslan, nel settembre del 2003, e l’attentato suicida all’l'aeroporto di Mosca, Domodedevo, nel gennaio 2011 che uccise 35 persone. Umarov è anche nella lista delle Nazioni Unite dei terroristi internazionali per le sue connessioni con il Movimento islamico dell’Uzbekistan, l’Unione della Jihad islamica, il Battaglione Sabotaggio dei Martiri ceceno, e altre organizzazioni terroristiche. Il Kavkaz Center di Umarov ha inesorabilmente istigato movimenti islamisti separatisti violenti nelle grandi comunità musulmane, residenti in pace fino a quel momento, in tutta la Federazione Russa.
E’ una coincidenza che il 19 luglio, la storica giornata in cui il terzo doppio veto fu rilasciato da Russia e Cina al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Andrew Roth avesse riportato sul New York Times:
Mosca – Un alto funzionario musulmano è stato ucciso e un altro è stato ferito in due diversi attacchi, giovedì, nella centrale repubblica russa del Tatarstan, un focolaio di violenza inusuale in un settore spesso additato come un modello di relazioni interreligiose.  Il capo dell’istruzione islamica della regione, Valiulla Yakupov, è stato ucciso davanti alla sua abitazione nella mattinata di giovedì a Kazan. Meno di un’ora dopo, Ildus Faizov, il Mufti capo della regione Tatarstan, è stato ricoverato in ospedale dopo che una bomba è esplosa nella macchina che stava guidando a Kazan, hanno detto gli inquirenti russi. Faizov, che è stato proiettato fuori dall’automobile dalla forza dell’esplosione, ha subito la frattura delle gambe. Il comitato antiterrorismo della Russia ha detto, in una dichiarazione, che motivi diversi per l’attentato sono oggetto di indagine, tra cui le recenti dichiarazioni contro la crescita del radicalismo religioso nella Repubblica, fatta dall’organizzazione di Faizov, il Consiglio Islamico Spirituale del Tatarstan. Rustam Minnikhanov, presidente del Tatarstan, ha detto in una dichiarazione che l’attentato era un ‘ovvia sfida’ all’Islam trandizionale sostenuto da Faizov e dal Consiglio Spirituale Islamico. Faizov, che è stato eletto gran Mufti della regione nel 2011, si è battuto per contro l’avanzata del radicalismo nella repubblica. Ad aprile, aveva detto in una dichiarazione pubblica, che migliaia di missionari stranieri erano entrati in Tatarstan, e che delle sette radicali musulmane erano emerse, pronte anche ad uccidere la popolazione locale per promuovere i propri obiettivi.’  Jakupov fu anche un aperto critico dell’Islam radicale, e aveva chiesto il divieto del wahhabismo in Russia. Nel 2010, tre islamisti furono uccisi in uno scontro a fuoco con la polizia nella regione del Tatarstan di Nurlatskij, aumentando i timori di una rivolta armata simile a quella nel Caucaso del Nord della Russia“. NewsLanc.com ha dichiarato: “L’attentato è avvenuto nella capitale della più importante, prospero e influente  repubblica musulmana della Federazione russa … Quello che è successo era in realtà l’assassinio dei leader ufficiali dell’Islam moderato in Russia, il paese con la più grande popolazione musulmana in Europa.”
L’enorme importanza di questo attacco terroristico contro i leader musulmani moderati in Tatarstan, è la sua posizione sul Volga. La Russia è attualmente coinvolta nelle insurrezioni separatiste dei terroristi islamici nel sud della Russia, nel Caucaso del Nord. Se le insurrezioni terroristiche, paragonabili a quelle in Cecenia e altrove nel Caucaso del Nord della Russia, eruttano sul Volga, l’Oriente della Russia, e porta d’ingresso delle colossali ricchezze del petrolio, del gas e dei minerali della Siberia, la Russia potrebbe essere intrappolato in guerre su due fronti, sia nel sud e che nella parte orientale della Russia. Bashkurtistan, un’altra repubblica musulmana sul Volga, potrebbe anch’ssa infettarsi con i movimenti terroristici islamici separatisti. Se le repubbliche islamiche sul Volga riescono a staccarsi dalla Federazione russa, la Russia, il più grande paese del mondo, potrebbe essere ridotto alle dimensioni della Francia, dall’Ucraina verso la Volga, perdendo il controllo delle enormi riserve di petrolio e gas ad est del Volga, che attualmente sostengono gran parte dell’economia russa, e forniscono all’Europa gran parte del petrolio e del gas.
Anche se la Russia è minacciata esistenzialmente dalle basi NATO che circondano il suo territorio, e la minaccia al suo deterrente nucleare viene posta dalla difesa antimissile, è possibile che queste minacce esterne siano meno letali rispetto al possibile smembramento della Federazione russa, minacciato dalla diffusione del terrorismo separatista dei movimenti islamici. E’ anche una coincidenza interessante che l’assassinio terroristico dei dei leader ufficiali dell’Islam moderato in Russia, si siano verificati subito dopo l’istituzione della base di transito della NATO sul Volga, a Uljanovsk, vicinissimo al Tatarstan.
Anche la Cina è nel mirino di questa insurrezione terroristica islamica,  convenientemente per l’agenda occidentale, per indebolire, e possibilmente paralizzare,. il potere competitivo di questi due giganti globali, la Russia e la Cina, minacciate dalla violenta insurrezione della sua popolazione uigura musulmana, nella Cina occidentale.
I paesi USA-NATO sono impantanati nella crisi economica, destinata a peggiorare, e una guerra di vasta scala può essere percepita come un modo per accrescere le rispettive economie. E’ possibile che i rischi enormi della guerra possano scoraggiare i politici più saggi, nel qual caso, l’uso dell’”Islam come una spada”, perfezionato da Zbigniew Brzezinski, che ha progettato la politica dell’amministrazione Carter di addestramento,  finanziamento e armamento dei  terroristi musulmani in Afghanistan, per provocare l’invasione dell’Unione Sovietica, ad un costo enorme per la sua integrità sociale ed economico, può essere l’arma scelta per erodere la forza di Russia e Cina.    L’Ambasciatore della Russia presso la NATO, Dmitrij Rogozin, ha dichiarato, nel dicembre scorso, che l’interferenza della NATO nella cosiddetta “primavera araba” ha portato all’”imposizione della sharia in stati precedentemente relativamente laici.” Ha chiesto “fino a che punto la NATO è consapevole del fatto che l’avvento dell’Islam radicale in tutte le regioni in cui proiettate la sua forza, sia il risultato delle sue azioni.”
La “primavera araba” ha portato i Fratelli Musulmani al potere in ogni paese dove si è verificata.   Infatti, in Egitto, Hillary Clinton è stata bersagliata di pomodori, e gli Stati Uniti sono accusati di portare al potere i Fratelli Musulmani. La sharia è la forma più brutale di dominazione capitalistica, mantenendo le popolazioni terrorizzate e sottomesso ovunque sia inflitta. Attualmente si parla di smembramento e partizione della Siria, simile allo smembramento della Jugoslavia, e piani per lo smembramento della Russia e della Cina potrebbero essere sul tavolo delle potenze USA-NATO. Il veto russo-cinese del 19 luglio potrebbe avere interrotto questi piani, e distrutto qualsiasi forza morale che le potenze USA-NATO avrebbero rivendicato per le loro più evidenti avventure napoleoniche militariste. In mancanza di coerenza morale e legittimità che un supporto della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite potrebbe avere conferito, sostenendo la vendite dell’aggressione con le pubbliche relazioni verso un pubblico credulone – un pubblico che finirebbe per pagare il costo delle guerre imperialistiche, gli stessi USA-NATO possono eventualmente esserne erosi, come successe alle forze napoleoniche furono mortalmente fermate nei pressi di Borodino, in Russia, nel 1812. In seguito alla battaglia decisiva di Borodino, l’enorme ma demoralizzato esercito napoleonico subito si disintegrò, e infine l’impero napoleonico, a sua volta, crollò. Nonostante la più intensa pressione per la capitolazione, nel corso della crisi siriana, il triplo doppio veto di Russia e Cina al Consiglio di Sicurezza dell’ONU regge il confronto con l’analisi di Tolstoj della componente psicologica degli eventi storici, una componente che considerava infine decisiva. E’ essenziale che le persone di  Regno Unito, Francia e Stati Uniti, impediscano che si verifichi lo schieramento di “fine estate” delle armi di distruzione di massa navali nel Mediterraneo orientale.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

19 Commenti a “Il terzo veto russo-cinese blocca la via alla terza guerra mondiale”

  • Fabrizio:

    Il problema è che invece alla fine si rischia ugualmente una terza guerra mondiale, perchè usa e nato senza l’appoggio internazionale dell’onu potrebbero decidere di fare ugualmente da soli la guerra alla siria cosi facendo scatenerebbero la reazione di russia, cina e iran solo che si passerebbe dalle parole alle armi, un conflitto con armi modernamente super distruttive il cui epilogo sarà senza controllo e dall’esito sconosciuto.

  • Ugo:

    Scommettiamo che useranno le Olimpiadi per fare qualche porcata sotto falsa bandiera e innescare la guerra? Ormai se ne parla da mesi… il web è pieno di queste previsioni/profezie! Comunque speriamo che non accada il peggio!

    • Elyah:

      Forse se vogliono usare le olimpiadi come false flag, possiamo scongiurarlo
      informando più gente possibile… Parlare tanto di una cosa e svelarla al mondo
      mette i mentecatti mondialisti alla luce del giorno, e potrebbero cercare di nascondersi di nuovo…

      ———————————————
      Attentato a Londra per la settimana prossima?
      Cerchiamo di informare la gente e di scongiurarlo

      Ricordati di segnalare a tutte le persone che conosci il possibile attentato ai giochi olimpici (l’11 agosto sarebbe un’ottima data simbolica, 11 anni dopo l’11 settembre di nuovo in un giorno 11 del mese).

      Chiedetevi, e chiedete ai vostri amici: se davvero la sicurezza alle olimpiadi ha diversi punti deboli (vedi anche qui) come mai si pubblicizzano queste debolezze invece che nasconderle? Ovviamente il governo spergiura che il suo piano per garantire la sicurezza è in grado di bypassare queste momentanee difficoltà ma io ho qualche dubbio … specie conoscendo la tendenza dei servizi segreti ad organizzare attentati e a depistare le indagini invece che a impedirli (ieri era l’anniversario della strage di Bologna).

      Intanto abbiamo assistito ad un “banale” tentativo di fermare la fiaccola olimpica da parte di un integralista islamico … un altro evento creato ad arte per alzare la tensione?

      Ma la cosa più preoccupante è il fatto che Israele annuncia ufficialmente di temere attentati come quelli di 40 anni fa a Monaco. E se Israele punta il dito sull’Iran è pur vero che l’Iran aveva tuonato contro il logo delle olimpiadi che ricordava un po’ troppo la parola Zion (Sion). (*)

      Ma ricordiamo che il leader di Israele e quello dell’Iran (che ha cambiato il suo cognome in quanto in orgine aveva un cognome “troppo ebraico”) appartengono alla stessa élite; se è vero che costoro hanno ricevuto l’incarico di aizzare i propri popoli l’uno contro l’altro per suscitare la guerra stiamo assistendo all’enesima tragica sceneggiata. In tal caso per evitarla e cercare di fermare la guerra l’unico mezzo è informare più gente possibile che un attentato a Londra 2012 sarebbe utilissimo ai governi di Israele USA e Gran Bretagna per giustificare l’ennesima guerra in Medio Oriente, così come quello dell’11 settembre 2001.
      ———————————————-
      (*) Secondo il comitato olimpico iraniano infatti il logo recita la parola Zion e manifesta l’appoggio a Israele. “L’uso della parola Zion è evidente e deliberato. Consideriamo quella scritta un attacco aperto e se non verrà modificata potremmo decidere di non partecipare alle Olimpiadi” ha affermato il comitato iraniano. Londra ha risposto seccamente: “Il logo non rappresenta nient’altro che il numero 2012”.

      FONTE: http://scienzamarcia.blogspot.it/

  • Alvaro:

    In Siria comincerà il ”roll-back” dell’Impero del Male perchè Russia, Cina e Iran sono le uniche grandi nazioni in grado di condurre propriamente una guerra.
    La Russia di Putin non abbandonerà mai mai mai la Siria la quale ieri ha deciso di aderire alla zona doganale di libero scambio Russia – Bielorussia – Khazastan cui si stanno per aggiungere quasi tutte le ex repubbliche sovietiche.

    Lo ‘scum of earth’ del Nordamerica iniziò con l’infiltrazione di Cosa Nostra in Sicilia nel 1943 per favorire lo sbarco ”alleato”, poi con l’organizzazione criminale UCK per mettere piede nel protettorato del Kosovo, con Al Qaeda (1999) a sostenere la neo-etnìa dei musulmani di Bosnia nel 1992 (Bin Laden aveva passaporto firmato da Izetbegovic), con Al Qaeda e i mercenari tagliagole wahabiti in Cecenia (1994-2006) dove furono irreparabilmente sconfitti da Putin, con Al Qaeda in Libia (2011) in simultanea con la Siria. Ora il gioco è scoperto e tutta l’umanità si rende conto che c’è un’elite criminale che ci sta massacrando tutti. Purtroppo anche la Siria diventerà un carnaio come tutte le nazioni prese di mira per la distruzione da parte di USraele e la Turchia che al momento funge da cane d’attacco uscirà dal vortice della guerra devastata e territorialmente ridotta.

    Israele gioca da tempo la carta ”curda” e uno stato curdo nascerà inevitabilmente perchè è nell’interesse anche della Russia.

  • lumedisaggezza:

    Una correzione: Dmitrij Rogozin NON è piu l’ambasciatore russo presso la Nato.
    Dal 17 Luglio, in qualità di rappresentante permanente della Russia presso la Nato è stato approvato il vice Ministro degli Esteri Alexandr Grushko.

  • Il terzo veto russo-cinese apre la via alla terza guerra mondiale.

    E’ tutto all’opposto, il veto della Russia e della Cina e la loro continua opposizione sarà la causa della terza guerra mondiale. La terza guerra mondiale non sarebbe più una minaccia se la Russia e la Cina non farebbero opposizione. E’ elementare, se uno cede non c’è lite, se entrambi fanno resistenza la lite è assicurata. Che dopo l’ONU farà l’arbitro nel conflitto questa è un’altra storia.

    • Renzo:

      … mi sa che ci hai visto giusto …

    • Laqualunque:

      invece e sbagliato mi dispiace solo che non potremo riparlarne!
      appunto perche la terza guerra non ci sara e ci privera dele nostre molte cazzate che spariamo

    • Joe:

      La guerra è già in corso ed è peggio di quel che qualsiasi storico avrebbe potuto immaginare. Si può inquadrarla nella cosiddetta guerra perpetua al terrorismo per la quale Rumsfeld e Cheney si sono già scusati con le generazioni attuali preannunciando che purtroppo non conosceranno la pace per i prossimi cento anni.
      Si tratta di scardinare e distruggere una nazione dopo l’altra con una strategia a geometria variabile. Noi PIIGS ci stanno massacrando ed espropriando dei beni materiali ed immateriali compresa l’identità etnico-culturale trascinandoci per giunta nelle guerre cruente in qualità di ascari aggregati alla banda Bassotti omicida.

      Nel 2008 il Nord Africa e il Medio Oriente (a finanza islamica ma a prescindere da questa) stavano sperimentando incrementi del PIL del 5 – 6 %, la Turchia addirittura dell’11 %, la Libia del 15 – 20 %, Russia e Cina dell’8 % circa mentre l’Occidente affogava nella sua finanza tossica e sprofondava nel fallimento delle sue guerre neocoloniali. Distruggere le nazioni rivali e i modelli economici alternativi (socialismo di Jugoslavia, Iraq, Libia, Siria) è comunque già una vittoria per l’Impero del Male.

      L’Africa è in un bagno di sangue con gli yankee direttamente in azione sui teatri bellici di Uganda, Kenia, Somalia, Sud Sudan, Libia, Mali, Costa d’Avorio e là dove neanche immaginiamo con ‘covert operations’ ignorate dai media menzogneri asserviti alla guerra.

      Poichè Putin e l’Iran in Siria non cederanno mai (ne va dello loro sopravvivenza), poichè Erdogan di Turchia è stato corrotto minacciato blandito o ricattato diventando sciocco strumento di USraele, la resa dei conti si svolgerà sotto i nostri occhi … e pagheremo caro anche noi, sperimenteremo la guerra anche in patria nostra perchè essa oggi si fa con l’arsenale missilistico. Se Teheran brucerà, Londra brucerà mentre noi non ci possiamo chiamar fuori essendo ostaggi di USraele con Aviano, Ghedi, Vicenza, Verona, Sigonella, Pisa, Rimini, Taranto ecc.

  • archimede:

    Dpo questa disputa internazionale , vedrete che nessuno si vanterà di aver fatto parte dell’ONU o qualche altra organizzazione che ha coperto le spalle agli USA e ai Sionisti ,sarebbe come dire “mettimi sulla griglia” ,la cosa era chiara , ora che l’Iran h mandato 4000 suo soldati in Siria a dar manforte ai Siriani, statene ben certi che si scateneranno anche contro l’Iran e le reazioni saranno a catena, le controparti si stanno defilando ,vedremo chi contro chi, una cosa è certa, la Germania e la Turchia saranno cancellate dalle cartine Geografiche , se noi popolo italiano saremo in grado di ribellarci e buttare fuori gli Ami’s prima che comincino le danze o magari mentre sono in atto le danze, abbiamo la possibilità di scampare a una fine a dir poco da pezzenti.

    • Laqualunque:

      mi dispiace dirlo io non sono italiano amo l’Italia ma come hai terminato tu da pezzenti,mi dispiace veramente

    • Spartaco:

      Ciao Archimede,
      sono in accordo su tutto ma su una cosa dissento.
      Sul destino della Germania.
      La germania intesa come popolo tedesco, unito e fiero, non si farà cancellare ma difendera come sta già facendo i suoi soli interessi, ecome:

      - ci sarà un’ondata nazionalista (già in atto)
      - non parteciperà a aggressioni della NATO verso altri paesi (vedi con la Libia, non intervenne)
      - rafforzerà il suo legame economico-politico con Russia e Cina ed altri paesi del BRIC, rapporto che è già molto forte. Non dimenticate che con la Russia è stato appena inaugurato il gasdotto sottomarino nel mare del Nord, che praticamente rende la Germania autonoma di gas. Con la cina continuono ad aumentare le esportazioni compensando le perdite in Europa.

      In sintesi tutto questa opposizzione della germania contro varie misure salvastati e anti spreed o condivisione del debito, sono solo la punta dell’aisberg della politica tedesca dei prossimi 30 anni.

      Ricordatevi che la germania ed il suo popolo, sono quasi stati capaci di vincere una guerra da soli contro una decina di nazioni nella 2° guerra mondiale.

      Questi non mollano, tirano dritto per la loro strada, per loro futuro che vogliono.

      Non come gli Italiani “poveretti”

  • archimede:

    Laqualunque@ Ciò che tu leggi non lo devi interpretare come una offesa a noi stessi, è la realtà con cui dobbiamo confrontarci, se ho scritto “pezzenti” non vuol dire che lo siamo, la fine da pezzenti ce la faranno fare dopo averci rubato tutto ,pure la dignità di essere umani facendosi sentire dei vermi, questo è quello che devi interpretare, sappi bene che anche se la maggiorparte di noi è fiero di essere Italiano, c’è una buona parte che che se ne sbatte i maroni della loro provenienza e capaci di venderci..come hanno già fatto “vedi il Mortadella & Co.” , mo abbiamo Napolitano e Monti, credi veramente che sti personaggi stà a cuore l’Italia? l’unità della quale loro sbandierano ai mille venti è tutto un Bluff per tenerci sotto il loro dominio fin che arriva il giorno in cui ci faranno fare la fine da pezzenti-
    Spero di essermi spiegato , -

  • archimede:

    Riguardo la terza guerra mondiale , è già cominciata ma in piccola dimensione, basta una parola o un discorso sbagliato e si parte, ormai la Clinton e tutte quelle bagasce che lavorano nel Governo USA usano frasi a dir poco da bassifondi Londinesi del 700 o dei quartieri malfamati Newyorkesi inizio 900, al momento sono state messe a tacere perchè avevano superato il limite dell’indecenza , ma a breve gli daranno via libera per le prossime provocazioni, specialmente la Rice ,una rozza cafona con licenza di sniffare in pubblico -

  • archimede:

    Se vive in Francia è un depistatore, la propaganda è in pieno svolgimento e le notizie che scrivono i Media occidentali sono da considerare tutte false, stanno usando la stesa tattica che usarono con la Libia cercando di mettere paure e isterie dentro l’opinione pubblica della UE per avere un consenso al fine di attaccare la Siria direttamente senza chiedere il lasciapassare all’ONU, sanno bene che riceveranno una risposta adeguata e micidiale da parte della Russia-Cina e Iran , già in Arabia Saudita si stanno muovendo le masse contro il regime dei Sauditi, ieri ci sono stati i primi scontri ,oggi si sono contati i primi morti, nessun giornale o TV occidentale ne parla,, siamo qui ed aspettiamo,altro non possiamo fare-

  • archimede:

    Salve Spartaco, su quello che hai scritto posso confermarlo, ma sarà meglio stare attenti alla Merkel, lei è la pedina dei Rothschild in Europa, tutte queste notizie riguardanti i neonazi e i suoi simpatizzanti è una mossa del Mossad che ormai comanda pure dentro il BND , il Ministro De Maiziere ha annunciato in pubblico che truppe tedesche non verranno mandate in Siria in caso un conflitto armato con la NATO, ma ….è ben precisare che i cittadini tedeschi siano pronti a tutte le evidenze, “doppia faccia” De Maiziere è un Francese cresciuto in Germania ,oggi ministro della difesa , qualcuno evidenzia che sia stato al servizio della STASI mentre era giovane e attivista nel CDU nel periodo di Kohl come cancelliere, la Merkel ha nel suo gabinetto tutti personaggi che hanno avuto a che fare con la STASI come lei, ho già accennato al grande Bluff con cui venne fondata la DDR e a cosa serviva la sua fondazione, a breve ne farò un articolo-

  • La bloccherà … o piuttosto la provocherà ??

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE