Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Ancora una volta Israele ha attaccato Gaza e i media internazionali trasmettono immagini di distruzione. Tuttavia la desolazione che ci provoca l’orrore quotidiano di questa nuova guerra, non deve impedirci di analizzarne e comprenderne gli obiettivi. Thierry Meyssan risponde a questa domanda.

Rete Voltaire | Damasco (Siria)

JPEG - 16.6 Kb

Il 14 novembre 2012, le forze israeliane hanno lanciato l’operazione “Colonna di nubi” contro le strutture militari e amministrative di Hamas nella Striscia di Gaza. Il primo giorno hanno ucciso Ahmed Jaabari, numero due del ramo armato dell’organizzazione palestinese. Ed hanno anche distrutto i lanciarazzi sotterranei per i missili superficie-superficie Fajr-5.

Colonna di Nubi” si è rapidamente ingrandita, con l’aviazione israeliana che moltiplica i bombardamenti. Lo Stato maggiore generale israeliano ha richiamato 30.000 riservisti, arrivando rapidamente a 75.000 uomini, col rischio di distruggere l’economia. In questo modo, Israele ha la capacità di invadere Gaza con truppe terrestri.

Questa situazione richiede ulteriori spiegazioni.

Perché proprio adesso?

Tel Aviv prende il comando, mentre il potere a Washington è parzialmente vacante. Si attendono la nomina dei nuovi segretari di Stato e della Difesa. Forse, saranno l’ambasciatrice Susan Rice e il senatore John Kerry. Tuttavia, un’aspra lotta, attraverso i media, cerca di screditare la signora Rice. In ogni caso, i segretari di Stato e della Difesa uscenti sono indeboliti ed i loro successori non sono stati ancora nominati.

Nello stesso identico modo, Tel Aviv aveva preso una simile iniziativa, l’”Operazione Piombo Fuso“, durante il periodo di transizione tra i presidenti Bush jr e Obama.

Alcuni commentatori citano anche l’imminenza delle elezioni israeliane e suggeriscono che Benjamin Netanyahu e Avigdor Lieberman cercano di migliorare la loro immagine di falchi intransigenti.

Ciò è improbabile. In realtà, hanno lanciato l’attacco senza conoscerne in anticipo i risultati. Tuttavia, nel 2008-2009, il fallimento di “Piombo fuso” fu fatale per il governo di Ehud Olmert.

Per quale scopo?

Tradizionalmente le forze armate israeliane adeguano i loro obiettivi militari alle opportunità che si presentano.

Come minimo si tratta d’indebolire la resistenza palestinese, distruggendo le infrastrutture e l’amministrazione della Striscia di Gaza, come hanno sempre fatto in più o meno regolarmente. Tuttavia, l’indebolimento di Hamas va automaticamente a vantaggio di Fatah in Cisgiordania, che non mancherà di ripresentare la sua richiesta del riconoscimento di uno Stato palestinese da parte delle Nazioni Unite.

Al massimo la “Colonna di nubi” potrà aprire la porta a un vecchio piano sionista: la proclamazione della Giordania a stato palestinese, il trasferimento della popolazione di Gaza (cfr. anche della West Bank) in Giordania e l’annessione dei territori svuotati. In questo caso, i militari non dovrebbero colpire indiscriminatamente i leader di Hamas, ma solo coloro che si oppongono all’ex leader politico dell’organizzazione, Khaled Meshaal. Quest’ultimo diventerà il primo presidente di uno stato palestinese in Giordania.

I disordini in Giordania sono collegati?

La guerra alla Siria ha soffocato l’economia giordana. Il regno si è rapidamente indebitato. Il governo ha annunciato, il 13 novembre (cioè alla vigilia dell’avvio di “Colonna di nubi”) l’aumento dei prezzi dell’energia, dall’11% per il trasporto pubblico al 53% per il gas nazionale. Questa notizia ha alimentato le proteste che imperversano nello stato fin dall’inizio dell’anno. Immediatamente, circa la metà degli insegnanti della scuola pubblica, 120 mila, è scesa in sciopero.

Venerdì 16, più di 10000 persone hanno marciato nel centro di Amman, gridando: “La libertà viene da Dio“, “Abdallah il tuo tempo è finito!“, “Il popolo vuole la caduta del regime“. Il corteo ha lasciato la moschea Husseini ed era inquadrata dai Fratelli musulmani.

I Fratelli musulmani, che hanno concluso un accordo con il Dipartimento di Stato degli USA e il Consiglio di cooperazione del Golfo Persico, sono già al potere in Marocco, Tunisia, Libia, Egitto e Gaza. Inoltre, controllano la nuova Coalizione nazionale siriana. Aspirano a governare con o senza il re di Giordania Abdullah II.

Il più famoso dei Fratelli musulmani in Giordania è Khaled Meshal, ex capo dell’ala politica di Hamas. Meshaal ha vissuto in esilio dal 2001-2012 a Damasco, sotto la protezione dello Stato siriano. Nel febbraio del 2012 ha improvvisamente accusato il governo di Bashar al-Assad di reprimere il suo popolo ed ha scelto di trasferirsi in Qatar, dove l’emiro Hamad al-Thani è stato particolarmente generoso con lui.

I disordini in Siria sono collegati?

A giugno, un accordo di pace è stato firmato a Ginevra dalle grandi potenze. Tuttavia, è stato subito sabotato da una fazione degli Stati Uniti che ha organizzato le fughe di notizie sul coinvolgimento occidentale nell’evento, costringendo il mediatore Kofi Annan a dimettersi. Questa stessa fazione poi, per due volte ha cercato di finirla militarmente organizzando due massicci attentati a Damasco, il 18 luglio e il 26 settembre. Alla luce di questi fallimenti, l’amministrazione Obama è tornata all’accordo iniziale che si è impegnata ad attuare dopo le elezioni presidenziali e il cambiamento del governo.

L’accordo prevede il dispiegamento di una forza di mantenimento della pace delle Nazioni Unite, composta prevalentemente da contingenti dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO). Questa forza avrebbe il compito di separare i belligeranti e di arrestare i jihadisti stranieri introdottisi in Siria. Lasciando la Russia reinstallarsi in Medio Oriente, Washington spera di alleviare l’onere della sicurezza d’Israele. La Russia farebbe in modo che lo stato sionista non sia più attaccato e che non attacchi nessuno. La ritirata militare degli Stati Uniti dal Medio Oriente potrebbe quindi continuare, e Washington recupererebbe la flessibilità perduta a causa del suo permanente confronto con Tel Aviv.

In questa prospettiva, i sostenitori dell’espansionismo israeliano devono agire a Gaza ed eventualmente in Giordania, prima della missione russa.

Quali sono i risultati preliminari della guerra in corso?

La guerra testa la difesa aerea di Israele. Lo stato sionista ha investito centinaia di milioni di dollari nella creazione di “Iron Dome“, un sistema in grado di intercettare tutti i razzi e missili lanciati da Gaza e dal sud del Libano.

Questo dispositivo è diventato inutilizzabile quando Hezbollah ha inviato un drone su Dimona o quando ha testato i missili superficie-superficie Fajr-5.

Durante i primi tre giorni della “Colonna di nubi“, Hamas e la Jihad islamica hanno risposto al bombardamento israeliano con salve di razzi e missili. L’”Iron Dome” avrebbe intercettato 210 colpi su poco più di 800. Tuttavia, questa statistica non significa molto: il dispositivo sembra in grado di intercettare solo i primitivi razzi Qassam, e di essere inadeguato verso tutte le armi un po’ più sofisticate.

11 Commenti a “Perché una nuova guerra contro Gaza?”

  • Giorgio:

    Obama chi la visto?

    • Zumritter:

      Perché ancora lo cerchi?
      I presidenti americani possono essere piú o meno dalla parte d’Israele, ma mai contro, possono chiedere sottovoce di smettere gli attacchi, ma mai e poi mai alzeranno la voce contro il sionismo d’Israele, caso contrario molto probabilmente farebbero una brutta fine!

  • andreaa:

    Tutto maledettamente vero anche i commenti

  • barabba:

    Meyssan è l’unico commentatore politico informato e capace di dire la verità.
    Israele ha fretta di chiudere la partita con la Palestina prima che la Russia prenda le redini della situazione, ma ha fatto i conti senza l’oste.
    Il mondo arabo, infatti, si è coalizzato contro Israele. I palestinesi hanno dimostrato di essere meglio organizzati e dotati di armi assai più sofisticate che in passato. I danni inflitti agli israeliani hanno sorpreso l’opinione pubblica mondiale.
    Putin e Netanyahu hanno avuto un colloquio tempestoso al Cremlino, dal quale il leader dei più grandi criminali del mondo è uscito a testa bassa.
    Centinaia di delegazioni dei Paesi arabi si sono recate nella Striscia di Gaza, per far capire a Israele che il tempo della prepotenza è finito e che gli imporranno la pace con i palestinesi. L’Irak ha proposto di usare l’arma del petrolio per convincere gli USA a cambiare atteggiamento. Messo alle strette, Netanyahu si è rivolto ai governi filosionisti perché lo togliessero dai guai.
    La Palestina sarà riconosciuta come Stato dall’ONU. Israele sarà completamente isolata e i diritti dei palestinesi saranno ampiamente riconosciuti.
    Questa è la pura verità. Non date retta alle menzogne vomitate dai giornalai di regime in cambio di denaro. I rapporti di forza si sono capovolti e tra poco se ne accorgeranno tutti.

  • sebastiano:

    A mio modo di vedere ecco l’anello mancante della madiazione http://www.youtube.com/watch?v=WDozqS3qG-g

  • roberto Arvo:

    Raccogliamo le firme :basta con lo sconcio del lancio dei sassi contro i carri armati ( e i bombardieri), che si possono scheggiare; ma si rendono conto i bambini di quanto costano quei poveri velivoli?
    Comunque, di là da questo amaro sarcasmo, oggi ho sentito i commenti della gente che telefonava ad una radio; non facevano che parlare dei terroristi, che sarebbero i palestinesi e del presunto diritto a difendersi di Israele. Uno schifo da vomitare…ignoranti …altro che popolo. E io dovrei preoccuparmi della sorte di questi semitrogloditi lobotomizzati decerebrati che difendono Israele, solo perché glie l’ha detto la tv?
    Ma forse faccio male a prendermela tanto; mi basterebbe solo vedere stà gente vivere per un pò sotto le bombe, senza cibo né medicinali, in un lager a cielo aperto come accade nella striscia di Gaza da tanto tempo…..e come diceva la canzone, vedere l’effetto che fà….altro che terroristi!!

    • barabba:

      Purtroppo di persone così stupide, ignoranti e malvagie ce ne sono ancora tante in Italia.
      Diventeremo un popolo e non un’accozzaglia di stolti che vivono solo per mangiare, guardare la TV e seguire le partite di pallone solo quando avremo dato vita alla democrazia diretta.
      Allora la maggioranza degli italiani deciderà da sola della sua sorte, mentre costoro non si accorgeranno nemmeno del cambiamento e continueranno a vivere immersi felicemente nella loro beata ignoranza.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE