Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

www.signoraggio.it

Il Fatto Quotidiano, per esempio, ieri (4.7.13) mi ha fatto una lunga intervista, ma poi ha pubblicato un editoriale nel quale De Vincenzo e Matera diventano anonimamente «due persone», e la vicenda viene spersonalizzata il più possibile perché, per quanto sia noto a tutti chi siano, i media seguono la logica dei numeri: se ne parli in un modo la notizia colpisce la coscienza di un certo numero di italiani, se ne parli in un altro il numero si abbassa e l’effetto è minore. 

Identica posizione Dagospia, che finora non faceva altro che sbrodolarsi nelle vicenda, e tutti i grandi media.

D’altro canto il colpo è duro: ho dato una legnata in piena fronte al popolo dei massoni deviati che gestisce e controlla i media, la politica, la cultura della droga e quella della pornografia: diciamo dunque all’80% della popolazione.

Il PM Elena Guarino (non so il nome del GIP), di Salerno, ha fatto una cosa incredibile: si è messa contro quasi tutta la magistratura, l’informazione e l’opinione pubblica italiana.

Anche se devo dire che nelle settimane scorse le avevo spianato la strada con i miei documenti contro la massoneria deviata e anche pedofilo satanica che, al servizio delle dinastie bancarie, controlla il governo, la giustizia, i media, e insomma tutto, e che ha fatto dello sterminato popolo dei drogati e dei pornofili il suo esercito.

Francamente non credevo proprio potesse farcela, perché un PM può anche fare una richiesta di arresto, ma poi bisogna che sia accolta e, se il contesto che lo circonda è sfavorevole, di solito viene respinta, e inoltre il provvedimento potrebbe essere smentito successivamente.

Sennonché, il popolo degli abietti non si illuda: ormai ha comunque perso.

Io purtroppo non so nulla, ma immagino tutto: il documento sulla massoneria satanica nella Caserma Garibaldi di Caserta, la spiegazione della «gnosi per tesseramento», i documenti pubblicati in relazione a Paolo Ferraro, hanno rotto gli equilibri massonici nazionali e anche internazionali – equilibri criminali – e ora sono tutti in fuga.

È un po’ come quando finì il fascismo: come scomparvero i fascisti da un momento all’altro, ecco che ora sono scomparsi i massoni. Salvo naturalmente quelli troppo implicati, che ancora cercano di tirar calci.

Ma, parlando d’altro, il pm De Cristofaro, a Napoli, ha la singolare idea di impiantare un processo a me per diffamazione perché ho chiamato depravato quel depravato e criminale di De Vincenzo.

Ebbene, da 1 a 100, quanto doveva essere certo De Cristofaro che mai al mondo sarebbe potuto avvenire che arrestassero De Vincenzo per poter avere l’idea di raccogliere una querela di un simile figuro contro di me in un contesto giudiziario in cui non riescono a fare nemmeno un decimo di quello che dovrebbero, e soprattutto non hanno il tempo di fare nulla contro le banche?

E come mai, in virtù di che, aveva una simile certezza sulla immunità di De Vincenzo? 

Perché è chiaro che se avesse mai potuto ipotizzare l’arresto di De Vincenzo non si sarebbe messo in una situazione che ora lo fa trovare con una tale mucchio di escrementi sulla scrivania da dover studiare.

Chi è insomma De Vincenzo, oltre ad essere uno che è finito in carcere per delitti come la violenza sessuale nei confronti di un incapace e la sommistrazione di droghe, e che era già da molto tempo indagato a Roma, e non so se anche altrove, per sfruttamento della prostituzione?

E perché la procura di Roma, pur di fronte alla prova pubblica dell’incapacità di Tommasi un attimo prima di girare il primo porno, rappresentata dal video delle Iene, non ha fatto nulla, quando già a fine luglio del 2012 un alto funzionario della Digos dichiarava che «In un paio di giorni li avrebbero arrestati tutti!», riferendosi innanzitutto a De Vincenzo? 

Perché hanno aspettato Elena Guarino per arrestarli? Che gioco è questo? Che significa tutto ciò?

Ebbene significa quello che ho scritto in tutti i documenti che ho pubblicato a riguardo, e significa che il mostro bancario\massonico\giudiziario\mediatico\politico che alimenta la cultura della droga, della pornografia e in generale dell’abiezione, ha avuto un violento colpo.

Se ho qualche sostenitore, stia tranquillo: da ora in poi gliene infliggerò molti altri e senza dover muovere un dito.

Questa guerra, infatti, la sta combattendo l’esercito dei miei soldatini pronti a combattere senza paura e senza paga fino alla morte, data la loro qualità di fogli di carta da lire 10 stampati in fronte retro..

Ora cominceranno ad emergere anche alcuni di quelli vecchissimi, quelli di cui io non ricordo più, ma che nel frattempo sono riusciti a scovare i miei amici nei cuori stessi persino dei miei peggiori nemici..

5.7.2013

                                                   Alfonso Luigi Marra

27 Commenti a “Marra: Grave lutto per il popolo dei giornalisti, massoni, cocainomani e pornofili: De Vincenzo e Matera arrestati.”

  • Semplicemente ,MERAVIGLIOSO,il diavolo insegna a far le pentole,ma non i coperchi,prima o poi il male viene a galla e la Giustizia trionfa,grazie a uomini retti e onesti come Marra e Ferraro e tanti altri di buona volonta’

  • mimmo:

    sono esterefatto ed anche annichilito…di fronte al coraggio di queste persone…Marra…Ferraro…come riuscite a vincere la paura?
    Insegnateci anche questo…

    • Miry:

      questione di palle….chi le ha non ha nessuna paura (e non serve essere uomini per averle ci sono donne..molte…che le hanno più degli omucoli)

  • Paolo Andrea Bacchi Mellini:

    Sono giornalista e non sono in lutto. Anzi, rido. Di gusto. Perché è raro trovare da leggere un tal farneticante condensato di fandonie e luoghi comuni. E la prossima volta si ricordi di inserire nel suo “polpettone” anche le frottole relative al signoraggio, alle scie chimiche e ai complotti dei rettiliani e degli illuminati.

    • In qualità di giornalista sei sicuramente uso alle tecniche manipolatorie come quella di attaccare un articolo su presunte posizioni della testata in cui viene pubblicato, onde evitare di affrontare il merito dell’articolo.

      • Miry:

        giornalista??? io sono la presidente di una grandissima multinazionale…vabbè palle per palle posso spararle anch’io no?

    • Miry:

      preferisco non pensare che tipo di giornalista ma visto il veleno che sputi non mi viene difficile immaginarlo….ammesso che tu sia un giornalista….però immagino ci siano anche giornalisti che scrivacchiano per qualche giornale disperso nel profondo culo dell’italia

    • coldemano:

      Paolo Andrea Bacchi Mellini! Tu non sei un giornalista, sei solo un emerito c…….. venduto al sistema becero ed infame. Dico pure che il 95% dei tuoi colleghi sono tutti come te, delle….. maleodoranti e traditori della patria. Se sei sposato ed hai dei figli, devi augurarti che crescano dissoluti e bastardi nella mente come te, altrimenti se possiedono un bagliore di coscienza (che me lo auguro) quando saranno grandi ti malediranno per tutto il loro tempo terreno per aver avuto come padre uno squallido, fatiscente, prezzolato, bugiardo, viscido e velenoso surrogato di vero UOMO. Il giorno che (spero presto) il popolo italiano si desterà ad un minimo di consapevolezza, dovrà fare una severa cernita di tutti i maligni italioti ed idioti che ci hanno portato a questo disastro nazionale. Voi pseudo giornalisti siete in cima alla lista mio caro. Quando verranno a prenderti per le orecchie e verrai trascinato come un panno bagnato pronto per essere massacrato vorrei proprio vedere se avrai ancora la forza di ridere di gusto! Stammi bene simpaticone, ci vediamo all’O.K. Corral. C

    • Paolo Lamperti:

      ..niente di nuovo dal parco buoi dei pennivendoli pluricognomignati, sempre il solito tanfo di bile stantia..

    • archimede:

      ..qualcuno ha buttato del veleno per ratti dentro la tana? giornalista tanto per dire ,per i padroni pronto a crepare-

    • leopardo:

      Come poteva dedursi da quel ritatto da ebete, sei un povero scemunito che peró grazie alle mega cazzate proferite hai toccato il tuo momento di gloria. Qualcuno é riuscito a parlare di te. Non ho dubbi che dietro tutti quei nomi e cognomi squillanti si celi il giornalista. Oggi l´Italia é piena zeppa dei pirla dell´informazione, quei poveri travet del “tengo famiglia” che sparano stronzate di ogni tipo perché cosí é stato loro ordinato. Purtroppo per voi, ovunque passiate, lasciate ormai un lezzo nauseabondo e se qualcuno, per strada, vi riconoscesse, potreste essere oggetto di lapidazione simbolica a suon di monetine anziché pietre.

    • Ma quale giornalista….sarai un cazzaro pagato per disinformare, ce ne sono migliaia come te in rete…Se giudichi così un articolo con tanta spavalderia.. E soprattutto mi tiri in ballo la questione della geo ingegneria clandestina o del signoraggio come fossero “barzellette”? Allora si, non ci sono dubbi sei un “CAZZARO” non un giornalista!

  • emanuele:

    Dott.marra lei sta diventando il mio idolo

  • Paolo Lamperti:

    Se quei 2 sono quelli che Lei descrive, un sentito ringraziamento.
    Paolo.

  • Luca:

    Grazie di cuore per la Sua lotta e quella di un altro galantuomo come il dr. Ferrari contro il sistema massonico-satanico che opprime questo paese. Avete tutta la mia stima.

  • kean:

    Bravo Avv.to Marra, ammiro lei e il Giudice Ferraro per l’integrità e il coraggio. In questa società dove non esistono più etica, principi e giustizia, siete una piccola luce in fondo al tunnel, che mi da conforto. Grazie, continuate cosi’!…

  • kean:

    Bravo Avv.to Marra! Ammiro lei e il Giudice Ferraro per la tenacia e il coraggio. In questa società priva di etica, di principi e di giustizia, siete una luce in fondo al tunnel…Grazie, continuate cosi!

  • luckway:

    Io vorrei chiedere ai signori Marra e Ferraro se Sara Tommasi la
    stanno facendo passare come cocainomane o se sta sotto progetto
    Monarch ed agisce in base a questo tipo di manipolazione,
    perchè senò non si spiegano un pò di cose.

  • elya:

    Invece ci illumini lei signor bacchi sul funzionamemto delle banche e del sistema giudiziario italiano , pendiamo dalle sue labbra , ci porga gentilmente perle di saggezza e buon senso a noi poveretti che diamo ascolto al farneticante marra e che non crediamo inveve a questo governo di saccomanno pardon sacvomanni che litiga su berlusconi ma poi e: d’accordissimo sulle cose serie.

  • elya:

    Ho detto dare ascolto che non significa credere a tutto cio che fa o dice marra , per la precisione.

  • Roberto Arvo:

    Su Marra mi ero già espresso e sono certo del fatto che anche lui, così come altri dello stesso suo ambiente, sia solo un attore in un gioco solo all’apparenza complesso. Da Storace a Scilipoti, passando per Sara Santa Tommasi , fino ad altri loro collaboratori, (lo stesso Zamparini, personaggio molto ambiguo che puzza di Massoneria lontano un chilometro) hanno sin dall’inizio avuto il compito – non tanto di screditare certi argomenti ignorati dai media ma riproposti continuamente su tanti siti internet- quanto tenervi lontani gli zucconi sempliciotti di sinistra. I quali, restati orfani dell’ odiato Berlusconi nel 2011, si trovavano di fronte ad un bivio :
    a) passare alla contestazione, almeno a livello elettorale se non proprio ideologico, della globalizzazione e sistema finanziario/bancario, così come in parte si era fatto o si stava facendo in altri posti. In tal caso sostituire l’antiberlusconismo con il sentimento no global.
    ( Attenzione :veri o fasulli che fossero quei movimenti spagnoli o americani, potevano comunque costituire modelli da emulare o essere”figure” di riferimento)
    b) prendere Monti come un liberatore dal berlusconismo; per quanto discutibile poteva essere, sarebbe stato ai loro occhi sempre meglio che l’odiato nemico colpevole della crisi.
    Ebbene per scongiurare la prima scelta erano in campo, da un lato i vari Santoro, Travaglio e Saviano a tenere fissa l’ attenzione sul mostro e sulla corruzione, dall’altro Marra e company per “spaventare” i sinistrati mentali che mai potevano accettare di trovarsi come compagni di viaggio, gente ritenuta impresentabile.
    La costituzione successiva di un governo Goldman/ coca cola/Monti e poi dell’attuale governo Bilderberg/Letta, senza grosse contestazioni a sinistra, la dicono lunga su come sia andata. Dove sono finiti i popoli colorati che si stracciavano le vesti in piazza, urlando di dolore?
    Quanto a Marra, se fosse un reale problema state sicuri che sarebbe già stato fatto sparire.

  • elya:

    Roberto Arvo fa un ragionamento da tenere presente e che forse noi siamo ancora troppo immaturi per comprenderlo a pieno ma dobbiamo fare lo sforzo di farlo anche al rischio di apparire sgradevoli o ingrati .Io non so fino a che punto si puo dire :questo e’del sistema altrimenti gli avrebbero tappato la bocca , di certo vi invito ad una considerazione se loro vogliono non ti mandano in tv o nei giornali neanche per un minuto e tu semplicemente non esisti ,questo e’ meglio che lo capiamo , e se invece appari c’e un motivo, da qui non si scappa ecco perche il discorso grillo fa acqua da un lato non va in tv dall’altro i media ne parlano e il mov5 stelle che prima nob esisteva ora esiste, e’un fenomeno che coinvolge tutti anche i piu contestatari e mohicani del web, poi possiamo parlare su in che cosa ci riguardano ci aiutano questi fenomeni .Pensiamo a Scilipoti e’spuntato dal nulla ,ha permesso che si ridicolizzasse tutto il signoraggio,l’olistica,le banche sappiamo com’e andata e pure avremmo dovuto capirlo subito da quando dgli si avvicino’il signor saya uomo del mossad.Di marra mi lascia perplesso la vicenda tommasi , ora e’chiaro che la tommasi e’ solo un burrattino nelle mani di ambienti napoletani e dei servizi segreti ,ora perche marra vicino agli ambienti di berlusconi.ha avuto una relazione sulla suddetta quando gia si sapeva che giri frequentasse?(andatevi a vedere articoli del corriere e sms a berlusconi),da un lato avevamo marra che lodevolmente faceva conferenze sul signoraggio ma anche ad un certo punto la tommadi che si mette a mostrare le vergogne al vento per lo starnazzo dei media (servizio di santoro,articoli del fatto) ,il punti e’che gia prima la tommasi aveva dei problemi e non da quel momento . Siamo on una pornocrazia ha ragione marra dove vige la prostituzione intellettuale,spirituale ,materiale siamo costantemente rimbecilliti con calcio,veline,discoteche,porno, locali ,ma non mi pare che il suo amico il libertino sgarbi sia il censore di questo sistema lo stesso marra mi pare che diceva che sgarbi e’ un finto oppositore come pannella e poi arcuri e lele mora

    a ,lo stesso matra mi pare diceva che sgarbi e’ il finto oppositore come pannella

  • elya:

    Di lele mora mi colpi una frase ma che poi e’il concetto imperante di questi qua:siamo tutti prostituti chiunque vende il proprio lavoro pet soldi. Come dice Arvo abbiamo da una parte l’opposizione di destra (marra )dall’altra quella di sinistra(travaglio, grillo,santoro,il fatto) per tenerci imbrigliati in questo sistema duale?

  • vincenzo grippa:

    Il fatto quotidiano. anche con m’e sie comportato in modo evasivo ed asservito al potere.
    HO mandato varie e-mail alle istituzioni e a loro mai avuto almeno la conferma del ricevimento della stessa. Sono tutti d’accordo e servi dei poteri forti.
    Ho 65 anni e ho deciso di lottare con tutte le forze contro questi sciacalli, per un futuro migliore di voi giovani

  • mimmo:

    qualche ipotesi…

    L’avv.Marra é genuino e dice la veritá.L’ex magistrato Ferraro pure.
    Che fanno i loro nemici? Li fanno fuori.
    Risolto il problema?
    Non mi pare.Quali sarebbero le reazioni?
    Per il pubblico abituato a bere le notizie della tv, si potrebbero inventare le solite storie che si costruiscono per giustificare la morte di personaggi scomodi.
    Ma con il mondo del web?
    Sarebbe difficile per qualunque “Paolo Andrea Bacchi Mellini” dar da bere agli assetati una qualunque putrida bevanda.
    Meglio lasciar fare i Marra ed i Ferraro e riempire il web di ributtanti trolls con la missione “scredita e distruggi”.
    Se invece i due sono dei mitomani, non ci sono nemici che si preoccupano di un “problema” inesistente.
    Se i due sono degli strumenti consapevoli nelle mani di qualcuno?
    Ma per quale scopo misterioso?Per giovare a chi o cosa?

    • Paolo Lamperti:

      Condivido Mimmo, è lo stesso ragionamento mio.
      5,10 o ancor più 20 anni fà ed oltre si potevano togliere dalla circolazione i personaggi sgraditi, prima che diventassero veramente conosciuti nei loro veri intenti.
      Oggi, come dici tu non siamo più così isolati e l’informazione grazie al web viaggia in tempo quasi reale.
      Più difficile perciò(quasi impossibile) distruggere preventivamente nell’immagine e nelle considerazione altrui i personaggi scomodi allo scopo di non farli rimpiangere o vendicare da un vasto numero di persone molto più informate ed in comunicazione con essi, e ciòrispetto al passato.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE