Cerca 

FreePC

 

Trovaci su Facebook

 

PAOLO MALEDDU

 

Enneagramma Biologico

 

SCIE CHIMICHE

 

Gianni Lannes

 

Piccole liste crescono
Redazione | 14-12-2012 Categoria: Mondialismo Stampa



 



Per inserire un commento è necessario creare un account Registrati


Commenti (14)

Scritto da chicken little
17-12-2012 20:12

nessuno parla più della Lega, e mi stupisce. Comprendo che i meridionali di voi possano non averla mai avuta in simpatia, ma sull'aspetto dell'antieuropeismo vi ricordo che l'unico a battersi nello schifo del parlamento europeo è il tanto contestato Borghezio. il partito di bossi è sempre stato contro l'europa di Brussel, dei super-stati, delle grandi lobby, della assurda truffa delle quote latte, delle banche... e sempre e solo a favore di un europa dei popoli, in cui privilegiare al massimo la volontà popolare e PROTEGGERE anzichè abolire i confini nazionali. non ditemi che è bastata la campagna distruttiva basata sui successi scolastici (in Albania) del figlio pesce lesso o dei soldi truffati da quell'altro Ciccio Bello, per decretare la morte di uno dei più "scomodi" -per il Sistema- partiti nella storia d'italia. M5S è finto, non è spontaneo, serve solo ad accogliere gli umori più incazzati che altrimenti andrebbero pericolosamente ad unirsi intorno una eventuale "alba dorata" italica. meglio fargli credere che Grillo sia contro -questo- sistema, e taac, i più scalmanati gli abbiamo in pugno. La lega è stata fatta fuori perchè i leghisti al nord sono nettamente la parte dal potenziale più ribelle, basta ricordare le assurde severissime condanne impartite al gruppetto che salì sul campanile di San Marco nel 97. comunque, forse hanno vinto una battaglia, ma la guerra no, non la vinceranno.

Scritto da barabba
17-12-2012 13:12

La forma partito non esiste più. I partiti sono confluiti nella casta da decenni, ma si presentano come sigle - PD, PDL, UDC, ecc... - per continuare a dividere l'elettorato tra i pro e i contro e guadagnare consensi. Il posto dei partiti è stato preso dal Movimenti. Hanno le idee chiare sugli obiettivi ds conseguire, sono spontanei e decisi. Ii futuro è loro. Informatevi sulle idee che portano avanti e le modalità che intendono seguire. Chi non vuole astenersi voti per un Movimento. I partiti sono cadaveri che vanno sepolti prima che infettino l'aria del nostro Paese.

Scritto da Giuseppe
16-12-2012 19:12

Aggiorno il mio precedente commento, anche per correttezza nei confronti di Alberto Medici: Medici mi ha risposto dicendomi che si tratta di idee simili e di coincidenza... Secondo me una pericolosa coincidenza!

Scritto da Giuseppe
16-12-2012 15:12

@ Marco E' comunque veramente molto strano e molto confusivo. Già li conoscono in pocchissimi. Presentano un logo molto simile a quello che potrebbe essere usato dal "principe della propaganda"... Figuriamoci se alle elezioni dovessero essere presenti questi due simboli! Inoltre ho cercato di avere spegazioni direttamente da Alberto Medici, in Lista Si' e titolare del sito "Ingannati", scrivendo un commento al quale non è stato risposto ( essendone passati altri che in linea temporale sembrerebbero essere stati inviati ben dopo il mio ).

Scritto da emiliano
16-12-2012 13:12

già postati nell'articolo su l'Europa che vuole Monti ma qui mi sembrano più attinenti emiliano: 15 dicembre 2012 at 19:27 Sono appena andato a firmare per la presentazione delle liste del M5S ed ho avuto modo di scambiare opinioni con gli attivisti della mia citta ecco un breve resoconto.Grillo non parla piu’ del signoraggio per incolumita’ personale altrimenti avrebbe avuto un “attacco di cuore” oppure un incidente gia’ anni fa’,Lincoln,Kennedy,Moro,Haider che si erano messi contro i bankesters non sono morti di morte naturale e probabilmente ancheil buon Beppe avrebbe fatto la stessa fine.Nel movimento M5S c’e’ piena consapevolezza del problema signoraggio ed infatti la proposta su questo tema e su molti altri e’ referendum elettronico propositivo senza quorum in modo da coinvolgere i cittadini sulle scelte da fare senza dividersi tra dx e sx, atei e cattolici,ecc…ma referendum tipo euro si euro no,dentro l’europa o fuori dall’europa ecc..in questo modo i cittadini si potrebbero esprimere direttamente sulle questioni senza la mediazione dei partiti.Il problema democrazia nel M5S:Le regole del movimento sono queste chi non e’ d’accordo si accomodi fuori.Il movimento e’ l’involucro dove stare per risolvere i problemi del paese e non per mettersi in vetrina e pavoneggiarsi io sono bravo, io sono qui,io sono la’ chi non gli sta’ bene vuol dire che non ha capito niente del movimento.Infine mi hanno inoltre assicurato che se il M5S avesse la maggioranza in parlamento o comunque una forza sufficente il referendum sula permaneza nell’ Europa e nell’Euro sarebbe per la base del movimento una delle prime cose da fare.Che dire mi hanno convinto percio’ mi sento di dirvi: informatevi dove sono le postazioni per firmare nella vostra citta e andate a firmare. emiliano: Your comment is awaiting moderation. 16 dicembre 2012 at 13:26 Nel programma scritto non c’è il ripristino della sovranità monetaria ma c’è il referendum senza quorum.Ora io non voglio difendere il M5S anche perchè non sono inscritto e su alcuni questioni anche a me i dubbi pemangono.Voglio però farti riflettere sul fatto che esistono molte liste che mettono il signoraggio nel programma Forza Nuova,Alternativa Politica di Giulietto Chiesa,Marra, Scilipoti, per il bene comune,lista si e chissa quante altre il problema è che sono liste piccole e votandole faremo solo un favore ai partiti tradizionali,disperdendo voti imentre votando M5S che dai sondaggi appare l’unica forza in grado di irrompere con forza nel parlamento e visto che Grillo ha più volte detto in TV quindi con milioni di testimoni che rimanere o meno nell’euro deve essere deciso tramite referendum popolare quindi anche se non l’ha scritto e come se lo avesse fatto a meno che non voglia rimangiarsi platealmente la parola, potremo allora secondo me anzichè disperderci in tanti piccoli partitini riunire tutte le forze nel M5S e dopo promovendo e votando un referendum che decidesse se rimanere nell’euro o uscirne e quindi affrontare la questione del signoraggio seriamente.Naturalmente questa e la mia personale opinione e rimango aperto a eventuali altre soluzioni che da qui alle elezioni si prospettassero ma al momento questa mi sembra l’unica percorribile.Ciao Emiliano

Scritto da luca
16-12-2012 13:12

Sentite dal minuto 10.50 in poi del video 3 in cui parla della criminalità,dei suoi fini ecc.. e vi renderete con (per chi non lo sapesse)per quale motivo nel nostro paese è sempre stata incentivata (da Garibaldi in poi) e mai combattuta da 150 anni!altro che le cazz... dei film Hollywoodinani sul padrino,i soprano ecc...

Scritto da Giuseppe
15-12-2012 21:12

Da: ForlìToday - Cronaca Moretti: "Berlusconi, altro che Forza Italia, usa Siamo Italia" „Redazione - 16 luglio 2012“ „Sauro Moretti, forlivese patron di Villa Prati, ex consigliere comunale Ds, "comunista in prestito per una stagione a Berlusconi", interista, ha registrato infatti un marchio 'Siamo Italia', che nell'epoca della politica-marketing potrebbe essere un simbolo vincente sulla scheda elettorale. Ed ora che Berlusconi ha rimesso al centro della discussione il futuro del PdL ecco che 'Siamo Italia' potrebbe tornare in pista.“

Scritto da Giuseppe
15-12-2012 21:12

Ma... ? siamoitalia.it Non capisco: il marchio " Siamo Italia " a chi appartiene?

Scritto da Marco
15-12-2012 19:12

Profilo facebook: ? facebook.com

Scritto da Giuseppe
15-12-2012 17:12

Non li conosce nessuno!

Scritto da layo
15-12-2012 15:12

Benissimo!!! Bellissimo post, grazie per questi video. Non ci resta altro che unirci in queste liste che confluiscono nella lista nazionale SI – SIAMO ITALIA Di seguito riporto ancora, dopo averlo fatto in un post precedente, i dieci punti programmatici della lista. 1. Recupero integrale ed immediato della sovranità nazionale illegittimamente ceduta ad organismi ed enti sovra- ed extra-nazionali, mediante il disconoscimento unilaterale dei relativi trattati tutti, sottoscritti in manifesta violazione della Carta Costituzionale, con contestuale uscita dall’euro, rinazionalizzazione della Banca d’Italia (e suo collegamento con il Ministero del Tesoro), separazione tra banche commerciali e banche d’investimento e ridefinizione dei rapporti con i paesi dell’attuale UE sulla base di accordi doganali e di cooperazione commerciale, aventi ad oggetto la libera circolazione sia dei beni, che delle persone, che dei capitali, con previsione, in subordine, eo in alternativa, di analoghe equivalenti trattative con paesi di altra area geografica. Modifica degli artt. 50 e 71 II comma Costituzione per l’introduzione di tempi certi di esamina ed approvazione, che riguardano gli strumenti della petizione e dell’iniziativa di legge popolare. 2. Per l’effetto, recupero della sovranità territoriale e militare. Parallelamente e conseguentemente, illegittimità di tutte le modifiche della Carta Costituzionale in contrasto con i principi fondamentali della stessa, attuate su richiesta e/o indirizzo e/o influenza e/o pressioni diretti ed indiretti di organismi ed enti sovra/extra nazionali, e in aperta violazione della stessa Carta (ad es, da ultimo, modifica agli art 81, 97 e 119 C Costituzione (pareggio di bilancio). 3. Per l’effetto, in attuazione e nell’esercizio della recuperata piena sovranità economica, monetaria e fiscale, attuazione di un prioritario e deciso intervento di politica monetaria e fiscale di tipo espansivo (immissione di liquidità attraverso gli strumenti di politica monetaria e taglio secco della pressione fiscale e previdenziale), con contestuale pieno ed effettivo esercizio della sovranità nazionale in tutti gli ambiti sinora trasferiti alla competenza esclusiva eo concorrente dell’UE, con un’attenzione particolare alle politiche agricole, che liberate da tutti i vincoli comunitari, potranno trovare nuovo impulso, con conseguente rivalorizzazione della produzione, anche e soprattutto attraverso lo sviluppo delle tecniche di coltura biologiche e con un deciso nuovo impulso e rivitalizzazione delle piccole e medie imprese, vero tessuto e cuore pulsante dell’economia italiana. 4. Riportare allo Stato, dei Cittadini, la garanzia dei servizi essenziali: energia elettrica (con particolare attenzione alle energie rinnovabili), gas, acqua trasporti, telefonia, etc; e i beni del demanio pubblico ceduti nell’ambito delle politiche di privatizzazione (dai primi anni ’90 in poi). Ripristino dello “stato sociale”, con ridefinizione, riorganizzazione e rinnovata valorizzazione del sistema sanitario nazionale, dell’istruzione, degli interventi di tipo previdenziale ed assistenziale a tutela dei diritti costituzionalmente garantiti e delle categorie svantaggiate, inclusa la disciplina dei regimi pensionistici. 5. Negazione e/o rinegoziazione del debito iniquamente ed illegittimamente creato ed alimentato detenuto da creditori esteri . 6. Sburocratizzazione delle attività produttive e della funzione e dei servizi pubblici, alla luce dei principi di trasparenza, semplicità, imparzialità ed efficacia. 7. Semplificazione e riorganizzazione, alla luce dei principi sopra richiamati, dell’intera materia fiscale. Riforma decisa della giustizia tributaria nel rispetto dei principi di piena autonomia, terzietà, imparzialità e competenza. 8. Revisione integrale, alla luce dei principi di semplificazione e razionalizzazione, delle riforme del mercato del lavoro susseguitesi dal 1997 ad oggi 9. Riorganizzazione dell’istruzione, con la massima valorizzazione del merito e nel pieno rispetto del principio della valorizzazione e dello sviluppo delle attitudini individuali 10. Poderoso impulso alla ricerca, sia scientifica che tecnica, in particolare, ma non solo, nei settori tecnologico, delle energie, della sanità, della medicina e della fisica, con particolare valorizzazione del merito e dei risultati, nel pieno rispetto del principio costituzionale di cui all’art.9 Costituzione. Concludendo, divulghiamo alle masse dormienti e a coloro che fanno riferimento ai canali televisivi e alla carta stampata venduta ai poteri oligarchici per le loro informazioni

Scritto da barabba
15-12-2012 13:12

Molti di voi si chiedono che cosa possiamo fare contro nemici così potenti. Ebbene di cose da fare ce ne sono tante. Basta solo avere un pò di fantasia e spirito di iniziativa. Possiamo punirli con il voto. Possiamo puntare su una coalizione di Movimenti che hanno lo stesso obiettivo di uscire dall'euro. Possiamo fare come hanno fatto a Caserta e provincia, dove diverse migliaia di iscritti alla CGIL, CISL e UIL hanno ammucchiato le loro tessere sindacali in una piazza, le hanno cosparse di alcool e le hanno bruciate. Non è tanto l'unione degli uomini a fare la forza quanto l'splosione delle idee. Proviamo a raccogliere tutte quelle praticabili e prive di rischio che ci vengono in mente e realizziamole. Serviranno ad avvertire gli usurai che i tartassati non sono più disponibili a fare i loro tappetini ancora per molto.

Scritto da Marco
15-12-2012 13:12

Altro che Berlusconi, questi si che hanno le idee chiare! Il problema è che nessuno li conosce.

Scritto da barabba
15-12-2012 10:12

Se si coalizzassero M5s, SI - SIAMO ITALIA, No Euro e le altre decine di Movimenti che vogliono l'uscita dell'Italia dall'euro,la vittoria dei nazionalisti - sovranisti sarebbe sicura al 100%. Basterebbero un paio di giorni per stabilire un contatto tra loro e fare un accordo risolutivo ai fini di un tema così importante. E' incredibile rinunciare alla vittoria a un passo dal traguardo per la difficoltà di guardare lontano di chi comanda l'esercito.

Area Utente

 

COOKIE

 

ULTIMI COMMENTI

 

Brainup

 

ENZO RAFFAELE

 

Pubblicità

 

 

ARTICOLI NICOLETTA FORCHERI