Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

“Il mio amico Ezra Pound ha ragione. La rivoluzione è guerra all’usura. È guerra all’usura pubblica e all’usura privata. Demolisce le tattiche delle battaglie di borsa. Distrugge i parassitismi di base, sui quali i moderati costruiscono le loro fortezze. Insegna a consumare al modo giusto, secondo logica di tempo, quel che è possibile produrre. Reagisce alle altalene del tasso di sconto, che fanno la sventura di chi chiede per investire nell’industria, e aumenta il mondo del risparmio, riducendone il coraggio, contraendone la volontà di ascesa, incrementandone la sfiducia nell’oggi, che è più letale ancora della sfiducia nel domani.

Allorché il mio amico Ezra Pound mi donò le sue “considerazioni” sull’usura, mi disse che il potere non è del danaro, o del danaro soltanto, ma dell’usura soltanto, del danaro che produce danaro, che produce soltanto danaro, che non salva nessuno di noi, che lancia noi deboli nel gorgo dalla cui corrente altro danaro verrà espresso, come supremo male del mondo. Aggiunse in quel suo italiano, gaelico e slanghistico, infarcito di arcaismi tratti da Dante e dai cronachisti del trecento, che il potere del danaro e tutti gli uomini di questo potere regnano su un mondo del quale hanno monetizzato il cervello e trasformato la coscienza in lenzuoli di banconote. Il danaro che produce danaro.

La formula del mio amico Ezra Pound riassume la spaventosa condizione del nostro tempo. Il danaro non si consuma. Regge al contatto dell’umanità. Nulla cede delle proprie qualità deteriori. Contamina peggiorandoci in ragione della continua salita del suo corso tra i banchi e le grida della borsa nelle cui caverne l’umano viene, inesorabilmente, macinato. Il mio amico Pound ha le qualità del predicatore cui è nota la tempesta dell’anno mille, dell’anno “n volte mille” sempre alle porte della nostra casa di dannati all’autodistruzione. La lava del denaro, infuocata e onnivora, scende dalla montagna che il cielo ha lanciato contro di noi, mi ha detto il mio amico Pound; e nessuno, tra noi, si salverà.

Il mio amico Pound ha continuato con voi, come mi avete detto, nella casa romana dello scrittore di cose navali Ubaldo degli Uberti, l’analisi di come il danaro produce soltanto danaro, e non beni che sollevino il nostro spirito dalla palude nella quale il suo potere ci ha immerso. Non è ossessione la sua. Nessun uomo saggio, se ancora ne esistono, ha elementi per dichiarare esito di pericolosa paranoia il suo vedere, tra i blocchi di palazzi di Wall Street e tra le stanze dei banchieri della City, le pareti indistruttibili dell’inferno di oggi. I Kahn, i Morgan, i Morgenthau, i Toeplitz di tutte le terre egli vede alla testa dell’armata dell’oro. Pound piange i morti che quell’esercito fece. E vorrebbe sottrarre a ogni pericolo tutti noi esposti alla furia del potere dell’oro. Con il vostro amico Pound ho parlato di quello che Peguy ha scritto contro il potere dell’oro. Conosce quasi a memoria quelle pagine. Ne recita brani interi, senza dimenticarne alcuna parola. Il suo francese risale agli anni parigini in cui la gente di New York, di Boston, emigrata a Parigi, pensava ancora che l’occidente fosse fra noi. Illusa, quella gente, che scegliendo Parigi, il potere dell’oro sarebbe andato per stracci, almeno per questi migranti della letteratura. È, quel francese di Pound, come un prodotto del passato, come una denuncia del troppo che stiamo dimenticando, tutti noi che corriamo il rischio, o che già lo abbiamo corso, di finire maciullati dal potere dell’oro”.

(Così, Benito Mussolini riferì al giovane giornalista triestino Yvon De Begnac durante i loro colloqui tra il 1934 e il 1943, che oggi ritroviamo nei famosi postumi “Taccuini mussoliniani”).

20 Commenti a “Pound e Mussolini contro l’usura”

  • Propongo che Mussolini sia fatto santo subito!! E aggiungo anche hitler lo so che lo pensate ma non avete il coraggio di proporlo se volete lo faccio io per voi, che ci vuole? basta scrivere al papa i presupposti ci sono in entrambi i casi, si tratta di illustri statisti che hanno fatto solo del bene all’umanità. La chiesa cattolica non potrà rifiutare visto che in passato anche lei con orgoglio ha compiuto azioni in favore dei popoli proprio come loro aggiungerei anche stalin allla lista. Avevano tutti delle ottime idee sulla natura del denaro!

    • Paolo Lamperti:

      Non ci vedo niente di strano nel pubblicare queste testimonianze, se non che sappiamo che ci sono partiti che aspettano le elezioni.
      In ogni modo usura o meno, Forza Nuova NON la voterò, e non si tratta di dx o sx…
      Si tratta prima di tutto di aver la cortesia di rispondere a chi invia loro legittime domande via mail,… per ciò che mi riguarda.

    • AntiUsrael:

      E se le demonizzazoni contro Mussolini e co.(accuse di genocidio,tirannide,aver provocato la guerra ed altre idiozie) fossero frutto quasi totalmente dei banksters che li hanno avversati e dei loro scribbachini e fiancheggiatori che hanno manipolato la storia scrivendola come più faceva comodo ai vincitori? Che orribile dilemma…

  • gianni:

    grandi!!!avete proposto Ezra Pound in mitò per me era venuto dall’america vivere quà in italia, perchè non c,era usura allora qui da noi, vorrei che vivesse adesso per capire cosa direbbe di questa situazione,i suoi compatriotti americani lo misero in gabbia vera e proppia a Viarreggio dopo la guerra,non era molto amato dai bankieri mondiali, lo vedevano come la peste, è dificile nascondere i fantasmi del passato, anche per il potere, era amico di Mussolini ma non era di destra come vogliono farlo passare, come non era di sinistra il Chè Ernesto Guevara, personaggi scomodi che rovinaronò la digestione a più di qualche complotista mondiale, grazzie Nicoletta un regalo veramente unico rammarico farlo conoscere di più è tenerlo nei nostri PRESENTI .
    i complotisti hanno diviso i loro nemici in destra è sinistra come fanno con noi ma questi uomini cercavano solo la vera ugualianza fra i popoli , CIAO.

  • Mauro Bena:

    Pura e incontestabile saggezza.
    Ma vaglielo a dire per esempio a Passera, o a Bazoli, o agli avvoltoi della BCE…
    Saluti.
    Mauro Bena

  • Improvvisato:

    Nel medioevo “usura” era considerata qualsiasi attività bancaria, non già il prestito a tassi esorbitanti come lo intendiamo noi oggi. E Dante lottò moltissimo contro questa pratica al punto che la mise all’Inferno nel Canto XI, assieme ai sodomiti e ai bestemmiatori. Che poi, a ben pensare un usuraio è un sodomita attivo.

  • luca:

    Finalmente qualche articolo fuori dal coro…non la solita noia che di recente si legge riguardo il fascismo dai soliti comunistelli con il cule….o al caldo!Brava Nicoletta continua così!!

  • jo:

    Non mi dispiace passare da violento, ma casa Pound entra legalmente in un movimento rappresentato al governo, come quello di grillo, perche’ il braccio violento vocale e fisico che ti urla una sola monosillaba, ci vuole, e non sono fascisti.
    Stanno alla minima misura giusta di quello perpetrato e imposto illegalmente sbagliato.
    Peccato che grillo non sia nei media, anche e solo a dire il programma con qualche motivazione fondamentale, come facevano i comunicati delle br.

    Ancora si calunniano sulle quote latte, sapendo che gli avevano comunicato un tot di permessi, retificati e diminuiti dopo, dove sono incorsi poi a sanzioni ancora in conteso.

    IL MALE E’ SEMPRE QUELLO CHE NON SI VUOL DIRE: PERCHE’ NON DOBBIAMO PRODURRE PER IL NOSTRO PAESE, E NEMMENO A DIRLO PER L’ ESTERO, PRIVANDOCI DEL LAVORO E DELLA NOSTRA RISORSA, PER FARE POSTO IN CASA NOSTRA ALLA PRODUZIONE TEDESCA DEL LATTE, DOVE VIENE PURE TRATTATO A LATTE IN POLVERE PER PRODOTTI MADE IN ITALY, ALTRIMENTI CI METTONO LO SPREAD SE NON PRODUCIAMO DI PIU’ ANCORA CON MENO POSSIBILITA’ LASCIATE A LORO.
    SE NON E’ TERRORISMO E NAZZISMO QUESTO, DITEMI VOI CHE E’.
    Partiti italioti marcite.

  • the crusader:

    Articolo bellissimo!
    Non sembra esser stato scritto da un dittatore!
    Non nascondo che è questo un lato di Mussolini che mi ha sorpreso più volte. Non parlava e non pensava da dittatore, ma da uomo del popolo.
    Sono convinto che sia stato il primo complottista della storia. Quante volte ha parlato di “poteri forti” che minacciava l’Italiano, di “plutocrazie”, di sinarchie legate all’usura bancaria? Sembra quasi questo il motivo della deriva totalitaria stessa del regime, una sorta di autodifesa. L’Italia era stata fatta da queste forze, che minacciavano di riprendere il loro potere, se non fosse stato loro impedito con la forza. La tirannide fu allora, almeno nella mente del duce, il male minore. Nell’ultima intervista, per chi l’ha letta, Mussolini non è tanto rammaricato per la sua inevitabile brutta fine, quanto perchè simili forze avrebbero ripreso il potere nel Paese. Predisse la storia del Dopoguerra, l’inflazione galoppante, le due guerre mondiali, l’imperialismo angloamericano e che saremmo ritornati dei nostri vecchi padroni.

    • jo:

      Uno stato totalitario quando non applica l’ usura e si usa per ingrandirsi e prepararsi alla colonizzazione usando la guerra, ha tutto da di che dire.
      Mussolini avrebbe anche imposto un regime, e se fosse continuato rimanendo in casa sua, allora si che l’ aiuto non usura prestiti, avrebbe anche democraticamente aiutato un paese. Sforando, sia dal principio della presa del fascio, fino alla colonizzazione militare, non poteva entrare nel mirino primo di Hittler, dove demolendo i piu’ fortipoteri secondo il suo disegno, non poteva mettere l’ italia sulle sue proposte, o ti allei e ci diamo una mano visto che siamo quasi uguali, o sei la prima ad essere attaccata.
      Rapporti precedenti di collaborazione e amicizia, ha fatto optare per una alleanza.
      Gira e rigira, e’ il solito minestrone della storia che finisce in ogni sorta di dictat e guerra. ANCORA UN PO’ E NON CI SARA’ L’ USURA NEMMENO IN EUROPA CON IL DEBITO. AVRANNO TUTTO IN MANO LORO, E TE AVRAI IN MANO UNA TESSERA. ( o bancomat controllato minimo vitae, solo se lavori ) – Guardate che e’ cosi la menata a fare due conti sul cervello di questo sistema.

  • nAncora:

    Questo sito, che ho sempre stimato, pur chiudendo qualche occhio più di una volta, sta prendendo una deriva fascistoide che mi puzza parecchio. Queste idee hanno portato ad un regime totalitario con morti e orrori dei quali si sta perdendo la memoria. Oltretutto hanno fallito miseramente. Già il inguaggio pomposo dovrebbe far più che riflettere.

    Libertario ed antifascista sempre.

    • Lino Bottaro:

      Caro amico nAncora mi creda nel nostro pubblicare c’è sempre uno spirito critico. Non abbiamo mai sposato nessuna ideologia. Siamo spesso accusati di essere di sinistra, qualche volta di destra, qualche volta di essere clericali, qualche altra blasfemi. La verità è che non guardiamo in faccia a nessuno. Proseguiamo imperterriti nella strada della verità. La verità ha molte sfumature e son queste la ricchezza di chi sa capire. Ed è per queste persone che scriviamo.
      Grazie per la sua stima che ricambiamo.

    • tango:

      Gentile nAncora, deve comunque ammettere una verita’:

      “La rivoluzione è guerra all’usura. È guerra all’usura pubblica e all’usura privata.”

  • gianni:

    sono convinto che è più quello che non si sa, che quello che si sà, su Mussolini tanto che lo hanno ucciso era scomodo sapeva troppe verità portava con sè un carico d’oro enorme diretto verso la Svizzera Dongo, era amico di Churcil, nemico della massoneria era l’unico del gran consilio a esserne fuori, nemico della mafia,con rigors monti a una cosa in comune non erano stipendiati dallo stato e poi una cosa posso dire formò una gioventù di uomini veri, i vari pertini nenni paietta saragat, AMoro de gasperi andreotti cossiga, segni è E Mattei, furono creati sotto il fascimo, anche se non lo erano, ma il loro spirito voglia o non voglia e fascista e certo non sono da paragonare a questi vampiri e zombi qui che ci governano adesso,Ezra Pound ora viene stumentalizato da i gruppi di destra solo per infangarlo questo mi dispiace,ecco perche pure questi gruppi vengono usati dal potere mondialista sionista.

  • As usual:

    Gran bell articolo… L ultima volta che abbiamo avuto una nostra sovranita e’ stato proprio sotto il fascismo. Oggi siamo schiavi dei poteri forti e delle plutocrazie proprio come predetto dal duce

    • Lamperti Paolo:

      @As usual..
      Forse è vero, ma forse è anche vero che più in là del fascismo non saremmo potuti andare, altrimenti non saremmo qui a commentare.

    • Paolo Lamperti:

      @As usual.
      Forse è vero, ma forse è anche vero che più in là del fascismo non saremmo potuti andare, altrimenti non saremmo qui a commentare la situazione in cui anche grazie al fascismo probabilmente ci troviamo, visto che il presente procede dal passato. Tutto il passato.
      Per cui?
      Ripristiniamo lo stato fascista?
      Maaa… Uno stato veramente Liberale(non liberista), no è??

  • Pasquino:

    “Plutocrazia”, termine obsoleto?

  • LEONARDO55:

    I rivoltatori di frittate non si contentano mai.
    Mussolini ha fatto arrivare i treni in orario e pubblicato contro l’usura. E allora ? Non era anche lui un pezzo della storia azione-problema -soluzione ? Sotto il fascismo gli interessi delle banche furono aboliti ? Ci ha portato in una guerra orrenda, dapprima civile e poi internazionale poi di nuovo civile ? Dite che non è successo così ? I casa Pound… gli amici dell’esoterista Alemanno….
    Sappiamo bene quello che questa gente farà se mai, malauguratamente, andasse al potere…possono anche abolire l’usura delle banche,sarà ben poca cosa se useranno quel disprezzo per le persone e l’ignoranza che è il marchio di fabbrica/infamia che li condannerà per sempre.
    Certo…. non è antifascismo , è l’intelligenza………. di chi, scottato, evita di avvicinarsi alla fiamma.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE