Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

da: il portico dipinto http://ilporticodipinto.it/content/geab-68-comunicato-pubblico

Crisi Sistemica Globale – Autunno 2012: benvenuti nella stagione del grande cambiamento – La geopolitica sarà il detonatore del nuovo grande shock mondiale

Da parecchi mesi abbiamo anticipato, per l’Autunno del 2012, un’importante scossa per l’economia e per la stabilità politica globale. Confermiamo quest’allarme rosso e faremo inoltre il punto, a metà Novembre 2012 (in parallelo con la nostra analisi annuale, per il 2013, sul “rischio paese”), sulla situazione mondiale a quella data … (questo capitolo è sviluppato nella parte pubblica a seguire, ndt)

Mercato immobiliare occidentale – Fine del 2012:  la caduta è veramente cominciata

In Canada, nel Regno Unito, in Spagna ed in Francia i prezzi, come andremo a vedere, sono ora orientati al ribasso. Studieremo anche la situazione degli Stati Uniti, dove la cosiddetta ripresa è nient’altro che un ulteriore artificio. Vedremo infine cosa possiamo aspettarci per questo fine d’anno e per il 2013…

L’economia olandese sarà colpita da un crollo del mercato immobiliare entro l’Estate del 2013

Analogamente alla maggior parte degli altri mercati immobiliari, anche quello olandese ha subito una grave correzione a partire dal 2009. Tuttavia, la causa di questa correzione è di natura diversa rispetto a quella di paesi come la Spagna o l’Irlanda…

USA 2013: Riotmageddon (Riots + Armageddon)

La seconda parte del nostro studio riguardo il rischio di rivolte, si riferisce agli USA. Dopo aver elencato le ragioni sistemiche alla base delle rivolte europee del 2013 (si veda il Geab n. 67), esamineremo ora  le ragioni che innescheranno le specifiche rivolte negli Stati Uniti…

Raccomandazioni strategiche ed operative

  • Oro/Energia: inizia un nuovo periodo critico.
  • Borse di studio: benvenuti nell’Ottobre Rosso!
  • Immobili: vendere, comprare, vendere… Con l’accelerazione della crisi immobiliare, le scelte diventano cruciali!

GlobalEurometre – Risultati & Analisi

Se lo scorso mese abbiamo rilevato una certa “fluttuazione” nell’opinione pubblica europea, Ottobre segnala invece un rinnovato ottimismo, confermando il carattere transitivo delle rilevazioni  effettuate nel mese di Settembre…

 

Crisi Sistemica Globale – Autunno 2012: benvenuti nella stagione del grande cambiamento – La geopolitica sarà il detonatore del nuovo grande shock mondiale

 

Da parecchi mesi abbiamo anticipato, per l’Autunno del 2012, un’importante scossa per l’economia e per la stabilità politica globale. Confermiamo quest’allarme rosso e faremo inoltre il punto, a metà Novembre 2012 (in parallelo con la nostra analisi annuale, per il 2013, sul “rischio paese”), sulla situazione mondiale a quella data…

In queste ultime settimane, come previsto dal nostro team, la situazione geopolitica mondiale si è rapidamente deteriorata: il conflitto siriano è diventato un conflitto regionale nell’ambito del quale le grandi potenze stanno cercando di non farsi trascinare oltre i limiti che hanno fissato1; a nord del Sahel (Mali, Niger, …) è in vista un nuovo confronto militare tra il Mondo Islamico e l’Occidente2; il Mar della Cina si è trasformato in una zona di “tiepidi” conflitti a tutti i livelli, con quello fra Giappone e Cina al centro del caos in gestazione3; le maggiori economie mondiali sono tutte entrate in recessione4; i disordini sociali sono in aumento, così come la pressione fiscale… e non c’è più liquidità disponibile (persino il QE ha un’efficacia in caduta libera)5, esattamente come nel 2009.

In questo numero il nostro team analizza le prospettive del settore immobiliare occidentale per il 2013, ed aggiunge una speciale anticipazione riguardo il “mercato immobiliare olandese”, in ragione del crollo che è in corso in quel paese. Allo stesso tempo continuiamo ad analizzare le conseguenze socio-politiche, per il 2013, della crescente agitazione dell’opinione pubblica, concentrandoci adesso sugli Stati Uniti d’America6. Infine, dopo aver rivisto e calendarizzato le principali tendenze per i prossimi mesi, proponiamo le nostre raccomandazioni riguardo i beni immobili, l’oro e le borse.


Incidenza percentuale del QE della Fed sulla liquidità degli Stati Uniti a 3 mesi (blu), a 6 mesi (rosso), ad 1 anno (verde) ed a 2 anni (viola) – Fonte: Fondi Hussman, 09/2012

Allo stesso tempo, sullo sfondo dei conflitti asiatici o arabo-musulmani, stiamo assistendo a dei tests, effettuati dagli alleati e dagli avversari, sul grado d’indebolimento del potere statunitense7. Così, ogni nuova settimana illustra la crescente impotenza del “Master” della fine del 20° secolo. Quello che è stato il “King Maker” del Medio Oriente, negli anni 1990/2000, dovrà d’ora in poi limitarsi a contenere il rigetto della propria presenza, ed a guardarsi da azioni militari contrarie8; la  “Superpotenza del Pacifico” è ormai ridotta a “contare i colpi” tra il Giappone, suo storico alleato strategico in quest’area9, e la Cina, suo principale concorrente geopolitico, ma soprattutto suo principale partner economico, monetario e finanziario10. E, del resto, è proprio su questo tema che il “tallone d’Achille” degli Stati Uniti ha conseguenze sempre più gravi, ogni giorno di più11.

In aggiunta all’estratto di una parte delle nostre analisi sul mercato immobiliare americano, che conferma l’ingresso del mercato immobiliare occidentale in una depressione di lungo termine, abbiamo scelto, in questo GEAB n. 68, di presentare un certo numero di grafici che illustrano la cortina fumogena ed il carattere manipolatorio delle statistiche economiche relative agli Stati Uniti.

Il nostro team ha apprezzato il fatto che l’argomento elettoralistico, relativo alle cifre “ufficiali” sulla disoccupazione negli Stati Uniti per il Settembre del 2012 (un calo dello 0,4%), abbia permesso un ampio dibattito sui principali media riguardo gli “strani metodi di calcolo” del Ministero del Lavoro statunitense. In effetti la questione non è tanto quella di “giocare” con i numeri ma, vista l’importanza che i media internazionali attribuiscono a questi risultati, crediamo che un numero sempre più  grande di persone debba essere consapevole della manipolazione, e non solo i lettori del GEAB e di altri siti didattici.

Per quanto riguarda la Cina, la transizione politica in corso sta procedendo con difficoltà, a causa sia della crisi economica globale (che ha infine raggiunto il paese, e con esso tutti i BRICS)12 13, che della necessità di doversi inventare un nuovo corso strategico per il paese, allo scopo di affrontare una duplice pressione interna: quella del rischio di un’esplosione sociale (torneremo in dettaglio su quest’argomento nel numero di Novembre del GEAB), e quella del suo posizionamento geopolitico, sia regionale che globale. Non sono solo gli Stati Uniti ad essere radicalmente cambiati, dal 1990/2000!

Il terzo più importante pilastro dell’ordine mondiale (ed in effetti forse il più costruttivo per il futuro) è l’Unione Europea o, più esattamente, Eurolandia. Come abbiamo già anticipato l’Eurozona è, per quest’Autunno, l’unica portatrice di buone notizie. Essa è posta, naturalmente, fortemente in ombra sul breve periodo, a causa delle conseguenze economiche e di bilancio della crisi sistemica globale (disoccupazione, recessione, austerità, …) ma, sul medio-lungo termine, Eurolandia sarà impegnata, finalmente, su una “strada che porta da qualche parte”, dopo mesi d’impotenza politica: alcuni potenti strumenti sono ora disponibili, ha inoltre e finalmente preso piede14 la comune volontà politica di uscire insieme dalla crisi15, poiché ciascun Stato membro ne sentirà d’ora in poi l’impatto.

Esprimendoci nei termini di una tabella di marcia,  pensiamo che d’ora in poi la tempistica sarà molto chiara:

  • entro fine Novembre 2012 gli Stati Uniti e la Cina entreranno in una doppia fase di storiche tensioni interne, sociali e politiche, prima di dover fare i conti con la fine di quel periodo di “pacifica convivenza economica e commerciale” che ha caratterizzato questi ultimi decenni.
  • per Dicembre 2012 l’Eurozona uscirà (dopo una lunga corsa, come al suo solito) dalla “crisi dell’Euro”, e si troverà di fronte ad una triplice sfida, quella della ripresa economica (nel contesto della crisi globale), quella della sua strutturazione istituzionale (nell’imprescindibile contesto della sua democratizzazione)16, ed infine quella (compresa nel punto precedente) dell’assestamento di lungo termine del problema britannico (nei fatti, 26 paesi contro 1)17.

 

Vendita al dettaglio di benzina, negli USA (1984-2012) (in migliaia di litri al giorno) – Fonte: US Dpt of Energy, 09/2012

 

Stati Uniti, «ripresa» o cortina fumogena?

I media vorrebbero farci credere che c’è una ripresa, nel mercato immobiliare statunitense, basandosi essenzialmente sull’indice Case-Shiller, mostrato nel grafico qui sotto.


Indice nazionale Case-Shiller dei prezzi immobiliari USA, 2005-2012 – Fonte: S & P/Case-Shiller

In sei mesi, ovvero dal quarto trimestre del 2011 fino al secondo del 2012, l’indice è in effetti cresciuto del 3,7%. Tuttavia, secondo noi, quest’aumento non è durevole ma, al contrario, rappresenta solo una mera pausa artificiale nell’inesorabile caduta dei prezzi degli immobili USA. Inoltre, non siamo certo i soli a pensarla in questo modo, visto che la stessa Fed, nonostante il recente aumento dei prezzi, ha ritenuto opportuno di dover dar sostegno prioritariamente al mercato immobiliare, con il suo QE3. In realtà quest’aumento è artificiale per almeno due ragioni.

La prima ragione è che i tassi d’interesse sono ad uno storico basso livello (attualmente il 3,39 % per un mutuo a tasso fisso di 30 anni, secondo la CNNMoney) il che, da un lato, consente ad alcune famiglie, anche a quelle insolventi, di tornare sul mercato immobiliare ma, dall’altro (ed in particolare), permette agli investitori di fare buoni affari acquistando immobili a buon mercato fra quelli pignorati dalle banche. Queste operazioni fanno automaticamente aumentare i prezzi. Si potrà allo stesso tempo notare che, mentre i tassi d’interesse sono stati estremamente bassi per diversi anni, il loro effetto si fa però sentire soltanto adesso, il che è un segno della fragilità sia dei vari players che, quindi, della “ripresa”. Purtroppo, tassi d’interesse a questi livelli non riflettono in alcun modo lo stato di salute dell’economia degli Stati Uniti, ma vengono mantenuti a quel livello soltanto grazie al riacquisto, da parte della Fed, delle Obbligazioni del Tesoro. In tempi normali i diversi piani pubblici per il sostegno dell’economia avrebbero dovuto avere un impatto al rialzo molto più forte, riguardo i prezzi immobiliari.

La seconda ragione è costituita dalla carenza nell’offerta di case pignorate, organizzata dalle banche, che non vogliono rivendere quelle sequestrate ai prezzi di mercato (molto bassi, ndt), per salvaguardare i loro bilanci. In effetti, il 90% delle case pignorate viene trattenuto dalle banche 18. Milioni di case che però dovranno presto arrivare sul mercato,  abbassando così i prezzi, ma per il momento  la riduzione dell’offerta crea carenza, spingendo così i prezzi verso l’alto.

Ed ancora, sono davvero i pignoramenti a rivelare le cattive condizioni di salute del settore immobiliare degli Stati Uniti. Dopo una pausa dovuta allo scandalo bancario delle robo-signing (firme false, comunque si consulti investopedia, ndt), il numero dei pignoramenti è di nuovo in aumento (si parla di circa tre milioni di pignoramenti l’anno). In effetti, comprendere la realtà del mercato immobiliare americano è un gioco allo stesso tempo cinico ed istruttivo: se utilizziamo l’elenco delle più grandi città americane preso direttamente da Wikipedia (ad eccezione di New York), e se calcoliamo la percentuale dei pignoramenti che sono pubblicizzati in queste città (si può consultare qualsiasi sito del tipo Trulia) 19, nonostante infine le molte case in possesso delle banche, non possiamo che trarre una conclusione allarmante: nelle dieci maggiori città degli Stati Uniti (dopo New York), la percentuale degli annunci di pignoramento è nell’ordine del 56 %20, con città come Los Angeles (la seconda degli Stati Uniti) e Chicago (la terza) che arrivano a percentuali del 67 %, per non parlare, ovviamente, di Detroit e di Miami, che toccano circa il 75 %. Si può anche notare di come le pubblicità nell’ambito delle quali i prezzi sono al ribasso, siano molto più numerose di quelle in cui essi sono al rialzo. Solo New York sembra avere un mercato dinamico, con quasi nessun pignoramento e rialzo (dei prezzi, ndt).

Niente di nuovo rispetto al 2009, non si deve credere che l’aumento dei prezzi sia duraturo. E’ solo un altro dei trucchi degli Stati Uniti, cui si è ormai abituati.

E, come per tutti i trucchi, una volta che li abbiamo capiti, essi non fanno altro che rivelare una realtà molto peggiore di quella immaginata … aprendo così la porta al panico! Ricordiamoci della Lehman Brothers … in poche ore il mondo passò da una situazione “normale” ad una da “allarme rosso”!


Traduzione per il Portico Dipinto a cura di Franco

  • 1. Fonte: New York Times, 25/09/2012, La Tribune, 2012/01/10
  • 2. Segno di una crescente confusione nell’ambito delle alleanze utilizzate dall’Occidente. In Siria, l’Arabia Saudita ed il Qatar sono sulla prima linea delle forze “filo-occidentali” in guerra contro il regime di Assad. Nel Nord-Sahel, al contrario, esse armano quei ribelli che si troveranno ad affrontare i soldati delle forze africane sostenute dalla NATO. Le ampie variazioni geo-strategiche di questo tipo non saranno comunque di lunga durata … a meno che pensiate che i petrodollari sauditi possano indefinitamente “mantenere Washington”, esattamente come il Qatar sta cercando di fare con la Francia, e come il Kuwait e Dubai hanno già fatto con il Regno Unito. Fonte: France 24, 29/09/2012.
  • 3. E questi “tiepidi” conflitti hanno già avuto conseguenze tangibili e dolorose: ci sono stati dei feriti al momento delle rivolte anti-giapponesi, c’è stato il crollo di alcune importanti attività economiche fra due delle principali potenze economiche e commerciali mondiali (Cina e Giappone), soprattutto per quanto riguarda l’industria automobilistica, il turismo, l’elettronica, l’edilizia pubblica, …. il conto è grande e sarà duraturo … e non ha ancora influenzato le statistiche.
  • 4. Fonte: CNBC, 27/09/2012, Mish, il 27/09/2012
  • 5. Anche i membri della Fed ora ammettono di non capire la situazione economica degli Stati Uniti. Fonte: Les Echos, 20/09/2012
  • 6. Fonte: The Hill, 28/09/2012
  • 7. Fonte: Deutsche Welle, 20/09/2012
  • 8. Fonte: New York Times, 24/09/2012
  • 9. Tokyo sta sempre più chiedendosi quale sia il “valore aggiunto” dei 10/20 anni di completo allineamento con Washington. Dieci/venti anni sono il termine minimo necessario per poter riflettere ed eventualmente attuare sostanziali modifiche a questa storica partnership …. ed imporre difficili decisioni nel brevissimo termine. Non è sorprendente che i nazionalisti giapponesi stiano crescendo, in relazione ad alcuni degli attuali conflitti sulle isole! Fonte: Le Monde, 26/09/2012, Caixin, 24/09/2012
  • 10. Fonte: Deutsche Welle, 2012/04/10
  • 11. Il Dollaro è in procinto di perdere il suo status di valuta di riferimento, per le vendite di petrolio alla Cina, a vantaggio dello Yuan. Fonte: The Examiner, 2012/12/09
  • 12. Fonte: China Daily, 25/09/2012, Les Echos, 2012/02/10
  • 13. Fonte: CNBC, 2012/04/10
  • 14. Fonte: Libération, 25/09/2012, La Tribune, 2012/04/10
  • 15. Come avevamo anticipato, e contrariamente alle discussioni prevalenti sulla fine dell’Euro, sull’uscita della Grecia … ed altre follie che dimostrano, nel caso fosse ancora necessario, che gli economisti e gli altri esperti di questo mestiere dovrebbero, in realtà, sviluppare le loro conoscenze multidisciplinari, in particolare per quanto riguarda la politica, la geopolitica, le previsioni ed il funzionamento delle reti e dei sistemi complessi. Essi potrebbero anche utilmente smettere di “abbaiare” in favore di più o meno celati interessi economico-finanziari. I conflitti d’interesse sono frequenti non solo nella sfera della salute e delle droghe. Ultima osservazione su questo tema: il continuare a dare il premio Nobel per l’economia a specialisti americani, come è stato di nuovo appena fatto, costituisce prova che tutta questa disciplina è cieca. La crisi attuale segna il completo fallimento del pensiero economico prevalente a partire dal 1945, e tuttavia si continua a convalidare il lavoro di università ed esperti che non hanno smesso di sbagliare nel corso di oltre 60 anni. Si può immaginare una situazione del genere in fisica, in chimica, in …? Si possono premiare scienziati che non producono risultati? Tutto ciò dimostra fino a che punto sia ideologico un Premio Nobel come questo, esattamente come quello sulla pace (Obama, UE, …).
  • 16. Fonti: Presseurop, 2012/12/10, La Tribune, 2012/12/10
  • 17. Fonti: Presseurop, 20/09/2012, Der Spiegel, 15/10/2012
  • 18. Fonte: AOL immobiliare, 13/07/2012
  • 19. Uno dei grandi siti web relativi al mercato immobiliare, che permette di scegliere solo le inserzioni riguardo i pignoramenti e, quindi, di conoscerne il numero.
  • 20. 88.200 pignoramenti su 157.500 inserzioni.

[Most Recent Quotes from www.kitco.com] [Most Recent Quotes from www.kitco.com] [Most Recent Exchange Rate from www.kitco.com]

5 Commenti a “GEAB 68 – Comunicato pubblico”

  • Panhandle:

    Ne imbroccasse una ‘ sto GEAB…

    Poi (cito):

    1)”Raccomandazioni strategiche ed operative
    Oro/Energia: inizia un nuovo periodo critico.
    Borse di studio: benvenuti nell’Ottobre Rosso!
    Immobili: vendere, comprare, vendere… Con l’accelerazione della crisi immobiliare, le scelte diventano cruciali!” Quindi? Che significa? L’oro salirà o no? Il petrolio salirà o cosa??

    2)”Infine, dopo aver rivisto e calendarizzato le principali tendenze per i prossimi mesi, proponiamo le nostre raccomandazioni riguardo i beni immobili, l’oro e le borse.”

    Il GEAB conclude sempre i suoi rapporti con questa frase, per poi non raccomandare un bel nulla. Per me, non ha alcuna credibilità: sembrano le previsioni dei maghetti della tv degli anni ’90.
    Ad esempio: non aveva predetto per l’estate scorsa il collasso del dollaro? Tanto per citare una delle sue “profezie”. Ma andiamo…!

    • Inquisizione:

      In effetti lo avevano profetizzato entro l’autunno, se non ricordo male, ma a leggere questo report lo posticipano al 2013 in senso generico.
      Bah.

  • Patelavax:

    Chi è in grado di fare previsioni serie se le tiene per sè e non le pubblica di certo perchè le previsioni date al pubblico poi influenzano il futuro rendono false le previsioni precedentemente serie.
    Il geab sembra una discussione che a volte capita di sentire nei bar quando non ci sono partite o campionati e si improvvisano discussioni dove si sente di tutto e il suo contrario

  • Fabrizio:

    Per quanto riguarda il mercato ufficiale immobiliare italiano non ci saranno grandi scostamenti rispetto ad oggi, niente quindi scoppio della bolla immobiliare almeno in italia, per un semplice motivo, la maggior parte dei nuovi immboli degli ultimi 10 – 15 anni è in mano alle banche, le stesse che stanno acquistando a man bassa il nostro debito enorme, pertanto nei loro fragili bilanci proprio non se lo possono permettere che le valutazioni di prezzo scendano del 20/30 per cento come auspicato da tutti gli attori del settore per vedere ripartire le compravendite; invece niente, le banche preferiscono per loro stesse che il mercato immobiliare si blocchi piuttosto che veder compromessi i propri già delicati bilanci; è un controsenso pazzesco fermare l’economia della casa e i vari indotti per non rischiare il fallimento delle banche e mantenere la sopravvivenza delle stesse; solo un mercato dinamico che rispetti la regola base della domanda e della offerta potrà ridare fiato al settore della casa, al contrario tutto il comparto si fermerà, una piccola prova di questo: dalle mie parti si vede dal fatto che da dopo agosto sono spariti tutti i giornaletti informativi delle case in vendita, e questo perchè si vuole fermare il mercato altrimenti i prezzi scendono. L’unica possibilità per fortuna è data dalla possibilità di compravendita tra privati, dove già si registrano quotazioni in forte discesa, cosa questa sottovalutata dai soggetti istituzionali dell’immobiliare.

  • Luca:

    Il geab e’ in parte gratuito, quello che leggete qui. Gli approfondimenti sono per gli iscritti a pagamento. Comunque devo dire che in passato la parte gratuita era più informativa e dettagliata. Si vede che era per allargare la base di potenziali interessati alla sottoscrizione. In poche parole un business come un altro. E non vedo perché dovrei pagare per sapere prima il giorno esatto un cui tutto salta. Preferisco le sorprese, almeno sono gratis.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia