Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Sciatore

 

Chi ha imparato a sciare da adulto ha presente la difficoltà di doversi ricordare tutta una serie di accorgimenti (spallepeso in avanti – posizione – ginocchia – braccia – bacino – a valle – a monte – ecc.) e soprattutto di come sia difficile ricordarsi di mettere in pratica i consigli del maestro quando la velocità aumenta, o la pista si fa più difficile e ripida e magari piena di cunette, o tutte queste cose insieme. Se invece ci si trova sul classico “panettone“, pista larga, neve bella, pochissima gente, pendenza limitata e velocità sotto controllo, allora è molto più facile, pensandoci, mettere in pratica gli insegnamenti e, dopo un po’ di queste discese, si comincia ad automatizzare i movimenti e ad interiorizzare gli insegnamenti ricevuti. Se poi si ha anche il sole alle spalle, e si può guardare anche la propria ombra proiettata davanti, allora è proprio il massimo: ad ogni curva si può correggere qualcosina, e dopo un paio d’ore i progressi sono veramente notevoli. A quel punto anche l’aumento di velocità, la pista più ripida, o altre condizioni avverse si potranno affrontare meglio, grazie a quanto imparato precedentemente.

Pensavo a questo oggi, e mi veniva spontaneo il paragone con le conoscenze di medicina alternativa che noi frequentatori di siti di controinformazione abbiamo acquisito. L’esperienza ci insegna che quando ad una persona “normale“, educata secondo i canoni classici, viene diagnosticato un tumore, per lo più questa notizia viene vissuta come una terribile condanna, magari non definitiva, ma comunque invalidante, e la sensazione di impotenza e di pericolo non lascia spazio a ricerche, a studi, ad approfondimenti: ci si sente come il naufrago che si aggrappa a qualunque cosa, pur di rimanere a galla. Difficile insegnare a chi pensa che sta per annegare come si fa a nuotare: a nuotare si deve imparare in piscina, nell’acqua bassa, meglio se tiepida. Alla stessa maniera, difficile insegnare a chi sta precipitando lunga una pista nera come fare le curve a sci uniti, se non le ha già imparate in pendii più amichevoli.

Anni fa ho seguito un corso di Nuova Medicina Germanica tenuto da Claudio Trupiano, e da allora ho cominciato a vedere il tumore, e tutte le altre malattie, in un’ottica diversa, completamente opposta alla visione tradizionale corrente. Ma tutte le volte che sono venuto a sapere di conoscenti ai quali veniva diagnosticato un tumore (e ne sono già morti diversi, in questi anni) mi sono reso conto della totale inutilità delle mie conoscenze nei confronti di queste persone che -ovviamente – manifestavano una totale e cieca accettazione delle terapie “ufficiali“, che non mi sono mai permesso di contestare (con quale autorevolezza, poi?) e la totale chiusura (tranne che alla fine delle terapie, quando ormai anche la medicina ufficiale ti dà per spacciato) ad ipotesi alternative.

Per questo, come ho detto altre volte, sono certo che  la conoscenza delle teorie del dr.Hamer (la “Nuova Medicina Germanica“) debba essere acquisita quando si sta bene, quando si è giovani e in forze, e la malattia è l’ultima cosa che si possa avere nella nostra mente. Questo ci impedirà di ammalarci? Non lo so, ma so per certo (è la mia esperienza personale) che la paura della malattia è completamente sparita dalla mia vita. Anche se fosse solo questo (ma sono certo che c’è molto di più) sarebbe già qualcosa di importante.

Non si aspetta di avere un incidente per assicurarci: l’assicurazione si fa prima. Per questo invito tutti, per il bene vostro e dei vostri cari, ad approfondire le tematiche della nuova medicina germanica. Il miglior investimento che potrete fare  e ch vi ripagherà molto più di quanto possiate immaginare.

38 Commenti a “Hamer, il tumore, le curve a sci uniti”

  • luca:

    Concordo in tutto,solo una piccola precisazione sig.Medici,quelle di Hamer non sono “teorie” bensì leggi.Sa com’è,su questo sito ci sono molti influenzatori,meglio non dargli spazio e pretesti..

  • Luca:

    Si va bene ,ma a big pharma non conviene,quindi chemio e radio per tutti! Buena suerte

  • Condivido in pieno, dalla mia esperienza è vero ,se si comincia a parlare di come attraverso il trauma inaspettato poi se te lo tieni per te ti viene la malattia di conseguenza relativa all organo , allora quando capita il trauma la persona capisce che non se lo deve tener per se ma deve sfogarsi con qualcuno. C è una persona che conosce molto bene il dottor Hamer , Marco che sulla sua macchina quando sono andata da lui per un appuntamento , dice così grazie al dottor Hamer io non ho più paura . Dato che parliamo di questo argomento sono qui che vi chiedo quando sarà possibile avere cliniche anche private che curano con la nuova medicina pura ? Grazie dott Hamer io ho parlato con lei al telefono quando era in Spagna e venne a trovarla mio padre che ai me aveva già seguito delle chemio e comunque gli avevano dato 2 mesi ma visse ancora per un anno e mezzo , noi parlavamo al telefono con un terapista di nuova medicina ma credetemi non era semplice ecco che dico che secondo il mio modesto parere c è bisogno di un posto dove potersi appoggiare un isola felice diciamo, perché come ben sapete il malato purtroppo viene sobbarcato anche da ulteriori interferenze dei parenti che credono di aiutarlo e fanno solo del danno un abbraccio Simona

  • marcello:

    Sono daccordissimo sulle parole scritte.

    Io ho frequentato il ciclo di corsi di Paolo Spoladore che approccia le disarmoie (malattia) in maniera diversa ma con molti punti in comune con la Nuova Medicina Germanica e sono arrivato alle stessa conclusioni.

  • Oana:

    Io credo nel connubio alimentazione-psiche-ambiente.

  • Gionata:

    sulla stessa falsariga degli studi Hamer c’è anche Thorwald Dethlefsen che, insieme a Rudiger Dahlke, mise insieme questo libro, che. fortunatamente esiste in pdf qui http://www.gianobifronte.it/2_ARGOMENTI/2m_psi_anima/malattia%20_e_destino.pdf Ho avuto la fortuna di leggerlo e di averlo a casa quando mia mamma si “ammalò” di tumore…purtroppo non c’è stato niente da fare anche se lei aveva capito tutto, le cause e le zone in cui le era venuto e il rapporto con i traumi e le relazioni sbagliate che aveva avuto con me e sua sorella. Un altra causa del tumore è anche l’alimentazione a base acida. dovremmo mangiare più alimenti che rendano il nostro ph interno più alcalino e meno acido. Ci sono libri in merito e ho conosciuto un medico di Firenze totalmente controcorrente che sta curando i suoi pazienti con successo, proprio con cibi alcalinizzanti.

    • Gionata:

      scusatemi, nella foga ho postato il link al libro, ma mi sono accorto che non è integrale….peccato. e scusatemi davvero…

  • gabriella:

    Io ho dato una “scorsa” veloce alla teoria di Hamer, e mi è sembrata da subito una medicina per persone “consapevoli”, acculturate, in grado di autoanalizzarsi e che non abbiano rimosso i traumi subiti…insomma, una medicina non per tutti!
    Mi sbaglio?

  • gelu:

    Forse il veganismo aiuta, e pure la visione del documentario di Massimo Mazzucco : Cancro, le cure proibite, è sul tubo!

  • Tararasb:

    Il freddo mi faceva venire il raffreddore. Adesso posso stare tranquillamente a sotto zero e del raffreddore non vedo neppure l’ombra. E questo perché il mio cervello aveva capito le teorie di Hamer. A loro volta le mie cellule senza che io me ne accorgersi avevano assimilato la lezione che il mio cervello aveva ricevuto dal dottor Hamer.

    • Fabrizio:

      Caro Tararasb essendo io un neofita e volendo approfondire cosa mi puoi consigliare perchè anchio possa avvicinarmi alla nuova medicina di hammer? Grazie fin da ora

  • Daniela:

    a Resana (Tv) venerdì scorso io e Giorgio abbiamo organizzato una serata tenuta dall’ eccellente naturopata Adriano Buranello sulla Nuova Medicina Germanica del Dott. Hamer. Il 17 marzo,sempre al centro culturale di Resana inizieranno per 5 domeniche non consecutive un corso sulle 5 leggi biologiche. Chi è interessato a partecipare può andare sul sito: http://www.bioenergologia.it

  • @Oana si è vero connubio psiche alimentazione ed ambiente ma la malattia come ha scoperto il dott Hamer si presenta a causa di un trauma e se anche la persona vive mangiando bene e in sintonia con il tutto può avere comunque un trauma che la coglie di sorpresa,inaspettato che non dice a nessuno e se lo tiene per se in solitudine da quel momento in poi parte tutto il ciclo di cui parla Hamer e figuriamoci quando il ciclo è in fondo e si sarebbe quasi usciti dalla malattia è lì che si manifestano i sintomi e uno va dal dottore bello bello e ti dice dopo esami traumatici invasivi lei ha un tumore

  • @ Gabriella ciao, nel mio piccolo ho visto che è per tutti indistintamente soltanto che quando ti capita il trauma se non ne parli subito poi uno magari se ne dimentica e va avanti nella sua vita e dopo non riesce facilmente a risalire. Ecco che secondo me bisogna dire ai propri cari e a più persone che possiamo avvicinare, di parlare sempre con qualcuno e di confidarsi anche di cose semplici perché in questo caso, parlandone con qualcuno non fai il trauma o per lo meno si manifesta in forma più leggera. Il trauma è come spiega Hamer una cosa che è importante per la persona e per altri non vale niente, questo viene vissuto come un pugno nello stomaco , di lo parte il programma biologico di riparazione, torno a dire che la Nuova Medicina è proprio per tutti però quando riuscirete voi dottori italiani che la state apprendendo ad aprire luoghi di accoglienza per far superare alle persone la malattia? Con affetto Simona

  • Roberto Arvo:

    C’è un immenso campo tutto da esplorare ed io non vedo l’ora che qualcuno cominci.
    Oggi giorno è possibile trattare i traumi con le terapie energetiche (o psico energetiche o “dei meridiani”) che presero spunto da una scoperta “casuale” del dott. Roger Callahan, una ventina di anni fa.
    Queste tecniche possono portare anche alla risoluzione agevole di un trauma.
    Domanda: cosa accadrebbe se un trauma venisse dissolto dopo che un individuo ha contratto il cancro?
    Spero non mi legga Veronesi, se no comincia subito gli esperimenti!!!! Ah, no, niente, ritiro la battuta…..si diverte più a magnificare gli inceneritori….sono più remunerativi!

  • @ Roberto Arvo ciao, alla domanda che cosa accadrebbe se un trauma venisse dissolto dopo che un individuo ha contratto il cancro? Hamer dice che il dottore deve diventare per il paziente come un confessore a cui raccontare tutto ma proprio tutto in modo che il dottore conoscendo la nuova medicina riesce a tranquillizarti e ti dice in che fase sei . Tratto dal libro “Testamento per una nuova medicina germanica” ( che si può ordinare a Macro edizioni),: dice Hamer: Calmare il paziente , ovvero tirar lo fuori dal panico o, ancor meglio, non lasciarlo affatto cadere in questo stato, conoscere la Nuova Medicina, è il compito più importante di ogni “iatros” (medico, guaritore). Grazie dott Hamer con affetto Simona ordinate questo libro finché è ancora il circolazione

  • Roberto Arvo:

    Grazie Simona, vedo di ritrovare un libro su Hamer che non so dove diavolo ho nascosto….di certo non sotto la gamba di un tavolo

  • Comunque per farti sorridere una signora che andai a trovare aveva messo sai i librini tipo Liala accoppiati a 5 insieme sotto le due gambe ai piedi del letto le aveva detto un cardiologo che così con le gambe rialzate dovrebbero dormire tutti che fa bene bene per la circolazione, e se per caso ( battuta mia ) uno mette dei libri sotto il tavolo farà bene alla digestione? A parte gli scherzi, tornando all articolo quella riflessione va presa seriamente, io da parte mia ne sto parlando con i miei cari e dico loro di non tenersi dentro niente . È incredibile come con normali parole dette fra di noi possiamo ferire chi ci circonda, io da quando l ho scoperto cerco meglio che posso di essere meno invasiva possibile e di non forzare chi mi sta vicino , aspetto la risposta ancora di qualcuno su come fare per avere isole felici dove aiutare con la nuova medicina

  • Pina:

    Un mio amico con tumore alle ossa ha avuto la fortuna di conoscere un oncologo che cura anche con il metodo Hammer e il tumore è regredito.
    I medici sono sbalorditi dai risultati ottenuti.
    Naturalmente non sanno che sta affrontando in modo alternativo la malattia.
    Bisogna crederci, è essenziale.

  • fit:

    …..peccato che i corsi costino tanto…..comunque pe dove ci si può arrangiare è un ottima medicina

    • I miei corsi sono aperti a tutti e a contribuzione volontaria…

      • RoccoM:

        Di quali corsi parli?

        • fit:

          parlo dei corsi di ALBA, che ritengo molti validi ma, come dicevo, troppo costosi! almeno non per tutti……..non per me…..

      • fit:

        grazie adriano! ma in quale città li tieni i corsi?

        • Rispondo a fit:
          Domenica 17 marzo 2013 presso il centro polifunzionale di resana tv (a fianco del municipio) orario 9-18, corso di 1° livello sulle 5 leggi biologiche e sulla consapevolezza cognitiva, biologica e dell’essere. Trattazione della 1° area cerebrale il ‘tronco’, del suo funzionamento e del funzionamento dei principali organi, apparati e tessuti gestiti da quest’area cerebrale; il senso biologico della malattia ed il suo percorso bifasico. Trattazione del conflitto piu’ importante per la corretta gestione dei processi di malattia: il ‘conflitto del profugo’ e consigli per favorirne la risoluzione. Chiunque desideri partecipare al corso potra’ farlo, previa iscrizione, chiamando il numero 3357704060. Le finalita’ del corso sono quelle di rendere disponibile a tutti, indipendentemente dalle loro possibilita’ economiche, i principi rivoluzionari della nuova medicina. Pertanto non e’ richiesta alcuna somma di denaro per parteciparvi, chi lo desidera e se lo desidera potra’ donare una contribuzione volontaria in una apposita cassetta. Dato il numero limitato di posti e’ raccomandata la prenotazione.

      • Desidero ringraziare gli oltre 40 partecipanti al corso di primo livello che ieri 17 marzo a Resana hanno contribuito con la loro presenza ma anche con il loro entusiasmo e partecipazione attiva al successo di questa manifestazione. Ricordo che il secondo livello che riguarderà il cervelletto e tutti gli organi di derivazione oltre che la comprensione della Consapevolezza Biologica e dell’Essere, sarà fatto il giorno 7 aprile sempre a Resana. Info sempre sul mio sito http://www.bioenergologia.it cell. 3357704060 grazie a tutti :-)

  • Rileggevo l articolo ancora è ho trovato un altra cosa che mi era sfuggita ” È difficile insegnare a chi pensa di annegare come si fa’ a nuotare: a nuotare si deve imparare in piscina, nell’ acqua bassa”, parlando di una paziente il dott Hamer dice sempre dal librone” i conflitti si sono risolti la paziente si sente bene per le cure della madre. Potrebbe accadere la stessa cosa alla maggior parte dei pazienti, e così dovrebbe essere, se potessimo motivare non solo i pazienti, ma anche l’ambiente intorno a loro spiegando le correlazioni esistenti. Allora quasi tutti i pazienti potrebbero sopravvivere come quella donna che le parlavano di morte dalla mattina alla sera. ” Mi ricordo il mio babbo che diceva che Hamer stava a parlare con lui per diverse ore per capire il suo trauma , cari dottori rimboccatevi le maniche e ricominciate da qui dalla nuova medicina di Hamer così potrete essere realmente fieri di aver portato fuori dalla malattia tantissime persone grazie simona

  • Paolo Lamperti:

    Ottimo il metodo di ascoltare ciò che i l “paziente” considera un grave problema per se stesso, da parte del medico.
    La conoscenza più alta è quella nel campo umanistico e senza di essa trattare materialmente qualsiasi soggetto o campo di conoscenza è solo fonte di delusione.
    Ogni medico o guaritore che sceglie quest’attività dovrebbe chiedersi fin dall’inizio e anche periodicamente, nel corso della sua attività qual’è il vero scopo che si è prefissato all’atto di intraprenderla.
    Studiare la materia fisico-chimica trascurando la persona, l’essere, non accorda il necessario consenso della persona in difficoltà alla sua volontà di cambiamento e la sua eventuale guarigione, che per essere effettiva non può essere IMPOSTA da chicchesia, poichè in realtà il primo passo compiuto verso lo smantellamento della malattia(o malessere) fino alla sua totale scomparsa lo fa il “malato” attraverso la sua determinazione a farlo, quindi da questo punto di vista potremmo dire che esiste solo un’autoguarigione dell’essere sul proprio corpo ma prima va curata adeguatamente l’importanza dell’essere e di ciò che egli considera riguardo a sè.
    Solo in seguito qualsiasi tipo di cure mediche fisico-chimiche(che poi sono 2 approcci diversi allo stesso universo materiale) non invasive possono contribuire, ma non sono mai risolutive senza l’approccio umanistico.
    Non sono un medico, ma anche se lo fossi mi considererei prima di tutto un essere umano, cosa che viene prima di qualsiasi laurea o specializzazione.

  • @Paolo Lamperti si capisci siamo dei meccanismi meravigliosi, la solitudine e non raccontare il proprio piccolo, ma per ciascuno grande trauma, il non essere ascoltati nel momento qualsiasi della vita dove si puo presentare questo intoppo ci rende appunto umani come siamo. ma per l amor del cielo quando sono andata a sentire per mio babbo figurati non gli volevano neanche dire che aveva solo un mese di vita che spreco, dico con il cuore che con la rabbia dentro non riesco, devo essere in un altro modo nel mio piccolo rivolgere la mia umile preghiera quotidiana affinchè unita ad altre preghiere si possa far strada sempre più la Nuova medicina , racconta Hamer che quando un ebreo si ammala va dal suo rabbino che conosce la nuova medicina e lo tranquillizza e lo instrada verso la guarigione. A piccola cosa che ho sentita ieri sera, non c entra niente ma al limite ne riparleremo quando la redazione fara un articolo: sento in un telefilm csi , allora era ebreo, sai gli ebrei per religione non si fanno espiantare gli organi, al che mi sono interessata ora mi documento scusate questa divagazione, comunque Hamer è un grande, ( anche fisicamente è un omone), la bellezza della sua scoperta è( per me ), che la capisce anche un bambino ma poi andando a studiarla ti accorgi che chi ha gia una conoscenza accademica riuscira poi ad aiutare il prossimo, nei meandri delle varie sfaccettature .

  • DOMENICA 7 APRILE 2013 PRESSO IL CENTRO CULTURALE DI RESANA TV (A FIANCO DEL MUNICIPIO) ORARIO 9-13 E 14,30-18, CORSO DI 2° LIVELLO SULLE 5 LEGGI BIOLOGICHE E SULLA CONSAPEVOLEZZA COGNITIVA, BIOLOGICA E DELL’ESSERE. TRATTAZIONE DELL’AREA CEREBRALE DEL CERVELLETTO, LA SUA FUNZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI PRINCIPALI ORGANI, APPARATI E TESSUTI GESTITI DA QUEST’AREA CEREBRALE NONCHE’ LA TIPOLOGIA DEI CONFLITTI ED IL LORO COMPORTAMENTO; IL SENSO DELLE DHS ED I FATTORI PREDISPONENTI E RISOLVENTI DELLE STESSE; IL SENSO BIOLOGICO DELLA MALATTIA ED IL SUO PERCORSO BIFASICO. CHIUNQUE DESIDERI PARTECIPARE AL CORSO POTRA’ FARLO, PREVIA ISCRIZIONE, CHIAMANDO IL NUMERO 3357704060. LE FINALITA’ DEL CORSO SONO QUELLE DI RENDERE DISPONIBILE A TUTTI, INDIPENDENTEMENTE DALLE LORO POSSIBILITA’ ECONOMICHE, I PRINCIPI RIVOLUZIONARI DELLA NUOVA MEDICINA. PERTANTO NON E’ RICHIESTA ALCUNA SOMMA DI DENARO PER PARTECIPARVI, CHI LO DESIDERA E SE LO DESIDERA POTRA’ DONARE UNA CONTRIBUZIONE VOLONTARIA IN UNA APPOSITA CASSETTA. DATO IL NUMERO LIMITATO DI POSTI E’ RACCOMANDATA LA PRENOTAZIONE.

  • RINGRAZIAMENTI:
    DESIDERO RINGRAZIARE I 54 PARTECIPANTI DEL CORSO DI IERI A RESANA. LA NOTEVOLE ATTENZIONE E LA SENTITA PARTECIPAZIONE HA CREATO L’ATMOSFERA GIUSTA PER ATTIVARE LA CONSAPEVOLEZZA NEI TRE LIVELLI, COGNITIVA, BIOLOGICA E DELL’ESSERE. NONOSTANTE SIA IN ATTO UNA CAMPAGNA DENIGRATORIA E DIFFAMATORIA NEI MIEI CONFRONTI DAI SERVI DEL POTERE E DAI SOSTENITORI DI UNA MEDICINA DIS-UMANA E COMMERCIALE, CONFORTA VEDERE CHE SEMPRE PIU’ PERSONE APRONO GLI OCCHI E COMINCIANO A CAPIRE LA DIFFERENZA TRA LA VERA MEDICINA, NATURALE E BIOLOGICA E QUELLA FALSA FATTA DI DIAGNOSI IPNOTICHE E TRATTAMENTI CRUDELI. LA MIA STIMA VA A TUTTI COLORO CHE IN SCIENZA E COSCIENZA OPERANO PER IL BENE DELL’ESSERE UMANO CON AMORE E DEDIZIONE.

  • DOMENICA 28 APRILE 2013 PRESSO IL CENTRO CULTURALE DI RESANA TV (A FIANCO DEL MUNICIPIO) ORARIO 9-13 E 14,30-18, CORSO DI 4° LIVELLO SULLE 5 LEGGI BIOLOGICHE E SULLA CONSAPEVOLEZZA COGNITIVA, BIOLOGICA E DELL’ESSERE. TRATTAZIONE DELL’AREA CEREBRALE DELLA CORTECCIA, LA SUA FUNZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI PRINCIPALI ORGANI, APPARATI E TESSUTI GESTITI DA QUEST’AREA CEREBRALE NONCHE’ LA TIPOLOGIA DEI CONFLITTI ED IL LORO COMPORTAMENTO; IL SENSO DELLE DHS ED I FATTORI PREDISPONENTI E RISOLVENTI DELLE STESSE; IL SENSO BIOLOGICO DELLA MALATTIA ED IL SUO PERCORSO BIFASICO. CHIUNQUE DESIDERI PARTECIPARE AL CORSO POTRA’ FARLO, PREVIA ISCRIZIONE, CHIAMANDO IL NUMERO 3357704060. LE FINALITA’ DEL CORSO SONO QUELLE DI RENDERE DISPONIBILE A TUTTI, INDIPENDENTEMENTE DALLE LORO POSSIBILITA’ ECONOMICHE, I PRINCIPI RIVOLUZIONARI DELLA NUOVA MEDICINA. PERTANTO NON E’ RICHIESTA ALCUNA SOMMA DI DENARO PER PARTECIPARVI, CHI LO DESIDERA E SE LO DESIDERA POTRA’ DONARE UNA CONTRIBUZIONE VOLONTARIA IN UNA APPOSITA CASSETTA. DATO IL NUMERO LIMITATO DI POSTI E’ RACCOMANDATA LA PRENOTAZIONE.

  • NUOVO CALENDARIO CORSI 2013-2014

    DOMENICA 10 NOVEMBRE 2013 1° LIVELLO TRONCO CEREBRALE

    ” 24 NOVEMBRE 2013 2° LIVELLO CERVELLETTO

    ” 12 GENNAIO 2014 3° LIVELLO SOSTANZA BIANCA

    ” 26 GENNAIO 2014 4° LIVELLO CORTECCIA CEREBRALE

    ” 9 FEBBRAIO 2014 5° LIVELLO ORGANI APPARATI E STRUTTURE

    I CORSI SI SVOLGERANNO PRESSO IL CENTRO CULTURALE DI RESANA TV (A FIANCO DEL MUNICIPIO) ORARIO 9-13 E 14,30-18, ARGOMENTO DEI CORSI SONO: LE 5 LEGGI BIOLOGICHE, LA CONSAPEVOLEZZA COGNITIVA, BIOLOGICA E DELL’ESSERE. TRATTAZIONE DELLE 4 AREE CEREBRALI, LE LORO FUNZIONI ED IL FUNZIONAMENTO DEI PRINCIPALI ORGANI, APPARATI E TESSUTI GESTITI DA QUESTE AREE CEREBRALI NONCHE’ LA TIPOLOGIA DEI CONFLITTI ED IL LORO COMPORTAMENTO; IL SENSO DELLE DHS ED I FATTORI PREDISPONENTI E RISOLVENTI DELLE STESSE; IL SENSO BIOLOGICO DELLA MALATTIA ED IL SUO PERCORSO BIFASICO. CHIUNQUE DESIDERI PARTECIPARE AL CORSO POTRA’ FARLO, PREVIA ISCRIZIONE, CHIAMANDO IL NUMERO 3357704060.

    LE FINALITA’ DEL CORSO SONO QUELLE DI RENDERE DISPONIBILE A TUTTI, INDIPENDENTEMENTE DALLE LORO POSSIBILITA’ ECONOMICHE, I PRINCIPI RIVOLUZIONARI DELLA NUOVA MEDICINA. PERTANTO NON E’ RICHIESTA ALCUNA SOMMA DI DENARO PER PARTECIPARVI, CHI LO DESIDERA E SE LO DESIDERA POTRA’ DONARE UNA CONTRIBUZIONE VOLONTARIA IN UNA APPOSITA CASSETTA. DATO IL NUMERO LIMITATO DI POSTI E’ RACCOMANDATA LA PRENOTAZIONE.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia