Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Leonardo BoffCi sono due gruppi di minacce davanti a noi. Una viene dalla macchina di morte che è la nostra cultura militarista che ha creato un tale numero di armi nucleari, chimiche e biologiche, che possono distruggere ogni forma di vita sul pianeta. Queste armi sono molto deleterie: sono in sicurezza, ma non in assoluta sicurezza. Lo abbiamo visto a Chernobyl e Fukushima. Inoltre abbiamo le nanotecnologie. La guerra cibernetica può essere ad elevata distruzione. Si tratta di una guerra non dichiarata, di violenza estrema e che punisce gli innocenti. Il secondo gruppo di minacce deriva da quello che il nostro sviluppo industriale ha fatto negli ultimi 300, 400 anni, con la sistematica aggressione alla Terra, ai suoi beni, le sue risorse. Siamo arrivati al punto di avere destabilizzato totalmente il sistema Terra, e l’evidenza di questo è il riscaldamento globale. Per ricostruire quello che prendiamo alla Terra in un anno, essa abbisogna di un anno e mezzo. Quindi la Terra è già sterminata.

Stiamo arrivando a una temperatura vicino ai 2º C e la comunità scientifica nord-americana ha lanciato l’allarme sul fatto che, con l’ingresso del metano, del disgelo delle calotte polari e altri fattori, la Terra si sta scaldando piano e, improvvisamente, la febbre può sbalzare da 37º C a 45º C. Con questo repentino riscaldamento, la vita che conosciamo oggi non sopravviverà, né quella animale, né vegetale, né umana. Dato che abbiamo la tecnologia, siamo in grado di creare piccole oasi refrigerate per gruppi di esseri umani, che sicuramente invidieranno quelli che sono morti prima, tanto la vita sarà miserabile. Questo incomberà sull’umanità nei prossimi decenni, e nessuno lo crede, perché va contro il sistema di accumulazione, contro il capitalismo, contro le grandi aziende. Gli intellettuali che hanno un senso etico devono parlare di questo.

Hugo ChàvezIl capitalismo è anticristiano perché in primo luogo è contro la vita, assassina le vite umane per accumulare. Per permettere ad alcuni una vita di qualità, molti devono avere una pessima qualità di vita. E questo è ingiusto. E tutto quello che va contro la vita finisce per essere contro colui che ha detto: «Io sono venuto a portare la vita, e una vita in abbondanza». Per questo è anticristiano. Riconoscerlo è costato molto ai cristiani, dato che le chiese si sono collocate molto bene dentro il sistema capitalista. La Chiesa ha difficoltà a condannare perché il capitalismo non nega la Chiesa o la religione. Al contrario, difende la Chiesa e la morale. Solo che, nella pratica, nega tutto questo. E questa è la grande illusione della Chiesa, dal momento che il capitalismo si estende in tutto il mondo, senza solidarietà. Con lui, solo il forte guadagna.

Gli Stati Uniti? Sono in “grande terrorista mondiale”, poiché in America Latina hanno appoggiato tutte le dittature e partecipato attivamente agli attentati, ai sequestri di persona, fornendo informazioni. E continuano con questa strategia, che è la strategia dell’Impero. Dove c’è una opposizione, la distruggono. Solo, mi meraviglio che non siano ancora riusciti ad eliminare Hugo Chávez in Venezuela, né Fidel Castro, pur tentando 17 volte, senza risultato. Gli Usa utilizzano sempre la violenza militare per imporsi e lo fanno dappertutto, come hanno fatto in Libia, ad esempio, con i droni. Credo che dopo le elezioni interverranno con i droni anche in Siria. Indipendentemente dal fatto che Obama venga rieletto o meno: perché gli Usa non riusciranno a trattenere Israele e, inoltre, non risolveranno i problemi con l’Iran.

Quindi l’arma non è la diplomazia e la ricerca di percorsi di pace, ma è la sottomissione. Sono forti, oggi: non nell’economia, perché la Cina lo è di più, né nella tecnologia (Giappone e altri paesi lo sono di più). Loro hanno il dominio militare del mondo, con la possibilità di ammazzare tutti. In nome di questo, sottomettono tutto il mondo. Nessuno si oppone all’Impero, tranne il Venezuela, Cuba e la Corea del Nord. Tutti gli altri, compreso il Brasile, si inchinano agli Stati Uniti. Si tratta di un impero il cui imperatore è Barack Obamaafroamericano, ma con la stessa perversione di Bush e altri, perché il progetto non è cambiato.

Un vecchio detto della tradizione cristiana dice: “Dove c’è il povero, lì c’è Cristo”. Oggi dobbiamo guardare in tutte le città del terzo mondo, le grandi cinture di miseria, le baraccopoli. Il cristiano che prende sul serio la consapevolezza che Cristo è là dove sta il povero deve andare a visitarlo. Non basta sapere che là c’è uno slum. Bisogna andare lì, parlare con le persone, vedere come si può aiutarli a organizzarsi meglio. Un altro detto dice: “Dove ci sono i poveri c’è Cristo, e dove c’è Cristo sta la Chiesa”. Solo che non è vero che dove ci sono i poveri c’è la Chiesa. Essa è più vicina al Palazzo di Erode che alla grotta di Betlemme. La Chiesa deve rivedere quale è il suo posto nella società. Riconoscere la Chiesa di Roma come l’unica vera è un errore teologico, perchè suppone un concetto di Dio riduzionista, come se Lui dicesse: «Questi sono i miei figli e quelli non lo sono; queste sono le mie creature care e quelli sono figli abbandonati». Questo non esiste per Dio. Tutti siamo nati dal suo cuore. Dio crede in tutti gli esseri umani. Tutti sono figli e figlie, non solo i battezzati, che per caso sono nati in Occidente. Quindi una Chiesa che non fa questo, si oppone a Dio.

La Teologia della Liberazione parte dal grido degli oppressi, che oggi sono i poveri. Fino al 2008 c’erano 860 milioni di poveri al mondo e la crisi economica e finanziaria ha elevato questo numero a un miliardo e 200 milioni. I gridi sono diventati boati. Fino a quando ci saranno persone al mondo che gridano, siano donne, afrodiscendenti, indigeni, persone discriminate, sempre ha senso – partendo dalla fede – parlare e agire in forma liberatrice. È una teologia permanente, perchè, per la condizione umana, tutti – perfino i più ricchi e equilibrati – portano la propria croce: é la paura della morte, l’esposizione a incidenti, la perdita del figlio o della sposa; non abbiamo una Favelasvita sicura. La condizione umana è questa e deve essere costruita ogni giorno, con la sua angustia e oppressione.

Oltre la metà dei cristiani e dei cattolici vive nel terzo mondo. Di fatto è una religione del terzo mondo, sebbene sia nata nel primo. E se parliamo di creatività, di presenza, vedremo che la creatività non è presente nel primo mondo, dove abbiamo culture agonizzanti, che lentamente “stanno scivolando dalla rampa” della vita. Sono civiltà che non coltivano la speranza, perchè non vedono quale speranza ci sia per loro. In fondo hanno conquistato tutto quello che volevano, hanno dominato il mondo, imposto le loro idee, le loro filosofie, i loro valori, la loro musica, e ora dicono che sono infelici. Questo significa che l’essere umano non ha solo fame di pane, di beni materiali, ma anche di bellezza, di comunicazione, di amore di solidarietà. E questi valori sono presenti soprattutto tra i poveri.

Se c’è una cosa che i poveri proteggono è la cultura della solidarietà, l’allegria di vivere con il poco che hanno. Lo si vede perfino nelle telenovele di “Globo”, come quella chiamata “Avenida Brasil”: dove stanno la vita, la solidarietà e l’allegria? Non nell’alta borghesia; stanno nella favela del Divino. In questi luoghi dell’Asia, dell’Africa, dell’America Latina, il cristianesimo si dimostra creativo. Qui abbiamo la donna povera che non vuole entrare nel mondo dei ricchi, ma vuole essere solidale. Quindi c’è una teologia femminile differente. Esse litigano perfino con le americane, per esempio, criticandole, dicendo che non si deve continuare a fare teologia solo per integrare le donne, che poi contribuiranno solo a ingrossare il mondo degli oppressori. Le latinoamericane chiedono a loro solidarietà come donne e come oppresse. Se non ci sarà questo, non sarà una vera RatzingerTeologia della Liberazione.

La teologia é seria quando si prende sul serio la testimonianza degli invisibili, dei disprezzati, di quelli che non contano niente. Ogni persona è unica al mondo, ha qualcosa da dire, da mostrare. Ignorante é quello che pensa che il popolo è ignorante. Il popolo conosce molto della vita, della sua lotta. É un sapere, come dice Camões, “fatto di esperienza”. Siamo seri quando diamo valore a quello che dice il popolo, che non sono parole, ma drammi e gridi. In secondo luogo, dobbiamo saper formulare questo in maniera rigorosa e universale, in modo che tutti possano capire. Per prima cosa, la teologia e le Chiese ammettano di essere complici del mondo a cui oggi siamo arrivati. Questo significa che c’è stato qualche errore nella nostra trasmissione di fede, nella nostra esperienza biblica, per cui non siamo riusciti ad evitare la crisi ecologica e la crisi economica mondiale.

Non abbiamo la chiave della salvezza, siamo parte del problema. E con molta umiltà, dobbiamo rinunciare a ogni arroganza tipo “abbiamo la parola della rivelazione e quindi sappiamo”. Noi non sappiamo. Quando la Chiesa è stata arrogante e ha assunto il potere, è stato un fiasco. Ha governato male, fino al 1890 c’era ancora la pena di morte nello Stato del Vaticano, oltre ad aver commesso grandi errori storici contro la modernità e i diritti umani. Quindi non può presentare titoli di credibilità. Per prima cosa, bisogna riconoscere che si può imparare dialogando e che si può dare un contributo partendo dall’esempio di Gesù. La nostra sfida non è quella di creare cristiani, ma creare persone oneste, umane, solidali, compassionevoli, rispettose della natura degli altri. Se realizziamo questo si realizza il sogno di Gesù.

(Leonardo Boff, sintesi dell’intervista “La teologia della liberazione” rilasciata a “Ihu on line” e ripresa da “Megachip” il 19 ottobre 2012).

14 Commenti a “Boff: capitalismo terrorista, e la Chiesa ne è complice”

  • marina:

    Parole semplici e chiare che vengono e parlano ai nostri cuori, ma nello stesso tempo sono durissima condanna per il mondo come è e per tutti coloro che contribuiscono a permettere che sia così.
    Ma sono anche parole di speranza per un cambiamento . A ognuno di noi il compito di costruire il proprio personale mattone per edificare il mondo nuovo, non possiamo aspettare!
    Un abbraccio a tutti .

  • Giorgio:

    La Grande Illusione creata dagli Arconti!.

  • Tutta la mia approvazione a quello che scrive questo Signore.
    l’arroganza dell’America e dei suoi Presidenti pervertiti, ladri e bugiardi di professione è lo specchio intollerabile dell’Italia e della sua vergognosa gestione politica. Non è esente da colpe la cosidetta “cultura” e la cosidetta ” l’informazione” che per 20 anni ha taciuto sulle malefatte dei governi e quindi i cosidetti direttori dei maggiori quotidiani andrebbero messi alla gogna esattamente come i politici. Sono stati vergognosi bugiardi di partito pagati per nascondere la verità. Mi astengo di dare giudizi sulla chiesa che per me è una ignobile Setta e non una religione.

  • giuseppe:

    Quel papa che ha distrutto la TEOLOGIA DELLa LIBERAZIONE lo faranno santo……

  • emiliano:

    La chiesa intesa come istituzione anzi direi ancora meglio gli alti vertici vaticani hanno ed hanno avuto nei secoli molte colpe prima di tutto aver fatto diventare la chiesa il corpo mistico di Gesu’ un centro di potere temporale.Ma la chiesa intesa come e’ il suo vero significato ovvero tutto il popolo di Dio invece e’ ed e’ stata una benedizione per l’umanita’ ci ha portato a costo di martiri e uomini mangiati dai leoni nel colosseo i vangeli e gli scritti dei santi,ci ha donato degli uomini che hanno lottato con tutte le loro forze per far volgere l’unanita’ al bene (San Francesco) uomini che si sono donati alla morte per salvarne altri (san Massimiliano Kolbe )uomini che si sono offerti volontariamente in sofferenza unendosi alla croce di cristo per espiare le colpe del mondo ( Padre Pio).Ecco quando parliamo di chiesa dovremo saper discernere tra la vera chiesa che ancora sopravvive nonostante tutto e la falsa chiesa quella che ormai degli insegnamenti di cristo non riesce ad incarnarne nemmeno l’ombra

  • Leonardo:

    Un altro che ciancia di global warming : la colossale balla messa in giro per giustificare le operazioni di geoingegneria. La mamma degli (utili) idioti è sempre incinta a quanto pare e fa così tanto bene ai veri poteri mondiali…

  • antioppressione88:

    più che complice la chiesa è il principale mandante di tutto lo schifo che abbiamo nel mondo…

    @SL non mi sembra molto corretto postare qualcosa visibile solo ad alcuni “eletti”…

  • Signor Domenico Proietti, l’articolo in questione è questo, forse gli è sfuggito:

    “Protetto:
    1 novembre 2012 | Autore Nicoletta Forcheri | Stampa articolo Stampa articolo
    Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.
    Pubblicato in DOMINIO E POTERE | Inserire la propria password per visualizzare i commenti”

  • antioppressione88:

    @domenico
    sulla home appare un post protetto a cui si può accedere solo tramite password…

  • emiliano:

    @Domenico probabilmente si riferisce all’articolo postato da Nicoletta Forcheri Protetto che richiede una password per essere visionato

    • Domenico Proietti:

      Non credo che nessuno sia in grado di leggere né l’articolo, tanto meno i commenti. Ho provato ad inserire la mia password e la pagina si aggiorna ma non si apre.

  • antioppressione88:

    mi riferisco a quello che dice emiliano…

  • Propro 10 giorni fa ho fatto una canzone di speranza dal titolo Alleluja Cambierà. E’ un desiderio di speranza che condanna il capitalismo e che suggerisce di cercare e difendere la Verità: ecco il link!

    http://www.youtube.com/watch?v=OhQmgDpiYWY

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia