Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!


troll

Perchè mi occupo ancora una volta di Troll?

Perchè uno dei regali più belli che abbiamo ricevuto, con la tecnologia e internet, è proprio la possibilità di scrivere e leggere, e scrivendo e leggendo scambiare opinioni, aumentare e diffondere la conoscenza, crescere, maturare, in un modo che a volte di persona non si riesce a fare. Ho in mente certe riunioni familiari, in cui c’è sempre il personaggio che “tiene banco“, alza la voce, butta tutto in caciara e impedisce lo svolgersi di un confronte sereno, equilibrato, costruttivo. Oppure l’opposizione (magari degli anziani) a certi argomenti, o le pregiudiziali, sia da destra che da sinistra, che impediscono di affrontare certe discussioni.

Invece sul web, un po’ per l’anonimato, ma soprattutto perchè i tempi sono diversi, e lo scrivere rende indispensabile filtrare, sintetizzare, meditare quello che si esprime, si trova un ambiente estremamente favorevole allo scambio di informazioni, idee, opinioni, anche nella contrapposizione, ma sempre “filtrata” dal mezzo. A riprova di questo, il successo dei forum o la grandissima importanza che hanno i commenti nei blog come questo, dove, molte volte, come ho già sostenuto, il post è a volte quasi solo una scusa per avviare la discussione, e andando a scorrere i commenti si trovano moltissimi spunti interessanti ed elementi di arricchimento.

Siccome però a qualcuno dà fastidio che ci sia questo spazio, questa agorà incontrollabile, dove non basta immettere notizie di veline e calciatori, di sesso e di corna, di milioni di euro pagati a questo o a quello e di scandali, per distrarre la gente, come impedire lo sviluppo e la crescita di questa coscienza collettiva? La soluzione è presto trovata: pagare un gruppetto  (non ne servono neanche poi tanti, secondo me in Italia non sono neanche 100) di disturbatori di professione, pennivendoli che, coperti da diversi nickname (e, dopo i primi scivoloni iniziali, anche da diversi IP address, altrimenti si smascheravano facilmente) si inseriscono nelle discussioni buttando tutto in caciara, in rissa, offesa gratuita.

Sul blog di Daniele Passerini, 22passi, è uscito qualche tempo fa questo articolo in cui un presunt “whistleblower” (un insider) raccontava la sua esperienza di “seminatore di zizzania a pagamento“. Magari tutto inventato, però se leggete i commenti viene data assoluta e inequivocabile conferma della presenza di tali disturbatori. Anche Maurizio Blondet qualche anno fa aveva riportato la notizia di un piccolo stato mediorientale (“l’unica democrazia del medio oriente”, “i fratelli maggiori”, dice niente?) che aveva assoldato schiere di questi personaggi incaricati di sorvegliare le varie discussioni in giro per il mondo ed intervenire allo scopo di depistare; addirittra pochi mesi fa è venuta fuori la notizia che la stessa comunità europea aveva stanziato dei fondi per infiltrare commentatori anonimi allo scopo di rovinare le discussioni anti-Europa.

Bene. Se, come dice Noam Chomsky, fra i mezzi usati dal potere uno è quello di conoscere alla perfezione la psicologia dei sudditi, noi, che non siamo scemi, abbiamo l’intelligenza e i mezzi per contrapporci. E, nel mio piccolo, lo faccio riportando la mia esperienza con uno dei “campioni” fra i debunkers, tale Claudio Gentile che si firma col nickname di Lefou reloaded; ne ho già parlato in questo post.

La storia: siccome in un suo video lui lamentava il fatto che i cosiddetti “complottisti” non avessero il coraggio di affrontarlo in diretta, io lo invitavo ad una diretta sul signoraggio. La sua prima risposta fu che il signoraggio non esiste, per cui non c’è nulla da discutere. Al che gli risposi che, visto che era così sicuro, sarebbe stato facile per lui smontare la mia tesi. Lui mi rispose: “prima mi dica la sua tesi, e poi deciderò se vale la pena affrontarla“. Insomma, per farla breve, dopo un po’ di insistenza riuscimmo ad organizzare, e il risultato fu il video che linko sotto. Non andate a vederlo, è abbastamza noioso, ma segnalo solo che ad un certo punto dice, in uno dei suoi ragionamenti (pieni di interruzioni, digressioni, parentesi, ecc., ): “.. e, siccome non c’è inflazione, se non in misura minima, questo evidenzia che non c’è creazione di moneta dal nulla come sostengono i signoraggisti;

Ora, l’altro giorno, grazie ad una affermazione trovata sul libro del premio nobel per l’economia Paul Krugman, gli inserivo questo commento sulla sua pagina facebook:

Il premio Nobel per l’economia Paul Krugman dice che la Fed crea denaro dal nulla. Niente da commentare? ;-)

e la sua risposta, prima:

Come è ovvio per tutti coloro che conoscono il meccanismo di emissione monetaria. E quindi?

e poi:

L’emissione è “ex nihilo”, altrimenti la BC non potrebbe decidere di emetterne quanta ne vuole.

Quindi, ancora una volta, ammette che il denaro è creato dal nulla, e addirittura la BC ne emette quanto ne vuole. Ne è seguita una discreta serie di botta e risposta che cito volentieri perchè (se volete andare a leggere si trova qui, su FB)  paradigmatica (cioè, esemplificativa e didascalica) del comportamento di questi disturbatori, che si può riassumere nei seguenti punti:

  1. negare, negare sempre anche l’evidenza (“e allora?”; ma come allora: hai negato il signoraggio, hai detto che non è vero che le banche creano moneta, e adesso pensi di cavartela così?))
  2. complicare le cose semplici: come ha scritto un amico fb, Matteo Perna: “Negare la verità è impossibile, ecco perché per poter negare l’evidenza bisogna per forza usare termini e modi diversi anche se in realtà esprimono esattamente la stessa cosa del concetto sintentico. Solo chi ha una buona capacità di ragionamento riesce a capire questo sottile meccanismo di menzogna. Spesso la gente normale viene truffata proprio in questo modo: si sta parlando della stessa cosa, ma sembra che si parli di due cose completamente diverse, e su questa cose le persone rimangono in dubbio. Ecco il compito del debunker, far rimanere le persone costantemente nel dubbio. Smentire e smentire la realtà dei fatti.” ; L’immagine migliore che mi viene in mente è questo: Io odio la pizza. Però vado matto per quei dischi di pane con pomodoro e origano e mozzarella cotti in forno a legna. Ma- ripeto- la pizza mi fa schifo
  3. attaccare l’avversario personalmente (la speranza è che si dimentichi dell’oggetto contestato e passi a sua volta ad offendere) ( Alberto Medici, qua lei è l’unico a vivere di queste fregnacce, la smetta di fare il minchione….comincerà a parlare di apparizioni mariane e di come satana governi la BCE…. Forse rendendosi conto che nessun organo di potere da peso alle sue parole, tanto da non metterla nemmeno a tacere o smentirla, le può far capire quale sia il valore dei suoi argomenti.Lei è ignorato, caro Medici, non per ignoranza, ma perché non vale la pena starla a sentire) Come se attaccare me servisse a nascondere la realtà della loro contraddizione;
  4. dividere il fronte opposto tirando in campo argomenti che non c’entrano nulla nella speranza che gli oppositori si dividano almeno su quelli (…Alla fine anche gli antivaccinisti si vaccinano. …Solo i cretinetti ci credono davvero….E di quello che si è iniettato il vairus dell’omosessualità pedofila? Ne vogliamo parliamo? SVEGLIA!!1!!!UNDICI!!!). Ancora una volta, lo scopo è quella della distrazione: siccome la contraddizione, l’incoerenza sono sotto gli occhi di tutto (grazie a Dio Internet conserva la memoria) l’unica via di fuga è salvarsi in corner sperando di avviare un nuovo “ramo” di discussione.

 

Insomma, il consiglio per tutti è: evitare accuratamente questi perditempo. Loro hanno un interesse a fare quello che fanno, voi perdereste solo tempo, pensando che ci sia della buona fede dietro, e, se non state attenti, rischiate di perdere anche un po’ di serenità (mentre il suggerimento migliore è quello del Sommo Poeta: “non ti curar di loro, ma guarda e passa”).

I commentatori seri, anche quando non sono d’accordo, si caratterizzano invece per tutt’altre caratteristiche: educazione, voglia di capire, magari portano argomenti, ma non ricorrono mai ai 4 punti sopra.

Conclusione: Non diamogli spazio. Mai. Don’t feed the troll.

21 Commenti a “I Troll: prevedibili, scontati, noiosi (da evitare SEMPRE)”

  • antioppressione88:

    tempo fa riuscii a mettere all’angolo lefou circa il signoraggio…
    i miei commenti (poi bloccati da lui) sono firmati da 88swormaster…

    è stato abbastanza facile sconfiggerlo anche perchè le sue tesi economiche sono filo montiane – antisociali per cui sostiene teorie macroeconomiche fallaci persino per il regime stesso (vedesi ultime dichiarazioni fmi o corte dei conti)

    lelamedispadaccinonero.blogspot.it

    • Definirle “tesi economiche” mi sembra un po’ esagerato… piccolo aneddoto: io gli ho contestato di aver affermato, nel corso del nostro dibattito, che: “… sicome non esiste l’inflazione, se non minima, ecco dimostrato che le banche NON creano denaro”. Passano un po’ di giorni, e lui mi risponde: “scusi dove lo avrei affermato, perchè sto riascoltando il video e non lo trovo”.

      Capito? Uno che ha una tesi, una teoria, un sistema di pensiero, non ha bisogno di andare a controllare cosa ha detto: SA cosa ha detto perchè fa parte (o meno) del suo pensiero. Ma se lo scopo è distrarre, confondere, ecc., qualunque cazzata va bene, per cui ci si può anche dimenticare quello che si è detto.

  • Ermengardo:

    Piccolo o.t.
    Oggi stavo guradando un documetario su dmax denominato airport security, avevano fermato un clandestino all’aereoporto, un signore distinto di mezza età, messo alle strette costui ha dovuto confessare di essere greco co ntre filgi a carico e di non avere possibilità ndi lavoro el suo paese.
    Gli è stato negato il visto turistico (alla faccia della democracy australiana) ed è stato rimandato a casa.
    Ragazzi dobbiamo parlare della Grecia, dobbiamo aiutarli, non è giusto che una nazione con una storia così grande debba finire così, questo sistema di merda deve crollare.

  • Non ho le prove, ma uno di questi è il medico curatore del blog Medbunker Salvo di Grazia. Purtroppo ho perso molto tempo in discussioni anche con gli adepti. Sono stato attaccato in modo vergognoso e poi definitivamente banato perché a loro dire maleducato. In una discussione è intervenuto anche Le Fou, da li mi è venuto il sospetto, poi le cose non dette che sono peggio delle bugie, anche quelle ovviamente non mancano.

    • Esatto. Per questo ho scritto questo pezzo: per evitare, con pochi, semplici segnali facili da evidenziare, che uno perda tempo per niente a discutere con chi ha l’UNICO SCOPO di farci perdere tempo.

  • barbara:

    splendido. Grande Alberto!

  • Grandissima stima per StampaLibera e per il suo infaticabile lavoro.
    Mi piace lasciare qualche commento di tanto in tanto e spero di non aver mai trolleggiato.
    In tal caso no l’ho mai fatto apposta ;-)

  • DarksideOfAquarius:

    Non si chiama Claudio ma Romeo. Quella di Lefou è una triste storia incominciata quando gli chiusero la gilda su ExtremeLot, il gioco di ruolo online dove era solito sfogarsi. Si creò una sua piattaforma dove incominciò a spacciarsi per l’inventore dei giochi di ruolo (!!!), sito che esiste ancora ma è ormai scarsamente frequentato a causa del suo vizietto di bannare il 99% dell’utenza (quello del Ban è un tema ricorrente a lui molto caro, come sa bene anche chi è passato per il suo canale youtube). L’impressionante sequenza di Ban, guardacaso in concomitanza col rilascio di un apposito codice opensource grazie a cui creare gratuitamente (ma col suo nome a chiare lettere in Home, spesso abbinato a quello della multinazionale per cui lavora fedelmente) la propria piattaforma di gioco ha prodotto una serie di danni per i quali ancora oggi il nome di R.G. nella comunità di giocatori online è sovente associato al concetto di Bomba Atomica.
    Verso la fine del decennio scorso R.G. sparisce misteriosamente dal web per un paio di anni, forse per l’essersi ricordato di avere una famiglia che lo aspetta mentre smanetta tutta la notte alla tastiera o forse, più probabilmente, per la vergogna di essere stato sbugiardato. Ma nel frattempo tutti i dogmi in cui il nostro crede ciecamente, come ad esempio il progresso lineare, il Vaticano, la sinistra tanto per citarne alcuni, vanno inevitabilmente sbriciolandosi e questo, per R.G. è semplicemente insopportabile. Eccolo quindi ricomparire su FB e Youtube, non perchè messo a libro paga da qualcuno più in alto di lui ma per semplice disperazione. Privo di qualunque argomento si lancia in invettive e vuoti giri di parole contro chiunque non condivida al mille per mille la versione ufficiale di qualunque cosa. Ciascuno di loro è etichettato con un -ismo: i signoraggisti, i complottisti, i grillisti, i fascisti, i chemtrailisti e così via. A ciascun -ismo è dedicata una serie di video e articoli deliranti con cui il nostro cerca, ancora una volta, di raccimolare qualche adepto non si sa bene per cosa.
    Per ammantarsi di una qualche aura di credibilità non esita a cambiare alla bisogna le sue credenziali: l’altroieri era laureato in informatica, ieri in marketing, oggi in economia, domani in diritto e dopodomani chissà.
    Anche agli occhi del più profano si delinea chiaramente il profilo del Narcisista Patologico, tremendamente diffuso soprattutto tra le fila di quel ceto altoborghese conservatore e buonista, di cui il nostro è fiero e strenuo esponente.
    Signori miei, sono le persone come Lefou a prendere decisioni e troneggiare ai vertici delle istituzioni. Persone malate, e disposte a tutto pur di non ammetterlo. Se pensate che fare una crocetta sopra una scheda elettorale o un articoletto pro-Berlusca possa abbattere l’iceberg di cui R.G. è solamente la punta, è evidente che non sapete con cosa abbiamo a che fare =)
    E vorrei tanto presentare R.G. alla Tuttologa di Stampalibera, che magari, vallo a sapere, due tuttologi, una capanna e vissero tutti felici, contenti e fuori dai cocones.

    • Grazie delle informazioni, e ottima l’analisi. Condivido sulla patologia di chi va al potere, e cito al proposito:

      “Se uno cerca il potere, negateglielo” (antico proverbio arabo)
      “Nelle rivoluzioni violente, gli psicopatici prendono il potere” (Solange Manfredi)

      • DarksideOfAquarius:

        A tal proposito c’è uno studio medico molto interessante che mi sembra fosse stato pubblicato anche su SL, si intitola “Il Predatore Psicopatico” e mette bene in evidenza come nella società umana sia molto semplice fare strada solo per chi presenta tratti disumani, diciamo malvagi non volendoli rielencare tutti per esteso.
        Secondo altri studi addirittura il reddito individuale sarebbe inversamente proporzionale al quoziente intellettivo, salvo un numero alquanto risibile di eccezioni.

        Si fa per dire, comunque. Nel senso che il soggetto in questione ha relativamente poco a che vedere con queste tematiche di ben altro respiro; si tratta di un “pesce piccolo” che si accontenta di una certa visibilità nel web, e nei suoi interventi leggo più che altro tanta disperazione.. quella di un ometto avanti con gli anni, che si è appena reso conto di aver costruito una vita intera su delle illusioni ed è disposto a battersi pur di non ammetterlo mai.

    • Salve.

      È interessante l’atteggiamento degli amministratori di questo sito. Si permette la delazione anonima incontrollata, che sarebbe un reato ma pare non sia una cosa importante in certi ambienti.

      Solo alcune precisazioni su alcune notizie false diffuse nei miei confronti. Spero che anche questa mia risposta sia pubblicata, pur contenendo delle affermazioni vere.

      1) Non ho mai avuto una “gilda” su Extremelot. Ci ho giocato un po’, non sono mai diventato master, poi ho abbandonato il gioco.

      2) Dopo un paio di anni ho programmato un mio gioco nel quale tra l’altro ho giocato pochissimo. Sono intervenuto solo in particolari situazioni (ad esempio bannando un tizio che ha usato il gioco per abbordare un ragazzino fingendosi ragazza, facendosi mandare il filmato, diffondendolo e rovinandogli così la vita) mentre i ban e la moderazione sono e sono sempre stati (tranne in un breve periodo iniziale) nelle mani degli attuali gestori che vengono eletti dagli stessi giocatori. Ed ho donato il codice anni ed anni fa alla community che da allora lo ha portato avanti e migliorato autonomamente. Da allora anche chi non sa programmare può mettere su un gioco e divertirsi. Per me è una bella cosa.

      3) Non capisco in cosa sarei stato “sbugiardato”. Questo è nella mente dell’autore del delirio.

      4) Non ho dogmi, men che meno nei confronti del Vaticano. Per questo genere di argomentazioni rivolgersi all’autore dell’articolo che è un credente fondamentalista.

      5) Ho messo su un canale YouTube perché spiegavo queste cose agli amici, i quali mi hanno detto “ma perché non lo spieghi a tutti?”. E l’ho fatto.

      6) All’inizio parlavo di tutto tranne che di complottismo.

      7) Non ho mai cambiato le mie credenziali (accusa mossa da un anonimo, dunque esilarante). Sono laureato in Scienze dell’Informazione (ora Informatica) presso l’Università di Pisa. Nel mio lavoro ho anche seguito corsi di marketing (laurea inesistente al contrario di ciò che crede l’autore dell’invettiva). Inoltre ho studiato sei mesi i meccanismi di emissione monetaria prima di realizzare video sull’argomento, ma non mi sono mai permesso di dichiararmi laureato in economia.

      8) Altoborghese conservatore? Famiglia di origine contadina, sorry.

      Riguardo l’argomento in generale, guardando il video si evince che il signor Alberto Medici ha completamente modificato sia le mie parole che il contesto nel quale erano state dette. Tecnica tipica dei negazionisti neonazisti e dei complottisti.

      Grazie dello spazio concesso, e consiglio vivamente di scegliere meglio sia gli autori degli articoli che i commenti pubblicati. Con il meccanismo di approvazione, i responsabili siete voi.

      Io non lo faccio perché costa tempo e denaro ed il mio tenore di vita mi basta ed avanza, ma fossi stato un avvocato vi avrei trascinato volentieri in tribunale chiedendovi abbastanza danni da gettare sul lastrico sia i titolari del sito che lo staff addetto all’approvazione dei commenti.

      Saluti.

      Romeo Gentile alias LeFouReloaded

  • Andrea:

    Salve a tutti, salve Alberto, proprio qualche giorno fa si parlava di Frufrureloaded su Luogocomune, in seguito all’incontro avuto con Mazzucco nel video “11 settembre + commenti in diretta”, organizzato dal simpatico e gentile Tommix73.
    Frufru ha dato sfoggio di tutta la sua patetica inconsistenza negli argomenti, rispondendo con supercazzole a tutte le domande poste, tanto che Mazzucco, alquanto schifato, lo ha liquidato velocemente.
    La cosa singolare di questi elementi come Miserissimo, Pomodoro e Frufru, e’ che negano indistintamente su tutti gli argomenti diciamo “sensibili” come 11 settembre, signoraggio, scie chimiche, energia libera, vita aliena, tanto da diventare un punto di riferimento al contrario per chi vuole veramente informarsi, della serie “se frufru dice che non esiste l’energia libera, vuol dire che c’e’ da informarsi davvero!”.
    Pensa come sarebbero piu’ attendibili se negassero l’11 settembre ma dicessero che esistono le scie chimiche, invece no, bugie schifose su tutta la linea.
    Anche io sono stato bannato da frufru, anche da Luogocomune a dire il vero, ma su LC era per istigazione alla violenza (una battuta non gradita al padrone di casa), quello che fa tristezza e’ vedere che ci sono persone che veramente credono alle boiate di questi disinformatori, che avranno, si spera, nell’intimo della loro coscienza la giusta punizione.
    Un o.t. per i gestori di SL, mi permetto di suggerire, per favorire le discussioni nei vari articoli che presentate, la pubblicazione immediata dei commenti, altrimenti si rallenta il tutto e si rischia di perdere la linea, non so se e’ una cosa fattibile, ma credo sarebbe interesante.
    P.s. Alberto, mica sei toscano per caso?

    • Mi dispiace ma per la richiesta di istantanea pubblicazione dei commenti non è possibile, questo sito è tenuto con la buona volontà per cui i responsabili fanno quello che possono quando possono

      • Andrea:

        Grazie della risposta, comunque non parlavo di tenere una persona fissa a controllare ed approvare i commenti, ma una pubblicazione diretta degli stessi (come su LC), che anzi solleverebbe da un lavoro.
        Comunque quello che fate lo fate bene e grazie per questo prezioso sito di informazione.

        • Il vantaggio sarebbe l’immediatezza, il rischio avere commenti offensivi, volgari, depistanti. Tutto sommanto mi sembra che i tempi di pubblicazione non suprino mai le 4-6 ore, e comunque anche avere un po’ di ritardo aiuta a sedimentare, ragionare, e confezionare commenti più interessanti e utili alla comunità dei lettori.

        • su LC il filtro c’è eccome, Mazzucco almeno qualche anno fa era sempre presente a rimbrottare chi usciva dalle linee o dall’argomento e a cancellarlo

    • no, veneto. (certo che farsi bannare da MM ci vuole tutta…;-) )

  • pietro:

    concordo con quanto sostenuto nell’articolo, anni addietro mi capitò di imbattermi non in un troll, ma in un servizio di troll, sicuramente proveniente dal paese citato nell’articolo, sti tizi, non molto intelliggenti come si vantano di essere, scriveva sui commenti di tiscali con lo pseudonimo di ferdinando di borbone, era molto arrogante ed offensivo nei suoi interventi, interveniva sempre quando si parlava di medio oriente e sopratutto di israele, non vi dico gli argomenti astrusi che utilizzava per confutare chi scrveva, mi sono reso conto che c’era qualcosa di strano perche sostenexa di conoscere sette lingue compreso l’aramaico, allora l’ho monitorato e mi sono reso conto che scriveva fino a quando non spariva l’articolo interessato anche due o tre giorni di seguito e soprattutto senza nessun riposo , giorno e notte, ho cercato di smascherarlo e mi rispondeva cercando di mettermi in ridicolo dandomi al solito del visionario complottista,fino a quando non l’ho colpito nel vivo mettendo in ridicolo l’esercito piu potente del medio oriente sconfitto da quattro beduini nascosti nelle grotte del libano,non ha avuto il coraggio di rispondermi.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE