Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Removing the shackles – Frankenstorm: E’ dal vivo, o è registrato?

Bene …. dove mi trovo, nella zona dei grandi laghi vicino al lago Erie, siamo colpiti con forti venti con raffiche che fanno sbattere le finestre. E la pioggia, ma non più di questo. Quindi posso attestare che dove sono io il clima è decisamente freddo e brutto.

 

Un commentatore anonimo mi ha mandato un link al live cam at Times Square: http://www.earthcam.com/usa/newyork/timessquare/?cam=tsrobo3

Ho controllato dalle 06:00 EST (il sonno è la mia nemesi) e, mentre è ovviamente umido e ci sono pozzanghere qua e là, non c’è acqua che scorre per le strade, non inondazioni. Le bandiere non si strappano nel vento, le persone sono ora in giro, tranquillamente passeggiando, non lottando nel vento, a nessuno si agita il cappotto, a nessuno vola il cappello ed è ovvio che non piove al momento.

Poi c’è il live della tempesta su The Weather Network.  Ecco il link: http://www.youtube.com/watch?v=yXMU2qwCVag&feature=g-all-f

Stanno mostrando clip costanti di tempeste furiose neve, incendi di case, ambulanze a sirene spiegate, alberi che cadono, acqua che inonda le strade …. con una litania di giornalisti che parlano di onde giganti e,  come se non bastasse, ci sono segnalazione guasti elettrici a New York. Diversi sindaci e funzionari di governo chiedono una dichiarazione di “disastro”.

Questa persona avventurosa è andata per una passeggiata vicino a Brooklyn ieri sera intorno a 11pm:

http://fukushima-diary.com/2012/10/wheres-the-flood-live-update-from-brooklyn-ny-under-the-superstorm-sandy/

Fukushima Diary ricognizione notturna a Brooklyn NY.

Bedford Ave ~ Greenpoint

23:00 ~ 24:00 2012/10/29

Relazione:

Non c’era alluvione in questa zona tranne che all’ East river, secondo quanto hanno detto gli agenti di polizia.

Inoltre, cartoni lasciati per strada mostrano che non erano allagate. Foglie morte erano accumulate per strada, a mostrare anche che non c’era un alluvione nella zona.

Non c’era nessun black out lungo Bedford Avenue e Manhattan Avenue.

Solo un solo palo è stato trovato in giù sulla strada. Alcuni bar e negozi erano aperti con i clienti.

Ho visto 5 ~ 10 persone che camminavano per la strada ogni 30 secondi.

Avevo più paura della polizia.

Il vento era forte a volte, ho visto pioggia a tratti. La pioggia non era salata come nel tifone in Giappone.

Le metropolitane erano chiuse, ma la piattaforma non era allagata, come si può vedere dai fogli di giornale asciutti buttati sul pavimento.

Il Pavimento sotto i portici era già secco.

Sto ascoltando il resoconto live di The Weather Network durante la scrittura di questo e un giornalista ha appena detto che hanno spento l’alimentazione a Manhattan di proposito.

Così qui è quello che sto chiedendo: dove siete e cosa vedete e sentite? Inviate commenti.

Creiamo un feed dei commenti per tenere tutti informati su ciò che sta succedendo nella vostra zona.

Tratto da: http://removingtheshackles.blogspot.it/

P.S. I commenti che sono arrivati al sito sono tutti, più o meno sulla stessa linea e intanto la borsa è chiusa per due giorni…  LSDP

14 Commenti a “Da New York notizie diverse”

  • massimo messina:

    …io…alcune volte….non saprei proprio a chi ed a cosa credere…e questa situazione imbarazzante aumenta quando le notizie sono così particolarmente “strane”…INVIDIO CHI VIVE DI CERTEZZE…io non ne ho più da un pò…!!!

  • Giuseppe:

    E gli aerei che avrebbero colpito le torri gemelle? Erano reali?
    E l’aereo che avrebbe colpito il pentagono? Chi l’ ha visto?
    Le varie comparse di Osama Bin Laden; la sua cattura; la sua morte…
    La “guerra al terrorismo” e l’ “esportazione della democrazia”…
    Spesso, ormai, nutro il dubbio, per non dire la certezza, che qualcuno voglia farci vivere in una realtà virtuale…
    A chi gioverebbe?
    A poche “persone”!
    Umane?
    Non lo so!

    • barabba:

      Gli USA oramai sono un ex impero. E allora ingannano il mondo, facendogli credere che sono sempre i primi della classe, con film, ologrammi e menzogne vergognose.
      Sandy ha distrutto persino la Statua della Libertà, ovvero un altro simbolo del capitalismo.
      Questa volta però non possono dire che si è trattato di un inside job.
      La verità verrà a galla prepotentemente nelle prossime settimane.

  • TK:

    NON sei una fonte attendibile, quindi o porti provi a quello che dici o son solo vaccate

  • barabba:

    Non devo provare la verità di quello che dico a nessuno.
    E poi che ne sai se sono o meno una fonte attendibile?
    Le vaccate, come le chiami tu con un linguaggio presuntuoso e volgare, non le ho mai dette. Sono una persona seria e preparata su questi temi e metto gli altri parte di quello che so per puro altruismo.
    In ogni caso ho il diritto di esprimere le mie opinioni come tutti. Se non sei d’accordo con quello che dico, nessuno ti obbliga a insultarmi.

  • Giuseppe:

    Vedo il godimennto di quelle poche”persone” ( umane o non umane ) al nostro scannarci nella ricerca del Vero…
    Credo che su questa terra nessuno possa avere una visione della Verità. Ognuno di noi, forse, riesce a vedere piccole “fette” di verità…, o meglio, di realtà, da noi percepibile…
    Abbiamo TUTTI dei limiti!
    Non possiamo comprendere il TUTTO.

    E’ un pensiero assolutamente laico!

    Mi scuso per le maiuscole ( non è mia intenzione urlare ).

  • anti mason:

    Beh ragazzi,ma non lo sapete che i massoni illuminati vengono anche chiamati “I maestri della finzione”? Inscenano un problema per creare panico nelle masse,così che la popolazione si sentirà costretta ad accettare le condizioni che verranno imposte dai vari governi.Ora non so bene dove vogliono arrivare con questo uragano creato ad hoc,probabilmente è collegato con le elezioni americane,dato che guarda caso hanno dovuto sospenderle proprio per far fronte all’uragano,ma la storia è piena di eventi creati a tavolino,come vi ha fatto notare per esempio l’utente Giuseppe,il problema è che la maggior parte delle persone crede a tutto ciò che sentono ai telegiornali e molti continuano ancora a pensare che veramente le torri gemelle siano state distrutte da Al Quaeda..pensate un po,se non c’era internet,a quale lavaggio del cervello saremo stati sottoposti anche noi che scriviamo qui?

  • barabba:

    Sono d’accordo con chi dice che ognuno di noi conosce sola una parte della realtà, per cui capire tutto è impossibile. I depositari della verità non esistono.
    Ma parlare di un uragano “creato ad hoc” è un’ipotesi fuori da ogni logica per coloro che hanno letto che è costato la devastazione totale di ampie zone degli USA e ha comportato danni dell’ordine di migliaia di miliardi di dollari.

    • anti mason:

      Caro sig. Barabba,forse è il caso che lei si informi sull’HAARP e su i suoi devastanti effetti,posso capire che molta gente possa sembrare scettica di fronte a tali eventi,che all’apparenza possono sembrare assurdi,se si pensa che dietro c’è la mano degli illuminati,ma lei deve sapere,che questi “signori” con la tecnologia e la geoingegneria sono andati più avanti di quanto lei possa immaginare.Ad ogni modo,con questo uragano,hanno in parte ottenuto quello che volevano e quello che lei ha menzionato,appunto “la devastazione totale di ampie zone degli USA e danni per migliaia di dollari” che comporterà dunque il perpetuo indebitamento della popolazione americana,a risentirci.

  • siouxsie:

    una coppia di amici residenti a NY mi ha detto che la situazione in citta’ e’ ben diversa a seconda di dove si risieda. Nelle + eleganti aree di Upper Manhattan c’e’ stata una tempstiva e + massiccia presenza delle autorita’, mentre aree a popolazione + classe operaia e media, tipo Queens, brooklyn, Staten Island sono ancora SENZA ELETTRICITA’ (scusate l’enfasi, me lo sono fatto ripetere + volte xche’ nn volevo crederci, nella maggiore potenza al mondo, mica a Kabul). In questi quartieri non sono state avviate distribuzioni di acqua e generi di conforto, e i residenti disperati si sono organizzati in gruppi di vigilanza armata x impedire i saccheggi delle abitazioni non danneggiate. E’ sempre questione di classe sociale, con i residenti di Long Island che vengono assistiti meglio e prima. Mi domando come questo possa essere possibile, visto il congruo preavviso con cui l’uragano e’ stato previsto. Una settimana prima che Sandy colpisse circolavano le stime sul costo dei danni che avrebbe apportato, e malgrado cio’ nn sono riusciti a pianificare una macchina dei soccorsi decente?
    Non e’ che si tratti di prove generali di caos pianificato?

    • Grill:

      ho chattato con persone che vivono nel queens lo stesso giorno in cui si parlava di black out; evidentemente la corrente è stata ripristinata in poco tempo anche la.
      per quanto riguarda le strade piene di agenti e soldati della guardia nazionale è vero.
      ci sono guardie nei pressi di negozi ed esercizi commerciali per evitare lo scuiacallaggio.

  • Lino Bottaro:

    Più creano caos più riescono a gestire i popoli disorientati e desiderosi di ordine.
    Poi dobbiamo pensare che agli illuminati frega niente della poploazione americana o israeliana o italiana ecc.

  • A sostegno dell’articolo vorrei far notare che si stava dando corso alla Maratona di New York.
    La cosa mi aveva un po’ insospettito, in quanto mi ero detto “ma se c’e’ stato tutto questo uragano, con tutti i danni raccontatici, come e’ possibile far disputare la Maratona?!
    Poi ecco la marcia indietro del sindaco Bloomberg!!!
    La cosa, a mio avviso e’ molto sospetta.
    Spero comunque, per quelle popolazioni, che effettivamente quelle apparse in televisione, siano solo immagini di repertorio, costruite ad hoc.
    saluti Giovanni

  • Davide S:

    Occhio ragazzi che Sandy quando ha toccato la terraferma negli Stati Uniti non era già più uragano, ma era tempesta tropicale. climatemonitor.it I giornali come al solito tendono a gonfiare tutto. Non era sicuramente una bazzeccola comunque, però la differenza c’è.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia