Cerca 

FreePC

 

Trovaci su Facebook

 

PAOLO MALEDDU

 

Enneagramma Biologico

 

SCIE CHIMICHE

 

Gianni Lannes

 

Luoghi comuni
Forcheri Nicoletta | 05-08-2012 Categoria: Mondialismo Stampa

Dire che manca il lavoro è come dire che manca l'aria per respirare, mentre è solo tappato il naso, ovverosia manca la cicolazione del 'liquido' perché 'ricettato'. Smettiamola con queste parole e frasi storte: tutto ha importanza per migliorare il mondo, diciamole giuste!!! Vedasi la definizione di 'ricettazione': è esattamente quel che succede con la moneta creata in seguito a un reato (di falso contabile) e poi procurata e occultata a vantaggio di un manipolo di banche e di operatori finanziari.http://it.wikipedia.org/wiki/Ricettazione_(diritto)

Articolo 648 C.P. Fuori dei casi di concorso nel reato, chi, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto, acquista, riceve od occulta denaro o cose provenienti da un qualsiasi delitto, o comunque si intromette nel farle acquistare, ricevere od occultare, è punito con la reclusione da due ad otto anni e con la multa da euro 516 a euro 10.329. La pena è della reclusione sino a sei anni e della multa sino a euro 516, se il fatto è di particolare tenuità. Le disposizioni di questo articolo si applicano anche quando l'autore del delitto da cui il denaro o le cose provengono non è imputabile o non è punibile ovvero quando manchi una condizione di procedibilità riferita a tale delitto. http://www.altalex.com/index.php?idnot=36775

Un po' misera come pena, non credete?

N. Forcheri



Per inserire un commento è necessario creare un account Registrati


Commenti (4)

Scritto da Renzo
08-08-2012 09:08

Il lavoro non esiste in natura. E' l'insieme delle attività volte a rendere la nostra vita più agevole e a conformare l'ambiente alle nostre esigenze. Il lavoro deve essere concepito dagli uomini per gli uomini e deve avere un focus preciso: deve volgere alla creazione del massimo confort per la nostra vita e, contemporaneamente, rispettare l'ambiente naturale. Fa parte del lavoro anche la creazione di strumenti atti a semplificare lo stesso: tecnologie, catene di montaggio automatiche, robotica ecc... Già al giorno d'oggi non è più indispensabile lavorare tutti 8 ore al giorno per crearci i beni di cui necessitiamo. L'automazione ha raggiunto ottimi livelli di produttività e necessita di poca presenza umana. La politica (se facesse l'interesse dei cittadini), dovrebbe quindi logicamente puntare alla riduzione dell'orario di lavoro a 6 o 5 ore al giorno. Anche perché il lavoro giustifica il salario. Non ha senso quindi che pochi lavorino 8 ore al giorno, e possano vivere, e molti non lavorino per nulla con le gravi conseguenze sociali che vediamo al giorno d'oggi. E' evidente quindi che la politica non lavora per l'uomo, me per se stessa o addirittura per tenere in catene l'uomo e per tenerlo diviso. Il futuro a cui stiamo andando incontro sembra non tenere assolutamente conto di questa evidenza... Dovremo anche noi, però, cercare di metterci in gioco per crearci il nostro futuro. Invece di pendere dalle labbra di questi idioti auto-legittimati che governano le nostre esistenze.

Scritto da giovanni
07-08-2012 05:08

Una fra le varie forme di ricettazione, sono gli stipendi sopra una certa cifra, considerando che in genere gli umani hanno tutti una bocca, due braccia e due gambe. Forse che ci si vorrebbe far credere che viene remunerato il cervello? Sicuramente se qualcuno riesce a far credere a qualcun altro di essere piu' intelligente e per questo farsistrapagare, significa una sola cosa: Il QUALCUNALTRO e' stato o rincoglionito o gabbato. Mi capita di pensare, se l'uomo che per primo invento' la ruota l'avesse brevettata, trasferendone i relativi diritti ai suoi successori, dove sarebbero i Ford e gli Agnelli? Purtroppo questo mondo e' tutta una ricettazione. Manca solo che si smetta di scrivere sui blog, per ricettare pensieri ed idee... Ci rimarrebbero solo le previsioni del tempo e qualche porno... Saluti Giovanni.

Scritto da Umberto Brenzone
06-08-2012 18:08

Concordo in parte.. ARTICOLO 1 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. TRADUZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELL' ARTICOLO 1 In Italia in lavoro rappresenta le fondamenta del Paese stesso ed il popolo italiano è padrone della propria sovranità. DEFINIZIONE DI LAVORO SUL DIZIONARIO ITALIANO Occupazione specifica che prevede una retribuzione ed è FONTE DI SOSTENTAMENTO. DEFINIZIONE DI SOSTENTAMENTO SUL DIZIONARIO ITALIANO Soddisfacimento delle necessità materiali e soprattutto alimentari. Ora mi chiedo, ti chiedo e vi chiedo.. Come si può considerare soddisfaciente una retribuzione mensile inferiore alle 1.000 euro con un impiego di energie fisiche e di tempo (anche full time di 8 ore giornaliere) che non copre nemmeno il trio mutuo-benzina-bollette? Ok le necessità alimentari, ma se poi non hai un tetto sulla testa, non puoi spostarti in macchina per andare sul posto di lavoro e non riesci nemmeno a pagarti luce e gas, forse qualcosa che non va nel sistema c'è. E poi ancora.. Se il popolo italiano (democratico?) è padrone della propria sovranità, come mai in Italia "governa" un individuo NON eletto democraticamente? E perchè il cittadino italiano medio non si sente in nessun modo chiamato a decidere le sorti del proprio Paese (tramite i personaggi che lo dovrebbero rappresentare)? Si certo...il lavoro c'è! Il lavoro c'è eccome....dipende da cosa intendiamo per lavoro...

Scritto da Gianluca
06-08-2012 08:08

Il 416bis sarebbe più appropriato a mio parere...

Area Utente

 

COOKIE

 

ULTIMI COMMENTI

 

Brainup

 

ENZO RAFFAELE

 

Pubblicità

 

 

ARTICOLI NICOLETTA FORCHERI