Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!
www.nextime.it   Scritto da Roberta De Carolis

ecat 1mw

Fusione fredda. Niente brevetto europeo per l’E-cat: l’Ufficio Brevetti ha detto NO ad Andrea Rossi. Secondo gli esperti dell’ufficio la richiesta della Leonardo Corporation non può essere accettata perché la domanda non soddisfa i requisiti richiesti dall’organismo europeo. Una pagina importante per la vicenda E-cat sembra dunque essere stata scritta.

Tuttavia la decisione appare presa non tanto per l’invenzione in sè, quanto per come la domanda è stata scritta. “La richiesta non soddisfa i requisiti dell’articolo 83 dell’European Patent Convention (Epc) -scrivono infatti gli esaminatori- in quanto la descrizione non spiega in modo sufficiente l’invenzione”. Anche nell’application per il brevetto, dunque, Rossi non è entrato nei dettagli. Troppi segreti e quindi niente brevetto.

Questo, se da un lato la vicenda riabilita la fusione fredda in quanto tale, che, lo ricordiamo, ha ottenuto recentemente un brevetto negli Stati Uniti, dall’altro suscita ancora più dubbi sullo specifico dispositivo E-cat. La domanda che viene ovvio porsi è infatti il perché Rossi non sia entrato nel particolare su una richiesta posta sotto segreto, per la quale non c’era rischio di fuga di notizie. In poche parole, è lecito chiedersi se questi particolari esistano o meno, a questo punto.

Ma non è questo l’unico problema: “Nella descrizione si afferma che la reazione dell’idrogeno con il nichel produce rame e genera energia. Tuttavia non c’è esplicita evidenza di formazione di rame ed energia come risultato della reazione nucleare, né nella domanda presentata né nelle informazioni tecniche supplementari fornite dal richiedente” affermano ancora gli esaminatori.

Dunque secondo l’Ufficio Brevetti europeo non è la fusione fredda il problema, ma E-cat. Si attendono ora le prossime mosse di Rossi.

Roberta De Carolis

24 Commenti a “Fusione fredda: per l’E-cat niente brevetto europeo”

  • marco.be:

    Sarà una lunga e sanguinosa battaglia , questo è scontato….

  • michy:

    la storia infinita………………………….
    anche se fosse funzionale,o il costo è di poco inferiore al metano (vedi gpl x il metano devi sobbarcarti oltre al costo dell’impianto le pesanti bombolone,pochi distr.il tempo x pieno,la possibilità che il motore duri meno che a benza come il gpl) altrimenti non lo mettono in vendita…………..
    vedi fotovoltaico………

    • peppino:

      Del tuo intervento non ci ho capito una mazza!

      • michy:

        la mazza è:
        se funziona, x essere messo a nostra disposizione……il costo d’acquisto e di esercizio deve essere di poco inferiore agli altri sistemi in mano alle multinazionali…….x fare questo hanno molti sistemi, revisioni obbligatorie,costo ricariche,ecc…….
        se costasse poco,come dovrebbe essere,non lo avremo……
        il parallelo è con l’automobile a gpl o metano,oppure con il bombolone gpl in comodato d’uso gratuito…che ti riempiono con una miscela poco energetica………..

  • Ezio:

    Sulla “Fusione fredda” tradizionale, dell’E-Cat non ho informazioni precise, consiglio a tutti di leggere il libro “Fusione fredda moderna storia d’inquisizione e d’alchimia” editrice Saggi Bibliopolis scritto dal ricercatore italiano Roberto Germano afferente all’INFIM così si eviterà di dire spropositi sul tema (vedi il commento di Michy). Si leggano anche dichiarazioni fatte da altri ricercatori italiani (il defunto Giuliano Preparata dell’ENEA di Frascati ) e si arriverà alla solita conclusione : fino a quando le sette sorelle avranno il petrolio a disposizione la fusione fredda resterà in un angolo, dopo di che, quando si avrà trovato il modo di farcela pagare cara visto che costa poco, diventerà la nuova energia mondiale, ricordiamoci quello è successo nel lontano passato a un certo Enrico Mattei.
    Rammento due note sulla fusione fredda : i ricercatori giapponesi hanno già ottenuto decine di brevetti mondiali sui diversi usi della medesima e questi non sono venditori di fumo, mentre ci stanno rompendo le scatole con il problema della sistemazione delle scorie nucleari delle centrali elettriche è provato scientificamente che con la medesima si possono disattivare queste scorie in modo semplice e sicuro sempre a costi minimi e questo dà fastidio ai soliti di turno, quello che funziona ma costa poco non va mai bene, quello che costa caro va sempre bene anche non funziona, vedi vaccini, chemio ecc.

  • michy:

    come dice emilio del giudice in un video: i sistemi energetici tradizionali sono tutti enormemente inefficienti,inquinanti e costosi xchè così deve essere,muovono capitali……
    sulla falsariga delle merci,io esporto acqua minerale in canada e dal canada importo altra acqua minerale………movimenti di capitali.

  • michy:

    ma non deve essere facile,devono far muovere mezzi di trasporto,la logistica,le transazioni bancarie, le fideiussioni,tutti dotati di computer,ecc…………….
    alla fine un enorme spreco di risorse ed inquinamento,x che cosa? far arricchire pochi x far lavorare x sopravvivere tanti………..meglio sarebbe un reddito da cittadinanza e tutti si bevono la loro acqua…………

  • Federico:

    Ma l’E-Cat grande, quello da 1 MW, è in vendita e …funziona? Potrebbe essere un buon banco di prova, in fondo la tecnologia dovrebbe essere sempre la stessa!!…

  • Flavio:

    Non me ne puo fregare di meno se sia brevettato o meno, io voglio vedere un apparecchio che riscaldi la mia casa per 30 anni senza nessun apporto di carburante, voglio sapere quanto costa e dove diavolo lo posso andare a comprare, tutto il resto delle chiacchiere da bar non mi interessano minimamente.

    • michy:

      non va x 30 anni……..magari,rossi ha già dichiarato che la carica viene sostituita annualmente.
      x 30 anni funzionano i generatori nucleari (senza parti mobili, sigillati)utilizzati nei satelliti militari,producono decine di kw/ora e riscaldano un liquido x riscaldare la parte in ombra del satellite…………..
      i primi pacemaker avevano una batteria ad isotopi che durava 20/25 anni,sono stati poi sostituiti con batterie da cambiare (se non ricordo male)ogni 2 anni……….con la scusa che gli isotopi sono inquinanti e radioattivi……..
      il mercato!!!

  • Al.b.:

    Esistono due piani distinti della stessa realtà:

    -il primo è quello dei giornali e delle televisioni, quelli del colpevole silenzio, della crisi senza uscita, della pesantezza del vivere, …

    -l’altro è per esempio questo prometeon.it

    Io ho già fatto la mia scelta della realtà in cui voglio vivere. Il resto, semplicemente, non esiste. La loro tecnica che ci tiene prigionieri da sempre, funziona anche nel senso opposto.

  • Sandro:

    Sembra che nessuno sappia che anche ottenere un brevetto non vuole dire niente: lo sapete quanti brevetti di macchine a moto perpetuo ci sono al mondo ? Un conto è scrivere sulla carta che una cosa funziona, un conto è che funzioni davvero.
    Il brevetto non garantisce AFFATTO il funzionamento in base ai principi dichiarati.

  • roberto d'iseppi:

    Direi che se il sig. Rossi crede nel suo progetto…farebbe bene a lasciare perdere EU e USA e cercare di brevettarlo o comunque produrlo in Cina o Russia o …altri…

  • Antonio Ferraiuolo:

    Vorrei capire meglio E-cat. Per ora è solo a scopo industriale?

  • oracolo:

    L Italia e’ il primo paese che ha di fatto accettato la tecnologia Kesche, la fornitura dei progetti e’ avvenuta 15 giorni fa’ direttamente dalla fondazione Kesche, il famoso ingegnere e fisico iraniano ha specificato che l’Italia e’ il primo paese del blocco occidentale a possedere la tecnologia che e’ gia’ stata donata a Russia, Cina e ovviamente Iran, dall’Italia, la fondazione si aspetta una risonanza a livello mondiale. Ma ancora nulla trapela dagli enti di informazione nazionali e il sentore e’ di uno sporco insabbiamento doppiogiochista in perfetto stile di sudditanza tutta italiana.

  • Luca:

    A me il solo fatto che la burocrazia europea ha bocciato il progetto me lo fa piacere ancora di più. La stessa Europa che ha vietato l’importazione di erbe medicinali in favore di big farma, la stessa Europa criminale che tramite la Bce sta strozzando interi paesi e milioni di persone oneste, la stessa Europa che permette di bombardare paesi sovrani come Libia e Siria dando il loro assenso al massacro, la stessa Europa che ratifica il MES dando in mano a diciassette ministri dei poteri che neanche i faraoni avevano settemila anni fa.
    Questa maledetta Europa deve sparire come neve al sole, mentre invece a sparire saranno i benefattori dell’umanità come quei geni che hanno inventato il sistema per utilizzare la fusione fredda. Ma cosa vi aspettate da gente che riesce a tassare anche l’aria, con le quote di co2?

  • Bah, secondo me è tutto vaporware [¹]
    Se funzionasse non solo lo avrebbero già brevettato ma sarebbe già in vendita.
    E poi cosa importa di più per il suo onventore?
    Creare un generatore che rivoluzionerebbe l’esistenza di ogni persona sul pianeta o fare soldi?
    Mai sentito parlare di GPL o Creative Commons?

    [1] it.wikipedia.org

  • michy:

    l’energia è uno dei + importanti sistemi di controllo e sottomissione.
    non è solo una questione di denaro,l’energia è un bene reale ed indispensabile, al solo sentore di problemi che riguardano l’energia gli usa mettono subito in moto la loro poderosa macchina militare……..l’hanno dimostrato molte volte ormai…………..
    quindi chi si illude su sistemi che rivoluzionano la nostra vita (ci togliamo le manette energetiche odierne) se lo scordi.
    anche lo volesse donare all’umanità.

  • Martino Titton:

    Premesso che comunque qui in Itaglia non si potrebbero usare questi sistemi per le leggi che ci sono (vi dovreste mettere in rete e ci sarebbe comunque la bolletta anche se probabimente ve li dovrebbero dare loro i soldi e quindi …immaginate un pò non si può fare), poi abbiamo fatto il referendum sul nucleare, e secondo voi perchè ce l’hanno fatto fare? in qualsiasi momento possono dire: è comunque una reazione nucleare avete votato contro ecc ecc….
    Ma tenuto conto del fatto che siamo anche tra i più “furbetti” e con il nero siamo dei grandi (a detta dei ns. “tecnici” padroni ) se qualcuno ha la testa per fare un apparecchio del genere c’è sicuramente chi ha la testa per produrre e chi per vendere (ed installare in maniera di avere lo stesso un contatore che funzioni ma da aver bollette di 10 €)totalmente in nero, praticamente una associazione a delinquere ma per il bene comune.
    Capannoni vuoti ce ne sono tanti e tecnici/Ingegneri di qualità senza lavoro pure, mettete tutto assieme facciamo una piccola mafia (sarebbe facile pure corrompere personalità di spicco basta offrire energia gratuita o una parte dei proventi di vendita che essendo già esente da tasse…….ha margine)
    Facciamo parte di questo sistema e continiamo a farne parte nonostante abbiamo cominciato ad aprire gli occhi e visto che ci vuol far schiavi……..beh io non ci sto la mia proposta sarà campata in aria ma è una delle mille possilità che abbiamo, l’importante è non ricercare sostegno da istituzioni governi o gruppi, ma agire di persona per creare qualcosa di nuovo, che poi se funziona l’evoluzione viene automatica anche nel resto della società.
    E Keshe io non riesco a trovare gli schemi tecnici delle sue invenzioni, se li ha rilasciati qualcuno mi sà indicare dove si possono scaricare che voglio metterli in pratica, grazie.
    Una buona giornata a tutti e spero di non aver offeso nessuno con la mia stupidità.

  • brunotto:

    Nessuna forma pensiero divina, deve passare attraverso la vessazione del brevetto approvato.
    Il brevetto omologato , non è più libero pensiero , in quanto pensiero prostituito.
    La soluzione sta nel progettare e costruire , cose semplici , alla portata di tutti.
    Es: Archimede Pitagorico, non mentiva , quando affermava datemi una leva e vi solleverò il mondo.
    Non mancarono gli stupidi a deriderlo; Ehh ,una leva così grande dove la trovi?
    Semplice: La trovi coltivando la tua zucca , senza sperare che te la coltivano gli altri.
    L’Idea, della leva , (dopo millenni), si è evoluta con il banale crich ad olio, spendi una forza 20 kg.alzi 15000 kg .
    Non mancano gli sciettici , dicono che i 15000kg ,si alzano di 10 cm. e tu muovi una leva di 100 cm.
    Grazie amore, in proporzione misura peso, il ricavo non e difficile calcolo.
    Donare una buona idea, al prossimo è dovere divino.
    Specialmente di questi tempi, dove le idee sono brevettate e controllate dai banchieri.
    Quando, propongono una BANCA DELLE IDEE !!! sorridete, educatamente a denti stretti.
    Così non potranno fare gli offesi.

  • giggi:

    sul serio questi venditori di ciarpame pensano di fregare la comunita’ scientifica con i loro ‘segreti’ e formule magiche? che tristezza. rossi petroldragon ? l’amore per l’ecotruffa da sempre buoni frutti…visto il numero di imbecilli in circolazione questo pseudo[inserisci tu] campera’ di rendita per i prossimi 70anni. che cialtrone

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE