Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Fonte: http://www.losai.eu/reddito-di-cittadinanza-pd-pdl-e-sc-respingono-la-mozione-m5s/

Reddito di Cittadinanza prposto da M5S bocciato al senato da PD PDL e SC

Il Senato ha bocciato la mozione del Movimento 5 Stelle che richiedeva l’introduzione di un reddito minimo garantito, con 181 contrari (Pd, Pdl e Scelta Civica), 50 a favore (M5S e Sel) e l’astensione dei senatori leghisti. Ricordiamo che in Europa solo i cittadini dell’Italia e della Grecia non godono dei benefici del reddito di cittadinanza che che garantisce a tutti i cittadini,individui oppure nuclei familiari, a prescindere dal se si abbia un lavoro oppure no, ad avere gratuitamente un minimo vitale, come casa, acqua, cibo, sanità ed istruzione. Non ce lo meritiamo ma si compreranno invece gli F35 che costeranno 53 miliardi di euro e che ci servono di più e si finanzieranno le banche che ci pignorano, come ha fatto Monti che ha dato 2,3 miliardi alla Goldman Sachs oppure più recentemente 4 miliardi alla Monte dei Paschi di Siena.

Introdurre il reddito minimo garantito, predisponendo un piano che individui la platea degli aventi diritto, considerando come indicatore il numero di cittadini che vivono al di sotto della soglia di povertà. E’ la prima proposta contenuta nella mozione d’indirizzo al Governo per contrastare la povertà che presentiamo in Senato. Primo firmatario il capogruppo Nicola Morra.

Si impegnava inoltre il governo a reperire le risorse necessarie anche attraverso la lotta all’evasione fiscale, l’incremento delle imposte sul gioco d’azzardo e attraverso specifiche disposizioni volte alla redistribuzione delle pensioni d’oro e ad attuare specifiche politiche sociali e dell’occupazione per inoccupati e disoccupati tra i 30 e i 54 anni in generale, e per la donne inattive in particolare, quali categorie a più alto rischio di povertà ed esclusione sociale.

Vogliamo qui specificare che c’è una differenza tra reddito minimo garantito e reddito di cittadinanza: mentre il primo è rivolto solo a coloro che non raggiungono una certa quota di reddito, il secondo è destinato a tutti i cittadini italiani, sia al senza tetto che al multimiliardario.

La differenza è importante, soprattutto per motivi di copertura: anche restringendo la platea a chi guadagna meno di 1000 euro al mese (che non è comunque un reddito di cittadinanza), occorrono ben 70 miliardi l’anno per trovare la copertura richiesta, mentre se si vuole stringere la platea ai soli disoccupati ne servirebbero all’incirca la metà. E in ogni caso parliamo comunque di qualcosa di diverso dal reddito di cittadinanza.

Quindi sebbene anche nel blog di Beppe Grillo si sia parlato di reddito di cittadinanza in realtà si tratta di reddito minimo garantito che è una misura maggiormente fattibile e necessaria.

Il costo di un reddito minimo garantito che copra circa un milione di famiglie avrebbe un costo decisamente inferiore, secondo uno studio pubblicato su lavoce.info, ovvero 5-6 miliardi di euro.

La proposta di un reddito minimo garantito resta comunque valida e auspicabile, e una sua approvazione riempirebbe un gap italiano nei confronti di molti altri Paesi europei. Tuttavia come abbiamo detto all’inizio, gli interessi del governo sono altri.

Fonti http://www.dionidream.com/reddito-di-cittadinanza-pd-pdl-e-sc-respingono-la-mozione-m5s/

22 Commenti a “Reddito di cittadinanza bocciato al Senato”

  • Ugo:

    Siamo in mano a dei criminali!

  • Luca:

    Cosa vuoi commentare ancora? Mi chiedo solo cosa aspetta ancora la gente a fare una rivoluzione, o meglio uno sciopero generale a oltranza, bloccando tutto questo paese marcio fino al midollo e buttando fuori questi luridi servi della nato.

    • francesco:

      non siamo turchi, brasiliani,bulgari o greci o francesi,gente solidale fra di loro.ma chi scende in piazzi quale italiano,quelli come noi che sono a scrivere su una tastiera.

  • Gibo:

    Mi sorprende di come l’autore ometta di specificare che l’erogazione del reddito di cittadinanza od anche del reddito minimo garantito usando l’attuale sistema della moneta debito di proprietà delle banche sia una beneamata presa per i fondelli: nientaltro che un osso spolpato da gettare ai cani affamati intorno al tavolo durante un lauto banchetto!
    Sarebbe più onesto e consono parlare di livello di povertà massima garantita!
    Il reddito di cittadinanza e la sovranità monetaria popolare sono due aspetti che debbono per forza procedere di pari passso in quanto l’uno é la conseguenza dell’altro.
    Il resto, per quanto gradito, é solo elemosina e fumo negli occhi.

  • Jack:

    Che dire ancora? Nulla, le parole non servono piu’ a nulla quando hai a che fare con una banda di cialtroni e arraffoni che pensano solo a se stessi come i maiali che quando hanno finito di mangiare ribaltano il vasoio.
    Non mi riconosco piu’ in questo Stato e non mi sento piu’ di appartenere all’Italia perchè non tollero piu’ questa politica furbesca, non tollero piu’ chi non rispettas la legge, chi si è fatto lelli e leggine pur di scampare il giudizio, nontollero piu’ chi tutti i giorni attacca la Magistratura, non tollero piu’ chi ha portato l’Italia al disastri totale, non tollero piu’ i traditori della Patria, non tollero piu’ i giornalisti servi e leccaculo del sistema, non tollero piu’ la Rai azienda pubblica ma ridotta a carozzone di magniaccioni che ha contribuito a questo sfacelo, non tollero piu’ una classe imprenditoriale con le pezze al culo che ha pensato solo a se stessa lasciando famiglie im mezzo ad una strada, non tollero piu’ gli evasori totali che hanno rubato il futuro a noi ed alle generazioni future.
    Non mi sento per nulla italiano! Ecome si potrebbe esserlo?

  • isotta:

    certo che ce lo meritiamo: fino a quando daremo fiducia ai “soliti noti” andrà avanto così.
    ma non è stato ancora capito che questa gente non fa gli interessi del popolo (inculcati come “privilegi”!!??), ma quello delle banche e dell’alta finanza.
    quando lo capiremo?!!

  • Riccardo:

    Precisazione:
    Il Governo italiano ha prestato 4 mld. di euro al MPS, non regalato come hanno fatto altri Stati nei confronti delle loro banche decotte (es. Rbs).

    • Riccardo:

      L’eco della giornata senese è arrivato fino a Roma. Così, mentre due rappresentanti statunitensi della Banca Nomura erano a colloquio nelle stanze della Procura di Siena per far luce sull’affaire derivati, nella capitale il vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri, ha dichiarato che “l’affermazione del presidente di Mps, Profumo, secondo cui la restituzione del Monti bond di 4 miliardi non è scontato, costituisce una prospettiva gravissima”. E poi ha aggiunto: “La somma che lo stato italiano, dunque i cittadini, ha messo a disposizione per salvare la banca, equivale all’Imu pagata per la prima casa. Forse sarebbe stato meglio nazionalizzare Mps. In ogni caso, questa vicenda deve entrare con la massima urgenza nell’agenda del governo che dovrà chiedere chiarezza ai vertici di Mps”.

      fonte http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/04/29/mps-profumo-non-scontato-rimborso-degli-aiuti-di-stato/578871/

    • isotta:

      si’ certo… prestato i soldi, ma quanto pare i vertici della stessa banca hanno ‘rinviato? la restituzione del prestito.

      che bello!!! posso anche io ‘rinviare’ di mia iniziativa il pagamento di un prestito o la rata del mutuo o di una tassa?

  • illupodeicieli:

    Premetto che sono d’accordo con Gibo e altri commentatori: aggiungo solo due cosette. Che un traguardo della nostra nazione dovrebbe essere quello di elevare il nostro tenore di vita, intendendo con questo anche un invito a consumare cibo di qualità, cioè a spendere meglio quello che (non) si ha o si avrà (si spera). Spiego meglio: se ciò che arriva o potrebbe arrivare, dal nostro lavoro o da un ipotetico reddito minimo, viene poi dirottato verso multinazionali estere o società anche nostrane arraffatutto (non dimentichiamoci l’interesse che chi ha denaro ha nell’entrare in business tipo kmzero o similari,dove magari arrivano pure finanziamenti), se poi ciò che mi posso permettere è un pasto al McDonald , o se sono costretto ad acquistare prodotti di scarsa qualità (che poi devo per forza ricomprare), ecco che i conti non tornano. Rimane comunque sempre il dispiacere che il tema, sopratutto nei media tradizionali, resta arenato alla mancanza di fondi in primis, e in seconda battuta al fatto che per alcuni politici non sarebbe giusto (non so se fosse la Fornero o qualche altra persona del precedente governo che si era già allora opposta). Certamente gli aiuti che arrivano col contagocce e gestiti da chi sappiamo, sono più convenienti sia allo stato che ai politici, permettendo di controllare le persone, le loro vite, impedendole di camminare con le proprie gambe, non rendendole autonome, e consentendo invece di gestire un buon serbatoio di voti (quando e se sarà) e di consensi.

  • Jacopo Castellini:

    Anche un reddito di cittadinanza procapite è finanziabilissimo, basta ottenerlo dalla fiscalità monetaria, che sostituirebbe tutte le altre tasse, come propone Nicolò Bellia. Così la moneta nascerebbe e morirebbe, come ogni cosa al mondo, e la sua sovranità apparterrebbe allo Stato E ai cittadini. A costo zero.

  • antioppressione88:

    il minimo reddito garantito è un DIRITTO SENZA SE E SENZA MA

    negare tale diritto è la prova del 9 che sono contro di noi

    lelamedispadaccinonero.blogspot.it

  • Il Nord Europa lo può garantire ai suoi cittadini perchè viene predato il Sud Europa, il Sud Europa potrebbe garantire reddito ai cittadini tramite le risorse dell’agricoltura 365 giorni all’anno grazie al clima mite, risorse ittiche, e turismo, solo l’agricoltura darebbe lavoro a milioni di giovani. E’ stato reso prima il Meridione d’Italia succube del Nord Italia, dal 1860 ad ieri, mentre oggi il raggio d’azione si allarga, rendere il Sud Europa succube del Nord Europa. Per concludere il Nord è ricco grazie ai poveri del Sud, qualcuno deve pagare i lussi degli altri, e siamo noi.

  • Fabrizio:

    Ancora una volta è grazie al M5S che parliamo di una iniziativa lodevole, eppure nessun commento lo ricorda; il tanto criticato, osteggiato, bastonato, odiato M5S è l’unico che in parlamento porta alla luce questioni vitali per il paese italia; e nessuno ricorda come anche in questo blog in coincidenza delle elezioni tra articoli diffamatori e innumerevoli commenti distruttivi si volesse screditare e scoraggiare il più possibile chi voleva dare il proprio voto a grillo; parimenti nessuna critica ai soliti monti, d’alema e compagnia sotto le elezioni ovviamente. Ora invece si sprecano i video delle interrogazioni parlamentari del M5S unici a parlare di signoraggio, F35, poteri bancari e massoneria, che strano.. non era meglio sostenerli durante la campagna elettorale anzichè scoraggiarli e distruggerli ? Non è che ora si voglia correre ai ripari senza tributare il mea culpa ?

  • Ho vissuto vari anni in Spagna(Palma di Mallorca)ho ricevuto per 4 anni il reddito minimo di cittadinanza,per quanto si possa dire della Spagna danno aiuti sociali e non solo il mensionato.Noi italiani non riceviamo niente,siamo schiavi dei nostri governanti,non capisco perchè non ci decidiamo a sbancarli dalle loro dorate sedie.

  • Il reddito minimo in Spagna é di 450€

    • Fabrizio:

      Che la spagna sia messa meglio dell’italia si evince anche da altri fattori, ogni volta che le 2 maggiori squadre di calcio real e barcellona giocano a calcio qualsiasi partita casalinga campionato o Champions che sia gli stadi sono strapieni con 90 mila spagnoli ogni volta e con prezzi altissimi, con migliaia di altre richieste inevase, per non parlare di stasera al maracanà per la finale col brasile sono partiti in migliaia volo aereo più biglietto per il brasile. Strani gli spagnoli da una parte protestano in piazza e dall’altra spendono allegramente 150 euro a testa per una partita di calcio invece di guardarsela in tv come fanno gli italiani che da tempo abbiamo tutti gli stadi semi vuoti comprese le partite di cartello. Le cose sono 2 o ci raccontano un sacco di balle sulle condizioni degli spagnoli oppure a noi ci tolgono tutto perché i soldi pubblici se li magnano la super casta degli statali italici mentre agli spagnoli li danno di più ai cittadini. Una cosa è certa 450 euro ai disoccupati italiani sarebbe un parziale aiuto almeno per tirarsi fuori dalla miseria.

  • michele:

    siamo un popolo di vigliacchi abbiamo paura a ribellarci,solo chiacchiere perche’ ognuno pensa ai fatti propi,la maggioranza degli italiani puo’ ancora sopravvivere vedi operai e se ne fregano degli altri quante persone operai che io conosco agiscono cosi’ ovvero morte tua vita mia. Allora quale ribellione si lamentano per prassi ma in realtà pensano solo a loro e basta.

  • Mary:

    A quanto pare questo “NON ce lo chiede l’Europa…” giusto???!

    Come mai? Questa fantomatica “Europa” chiede soltanto cio’ che distrugge e intossica…? Quello che ti permette di acquistare un tozzo di pane no?

    Tuttavia, desidero apportare un input. Nel Regno Unito (…) non e’ affatto vero – anzi e’ proprio FALSO – che con tale sussidio si possa remotamente ambire ad un tenore di vita dignitoso; come da articolo.

    Per i cittadini europei, inoltre, NON e’ piu’ cosi’ da qualche tempo. L’Inghilterra e’ stata denunciata e sanzionata dalla Corte Europea recentemente per DISCRIMINAZIONE. E non e’ l’unica…… discriminazione. Anzi…!

    E’ evidente che certa cricca di impostori ovunque ‘importano’ cio’ che fa comodo a loro; persino dall’Italia = PIG, si?? Quando la ‘MALA’ Italia….. CONVIENE alla cricca.

    Ciao.

    Mary

  • jungla:

    leggete qua prima di tutto, questi 3 commenti:
    04.05.13 02:22|
    04.05.13 02:33|
    04.05.13 03:00|

    alla pagina :
    http://www.beppegrillo.it/2012/12/reddito_di_citt.html

    e, soffermandosi sullla parte che dice così : [ ...il REDDITO DI... scusate ma io preferisco chiamarlo INDENNITA DI SOPRAVVIVENZA

    non è CARITA'

    è una compravendita economica, un affare come un altro.....non ci credete?

    è la compravendita di un CONTRATTO DI GARANZIA

    simile ad un assicurazione,ma il nome esatto è
    CONTRATTO DI GARANZIA
    GARANZIA ANTIFURTO

    che recita così:
    il titolare dell'indennizzo si impegna a non perpetrare alcun tipo di furto o truffa ai danni di terzi,pena la condanna carceraria;
    impegno NON APPLICABILE di fatto da chi non usufruisce di tale indennizzo

    (non c'è scusante,non puoi rubare per mangiare; a meno che ti giochi tutto alle VLT ma quello è un altro discorso),

    se qualcuno volesse elaborare meglio questo contratto lo faccia pure,altrimenti...

    la pena sara PER lo stato!!!!

    basta girare MILANO per vedere lo SCHIFO di degrado tra ricchi e poveri che c'è in giro,

    a me personalmente hanno rubato un portafoglio con dentro circa 50 eur, sono rimasto incazzato un po con chi me lo ha rubato,
    ma so che la COLPA MAGGIORE cel'ha il governo del COMUNE, della PROVINCIA , REGIONE e STATO

    se la garanzia di INDENNITA DI SOPRAVVIVENZA resterà come attualmente è, verrà legalizzato il furto,
    io gia da tempo non denu cio ( come non ho fatto per quei 50 eur )
    e non denuncerò cose di questo genere,
    perche allo stato attuale il furto è LEGALE,

    se volete rendere il furto ILLEGALE come vorrei anche io , cambiate le attuali leggi sullo stato sociale che attualmente prevede

    l'inesistenza

    dell' INDENNITA DI SOPRAVVIVENZA ]

    a questo punto prendete i nomi di quelli che hanno votato no a questo contratto e fate loro quello che questo contratto rende legale, se volete

  • andrea:

    e’ un diritto che ci spetta, ma come il resto dell’europa lo ha questo reddito e noi in italia no!!!!!!!! ma che cazzo siamo noi delle merde????? basta e’ ora di agire dobbiamo ottenere questo reddito!!!

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE