Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Strane liti attorno alla morte dell’ambasciatore libico

Usa: Repubblicani, via ambasciatore Onu dopo gaffe su Libia

08:25 29 SET 2012 (AGI) Washington, 28 set. – Duro attacco dei repubblicani all’ambasciatore Usa all’Onu, Susan Rice, possibile futuro segretario di Stato in caso di un secondo mandato di Barack Obama e fedelissima del presidente. Il presidente della Commissione per la sicurezza interna della Camera, Pete King, ne ha chiesto le dimissioni per aver inizialmente escluso che l’attacco di Bengasi in cui fu ucciso l’ambasciatore in Libia, Chris Stevens, fosse un atto terroristico “premeditato”. “Penso che si debba dimettere”, ha affermato King, “come ambasciatore all’Onu lei e’ la portavoce della politica estera americana nel mondo”. Per King la sua e’ stata una valutazione “irresponsabile” perche’ la prima supposizione doveva essere proprio che si trattasse di terrorismo.
Pronta la replica della Casa Bianca: “L’ambasciatore Rice ha fatto un lavoro eccezionale nel rappresentare il suo Paese alle Nazoni Unite e il presidente le e’ enormemente grato per i suoi servigi ed e’ felice che possa continuare a prestare servizio “, ha dichiarato il portavoce del consigliere per la sicurezza nazionale, Tommy Vietor .

Intelligence Usa, “Al Qaeda dietro attacco a Bengasi”

22:16 28 SET 2012 (AGI) – Washington, 28 set. – L’intelligence Usa ribadisce che dietro l’attacco all’ambasciata Usa a Bengasi, in cui sono morte quattro persone tra cui l’ambasciatore Chris Stevens, c’e’ la mano di Al Qaeda. (Al Qaeda = CIA per i complottologi ndr) A parlare il portavoce del direttore della National Intelligence, Shawn Turner: “Riteniamo veramente – ha affermato in un comunicato – che alcuni di quelli coinvolti nell’attentato erano legati a gruppi affiliati o simpatizzanti con Al Qaeda”. Gia’ la Casa Bianca, il Dipartimento di Stato Usa e lo stesso Pentagono, avevano sottolineato il coinvolgimento del gruppo terroristico nell’attacco .

 

4 Commenti a “L’assassinio dell’ambasciatore Usa è stato combinato ad arte?”

  • maya:

    Attacco a Bengasi, azione della Resistenza Jamahiryiana

    aurorasito.wordpress.com

  • Ryuzakero:

    A proposito della Libia segnalo questi 2 video interessanti che trattano come le libiche abbiano perso la libertà di cui godevano sotto la leadership del Martire Gheddafi
    youtube.com

    In pratica vedete il reportage della propagandista menzognera Arwa Damon della CNN che ad Agosto 2011 (quando c’era Gheddafi) che poteva andare in giro tranquillamente senza mettersi il velo, mentre nella seconda parte la stessa giornalista tornata in Libia a Settembre 2012 (sotto il governo NATO/Al Qaeda) è stata costretta ad indossare il velo e coprirsi interamente nonostante non sia una credente musulmana.
    Comunque questo si può anche vedere andando a vedere le trasmissioni della tv libica, quando ad esempio la celebre Hala Misrati si presentava in trasmissione con la pistola dicendo che i ratti non avrebbero mai conquistato Tripoli e che lei avrebbe combattuto fino alla fine. Anche in quel caso si vede che la conduttrice Hala Misrati presenta la trasmissione senza indossare il velo perchè comunque il velo non era obbligatorio.

    Poi c’è quest’altro video che oltre a contenere la precedente clip di Arwa Damon (la differenza fra la “dittatura” di Gheddafi con la “democrazia” NATO/Al Qaeda) riporta altri fatti come ad esempio quand oalla cerimonia di trasmissione dei poteri del CNT al NFA la donna che ha rifiutato di indossare il velo è stata costretta ad andarsene e non ha più potuto tenere il suo discorso. E poi naturalmente fra gli altri fatti la disgustosa scena in cui Jalil dice di voler legalizzare la poligamia:
    youtube.com

  • Ryuzakero:

    L’attentato comunque è già stato rivendicato da Al Qaeda come vendetta dell’uccisione del suo N°2 in Pakistan, ad opera di un drone americano.
    corriere.it

    Inoltre per essere più precisi l’attentato è stato compiuto dalla milizia qaedista degli Ansar al-Sharia i quali vennero conosciuti inizialmente in come “democratici rivoluzionari” anti-Gheddafi (altro esempio di stretta collaborazione NATO/Al Qaeda essendo quella milizia qauedista ed avendo combattuto al fianco della NATO contro Gheddafi).
    france24.com

    Questo giusto per ricordare chi sono i terroristi (“rivoluzionari” per la propaganda occidentale).

  • Ad ulteriore sostegno dell’articolo vorrei farnotare che chiunque voglia fare un attentato ad un qualsiasi ambasciatore americano dovrebbe pianificare per mesi tale attacco.
    Ora il fatto che il tutto coincida con l’uscita di un film fa veramente sorridere…
    Hanno bombardato Libici, Irakeni,Afgani,Pakistani…..e nessuno si e’ mai ribellato,
    ora esce un “trailer” su youtube, ed il giorno dopo PUM…
    Quasi quasi sarebbe sufficiente buttare in giro una cinquantina di nuovi trailer su youtube e decapitiamo tutta la diplomazia americana.
    …Forse e’ sempre la medesima SICUREZZA dell’11 settembre 2001…che protegge l’America e gli americani
    …Ma mi facciano il piacere direbbe il grande TOTO’…
    A furia di raccontare BALLE finiranno LORO per crederci….cosi’ diventeranno tutti rincoglioniti.
    Satana = Menzogna = Fiction
    Magari il tutto finira’ in una sceneggiata NAPOLETANA..
    Chi ha dato ha dato …. scurdammoce u passato….
    Chi si ricorda piu’ delle migliaia di bare dal Vietnam o da altre parti del mondo dove e’ stata esportata la Democrazia?
    Mogli, figli, genitori dei militari, certo loro si ricorderanno, ma con quale stato d’animo?
    Tuttavia sempre nuove leve sono pronte a sacrificarsi.
    Forse significa che il sistema e’ giusto e che le cose devono andare cosi’
    Era meglio Hitler o Churchill?
    Lo vedreste un Hitler vincitore della guerra ed esportatore di Democrazia?
    Magari Hitler sarebbe stato un Satana meglio visibile di quello che ci tocca subire ora, tutto nascosto fra le pieghe (piaghe) della Democrazia.
    Speriamo di poter vedere fin dove arrivera’ con la nostra acquiescenza.
    Saluti Giovanni.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE