Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Fonte: paolobarnard.info

Trascorsi professionali di Elsa Fornero ai fini della comprensione del suo conflitto d’interessi.

1999-2000 è nel CdA di INA Assicurazioni.

2001-2003 è nel CdA di Fideuram Vita.

2006-2007 è nel CDA di Eurizon Financial Group.

2008-2010 è vice-Presidente della Compagnia di San Paolo.

2010 nominata vice Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Intesa Sanpaolo.

2008-2011 è nel CdA di Buzzi Unicem SpA, con Gianfelice Rocca, ex direttore di Allianz S.p.A.

Dichiara un imponibile per il 2010, epoca della sua attività privata, di 402.138 euro.

Con un reddito di quella posta è chiamata a reggere il dicastero delle Pari Opportunità e a riformare le pensioni italiane, che al 50% non superano i 1.000 euro mensili e al 27% non superano i 500 euro mensili.

La riforma delle pensioni degli italiani fatta dal Ministro Fornero è incostituzionale. Ed è una truffa già riconosciuta dai mercati stessi.

Premessa. Come Ministro delle Politiche Sociali, Elsa Fornero è vincolata in ogni sua scelta dall’Articolo 41 della Costituzione:

L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

Fornero fa la riforma della pensioni col Decreto Salva Italia, firmato da Napolitano il 6 dicembre 2011.

Business Online così la commenta in anteprima già il 10/10/2012: “A partire dal 2013 entreranno in vigore tutte le misure previste dalla Riforma Fornero, che vedrà pensioni sempre più lontane e sempre più esigue a causa del nuovo meccanismo che adeguerà alle aspettative di vita i coefficienti di trasformazione in rendita e i requisiti di età.

Chi, per esempio, oggi guadagna sui 2.500 euro potrebbe prenderne solo 688 di pensione. Inoltre, per avere una pensione dignitosa, il lavoratore dovrà aver versato nel corso della sua vita lavorativa almeno 300-400 mila euro di contributi, come spiegato da molti esperti.

Sembra, infatti, che la pensione integrativa possa essere l’unica via di uscita per riuscire a mantenere lo stile di vita una volta conclusa l’attività lavorativa.”

Commento di Paolo Barnard: l’intenzione di coercire un intero popolo verso l’interesse privato dei Fondi Pensione è alla luce del sole (“l’unica via di uscita per riuscire a mantenere lo stile di vita una volta conclusa l’attività lavorativa”). In questo si ravvisa la prima violazione del Dettato Costituzionale, che all’Art. 97. sancisce: I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione. E dell’Art. 98: I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione.

Nella stesura della riforma delle pensioni Elsa Fornero esegue alla lettera i seguenti ordini da parte di entità extra statali ed extra democratiche:

- una Raccomandazione per l’Italia emessa dei tecnocrati dell’OCSE nel 2000, in un convegno dove Fornero sedeva a fianco di Mediobanca, Generali, INVESCO, ING. La raccomandazione recitava “Estensione del sistema contributivo con lo schema del pro-rata anche per i soggetti con almeno 18 anni di contributi al 31/12/1995”. Nella riforma Fornero del 2011 il diktat diventa “Per coloro che avevano già 18 anni di contributi al 31 dicembre ’95, per i quali era previsto il sistema totalmente retributivo, sarà utilizzato il metodo contributivo pro-rata a partire dal 1° gennaio 2012.” Un copia-incolla esatto.

- una Raccomandazione per gli Stati dell’Eurozona emessa dalla lobby internazionale Business Europe nell’autunno 2010 e che recitava “Mettete in relazione l’effettiva età pensionabile con l’aspettativa di vita”. Nella riforma Fornero del 2011 il diktat diventa “Nuovo meccanismo che adeguerà alle aspettative di vita i coefficienti di trasformazione in rendita e i requisiti di età”. Un copia-incolla esatto.

Commento di PB: l’obbedienza palese a ordini che non scaturiscono dall’interesse pubblico italiano è già di per sé materia di incriminazione del Ministro, che ha prestato giuramento alla Costituzione che sancisce quanto segue nell’Art. 98: I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione.

Ma c’è di più. Elsa Fornero sa perfettamente da anni che l’affidare alla capitalizzazione (cioè agli investimenti delle trattenute sullo stipendio per la previdenza in fondi privati finanziari invece che nel sistema pubblico tradizionale) le nostre pensioni è devastante per i conti dello Stato. E sa oggi che la previdenza privata è fallimentare per le tasche dei pensionati, ma tace.

Infatti era l’anno 2000, quando Fornero partecipava all’incontro privato Scenari sulla previdenza privata e pubblica, Roma 15-16 Novembre 2000, sotto l’egida di Mediobanca.

Nel corso del convegno Elsa Fornero concorda con l’economista Modigliani su “… l’intento comune di mutare il perverso meccanismo della ripartizione, attuale metodo di finanziamento del sistema previdenziale obbligatorio… Noi vogliamo che venga completamente rimpiazzato dalla capitalizzazione”. Inoltre, gli atti del convegno contengono la seguente gravissima rivelazione: “Fornero e Modigliani riconoscono che, nella sua prima fase, il processo del passaggio dalla ripartizione alla copertura a capitalizzazione implica un aumento, e non una riduzione, dell’onere complessivo della previdenza, e che questa fase non può avere termine prima di alcuni decenni, in cui sarà necessario un inasprimento della fiscalità generale, oltre che con gli interventi sul pro rata e sulle pensioni di anzianità”.

Commento di PB: Fornero già nel 2000 era dichiaratamente un tecnico in conflitto d’interessi con il Dettato Costituzionale, che all’Art. 41 recita: La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali. Impossibile che gruppi finanziari con interessi speculativi per centinaia di miliardi e che rispondono solo agli investitori possano perseguire i fini sociali. Inoltre, e ancor più grave, Fornero e Modigliani ammettono in quel consesso privato che l’auspicata riforma delle pensioni in senso privatistico non solo peggiorerà i bilanci dello Stato, non solo lo farà per decenni, ma che questa catastrofe di impoverimento nazionale dovrà essere ripianata dalle famigerate Austerità delle tasse, che devastano il Paese produttivo e i redditi. In altre parole: al fine di portare immensi capitali pensionistici nelle casse dei gruppi di capitalizzazione, Fornero già nel 2000 era disposta a causare l’Economicidio dell’intera nazione. Con questi precedenti, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha firmato l’incarico di Ministro per Fornero, violando egli stesso il Dettato Costituzionale all’Art. 98: I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione.

Oggi circola in tutti gli ambienti della previdenza integrativa privata italiana e internazionale il rapporto del COVIP, organo di controllo nazionale di tali previdenze, per l’anno 2011. Esso ci rivela fatti sconcertanti:

A) Alla fine di dicembre 2011, il totale investito nelle previdenze integrative private italiane era di 90,7 miliardi di euro. Il 58% di questi contributi versati dai lavoratori è stato investito in titoli di Stato internazionali relativamente sicuri, ma il 42% rimane investito in finanza ed equities, notoriamente ad alto rischio. Si sappia che solo nel primo anno e mezzo della crisi finanziaria, in USA sono scomparsi nel nulla 2.000 miliardi di dollari di pensioni sudate una intera vita dagli americani.

B) Il rapporto ammette candidamente che “il problema è che in media i fondi pensione integrativi privati hanno reso molto meno dei TFR, che si sono apprezzati del 3,5%.”

Questi fatti sono noti al Ministro Fornero per opera dello stesso COVIP, ma essa tace, pur sapendo che non solo la scelta dei fondi integrativi continua a essere perdente da 10 anni, ma che i rischi per i pensionati sono e saranno sempre più elevati. I lettori tengano sempre presente che chi vi scrive è divulgatore in Italia della Mosler Economics Modern Money Theory (ME-MMT) la quale forte di un secolo di economia a livello di nomi come Keynes o Lerner, o Godley, ha dimostrato che se l’Italia possedesse ancora una moneta sovrana non vi sarebbe alcun bisogno di trovare fondi per le piene pensioni pubbliche in alcun settore privatistico. Per cui quanto descritto in questo articolo assume contorni ancor più scandalosi.

Ma, tornando al silenzio colpevole del Ministro Fornero, è necessario qui fornirne due spiegazioni. Prima: è il governo italiano stesso che oggi, in spregio scioccante dalla Costituzione, è socio di maggioranza della maggior lobby italiana per lo sviluppo delle pensioni private. Seconda: Elsa Fornero è da anni una simpatizzante delle lobby finanziarie speculative. Iniziamo dal primo punto.

Oltre l’immaginazione dell’assurdo.

Il Mefop S.p.a. e una società per “lo sviluppo del Mercato dei Fondi Pensione fondata nel 1999. Al suo interno raccoglie un ampio panorama di fondi pensione, circa 80 soci”, fra cui L.A. Previdenza – Allianz, Intesa San Paolo, Unipol Previdenza, Gruppo Sanpaoloimi, Previgen (Generali), Unicredit Previdenza, Cattolica Previdenza Per La Pensione ecc. Continuiamo: “Mefop è stata creata con l’obiettivo di studiare, interpretare e comunicare la previdenza complementare per favorirne lo sviluppo. L’attività istituzionale fa riferimento a tutte le attività di Mefop a servizio dell’intero settore della previdenza complementare, quali la costruzione di canali con le Istituzioni, nazionali e non, operanti nel campo dei Fondi pensione (Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione; altre Autorità di Vigilanza e/o di regolamentazione; Ministero dell’Economia e delle Finanze; altre associazioni)”.

Quindi una lobby dichiarata di gruppi privati dediti alla promozione delle pensioni private. La Costituzione italiana prescrive all’Art. 97 che I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione. Bene, oggi il Ministero dell’Economia e delle Finanze detiene la maggioranza assoluta delle azioni del Mefop S.p.a. Cioè: i pubblici amministratori delle nostre vite economiche, tenuti all’assoluta imparzialità dalla Costituzione italiana, sono azionisti di maggioranza di una lobby di speculatori previdenziali privati. E non poteva mancare il solito nome. Nel 1999 il comitato scientifico della Mefop. S.P.A. sfoggiava lei, Elsa Fornero.

Ora i cittadini lettori comprenderanno i silenzi della signora Elsa… sulla nostra pelle.

Coinvolgimento di Elsa Fornero con le lobby assicurative finanziarie con relativi interessi di capitale, in violazione del Dettato Costituzionale.

A) Come già detto partecipa a Scenari sulla previdenza privata e pubblica, Roma 15-16 Novembre 2000. Sponsor e partecipanti: Mediobanca, 13 miliardi di euro in gestioni finanziarie – Invesco 632 miliardi di dollari in gestioni finanziarie – Generali Group, 400 miliardi di euro in gestioni finanziarie – ING Investment Management 322 miliardi di euro in gestioni finanziarie.

B) Il 28 febbraio 2003 a Bruxelles Elsa Fornero presenta un studio al Centre for European Policy Studies (CEPS), gruppo controllato dalla American Chamber of Commerce e dalla City of London. Gli sponsors dell’evento sono: Allianz con 392 miliardi di dollari in gestioni finanziarie – European Federation of Retirement Provision che è la top lobby delle pensioni integrative in Europa con 3.500 miliardi di euro in gestioni finanziarie.

C) Nel marzo 2010 Elsa Fornero è al European Policy Center per la conferenza CHALLENGE EUROPE, Europe 2020. Fornero presenta un lavoro dove afferma quanto segue: “Il metodo più efficace per prevenire l’impoverimento della terza età è di farli stare di più al lavoro, sia riportando più anziani al lavoro che alzandogli l’età media pensionabile (sic). Questo non danneggia la stabilità finanziaria. E quindi tali misure dovrebbero rappresentare la risposta ovvia all’invecchiamento della popolazione”. Non solo. Per Elsa Fornero “Nei mercati del lavoro flessibile, i redditi devono stare di pari passo con la produttività: crescono normalmente fino all’età media, e calano quando il lavoratore si avvicina alla pensione”.

Commento di PB: questi principi cementati in Elsa Fornero rasentano l’incubo di un regime socialmente nazista. Si auspica esplicitamente che l’anziano sia forzosamente riportato al lavoro, che gli si impedisca di godere del diritto al riposo e che, dopo una vita di lavoro per il Paese, lo si penalizzi nel reddito in quanto non più macchina produttiva per il profitto, in una logica che lo deumanizza. Di nuovo, oltre all’abominio intellettuale di questa sicaria dell’Economicidio sociale, si ravvisa qui la violazione del Dettato Costituzionale, che all’Art. 36 recita: Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa. Cioè, la Costituzione non ammette che a parità di qualità e quantità di lavoro vi possa essere una discriminazione di reddito in base all’avanzamento dell’età.

D) Elsa Fornero è continuamente apparsa al fianco di Assogestioni di Domenico Siniscalco, che complessivamente gestisce 974 miliardi di euro di investimenti. Il salone del risparmio del 19/4 /2012 di Assogestioni, con tutti i big della finanza presenti, e che ha ricevuto lettere di plauso di Napolitano e di Monti, vede l’intervento di Fornero, che rassicura il settore privato in questo modo: “Qualsiasi lavoro finanziato da fondi pubblici è escluso. Per i fondi pensione privati il bicchiere è ancora mezzo vuoto… il governo farà la sua parte”. I gruppi finanziari sponsor e partecipanti a quell’evento assommano interessi di speculazione finanziaria che raggiungono una cifra impossibile da calcolare per via delle dimensioni inimmaginabili. Ad ascoltare le parole di Fornero c’erano Aberdeen, BNP Paribas, INVESCO, EurozonCapital, JP Morgan Asset Management, Pioneer Investments, Credit Suisse, Morgan Stanley, Pimco, UBS, Fineco, Deuthsche Bank, Natixis, HSBC, Unicredit, Fineco e molti altri di pari stazza mondiale.

Commento di PB: Il concetto svergognatamente espresso da Elsa Fornero secondo cui “il governo farà la sua parte” per i fondi pensione gestiti da privati, viola direttamente il Dettato Costituzionale che all’Art. 97 dice: I pubblici uffici sono organizzati in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione. E l’Art. 98: I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione. E l’Art. 54: I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore.

E) Il 15/10/2012 i leader italiani della promozione finanziaria sono all’Unione Industriali di Torino: Banca Fideuram, Banca Generali, Finanza & Futuro Banca, Ubi Banca Private Investment, Assoreti. Tema centrale è “il contributo delle reti di promotori finanziari allo sviluppo della previdenza complementare in Italia. In apertura, l’intervento del ministro delle Politiche sociali Elsa Fornero. Dichiara il ministro ribadendo forte e chiaro: dalla riforma delle pensioni non si torna indietro”.

Commento di PB: Ennesimo sbilanciamento incostituzionale di un Ministro della Repubblica sugli interessi del settore privato.

F) Il 14-16 novembre 2012 Amsterdam ha ospitato la massima assise mondiale dei fondi pensione privati, il World Pension Summit. Gli sponsor di questo evento di respiro globale portano sul tavolo olandese interessi finanziari per un totale di 2.798 miliardi di euro, cifra di quasi mille miliardi superiore al PIL italiano, ma divisa in nove gruppi privati: Pensioen Federatie, Fidelity Worldwide Investment, MN, Deloitte, SKAGEN Funds, Delta Lloyd Group, Adveq, ING, J.P. Morgan Asset Management’s. Elsa Fornero è fra i relatori, unico Ministro delle Politiche Sociali in carica. Si legga più sotto.

Coinvolgimento e ammissione di coinvolgimento di Elsa Fornero nel Golpe Finanziario del 16 novembre 2011.

E’ al sopraccitato World Pension Summit di Amsterdam del 14-16 novembre 2012 che Elsa Fornero compie quello che è forse l’atto di ammissione più grave della storia della Repubblica italiana. In una convention a porte chiuse, la Fornero dichiara che le modifiche all’attuale sistema previdenziale:

“… erano necessarie per compiacere i mercati finanziari, altrimenti ci sarebbero state conseguenze devastanti per il Paese”.

La fonte di questa notizia è Investment & Pension Europe, il maggior istituto londinese di ricerca sulle pensioni private e sugli investimenti, presente ad Amsterdam, e confermata a me personalmente da Yvonne Cooke, I&PE Events Director.

Commento di PB: un Ministro che risponde allo Stato italiano, alla Costituzione, e al popolo sovrano, il cui dovere costituzionalmente sancito è l’interesse pubblico nello Stato, ha fatto una riforma delle pensioni che ha mutilato la vita di milioni di cittadini per ordine e sotto la minaccia dei mercati finanziari speculativi totalmente estranei a qualsiasi procedura democratica. Elsa Fornero non ha denunciato questo attentato alla democrazia e lo ha assecondato, silente, in Patria. Questa ammissione conferma e dimostra che noi italiani viviamo in un golpe finanziario. Lo Stato non esiste più, Monti e la Fornero lavorano per i mercati violando la Costituzione come mai dal 1948 a oggi. Il colpo di Stato finanziario che ha posto definitivamente fine alla sovranità di Camera e Senato è una realtà peraltro confermata dalla testimonianza video del senatore Garavaglia (qui http://www.youtube.com/watch?v=15T8gydDrBY) e da una più complessa analisi di come il Programma Securities Markets (SMP) della BCE fu usato per truccare lo spread italiano al fine di causare la caduta di un governo eletto e l’insediamento di Mario Monti, oltre ad altre inconfutabili evidenze di studio.

Non era mai accaduto nella storia dell’Italia democratica che un Ministro in carica ammettesse apertamente di operare sotto giuramento alla Costituzione ma perfettamente consapevole di servire una dittatura.

L’indegno Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano va messo in stato d’accusa dal Parlamento per alto tradimento.

Tutto quanto sopra descrive le condotte di un Ministro di governo, dell’intero esecutivo infatti, in violazione di una lunga serie di articoli della Costituzione italiana. Descrive infine un fatto di una gravità inaudita nella storia del dopoguerra in Italia. La carta costituzionale prevede agli Articoli 100 e 134 che il Consiglio di Stato, la Corte dei Conti e la Corte Costituzionale svolgano rispettivamente i seguenti ruoli di controllo: consulenza giuridico-amministrativa e di tutela della giustizia nell’amministrazione; controllo preventivo di legittimità sugli atti del Governo; giudicare sulle controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi e degli atti, aventi forza di legge, dello Stato.

La riforma delle pensioni di Elsa Fornero doveva e deve essere bloccata per incostituzionalità palese (si legga sopra) dalla Corte dei Conti o portata al cospetto delle Corte Costituzionale, se non col coinvolgimento del Consiglio di Stato. Ma prima ancora, e secondo l’Art. 87 della Costituzione – che dice Il Presidente della Repubblica autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativa del Governo. Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti, doveva essere bloccata dal Capo dello Stato Giorgio Napolitano.

Il golpe finanziario sopra dimostrato doveva e deve essere oggetto di intervento pronto e drastico del primo tutore della Costituzione, Giorgio Napolitano, il quale non solo ha mancato nel suo compito supremo, ma è stato e continua a essere pienamente complice del sovvertimento democratico ad opera dei mercati finanziari e dell’Eurozona.

In questo caso vale l’Articolo Art. 90 del dettato costituzionale, che recita: Il Presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione.

Il Parlamento, valutato quanto sopra e come previsto dalla Costituzione, deve intervenire per la procedura di Impeachment di Napolitano, e per l’immediato scioglimento di questo esecutivo, peraltro già sollecitato dalla presenza in centinaia di Procure italiane delle denunce Barnard-Musu depositate da quasi un migliaio di cittadini da mesi.

Due delle più indegne figure della storia democratica italiana, la sicaria dell’Economicidio italiano e lobbista dei gruppi finanziari Elsa Fornero, e l’ex comunista Giorgio Napolitano, già lungamente compromesso coi poteri forti del Council on Foreign Relations americano dagli anni ’70, dovranno rispondere a noi cittadini dell’immane danno alla democrazia che hanno coadiuvato e tollerato. E non solo loro.

50 Commenti a “Il Dossier sull’incostituzionalità golpista del Ministro Fornero e del Presidente Napolitano. Ora l’Impeachment.”

  • barabba:

    Saranno denunciati tutti per alto tradimento.
    Ho letto che i Tribunali e le Corti Costituzionali di diversi Paesi membri della UE stanno deliberando sull’opportunità di promuovere l’impeachment nei riguardi dei fondatori del liberismo per i crimini contro l’umanità che stanno commettendo senza provare una briciola di rimorso.
    Il cerchio si sta chiudendo. Ci vorrà del tempo, ma il finale del dramma è scontato.

    • Antonino Trunfio:

      Le categorie, come liberismo, comunismo, capitalismo, ecc…. sono spesso parole con accezioni diverse e dividono le persone, i popoli.
      Questo è quanto di meglio può desiderare un tiranno, che gli schiavi siano l’uno contro l’altro. Ed è quello che capita da quando sorge il sole sulla terra.
      Una sola è invece chiara ed univoca a tutti : la libertà. Tutto ciò che vi si oppone, indipendente dalle origini, dalle giutificazioni, dal colore di una bandiera, e dalla stessa denominazione, si chiama : violenza, prevaricazione, tirannia.
      Faremmo meglio ad additare la Fornero come un’altro, l’ennesimo legionario del tiranno, uno dei tanti che si sono succeduti e che il popolo bovino vorrà ancora scegliersi anche per la prossima volta ad aprile. Ci saranno tiranni e legionari fintanto che le persone penseranno che per essere liberi, è sufficiente inserire una scheda colorata in una scatola di legno per scegliersi il prossimo tiranno.
      La libertà non la regala nessuno. O te la prendi con le buone, o te la prendi con le cattive. Il più delle volta sono le maniere cattive. E’ la storia a dirlo, da quando esiste la vita sulla faccia della terra.
      AMEN

  • max:

    Ma come mai in televisone, magari da Santoro, non se ne parla ? Come mai i giornali tacciono ? I magistrati che sono al corrente dormono ? I sindacati ? I vari Beppe Grillo ? Di Pietro il moralizzatore ? Qualcuno dovrebbe dare spiegazioni !!!

    • barabba:

      Sono tutti complici dei tiranni.
      I giornali sono pagati a peso d’oro per tacere. I magistrati sono quasi tutti di parte, i sindacati sono venduti e i politicanti ricevono la loro tangente per mentire e tenere il popolo sotto controllo.
      Nelle aree più povere della Romania centinaia di persone agonizzano per mancana di cibo. Solo l’esercito è accorso a salvarle e ha minacciato un colpo di Stato se i politicanti non decidevano di uscire dall’euro.
      In Portogallo l’esecito è sceso in piazza per chiedere che il Paese si riprenda la sovranità nazionale.
      Gli usurai non intendono mollare la presa, perché sanno che, quando l’euro cadrà, i Paesi alla fame si rivolgeranno a quelli fuori dell’eurozona, perché sono gli unici che possono offrire quanto basta alla pura sopravvivenza.
      La massa critica è stata raggiunta in alcuni Paesi e ben presto sarà raggiunta in tutta la zona euro. Finirà male, ma comunque finirà. Tutti i tiranni prima o poi cadono nella polvere.

    • F.Daniele:

      I più onosti son ladri…
      poi ci sono i collusi, complici, corrotti ricattati…
      da quali di questi t’aspetti anche solo una critica?
      Figurati una spiegazione credibile!

    • Max:

      Grillo?
      Lui é già dal 98 che non parla piú di certi argomenti.
      Per non parlare poi del fatto che Casaleggio sia vicino ai Rothschild.

  • Antonino Trunfio:

    le spiegazioni puoi dartele da te : usa un solo pulsante del tuo telecomando TV : OFF.

  • Campi elettromagnetici e IARC: pericolosi:

    lo stesso motivo per cui tacciono sui cem. Sentite in Italia rappresentanti delle istituzioni pubbliche, che non siano qualche comitato o associazione, che racconti che stanno approvando, in questi giorni ciò che al governo b non era riuscito: modificare il metodo di misurazione dei campi em: non più la media su qualsiasi arco di 6 minuti, ma sull’arco di 24 ore? Il che significa consentire che per tante ore i liveli consentiti siano, DICONO GLI ESPERTI, anche 3 volte superiori quelli consentiti fino a un mese fa. Rete Italia No Elettrosmog pubblica tanta informazione sull’inquinamento em, l’Associazine AMICA anche, Giuseppe Toedoro dei comitati romani, ACE Udine.. e tanti altri, anche scienziati. Quanti comitati in giro. A tutti viene detto la stessa cosa: tutto nella norma. Ma le norme le modificano zitti zitti. Non sarebbe più corretto un dibattito pubblico sull’argomento? Proviamo a chiedere ai candidati alle prossime elezioni cosa pensano di fare sul tema dell’e-smog?

  • Francesco P:

    Per prendere coscienza, primo atto -che precede qualsiasi altra forma di pensiero/azione-,
    bisognerebbe avere innanzitutto la volontà.
    Volontà,in questo caso, di leggerli (e comprenderli) questi articoli (che sono chimere di lavoro e studio)
    Purtroppo sappiamo che non è così che va
    poiché i volenterosi di sana sapienza e conoscenza (vuoi di politica/economia/arte/musica/religione/medicina/filosofia/esoterismo/spiritualità) sono pochi (se non si considerano i volenterosi affamati di gossip/sport e futilità varie)
    Se poi pensi che proprio fra i primi (volenterosi portatori di sana conoscenza)
    spesso ciò che ne scaturisce fra i commenti e dibattiti è la solita visione umanoide del “io ho ragione e tu no” “io ho studiato questo e tu no”
    ci si rende conto di come non si è poi cosi tanto diversi dai secondi (criticati e chiamati massa?) e di come ci si allontana dallo zenit di partenza, da quell’incessabile e primordiale bisogno di condividere con il prossimo il bene comune, che a fine chiacchiere e accuse si riduce ad un triste: LA MIA VISIONE E’ PIU’ AMPIA DELLA TUA (e basta non andare tanto lontano e rimanere qui in SL per avere conferma di ciò)
    Seguo le scritture di PB da tempo, linguaggi semplici e diretti, farciti di riferimenti precisi e indiscutibili.
    Questi articoli, a mio modo d’intendere il presente, purtroppo, lasciano il tempo che trovano.
    Lasciano il tempo che trovano perché, oggi qui, non esiste un’orecchio disposto ad ascoltare, né esiste un’occhio disposto a leggere e spingersi oltre.Ci sarà si l’uomo giusto nel momento giusto, ma nel posto sbagliato.
    Dimenticandomi di premettere che non sono affatto portatore di eggregore negative e che anche io voglio credere e illudermi che qualcosa sta cambiando (si ma non in televisione o nelle stanze chiuse dei burattinai/burattini) suggerisco, come sempre, di non tuffarsi a capofitto in un qualsivoglia ideale, non perché non sia giusto, ma semplicemente perché non serve.
    Non serve ai fini della propria crescita interiore e o intellettuale e o spirituale.
    Adesso prego, crociffigetteViMi a colpi di click e space!
    PS: Grazie per aver postato l’articolo.

  • Tutti tacciono perchè la paura è il motore che detta le regole, il denaro è il risultato della paura, la paura vale più del denaro, la capacità di uccidere rende più forti della capacità di pensare. Gli uomini hanno paura, basta pensare se fossimo al loro posto….la paura per i figli e familiari. Perchè le religioni dicono tutto ma non raccontano mai la verità, perchè anche loro hanno paura. Solo Gesù non aveva paura, solo Lui ha avuto il coraggio di raccontare la verità. Solo Lui condannò i ricchi che opprimono i poveri. Solo Lui avrà nuovamente il coraggio di sfidare gli adoratori del dragone. Gli uomini hanno paura, perchè realmente sono molto più forti. Tra un grande pensatore e onesto uomo, e un killer spietato, tra i due chi avrà ragione?

  • antioppressione88:

    chi di dovere è PERFETTAMENTE a conoscenza sia del conflitto d’interesse mostruosamente grande sia dell’incostituzionalità non solo dell’operato ma del governo stesso.

    la calma piatta, i loro demoniaci sorrisi e il loro modo di fare odiosamente spocchioso dimostrano il loro quasi infinito potere e la loro immunità.

    noi possiamo solo subire in quanto insurrezioni popolare sono impossibili ringraziando decenni di indottrinamento mediatico

    lelamedispadaccinonero.blogspot.it

    • Luca:

      Prima di rassegnarti, se leggi bene qualcosa puoi farlo anche tu, senza insurrezioni popolari, basta una denuncia, come dice PB qui : ” Il Parlamento, valutato quanto sopra e come previsto dalla Costituzione, deve intervenire per la procedura di Impeachment di Napolitano, e per l’immediato scioglimento di questo esecutivo, peraltro già sollecitato dalla presenza in centinaia di Procure italiane delle denunce Barnard-Musu depositate da quasi un migliaio di cittadini da mesi.” Quel quasi un migliaio può e deve diventare quasi un milione, e poi quasi dieci milioni, poi vediamo se non ne parlano anche gli scribacchini prezzolati.

    • barabba:

      Uno dei rimedi più efficaci quindi è quello di buttare il televisore nella spazzatura, non leggere più un giornale,
      gettare nel discredito i vermi che si sono ingrassati a nostre spese e non andare a votare mai più.
      Ma quanti di noi avranno il coraggio di farlo? Questo è il problema.

  • jo:

    Non se ne parla perche’ e’ un rischio di essere epurati o mettere in sommossa un paese.
    Non se ne parla democraticamente perche’ tutti hanno la testa nel sacco e nel buco oscuro degli struzzi.

    Certo che ci vorrebbe un tribunale senza esitazioni.
    Tutti processati secondo la Costituzione per la non parita’ democratica secondo la Costituzione, per tradimento della stessa, e per tutti i crimini di frode fatti a livello civile nei confronti della gente, per la gestione mafiosa politica internazionale, e per aver collaborato a seguire i fondi della frode a incentivare guerre e sostenere gli armamenti con investimenti in borsa.

    Napolitano tradisce la costituzione articolo 11 e viene condannato con l’ articolo 90, e cosi’ tutti i politici di governi vari, a partire da Prodi e Amato, e a tutti coloro che hanno sostenuto la continuazione illegale CONTRO LA SOVRANITA’ DELLA COSTITUZIONE E DEL SUO PAESE.

    La Fornero non dovrebbe esistere, impastata di morale e etica borghese_fascista, come se prendendo soldi dalle lobbi e arrivando fraudolentemente al governo, potesse fare dei piu’ poveri e indifesi, il suo tappeto per ulteriori carriere.
    Una feccia di donna e di umana. LA COSTITUZIONE IMPONE IL RECUPERO DELLA MONETA SOVRANA DA CHI PIU’ HA HUA DAGNATO DA ESSA, MA COSI’ NON E’. RASCHIANO IL FONDO DEI PIU’ POVERI, E RASCHIANO IOL FONDO DELLA SOCIETA’ CHE NON GLI APPARTIENE. MA LA MONETA NON ESSENDO SOVRANA COME NON E’ SOVRANO IL PARLAMENTO E COME NON E’ SOVRANA LA COSTITUZIONE, FANNO CIO’ CHE VOGLIONO, E LE FORCHE ANCORA NON CE NE SONO PER LE PIAZZE.

    DITELO CHE NON SIAMO PIU’ IN DEMOCRAZIA COSTITUZIONALE. OK.
    ALLORA NON ROMPETECI PIU’ I COGLIONI, NON DETTATE PIU’ NESSUNA REGOLA E LEGGE, E SOPRATUTTO NON PRENDETE PIU’ UN CENT DA NESSUNO.

    IL 2013 VI RENDERETE CONTO CHE ARRIVEREMO AI FERRI CORTI.
    UN FACCIA A FACCIA SENZA PRECEDENTI, IN UNA DEMOCRAZIA MALATA E MAFIOSA.

    ERA DA UNA VITA CHE CONTINUAMENTE MI CHIEDEVO: MA CHE RAZZA DI MALATTIA E’ LA DESTRA E LA SINISTRA, COME CONCETTO, E PERCHE’ COMUNISTI, LOTTA DI CLASSE ECC ECC. Se nel corso della storia questo concetto e movimento di base e’ fallito e si vede oggi, a suo tempo era anche incomprensibile. Voler togliere a chi e’ piu’ ricco di te per dare a te. Ma non e’ cosi. Oggi come oggi spiegandosi le pagine della comprensione delle cose, questo concetto e’ piu’ chiaro che mai.
    Peccato che non ci sia piu’ nessuno a rappresentarlo, ma e’ dato nelle mani degli abitanti di uno stato, che con le loro contestazioni e lotte civili, si fanno carico e voce con le manifestazioni spontanee della gente comune, e con la frande forza degli studenti e dei giovani.

    Ma anche questo modo di concepire e vedere la realta’, e’ arabo per gente ottusa e presuntuosa, e intoccabile.
    MI piacerebbe averne sotto sequestro alcuni, riprenderli in video, mostrargli tutta la verita’ e la realta’ come si vede al di fuori della loro voluta ottusita’, e chiedergli conto del tutto. Voglio vedere che scusanti hanno.

    La fornero e’ stata minacciata. E’ ancora fortunata che la sopportano e non gli hanno messo una pallottola in viso, come la stra grande parte dei politici italiani e europei.

    LA fintalacrime di coccofrillo non si vergona di ruibare i soldi a chi meno ne ha, quando l’ IMPS e’ un buco di voce di uno stato con debiti, che verra’ privatizzato come gestione per riprendersi il debito, e verranno introdotte assicurazioni obbligatorie se vorrai andare in pensione o rendere validi i tuoi versamenti.
    NOn si vergogna di rendere il lavoro licenziabile e in mano alle economie produttive a scopo di lucro che dovrai dargli come gestione per pareggi di bilanci.

    Lei che e’ talmente costituzionale e per una societa’ civile moderna ed emancipata, che va’ a fare la spesa con 10 guardie del corpo e auto blu, perche’ non sara’ mai capace di affrontare la vera gente di strada a spiegare quanto iniqua e’, perche’ non si sottrarrebbe a un linciaggio. Questi sono i servitori della gente come etica. Hanno creato un recinto irragiungibile, e ti manovrano come volgiono per fini incostituzionali loro. La politica e’ una feccia, e chi la esercita direttamente, sono codardi e meschini, perche’ vanno per la loro strada iniqua con mille filtri e scusanti, e sopratutto si rendono irreperibili a un confronto vero. Non danno spiegazioni loro, ma solo impicci.

    La costituzione li condanna, e non li sottoponiamo al giudizio della verita’, perche’ e’ e sara’ determinante e disastroso. Ma sara’ troppo tardi per rendersene conto.
    Essi collaborano all’ iniquita’ personale, statale, privata, e globale. E sappiamo i disastri che combina, e sopratutto l’ inefficenza e la non volonta’ di impiegare le risorse che ancora rimangono di fatto e come concetto, per risolvere i problemi umani.
    Non siamo certo in un paese sicuro e ordinato. Bastera’ solo il piu’ piccolo dissesto sociale, e tutto sara’ nel caos. Pensate voi a come siamo messi. Un equilibrio che continuano a far esistere, giocando con il fuoco.

    I grandi della terra soggigano le genti e le dominano. MA guai a loro ricchi, perche’ non entrano nella giustizia e non fanno entrare chi loro dirigono. Meglio per loro non essere mai nati. E’ PESANTE LA SENTENZA, MA NON SANNO CHE DA LI NON POTRANNO MAI SCAPPARE UN GIORNO. CI FOSSE QUALCUNO CHE GLI E LO DICESSE.

  • Luca:

    Articolo di una chiarezza sconvolgente. Ma non basta divulgarlo in rete, anche se ringrazio PB e Proietti per questo. Bisogna stamparlo, fotocopiarlo e distribuirlo dappertutto! Agli anziani sopratutto, ma siamo tutti coinvolti in questa gigantesca truffa! Avete copie della denuncia da poter utilizzare? Bene, pubblicatela a martello, ognuno deve fare la sua parte! PB dice che sono già migliaia le persone che hanno denunciato questi truffatori. Devono diventare milioni, a costo di intasare del tutto la macchina burocratica. E se non basta, tirarli fuori dai palazzi e cacciarli per tradimento! Lo vogliamo capire che se non facciamo niente questi vampirii ci portano via anche l’ultima goccia di sangue? Adesso basta! I fuorilegge sono loro, denunciamoli e buttiamoli in galera! Punto!

  • archimede:

    Perchè denunciarli? basta andarli a prendere e processarli in piazza in diretta con alle camere e microfoni i loro leccafondelli “Direttori” di Giornale e testate di minkia , spettatori le loro famiglie che li seguiranno passo dopo passo e poi vediamo chi fà ancora il gradasso-

    • Ma chi li processa?
      I giudici sono corrotti.I giornalisti sono corrotti.Nei vari settori delle istituzioni e nella burocrazia statale sono corrotti.Una grande fetta del popolo e corrotta,e lo dimostra tutte le volte che va a votare in quando sceglie ed elegge i soliti corrotti
      Carissimo Archimede il paese é diviso.La divisione non é tra nord e sud ,ma tra lecchini che sono gli amici dei politici regnanti(sono milioni, capisci?) che sono tutti quelli che ricevono benefici dai corrotti politici regnanti Dall altra parte ci sono quelli che per dare da mangiare la famiglia devono lavorare notte e giorno, il problema sta nel fatto che questi ultimi non solo devono faticare per i loro famigliari ma per mezzo delle tasse anche per i lecchini con tutti i loro familiari
      Io penso che si sta seminando il seme della guerra civile tra parassiti che continuano a sostenere il loro ladro sistema e quelli che lavorando devono sopportare il peso delle insopportabili e ingiuste tasse sproporzionate.Vedrai che questi delinguenti si accaniranno come daltronde stanno gia facendo sui sacrifici di coloro che con il loro duro lavoro risparmiando si sono fatti un nido o un pezzo di terra per trarre pane per vivere
      Sono veramente molto triste mi fa male il cuore ,oggi come ieri si deve dire beato lo stupido? Lui non soffre in quando non capisce ,certo soffrira dopo il saggio ,quando tutto crollera e sara per tutto troppo tardi per mettere rimedio alla cosa
      Un abbraccio .Ciao

  • antioppressione88:

    @jo
    sei un grande
    @luca
    se dieci milioni di italiani fossero in grado di comprendere quello che sta avvenendo, non si limiterebbero a denunciare, penso che agirebbero in prima persona e senza alcun perbenismo,
    per questo i media sono TOTALMENTE ASSERVITI

    lelamedispadaccinonero.blogspot.it

  • oracolo:

    Non rodetevi il fegato, non ne vale il dispiacere, siate voi giusti e equi nel vivere, questi inutili avanzi di materiale vagante in decomposizione non sanno cose’ il vero vivere, basta guardare le loro espressioni e somatiche dei volti per rendersi conto delle loro sofferenze interiori, i loro occhi non ingannano le loro pene che inesorabilmente li sovrastano, non ba date a costoro, essi sono il castigo fatto forma in questa scuola che si chiama mondo, provo una grande compassione per la loro immensa vuotezza.

    • Cat:

      @ Oracolo
      da molto apprezzo i tuoi interventi e spesso, spessissimo, li condivido.. compreso questo.
      Mi auguro solo che le tue parole “arrivino” e siano comprese alle radici.
      Saluti

  • roberto:

    Ci hanno bombardato per anni con il conflitto di interessi di Berlusconi (vedi Santoro, la Repubblica,ecc.ecc.) ma in confronto a questi berlusca é un dilettante. Adesso da Santoro bocche cucite.

  • white wolf:

    ecco perchè il potere è una illusione,una delle tante illusioni di questo sistema satanico;

    da fonte Istat: A ottobre il numero dei senza lavoro è salito a 2milioni 870mila con un incremento su base annua del 28,9%: si tratta di ben 644mila unità di lavoro in più. Mentre per i giovani in età compresa fra i 15 e i 24 anni l’incidenza dei disoccupati è pari al 60,5%….

    bene se solo questi 2 milioni 870 mila disoccupati o senza più lavoro,si unissero tra loro,si armassero e organizzerebbero un colpo di stato,o occupassero il parlamento,o organizzassero una ribbelione pacifica ecc.,chi pensate che possa riuscire a fermarli?gli sgherri di stato? quando vedrebbero tale forza esiteranno a scappare secondo voi?avrebbero a disposizione l’opportunità di riformare la società e fare delle leggi più giuste per tutti,e riprendersi il mal tolto,questo solo un esempio di che cosa sia il potere e di chi lo subbbisce.Lasciando stare il fatto che il trono va distrutto e non conquistato,qui ho riportato in questo esempio, la realta più sconcertante,chi subise questa tirannia la subbisce solo per un motivo,non si uniscono,non si organizzano,aspettano che la giustizia cali dall’alto,mentre il potere se pur in percentuale assai minore è organizzato,
    gesu(yeshua) disse:amatevi gli uni con gli altri come io ho amato voi,in questa frase aveva detto tutto,è questa la cosa più incredibile se ci pensate,2milioni 870mila non riescono a fare applicare i propri diritti,anche se tutti loro dovrebbero essere nelle stesse condizioni e quindi ci dovrebbe essere una spinta maggiore a unirsi,mentre una ristretta elite di psicopatici e carcasse umane impone la loro porcheria al resto dell’umanità,di chi è la colpa mi domando io?chi ha orecchie per udire ascolti.

    • Per white wolf

      Ricordi quando un esattore delle tasse chiese a Pietro se il suo maestro non pagasse le tasse cosa disse IAHUSHUA? Piertro si stavva avvicinando e Iahushua domando a Pietro a chi i re della terra fanno pagare le tasse. Matteo 17:24 Quando furono giunti a Capernaum, quelli che riscotevano le didramme si avvicinarono a Pietro e dissero: «Il vostro maestro non paga le didramme?» 25 Egli rispose: «Sì». Quando fu entrato in casa, Gesù lo prevenne e gli disse: «Che te ne pare, Simone? I re della terra da chi prendono i tributi o l’imposta? Dai loro figli o dagli stranieri?» 26 «Dagli stranieri», rispose Pietro. Gesù gli disse: «I figli, dunque, ne sono esenti. 27 Ma, per non scandalizzarli, va’ al mare, getta l’amo e prendi il primo pesce che verrà su. Aprigli la bocca: troverai uno statère. Prendilo, e dàllo loro per me e per te».Anche oggi e cosi ,i lavoratori onesti devono pagare le tasse e i lecchini del sistema ne ricevono dai politici regnanti dei benefici
      IAHUSHUA
      La grandezza di un uomo che pago con la vita l amore per la verità

  • Antonino Trunfii:

    i 2.870.000 disoccupati, e ad essi si potrebbero associare i 3.000.000 di precari ormai, i 2.000.000 di cassintegrati, e via dicendo non si potranno mai unire perchè i media e i loro mandanti politici, utilizzando i principi di Noam Chomsky, distraggono la loro attenzione su falsi problemi (es.: la legge elettorale, lo spread, la lotta alla corruzione, ecc…) e inoltre li mettono l’uno contro l’altro. Per cui tutti questi milioni di disperati credono che la loro situazione sia stata causata :
    dal liberismo sfrenato, dal capitalismo senza controllo, dai ricchi, dalle mafie, dai corrotti e corruttori, dai cinesi, dagli extra comunitari irregolari. dagli speculatori finanziari, dagli evasori, dagli stati canaglia, da israele, dai palestinesi, dagli usa e via discorrendo.
    Gli unici a cui non hanno mai attriubito colpe e responsabilità sono i politici che hanno votato e il sistema che ancora tanto deve stargli a cuore, nonostante tutto.
    Vi consiglio di leggervi i 10 punti di Chomsky e poi capirete a che cosa assistiamo in tv, e con i media finanziati con le nostre tasse, con la scusa del pluralismo !!!

  • mario menegoni:

    Se lo fanno e non lo sanno sono inadatti alla loro carica se lo fanno e lo sanno sono conniventi e inadatti alla loro carica. In tutti due i casi sono colpevoli e quindi processati e condannati. Ma io non sono un intelettuale o giornalista lecchino o ammanicato, io ho sempre lavorato purtroppo onestamente e il mio rancore è tanto che vorrei ucciderli e con loro i parenti e gli amici per estirpare una volta per tutte questa genia maledetta che si crede al di sopra di tutti e vuole essere servita e riverita dal volgo dettando essa stessa le regole.

  • fra:

    carissimo paolo putroppo la maggioranza delle persone non legge queste cose percui questo lo sappiamo in quattro gatti.poi i nostri benamati parlamentari hanno altro di cui occuparsi.

  • barabba:

    Le persone che avrebbero tutte le ragioni per ribellarsi sono almeno 10 milioni. Il motivo per cui non lo fanno è stato spiegato e su questo siamo d’accordo. Dobbiamo solo trovare il modo di farli scendere in piazza tutti insieme.
    Il sistema migliore è, a mio avviso, quello di compilare un database con i nomi e gli indirizzi email delle centinaia di Movimenti di contestazione che esistono in Italia, contattarl, incontrarsi con loro periodicamente e organizzare insieme la data e le modalità delle manifestazioni che si vogliono tenere.
    Basterebbe che ad ogni manifestazione, rigorosamente spontaneea, partecipassero solo 500.000 cittadini per conseguire l’obiettivo di tirarli fuori dal parlamento con la forza.
    E’ successo così in tutti i Paesi che sono insorti contro le ingiustizie, dove i manifestanti hanno vinto perché poche migliaia di poliziotti non sono in grado di contrastare una folla inferocita di simili dimensioni.
    Se qualcuno di voi pensa che la mia proposta sia valida, lo faccia presente. Per le persone decise – ne basterebbero poche decine – a risolvere questo problema compilare il database sarebbe un gioco da ragazzi.

    • leopardo:

      Barabba, la tua proposta é assolutamente valida. La parola d´ordine é DETERMINAZIONE.
      Sarebbero sufficienti alcune migliaia di giovani ben armati e spietati, pronti al sacrificio.Anche qualche migliaio di mercenari che non vanno per il sottile, potrebbero servire allo scopo.Occorre reclutarli affinché preparino al combattimento i giovani del popolo, Occorre incutere terrore ai quattro stronzini vestiti da rambo che bastonano donne e ragazzini per difendere i privilegi dei bastardi che li pagano. Dopo le prime sparatorie e tanti morti veri, gli stronzini se la danno a gambe levate in quanto pusillanimi di natura. E´il momento in cui il popolo infuriato preleva governanti, banchieri, capi militari e politici di tutti i colori e li appende letteralmente ai lampioni. Sará il momento della vera liberazione e della nuova Italia. Viva l´Italia libera!Non paghiamo stupidamente tasse ed imposte . Destiniamo invece i nostri quattrini per armare i nostri giovani in modo che lottino per garantire il loro futuro e la loro libertá.

  • emme:

    insomma il conflito di interessi esiste solo per silvio?!!!!!
    questi ministri ne hanno da vendere. o quantomeno per ragion di stato ne dovrebbero fugare palesemente ogni minimo dubbio. dopotutto e’ evidente che l’azionista di maggioranza di questo governo sono le banche, o i padroni di esse ( che sono pochi) e la chiesa. la fornero era “l’uomo ” designato della chiesa dentro la banca intesa. il ministro riccardi è sfacciatamente uomo di chiesa. monti a due ore dalla nomina era introvable, era nascosto in una chiesa romana con la moglie. è comunque l’uomo del banchiere appoggiato dal vaticano. passera è l’uomo, azionista, della cattolicissima banca intesa. e chissa’ degli altri ministri.

  • Debora:

    Articolo di una schiettezza dolorosa ma veritiera, grazie per averlo postato! Jo…..ho apprezzato la tua brutale franchezza e White Wolfe…molto bello il significato profondo che hai dato alla parola”verità” :-) Ti sei chiesto perchè i milioni di disoccupati non si uniscano e lottino contro le ingiustizie, contro la casta….me lo sono domandato ogni giorno anche io e alla fine una risposta me la sono data: non esiste l’dea che il tuo bene sia anche il mio bene, non viene nemmeno concepita l’idea di condividere obbiettivi comuni. L’essere umano vive la propria vita prima di tutto come individuo, solo in un secondo tempo come essere pensante inserito in una comunità ; la realtà attuale ne è un esempio eclatante: in famiglia, nel posto di lavoro le relazioni sono di tipo chiuso non empatico. Quello che comunemente viene citata come ”totale mancanza di valori” io la definisco invece come assoluta mancanza di coscienza critica in assenza della quale non esiste scambio di idee, non esiste il confronto, non c’è crescita, non avviene nessun tipo di cambiamento…Ogni azione produce una reazione, uguale o contraria o almeno così dovrebbe essere….. è così desolante notare un immobilismo diffuso ad ogni livello di società! Le persone di cui sopra scelgono al posto nostro e agiscono al posto nostro da molto tempo oramai……Le loro azioni conseguenti ci hanno indeboliti a tal punto da sembrare come lobotomizzati, privi di qualsiasi nostra volontà! Ma noi abbiamo qualcosa a cui loro non pensano nemmeno per un secondo : siamo di numero superiore! Uniti possiamo ridurre la loro efficacia sino ad azzerarla! E poi, una volta fatto ciò, li costringeremo pubblicamente a chiederci scusa, a restituirci il ”malloppo” e li puniremo non mandandoli in prigione, ancora una volta a nostre spese, ma inserendoli nella vita ”reale” fatta di sofferenza, di dolore e di morte : per i prossimi venti o trenta anni lavoreranno negli ospedali, come addetti all’igiene dei pazienti geriatrici o oncologici, come addetti alle pulizie delle latrine nelle carceri, o verranno utilizzati come volontari assistenti a domicilio per malati di mente, portatori di handicap o terminali…..In alternativa potrebbero lavorare in miniera o alla catena di montaggio in fabbrica, rigorosamente ad orario prolungato: più lavoro svolto, più produzione realizzata ;-)

  • jo:

    Avete letto bene gli articoli della costituzione citati ?
    Se leggete gli altri vi rendete conto di tanto altro.
    E sopratutto che meta’ costituzione, quella pulsante,
    e’ calpestata ed esercitata al contrario.
    Non c’e’ governo da Prodi in poi minimo, e anche prima,
    che non sia colpevole di tradimento cosi chiaramente.

    • jo:

      ….. PS se il popolo non esercita la sovranita’, la esercitano loro,
      sul popolo.

      riPS. Il popolo non e’ la ciuma inerme e cafona.
      E’ gente normale e piu’ per bene di loro.
      E senz’ altro con piu’ virtu’ e valori.
      Sono 60 milioni divisi in bambini giovani adulti e anziani,
      che non erano altro che i bambini di qualche tempo fa’.

      Se meta’ fossero della peggior specie di uomini e tutte bagasce,
      non sarebbero mai come loro, e comunque, ce ne sarebbero altri
      30 milioni dove una persona rispettabile a come non sono loro,
      non si sarebbero nemmeno sognati di uscire di un solo punto della costituzione.
      Solo cosi sei servitore e onorevole per la vita che ti e’ stata affidata.
      Ma qui sono tutti cialtroni e intelligenti del malaffare totale.
      E piu’ parlano e piu’ confessano il loro inguaribile male e l’ impossibilita’ che capiscano qualcosa. Forse non sanno nemmeno loro chi sono, se non li chiami per nome. ( e cognome)

  • Prim:

    certo, certo…!

  • Questo dossier che tratta il trascorso di Elsa Fornero e di Giorgio Napolitano ha dell’incredibile. Tutti quelli che possono, dovrebbero ribatterlo sui loro canali informativi….

    Dossier Fornero Napolitano. Il Dossier sulla incostituzionalità golpista del Ministro Fornero e del Presidente Napolitano.
    Ora l’Impeachment.
    giornalisticoraggiosi.dyndns.info

  • barabba:

    A questo punto vi chiedo se vogliamo continuare a lamentarci e soffrire o porre le basi per uscire da questo incubo.
    Io e Leopardo proponiamo i seguenti steps per una efficace escalatione verso la liberazione dalla tirannia.
    1. Costruire un database per contattare gli altri Movimenti e organizzare manifestazioni di almeno 500.000 giovani disperati contro l’austerity.
    2. Trasformare questa massa urlante in un “esercito” preparato alle tecniche di guerriglia (difesa personale, agguati, mordi e fuggi) da mercenari del tipo di quelli impiegati dagli USA.
    3. Diffondere il dossier fornito da G. Algieri sulla incostituzionalità golpista di Napolitano & Co.
    4. Non pagare più per i servizi di acqua, luce, gas, spazzatura ecc. Se tolgono questi servizi a grandi masse di utenti, le entrate tributarie si ridurranno ai minimi termini.
    Che facciamo? Passiamo ai fatti o ci rassegniamo al nostro destino cinico e baro?

  • Giorgio:

    io vi dico solo una cosa: NON ANDATE PIU’ A VOTARE! se nessuno va piu’ il sistema democratico attuale crolla e quando la percentuale di chi non andra’ piu’ a votare sara’ del 51% qualcuno dovra’ pure prenderene atto!

  • Cristiano1970:

    Brinderò il giorno che si saprà che qualcuno abbia fatto fuori uno di questi maggiordomi del potere.

  • barabba:

    A solo titolo informativo, il TG24 ha detto che senza riforme l’Italia rischia il declino.
    Questo per me significa che siamo già in bancarotta e per questo dovranno imporci tasse che nessuno potrà pagare.
    Siamo dunque alla fine.

  • leopardo:

    Barabba, i tempi stanno maturando. Piú passano i mesi e piú aumenta la massa affamata ed inferocita di italiani che non sono in grado si sopravvivere mentre vermi come quel lurido Befera incamerano milioni per prenderci alla gola. Occorre organizzare la rivolta. Sono argomenti delicati. In rete ci sono un sacco di gole profonde o , per megio dire, figli di puttana al soldo del regime. Dobbiamo incontrarci, studiare una strategia. La massa é blanda ed inconcludente, a meno che non le si spiana la strada. Un migliaio di miliziani del popolo determinati e motivati devono fungere da volano, eliminando i fantoccini con la divisa(abbastanza scemi da non capire di essersi schierati contro il popolo sovrano e quindi dalla parte sbagliata) ed entrare per primi nei palazzi del potere seguiti dalla folla inferocita, dove verrá istituito, seduta stante, il tribunale del popolo e messi immediatamente a morte, per alto tradimento, TUTTI gli elementi i cui nominativi e le cui nefandezze sono arcinoti al popolo intero.

  • archimede:

    ..sono alla fine… non siamo, adesso Monti minaccia Berlusconi , l’hanno nel DNA sti F.D.P il minacciare le persone quando vedono avvicinarsi la loro fine “Le Porc Squartat”

  • Andrea:

    Sulla tomba di questi due imbecilli verra’ scritto: qui giaciono due persone completamente inutili dal momento che non non possono neanche essere utilizzati come cibo per i vermi: persino questi animaletti provano disgusto per questi due esseri immondi…zia

  • johnny:

    @ barabba e leopardo:

    Quel che dita mi sa tanto di armiamoCI e PartiTE !

    Purtroppo bisogna essere realisti.

    I miserabili Monti , Fornero & CO, sono tranquilli, sanno che non rischiano un bel niente, non si sarebbero scomodati dalle poltrone su cui erano se non fossero stati completamente sicuri di avere il 90% della popolazione dalla loro parte.

    Non facciamoci illusioni, non se ne esce!

    • barabba:

      Monti & Co. non hanno affatto il 90% dalla loro parte.
      Sono stati contestati violentemente dovunque sono andati a raccontare balle e l’ultimo sondaggio, anche se taroccato, dava loro un sostegno popolare del 30%.
      Le mie condizioni economiche fortunatamente non sono ancora arrivate al punto da gettarmi nella disperazione. Ma non capisco che cosa aspettano a rivoltarsi quei 15 o 20 milioni di italiani che mangiano alla mensa dei poveri e non hanno più niente da perdere.
      E’ a loro che mi rivolgo quando li incito a non subìre più le prepotenze degli usurai.

  • archimede:

    ..se ne esce, con le buone o con le cattive, con Johnny o senza Johnny e alla fine mostreremo il xxxxxxx de fora per mostrare che avemo xxxxxx, costituire delle Brigade subito e sena perdere tempo prima che scappino sti zozzoni mentali-

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia